Il Capo dell’Idra: L’ascesa di Robert Kadlec

Una potente rete di agenti politici, una mafia globale dei vaccini e il loro uomo a Washington.

UnlimitedHangout 17 maggio 2020; articolo di Whitney Webb

Pubblicato originariamente su The Last American Vagabond

Venerdì scorso, un gruppo di senatori democratici “ha chiesto” che l’assistente segretario per la preparazione e la risposta (ASPR) del Dipartimento della salute e dei servizi umani (HHS) Robert Kadlec, “rivela accuratamente tutti i suoi legami personali, finanziari e politici alla luce dei nuovi rapporti. che non era riuscito a farlo in precedenza” dopo che è stato rivelato che non aveva annotato tutti i “potenziali conflitti di interesse” sui suoi documenti di nomina.

Il rapporto in questione, pubblicato lunedì scorso dal Washington Post , descriveva in dettaglio i legami di Kadlec con un uomo di nome Fuad El-Hibri, fondatore di una società di “scienze della vita” prima nota come BioPort e ora chiamata Emergent Biosolutions. Kadlec aveva precedentemente rivelato i suoi legami con El-Hibri e Emergent Biosolutions per una nomina separata anni prima, ma non era riuscito a farlo quando era stato nominato a capo dell’ASPR.

Sebbene The Post noti la recente incapacità di Kadlec di rivelare queste connessioni, l’articolo in gran parte ripulisce la storia precedente ma cruciale di Kadlec e offusca persino l’intera portata dei suoi legami con il fondatore di BioPort, tra le altre evidenti omissioni. In realtà, Kadlec ha molto di più dei suoi legami con El-Hibri che incombono come “potenziale conflitto di interessi”, poiché la sua carriera decennale nel plasmare la politica di “biodifesa” degli Stati Uniti è stata direttamente consentita dai suoi profondi legami con l’intelligence, Big Pharma, il Pentagono e una schiera di personaggi corrotti ma potenti.

Grazie a un lungo e deliberato processo di introduzione della politica di biodifesa, guidato da Robert Kadlec e dai suoi sponsor, vaccini, antidoti e medicinali di proprietà federale per un valore di 7 miliardi di dollari – conservati in depositi strategicamente organizzati in tutto il paese in caso di emergenza sanitaria – ora sono nelle mani di un solo individuo. Quei depositi, che compongono lo Strategic National Stockpile (SNS), sono il dominio esclusivo dell’ASPR di HHS, un posto creato sotto l’occhio vigile di Kadlec e adattato nel corso degli anni per soddisfare le sue esigenze molto specifiche.

Da questo punto di vista, Robert Kadlec ha l’ultima parola sulla provenienza dei contenuti delle scorte, nonché su come, quando e dove vengono distribuiti. È l’unica fonte di approvvigionamento di materiale medico e prodotti farmaceutici, il che lo rende il migliore amico di Big Pharma e di altri giganti del settore sanitario che sono stati al suo orecchio in ogni fase del processo.

Kadlec ci assicura, tuttavia, che il fatto che ora ricopra lo stesso ufficio per cui ha lavorato così a lungo è solo una coincidenza. “La mia partecipazione al progetto ASPR è iniziata in quel momento in cui lavoravo per il presidente della Sottocommissione sul bioterrorismo e la preparazione alla salute pubblica… Il disegno di legge è stato reso legge e l’ASPR è stato creato. È stata solo una coincidenza che, 12 o 14 anni dopo, mi sia stato chiesto di diventare ASPR”, ha dichiarato Kadlec nel 2018.

È stato tutto uno scherzo del destino, afferma Kadlec, che lo ha visto occupare l’ASPR in questo momento cruciale della storia degli Stati Uniti. In effetti, con il paese ora nel mezzo di una pandemia di coronavirus dichiarata dall’OMS, Kadlec ora ha il pieno controllo sui poteri di “emergenza” di vasta portata di quello stesso ufficio, conferitigli dalla stessa legge che aveva scritto.

La storia di come un ex chirurgo di volo USAF è arrivato ad avere la licenza di rivenditore esclusivo sulla singola più grande scorta di farmaci nella storia del mondo è tanto inquietante quanto significativa alla luce degli eventi attuali, in particolare dato che Kadlec ora guida il coronavirus risposta per tutto HHS. Tuttavia, l’ascesa al potere di Kadlec non è un caso di una mente malvagia che conquista un punto particolarmente vulnerabile delle risorse della nazione. Invece, è il caso di un uomo profondamente invischiato nel mondo dell’intelligence, dell’intelligence militare e della corruzione aziendale che soddisfa doverosamente la visione dei suoi amici nelle alte sfere e a porte chiuse.

In questa terza puntata di Engineering Contagion: Amerithrax, Coronavirus and the Rise of the Biotech-Industrial Complex, Kadlec viene mostrato provenire da un gruppo affiatato di “allarmisti del bioterrorismo” nel governo e nel settore privato che ha guadagnato importanza grazie a la loro inclinazione a immaginare gli scenari più orribili, ma fittizi, che hanno ispirato la paura tra i presidenti, i politici di spicco e il pubblico americano. Tra questi scenari fittizi era l’esercizio “Dark Inverno” discusso nella Parte I .

Alcuni di questi allarmisti, tra i quali “guerrieri del freddo” dei tempi di Fort Detrick in cui sviluppavano apertamente armi offensive, si impegnavano in inquietanti esperimenti e studi sull’antrace mentre sviluppavano legami sospetti nel 2000 con una società chiamata BioPort. Come notato nella Parte II di questa serie, BioPort stava per perdere tutto all’inizio di settembre 2001 a causa delle controversie sul suo vaccino contro l’antrace. Naturalmente, gli attacchi all’antrace del 2001 che sono seguiti poco dopo avrebbero cambiato tutto, non solo per BioPort, ma anche per la politica di biodifesa degli Stati Uniti. Con la scenografia, Kadlec sarebbe rapidamente entrato in azione, guidando importanti cambiamenti politici sulla scia dei successivi grandi eventi e disastri, culminati nella sua incoronazione come re delle scorte.

Il pazzo accidentale

Robert Kadlec si descrive come un “turista accidentale” per quanto riguarda la sua introduzione alla guerra biologica. Un medico dell’aeronautica specializzato in malattie tropicali, Kadlec dirà in seguito che il suo interesse per il campo è iniziato quando è stato assegnato come assistente speciale per la guerra chimica e biologica al Joint Special Operations Command (JSOC), consigliando l’allora capo del Comando Operazioni Speciali Magg. Gen. Wayne Downing, alla vigilia della prima Guerra del Golfo.

Kadlec avrebbe poi affermato di aver assistito in prima persona a come l’esercito, immediatamente prima della Guerra del Golfo, “mancasse dei necessari dispositivi di protezione, rilevatori e contromisure mediche compresi vaccini e antibiotici contro le minacce immediate poste dall’Iraq”, presumibilmente spingendolo a vogliono migliorare gli sforzi di biodifesa degli Stati Uniti.

Mentre ricopriva questo incarico al JSOC, Kadlec era a conoscenza del consiglio di William C. Patrick III, un veterano del programma di armi biologiche degli Stati Uniti che aveva sviluppato il metodo degli Stati Uniti per armare l’antrace e deteneva non meno di cinque brevetti classificati relativi alla tossina utilizzare in guerra. Patrick, che aveva lasciato il servizio governativo nel 1986 per diventare consulente, ha informato il Pentagono – allora guidato da Dick Cheney – che il rischio di un attacco con armi biologiche da parte dell’Iraq, in particolare l’antrace, era alto. L’avvertimento di Patrick ha spinto le forze armate statunitensi a vaccinare decine di migliaia delle sue truppe usando il controverso vaccino contro l’antrace “vaccino contro l’antrace adsorbito (AVA)”. Kadlec avrebbe personalmente iniettato AVA in circa 800 membri delle forze armate statunitensi.

Kadlec avrebbe poi notato in una testimonianza al Congresso che nessuna prova definitiva di un presunto programma di armi biologiche iracheno è stata trovata durante la guerra o dopo, ma ha comunque affermato altrove che “gli iracheni hanno poi ammesso di aver procurato grandi quantità di agenti biologici: antrace e tossina botulinica”. “, suggerendo che gli avvertimenti di Patrick avevano un fondamento nella realtà.

Tuttavia, Kadlec non ha sottolineato che questi campioni di antrace e botulismo erano stati venduti, con la piena approvazione del governo degli Stati Uniti, al Ministero dell’Istruzione iracheno da un’organizzazione no-profit privata statunitense chiamata American Type Culture Collection. Donald Rumsfeld, che allora era un inviato dell’amministrazione Reagan e dirigeva un’azienda farmaceutica poi venduta alla Monsanto, sarebbe stato coinvolto anche nella spedizione di questi campioni in Iraq.

Dopo la guerra, il microbiologo americano Joshua Lederberg è stato incaricato dal Pentagono di dirigere l’indagine sulla “Sindrome della guerra del Golfo”, un fenomeno che studi successivamente sono stati collegati agli effetti negativi del vaccino contro l’antrace. La task force di Lederberg ha sostenuto che le prove relative a un’associazione tra la sintomatologia e il vaccino contro l’antrace erano insufficienti. Tuttavia, in seguito sarebbe stato preso di mira dopo che è stato riferito che era membro del consiglio di amministrazione dell’American Type Culture Collection, la stessa azienda che aveva spedito l’antrace al governo iracheno tra il 1985 e il 1989 con la benedizione del governo degli Stati Uniti. Lederberg in seguito ammise che l’indagine da lui condotta non aveva speso abbastanza “tempo e sforzi per scoprire i dettagli”. I risultati della task force sono stati successivi aspramente criticato dal Government Accountability Office.

Il Dr. Lederberg si sarebbe rivelato una delle prime, se non seminali, influenza sulla prospettiva di Robert Kadlec riguardo al tema della guerra biologica. Il premio Nobel e presidente di lunga data della Rockefeller University è stato uno dei padri dell’allarmismo sul bioterrorismo negli Stati Uniti, insieme a William C. Patrick III e ad altri membri di un gruppo affiatato di microbiologi “guerrieri freddi”. Kadlec e Lederberg avrebbero continuato a collaborare su diversi libri e studi politici alla fine degli anni ’90 e fino al 2001.

Anni dopo, in un’audizione al Congresso, Kadlec dirà che le parole di Lederberg “risuonano costantemente con me e servono come avvertimento pratico”. Oltre a Lederberg, Kadlec stava anche scrivendo numerosi libri e articoli con Randall Larsen, che in seguito avrebbe assunto il medico per insegnare “strategia e operazioni militari” al National War College, dove insegnava anche un caro amico di Larsen, William C. Patrick III.

Un’oasi avvelenata

Molti dei deliri bioterroristici di Kadlec sono stati conservati in libri di testo vecchi di 25 anni, come un libro di testo dell’US Air War College intitolato Battlefield of the Future in cui Kadlec chiede al governo di creare una massiccia scorta di farmaci e vaccini per proteggere la popolazione da un attacco di armi biologiche, in particolare antrace o vaiolo. In un capitolo, Kadlec ha sostenuto che le scorte di antibiotici, immunoglobuline e vaccini necessari dovrebbero essere procurate, mantenute ed essere prontamente disponibili per la somministrazione in poche ore”.

Le opinioni di Kadlec sulla questione al momento in cui scrivo sono state fortemente influenzate dal suo primo tour come ispettore delle armi dell’UNSCOM in Iraq nel 1994, dove era accompagnato da William Patrick, tra gli altri. Kadlec sarebbe poi tornato in Iraq nella stessa veste nel 1996 e nel 1998 alla ricerca dei presunti depositi iracheni di antrace come arma di cui Patrick era così sicuro che fossero lì, ma che non si erano mai materializzati.

Dopo tre visite, Kadlec avrebbe poi confessato che, nonostante quello che Kadlec definì “il più invadente regime di ispezione e monitoraggio mai concepito e attuato” dall’ONU, gli ispettori delle armi dell’UNSCOM, inclusi lui stesso e William Patrick, “non erano riusciti a scoprire alcuna prova inconfutabile di un programma BW offensivo.” Kadlec sarebbe poi tornato in Iraq in due diverse occasioni dopo l’invasione americana del paese nel 2003, ancora una volta non trovando alcuna prova dell’esistenza del programma.

Nel 1995, Kadlec era già imbevuto dell’allarmismo sulle armi biologiche sostenuto da Lederberg e Patrick. Quell’anno, si sono concretizzati diversi “scenari illustrativi” riguardanti l’uso della “guerra economico-biologica” contro gli Stati Uniti. Uno di questi scenari immaginari, intitolato “Terrorismo del mais”, coinvolge la Cina che pianifica “un atto di terrorismo agricolo” spruzzando clandestinamente la peronospora dei semi di mais sul Midwest utilizzando aerei di linea commerciali. Il risultato dello scenario del “terrorismo del mais” è che “la Cina guadagna una quota significativa del mercato del mais e decine di miliardi [di] dollari di profitti aggiuntivi dal suo raccolto”, mentre gli Stati Uniti vedono il loro raccolto di mais cancellato, causando l’aumento dei prezzi del cibo e la Stati Uniti per importare mais. Un altro scenario, intitolato “Questo è un vino ‘brutto'”, coinvolge “produttori di vino europei scontenti” che rilasciano segretamente i pidocchi dell’uva che hanno nascosto in lattine di paté per colpire i produttori di vino della California.

Nello stesso periodo, nel 1994, il relativamente giovane Congressional Office of Technology Assessment o OTA, che informava le decisioni politiche su questioni di complessità tecnologica e scientifica in materia di sicurezza nazionale, fu tagliato dalla nuova maggioranza repubblicana che prese entrambe le camere nel Elezioni di metà mandato del 1994. Al momento del suo defunding, Lederberg faceva parte del Technology Assessment Advisory Council (OTA-TAAC) dell’OTA, insieme a esperti del settore farmaceutico di Bristol-Myers Squibb, Lilly Research Labs e Smith-Kline pre-fusione, e ha presieduto uno dei suoi ultimi pannelli di studio.

Al posto dell’OTA, un’entità indipendente e senza fini di lucro chiamata The Potomac Institute for Policy Studies (PIPS) è stata co-fondata dal consulente speciale del Foreign Intelligence Advisory Board (PFIAB) del presidente HW Bush e da un ex monitor del programma della CIA, Michael S. Swetnam. , che secondo quanto riferito è stato incaricato di profilare Osama Bin Laden prima che gli attacchi dell’11 settembre venissero messi in atto.

Il definanziamento dell’OTA e la successiva creazione del PIPS hanno trasferito il processo decisionale su quelle che sono, forse, le questioni più delicate della sicurezza nazionale lontano dal Congresso e in una fondazione privata brulicante di operatori del vasto ventre del complesso industriale militare (MIC). Ex ufficiali militari, scienziati della DARPA, esperti di politica della NASA, agenti dell’FBI, agenti della CIA e appaltatori della difesa come Northrop Grumman possono essere trovati sui loro ruoli e nelle loro sale riunioni.

Il PIPS ei suoi sponsor avrebbero seguito la carriera di Robert Kadlec nel governo fin dall’inizio e gli sarebbero rimasti vicini oggi. Un individuo collegato al PIPS lavorerebbe particolarmente a stretto contatto con Kadlec, Tevi Troy, un membro anziano del PIPS e membro aggiunto del molto più raffinato Hudson Institute, a sua volta uno dei principali finanziatori del PIPS. Troy è stato a lungo parte integrante della definizione dell’agenda politica di biodifesa di Kadlec, che sarebbe rimasta vistosamente statica e immutabile per tutta la carriera che aveva appena iniziato.

Vaiolo americano

Nel 1996, all’interno della leadership militare, erano iniziati i colloqui su quello che sarebbe diventato il programma obbligatorio di vaccinazione contro l’antrace del Pentagono, una politica promossa instancabilmente da Joshua Lederberg, che era coinvolto nell'”investigare” i collegamenti tra il vaccino contro l’antrace e la sindrome della guerra del Golfo. I colloqui privati ​​si sono svolti in parallelo con una spinta pubblica per portare la guerra biologica in prima linea nella coscienza pubblica americana. Un esempio particolarmente eclatante si è verificato quando l’allora Segretario alla Difesa William Cohen è andato su ABC News con un sacchetto di zucchero da cinque libbre, affermando che “questa quantità di antrace potrebbe essere distribuita su una città, diciamo delle dimensioni di Washington. Distruggerebbe almeno la metà della popolazione di quella città”.

Allo stesso tempo, Joshua Lederberg stava anche sostenendo lo stoccaggio di un vaccino contro il vaiolo, che anche l’esercito americano prese a cuore, dando a una società chiamata DynPort un contratto esclusivo multimilionario per produrre un nuovo vaccino contro il vaiolo nel 1997. Poco dopo , è stata costituita BioPort, la consociata di DynPort, che presto sarebbe arrivata a monopolizzare la produzione di quel vaccino.

Nel momento in cui BioPort (ora conosciuta come Emergent Biosolutions) aveva ottenuto controverso il controllo su questo lucroso contratto del Pentagono nel 1998, l’allora presidente Bill Clinton stava avvertendo pubblicamente che gli Stati Uniti dovevano “affrontare i nuovi rischi delle armi biologiche e chimiche”, aggiungendo che Saddam Hussein in particolare stava “sviluppando armi nucleari, chimiche e biologiche e i missili per consegnarle”. Tuttavia, non c’era alcuna intelligenza a sostegno di queste affermazioni, specialmente dopo i tentativi falliti degli ispettori delle armi, come Robert Kadlec e William Patrick, di trovare alcuna prova di un programma di armi biologiche iracheno.

Nonostante la mancanza di prove riguardo ai presunti programmi “WMD” dell’Iraq, la preoccupazione di Clinton per una minaccia di armi biologiche sarebbe stata il risultato della sua lettura di “The Cobra Event”, un romanzo su come un agente patogeno geneticamente modificato chiamato “vaiolo cerebrale” devasta New York City. L’autore del romanzo, Richard Preston, era stato consigliato nientemeno che da William Patrick sulla guerra biologica e sugli agenti patogeni geneticamente modificati. Patrick, allora consigliere della CIA, dell’FBI e dell’intelligence militare, ha anche partecipato a riunioni a porte chiuse con Clinton sulle armi biologiche, sostenendo che il loro uso era inevitabile e che il più mortale degli agenti patogeni poteva essere facilmente prodotto in un “garage di terroristi”.

È anche probabile che l’allarmismo di Clinton sulle armi biologiche e chimiche fosse stato informato, in parte, da una tavola rotonda ospitata alla Casa Bianca il 10 aprile 1998. Questa Tavola rotonda della Casa Bianca sull’ingegneria genetica e le armi biologiche includeva un gruppo di “esperti esterni” guidati da Joshua Lederberg e inclusi molti altri allarmisti del bioterrorismo, come: Jerome Hauer, allora direttore dell’Ufficio per la gestione delle emergenze di New York (che era anche consigliato da William Patrick III) e Thomas Monath, un dirigente dell’industria dei vaccini e capo consigliere scientifico del direttore della CIA George Tenet.

Durante la tavola rotonda sono state discusse in modo approfondito “sia le opportunità che le sfide alla sicurezza nazionale poste dall’ingegneria genetica e dalla biotecnologia”, nonché “materiale classificato relativo alla valutazione delle minacce e al modo in cui gli Stati Uniti rispondono a scenari particolari”.

Robert Kadlec, nonostante sia un repubblicano, rimane molto affezionato a Bill Clinton, forse perché l’ex presidente era così attento alle previsioni disastrose degli “esperti di biodifesa” che hanno oscurato la carriera di Kadlec. Kadlec attribuisce all’ex presidente il merito di aver fatto “molte cose buone” e di aver dato importanti contributi al progresso dell’agenda politica del complesso industriale biotecnologico.

Clinton avrebbe emesso diversi ordini esecutivi e direttive di decisione presidenziale (PDD) durante questo periodo, come il PDD-62, che si occupava specificamente dei preparativi per un attacco “WMD” agli Stati Uniti e chiedeva al Dipartimento della salute e dei servizi umani (HHS), allora guidato da Donna Shalala, per guidare la risposta nazionale a un attacco con armi di distruzione di massa. Fortuitamente per Kadlec, il PDD-62 ha anche chiesto la costruzione di una scorta nazionale di vaccini, antibiotici e altre forniture mediche.

A quel tempo, Kadlec stava già evangelizzando il pubblico su un attacco di antrace apparentemente imminente e apocalittico che era certo avrebbe colpito da un momento all’altro. Come citato in un articolo del 1998 del Vancouver Sun, Kadlec ipotizzò:

“Se oggi a New York City venissero disseminati diversi chilogrammi di un agente come l’antrace, stime prudenti stimano il numero di decessi avvenuti nei primi giorni a 400.000. Migliaia di altri rischierebbero di morire entro pochi giorni se non si iniziassero immediatamente gli antibiotici e le vaccinazioni appropriate. Milioni di altri avrebbero paura di essere esposti e cercherebbero o richiederebbero anche cure mediche. Al di là delle immediate implicazioni per la salute di un tale atto, il potenziale panico e i disordini civili creerebbero una risposta altrettanto ampia”.

Le speculazioni apocalittiche di Kadlec sugli attacchi con armi biologiche avevano attirato l’attenzione di Randall Larsen, l’allora direttore del Dipartimento di strategia e operazioni militari del National War College, che assunse Kadlec perché “si era convinto che la più grave minaccia alla sicurezza nazionale non fosse Missili russi o cinesi, ma una pandemia, provocata dall’uomo o naturale”. Poco dopo, Kadlec e Larsen avrebbero collaborato a stretto contatto, co-autori di diversi studi insieme.

Nel frattempo, il loro collega al National War College, William Patrick III, lavorava contemporaneamente per l’appaltatore militare e dell’intelligence statunitense, il Battelle Memorial Institute, dove stava segretamente sviluppando una forma geneticamente modificata e più potente di antrace per un programma classificato del Pentagono.

L’intellighenzia del bioterrore

Un anno dopo aver assunto Robert Kadlec per insegnare al National War College, Randall Larsen è stato anche coinvolto nella creazione di una nuova organizzazione chiamata ANSER Institute for Homeland Security (ANSER-IHS), di cui è stato direttore. Questo Institute for Homeland Security, avviato e finanziato per la prima volta nell’ottobre 1999, era un’estensione dell’ANSER Institute, che a sua volta era stato scorporato dalla RAND Corporation alla fine degli anni ’50. La RAND Corporation è un “think tank” incentrato sulla sicurezza nazionale con legami di lunga data con le Fondazioni Ford e Rockefeller e la Carnegie Corporation.

L’espansione di ANSER tramite ANSER-IHS è stata prefigurata dall’ingresso della “difesa della patria” nel discorso politico popolare all’interno della Washington Beltway. Si presume che il termine abbia avuto origine da un rapporto del National Defense Panel presentato nel 1997 ed è accreditato al membro del Defense Panel ed ex ufficiale della CIA con legami con il programma Phoenix dell’agenzia, Richard Armitage. Armitage faceva parte del gruppo noto come Vulcans, che consigliava George W. Bush su questioni di politica estera prima delle elezioni presidenziali del 2000.

Come ha sottolineato la giornalista Margie Burns in un articolo del 2002, la necessità di “difesa della patria” come uno dei principali obiettivi della politica del governo degli Stati Uniti, compresa la spinta a creare una nuova agenzia di “sicurezza interna”, è stata drammaticamente amplificata in seguito alla sua presunta coniazione da parte di Armitage nel 1997. Ciò è avvenuto grazie, in parte, a una rete di media di proprietà del leader del culto sudcoreano e risorsa della CIA Sun Myong Moon, tra cui il Washington Times, Insight Magazine e UPI , che hanno pubblicato numerosi articoli scritti da analisti ANSER o che rapporti ANSER pesantemente citati e dipendenti in merito alla necessità di un apparato di “sicurezza interna” notevolmente ampliato.

Uno di questi articoli, pubblicato da Insight Magazine nel maggio 2001 e intitolato Preparing for the Next Pearl Harbor, cita pesantemente ANSER e il suo Institute for Homeland Security come tra “i massimi esperti della nazione” nell’avvertire che un attacco terroristico sulla terraferma degli Stati Uniti era imminente. Ha anche affermato che “i primi soccorritori sul campo di battaglia di domani non saranno soldati, ma operatori delle ambulanze cittadine e vigili del fuoco delle piccole città”.

ANSER-IHS è stata creata per volere dell’amministratore delegato di ANSER , la dott.ssa Ruth David, che è diventata il massimo dirigente di ANSER dopo aver lasciato una lunga carriera presso la CIA, dove era stata vicedirettore dell’agenzia per la scienza e la tecnologia. Sul board di ANSER-IHS, al momento, accanto a David, erano Joshua Lederberg e il Dr. Tara O’Toole, l’allora direttore del Johns Hopkins Center for Civilian Bio-difesa Studi chi avrebbe poi co-scrivere l’esercizio Dark Winter.

Sebbene sia stato creato per la prima volta nel 1999, ANSER-IHS è stato lanciato ufficialmente solo nell’aprile 2001. Nello stesso mese, Robert Kadlec, presso il National War College, ha sponsorizzato il documento A Micro-threat with Macro-Impact: The Bio-Threat and the Need”. per una Strategia di Sicurezza Nazionale per la Biodifesa. Quel documento inizia citando diversi ex funzionari della CIA e il dottor O’Toole (che ora lavora per il braccio di capitale di rischio della CIA, In-Q-Tel) come prova che un attacco bioterroristico è “forse la più grande minaccia che gli Stati Uniti devono affrontare in il prossimo secolo” e che un tale attacco avrebbe inevitabilmente preso di mira “gli americani sul suolo americano”.

Questo rapporto sponsorizzato da Kadlec chiedeva anche la creazione della National Homeland Security Agency (NHSA), il cui quadro era contenuto nell’HR 1158, introdotto un mese prima nel marzo 2001. Il documento chiedeva che la creazione di questo nuovo governo a livello di gabinetto l’agenzia venga emanata “rapidamente, in modo che il singolo agente esecutivo risultante (identificato d’ora in poi come NHSA) possa iniziare il suo lavoro critico”. Ha anche affermato che questa agenzia include “una posizione di vicedirettore … specificamente responsabile della preparazione e della risposta a un attacco biologico”.

Altre misure raccomandate nel documento includevano l’espansione considerevole delle scorte di difesa nazionale; creare un sistema nazionale di denuncia delle malattie; e la creazione di rilevatori di minacce biologiche automatizzati in tempo reale. Quest’ultimo sarebbe stato avviato subito dopo la pubblicazione di questo documento, dando vita al controverso Biological Aerosol Sentry and Information Systems (BASIS). BASIS è stato discusso nella Parte I di questa serie, in particolare il suo ruolo nell'”indurre il panico e il disordine sociale che si intende contrastare” durante e dopo gli attacchi di antrace del 2001 che si sarebbero verificati mesi dopo. BASIS è stato sviluppato in gran parte dal Lawrence Livermore National Laboratory, il cui collega della sicurezza nazionale – l’ex direttore della Defense Threat Reduction Agency (DTRA) Jay Davis, era allora presidente del consiglio di amministrazione di ANSER.

Degno di nota è anche il fatto che il rapporto di Kadlec dell’aprile 2001 cita in diverse occasioni l’in gran parte screditato ma ancora influente Ken Alibek, inclusa la sua affermazione che chiunque abbia accesso a Internet e pochi dollari potrebbe produrre e scatenare facilmente l’antrace di tipo militare. Alcuni dei massimi esperti di antrace della nazione screditerebbero questa affermazione, con l’eccezione di William C. Patrick III.

Ciò è probabilmente dovuto al fatto che era stato Patrick a cui era stato chiesto dalla CIA di “controllare” Alibek dopo che aveva disertato per la prima volta dall’Unione Sovietica nel 1992, rendendo Patrick responsabile della determinazione della credibilità delle controverse affermazioni di Alibek, comprese le sue asserzioni errate secondo cui Saddam Hussein aveva supervisionato un massiccio programma di armi biologiche. Riguardo al loro incontro, Patrick in seguito avrebbe affermato “Non dirò che ci siamo innamorati, ma ci siamo subito stimati l’un l’altro”.

All’epoca della defezione di Alibek, Robert Kadlec – che era stato assegnato all’Ufficio del Pentagono del Segretario della Difesa per la politica contro la controproliferazione dopo la Guerra del Golfo – avrebbe poi ricordato durante la testimonianza al Congresso del 2014 di aver “testimoniato gli sforzi per accertare la verità dietro l’operazione BW [armi biologiche] dell’ex Unione Sovietica” che aveva coinvolto intimamente Alibek e Patrick. Kadlec avrebbe anche notato che “il destino di questi agenti [relativi al programma BW dell’Unione Sovietica] e delle armi associate”, comprese quelle descritte da Alibek, “non è mai stato risolto in modo soddisfacente”.

Le affermazioni scioccanti ma dubbie di Alibek sono state spesso utilizzate e promosse da Joshua Lederberg (che aveva interrogato altri ricercatori sovietici sulle armi biologiche dopo le loro defezioni), Patrick e altri per sostenere le loro politiche di “biodifesa” preferite, nonché la necessità di ricerche sulle armi biologiche “difensive”, tra cui sforzi clandestini per ingegnerizzare geneticamente l’antrace su cui Patrick e Alibek avrebbero poi collaborato.

Mettere le ruote in movimento

Solo pochi mesi prima del lancio “ufficiale” di ANSER-IHS, è stata lanciata un’altra organizzazione con un obiettivo correlato: la Nuclear Threat Initiative (NTI). Creato dal magnate dei media Ted Turner e dall’ex senatore Sam Nunn nel gennaio 2001, NTI mirava non solo a “ridurre la minaccia” rappresentata dalle armi nucleari, ma anche dalle armi chimiche e biologiche.

Nell’annunciare la formazione di NTI sulla CNN , la rete che Turner aveva fondato, Nunn ha affermato che mentre “le armi nucleari rappresentano un pericolo gigantesco, ma le armi biologiche e chimiche sono le più probabili da usare. E ci sono migliaia di scienziati nell’ex Unione Sovietica che sanno come fabbricare queste armi, comprese quelle chimiche, biologiche e nucleari, ma non sanno come sfamare le loro famiglie”. Nunn ha continuato, affermando che NTI sperava “di iniziare ad aiutare, qualche speranza in un lavoro retribuito per le persone che non vogliamo finiscano per produrre armi chimiche, biologiche e nucleari in altre parti del mondo”. La missione di NTI in questo senso probabilmente è arrivata come una gradita notizia per Joshua Lederberg, che aveva a lungo sostenuto che gli Stati Uniti offrono lavoro ai ricercatori di armi biologiche dell’ex Unione Sovietica per impedire il loro impiego da parte di “regimi canaglia”.

Accanto a Nunn e Tuner nel consiglio di amministrazione di NTI c’era William Perry, un ex Segretario alla Difesa; l’ex senatore Dick Lugar, da cui prende il nome il presunto laboratorio di armi biologiche degli Stati Uniti in Georgia; e Margaret Hamburg, che era il vicepresidente dell’NTI e sovrintendeva al suo lavoro sulle armi biologiche. Il padre di Margaret Hamburg, David Hamburg, presidente di lunga data della Carnegie Corporation, è stato anche un consigliere e “distinto collega” presso NTI. David Hamburg è stato per lungo tempo uno stretto consigliere, socio e amico di Joshua Lederberg.

Sia Sam Nunn che Margaret Hamburg di NTI, così come alti funzionari di ANSER, si sarebbero riuniti nel giugno 2001 per partecipare a un esercizio di simulazione di un attacco con armi biologiche chiamato “Dark Winter”. Nunn avrebbe svolto il ruolo di presidente nell’esercizio e Amburgo avrebbe svolto il ruolo di capo di HHS nello scenario immaginario. Jerome Hauer, allora amministratore delegato della società collegata all’intelligence Kroll Inc. e vicepresidente dell’appaltatore di intelligence militare Scientific Applications International Corporation (SAIC), interpretava il capo della FEMA.

Lo stesso esercizio di Dark Winter è stato in gran parte scritto da Tara O’Toole (membro del consiglio di amministrazione di ANSER-IHS) e Thomas Inglesby del Johns Hopkins Center for Civilian Bio-defense Studies, nonché Randall Larsen di ANSER-IHS. Anche Robert Kadlec ha partecipato alla creazione della sceneggiatura e appare nelle clip di notizie fittizie e sceneggiate utilizzate nell’esercizio.

Come dettagliato nella Parte I di questa serie, l’esercitazione di Dark Winter prevedeva stranamente molti aspetti di ciò che sarebbe seguito pochi mesi dopo durante gli attacchi all’antrace del 2001, comprese le previsioni che lettere minatorie sarebbero state inviate ai membri della stampa con la promessa di attacchi con armi biologiche che coinvolgevano l’antrace. Dark Winter fornì anche la narrazione iniziale per gli attacchi all’antrace del 2001, secondo cui l’Iraq e Al Qaeda erano stati corresponsabili. Tuttavia, subito dopo gli attacchi, le prove hanno rapidamente indicato che l’antrace aveva avuto origine da una fonte domestica collegata a esperimenti militari. Inoltre, diversi partecipanti e autori di Dark Winter avevano un’apparente preconoscenza di quegli attacchi (in particolare Jerome Hauer) e/o erano coinvolti nelle controverse indagini dell’FBI sugli attacchi (incluso Robert Kadlec).

Il giorno dell’11 settembre 2001, Kadlec e Randall Larsen avrebbero iniziato a insegnare insieme in un corso sulla Sicurezza Interna presso il National War College. Il programma del corso si basa su citazioni sull’imminente minaccia del bioterrorismo di Joshua Lederberg e del partecipante a Dark Winter ed ex direttore della CIA James Woolsey, che ha definito un attacco con armi biologiche “la singola minaccia più pericolosa per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti nel prossimo futuro”.

Il corso prevedeva anche l’uso prolungato dell’esercizio Dark Winter, in cui gli studenti avrebbero riproposto l’esercizio del giugno 2001 come parte di un progetto di ricerca di fine semestre. Tuttavia, visti gli eventi accaduti l’11 settembre 2001, Kadlec non ha mai tenuto quel corso, ma si è recato al Pentagono per concentrarsi sulla “minaccia di bioterrorismo” nelle settimane che hanno preceduto gli attacchi all’antrace del 2001.

Il dopo (antrace) Party

Immediatamente dopo gli eventi dell’11 settembre 2001, Kadlec è diventato un consigliere speciale sulla guerra biologica dell’allora Segretario alla Difesa Donald Rumsfeld e del suo vice Paul Wolfowitz. Nei giorni che seguirono, Rumsfeld dichiarò apertamente e pubblicamente che si aspettava che i nemici dell’America, in particolare Saddam Hussein, aiutassero gruppi terroristici non specificati a ottenere armi chimiche e biologiche, una narrazione analoga a quella usata nell’esercizio Dark Winter che Kadlec aveva aiutato creare.

All’indomani dell’11 settembre, gli altri coautori di Dark Winter – Randall Larsen, Tara O’Toole e Thomas Inglesby – hanno informato personalmente Dick Cheney su Dark Winter, in un momento in cui Cheney e il suo staff erano stati avvertiti da un altro Dark Winter figura, Jerome Hauer, di prendere l’antibiotico Cipro per prevenire l’infezione da antrace. Non si sa quanti membri dell’amministrazione stavano assumendo Cipro e per quanto tempo.

Hauer, insieme a James Woolsey e alla giornalista del New York Times Judith Miller (che ha anche partecipato a Dark Winter), avrebbe trascorso le settimane tra l’11 settembre e la divulgazione pubblica degli attacchi all’antrace facendo numerose apparizioni sui media (e, nel caso di Miller, scrivendo dozzine di di segnalazioni) sull’uso dell’antrace come arma biologica. I membri del controverso think thanks the Project for a New American Century (PNAC), che includeva Dick Cheney e Donald Rumsfeld tra i suoi ranghi, hanno anche avvertito che un attacco con armi biologiche sarebbe seguito sulla scia dell’11 settembre. Questi includevano Richard Perle, allora consigliere del Pentagono guidato da Rumsfeld, e Robert Kagan e Bill Kristol di The Weekly Standard.

Si potrebbe pensare che tutti questi avvertimenti tempestivi avrebbero lasciato questa cricca di addetti ai lavori del governo il meno sorpreso una volta che gli attacchi all’antrace fossero stati divulgati pubblicamente il 4 ottobre 2001. Tuttavia, nonostante i costanti avvertimenti sugli scenari di attacco all’antrace del giorno del giudizio per un decennio e la consulenza il Pentagono su questa stessa minaccia immediatamente iniziata solo poche settimane prima, Robert Kadlec avrebbe successivamente affermato di aver urlato: “Devi prendermi in giro!” quando ha appreso per la prima volta degli attacchi.

Un’altra profetessa dell’antrace prima dell’attacco, Judith Miller, ricorda di essere rimasta sconvolta e scoraggiata dopo aver ricevuto una lettera che sembrava contenere antrace. La sua prima reazione fu di chiamare William C. Patrick III, che la calmò e le disse che la polvere di antrace contenuta nella lettera “era molto probabilmente una bufala”. In effetti, Patrick si sarebbe rivelato corretto nella sua analisi poiché la polvere nella lettera che Miller aveva aperto era, in effetti, innocua.

Kadlec iniziò rapidamente a contribuire alla controversa indagine dell’FBI sugli attacchi, nota con il nome del caso “Amerithrax”. Kadlec è stato incaricato di seguire la presunta presenza di bentonite nell’antrace utilizzato negli attacchi. La bentonite non è mai stata effettivamente trovata in nessuno dei campioni di antrace testati dall’FBI, ma le affermazioni che erano state trovate sono state utilizzate per collegare l’antrace utilizzato negli attacchi al presunto uso della bentonite da parte dell’Iraq nel suo programma di armi biologiche, la cui stessa esistenza mancavano ancora prove conclusive.

Questa affermazione errata è stata menzionata per la prima volta dal vice segretario alla Difesa Paul Wolfowitz da Peter Jahrling, uno scienziato di Fort Detrick, che ha affermato durante un briefing che le spore “sembravano essere state trattate” con un “particolare additivo chimico” simile alla bentonite. Jahrling ha poi aggiunto che il governo iracheno ha usato la bentonite per produrre “in modo sospetto” il bacillus thuringiensis (Bt), un “cugino non letale” dell’antrace ampiamente utilizzato in agricoltura. “Tutti si sono attaccati a questo”, avrebbe poi ricordato Kadlec del legame casuale di Jahrling tra la bentonite e un innocuo e lontano cugino dell’antrace.

Incaricato da Wolfowitz di raccogliere prove per la “pistola fumante” alla bentonite, Kadlec avrebbe contattato uno scienziato della Marina che aveva accompagnato lui e William Patrick in Iraq nei loro sforzi infruttuosi per trovare prove delle armi biologiche dell’Iraq nel 1994, James Burans. Burans non era convinto della connessione con la bentonite e altri scienziati del governo presto concordarono.

Tuttavia, i media hanno continuato a sostenere l’affermazione della bentonite-antrace come prova del ruolo dell’Iraq negli attacchi all’antrace, nonostante le risultanze contrarie. Alla fine di ottobre 2001, un sondaggio nazionale ha rilevato che il 74% degli intervistati voleva che gli Stati Uniti intraprendessero un’azione militare contro l’Iraq, nonostante la mancanza di prove che collegassero il paese all’11 settembre o agli attacchi all’antrace. Un mese dopo, Rumsfeld avrebbe elaborato piani in consultazione con Wolfowitz riguardo alle giustificazioni per l’inizio della guerra con l’Iraq, compresa la scoperta di collegamenti tra Saddam Hussein e gli attacchi all’antrace e l’avvio di controversie con l’Iraq sulle ispezioni di armi di distruzione di massa.

Mentre il Pentagono consigliato da Kadlec stava cercando di collegare gli attacchi all’antrace all’Iraq, l’NTI – guidato dal “presidente” di Dark Winter Sam Nunn – ha dato il via alla sua agenda in overdrive, stanziando “$ 2,4 milioni in sovvenzioni iniziali per finanziare la collaborazione scientifica con scienziati che una volta lavorava nel programma segreto di armi biologiche dell’ex Unione Sovietica”. NTI ha anche stanziato altri milioni per trasformare i laboratori di armi biologiche dell’ex Unione Sovietica in “impianti di produzione di vaccini” e “aiutare a identificare le compagnie farmaceutiche occidentali disposte a lavorare con ex armi biologiche sovietiche in iniziative commerciali”.

Indagine a porte chiuse

Anche William C. Patrick III sarebbe stato coinvolto nell’indagine dell’FBI su Amerithrax, anche se inizialmente era sospettato di coinvolgimento negli attacchi. Tuttavia, dopo aver superato un test della macchina della verità , è stato aggiunto alla “cerchia ristretta” dell’FBI di consulenti tecnici sul caso Amerithrax, nonostante il fatto che il protetto di Patrick, Stephen Hatfill, fosse il principale sospettato dell’FBI in quel momento. Hatfill è stato successivamente scagionato e l’FBI alla fine ha accusato uno scienziato di Fort Detrick di nome Bruce Ivins per il crimine, nascondendo una “montagna” di prove che scagionavano Ivins dal farlo, secondo l’ex investigatore capo dell’FBI.

Negli anni ’90, Patrick aveva detto agli associati del suo desiderio di trovare qualcuno che avrebbe continuato il suo lavoro, trovando infine questa persona in Stephen Hatfill. L’amicizia di Hatfill e Patrick era stretta, con un esperto di bioterrorismo che li chiamava “come padre e figlio”. Hatfill viaggiava spesso insieme e, a volte, Hatfill accompagnava Patrick ai suoi lavori di consulenza presso l’appaltatore militare e dell’intelligence SAIC. Nel 1999, Patrick avrebbe restituito il favore aiutando Hatfill a trovare un lavoro alla SAIC. Un anno dopo, Jerome Hauer, un amico sia di Hatfill che di Patrick, si unì alla SAIC come vicepresidente.

Nello stesso anno, Hatfill offrì a Patrick un altro lavoro di consulenza presso SAIC e commissionò a Patrick di eseguire uno studio che descrivesse “un attacco terroristico immaginario in cui una busta contenente antrace di tipo militare viene aperta in un ufficio”. Il Baltimore Sun riporterà in seguito che lo studio di Patrick per SAIC ha discusso del “pericolo di spore di antrace che si diffondono nell’aria e dei requisiti per la decontaminazione dopo vari tipi di attacchi” e quanti grammi di antrace dovrebbero essere collocati all’interno di un’attività standard busta per condurre un simile attacco.

Il coinvolgimento di Patrick in questo studio SAIC è particolarmente interessante dato che è stato coinvolto anche in un altro progetto riguardante l’antrace all’epoca, questo gestito dal Battelle Memorial Institute. Nel 1997, il Pentagono ha creato piani per ingegnerizzare geneticamente una varietà più potente di antrace, stimolato dal lavoro di scienziati russi che avevano recentemente pubblicato uno studio che ha scoperto che un ceppo di antrace geneticamente modificato era resistente al vaccino standard contro l’antrace, almeno in studi sugli animali.

L’obiettivo dichiarato del piano del Pentagono, secondo un rapporto del 2001 del New York Times , era “vedere se il vaccino [antrace] che gli Stati Uniti intendono fornire alle proprie forze armate è efficace contro quel ceppo”. La struttura di Battelle a West Jefferson, Ohio, è stata incaricata dal Pentagono di creare l’antrace geneticamente modificato, un compito che è stato supervisionato dall’allora responsabile del programma di Battelle per tutte le armi biologiche, Ken Alibek. Un articolo del 1998 nel New Yorkernotò che William Patrick, anche lui consulente di Battelle e “amico intimo di Alibek”, stava lavorando con Alibek su un progetto che coinvolgeva l’antrace in quel momento. In seguito sarebbe stato rivelato che l’accesso allo stesso ceppo di antrace utilizzato negli attacchi, il ceppo di Ames, era controllato da Battelle.

Inoltre, la presunta “pistola fumante” dell’FBI utilizzata per collegare Bruce Ivins agli attacchi all’antrace era il fatto che una fiaschetta nel laboratorio di Ivins etichettata RMR-1029 era determinata come il suo ceppo “genitore”. Tuttavia, in seguito sarebbe stato rivelato che porzioni di RMR-1029 erano state inviate da Ivins alla struttura di Battelle in Ohio prima degli attacchi all’antrace. Un’analisi dell’acqua utilizzata per produrre l’antrace ha anche rivelato che le spore dell’antrace erano state create negli Stati Uniti nordorientali e le analisi successive hanno ristretto le uniche fonti possibili come provenienti da uno dei tre laboratori: Fort Detrick, un laboratorio presso il Università di Scranton, o la struttura West Jefferson di Battelle.

Dopo il prematuro “suicidio” di Ivins nel 2008, gli avvocati civili del Dipartimento di Giustizia hanno contestato pubblicamente le affermazioni dell’FBI secondo cui Ivins era stato il colpevole e invece “hanno suggerito che un laboratorio privato in Ohio” gestito da Battelle “potrebbe essere stato coinvolto negli attacchi. “

Il lavoro di Patrick con Battelle sulla creazione di una forma più potente di antrace, così come il suo lavoro con SAIC nello studio dell’effetto dell’antrace inviato per posta, iniziò più o meno nello stesso periodo in cui BioPort si era assicurato il monopolio sulla produzione del vaccino contro l’antrace, recentemente reso obbligatorio per tutte le truppe statunitensi dal Pentagono. Come dettagliato nella Parte II di questa serie, la struttura di BioPort che ha prodotto il suo vaccino contro l’antrace era, all’epoca, piena di problemi e aveva perso la licenza per operare. Nonostante il Pentagono abbia dato a BioPort milioni da utilizzare per i lavori di ristrutturazione della fabbrica, molti di quei soldi sono andati invece ai bonus dei dirigenti senior e alla ristrutturazione degli uffici esecutivi. Milioni più semplicemente “scomparsi”.

Nel 2000, non molto tempo dopo aver ricevuto il suo primo salvataggio dal Pentagono, BioPort ha contratto nientemeno che il Battelle Memorial Institute. L’accordo ha dato a Battelle “l’esposizione immediata al vaccino” che stava usando in relazione al programma per l’antrace geneticamente modificato che coinvolgeva sia Alibek che Patrick. Quel programma ha quindi iniziato a utilizzare il vaccino prodotto da BioPort nei test presso la sua struttura di West Jefferson. A quel tempo, Battelle stava anche prestando “perizie tecniche” a BioPort e assunse 12 lavoratori da inviare alla struttura in difficoltà di BioPort nel Michigan “per mantenere l’operazione in funzione”.

All’epoca, una portavoce di BioPort ha dichiarato: “Abbiamo un rapporto con Battelle per estendere la nostra portata alle persone che stiamo cercando di attirare per posizioni critiche sul nostro lato tecnico. Stanno anche aiutando con i nostri test di potenza come una sorta di backup. Stanno convalidando i nostri test di potenza”. I rapporti sul contratto BioPort-Battelle affermavano che i termini del loro accordo non erano stati divulgati pubblicamente, ma osservavano anche che le due società avevano “precedentemente lavorato insieme a un’offerta senza successo per realizzare altri vaccini per il governo”.

Come precedentemente notato nella Parte II di questa serie, BioPort avrebbe dovuto perdere completamente il suo contratto per il vaccino contro l’antrace nell’agosto 2001 e l’intera attività del suo vaccino contro l’antrace è stata salvata dagli attacchi all’antrace del 2001, che hanno visto le preoccupazioni sulla corruzione di BioPort sostituite con ferventi richieste per più del suo vaccino contro l’antrace.

Rumsfeld salva BioPort

Uno dei sostenitori post-attacco per il salvataggio del contratto del vaccino contro l’antrace BioPort è stato Donald Rumsfeld, che ha dichiarato dopo gli attacchi che: “Cercheremo di salvarlo e proveremo a creare una sorta di accordo in base al quale diamo un altro crack a portare a termine il lavoro con quel vestito [BioPort]. È l’unico vestito in questo paese che ha qualcosa in corso, e non è molto ben avviato, come fai notare”.

Mentre Rumsfeld e altri lavoravano per salvare il travagliato accordo sul vaccino contro l’antrace BioPort, un’altra figura ricorrente in questa sordida saga, Jerome Hauer, avrebbe anche svolto un ruolo chiave nello spingere per un aumento degli acquisti del prodotto più redditizio e più controverso di BioPort. Oltre ad essere amministratore delegato di Kroll Inc. e vicepresidente di SAIC, Hauer è stato anche consigliere per la sicurezza nazionale del segretario dell’HHS Tommy Thompson l’11 settembre 2001. È stato anche lo stesso giorno che Hauer ha anche detto ai massimi funzionari dell’amministrazione di prenda Cipro per prevenire l’infezione da antrace.

Hauer ha svolto un ruolo chiave nel consigliare la leadership dell’HHS mentre si sviluppavano gli attacchi all’antrace. Dopo gli attacchi, Hauer ha spinto Thompson a creare l’Office of Public Health Preparedness (OPHP) all’interno dell’HHS, che è stato creato nello stesso anno. Fu guidato per la prima volta da DA Henderson, uno stretto collaboratore di Joshua Lederberg e fondatore originale del Johns Hopkins Working Group on Civilian Biodefense, che includeva Jerome Hauer e il protetto di Henderson Tara O’Toole. Lo stesso Hauer sarebbe venuto a sostituire Henderson come OPHP solo pochi mesi dopo.

La legislazione successiva, modellata in parte da Robert Kadlec, vedrebbe l’OPHP cedere il passo alla posizione di Assistente Segretario per la preparazione alle emergenze della sanità pubblica (ASPHEP), una posizione che anche Hauer avrebbe ricoperto. Hauer userebbe questo post per spingere per lo stoccaggio di vaccini, incluso il vaccino contro l’antrace di BioPort. Hauer e il suo vice, William Raub, avrebbero quindi aiutato a spingere il Pentagono a ricominciare a vaccinare le truppe, nonostante le preoccupazioni di lunga data sulla sicurezza del vaccino. Poco dopo aver lasciato HHS nel 2004, Hauer è stato rapidamente aggiunto al consiglio di amministrazione di BioPort con il nuovo nome Emergent Biosolutions, incarico che ricopre ancora oggi.

Tutti i sistemi vanno

All’indomani degli attacchi all’antrace, le previsioni del giorno del giudizio di Robert Kadlec per gli incidenti bioterroristici sono andate in tilt. “Non è il vaiolo di tua madre”, avrebbe detto Kadlec al LA Times alla fine di ottobre 2001, “È un caccia F-17 Stealth: è progettato per non essere rilevabile e per uccidere. Stiamo sprecando i nostri sforzi per la biodifesa. Non la consideriamo un’arma, la guardiamo ingenuamente come una malattia”. Come osserva l’articolo, questo ceppo di vaiolo da “combattente stealth” non esisteva. Invece, Kadlec – che ora aveva l’orecchio di Rumsfeld sulle questioni di biodifesa – si aspettava che un tale ceppo potesse presto essere geneticamente modificato.

Naturalmente, all’epoca, l’unico governo noto per aver ingegnerizzato geneticamente un agente patogeno erano gli Stati Uniti, come riportato da Judith Miller del New York Times. Miller ha riferito nell’ottobre 2001 che il Pentagono, sulla scia degli attacchi all’antrace, aveva approvato “un progetto per creare una forma potenzialmente più potente di batteri dell’antrace” attraverso la modificazione genetica, un progetto che sarebbe stato condotto dal Battelle Memorial Institute.

Questa era la continuazione del progetto, che aveva coinvolto William Patrick e Ken Alibek, e il Pentagono si mosse per riavviarlo dopo gli attacchi, anche se non è chiaro se Patrick o Alibek abbiano continuato a lavorare sulla successiva iterazione degli sforzi di Battelle per produrre un ceppo più virulento di antrace. Quel progetto è stato sospeso un mese prima, quando Miller e altri giornalisti hanno rivelato l’esistenza del programma in un articolo pubblicato il 4 settembre 2001.

Dopo la notizia dei piani del Pentagono di ricominciare a sviluppare ceppi di antrace più potenti, sono state mosse accuse che gli Stati Uniti stessero violando la convenzione sulle armi biologiche. Tuttavia, gli Stati Uniti hanno evitato per un pelo di dover ammettere di aver violato la convenzione dato che, appena un mese dopo l’esercitazione Dark Winter nel luglio 2001, gli Stati Uniti avevano rifiutato un accordo che avrebbe imposto il divieto sulle armi biologiche.

Il New York Times ha osservato in particolare che gli esperimenti sull’antrace geneticamente modificati eseguiti dalla struttura di West Jefferson di Battelle erano un “motivo significativo” dietro la decisione dell’amministrazione Bush di respingere la bozza di accordo e il governo degli Stati Uniti aveva sostenuto all’epoca che “visite illimitate a le installazioni farmaceutiche o di difesa di ispettori stranieri potrebbero essere utilizzate per raccogliere informazioni strategiche o commerciali”. Naturalmente, una di quelle “installazioni farmaceutiche o di difesa” è stata in definitiva la fonte dell’antrace utilizzato negli attacchi.

Le basi

Sulla scia del caos della fine del 2001, la visione di Kadlec per la politica di biodifesa degli Stati Uniti si stava rapidamente concretizzando davanti ai suoi occhi. Il primo statuto abilitante per il SNS è stato il Public Health Security and Bioterrorism Preparedness Act del 2002, in gran parte motivato dagli attacchi all’antrace, che ha ordinato al Segretario dell’HHS di mantenere una Scorta nazionale strategica (SNS)”. La legislazione era stata il risultato diretto di un processo iniziato anni prima, quando il Congresso aveva stanziato fondi per il CDC per lo stoccaggio di prodotti farmaceutici nel 1998. Il programma era originariamente chiamato National Pharmaceutical Stockpile (NPS).

Il ruolo di Kadlec nel dirigere i successivi sviluppi nel SNS e altri sviluppi legislativi correlati è stato considerevole dato che, nel 2002, è diventato direttore per la biodifesa nel Consiglio per la sicurezza interna di recente creazione. Il suo lavoro nel consiglio, che ha lasciato nel 2005, ha portato alla “Politica nazionale di biodifesa per il 21° secolo” dell’amministrazione Bush, che non sorprende che echeggiasse le raccomandazioni del giornale che Kadlec aveva sponsorizzato al National War College.

Il 1 marzo 2003, l’NPS è diventato il programma Strategic National Stockpile ed è stato gestito congiuntamente da DHS e HHS dopo che George W. Bush ha emesso la direttiva presidenziale sulla sicurezza interna (HSPD-5). Due giorni prima, il Segretario della Sicurezza Nazionale, Tom Ridge e poi il Segretario di HHS Tommy Thompson, avevano presentato al Congresso il Project BioShield Act. È stato un atto legislativo radicale che ha stabilito quello che sarebbe diventato uno sportello governativo per Big Pharma, chiamato Biomedical Advanced Research and Development Authority (BARDA), tra le altre entità e poteri, non ultimo il trasferimento del controllo del SNS lontano da DHS e più vicino a HHS.

Poco dopo la firma di BioShield, BioPort/Emergent BioSolutions ha co-fondato un gruppo di pressione chiamato Alliance for Biosecurity come parte della sua strategia per ottenere facilmente redditizi contratti BioShield. Quel gruppo di lobby ha visto Emergent BioSolutions unire le forze con il Center for Biosecurity dell’Università di Pittsburgh, che era allora guidato da Tara O’Toole e consigliato da Randall Larsen.

Con questo quadro in vigore, la Politica nazionale di biodifesa per il 21° secolo elaborata da Kadlec è stata utilizzata come quadro per la Direttiva presidenziale sulla sicurezza interna di Bush 10 (HSPD-10), che ha ulteriormente ampliato BioShield, il SNS e altri programmi controversi. Il progetto BioShield è diventato legge nel 2004 e, un anno dopo, Kadlec è entrato a far parte della sottocommissione del senatore Richard Burr sul bioterrorismo e la salute pubblica. Lì, Kadlec ha ricoperto il ruolo di direttore del personale nel comitato che ha redatto il Pandemic and All-Hazards Preparedness Act (PAHPA), contenente le direttive politiche specifiche per l’implementazione del Progetto BioShield e la creazione della futura posizione di Kadlec presso l’HHS.

Il PAHPA è stato approvato l’anno successivo all’indomani dell’uragano Katrina e ha stabilito il rapporto statutario tra le varie agenzie emanate o incluse nella legislazione BioShield. Ciò include la delega alla posizione di nuova creazione di Assistente Segretario per la preparazione e la risposta (ASPR) dell’HHS per “esercitare le responsabilità e le autorità del Segretario [dell’HHS] rispetto al coordinamento” della scorta e per supervisionare la ricerca avanzata e lo sviluppo di contromisure mediche finanziate da BARDA, ma condotte da Big Pharma. All’ASPR è stato inoltre affidato il ruolo di leadership nel dirigere la risposta dell’HHS a un’emergenza sanitaria nazionale.

Al fianco di Kadlec alla Casa Bianca durante l’intero processo è stato Tevi Troy, un assistente speciale del presidente per la politica interna; un ruolo che lo ha reso il principale consigliere della Casa Bianca in materia di sanità, lavoro, istruzione e altre questioni con un focus speciale sulla gestione delle crisi. Troy, che era arrivato attraverso il dipartimento del lavoro come vice assistente per le politiche, era già un membro senior sia dell’Hudson Institute che del suo think tank satellite, il Potomac Institute for Policy Studies (PIPS), dove si svolgeva il vero lavoro di sviluppo delle politiche .

Sia Troy che Kadlec sarebbero usciti dall’amministrazione alla fine del primo mandato di Bush e non sarebbero tornati fino alla seconda metà del suo secondo mandato. Nel frattempo, le ruote si erano messe in moto con il passaggio del Progetto BioShield e PAHPA e, subito dopo il loro passaggio, è iniziato il panico per un focolaio di “influenza aviaria”, che si era diffuso prima in 33 città del Vietnam e poi aveva portato a un focolaio della malattia dell’uccisione del pollame che ha colpito tutta l’Eurasia, l’Africa e il Medio Oriente. L’epidemia ha scatenato il panico negli Stati Uniti alla fine del 2005, grazie in gran parte agli avvertimenti esagerati lanciati dal successore di Tommy Thompson come capo di HHS, Michael Leavitt.

Nonostante il fatto che le affermazioni di Leavitt fossero estremamente imprecise, alcuni funzionari dell’amministrazione hanno beneficiato finanziariamente della paura, come Donald Rumsfeld, le cui azioni nella società farmaceutica Gilead gli hanno fruttato $ 5 milioni una volta che lo spavento è cessato. Parte del motivo del salto di redditività di Gilead è derivato dalla decisione del Pentagono e di altre agenzie governative statunitensi di accumulare 80 milioni di dosi di Tamiflu, un farmaco promosso per curare l’influenza aviaria originariamente sviluppato da Gilead. Rumsfeld era stato il massimo dirigente di Gilead prima di entrare nell’amministrazione di George W. Bush. Oltre a coloro che hanno beneficiato monetariamente, l’allarme per l’influenza aviaria ha anche dato un notevole impulso all’agenda delle “scorte” di biodifesa sostenuta da Kadlec e da altri addetti ai lavori.

Kadlec sarebbe tornato alla Casa Bianca come assistente speciale per la sicurezza interna e direttore senior per la politica di difesa biologica nel 2007 per consolidare ulteriormente la sua eventuale presa sulla scorta strategica nazionale e sull’ufficio dell’ASPR, insieme al suo aiutante dell’Hudson Institute/PIPS, Tevi Troy. , contemporaneamente nominato vicedirettore di HHS. Ciò ha affidato a Troy l’incarico di attuare le stesse politiche sancite dal PAHPA e le modifiche dipartimentali attuate come parte del Progetto BioShield.

L’amministrazione Bush è giunta alla sua inevitabile conclusione quando Barack Obama è stato eletto e ha prestato giuramento, all’inizio del 2009. Kadlec e Troy, ancora una volta, hanno lasciato i loro incarichi di governo e sono scomparsi nelle loro tane del settore privato. Ma, quello stesso anno, la prima prova pratica per il SNS appena riadattato di Kadlec ha avuto luogo quando la pandemia di “Influenza suina” (H1N1) ha innescato il suo “più grande dispiegamento” di sempre, distribuendo quasi 13 milioni di regimi antivirali, nonché attrezzature mediche e altri farmaci nazionale ed internazionale in collaborazione con BARDA. Gilead (e Rumsfeld) hanno di nuovo tratto profitto, così come altre grandi aziende farmaceutiche, ansiose di rifornire l’SNS dopo il suo dispiegamento su larga scala.

Le origini del virus sono state oggetto di controversie per diversi anni, in alternativa identificate come originate da maiali in Messico o in Asia. Uno degli ultimi studi condotti nel 2016 afferma di aver tracciato definitivamente la fonte ai maiali in Messico. Indipendentemente dalle sue vere origini, gli osservatori interessati sono stati in grado di raccogliere dati vitali dall’esercizio per prepararsi al “prossimo”.

I cavalli di Troia

Il vicedirettore uscente di HHS, Tevi Troy, ha presto preso un posto come lobbista ad alta potenza per la società di sigarette elettroniche JUUL , che aveva incontrato alcune barriere normative a causa del Tobacco Control Act, che era appena stato firmato dall’allora presidente Obama . Margaret Hamburg, membro fondatore dell’NTI, fu allora commissario della FDA e bloccò l’applicazione delle nuove norme; una tacita politica di non applicazione era perdurata presso la FDA fino al recente divieto di vaporizzazione di aromi, che ha fatto seguito a rinnovate preoccupazioni per la salute sollevate da un rapporto NIH del 2018.

Il motivo per cui un ex funzionario dell’HHS dovrebbe assumere il ruolo di promuovere l’uso di un prodotto noto per essere dannoso per la salute può essere risolto esaminando gli stretti legami del Dr. Troy con il PIPS e l’Hudson Institute. Imbottite nella retorica del libero mercato, queste istituzioni sono veicoli per le iniziative politiche che i loro finanziatori miliardari vogliono vedere implementate, con i suoi think tank sussidiari, come il PIPS, che fungono da satelliti in orbita più vicino al centro del potere.

In qualità di membro aggiunto dell’Hudson Institute e membro anziano del PIPS, Tevi Troy sembra svolgere un ruolo fondamentale nel coordinamento tra i due. L’Hudson Institute è stato fondato nel 1961 dall’ex stratega militare della RAND, teorico dei sistemi e ispiratore del Dr. Stranamore Herman Kahn. Dopo la morte di Kahn nel 1983, l’Istituto è stato “pesantemente reclutato” dalla Lilly Endowment – la più grande fondazione privata negli Stati Uniti, di gran lunga – ed è diventato una calamita per le stesse reti miliardari conservatrici radicali che lo frequentano oggi.

Tra i suoi maggiori donatori ci sono nomi noti come Microsoft, Lockheed Martin Corporation, The Charles Koch Foundation, Boeing ed Emergent BioSolutions. Nel 2004, Lilly Endowment è tornata a Washington DC, annunciando che sarebbe tornata alle sue radici di sicurezza nazionale e politica estera come risultato della guerra al terrore che è diventata una “preoccupazione nazionale generale”.

Il PIPS e l’Hudson Institute avrebbero giocato un ruolo centrale negli imminenti sforzi di Kadlec per rendere la biodifesa una priorità nazionale con lui alla guida di un ufficio ampiamente ampliato dell’ASPR. Ma sarebbero passati ancora alcuni anni. Nel frattempo, c’era molto da fare nel campo della legislazione, per non parlare dell’impresa privata.

Basandosi su tutte le versioni precedenti del PAHPA originale di Kadlec, il Pandemic and All-Hazards Preparedness Reauthorization Act (PAHPRA) del 2013 ha stabilito altri due strumenti che hanno rafforzato il suo obiettivo finale. In primo luogo, la strategia e il piano di attuazione del PHEMCE (SIP) è stato codificato in legge, che ha formalizzato i legami della legislazione originale con l’ufficio del bilancio e, in secondo luogo, ha semplificato l’impianto di autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) affinché la FDA possa accelerare le approvazioni dei farmaci.

Mostrarmi il denaro

Poco dopo essere tornato nel settore privato, Robert Kadlec ha contribuito a fondare una nuova società nel 2012 chiamata “East West Protection”, che sviluppa e fornisce “sistemi di risposta e preparazione a tutti i rischi integrati per le comunità e le nazioni sovrane”. La società ha anche “consiglia comunità e paesi sulle questioni relative alla minaccia delle armi di distruzione di massa e pandemie naturali”.

Kadlec ha formato la società con W. Craig Vanderwagen, il primo HHS ASPR dopo che la creazione del post era stata in gran parte orchestrata da Kadlec. L’ altro co-fondatore di East West Protection era Fuad El-Hibri, il fondatore di BioPort/Emergent Biosolutions, che si era appena dimesso da amministratore delegato di Emergent all’inizio di quell’anno.

El-Hibri ha numerosi rapporti d’affari con il Regno dell’Arabia Saudita, dove lui e suo padre, Ibrahim El-Hibri, una volta avevano venduto scorte di vaccino contro l’antrace al governo saudita per un prezzo esorbitante per dose. East West Protection ha inseguito l’opportunità di dotare il Regno di un sistema di biodifesa personalizzato, ma alla fine non è riuscito a finalizzare l’accordo nonostante le connessioni di El-Hibri. Invece, East West Protection ha venduto i suoi prodotti a una manciata di stati degli Stati Uniti.

Kadlec è stato il direttore dell’azienda dalla sua fondazione almeno fino al 2015, poi vendendo la sua partecipazione nella società a El-Hibri. Dopo essere stato nominato per servire come ASPR nell’amministrazione Trump, Kadlec non ha rivelato i suoi legami con East West Protection ed El-Hibri e da allora ha affermato di essere stato coinvolto solo nella fondazione dell’azienda, nonostante le evidenze delle prove contrarie.

Le incursioni di Robert Kadlec nel settore privato durante questo periodo sono andate ben oltre la East West Protection. La società di consulenza di Kadlec, RPK Consulting, gli ha fruttato $ 451.000 solo nel 2014, dove ha consigliato direttamente Emergent Biosolutions e altre aziende farmaceutiche come Bavarian Nordic. Kadlec è stato anche consulente di appaltatori militari e di intelligence, come la società Invincea sostenuta dalla DARPA e l’appaltatore della NSA Scitor, che è stata recentemente acquisita da SAIC.

Il lavoro di consulenza di Kadlec per società collegate all’intelligence gli è valso le lodi di fantasmi diventati imprenditori, tra cui Steve Cash, un ex ufficiale della CIA e fondatore di Deck Prism, a sua volta una società di consulenza che ha mantenuto Kadlec. Cash ha recentemente dichiarato al Washington Post che “Tutti amano il dottor Bob [Kadlec]”, aggiungendo che era un “tesoro nazionale”.

Alla vigilia di Biowarfare

Kadlec aveva sicuramente accumulato un forziere di potere aiutato da alcuni rapporti molto intimi nel settore della consulenza e, ormai, erano state preparate le basi per una grande spinta per creare un organismo ufficiale all’interno delle aule del parlamento; una società di consulenza incorporata, di sorta, per promuovere i progetti della cricca della guerra biologica.

Quell’anno, Robert Kadlec organizzò un Blue Ribbon Study Panel sponsorizzato congiuntamente dall’Hudson Institute e da un’istituzione sussidiaria del PIPS chiamata Inter-University Center for Terrorism Studies (IUCTS), gestito dal Dr. Yonah Alexander. Il Blue Ribbon Panel di Kadlec era presieduto dal senatore Joe Lieberman e includeva l’indispensabile contributo di Tom Daschle, Donna Shalala e altri membri del club di politica sulla guerra biologica.

Il gruppo di studio ha pubblicato un rapporto alla fine del 2015 intitolato Un progetto nazionale per la biodifesa che richiede 33 iniziative specifiche, come la creazione di un sistema ospedaliero di biodifesa e l’attuazione di una “collaborazione civile-militare per la biodifesa”. Inoltre, il gruppo ha raccomandato che l’ufficio del vicepresidente guidasse un “Consiglio di coordinamento” della Casa Bianca per supervisionare e guidare la politica di biodifesa.

Un organismo ufficiale chiamato Commissione bipartisan sulla biodifesa sarebbe stato formato poco dopo con tutti i membri del Blue Ribbon Panel e molti altri come il co-presidente della Commissione Tom Ridge e, forse non sorprende, Tevi Troy e Yonah Alexander, che fungono da membri d’ufficio. Accanto a loro c’è Lewis “Scooter” Libby, ex capo dello staff di Dick Cheney e vicepresidente senior dell’Hudson Institute, che è anche lo sponsor fiscale della Commissione.

Nei ringraziamenti, il rapporto del 2015 della giuria include un omaggio a Robert Kadlec a cui attribuiscono il merito per il successo, che “esiste solo grazie alla lungimiranza, alla tolleranza e al perpetuo ottimismo del Dr. Robert Kadlec. Bob ha capito che tutti i progressi compiuti nello sforzo nazionale per prevenire e prepararsi alle minacce biologiche non sono ancora sufficienti. Sapeva che con il giusto impulso avremmo potuto fare molto di più e ha immaginato questo Panel come un mezzo per raggiungere questo scopo. Siamo contenti che l’abbia fatto”.

Kadlec ha montato quest’ultima offensiva mentre prestava servizio come vicedirettore del personale per il comitato ristretto per l’intelligence del Senato del senatore Richard Burr, una posizione che avrebbe ricoperto fino alla vigilia dell’elezione di Donald Trump nel 2016. Trump lo avrebbe quindi nominato all’ufficio dell’ASPR e Kadlec avrebbe essere confermata all’inizio di agosto dell’anno successivo.

Rimaneva solo un pezzo del puzzle, ma non sarebbe passato molto tempo prima che Robert Kadlec diventasse il più grande capo di tutti con un sottile cambiamento introdotto nel PAHPRA 2018:

Titolo III – Sez 301

1) DELEGAZIONE ALL’ASPR.—La sottosezione (a)(1) della sezione 319F–2 del Public Health Service Act (42 USC 247d–6b) è modificata eliminando “in collaborazione con il Direttore dei Centers for Disease Control e Prevenzione” e inserendo ”agire tramite il Segretario aggiunto per la preparazione e la risposta.”

UnlimitedHangout


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


2 pensieri riguardo “Il Capo dell’Idra: L’ascesa di Robert Kadlec

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: