Incontro con Toka

L’azienda di spyware israeliana più pericolosa di cui non hai mai sentito parlare

La miope attenzione dei media mainstream sullo spyware israeliano Pegasus e le minacce che rappresenta significa che altre aziende, come Toka, non vengono indagate, anche quando i loro prodotti presentano un potenziale ancora maggiore di abuso e sorveglianza illegale.

24 luglio 2021; articolo di Whitney Webb

Pubblicato originariamente su MintPress News

La scorsa domenica,  un’indagine  sull’abuso globale di spyware sviluppata dai veterani dell’Unità di intelligence israeliana 8200 ha ottenuto ampia attenzione, poiché è stato rivelato che il software – venduto a governi democratici e autoritari – era stato utilizzato per spiare illegalmente circa 50.000 persone. individui. Tra coloro che hanno visto le loro comunicazioni e dispositivi spiati dal software, noto come Pegasus, c’erano giornalisti, attivisti per i diritti umani, dirigenti aziendali, accademici e importanti leader politici. Tra i leader politici presi di mira, secondo i rapporti, c’erano gli attuali leader di Francia, Pakistan, Sudafrica, Egitto, Marocco e Iraq.

L’abuso del software Pegasus in questo modo è noto da diversi anni, sebbene queste ultime rivelazioni sembrino aver guadagnato una tale trazione nel mainstream a causa dell’elevato numero di civili che secondo quanto riferito sono stati sorvegliati durante il suo utilizzo. Il perdurare dello  scandalo ormai durato anni che  circonda l’abuso di Pegasus ha portato anche notevoli polemiche e notorietà alla società israeliana che lo ha sviluppato, il Gruppo NSO.

Mentre il gruppo NSO è diventato famigerato, altre società israeliane con legami ancora più profondi con l’apparato di intelligence israeliano hanno venduto software che non solo fornisce esattamente gli stessi servizi a governi e agenzie di intelligence, ma pretende di andare ancora più lontano.

Originariamente fondata dall’ex primo ministro israeliano e socio di Jeffrey Epstein Ehud Barak, una di queste merci viene utilizzata da paesi di tutto il mondo, compresi i paesi in via di sviluppo con l’agevolazione diretta di istituzioni finanziarie globali come l’Inter-American Development Bank (IDB ) e la Banca mondiale. Inoltre, il software è disponibile solo per i governi che sono “fidati” dal governo israeliano, che “lavora a stretto contatto” con l’azienda.

Nonostante il fatto che questa azienda sia attiva dal 2018 e sia stata trattata in dettaglio da questo autore per MintPress News  nel gennaio 2020, nessun punto vendita mainstream, compresi quelli che hanno coperto ampiamente il gruppo NSO, si è preso la briga di esaminare le implicazioni di questa storia.

Peggio di Pegaso

Toka è stato lanciato nel 2018 con l’esplicito scopo di vendere un “ecosistema su misura di capacità informatiche e prodotti software per agenzie governative, forze dell’ordine e sicurezza”. Secondo un profilo della società pubblicato su  Forbes poco dopo il suo lancio, Toka si è pubblicizzata come “uno sportello unico di hacking per i governi che richiedono capacità extra per combattere i terroristi e altre minacce alla sicurezza nazionale nel dominio digitale”.

Toka è stata lanciata con l’intenzione di “fornire strumenti di spionaggio per qualsiasi dispositivo richiesto dai suoi clienti”, inclusi non solo gli smartphone, ma una “attenzione particolare al cosiddetto Internet of Things (IoT).” Secondo l’azienda, ciò include dispositivi come Amazon Echo, prodotti per la casa connessi a Google Nest, nonché frigoriferi, termostati e allarmi collegati. Gli exploit in questi prodotti scoperti da Toka, ha affermato la società all’epoca, non sarebbero stati divulgati ai fornitori, il che significa che quei difetti continuerebbero a rimanere vulnerabili a qualsiasi hacker, che sia un cliente di Toka o meno.

Oggi, la suite software di Toka afferma di offrire ai propri clienti delle forze dell’ordine, del governo e dell’intelligence la possibilità di ottenere “intelligence mirata” e di condurre “indagini forensi” e “operazioni segrete”. Inoltre, Toka offre ai governi il suo servizio “Cyber ​​Designers”, che fornisce “alle agenzie le strategie a spettro completo, i progetti personalizzati e le tecnologie necessarie per mantenere le infrastrutture critiche, il panorama digitale e le istituzioni governative sicure e durevoli”.

Dato che Pegasus di NSO prende di mira solo gli smartphone, la suite di hacking di Toka – che, come Pegasus, è anche classificata come un prodotto di “intercettazione legale” – è in grado di prendere di mira  qualsiasi  dispositivo connesso a Internet, inclusi ma non limitati agli smartphone. Inoltre, i suoi clienti target sono gli stessi di Pegasus, offrendo ai governi una facile opportunità di accedere a capacità di sorveglianza ancora maggiori di quelle offerte da Pegasus, ma senza rischiare la notorietà nei media, dal momento che Toka ha evitato a lungo le luci della ribalta.

Una diapositiva di una presentazione del 20 aprile 2021 data dal vicepresidente delle vendite globali di Toka, Michael Anderson

Inoltre, mentre Toka professa che i suoi prodotti sono utilizzati solo da governi e agenzie “fidati” per combattere il “terrorismo” e mantenere l’ordine e la sicurezza pubblica, il passo di vendita per Pegasus del gruppo NSO è notevolmente simile e il passo di vendita non si è fermato il suo software venga utilizzato per prendere di mira dissidenti, politici e giornalisti. Consente inoltre a molti degli stessi gruppi che sono clienti di Toka, come le agenzie di intelligence, di utilizzare questi strumenti allo scopo di ottenere ricatti. L’uso del ricatto  da parte delle agenzie di sicurezza israeliane contro i palestinesi civili per tentare di indebolire la società palestinese e per la persecuzione politica è ben documentato.

Toka è stata descritta dagli analisti di mercato come una società di “sicurezza offensiva”, sebbene la leadership dell’azienda rifiuti questa caratterizzazione. Il co-fondatore dell’azienda e attuale CEO Yaron Rosen ha affermato che, al contrario di puramente offensive, le operazioni dell’azienda sono “qualcosa nel mezzo”, che classifica come un ponte tra la difesa informatica e le attività cibernetiche offensive, ad esempio l’hacking.

Le attività dell’azienda sono preoccupanti alla luce del fatto che Toka è stata direttamente partner del Ministero della Difesa israeliano e di altre agenzie di intelligence e sicurezza israeliane sin dalla sua fondazione. La società “lavora a stretto contatto” con queste agenzie governative, secondo un sito web del Ministero della Difesa israeliano. Questa collaborazione, per Toka, ha lo scopo di “migliorare” i loro prodotti. I collegamenti diretti con l’IDF di Toka sono in contrasto con il gruppo NSO, una società che non mantiene legami aperti con lo stato di sicurezza israeliano.

La collaborazione diretta di Toka con il governo israeliano è anche resa chiara dalla sua affermazione che vende i suoi prodotti e offre i suoi servizi solo a governi “fidati”, forze dell’ordine e agenzie di intelligence. Rosen di Toka ha dichiarato che Russia, Cina e “altri paesi nemici” non sarebbero mai stati clienti dell’azienda. In altre parole, solo i paesi allineati con gli obiettivi della politica israeliana, in particolare nella Palestina occupata, possono essere clienti e accedere al suo tesoro di potenti strumenti di hacking. Ciò è coerente con gli sforzi del governo israeliano per sfruttare il settore hi-tech israeliano come mezzo per contrastare il movimento di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (BDS) a livello globale.

Una foto del profilo dell’ex capo del personale informatico dell’IDF e co-fondatore di Toka, Yaron Rosen.
Credito | Leggende della spia

Un’ulteriore prova che Toka fa parte di questo sforzo del governo israeliano per seminare i governi stranieri con prodotti tecnologici profondamente legati ai servizi militari e di intelligence israeliani è il fatto che uno dei principali investitori in Toka è Dell Technologies Capital, che è un’estensione del ben- nota azienda tecnologica Dell. Dell è stata fondata da Michael Dell, noto partigiano filo-israeliano che ha donato milioni di dollari agli Amici dell’IDF ed è uno dei principali sostenitori delle cosiddette leggi “anti-BDS” che impediscono ai dipendenti pubblici o istituzioni pubbliche in diversi stati degli Stati Uniti dal sostenere boicottaggi non violenti di Israele, anche per motivi umanitari. Come notato in precedenza da MintPress, il fatto che un importante produttore di beni elettronici di consumo stia investendo pesantemente in un’azienda che commercializza l’hacking di quella stessa tecnologia dovrebbe essere un campanello d’allarme.

L’uso iniziale ammesso dal governo del settore hi-tech per contrastare il movimento BDS ha coinciso con il lancio di una nuova politica dell’agenzia militare e di intelligence israeliana nel 2012, in base alla quale “progetti di intelligence e cyber-relativi che in precedenza erano svolti internamente nell’esercito israeliano e le principali armi di intelligence israeliane vengono trasferite a società che, in alcuni casi, sono state costruite proprio per questo scopo”.

Secondo quanto riferito, uno dei motivi per cui questo è stato lanciato è stato quello di trattenere i membri dell’Unità 8200 impegnati nel lavoro militare che si stavano spostando verso lavori nel settore tecnologico altamente retribuito del paese. Attraverso questa nuova politica che ha funzionato essenzialmente per fondere gran parte del settore tecnologico privato con lo stato di sicurezza nazionale di Israele, alcuni veterani dell’Unità 8200 e altri servizi segreti continuano il loro lavoro per lo stato ma beneficiano di uno stipendio del settore privato. Il risultato finale è che un numero sconosciuto – e probabilmente molto elevato – di aziende tecnologiche israeliane è guidato da veterani dell’esercito israeliano e delle agenzie di intelligence israeliane e serve, a tutti gli effetti, come società di copertura. Un esame più attento di Toka suggerisce fortemente che si tratta di una di queste società di facciata.

Toka – nato dallo stato di sicurezza nazionale di Israele

La società è stata co-fondata da Ehud Barak, Alon Kantor, Kfir Waldman e dal generale di brigata dell’IDF in pensione Yaron Rosen. Rosen, amministratore delegato fondatore dell’azienda e ora co-CEO, è l’ex capo dello staff informatico dell’IDF, dove era “l’architetto principale di tutte le attività informatiche [IDF]”, comprese quelle eseguite dall’unità di intelligence militare israeliana 8200. Alon Kantor è l’ex vicepresidente dello sviluppo aziendale per Check Point Software, una società di software e hardware fondata da veterani dell’Unità 8200. Kfir Waldman è l’ex CEO di Go Arc ed ex direttore dell’ingegneria presso il gigante della tecnologia Cisco. Cisco è leader nel campo dei dispositivi Internet of Things e della cybersecurity IoT, mentre Go Arc si concentra sulle applicazioni per dispositivi mobili. Come accennato in precedenza, Toka hackera non solo i dispositivi mobili, ma ha anche un “focus speciale” sull’hacking dei dispositivi IoT.

Una diapositiva di una presentazione del 20 aprile 2021 data dal vicepresidente delle vendite globali di Toka, Michael Anderson

Oltre ad aver servito come primo ministro di Israele, il co-fondatore di Toka Ehud Barak in precedenza è stato capo della direzione dell’intelligence militare israeliana Aman, così come molti altri posti di spicco nell’IDF, prima di guidare l’esercito israeliano come ministro della difesa. Mentre era ministro della difesa, ha guidato l’operazione Piombo fuso contro la Striscia di Gaza bloccata nel 2009, che ha provocato la morte di oltre 1.000 palestinesi e ha visto Israele usare illegalmente armi chimiche contro i civili.

Toka è la prima startup creata da Barak. Tuttavia, Barak aveva precedentemente presieduto e investito in Carbyne911, una controversa start-up di servizi di emergenza israeliana che si è espansa in tutto il mondo ed è diventata particolarmente radicata negli Stati Uniti. Il successo di Carbyne è stato nonostante lo scandalo Jeffrey Epstein, dato che il pedofilo e trafficante di sesso legato all’intelligence aveva investito pesantemente nella compagnia per volere di Barak. La stretta relazione di Barak con Epstein, comprese le visite notturne all’ormai famigerata isola di Epstein e ai complessi di appartamenti che ospitavano donne trafficate e ragazze minorenni, è stata ampiamente documentata.

Barak si è allontanato da Toka nell’aprile dello scorso anno, probabilmente a causa della controversia sui suoi legami con Epstein, che ha visto anche Barak ritirarsi dalla sua presidenza di Carbyne sulla scia della morte di Epstein. Prove considerevoli hanno indicato che Epstein è stato una risorsa di intelligence dell’intelligence militare israeliana che ha accumulato ricatti su individui potenti a beneficio dello stato di sicurezza nazionale di Israele e di altre agenzie di intelligence, nonché per guadagno personale.

Un altro dirigente di spicco di Toka è Nir Peleg, vicepresidente per i progetti strategici dell’azienda. Peleg è l’ex capo della Divisione Ricerca e Sviluppo presso la National Cyber ​​Directorate di Israele, dove ha guidato progetti nazionali di sicurezza informatica, nonché iniziative governative e collaborazioni con partner internazionali e aziende innovative di sicurezza informatica israeliana. Prima di questo, Peleg afferma di aver servito per più di 20 anni in posizioni di primo piano presso l'”unità tecnologica d’élite” dell’IDF, sebbene specifichi esattamente di quale unità si trattasse. Il suo   profilo LinkedIn lo indica come capo dell’intero dipartimento tecnologico dell’IDF dal 2008 al 2011.

Mentre era al National Cyber ​​Directorate di Israele, Peleg ha lavorato a stretto contatto con Tal Goldstein, ora capo della strategia per la Partnership contro la criminalità informatica del World Economic Forum (WEF-PAC), i cui membri includono agenzie governative di Stati Uniti, Israele e Regno Unito, insieme ad alcuni delle aziende più potenti al mondo in tecnologia e finanza. L’obiettivo di questo sforzo è stabilire un’entità globale in grado di controllare il flusso di informazioni, dati e denaro su Internet. In particolare, l’amministratore delegato di Toka Yaron Rosen ha recentemente chiesto l’istituzione essenzialmente di questa esatta organizzazione quando ha affermato che la comunità internazionale aveva bisogno di creare urgentemente l’equivalente “cyber” dell’Organizzazione mondiale della sanità per combattere la cosiddetta “pandemia informatica”.

Le affermazioni che una “pandemia informatica” è imminente sono state frequenti da parte di individui legati al WEF-PAC, incluso il CEO di Checkpoint Software Gil Shwed. Checkpoint è membro del WEF-PAC e due dei suoi ex vicepresidenti, Michael Anderson e Alon Kantor, sono ora rispettivamente vicepresidente per le vendite globali e co-amministratore delegato di Toka.

Il World Economic Forum fa poco per nascondere la sua collaborazione con ex funzionari dell’intelligence israeliana

Il Chief Technology Officer di Toka, e capo architetto della sua suite di hacking, è  Moty Zaltsman, che è l’unico amministratore delegato della società non elencato sul sito Web dell’azienda. Secondo il suo LinkedIn, Zaltsman era il Chief Technology Officer dell’allora primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu. Lo scorso gennaio, quando Toka è stato coperto da MintPress News, il suo profilo affermava di aver sviluppato “tecnologie offensive” per il capo di stato israeliano, ma Zaltsman ha poi rimosso questa affermazione. L’ultimo dirigente di Toka degno di nota è Michael Volfman, vicepresidente della ricerca e sviluppo dell’azienda. Volfman era in precedenza un leader di ricerca e sviluppo informatico presso una non specificata “unità tecnologica leader” dell’IDF.

Da segnalare anche i principali investitori di Toka, in particolare Entrèe Capital, che è gestita da Aviad Eyal e Ran Achituv. Achituv, che gestisce l’investimento di Entrée in Toka e siede nel consiglio di amministrazione di Toka, è stato il fondatore dell’unità di intelligence dei segnali basata sui satelliti dell’IDF e anche un ex vicepresidente senior sia di Amdocs che di Comverse Infosys. Sia Amdocs che Comverse hanno corteggiato lo scandalo alla fine degli anni ’90 e all’inizio degli anni 2000 per il loro ruolo in una massiccia operazione di spionaggio sostenuta dal governo israeliano che ha preso di mira le agenzie federali statunitensi in quel periodo.

Nonostante questo scandalo e altri nel passato della società, la controllata di Comverse Verint è stata successivamente incaricata dalla National Security Agency (NSA) degli Stati Uniti di intercettare la rete di telecomunicazioni di Verizon poco dopo che il loro precedente scandalo di spionaggio è stato coperto dai media mainstream. Il contratto faceva parte dell’operazione Stellar Winds ed è stato approvato dall’allora direttore della NSA Keith Alexander, che da allora è stato uno schietto sostenitore di una più stretta cooperazione tra governo israelo-americano in materia di sicurezza informatica.

Oltre a Entrèe Capital, Andreessen Horowitz è un altro dei principali investitori di Toka. La società di venture capital co-fondata dal titano della Silicon Valley Marc Andreessen è attualmente consigliata dall’ex segretario al Tesoro Larry Summers, un caro amico del famigerato pedofilo Jeffery Epstein. I primi investitori in Toka che non sono più elencati sul sito Web dell’azienda includono Launch Capital, che è profondamente legato alla famiglia Pritzker, una delle famiglie più ricche degli Stati Uniti, con stretti legami con Clinton e Obama, nonché con i pro degli Stati Uniti -Lobby israeliana – e Ray Rothrock, un venture capitalist che ha trascorso quasi tre decenni a VenRock, il Fondo di venture capital della famiglia Rockefeller.

Alla luce della suddetta politica del governo israeliano di utilizzare le società tecnologiche private come copertura, la combinazione dei legami diretti del governo israeliano di Toka, la natura dei suoi prodotti e servizi e le numerose e significative connessioni dei suoi leader e investitori sia con l’intelligence militare israeliana e gli scandali di spionaggio israeliani del passato suggeriscono fortemente che Toka sia uno di questi fronti.

Se questo è il caso, c’è motivo di credere che, quando i clienti Toka hackerano e ottengono l’accesso a un dispositivo, anche elementi dello stato israeliano potrebbero ottenere l’accesso. Questa preoccupazione nasce dal fatto che l’intelligence israeliana si è impegnata in questo esatto tipo di comportamento prima come parte dello scandalo del software PROMIS, per cui la “superspia” israeliana Robert Maxwell ha venduto software buggato al governo degli Stati Uniti, inclusi luoghi altamente sensibili coinvolti in attività classificate ricerca sulle armi nucleari. Quando quel software, noto come PROMIS, è stato installato sui computer del governo degli Stati Uniti, l’intelligence israeliana ha avuto accesso a quegli stessi sistemi e dispositivi.

Il governo degli Stati Uniti non era l’unico obiettivo di questa operazione, tuttavia, poiché il software PROMIS difettoso è stato collocato nelle reti di diverse agenzie di intelligence in tutto il mondo, nonché di potenti società e diverse grandi banche. L’intelligence israeliana ha avuto accesso a tutti i loro sistemi fino a quando la natura compromessa del software non è stata resa pubblica. Tuttavia, il governo israeliano non è stato ritenuto responsabile dal governo degli Stati Uniti o dalla comunità internazionale per il suo programma di spionaggio di vasta portata, un programma direttamente facilitato da società di facciata incentrate sulla tecnologia. Le somiglianze tra i prodotti commercializzati ed i clienti presi di mira da Maxwell durante lo scandalo PROMIS e attualmente da Toka sono notevoli.

Banca mondiale, IDB aiuta Toka a prendere di mira gli alleati della Palestina

Mentre i legami tra Toka e lo stato di sicurezza nazionale di Israele sono chiari come il giorno, ciò che è anche significativo e inquietante in questa azienda è come il suo ingresso nei paesi in via di sviluppo e sviluppati sia facilitato dalle istituzioni finanziarie globali, in particolare la Banca Mondiale e l’Inter-Banca Americana di Sviluppo. In particolare, questi sono gli unici accordi con i governi che Toka pubblicizza sul suo sito Web, poiché gli altri non sono resi pubblici.

Diversi progetti finanziati dall’una o dall’altra di queste due istituzioni hanno visto Toka diventare il “cyber designer” delle strategie nazionali di sicurezza informatica per Nigeria e Cile dallo scorso anno. Significativamente, le popolazioni di entrambi i paesi mostrano un forte sostegno alla Palestina e al movimento BDS. Inoltre, lo scorso settembre, Toka ha ottenuto un contratto finanziato dalla Banca Mondiale con il governo della Moldova, alleato di Israele.

La Banca Mondiale ha selezionato Toka nel febbraio dello scorso anno per “migliorare lo sviluppo informatico della Nigeria”, che include lo sviluppo di “quadri nazionali, capacità tecniche e miglioramento delle competenze”. Attraverso il contratto della Banca mondiale, Toka è ora intimamente coinvolta sia con il settore pubblico che con quello privato della Nigeria che si riferisce al “ecosistema informatico” del paese. La decisione della Banca mondiale di scegliere Toka è probabilmente il risultato di una partnership forgiata nel 2019 dallo stato di Israele con l’istituto finanziario globale “per rafforzare la sicurezza informatica nei paesi in via di sviluppo”, con un focus su Africa e Asia.

I dirigenti Toka posano con i funzionari nigeriani nel 2020. Foto | Difesa israeliana

“Progettare e costruire una strategia informatica nazionale solida e sostenibile e la resilienza informatica è un fattore fondamentale per raggiungere gli obiettivi della politica nazionale di sicurezza informatica e del quadro strategico della Nigeria”, ha dichiarato l’amministratore delegato di Toka Yaron Rosen in un comunicato stampa relativo al contratto.

Dato il già citato uso della sua tecnologia da parte di Toka solo per i governi “fidati”, è degno di nota il fatto che la Nigeria sia stata un forte alleato della Palestina per la maggior parte dell’ultimo decennio, fatta eccezione per un’astensione a un voto cruciale delle Nazioni Unite nel 2014. Oltre al governo, numerosi gruppi di studenti, organizzazioni per i diritti umani e organizzazioni islamiche nel paese sono espliciti nel loro sostegno alla Palestina. Con gli sforzi di Toka di offrire i suoi prodotti solo ai paesi che si alleano con paesi “amici”, il loro coinvolgimento ora intimo con lo sviluppo informatico della Nigeria potrebbe presto avere conseguenze per un governo che tende a sostenere la causa palestinese. Ciò è ancora più probabile date le dichiarazioni del CEO di Toka Rosen in un evento dell’aprile 2021 ospitato dal Ministero dell’Economia israeliano, dove ha sottolineato il ruolo del cyber nei paesi in via di sviluppo in particolare in termini di difesa nazionale e strategia economica.

Tre mesi dopo la conclusione dell’accordo con la Nigeria tramite la Banca mondiale, la Banca interamericana di sviluppo (IDB) ha selezionato Toka per consigliare il governo cileno sui “prossimi passi per la preparazione alla sicurezza informatica nazionale e lo sviluppo delle capacità operative del paese”. Come parte del progetto, “Toka valuterà le attuali lacune e sfide della sicurezza informatica in Cile e sosterrà l’implementazione del progetto IDB raccomandando specifici miglioramenti alla preparazione della sicurezza informatica”, secondo un comunicato stampa. Toka afferma che aiuterà a “stabilire il Cile come leader della sicurezza informatica in Sud America”. Per quanto riguarda l’accordo, Rosen di Toka ha dichiarato di essere “grato” che l’IDB ci abbia “fornito questa opportunità di lavorare con il governo del Cile”.

Israele ha firmato accordi consequenziali per la cooperazione con l’IDB nel 2015, prima di approfondire ulteriormente tali legami nel 2019, collaborando con l’IDB per investire 250 milioni di dollari dalle istituzioni israeliane in America Latina in particolare.

I dirigenti Toka sono raffigurati con funzionari cileni durante un incontro del 2020 a Santiago

Come la Nigeria, il Cile ha un forte legame con la Palestina ed è spesso un obiettivo degli sforzi di influenza del governo israeliano. Sebbene l’attuale governo di estrema destra di Sebastián Piñera sia cresciuto vicino a Israele, il Cile ospita la più grande comunità di esiliati palestinesi al mondo al di fuori del Medio Oriente. Di conseguenza, il Cile ha uno dei movimenti BDS più forti nelle Americhe, con città che dichiarano un boicottaggio non violento di Israele fino a quando l’amministrazione Piñera non è intervenuta per affermare che tali boicottaggi possono essere attuati solo a livello federale. I cileni palestinesi hanno una forte influenza sulla politica cilena, con un recente e popolare candidato presidenziale, Daniel Jadue, essendo figlio di immigrati palestinesi in Cile. All’inizio di quest’anno, a giugno, il congresso cileno ha redatto un disegno di legge per boicottare beni, servizi e prodotti provenienti dagli insediamenti israeliani illegali.

Mentre Toka inquadra entrambi questi progetti come volti ad aiutare la prontezza informatica e le economie dei paesi che ora serve, i media israeliani hanno dipinto un quadro diverso. Ad esempio, Haaretz ha scritto che le partnership di Israele con le banche di sviluppo, in particolare quelle stipulate nel 2019 che hanno portato a questi contratti Toka, sono state pianificate da un comitato interministeriale istituito dall’allora primo ministro Benjamin Netanyahu “per realizzare il potenziale dello sviluppo internazionale per rafforzare l’economia israeliana, migliorare la posizione politica di Israele e rafforzare il suo ruolo internazionale”. Una fonte,  citata da Haaretz vicino a questa impresa, ha affermato che “le banche di sviluppo sono un modo per aiutare a far avanzare gli interessi e l’agenda di Israele nel mondo in via di sviluppo, inclusa l’America Latina. Ma non è filantropia».

Alla luce di queste affermazioni, e del modus operandi di Toka   come azienda e del suo background, sembra altamente probabile che la ragione per cui sia la Nigeria che il Cile sono stati scelti come primi contratti delle banche di sviluppo di Toka fosse finalizzata a far avanzare l’agenda del governo israeliano in quei paesi specifici, uno che cerca di contrastare e mitigare il sostegno vocale alla Palestina tra gli abitanti di quei paesi.

Il problema dello spyware va ben oltre il gruppo NSO

Il gruppo NSO e il suo software Pegasus sono chiaramente uno scandalo importante che merita esame. Tuttavia, il trattamento dell’incidente da parte dei media ha in gran parte assolto il governo israeliano da qualsiasi ruolo in quella vicenda, nonostante il fatto che le vendite di Pegasus da parte del gruppo NSO a governi stranieri siano state approvate e difese dal governo israeliano. Questo, ovviamente, significa che il governo israeliano ha anche una responsabilità ovvia nell’intero scandalo.

Inoltre, l’attenzione miope sul gruppo NSO quando si tratta di reportage dei media mainstream sullo spyware privato israeliano e le minacce che rappresenta significa che altre società, come Toka, non vengono indagate, anche se i loro prodotti presentano un potenziale ancora maggiore di abuso e illegalità. sorveglianza rispetto a quelli attualmente commercializzati e venduti dal Gruppo NSO.

Data la lunga storia dell’uso da parte dell’intelligence israeliana di società tecnologiche per la sorveglianza e lo spionaggio internazionali, nonché la sua politica ammessa di utilizzare le società tecnologiche come facciata per combattere il BDS e garantire il “dominio informatico” di Israele, l’indagine sullo spyware israeliano non può fermarsi solo con NSO Gruppo. Tuttavia, non fermarsi lì rischia di sfidare direttamente lo stato israeliano, in particolare nel caso di Toka, e questo è qualcosa che i media mainstream tendono ad evitare. Ciò è dovuto a un mix di fattori, ma il fatto che il Pegasus di NSO sia stato utilizzato per spiare i giornalisti in modo così esteso di certo non aiuta la questione.

Tuttavia, l’armamento da parte di Israele della sua industria tecnologica e l’uso globale delle sue offerte di spyware da parte dei governi e delle agenzie di sicurezza di tutto il mondo, devono essere affrontati, soprattutto perché è stato esplicitamente armato per prevenire il boicottaggio non violento dell’occupazione israeliana della Palestina, incluso quelli basati esclusivamente su motivi umanitari o per rispetto delle leggi internazionali che Israele regolarmente infrange. Consentire a un governo di impegnarsi in questa attività su scala globale per soffocare le critiche a politiche palesemente illegali e crimini di guerra non può continuare e questo dovrebbe essere il caso di qualsiasi governo, non solo di Israele.

Se i media che riportano con entusiasmo sulle ultime rivelazioni di Pegasus sono veramente preoccupati per l’abuso di spyware da parte dei governi e delle agenzie di intelligence di tutto il mondo, dovrebbero anche prestare attenzione a Toka, poiché sta attivamente armando queste stesse istituzioni con armi molto peggiori di qualsiasi NSO Prodotto di gruppo.

Foto caratteristica | Grafica di Antonio Cabrera

UnlimitedHangout


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: