Storiche bufere di neve fermano la Cina

Cadono record secolari, emesse 27 “allerta rossa”

10 novembre 2021; articolo di Cap Allon

Una potente ondata di freddo sta continuando a colpire l’Asia orientale questa settimana, in particolare la Cina, dove le abbondanti nevicate hanno effettivamente chiuso come ospite di città e paesi.

La regione autonoma della Mongolia interna cinese e le province nord-orientali di Jilin, Liaoning e Heilongjiang hanno emesso 27 allarmi rossi combinati per “bontà del riscaldamento globale” -il livello di allerta più alto- poiché un certo numero di località registra le loro più grandi nevicate di sempre nei libri risalenti più di un secolo.

I meteorologi di Tongliao, nella Mongolia interna, hanno definito questa tempesta di neve “un evento meteorologico estremo estremamente casuale e improvviso”, riporta globaltimes.cn. Gli accumuli hanno raggiunto i 59 cm (23,2 pollici), battendo un record detenuto dal 1951.

Il video catturato a Tongliao il 9 novembre mostra un residente che apre la porta d’ingresso a un muro bianco. Mentre altri filmati mostrano i vigili del fuoco che salvano cinque persone dopo che la loro casa è crollata sotto il peso della neve da record:

Tongliao è il solo responsabile dell’emissione di cinque allarmi rossi per le bufere di neve.

Un funzionario dell’Ufficio meteorologico di Tongliao ha confermato che la regione sta effettivamente vivendo le nevicate più abbondanti da quando sono iniziate le registrazioni meteorologiche: degli 11 punti di osservazione meteorologica all’interno della città, sette hanno rilevato la più alta nevicata nella storia registrata.

Jilin ha subito la sua prima “ondata di freddo” in almeno un decennio questa settimana, che ha portato alla chiusura del traffico terrestre e aereo.

La tempesta di neve ha anche messo sotto pressione le reti elettriche della provincia e ha causato il crollo di venti linee di trasmissione. In risposta, la State Grid Corp ha inviato 3.000 dipendenti per risolvere i problemi.

I record di nevicate sono stati abbattuti anche nelle province di Heilongjiang e Liaoning.

Forti nevicate ad Anshan, provincia di Liaoning.
Forti nevicate ad Anshan, provincia di Liaoning.

Come riportato da bignewsnetwork.com, Shenyang, la capitale della provincia di Liaoning, ha registrato martedì una nevicata media di 5,1 cm (2 pollici) e una profondità massima della neve di 4,1 cm (1,6 pollici); anche se questo potrebbe non sembrare molto, questi sono i totali più alti dal 1905, hanno confermato le autorità meteorologiche locali (dal Centennial Minimum).

I meteorologi cinesi hanno attribuito le storiche bufere di neve a un’intensa convergenza di aria fredda e calda. Notano anche che, per coincidenza, la tempesta di neve di quest’anno a Tongliao ha coinciso con la data (nel calendario lunare) delle bufere di neve dell’anno scorso.

Implicazioni

Il Ministero cinese per la gestione delle emergenze sta assistendo nella risposta ai disastri e nel lavoro di soccorso. I funzionari di Shenyang hanno mobilitato 24.000 persone per liberare la città e hanno fornito oltre 2.000 set di macchinari e attrezzature.

Tragicamente, un certo numero di persone sono morte nelle tempeste, un inizio anticipato per il numero di vittime invernali, che l’anno scorso ha stabilito un nuovo record.

La neve, se non si scioglie presto, rischia anche quello che è noto come un “disastro bianco”, un problema nelle aree pastorali quando la neve si accumula sui prati e il bestiame non può pascolare, secondo quanto riportato dalla China Central Television. Inoltre, il tempo inclemente, che ha assediato la Cina tutto l’anno, ha già portato a un’impennata dei prezzi alimentari, danneggiando le tasche dei consumatori cinesi.

“Tutte le verdure sono morte nel terreno”, ha detto Zhou Rui, un agricoltore che coltiva circa 7 ettari (17 acri) nella contea di Juancheng. C’era poco da raccogliere dopo che i campi di spinaci, cavoli e coriandolo sono stati allagati, ha aggiunto, e gli agricoltori non sono stati in grado di ripiantare a causa del congelamento che ora sta devastando il paese.

Anche il prezzo di spinaci, broccoli, cetrioli e cavoli è più che raddoppiato nelle ultime settimane: i prezzi alle stelle sono un argomento caldo su Weibo cinese simile a Twitter, con molti utenti che affermano che le verdure ora costano più del maiale, la carne di base della nazione: ” Il coriandolo ora costa 17,8 yuan per mezzo chilo, è davvero più costoso del maiale!” ha scritto un utente nella provincia orientale dell’Anhui.

L’aumento, in un momento di crescente controllo sull’inflazione, preoccupa i funzionari del governo di Pechino, desiderosi di garantire scorte alimentari sufficienti prima dell’inverno. I prezzi più alti dell’energia stanno anche facendo salire i costi operativi per le serre, oltre ai prezzi record di quest’anno per i fertilizzanti.

“I nostri prezzi del gas naturale sono aumentati almeno del 100% e pensiamo che potrebbero triplicare durante il capodanno cinese”, ha affermato Xu Dan, gestore della serra HortiPolaris a Pechino, riferendosi alla festa più importante della Cina, prevista per il prossimo febbraio. “Devo trovare un modo per aumentare la nostra efficienza energetica. Non puoi chiedere ai consumatori di pagare il triplo del prezzo”.

I prezzi del carbone cinese sono aumentati del 200% quest’anno dopo un inverno record di riserve esaurite 2020-21.

Nel mezzo della crisi energetica globale, i governi locali stanno facendo di tutto per garantire che le case rimangano calde: le province di Jilin e Heilongjiang, ad esempio, stanno lavorando per aumentare le loro capacità di produzione di energia e aumentare le importazioni di carbone.

Guardando avanti

Ulteriori nevicate sono previste per il resto della settimana in tutta l’Asia orientale poiché la massa d’aria nell’Artico persiste.

E guardando più avanti, si prevede che un altro colpo di freddo polare affonderà insolitamente a sud la prossima settimana. La Siberia è destinata a subire variazioni di temperatura di circa 20°C al di sotto della media stagionale, in modo simile a come è iniziato l’inverno da record del 2020-21.

GFS 2m Temperature Anomalies for Nov 19 [tropicaltidbits.com].

Quel fronte artico minaccia quindi di scendere più a sud – e in Cina – entro il prossimo fine settimana (21 novembre):

E infine, dedica un pensiero a quelle povere anime nella provincia di Gansu mentre si mettono in fila sulla neve in attesa di sbloccare i loro “pass sanitari COVID” per la settimana. Il mondo è sempre stato pazzo, ma ora è anche folle.

Electroverse


Il Modern Maximum è finito, sotto ogni aspetto

I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno RAFFREDDANDO in linea con  la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i  raggi cosmici che nucleano le nuvole e un  flusso di corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare,  se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un  grande minimo solare ‘in piena regola’  alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare  (25)  come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con l’agenzia che mette in correlazione i precedenti spegnimenti solari a periodi prolungati di raffreddamento globale  qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che  il Beaufort Gyre  potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


Grande minimo solare
+
Inversione magnetica dei poli


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Una opinione su "Storiche bufere di neve fermano la Cina"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: