L’alleanza dei banchieri sostenuta dalle Nazioni Unite annuncia un piano “verde” per trasformare il sistema finanziario globale

5 novembre 2021; articolo di Whitney Webb

I più potenti interessi finanziari privati ​​del mondo, sotto la copertura della COP26, hanno sviluppato un piano per trasformare il sistema finanziario globale fondendosi con istituzioni come la Banca Mondiale e utilizzandole per erodere ulteriormente la sovranità nazionale nei paesi in via di sviluppo.

Mercoledì, un’alleanza guidata dall’industria e convocata dalle Nazioni Unite di istituti bancari e finanziari privati ​​ha  annunciato i piani alla conferenza COP26 per rivedere il ruolo delle istituzioni finanziarie globali e regionali, tra cui la Banca mondiale e il FMI, come parte di un piano più ampio per “trasformare” il sistema finanziario globale. Lo scopo ufficialmente dichiarato di questa proposta di revisione, per i membri dell’alleanza, è promuovere la transizione verso un’economia “zero netto”. Tuttavia, la “reimmaginazione” proposta dal gruppo delle istituzioni finanziarie internazionali, secondo il loro “rapporto sui progressi” recentemente pubblicato, si muoverebbe anche per fondere queste istituzioni con gli interessi del private banking che compongono l’alleanza; creare un nuovo sistema di “governance finanziaria globale”; ed erodere la sovranità nazionale tra i paesi in via di sviluppo costringendoli a creare ambienti commerciali ritenuti “amici” degli interessi dei membri dell’alleanza. In altre parole,i potenti interessi bancari che compongono questo gruppo spingono a ricreare l’intero sistema finanziario globale a loro vantaggio con il pretesto di promuovere la sostenibilità.

Questa alleanza, chiamata Glasgow Financial Alliance for Net Zero (GFANZ), è stata lanciata ad aprile da John Kerry, inviato speciale presidenziale degli Stati Uniti per il cambiamento climatico; Janet Yellen, Segretario al Tesoro degli Stati Uniti ed ex presidente della Federal Reserve; e Mark Carney, inviato speciale delle Nazioni Unite per l’azione e le finanze per il clima ed ex presidente della Bank of England e della Bank of Canada. Carney, che è anche consigliere finanziario del primo ministro britannico per la conferenza COP26, attualmente presiede l’alleanza con il miliardario statunitense ed ex sindaco di New York, Michael Bloomberg. 

GFANZ Leadership; Fonte: GFANZ

Alla sua creazione, GFANZ ha dichiarato che avrebbe “fornito un forum per il coordinamento strategico tra la leadership delle istituzioni finanziarie di tutto il settore finanziario per accelerare la transizione verso un’economia netta zero” e “mobilitare i trilioni di dollari necessari” per realizzare il gruppo obiettivi di emissioni zero. Al momento del lancio dell’alleanza, il primo ministro britannico Boris Johnson ha descritto GFANZ come “un’unione delle banche e delle istituzioni finanziarie del mondo dietro la transizione globale allo zero netto”, mentre John Kerry ha osservato che “i più grandi attori finanziari del mondo riconoscono che la transizione energetica rappresenta una vasta opportunità commerciale.” Analizzando insieme queste due dichiarazioni, sembra chiaro che GFANZ ha unito le banche private e le istituzioni finanziarie più potenti del mondo dietro ciò che vede, prima di tutto,come “una vasta opportunità commerciale”, il cui sfruttamento è commercializzato come un “imperativo planetario”.

John Kerry in conversazione con Christine Amanpour della CNN alla COP 26. Fonte: CNN

GFANZ è composta da diverse “alleanze di sottosettori”, tra cui Net Zero Asset Managers Initiative, Net Zero Asset Owner Alliance e Net Zero Banking Alliance. Insieme, questi organismi comandano una parte formidabile degli interessi bancari e finanziari privati ​​globali, con la Net Zero Banking Alliance da sola che rappresenta il  43%  di tutte le attività bancarie globali. Tuttavia, i “più grandi attori finanziari” che  dominano GFANZ  includono i CEO di BlackRock, Citi, Bank of America, Banco Santander e HSBC, nonché David Schwimmer, CEO del London Stock Exchange Group e Nili Gilbert, presidente del Investment Comitato del Fondo David Rockefeller. 

In particolare, un’altra entità collegata a Rockefeller, la Fondazione Rockefeller, ha  svolto un ruolo fondamentale  nella creazione di “società di beni naturali” a settembre. Queste società cercano di creare una nuova classe di attività che metta in vendita il mondo naturale, così come i processi ecologici che sono alla base di tutta la vita, con il pretesto di “proteggerli”. I dirigenti di GFANZ, tra cui Larry Fink di BlackRock, sono stati a lungo entusiasti delle prospettive delle società di risorse naturali e dei relativi sforzi per finanziarizzare il mondo naturale, e ha anche svolto un ruolo chiave nel marketing della finanziarizzazione necessaria per combattere il cambiamento climatico.

Nell’ambito della COP26, GFANZ un gruppo chiave in quella conferenza sta pubblicando un piano volto a ridimensionare “i flussi di capitale privato verso le economie emergenti e in via di sviluppo”. Secondo il comunicato stampa dell’alleanza  , questo piano si concentra sullo “sviluppo di piattaforme nazionali per collegare l’ormai enorme capitale privato impegnato a zero netto con progetti nazionali, ridimensionando la finanza mista attraverso MDB [banche multilaterali di sviluppo] e sviluppando mercati globali del carbonio credibili e ad alta integrità.” Il comunicato stampa rileva che questo “enorme capitale privato” è denaro che i membri dell’alleanza cercano di investire nei paesi emergenti e in via di sviluppo, stimato in oltre 130 trilioni di dollari, e che , al fine di impiegare questi trilioni di investimenti ,“il sistema finanziario globale si sta trasformando” proprio da questa alleanza in coordinamento con il gruppo che li ha convocati, le Nazioni Unite.

Proporre un’acquisizione

I dettagli del piano di GFANZ per distribuire trilioni di investimenti dei membri nei mercati emergenti e nei paesi in via di sviluppo sono stati pubblicati nel Rapporto sui progressi inaugurale dell’alleanza , il cui rilascio è stato programmato in concomitanza con la conferenza COP26. Il rapporto descrive in dettaglio il “piano di lavoro a breve termine e le ambizioni” dell’alleanza, che l’alleanza riassume succintamente come un “programma di lavoro per trasformare il sistema finanziario”.

Il rapporto rileva che l’alleanza è passata dalla fase di “impegno” alla fase di “impegno”, con l’obiettivo principale della fase di impegno la “mobilitazione del capitale privato nei mercati emergenti e nei paesi in via di sviluppo attraverso la leadership del settore privato e collaborazione privata”. In tal modo, secondo il rapporto, GFANZ cerca di creare “un’architettura finanziaria internazionale” che aumenterà i livelli di investimento privato da parte dei membri dell’alleanza in quelle economie. I loro obiettivi principali in questo senso ruotano attorno alla creazione di “piattaforme nazionali ambiziose” e una maggiore collaborazione tra MDB e il settore finanziario privato.

GFANZ Progress Report Download

Per GFANZ, una “piattaforma nazionale” è  definita come  un meccanismo che convoca e allinea gli “stakeholder”, ovvero un meccanismo per il capitalismo di partenariato/stakeholder pubblico-privato, “intorno a una specifica questione o geografia”. Gli esempi offerti includono la Climate Finance Leadership Initiative di Mike Bloomberg  , che è partner di Goldman Sachs e HSBC tra le altre istituzioni del settore privato. Sebbene siano inquadrate come guidate da “stakeholder”, gli esempi esistenti di “piattaforme nazionali” offerte dalla GFANZ sono iniziative guidate dal settore privato, come la Cliimate Finance Leadership Initiative, o partenariati pubblico-privato dominati da potenti multinazionali e miliardari . Come  spiegato di recente dal giornalista e ricercatore Iain Davis, questi modelli di meccanismo del “capitalismo degli stakeholder”, nonostante vengano presentati come una forma di capitalismo “più responsabile”, consentono alle aziende e ai soggetti privati ​​di partecipare alla formazione delle regole che governano i propri mercati e dando loro un grande ruolo rafforzato nel processo decisionale politico, ponendoli su un piano di parità con i governi nazionali. È essenzialmente un modo creativo di commercializzare il “corporativismo”, la definizione di fascismo famigerata fornita dal dittatore italiano Benito Mussolini.

Oltre alla creazione di “piattaforme paese corporative” che si concentrano su aree e/o questioni specifiche nel mondo in via di sviluppo, GFANZ mira anche a “corporatizzare” ulteriormente le banche multilaterali di sviluppo (MDB) e le istituzioni finanziarie per lo sviluppo (DFI) al fine di per soddisfare meglio gli obiettivi di investimento dei membri dell’alleanza. Secondo l’alleanza, questo è descritto come un aumento della “collaborazione tra MBD e settore privato”Il rapporto GFANZ  rileva che “gli MDB svolgono un ruolo fondamentale nell’aiutare a far crescere i flussi di investimento” nei paesi in via di sviluppo. Gli MDB, come la Banca Mondiale,  sono stati a lungo criticati per aver portato a termine questo compito intrappolando le nazioni in via di sviluppo nel debito e poi usando quel debito per costringere quelle nazioni a deregolamentare i mercati (in particolare i mercati finanziari), privatizzare i beni statali e attuare politiche di austerità impopolari.  Il rapporto GFANZ  chiarisce che l’alleanza ora cerca di utilizzare queste stesse controverse tattiche dei MDB forzando una deregolamentazione ancora maggiore nei paesi in via di sviluppo per facilitare gli “investimenti verdi” da parte dei membri dell’alleanza.

Il rapporto  afferma esplicitamente  che gli MDB dovrebbero essere utilizzati per spingere le nazioni in via di sviluppo a “creare i giusti ambienti di alto livello e trasversali” per gli investimenti dei membri dell’alleanza in quelle nazioni. I livelli significativamente maggiori di investimenti di capitale privato, necessari per raggiungere lo zero netto per GFANZ, richiedono che gli MDB siano utilizzati per spingere le nazioni in via di sviluppo a “stabilire ambienti economici favorevoli agli investimenti; un quadro replicabile per la distribuzione di investimenti di capitale privato; e pipeline di opportunità di investimento bancabili”. GFANZ osserva quindi che “capitale e investimenti privati ​​confluiranno in questi progetti se i governi e i responsabili delle politiche creeranno le condizioni appropriate”, ovvero se consentiranno ambienti per gli investimenti del settore privato. 

In altre parole, attraverso il proposto aumento del coinvolgimento del settore privato negli MDB, come la Banca mondiale e le banche di sviluppo regionale, i membri dell’alleanza cercano di utilizzare gli MDB per imporre a livello globale una deregolamentazione massiccia ed estesa ai paesi in via di sviluppo, utilizzando come giustificazione la spinta alla decarbonizzazione. Gli MDB non devono più intrappolare i paesi in via di sviluppo nei debiti per imporre politiche a beneficio di entità del settore privato estere e multinazionali, poiché le giustificazioni relative ai cambiamenti climatici possono ora essere utilizzate per gli stessi fini. 

Il CEO di BlackRock e il preside di GFANZ Larry Fink parla con CNBC durante la COP26. Fonte: CNBC

Questa nuova modalità per gli MDB, insieme alla loro fusione con il settore privato, è in definitiva ciò che GFANZ propone in termini di “reimmaginare” queste istituzioni. Il preside di GFANZ e CEO di BlackRock Larry Fink, durante  un panel della COP26  che è iniziato il 2 novembre, ha fatto esplicito riferimento al piano di revisione di queste istituzioni quando ha affermato:

“Se vogliamo prendere sul serio il cambiamento climatico nel mondo emergente, dovremo davvero concentrarci sulla reimmaginazione della Banca mondiale e del Fondo monetario internazionale”.

Fink ha continuato:

“Sono il creditore senior, e non abbastanza capitali privati ​​stanno arrivando nel mondo emergente oggi a causa dei rischi associati al rischio politico, investendo in investimenti in aree dismesse, se siamo seri nell’elevare il capitale di investimento nel mondo emergente. . . . Esorto i proprietari di quelle istituzioni, i proprietari di azioni, a concentrarsi su come reimmaginare queste istituzioni e ripensare il loro statuto”.

I piani proposti da GFANZ per reimmaginare gli MDB sono particolarmente allarmanti dato come i documenti militari statunitensi trapelati mostrano che tali banche sono considerate essenzialmente armi finanziarie che sono state utilizzate come “strumenti finanziari e strumenti diplomatici del potere nazionale statunitense” nonché strumenti di ciò che quegli stessi documenti si riferiscono come “l’attuale sistema di governance globale” che vengono utilizzati per costringere i paesi in via di sviluppo ad adottare politiche che altrimenti non farebbero. 

Inoltre, date le dichiarazioni di Fink, non dovrebbe sorprendere che il rapporto GFANZ noti che il loro sforzo per stabilire “piattaforme nazionali” e modificare il funzionamento e le carte degli MDB è una componente chiave dell’attuazione delle raccomandazioni prestabilite volte a “conquistare il momento New Bretton Woods” e rifare il sistema di “governance finanziaria globale” in modo che “promuova la stabilità economica e la crescita sostenibile”

Come notato in altri documenti GFANZ e sul loro sito Web, l’obiettivo dell’alleanza è la trasformazione del sistema finanziario globale, ed è ovvio dalle dichiarazioni dei membri e dai documenti dell’alleanza che l’obiettivo di tale trasformazione è facilitare gli obiettivi di investimento dei membri dell’alleanza oltre ciò che è attualmente possibile utilizzando i dettami relativi al cambiamento climatico, piuttosto che il debito, come mezzo a tal fine.

L’ONU e la “rivoluzione silenziosa”

Alla luce dell’adesione di GFANZ e delle ambizioni dei membri, alcuni potrebbero chiedersi perché le Nazioni Unite dovrebbero sostenere un’iniziativa così predatoria. Le Nazioni Unite, dopotutto, non lavorano principalmente con i governi nazionali anziché con gli interessi del settore privato?

Sebbene questa sia certamente la percezione pubblica prevalente delle Nazioni Unite, l’organizzazione segue da decenni un modello di “stakeholder capitalist” che privilegia il settore privato e i “filantropi” miliardari rispetto ai governi nazionali, con quest’ultimo semplicemente incaricato di creare “ambienti abilitanti” ” per le politiche create da ed a beneficio dei primi. 

Parlando al World Economic Forum nel 1998, il segretario generale Kofi Annan ha  reso esplicito questo cambiamento:

“Le Nazioni Unite si sono trasformate dall’ultima volta che ci siamo incontrati qui a Davos. L’Organizzazione ha subito una revisione completa che ho descritto come una “rivoluzione silenziosa”. . . . Si è verificato un cambiamento fondamentale. Le Nazioni Unite una volta trattavano solo con i governi. Ormai sappiamo che la pace e la prosperità non possono essere raggiunte senza partnership che coinvolgano governi, organizzazioni internazionali, comunità imprenditoriale e società civile. . . . Il business delle Nazioni Unite coinvolge le imprese del mondo”.

I capi delle Nazioni Unite e del WEF firmano il “quadro di partenariato strategico”, New York 2019, Fonte off-guardian

Con l’ONU ora essenzialmente un veicolo per la promozione del capitalismo degli stakeholder, è giusto che “riunisca” e sostenga gli sforzi di un gruppo come GFANZ per estendere quel modello capitalista degli stakeholder ad altre istituzioni coinvolte nella governance globale, in particolare finanziaria globale governo. Consentire ai membri della GFANZ, ovvero a molte delle più grandi banche private e istituzioni finanziarie del mondo, di fondersi con gli MDB, rifare il “sistema di governance finanziaria globale” e ottenere un maggiore controllo sulle decisioni politiche nel mondo emergente è il sogno di ogni banchiere vero. Per arrivare a questo punto, tutto ciò che dovevano fare era convincere abbastanza della popolazione mondiale che tali cambiamenti sono necessari a causa dell’urgenza percepita del cambiamento climatico e della necessità di de-carbonizzare rapidamente l’economia. Eppure, se messo in pratica,ciò che ne risulterà non sarà certo un mondo “più verde”, ma un mondo dominato da una piccola élite finanziaria e tecnocratica che è libera di trarre profitto e saccheggiare sia il “capitale naturale” che il “capitale umano”.  

Oggi, gli MDB sono usati come “strumenti di potere” che utilizzano il debito per costringere le nazioni in via di sviluppo ad attuare politiche a vantaggio degli interessi stranieri piuttosto che dei propri interessi nazionali. Se GFANZ avrà successo, gli MDB di domani saranno utilizzati essenzialmente per eliminare la sovranità nazionale,  privatizzare i “beni naturali”  (ad esempio, ecosistemi, processi ecologici) del mondo in via di sviluppo e imporre politiche sempre più tecnocratiche progettate da istituzioni di governance globale e pensare carri armati su popolazioni sempre più diseredate. 

Sebbene GFANZ si sia ammantato di un’alta retorica di “salvare il pianeta”, i suoi piani alla fine equivalgono a un colpo di stato guidato dalle multinazionali che renderà il sistema finanziario globale ancora più corrotto e predatorio e ridurrà ulteriormente la sovranità dei governi nazionali nei paesi in via di sviluppo.

____________________

I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: