Moderna: un’azienda “bisognosa di un’Ave Maria”

Prima del COVID-19, Moderna era in pericolo di emorragie per gli investitori, poiché i persistenti problemi di sicurezza e altri dubbi sul suo sistema di consegna dell’mRNA minacciavano la sua intera pipeline di prodotti. La paura causata dalla crisi pandemica ha fatto evaporare in gran parte queste preoccupazioni, anche se non ci sono prove che siano mai state risolte.

7 ottobre 2021; articolo di Whitney Webb

Coloro che hanno analizzato la crisi COVID-19 e i suoi effetti si sono concentrati principalmente su come la sua natura dirompente abbia portato a importanti cambiamenti e ricalibrazioni in tutta la società e l’economia. Tale interruzione si è anche prestata a una varietà di agende che avevano richiesto un evento di potenziale “reset” per essere realizzate. Nel caso dell’industria dei vaccini, il COVID-19 ha portato a cambiamenti drammatici nel modo in cui le agenzie federali gestiscono l’approvazione delle contromisure mediche durante una crisi dichiarata, come vengono condotti i test per i candidati al vaccino, come il pubblico percepisce la vaccinazione e persino come il termine “vaccino” è definito. 

Tali cambiamenti, sebbene ovvi, hanno provocato elogi da parte di alcuni e aspre critiche da parte di altri, con quest’ultima categoria ampiamente censurata dal discorso pubblico in televisione, sulla stampa e online. Tuttavia, nell’analizzare obiettivamente tali cambiamenti sismici, è chiaro che la maggior parte di questi cambiamenti nello sviluppo e nella politica dei vaccini favoriscono drammaticamente la velocità e l’implementazione di nuove tecnologie sperimentali a scapito della sicurezza e di uno studio approfondito. Nel caso dei vaccini, si può affermare che nessuno ha beneficiato di questi cambiamenti più degli stessi sviluppatori dei vaccini COVID-19, in particolare l’azienda farmaceutica e biotecnologica Moderna.

La crisi del COVID-19 non solo ha cancellato gli ostacoli che in precedenza avevano impedito a Moderna di portare un singolo prodotto sul mercato, ma ha anche invertito drasticamente le sorti dell’azienda. In effetti, dal 2016 fino all’emergere di COVID-19, Moderna è riuscita a malapena a tenerla insieme, poiché stava perdendo dirigenti chiave, talenti di spicco e grandi investitori a un ritmo allarmante. In sostanza, la promessa di Moderna di “rivoluzionare” la medicina e le notevoli capacità di vendita e di raccolta fondi dell’alto dirigente dell’azienda, Stéphane Bancel, sono state le forze principali che l’hanno tenuta a galla. Negli anni che hanno preceduto la crisi del COVID-19, le promesse di Moderna, nonostante gli sforzi di Bancel, suonavano sempre più vuote,poiché la propensione di lunga data dell’azienda per l’estrema segretezza significava che, nonostante quasi un decennio di attività, non era mai stata in grado di dimostrare in modo definitivo di poter realizzare la “rivoluzione” che aveva continuamente assicurato agli investitori che era dietro l’angolo.

Ciò è stato aggravato da importanti problemi con i brevetti detenuti da un concorrente ostile che hanno minacciato la capacità di Moderna di trarre profitto da qualsiasi cosa potesse riuscire a portare sul mercato, nonché da importanti problemi con il suo sistema di consegna dell’mRNA che li ha portati ad abbandonare qualsiasi trattamento che avrebbe richiedono più di una dose a causa di problemi di tossicità. Quest’ultimo problema, sebbene oggi in gran parte dimenticato e/o ignorato dai media, dovrebbe essere un argomento importante nel dibattito sul richiamo del COVID-19, dato che non ci sono ancora prove che Moderna abbia mai risolto il problema della tossicità sorto nei prodotti multi dose.

In questa prima puntata di una serie in due parti, viene discussa in dettaglio la terribile situazione in cui si è trovata Moderna immediatamente prima dell’emergere di COVID-19, rivelando che Moderna, proprio come l’ormai disgraziata società Theranos, era stata a lungo una castello di carte con valutazioni alle stelle completamente disconnesse dalla realtà. La parte 2 esplorerà come quella realtà sarebbe crollata nel 2020 o nel 2021 se non fosse stato per l’avvento della crisi COVID-19 e la successiva partnership di Moderna con il governo degli Stati Uniti e i processi altamente insoliti che coinvolgono lo sviluppo e l’approvazione del suo vaccino. Nonostante l’emergere di dati del mondo reale che mettano in discussione le affermazioni secondo cui il vaccino COVID-19 di Moderna è sicuro ed efficace, il richiamo di Moderna è stato accelerato da alcuni governi, mentre altri hanno recentemente vietato l’uso del vaccino nei giovani adulti e negli adolescenti a causa di problemi di sicurezza.

Come mostrerà questa serie in due parti, i problemi di sicurezza su Moderna erano noti ben prima della crisi COVID, eppure sono stati ignorati dalle autorità sanitarie e dai media durante la crisi stessa. Inoltre, per evitare il collasso, Moderna deve continuare a vendere il suo vaccino COVID-19 negli anni a venire. In altre parole, senza l’approvazione del suo booster, che ha causato grandi polemiche anche tra i massimi funzionari vaccinali del paese, Moderna deve affrontare un’enorme resa dei conti finanziaria. Mentre la crisi COVID-19 ha gettato l’azienda una scialuppa di salvataggio, l’amministrazione del suo vaccino COVID-19, in cui il governo degli Stati Uniti ha ora investito quasi $ 6 miliardi, deve continuare nel prossimo futuro affinché il salvataggio abbia davvero successo. Altrimenti, un’azienda che ora vale 126,7 miliardi di dollari, con importanti investimenti da parte del governo e dell’esercito degli Stati Uniti e legami con gli individui più ricchi del mondo, si sgretolerà in breve tempo.

Un nuovo Theranos?

Nel settembre 2016, Damian Garde, il reporter nazionale sulle biotecnologie per la società di media medici STAT , ha scritto una lunga esposizione sull’“ego, l’ambizione e il tumulto” che affligge “una delle startup più segrete della biotecnologia”. L’articolo si è concentrato sulla società Moderna, fondata nel 2010 per commercializzare la ricerca del biologo cellulare del Boston Children’s Hospital Derrick Rossi. Lo sforzo di realizzare un profitto creando Moderna, che ha coinvolto intimamente il controverso scienziato e stretto collaboratore di Bill Gates Bob Langer così come Flagship Ventures (ora Flagship Pioneering) con sede a Cambridge, nel Massachusetts, iniziò subito dopo che Rossi pubblicò un rapporto sulla capacità dell’RNA modificato di trasformare le cellule della pelle in diversi tipi di tessuto.

Tra il momento della fondazione di Moderna e l’indagine di Garde del 2016, il ronzio intorno alla ricerca di Rossi e al suo potenziale di creare scoperte mediche era diminuito, così come il ronzio intorno al suo potenziale per rendere i suoi investitori molto ricchi. Nonostante la collaborazione con giganti farmaceutici come AstraZeneca e la raccolta di importi record di finanziamenti, Moderna non aveva ancora alcun prodotto sul mercato sei anni dopo la sua fondazione e, come rivelato da STAT, “l’ambiente di lavoro caustico dell’azienda” aveva portato a un’emorragia persistente di alti talenti, sebbene poco dei suoi conflitti interni fosse pubblicamente noto a causa della “sua ossessione per la segretezza”. La cosa più preoccupante per l’azienda quell’anno, tuttavia, era che Moderna sembrava essersi “imbattuta in ostacoli con i suoi progetti più ambiziosi”.

Moderna CEO Stéphane Bancel

A parte gli ostacoli scientifici che Moderna aveva incontrato, uno dei principali “ostacoli” per l’azienda, secondo Garde, era nientemeno che Stéphane Bancel, l’alto dirigente di Moderna, che è ancora a capo dell’azienda. Secondo Garde, Bancel era esattamente al centro di molte delle controversie dell’azienda dovute, in parte, alla sua “incrollabile convinzione che la scienza di Moderna funzionerà e che i dipendenti che non ‘vivono la missione’ non hanno posto nell’azienda. ”Tra il 2012 e il 2016, Bancel è stato presumibilmente un fattore chiave nelle dimissioni di almeno una dozzina di dirigenti di alto livello”, compresi quelli che hanno diretto la pipeline di prodotti di Moderna e i suoi progetti di vaccini. 

Bancel, prima di entrare in Moderna, aveva trascorso gran parte della sua carriera nelle vendite e nelle operazioni, non nella scienza, facendosi un nome presso il colosso farmaceutico Eli Lilly prima di dirigere una società di diagnostica francese chiamata bioMérieux. La sua performance lì, così come la sua ambizione, ha attirato l’attenzione di Flagship Ventures, un cofondatore di Moderna e un investitore di spicco, che lo ha poi collegato alla società che avrebbe poi guidato. 

Sebbene non abbia un background in mRNA e la scienza dietro il suo uso come terapeutico, Bancel ha compensato diventando il venditore di Moderna per eccellenza. Sotto la sua guida, Moderna divenne “riluttante a pubblicare il suo lavoro in Science or Nature, ma entusiasta di annunciare il suo potenziale su CNBC e CNN”. In altre parole, sotto Bancel, l’azienda è arrivata a promuovere la sua scienza attraverso la pubblicità sui media e le pubbliche relazioni piuttosto che pubblicando dati reali o prove scientifiche. Quando due dei suoi candidati al vaccino sono entrati negli studi umani di fase 1 nel 2016 (prove che alla fine non sono andate da nessuna parte), la società ha rifiutato di elencarli nel registro federale pubblico ClinicalTrials.gov. La decisione di non elencare, che si discosta dalla pratica comune dei concorrenti di Moderna e di altre aziende produttrici di vaccini più tradizionali, ha significato che le informazioni sulla sicurezza di questi candidati al vaccino probabilmente non sarebbero mai state pubblicamente disponibili dopo la conclusione della sperimentazione. Moderna ha anche rifiutato di commentare pubblicamente su quali malattie questi vaccini avrebbero dovuto colpire.

Tale segretezza è diventata comune a Moderna dopo che Bancel ha preso il timone, con la società che non aveva pubblicato dati “a supporto della sua decantata tecnologia” al momento della pubblicazione dell’esposizione 2016 di STAT . Agli addetti ai lavori e agli investitori che avevano impegnato milioni per l’azienda è stato concesso solo “un’occhiata” ai dati dell’azienda. Secondo gli ex scienziati di Moderna che hanno parlato con STAT , l’azienda era “un caso di vestiti nuovi dell’imperatore”. Gli ex dipendenti hanno inoltre accusato Bancel di “gestire una società di investimento” e “sviluppa anche un farmaco che ha successo”

Forse è per questo che Bancel è stato ritenuto il miglior dirigente per guidare Moderna. In qualità di venditore ambizioso che gestisce un’azienda altamente sopravvalutata, darebbe la priorità all’immagine dell’azienda e alle sue finanze, indipendentemente da eventuali problemi con la scienza alla base di tutto. Forse è stato per questo motivo che Bancel, per ex dipendenti, “ha chiarito [fin dall’inizio] che la scienza di Moderna doveva semplicemente funzionare. E che chiunque non fosse in grado di farlo funzionare non apparteneva”

Come notato da STAT nel 2016, le persone incaricate di far funzionare “la scienza” erano quelle che più frequentemente si sono dimesse, il che ha portato Moderna a perdere due capi di chimica in un solo anno, seguito a breve dalla perdita del suo direttore scientifico e del suo capo di manifattura. Molti alti dirigenti, compresi i capi dei suoi rami di ricerca sul cancro e di ricerca sulle malattie rare, hanno finito per durare meno di diciotto mesi nelle loro rispettive posizioni. Le improvvise dimissioni non erano esclusive nemmeno delle posizioni dirigenziali incentrate sulla scienza di Moderna, poiché anche il responsabile delle informazioni e il ruolo di dirigente finanziario superiore sono stati interessati. Bancel ha infine chiesto consiglio ai dipartimenti delle risorse umane di Facebook, Google e Netflix sulla fidelizzazione dei dipendenti. 

Particolarmente significativa sono state le brusche e misteriose dimissioni del capo della ricerca e sviluppo di Moderna, Joseph Bolen, dopo circa due anni in azienda. Un membro dell’azienda all’epoca disse a STAT che l’unica ragione per cui Bolen si sarebbe dimesso era se “c’era qualcosa di sbagliato nella scienza o nel personale”. In altre parole, Bolen se ne andò perché la scienza alla base dell’enorme valutazione di Moderna non era all’altezza del clamore o Bancel lo aveva costretto a uscire, con l’ulteriore possibilità che entrambi fossero la chiave delle dimissioni di Bolen. 

La speculazione all’epoca puntava il dito contro Bancel, anche se non è chiaro perché sia ​​emersa la spaccatura tra i due uomini. Bancel ha affermato di aver cercato di convincere Bolen a rimanere, sebbene ci fossero affermazioni contrastanti da parte di dipendenti anonimi e che Bolen si fosse “votato fuori dall’isola”

Qualunque sia la causa esatta delle dimissioni del capo della R & S, ha solo aggiunto alla mistica intorno al funzionamento interno di Moderna e alla sua capacità di mantenere la sua promessa di “rivoluzionare” la medicina. Rivela anche più di alcune somiglianze tra Moderna e l’ormai disgraziata società Theranos. Theranos, il cui ex alto dirigente, Elizabeth Holmes, è ora sotto processo per frode, era noto per la sua estrema cultura della segretezza che teneva all’oscuro investitori e partner commerciali, imponeva accordi di non divulgazione a tutti coloro che entravano in contatto con l’azienda e manteneva i dipendenti “silosed” attraverso una politica estremamente rigorosa del bisogno di sapere. Come Moderna, Theranos era stato elogiato come rivoluzionario e pronto a “cambiare per sempre l’industria medica”. Allo stesso modo, il suo alto dirigente non aveva esperienza professionale in campo sanitario o scientifico, ma ha licenziato o costretto alle dimissioni i dipendenti che non erano d’accordo con la loro prospettiva o non erano in grado di fornire risultati “positivi”. Entrambe le società non sono state nemmeno in grado di pubblicare alcuna prova in riviste peer-reviewed che la scienza dietro le loro aziende valutate in miliardi di dollari fosse più di una semplice fantasia e di un’idea di vendita ben congegnata. 

Probabilmente, la differenza più critica tra Moderna e Theranos è che Moderna, i cui numerosi problemi e sfide sono venuti alla luce solo dopo l’inizio del crollo di Theranos, non ha mai affrontato lo stesso grado di controllo da parte del governo degli Stati Uniti o dei principali giornalisti investigativi. Ci sono molte possibili ragioni per questo, inclusa la stretta relazione di Moderna con il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti attraverso la Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA), o la preoccupazione che la sua esposizione post-Theranos porterebbe al controllo qualsiasi azienda esistente all’incrocio della Silicon Valley e il settore sanitario. Tuttavia, una tale resa dei conti sarebbe stata probabilmente inevitabile per Moderna se non fosse stato per la crisi COVID-19, che non sarebbe potuta arrivare in un momento più conveniente per l’azienda.

Il “software” di Moderna incontra i bug

Molti dei problemi con Moderna identificati da Garde nel 2016 hanno continuato ad affliggere l’azienda fino all’inizio della crisi COVID-19. La principale tra queste è stata la lotta di Moderna per dimostrare che la sua tecnologia funzionava e che era sicura. Preoccupazioni per la sicurezza e l’efficacia dei prodotti dell’azienda, che sono state segnalate pubblicamente a partire dal 2017, evaporato nell’ondata di panico che circonda COVID-19 e la simultanea corsa “Warp Speed” per un vaccino che “porre fine alla pandemia”. Tuttavia, ci sono poche o nessuna prova che queste preoccupazioni un tempo ben riconosciute siano state affrontate prima dell’autorizzazione all’uso di emergenza del governo degli Stati Uniti del vaccino COVID-19 di Moderna e del suo uso ora diffuso in molti paesi in tutto il mondo. Al contrario, ci sono prove che queste preoccupazioni sono state nascoste sia prima che durante lo sviluppo del suo vaccino.

Ufficio di Moderna a Cambridge, Massachusetts

I rapporti emersi a gennaio 2017 rilevavano che Moderna aveva “incontrato preoccupanti problemi di sicurezza con la sua terapia più ambiziosa” e che la società stava “ora puntando su una misteriosa nuova tecnologia per mantenersi a galla”. La “terapia ambiziosa” in questione aveva lo scopo di curare la sindrome di Crigler-Najjar e “doveva essere la prima terapia che utilizzava una nuova tecnologia audace che Bancel aveva promesso avrebbe prodotto dozzine di farmaci nel prossimo decennio”. Bancel aveva specificamente utilizzato la terapia Crigler-Najjar come un importante punto di forza per gli investitori, in particolare nel 2016 quando l’ha propagandata alla JP Morgan Healthcare Conference. 

Tuttavia, i dipendenti di Alexion, la società che sviluppa il farmaco con Moderna, hanno denunciato il progetto nel 2017, rivelando che “non si è mai dimostrato abbastanza sicuro da poter essere testato sugli esseri umani” e che il fallimento di questa terapia e della piattaforma tecnologica cercato di utilizzare era stato responsabile per aver spinto Moderna ad abbandonare la classe di terapie farmacologiche che, per anni, aveva giustificato la sua valutazione alle stelle e attirato centinaia di milioni di soldi dagli investitori. 

A causa del problema con il farmaco Crigler-Najjar, i media hanno affermato che Moderna aveva ora bisogno di un’Ave Maria che impedisse alla sua valutazione di implodere e ai suoi investitori di fuggire. La persistenza dei problemi rilevati per la prima volta nell’indagine STAT del 2016 , come l’incapacità di Moderna di pubblicare dati significativi a supporto della sua tecnologia mRNA, stava solo esacerbando la posizione sempre più precaria dell’azienda. Infatti, non molto tempo prima del ritardo indefinito della terapia Crigler-Najjar, Bancel aveva licenziato domande sulla promessa di Moderna di dipingere l’mRNA come un modo semplice per sviluppare rapidamente nuovi trattamenti per una varietà di malattie. Ha affermato che “l’mRNA è come il software: puoi semplicemente girare la manovella e far sviluppare molti prodotti”. Se così fosse, perché l’azienda non aveva più prodotti sul mercato dopo quasi sette anni e perché il suo progetto più pubblicizzato aveva incontrato tali ostacoli? Chiaramente, in linea con la metafora del “software” di Bancel, la tecnologia di Moderna aveva incontrato dei bug, bug potenzialmente ineliminabili. 

Si scopre che la terapia farmacologica Crigler-Najjar su cui Moderna aveva scommesso così pesantemente era fallita a causa del sistema di consegna delle nanoparticelle lipidiche utilizzato per trasportare l’mRNA nelle cellule. Crigler-Najjar era stato scelto come condizione target perché gli scienziati di Moderna lo consideravano “il frutto più basso”. Innanzitutto, la sindrome è causata da uno specifico difetto genetico; secondo, l’organo colpito, il fegato, è tra i più facili da colpire con le nanoparticelle; e terzo e più importante per l’azienda, il trattamento della malattia con l’mRNA richiederebbe dosi frequenti, garantendo un flusso costante di entrate per l’azienda. Pertanto, dati i primi due motivi alla base dell’attenzione dell’azienda su Crigler-Najjar, se Moderna non poteva sviluppare una terapia per quella condizione, significava che non sarebbe stata in grado di sviluppare una terapia per altre condizioni che, ad esempio,sono stati causati da più difetti genetici o hanno colpito più organi o quelli più resistenti ai trattamenti a base di nanoparticelle. In altre parole, che “Moderna non poteva far funzionare la sua terapia [per Crigler-Najjar]” significava che era improbabile che anche le terapie di quell’intera classe funzionassero. 

In effetti, i resoconti dei media sul ritardo indefinito di questa particolare terapia hanno osservato che “il ritardo indefinito sul progetto [Moderna] Crigler-Najjar segnala persistenti e preoccupanti preoccupazioni sulla sicurezza per qualsiasi trattamento con mRNA che deve essere somministrato in dosi multiple”. Questo problema porterebbe presto Moderna a perseguire solo trattamenti che potrebbero essere somministrati come una singola dose, ovvero fino all’emergere di COVID-19 e all’avvento del dibattito sul richiamo del vaccino COVID-19. Vale anche la pena ricordare che, a causa dell’estrema rarità della sindrome di Crigler-Najjar, anche se la terapia fosse stata introdotta con successo sul mercato da Moderna, sarebbe stato improbabile che avrebbe portato abbastanza soldi per sostenere l’azienda.

Il problema specifico che Moderna ha incontrato con il trattamento Crigler-Najjar era correlato al sistema di rilascio di nanoparticelle lipidiche che stava utilizzando. Secondo gli ex dipendenti di Moderna e i loro collaboratori di Alexion, “la dose sicura era troppo debole e le iniezioni ripetute di una dose abbastanza forte da essere efficace hanno avuto effetti preoccupanti sul fegato [l’organo bersaglio di questa particolare terapia] negli studi sugli animali”. Questo era un problema che Moderna aveva apparentemente incontrato con il suo sistema di consegna delle nanoparticelle anche in altri casi, secondo i rapporti pubblicati all’epoca. Per STAT, il sistema di somministrazione impiegato da Moderna aveva costantemente “creato una sfida scoraggiante: dosare troppo poco e non si ottiene abbastanza enzima per influenzare la malattia; dosa troppo e il farmaco è troppo tossico per i pazienti”

Moderna ha tentato di compensare la cattiva stampa per aver dovuto ritardare il farmaco Crigler-Najjar affermando di aver sviluppato un nuovo sistema di consegna di nanoparticelle chiamato V1GL che “fornirà in modo più sicuro l’mRNA”. Le affermazioni sono arrivate un mese dopo che Bancel aveva propagandato un altro sistema di consegna chiamato N1GL a Forbes. In quell’intervista, Bancel ha detto a Forbes che il sistema di consegna che stavano usando, concesso in licenza da Acuitas, “non era molto buono” e che Moderna aveva “smesso di usare la tecnologia Acuitas per nuovi farmaci”. Tuttavia, come verrà esplorato in dettaglio in questo rapporto e nella parte II di questa serie, sembra che Moderna abbia continuato a fare affidamento sulla tecnologia autorizzata da Acuitas nei successivi vaccini e altri progetti, incluso il suo vaccino COVID-19.

Gli ex dipendenti di Moderna e quelli vicini allo sviluppo del loro prodotto erano dubbiosi all’epoca che questi nuovi e presumibilmente più sicuri sistemi di consegna di nanoparticelle avessero qualche conseguenza. Secondo tre ex dipendenti e collaboratori vicini al processo che hanno parlato in modo anonimo con STAT, Moderna ha da tempo “lavorato su nuove tecnologie di consegna nella speranza di trovare qualcosa di più sicuro di quello che aveva”. Tutti gli intervistati ritengono che “N1GL e V1GL siano scoperte molto recenti, solo nelle prime fasi dei test, oppure nuovi nomi schiaffeggiati su tecnologie che Moderna possiede da anni”. Tutti hanno parlato in modo anonimo per aver firmato accordi di non divulgazione con l’azienda, accordi che vengono applicati in modo aggressivo. 

Un ex dipendente, commentando la presunta promessa di N1GL e V1GL, ha affermato che queste piattaforme “dovrebbero essere una sorta di miracoloso risparmio di Ave Maria per arrivare dove devono essere nelle loro tempistiche… Bancel è estremamente fiducioso che funzionerà, o sta diventando un po’ nervoso perché, con la mancanza di progressi, ha bisogno di mettere qualcosa là fuori”

Stephen Hoge, presidente di Moderna, e Melissa Moore, CSO di Moderna per Platform Research Fonte: Moderna

Sembra che quegli ex dipendenti che credevano che N1GL e V1GL fossero nuovi nomi messi sulla tecnologia esistente e che Bancel stesse vendendo troppo la loro promessa avessero ragione, poiché Moderna sembra essere tornata al travagliato sistema di rilascio di nanoparticelle lipidiche che aveva autorizzato da Acuitas per le terapie successive, compreso il suo vaccino contro il COVID-19. Come verrà esplorato in questo rapporto e nella Parte II di questa serie, non ci sono prove che Moderna abbia mai ottenuto la sua “Ave Maria” salvo quando si trattava di acquisire i diritti o di sviluppare un sistema di consegna di mRNA sicuro. 

Oltre alle tanto propagandate promesse di N1GL e V1GL come trattamenti più sicuri, Moderna ha inoltre promesso di creare “nuove e migliori formulazioni” per la terapia Crigler-Najjar che potrebbero potenzialmente essere sperimentate sull’uomo in un secondo momento. Ciò ha contribuito a evitare più cattiva stampa, ma solo per poche settimane. Un mese dopo che i problemi con la terapia Crigler-Najjar sono stati segnalati pubblicamente, il capo della divisione oncologica di Moderna, Stephen Kesley, ha lasciato l’azienda. Questo è stato proprio mentre Moderna si stava muovendo verso i suoi primi studi sull’uomo per il suo trattamento del cancro, che ha costretto “un team dirigenziale senior con poca esperienza nello sviluppo di farmaci per risolvere il futuro dell’azienda sul campo”. Poche settimane prima della partenza di Kesley, Bancel aveva coraggiosamente affermato… nel tentativo di conquistare nuovi investitori alla JP Morgan Healthcare Conference, tenutasi nel gennaio 2017 a San Francisco, l’oncologia è stata la “prossima grande opportunità di Moderna dopo i vaccini”

Lo stesso mese della partenza di Kesley, Moderna è stata in grado di attirare l’attenzione dei media altrove, poiché per la prima volta hanno pubblicato dati in una rivista peer-reviewed. In Cell , i suoi scienziati hanno pubblicato dati su una sperimentazione animale per il suo candidato vaccino Zika che ha dimostrato positivamente sia l’efficacia che la sicurezza nei topi. Sebbene i risultati della sperimentazione animale non si traducano necessariamente in risultati equivalenti negli esseri umani, i risultati sono stati ritenuti “di buon auspicio” per la sperimentazione clinica pianificata di Moderna di quel candidato vaccino negli esseri umani. Inoltre, i risultati erano come i risultati della sperimentazione animale pubblicati dal concorrente di Moderna BioNTech per il loro candidato al vaccino mRNA per Zika un mese prima.

Tuttavia, per Moderna, la notizia positiva è stata smorzata da una sentenza negativa su una controversia legale che ha minacciato la capacità di Moderna di trarre profitto dal vaccino Zika o da qualsiasi altro vaccino mRNA sviluppato, una minaccia che i concorrenti di Moderna, come BioNTech, non hanno non devo lottare con. Tale sentenza, discussa in maggior dettaglio più avanti in questo rapporto, ha notevolmente limitato l’uso da parte di Moderna del sistema di rilascio di nanoparticelle lipidiche concesso in licenza tramite Acuitas e ha minacciato direttamente la capacità dell’azienda di creare un prodotto a scopo di lucro utilizzando la proprietà intellettuale legata ai relativi brevetti. Darebbe anche il via a una disputa legale lunga anni che ha suggerito a più riprese che le promesse di V1GL e N1GL erano o completamente inventate o molto esagerate, come avevano affermato ex dipendenti e collaboratori di Moderna. 

Non molto tempo dopo, nel luglio 2017, Moderna è stata colpita da un’altra ondata di cattiva stampa quando il loro partner nell’impresa Crigler-Najjar, Alexion, ha tagliato completamente i legami con l’azienda. Moderna ha minimizzato la decisione di Alexion e ha affermato di aver acquisito “un’ampia conoscenza” che gli avrebbe permesso di continuare a sviluppare da sola la travagliata terapia. Tuttavia, la decisione di Alexion è arrivata in un momento inopportuno per la società, poiché uno dei migliori investitori di Moderna aveva appena due settimane prima ridotto la sua valutazione della società di quasi $ 2 miliardi, presumibilmente perché Moderna aveva “lottato per essere all’altezza del proprio clamore”. I rapporti hanno iniziato a circolare affermando che “gli investitori di Moderna potrebbero perdere fiducia nel futuro dell’azienda”

In effetti, il farmaco per la sindrome di Crigler-Najjar non era l’unico che, a quel punto, si era dimostrato “troppo debole o troppo pericoloso per essere testato negli studi clinici”, secondo ex dipendenti e partner. Il problema persistente, che riguardava ancora il sistema di consegna delle nanoparticelle che Moderna aveva autorizzato da Acuitas, aveva costretto l’azienda, a partire dal ritardo della terapia Crigler-Najjar, a “dare priorità ai vaccini, che possono essere somministrati una sola volta e quindi evitare la sicurezza problemi che hanno afflitto progetti più ambiziosi”

Tuttavia, questi “vaccini” o terapie monodose non erano considerati così redditizi come le terapie farmacologiche che Moderna aveva promesso da tempo e che hanno sostenuto la sua valutazione multimiliardaria, costringendo così l’azienda a “scommettere in grande su un leader in perdita”. Un altro problema era che Moderna era in ritardo rispetto ai suoi concorrenti sui vaccini mRNA e che la presunta promessa della sua tecnologia di produrre vaccini praticabili era stata dimostrata solo a quel punto da un singolo, piccolo studio. Questo processo, come ha osservato il Boston Business Journal, era una “prova umana in fase iniziale che era principalmente destinata a valutare la sicurezza di un vaccino contro l’influenza aviaria”. Moderna aveva affermato, nonostante lo studio fosse stato progettato per valutare la sicurezza, di aver “fornito prove dell’efficacia del vaccino, senza effetti collaterali importanti”. Inoltre, come verrà discusso in una sezione successiva di questo rapporto, la controversia legale sul sistema di nanoparticelle lipidiche con licenza Acuitas ha minacciato la capacità di Moderna di realizzare un profitto su qualsiasi vaccino mRNA che è riuscito a ottenere attraverso le prove e il processo di approvazione federale, facendo sembrare il futuro dell’azienda piuttosto cupo.

Nonostante la stampa positiva, le domande persistenti sono rimaste

Nel settembre 2017, in un evento per investitori a porte chiuse inteso a impedire a un maggior numero di investitori importanti di svalutare l’azienda o saltare la nave, Moderna ha fornito maggiori informazioni su un comunicato stampa pubblicato di recente sui risultati della sperimentazione di una terapia destinata a far ricrescere il tessuto cardiaco aumentando la produzione di una proteina nota come VEGF. Il comunicato stampa, che ha generato titoli positivi sui media, ha osservato che la terapia si era dimostrata sicura in uno studio con un campione di 44 pazienti. Tuttavia, né il comunicato stampa né i dati che Moderna ha divulgato agli investitori durante l’incontro a porte chiuse hanno rivelato quante proteine ​​la terapia inducesse i pazienti a produrre, lasciando un mistero sulla sua efficacia. In effetti, i resoconti dei media sull’incontro con gli investitori hanno osservato che “dal momento che Moderna non ha rilasciato quel punto di dati cruciale, gli estranei non possono giudicare quanto potenziale terapeutico potrebbe esserci”.

I risultati, sebbene sembrino mitigare le preoccupazioni sulla sicurezza della tecnologia di Moderna, non sono riusciti a ispirare fiducia in molti partecipanti. Diversi partecipanti in seguito hanno detto ai giornalisti di “non essere rimasti eccessivamente colpiti” dalla presentazione di Moderna, che ha solo “sottolineato le domande persistenti sul fatto che possa essere all’altezza del proprio clamore”

Uno dei problemi qui, ancora una volta, è che la valutazione di Moderna era ed è sostenuta dalla sua promessa di produrre prodotti per malattie rare che richiedono iniezioni ripetute per tutta la vita del paziente. La terapia con VEGF promossa da Moderna in questo incontro doveva essere un’iniezione una tantum e, quindi, le prove della sua sicurezza non hanno risolto il problema di nessuno dei prodotti multidose di Moderna che si è dimostrato abbastanza sicuro da essere testato sull’uomo. L’evento a porte chiuse per gli investitori ha chiarito che Moderna mirava a evitare questo problema persistente dando la priorità ai vaccini monodose. 

Come STAT ha notato all’epoca: 

La presentazione agli investitori ha anche chiarito che Moderna sta dando la priorità ai vaccini. Sono più facili da sviluppare dall’mRNA perché i pazienti hanno bisogno di una sola dose, il che elimina alcuni dei problemi di sicurezza che hanno afflitto progetti più ambiziosi come le terapie per le malattie rare.

Il perno dei vaccini è rimasto un punto dolente per molti investitori, tuttavia, poiché i vaccini sono visti come “prodotti a basso margine che non possono generare nemmeno lontanamente i profitti visti in campi più redditizi come le malattie rare e l’oncologia”. Sono proprio questi, come accennato in precedenza, i campi su cui si era basata la massiccia valutazione di Moderna ma per i quali non era stata in grado di produrre terapie sicure ed efficaci. Moderna era chiaramente consapevole di queste preoccupazioni tra la sua base di investitori attuali e potenziali e ha tentato di parlare in modo promettente dei suoi sforzi relativi all’oncologia in questo stesso evento. Tuttavia, ha taciuto sulla tempistica del processo e su altri dati chiave, mantenendo la reputazione di lunga data dell’azienda per la segretezza sia verso gli addetti ai lavori che verso il pubblico in generale.È certamente significativo che Moderna sia rimasta così riservata sui dati chiave in un evento non solo chiuso al pubblico e alla stampa, ma inteso a rassicurare gli investitori esistenti e ad invogliarne di nuovi. Se Moderna ha rifiutato di mostrare dati importanti agli investitori in un momento in cui stava cercando disperatamente di tenerli a bordo, ciò implica che la società aveva qualcosa da nascondere o niente da mostrare. 

La situazione interna sempre più travagliata di Moderna, nonostante le sue pubbliche relazioni costantemente rosee, si è intensificata un mese dopo, quando sono emerse notizie sulle improvvise dimissioni del suo capo della chimica, del capo della sua divisione cardiovascolare e del capo della sua divisione malattie rare. Queste dimissioni, avvenute verso la fine del 2017, hanno fatto seguito alle dimissioni di alto profilo subite dall’azienda menzionate nella denuncia STAT 2016 di Damian Garde. 

Pochi mesi dopo, nel marzo 2018, se ne andò anche il direttore scientifico del business vaccini di Moderna, Giuseppe Ciaramella. Queste dimissioni hanno segnalato ulteriori problemi interni all’azienda, ancora di più perché Moderna si era recentemente e molto pubblicamente imperniata sui vaccini; e Ciaramella, oltre a guidare lo sviluppo del vaccino in questo momento critico, era stato il primo dirigente di Moderna a suggerire che la tecnologia dell’azienda potesse essere utile nello sviluppo di vaccini, un suggerimento su cui ora l’azienda stava scommettendo tutto. Non si può fare a meno di chiedersi se la tendenza di Bancel a estromettere dipendenti e dirigenti che “non riuscivano a far funzionare la scienza” fosse un fattore in una di queste dimissioni di alto profilo, compresa quella di Ciaramella.

Finora, questo rapporto si è in gran parte concentrato su come l’estrema segretezza di Moderna sembra essere stata utilizzata per offuscare e mitigare i principali problemi con la sua tecnologia e la sua pipeline di prodotti e come tali problemi stavano raggiungendo l’apice dopo l’IPO della società e immediatamente prima della crisi COVID. Tuttavia, la sfida di creare prodotti che funzionino e che possano essere dimostrati funzionanti in contesti clinici è solo uno degli almeno due problemi principali che Moderna deve affrontare come azienda. Infatti, durante lo stesso calendario esplorato sopra, Moderna è stata coinvolta in controversie aggressive relative alla proprietà intellettuale e ai brevetti. In particolare, queste stesse questioni legali riguardano il sistema di nanoparticelle lipidiche che, secondo quanto riferito, è stato anche alla radice dei problemi di sicurezza e di pipeline dei prodotti di Moderna.

Come accennato in precedenza, il sistema di rilascio di nanoparticelle lipidiche utilizzato in molte terapie Moderna è stato concesso in licenza da Acuitas. Acuitas, tuttavia, aveva concesso in licenza quel sistema da una società separata, Arbutus, che ha citato in giudizio nel 2016 sostenendo che la sublicenza di Acuitas a Moderna era illegale. Arbutus ha vinto la causa, che ha portato a un’ingiunzione temporanea nel 2017 che ha impedito ad Acuitas di sublicenziare ulteriormente la tecnologia delle nanoparticelle lipidiche. Un accordo raggiunto tra Acuitas e Arbutus nel 2018 ha revocato la licenza di Acuitas e limitato l’uso della tecnologia da parte di Moderna a quattro candidati al vaccino che hanno preso di mira virus già identificati. 

Bancel di Moderna ha dichiarato a Forbes nel 2017 che il sistema Acuitas/Arbutus era appena mediocre e che Moderna stava sviluppando un proprio sistema di consegna migliorato che non avrebbe violato la proprietà intellettuale di Arbutus (i suddetti sistemi N1GL e V1GL). Tuttavia, subito dopo che Bancel fece queste affermazioni, la leadership di Arbutus le sfidò, affermando che la società aveva esaminato tutti i brevetti, le pubblicazioni e le presentazioni di Moderna riguardanti questi “nuovi” sistemi di consegna e non aveva trovato nulla che non riguardasse la propria proprietà intellettuale. Anche gli ex dipendenti di Moderna, come accennato in precedenza, erano molto dubbiosi che N1GL e V1GL fossero diversi dal sistema Acuitas/Arbutus, il che significa che, nonostante le affermazioni di Bancel, Moderna aveva problemi legali irrisolti relativi a queste nanoparticelle che, insieme ai problemi di tossicità, stava bloccando i candidati ai prodotti Moderna.

È importante notare a questo punto che, mentre solo Moderna è impegnata da anni in una battaglia legale con Acuitas/Arbutus per la proprietà intellettuale di LNP, anche gli altri principali produttori di vaccini mRNA COVID-19, Pfizer/BioNTech e CureVac, utilizzano aspetti principali della stessa tecnologia derivata da Arbutus. Tuttavia, BioNTech ha concesso in licenza i LNP in modo tale da evitare i problemi che hanno invischiato Moderna per anni. 

La controversia legale di Moderna, oltre ai già discussi problemi di sicurezza, ha gravemente minacciato la capacità di Moderna di sopravvivere come azienda. Essendo già stata costretta a stabilirsi sul mercato dei vaccini e a rifiutare le terapie mRNA più redditizie e “rivoluzionarie” che aveva promesso da tempo, Moderna si stava spostando costantemente verso una posizione in cui non aveva “il diritto di vendere” prodotti vaccinali che dipendevano dall’Arbutus- tecnologia brevettata e sublicenziata da Acuitas. Questa situazione ha messo sotto pressione Moderna per negoziare una nuova licenza direttamente con Arbutus, trattative in cui la società avrebbe pochissima influenza.

Dal primo caso legale nel 2016, Moderna e Arbutus sono rimasti bloccati in controversie sulle nanoparticelle e su chi le possiede. Moderna ha contestato tre brevetti Arbutus con lo US Patent and Trademark Office, con risultati alterni. Tuttavia, allo stesso tempo, Moderna ha anche affermato che la sua tecnologia “non era coperta dai brevetti Arbutus”, il che ha spinto numerosi osservatori e giornalisti a porre domande come: “In quel caso, perché [Moderna] ha avviato l’azione legale contro Arbutus per iniziare? insieme a?”

Moderna ha risposto a questa domanda affermando di aver preso di mira Arbutus solo a causa della passata “aggressione” di Arbutus contro di loro. Tuttavia, nonostante tali affermazioni, lo sforzo e il costo inerenti alla sfida legale rivelano che, per lo meno, Moderna prende molto sul serio la minaccia delle rivendicazioni sulla proprietà intellettuale di Arbutus. La risposta effettiva sembra risiedere nel fatto che Moderna è disposta a dichiarare pubblicamente che la loro tecnologia LNP è abbastanza diversa dal sistema derivato da Arbutus coperto dai brevetti ma non è disposta a rilasciare alcuna prova, né in tribunale, né ai propri investitori, né al pubblico. —che in effetti è diverso. I colpi di scena più recenti di questa lunga battaglia legale, inclusa una decisione fondamentale del 2020 che è stata molto sfavorevole per Moderna, sono discussi nella parte II di questa serie.

Qualsiasi cosa per aiutare un crollo del prezzo delle azioni

Edificio del Nasdaq il giorno dell’IPO 2018 di Moderna. Fonte: Nasdaq

Poco prima delle dimissioni di Ciaramella, Moderna aveva affermato di aver “risolto i problemi scientifici che rendevano i suoi precedenti trattamenti con mRNA troppo tossici per gli studi clinici”, secondo i resoconti dei media. Tali rapporti hanno anche affermato che, di conseguenza, “Moderna crede di aver ripreso la rotta”, sebbene la società non abbia fornito prove a sostegno di tale affermazione. Tuttavia, la promessa ha permesso alla società di completare un nuovo round di finanziamenti, durante il quale ha raccolto ulteriori 500 milioni di dollari da “un sindacato di investitori non comune nel biotech” che includeva i governi di Singapore e degli Emirati Arabi Uniti. Alcuni osservatori erano perplessi su come Moderna fosse riuscita a raccogliere così tanti soldi nonostante le domande in sospeso sulla scienza alla base della sua alta valutazione.

La risposta è arrivata con la pubblicazione della presentazione riservata per gli investitori di Moderna da parte di STAT‘s Damian Garde, che ha dimostrato che l’azienda aveva previsto che i farmaci che erano stati testati solo sui topi varrebbero presto miliardi e che le entrate dei suoi vaccini ammonterebbero a $ 15 miliardi all’anno. Lo slide deck, ritenuto “piuttosto assurdo” e “orientato a speranzosi generalisti che possono sognare in grande” per un investitore scettico, ha chiarito perché l’ultimo round di finanziamento della società si era rivolto a investitori biotecnologici “non convenzionali” piuttosto che a investitori veterani concentrati sul settore . Un veterano investitore biotecnologico, che ha parlato in modo anonimo a causa della riservatezza del mazzo di diapositive, ha dichiarato che “è un mazzo progettato per raccontare la storia del ‘saremo grandi’ a un gruppo di investitori piuttosto non sofisticati, e lo fa magnificamente. . . . Abbastanza scienza e roba della piattaforma per trasmettere il sentimento “Sappiamo cosa stiamo facendo”,ma non abbastanza da suscitare domande tecniche”.

Scheda documentazione Moderna

Per coloro che hanno ascoltato il discorso di Moderna, l’azienda è stata “molto generosa con le ipotesi sulle dimensioni del mercato per i loro programmi”, con un ex collaboratore di Moderna che ha valutato il valore reale di un trattamento che l’azienda aveva affermato valeva miliardi all’anno più vicino a “da 100 a 250 milioni di dollari”. Naturalmente, questa stima delle entrate viene fornita con l’avvertenza che il trattamento, testato finora solo sui topi, un giorno si dimostrerà efficace negli esseri umani. Un ex dipendente di Moderna nella sua divisione per le malattie rare ha dichiarato all’epoca che Moderna “continua a correre avanti e a promettere eccessivamente il potenziale per un ampio uso dell’mRNA prima di qualsiasi prova oltre i vaccini o i primissimi esperimenti sui topi”.

Nonostante la capacità di Moderna di convincere gli investitori “non sofisticati” e/o “non convenzionali” a sostenere il round di finanziamento dell’inizio del 2018, sembra che una delle sue promesse più importanti utilizzata per attirare gli investitori, ovvero aver risolto il problema della tossicità delle particelle dei nanolipidi, non fosse vera .

In un documento depositato presso la Securities and Exchange Commission datato novembre 2018, mesi dopo che Moderna aveva affermato di aver risolto i problemi con il suo sistema di consegna delle nanoparticelle lipidiche, la società ha avanzato diverse affermazioni che sembrano contraddire il suo presunto sviluppo di una nuova tecnologia di nanoparticelle più sicura. 

Ad esempio, il documento afferma a pagina 33

La maggior parte dei nostri farmaci sperimentali è formulata e somministrata in un LNP [nanoparticella lipidica] che può portare a effetti collaterali sistemici correlati ai componenti del LNP che potrebbero non essere mai stati testati nell’uomo. Sebbene abbiamo continuato a ottimizzare i nostri LNP, non vi è alcuna garanzia che i nostri LNP non abbiano effetti indesiderati. I nostri LNP potrebbero contribuire, in tutto o in parte, a uno o più dei seguenti: reazioni immunitarie, reazioni all’infusione, reazioni del complemento, reazioni di opsonazione [sic], reazioni anticorpali incluse IgA, IgM, IgE o IgG o una loro combinazione, o reazioni al PEG da alcuni lipidi o PEG altrimenti associati al LNP.

Alcuni aspetti dei nostri farmaci sperimentali possono indurre reazioni immunitarie sia dall’mRNA che dai lipidi, nonché reazioni avverse all’interno delle vie epatiche o degradazione dell’mRNA o del LNP, ognuna delle quali potrebbe portare a eventi avversi significativi in ​​uno o più dei nostri studi clinici. Molti di questi tipi di effetti collaterali sono stati osservati per gli LNP legacy. Potrebbero sorgere incertezze sulla causa sottostante di tali eventi avversi, il che renderebbe difficile prevedere con precisione gli effetti collaterali nei futuri studi clinici e comporterebbe ritardi significativi nei nostri programmi. (enfasi aggiunta)

Sulla base di queste affermazioni, Moderna sembrava essere incerta sul fatto che il suo attuale sistema di rilascio di nanoparticelle lipidiche fosse più sicuro di quello che ha portato al ritardo indefinito della sua terapia Crigler-Najjar. Inoltre, il riferimento a “reazioni avverse all’interno delle vie epatiche”, uno dei problemi principali che ha innescato il ritardo specifico della terapia Crigler-Najjar, suggerisce un continuo affidamento sulla tecnologia sub-licenza di Acuitas. Come si noterà nella parte II, anche il vaccino Moderna COVID-19 sembra utilizzare la controversa tecnologia Acuitas che per anni ha suscitato notevoli preoccupazioni in termini di sicurezza, legali e finanziari per Moderna.

Il deposito della SEC del novembre 2018 rilascia altre dichiarazioni riguardanti il ​​suo sistema di consegna di nanoparticelle lipidiche presumibilmente fisso che vale la pena notare:

Se si osservano eventi avversi significativi o altri effetti collaterali in uno qualsiasi dei nostri studi clinici attuali o futuri, potremmo avere difficoltà a reclutare partecipanti allo studio per uno qualsiasi dei nostri studi clinici, i partecipanti allo studio possono ritirarsi dagli studi o potrebbe essere richiesto di abbandonare gli studi o i nostri sforzi di sviluppo di uno o più candidati allo sviluppo o farmaci sperimentali insieme. . . . 

Anche se gli effetti collaterali non impediscono al farmaco di ottenere o mantenere l’approvazione all’immissione in commercio, un rapporto beneficio/rischio sfavorevole può inibire l’accettazione da parte del mercato del prodotto approvato a causa della sua tollerabilità rispetto ad altre terapie. Qualsiasi di questi sviluppi potrebbe danneggiare materialmente la nostra attività, le condizioni finanziarie e le prospettive.

Queste affermazioni sono significative in quanto suggeriscono apertamente almeno una ragione per la tendenza di lunga data di Moderna alla segretezza nella pubblicazione dei dati sui suoi trattamenti, poiché la conoscenza pubblica delle persistenti sfide della sua tecnologia minaccerebbe la sua capacità di attrarre partecipanti alla sperimentazione, investitori e, in seguito, consumatori. 

Circa un mese dopo che queste preoccupanti ammissioni sono state fatte in caratteri piccoli, Moderna è riuscita a portare a termine un’offerta pubblica iniziale (IPO) da record nel dicembre 2018. Per quell’IPO, Moderna aveva mantenuto i servizi di undici banche d’investimento, che secondo quanto riferito sono circa “Il doppio del numero normalmente visto nelle offerte biotecnologiche”. Tuttavia, il valore delle sue azioni è crollato poche ore dopo, un segno che la società e i suoi sottoscrittori potrebbero aver sopravvalutato la domanda per la società riccamente valutata”. Un mese dopo l’IPO, il titolo Moderna ha continuato la sua discesa verso il basso, facendo esattamente il contrario di ciò che gli investitori privati ​​cercano in una IPO”. Coloro che avevano previsto questo risultato post-IPO prima che Moderna diventasse pubblica, avevano anche avvertito che questa tendenza al ribasso sarebbe probabilmente continuata fino all’inizio del 2020, se non più a lungo. Scettici come Damian Garde di STAT avevano avvertito poco prima dell’IPO di Moderna che il valore delle azioni della società sarebbe probabilmente continuato per tutto il 2019 a causa di “un’apparente mancanza di notizie imminenti”, dato che “lo slancio nel biotech, positivo o negativo, è guidato by catalizzatori” e “Moderna si aspetta un 2019 abbastanza tranquillo”.

Nel frattempo, i media hanno avvertito, come avevano fatto per anni, che Moderna “è ancora agli inizi per dimostrare il potenziale della [loro] tecnologia”, nonostante sia un’azienda di nove anni. Tali rapporti hanno anche notato che l’incapacità di Moderna di dimostrare il valore della sua tecnologia dopo quasi un decennio di attività è stata ostacolata dalla sua “lotta [e] nei suoi sforzi iniziali per trasformare l’mRNA in farmaci che possono essere dosati ripetutamente, portandolo a fare perno sui vaccini, che può essere somministrato solo una o due volte”. Gli investitori alla conferenza sull’assistenza sanitaria JP Morgan del 2019 hanno parlato di preoccupazioni sul fatto che “Moderna [deve] ancora escludere i rischi persistenti legati all’mRNA e, anche alla sua valutazione depressa, la società è semplicemente troppo costosa”. Altri si sono confidati con i giornalisti che sarebbero “seduti in disparte fino a quando Moderna non cambia la narrativa con dati umani promettenti o diventa sostanzialmente più economico”.

Poche settimane dopo, Bancel di Moderna ha partecipato all’incontro annuale 2019 del World Economic Forum insieme al dirigente di Johnson & Johnson Paul Stoffels e altri leader farmaceutici e biotecnologici per “scontrarsi con i leader mondiali e l’uno per cento e parlare del futuro dell’assistenza sanitaria”. Tra le altre figure sanitarie presenti c’erano il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, e il “filantropo della salute globale” Bill Gates, la cui fondazione è entrata in un quadro di progetto sanitario globale con Moderna nel 2016 per “promuovere lo sviluppo di progetti basati su mRNA per varie malattie infettive”. La Fondazione Bill & Melinda Gates è l’unica fondazione elencata come collaboratore strategico sul sito di Moderna. Altri “collaboratori strategici” includono la Biomedical Advanced Research and Development Authority (BARDA) del governo degli Stati Uniti, la DARPA dell’esercito americano ei giganti farmaceutici AstraZeneca e Merck.

Moderna ha collaborato per la prima volta con il WEF solo pochi anni dopo la sua fondazione nel 2013, quando è stata nominata nella community del Forum delle Global Growth Companies (GGC). Quell’anno, Moderna è stata una delle sole tre aziende sanitarie nordamericane a ricevere l’onore ed è stata inoltre riconosciuta dal Forum come “leader del settore nelle terapie innovative dell’mRNA”.

“Siamo onorati di essere riconosciuti per i nostri sforzi per far progredire la nostra piattaforma e garantire che il suo potenziale sia realizzato su scala globale e non vediamo l’ora di far parte della comunità del World Economic Forum”, ha affermato Bancel all’epoca.

Stéphane Bancel al World Economic Forum Annual Meeting, gennaio 2020. Fonte: WEF

In qualità di WEF Global Growth Company, Moderna si è impegnata a stretto contatto e regolarmente con il Forum dal 2013 sia all’incontro annuale dei nuovi campioni organizzato in Cina che agli incontri regionali del WEF, avendo anche accesso all’esclusiva piattaforma di networking del WEF che fornisce all’azienda accesso privilegiato ai leader aziendali e governativi più potenti del mondo. Inoltre, ad aziende così accuratamente selezionate vengono offerte opportunità dal Forum “per dare forma alle agende globali, regionali e industriali e impegnarsi in scambi significativi sui modi per continuare su un percorso di crescita sostenibile e responsabile”. In sostanza, l’elenco di tali società costituisce un consorzio di società promosse e guidate dal Forum a causa del loro impegno a “migliorare lo stato del mondo”, ovvero il loro impegno a sostenere le agende a lungo termine del Forum per il mondo economica e per la governance globale.

Ad aprile 2019, Moderna ha pubblicato alcune informazioni sulle modifiche alle sue nanoparticelle lipidiche (discusse in maggior dettaglio nella Parte II). Un mese dopo, a maggio 2019, Moderna ha pubblicato risultati positivi sulla rivista Vaccine per i dati di fase 1 sui candidati al vaccino mRNA per “due potenziali ceppi di influenza pandemica” somministrati in due dosi a tre settimane di distanza. Il comunicato stampa della società sullo studio affermava che “lo sviluppo futuro del programma di influenza pandemica di Moderna è subordinato al finanziamento del governo o di altre sovvenzioni”, suggerendo che utilizzerebbe i risultati dello studio per esercitare pressioni sul governo per ottenere fondi per la continuazione di questo particolare programma.

In particolare, nello stesso momento in cui questi risultati sono stati pubblicati, l’Ufficio del Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti dell’Assistente Segretario per la preparazione e la risposta, poi riempito da Robert Kadlec, stava conducendo Crimson Contagion, una simulazione di più mesi di una pandemia globale che coinvolge un ceppo influenzale che ha origine in Cina e si diffonde a livello globale attraverso i viaggi aerei. Il ceppo al centro della simulazione, chiamato H7N9, è uno dei ceppi utilizzati nello studio Moderna. Moderna ha pubblicato questi risultati il ​​10 maggio, appena quattro giorni prima che la simulazione di Crimson Contagion ospitasse il suo seminario federale interagenziale. BARDA, che l’ufficio ASPR sovrintende, è un importante alleato strategico di Moderna e stava co-sviluppando questi vaccini “potenziali influenza pandemica” menzionati in questo tempestivo comunicato stampa, cioè per le infezioni influenzali H10N8 e H7N9.

Crimson Contagion è degno di nota per diversi motivi, soprattutto per la storia di Kadlec con le simulazioni di Dark Winter che hanno preceduto e previsto in modo inquietante gli attacchi all’antrace del 2001. Come è stato discusso in dettaglio in un precedente TLAV – Indagine Unlimited Hangout, tradotto e rebloggato da Megachiroptra, gli attacchi all’antrace del 2001 comodamente salvati vaccino contro l’antrace produttore BioPort, ora emergente Biosolutions, da sicura rovina, molto simile al modo in cui la crisi ha fatto per COVID Moderna. 

Un mese dopo, a giugno 2019, Moderna è riuscita nuovamente a generare titoli positivi al suo debutto all’incontro annuale dell’American Society of Clinical Oncology, dove ha cercato di promuovere la sua capacità di produrre trattamenti personalizzati contro il cancro che erano stati fondamentali per conquistare gli investitori sia prima che dopo la sua IPO da record. Era la prima volta che l’azienda presentava pubblicamente dati su un trattamento per il cancro, e questo particolare trattamento era stato sviluppato in collaborazione con Merck. I dati hanno mostrato risultati positivi nella prevenzione delle recidive nei pazienti oncologici i cui tumori solidi erano stati rimossi chirurgicamente, ma lo studio non è riuscito a mostrare alcun effetto definitivo nei pazienti oncologici i cui tumori non erano stati rimossi. Pertanto, i primi dati sembravano indicare che il trattamento di Moderna avrebbe aiutato i malati di cancro a rimanere in remissione solo dopo che erano stati eseguiti altri interventi medici. Sebbene la notizia abbia permesso a Moderna di crogiolarsi in una stampa positiva tanto necessaria e di promuovere i suoi prodotti oncologici in fase di sviluppo, alcuni rapporti ha giustamente osservato che era “ancora troppo presto per qualsiasi giudizio definitivo” sui benefici clinici del trattamento del cancro.

Nonostante questo apparente progresso, a settembre 2019, il prezzo delle azioni di Moderna ha continuato a diminuire, portando a una perdita di circa $ 2 miliardi di valore di mercato dalla valutazione di $ 7,5 miliardi della società al momento della sua IPO da record. I principali fattori di ciò erano gli stessi problemi persistenti che l’azienda stava affrontando da anni: mancanza di progressi, inclusa la mancanza di prodotti sul mercato; persistenti problemi di sicurezza con la sua tecnologia mRNA; e la mancanza di dati che dimostrino che si stavano facendo progressi per rendere commercialmente fattibile quella tecnologia.

A metà settembre 2019, Moderna ha raccolto investitori insieme per mostrare le prove scientifiche che ha affermato dimostrerebbero finalmente che la sua tecnologia mRNA potrebbe “trasformare le cellule del corpo in fabbriche di medicinali” e, si spera, “trasformare gli investitori scettici in credenti”. Questi dati, derivati ​​da uno studio molto preliminare che ha coinvolto solo quattro partecipanti sani, hanno avuto complicazioni. Tre dei quattro partecipanti hanno avuto effetti collaterali che hanno spinto Moderna a dichiarare durante la riunione che avrebbero dovuto riformulare il trattamento con mRNA per includere steroidi, mentre uno dei partecipanti ha sofferto di effetti collaterali legati al cuore, tra cui una frequenza cardiaca rapida e un battito cardiaco irregolare. Moderna, che ha affermato che nessuno degli effetti collaterali legati al cuore era serio, non poteva “individuare definitivamente la causa dei sintomi cardiaci”. Eppure, come già accennato,era probabilmente correlato ai problemi di sicurezza che affliggevano da anni i suoi prodotti sperimentali.

I dati preliminari della società, che è stata promossa nell’ennesimo tentativo di impedire agli investitori di andarsene, includevano anche l’avvertenza che Moderna aveva deciso di sospendere le prove per questo particolare prodotto, che era un trattamento con mRNA a iniezione singola per il virus chikungunya. Quel trattamento era stato sviluppato in collaborazione con la DARPA del Pentagono. In questo incontro sono stati diffusi anche altri dati più positivi provenienti da un processo preliminare. Quel processo, tuttavia, era per un trattamento con mRNA per il citomegalovirus, “un virus comune che di solito è tenuto sotto controllo dal sistema immunitario del corpo e raramente causa problemi nelle persone sane”, il che significa che era improbabile che il suo vaccino mRNA per quella condizione fosse redditizio…

Non molto tempo dopo questo incontro di investitori poco brillante, il 26 settembre 2019, Moderna, una volta molto riservata, ha annunciato che avrebbe collaborato con i ricercatori dell’Università di Harvard “nella speranza che la ricerca possa stimolare nuovi farmaci”, poiché la sua pipeline di prodotti sembrava essersi bloccata. Il presidente di Moderna Stephen Hoge ha descritto la collaborazione come ricercatori selezionati di Harvard che ricevono “un pacchetto di cose in cui mettiamo il nostro sangue, sudore e lacrime, e poi qualcuno farà qualcosa con esso. Scopriremo in seguito come è andata”. Per un’azienda nota da tempo per la sua estrema segretezza in un settore già riservato, l’accordo di Moderna con Harvard, che ha ammesso essere “insolito”, è apparso in qualche modo disperato. 

Un mese dopo, al Milken Institute Future of Health Summit 2019, c’è stata una tavola rotonda sui vaccini antinfluenzali universali e su come sarebbe stato necessario un evento “dirompente” per sconvolgere il lungo processo burocratico di approvazione del vaccino per facilitare una più ampia adozione di “vaccini non tradizionali”, come quelli prodotti da Moderna. Relatori del panel tra cui l’ex commissaria della FDA Margaret Hamburg, una veterana dell’esercizio 2001 Dark Winter e consulente scientifico della fondazione Gates, nonché Anthony Fauci del National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID) del National Institutes of Health e Rick Bright di BARDA, che in precedenza ha lavorato per il PATH finanziato da Gates. La tavola rotonda si è svolta in particolare poco dopo la controversa simulazione di pandemia di coronavirus chiamata Evento 201, i cui moderatori e sponsor erano stati intimamente coinvolti nel Dark Winter del 2001. 

Screengrab dal pannello del vaccino antinfluenzale universale del Milken Institute 2019.
Video completo disponibile qui
.

Durante il panel, il moderatore, Michael Spectre del New Yorker, ha posto la domanda: “Perché non facciamo saltare in aria il sistema? Ovviamente, non possiamo semplicemente chiudere il rubinetto del sistema che abbiamo e poi dire ‘Ehi! tutti nel mondo dovrebbero ricevere questo nuovo vaccino che non abbiamo ancora somministrato a nessuno, ma ci deve essere un modo”. Spectre ha quindi menzionato come la produzione di vaccini sia antiquata e ha chiesto come potrebbe verificarsi una “interruzione” sufficiente per indurre la modernizzazione dello sviluppo della vaccinazione esistente e del processo di approvazione. Amburgo ha risposto per prima, affermando che come società siamo indietro rispetto a dove dobbiamo essere quando si tratta di passare a un nuovo approccio più tecnologico e che ora è “tempo di agire” per renderlo realtà. 

Diversi minuti dopo, Anthony Fauci ha affermato che il metodo superiore di produzione del vaccino comporta “non far crescere affatto il virus, ma ottenere sequenze, ottenere la proteina appropriata e attaccarla alle nanoparticelle autoassemblanti”, riferendosi essenzialmente ai vaccini mRNA. Fauci ha poi affermato:

“La sfida critica . . . è che al fine di effettuare la transizione dall’uscire dal collaudato e vero metodo di crescita delle uova . . . a qualcosa che deve essere molto migliore, devi dimostrare che funziona e poi devi passare attraverso tutte le prove critiche – fase 1, fase 2, fase 3 – e dimostrare che questo particolare prodotto sarà buono per un periodo di anni. Solo questo, se funziona perfettamente, richiederà un decennio”.

Fauci in seguito ha affermato che è necessario modificare la percezione del pubblico che l’influenza non è una malattia grave al fine di aumentare l’urgenza e che sarebbe “difficile” modificare tale percezione insieme al processo di sviluppo e approvazione del vaccino esistente a meno che il il sistema esistente assume la posizione che “Non mi interessa quale sia la tua percezione, affronteremo il problema in modo dirompente e iterativo”

Durante il panel, Bright ha affermato che “dobbiamo muoverci il più rapidamente possibile e urgentemente per ottenere queste tecnologie che affrontino la velocità e l’efficacia del vaccino” prima di discutere di come il Consiglio dei consulenti economici della Casa Bianca abbia appena pubblicato un rapporto che sottolinea che dare la priorità ai vaccini “veloci” era fondamentale. Bright ha poi aggiunto che un vaccino “mediocre e veloce” era meglio di un vaccino “mediocre e lento”. Ha poi affermato che possiamo realizzare “vaccini migliori e renderli più veloci” e che l’urgenza e l’interruzione erano necessarie per produrre lo sviluppo mirato e accelerato di uno di questi vaccini. Più tardi nel panel, Bright ha affermato che il modo migliore per “sconvolgere” il campo dei vaccini a favore di vaccini “più veloci” sarebbe l’emergere di “un’entità di eccitazione là fuori che è completamente dirompente, non è vincolata a vincoli e processi burocratici”. In seguito disse molto direttamente che per vaccini “più veloci” intendeva vaccini mRNA. 

Il BARDA guidato da Bright e il NIAID guidato da Fauci in pochi mesi sono diventati i maggiori sostenitori del vaccino Moderna COVID-19, investendo miliardi e co-sviluppando il vaccino con l’azienda, rispettivamente. Come verrà spiegato nella parte II di questa serie, la partnership tra Moderna e NIH per sviluppare insieme quello che sarebbe presto diventato il vaccino COVID-19 di Moderna è stata forgiata già il 7 gennaio 2020, molto prima della dichiarazione ufficiale del COVID-19. -19 crisi come una pandemia e prima che un vaccino fosse proclamato necessario da funzionari e altri individui. Non solo il vaccino COVID-19 è diventato rapidamente la risposta a quasi tutti i problemi di Moderna, ma ha anche fornito lo scenario dirompente necessario per alterare le percezioni del pubblico su cosa sia un vaccino ed eliminare le garanzie e la burocrazia esistenti nell’approvazione del vaccino. (Guarda l’evento Vaccino antinfluenzale universale 2019 qui.)

Come mostrerà la parte II di questa serie, è stato un presunto mix di “serendipità e lungimiranza” di Stéphane Bancel di Moderna e Barney Graham di NIH che ha spinto Moderna in testa alla corsa “Warp Speed” per un vaccino COVID-19. Quella partnership, insieme all’effetto dirompente della crisi COVID-19, ha creato la stessa “Ave Maria” che Moderna stava disperatamente aspettando almeno dal 2017, trasformando anche la maggior parte del team esecutivo di Moderna in miliardari e multimilionari in una questione di mesi.

Tuttavia, l’“Ave Maria” di Moderna non durerà, a meno che la somministrazione di massa del suo vaccino COVID-19 non diventi un affare annuale per milioni di persone in tutto il mondo. Anche se i dati del mondo reale dall’inizio della sua somministrazione mettono in discussione la necessità, nonché la sicurezza e l’efficacia del suo vaccino, Moderna – e le sue parti interessate – non possono permettersi di lasciarsi sfuggire questa opportunità. Farlo significherebbe la fine del castello di carte costruito con cura di Moderna.

Nota dell’autore: il Dr. Michael Palmer, il Dr. Meryl Nass e Catherine Austin Fitts hanno fornito un feedback e una guida molto apprezzati su questo articolo. Un ringraziamento speciale a Katy M. per l’aiuto nella modifica delle copie.

Autore: Whitney Webb

Whitney Webb è una scrittrice professionista, ricercatrice e giornalista dal 2016. Ha scritto per diversi siti web e, dal 2017 al 2020, è stata scrittrice dello staff e reporter investigativo senior per Mint Press News. Attualmente scrive per The Last American Vagabond.


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Una opinione su "Moderna: un’azienda “bisognosa di un’Ave Maria”"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: