Dopo aver censurato le “cheerleader” per anni, WaPo ora ne riceve gli effetti e sono incazzati

12 novembre 2021; articolo di Matt Agorist

Nel 2017, il Washington Post ha annunciato che stavano cambiando lo slogan del loro giornale in “La democrazia muore nelle tenebre”. Questo slogan, sebbene vero, era incredibilmente ironico e ipocrita poiché il giornale ha a lungo sostenuto la censura dei suoi rivali politici. Se solo una parte di un argomento può essere ascoltata, questa non è certo democrazia, eppure è la politica di quelli del WaPo.

E’ estremamente spiacevole essere presente e registrare la memoria storica di questi tempi che qualcuno ha già accostato all’apocalisse biblica. Mentre da parte mia li ho definiti come il film L’Invasione degli Ultracorpi e non voglio dilungarmi sulle “stranezze” delle nostre élites e politici auto-eletti o dei salotti dei giornalisti asserviti alla narrazione; mi limito soltanto a registrarne le affinità con la pellicola degli anni cinquanta.. Credo che chi ha occhi per “vedere” capisca ciò che intendo.

Nel mio escursus terrestre mi sono definito prima comunista, poi di sinistra, da cui una rapida sterzata nell’anarchismo.. ismo perché nella vita normale non può coesistere l’anarchia pura con il mondo che ci circonda; per renderla reale bisogna che anche gli altri pratichino tutti la stessa disciplina di vita, ne siano consapevoli e promotori.. ma nella realtà, al momento, va nel cassetto delle utopie.

Bella.. piacevole ma un’utopia.

Anche perché non stiamo discutendo di pensieri astratti da trasformare in realtà condivisa ma ci guardiamo in cagnesco e temiamo qualsiasi paranoia possa venirci in mente per concretizzare l’immagine del diverso, il nemico della porta accanto.

Due anni di pandemia non sono uno scherzo.

Soprattutto il fatto che la gestione di questa pandemia è stata terrorifica con profusione di particolari sul come ci si possa ammalare di un’influenza che non è arrivata nemmeno vicino alla terribile “Spagnola”.

Tante persone trovatesi nell’impossibilità di movimento si sono rivolte alla rete per cercare quelle risposte che televisioni e giornali hanno negato da subito, fornendo a canali unificati una storia incongrua fatta di esperti e comitati (televisioni e salotti), che ha esasperato e generato ancor più domande, quasi tutte senza risposta.

Domande che si sono trovate la strada sbarrata dai cancelli della censura del governo. E non solo in modo figurato. Le recenti manifestazioni a Trieste ed in altre città hanno avuto una risposta che non esito a definire reazionaria, molto più fascista di quanto un emiciclo monocolore potesse mai generare. Quando si dice unità d’intenti…

Da qualche parte, in un articolo o discussione ho letto quello che ho già affermato da mesi… “Mai mi sarei immaginato di ritrovarmi in questa situazione di dittatura e se qualcuno fosse venuto a raccontarmelo lo avrei preso a schiaffoni”.

Questo pensiero è relegato in un cassetto che sto tenendo chiuso con un fermo e con un lucchetto.. di quelli grossi e luccicanti.

Perché a ben vedere sono dodici anni che faccio attivismo e sono almeno dieci anni che, insieme a tanti altri blogger di buona volontà, cerchiamo di raccontare quello che secondo le nostre ricerche sarebbe potuto succedere.

Ma l’umano vive garrulo e cerca di non pensare alle “cose brutte” che la vita può donargli; cerca di adattare il proprio percorso in modo da risultare quasi invisibile al sistema e continuare il proprio tran-tran quotidiano, fatto di fancazzismo, divertimento ma anche di ricerca interiore, amore e condivisione. Il bene ha un costo e deve pagare le tasse, mica micio-micio-bau-bau!

Non ho molto da raccontare prima di lasciarvi finalmente leggere l’articolo che segue; quello che posso dire è che io ricordo mio nonno raccontarmi del “tempo di guerra”, dove non si poteva nemmeno andare a giocare a bocce nel greto del Bisagno a Genova, mi raccontava queste cose nel consueto giro dei “misci” (dei poveri). Poi mi comprava o una gazzosa o un “gelato al limon”.

Un’ultima cosa ed è davvero l’ultima.

Quando tradisci il tuo paese, quando tradisci i tuoi stessi concittadini nei modi che abbiamo tutti visto in questi anni, anche prima della pandemia, sarai tra i primi ad essere “fatto fuori”.

Perché un traditore è per sempre.


Non molto tempo dopo aver proclamato che la democrazia muore nell’oscurità, il WaPo ha intrapreso una massiccia campagna di censura spegnendo simbolicamente le candele per garantire che i loro rivali politici “morissero nell’oscurità”. È iniziato con Alex Jones e un pezzo di successo che chiedeva la sua rimozione dai social media intitolato  “Facebook vuole ridurre la disinformazione. Allora perché non sta facendo nulla per InfoWars?”.

Ma anche prima che cambiassero il loro motto, WaPo aveva a lungo sostenuto la censura e non avevano problemi a usare le bugie per ottenere questi mezzi. Nel 2016, il progetto del pensiero libero è stato sollevato nel WaPo, che ha affermato – senza prove – che facevamo parte di uno sforzo di propaganda russo per “diffondere notizie false” durante le elezioni.

Citando l’ormai pesantemente screditato “think tank” noto come  Prop or Not,  il post affermava che il TFTP e dozzine di altri siti web di notizie

“ottennero supporto da una sofisticata campagna di propaganda russa che creava e diffondeva articoli fuorvianti online con l’obiettivo di punire la democratica Hillary Clinton, aiutando il repubblicano Donald Trump e minando la fede nella democrazia americana”.

Washington Post

Chiaramente a nessuno interessava guardare i nostri articoli all’epoca che criticavano sia Hillary Clinton che  Donald Trump. Inoltre, nonostante sia stato completamente smentito e nonostante l’intera narrativa dell’“ingerenza russa” sia andata in cenere all’inizio di questo mese, l’articolo rimane sul loro sito web

Gli appelli di WaPo per censurare i loro rivali politici sono tanto numerosi quanto scandalosi e continuano ancora oggi. Proprio questa settimana, WaPo ha pubblicato un pezzo.

Chiedendo che Big Tech censuri immediatamente chiunque metta in discussione la narrativa dell’establishment sui cambiamenti climatici.

Il WaPo è persino arrivato al punto di spingere per modificare l’attuale disposizione del Primo Emendamento per la libertà di parola.

Sì, hanno sostenuto di cambiare la stessa Costituzione degli Stati Uniti per rimuovere i discorsi che non gli piacevano. Ovviamente questo è stato fatto per “prevenire l’incitamento all’odio”, ma hanno completamente ignorato gli inevitabili effetti di tale follia.

“Sì, il Primo Emendamento protegge il ‘pensiero che odiamo’, ma non dovrebbe proteggere i discorsi pieni di odio che possono causare violenza da parte di un gruppo contro un altro”,

si legge nell’articolo.

Ma ci sono già leggi sui libri contro l’incitamento alla violenza verso gli altri. Per non parlare del fatto che il WaPo ha spinto a lungo il “discorso di odio” che incita alla violenza contro i gruppi con cui non sono d’accordo. In effetti, proprio l’anno scorso, il giornale ha preso una pagina direttamente dal playbook della propaganda nazista che è stato usata per demonizzare gli ebrei e l’ha usata per disumanizzare i sostenitori di Trump, come topi che dovrebbero essere sterminati.

Potremmo andare avanti ancora per molto, descrivendo in dettaglio l’egregio passato del Washington Post, ma il punto è chiaro: non sono amici della libertà di parola. Inoltre, sono chiaramente all’oscuro degli effetti potenzialmente inquietanti del difendere il silenzio del discorso pacifico.

Come riportato all’epoca dal TFTP, con una precisione del 100%, avevamo previsto che la censura di Alex Jones, di cui WaPo era alla guida, avrebbe portato a una china scivolosa di censura dilagante che poteva essere applicata a chiunque. E, diversi mesi dopo che Jones è stato cancellato da Internet, è stato lanciato un altro attacco coordinato. Questa volta, sono venuti per il Free Thought Project e oltre 800 altri media alternativi anti-establishment orientati alla libertà.

Il progetto Free Thought, insieme a quasi 6 milioni di fan che hanno impiegato anni per costruirlo, è stato cancellato dalla faccia di Facebook e Twitter nel giro di poche ore. Purtroppo, questo non è stato ancora sufficiente per scuotere la mafia pro-censura dal loro pericoloso percorso e, ora, in una svolta dolorosamente ironica, stanno vivendo un simile silenzio.

Giovedì, Micah Gelman, capo del dipartimento video di WaPo, ha pubblicato uno screenshot di un messaggio ricevuto da YouTube. Il loro video, che è stato pubblicato ben più di un anno fa, questo mese è stato sottoposto a “limiti di età”.

Sebbene non sia stato esplicitamente rimosso, il video in questione non sarà più visibile ai minori di 18 anni, non sarà monetizzato e non potrà essere incorporato e condiviso al di fuori della piattaforma YouTube.

Naturalmente, Gelman era sconvolto, chiedendo “Ehi @YouTube chi stai esattamente cercando di proteggere dalla storia?”

Quando Gelman ha fatto appello, YouTube ha confermato il divieto contro il canale WaPo.

Questo è esattamente il modo in cui inizia.

Gli utili idioti fungono da cheerleader per i controllori delle informazioni in quanto li aiutano a breve termine. Ma, inevitabilmente, quei polli resteranno attaccati al pettine. In effetti, abbiamo riportato un caso simile l’anno scorso quando Mother Jones, che ha elogiato la rimozione di Alex Jones da Internet, è stato morso dallo stesso serpente della censura che hanno scatenato sul loro nemico.

Quando Alex Jones è stato cancellato da Internet, Mother Jones lo ha elogiato, correndo il titolo:

“Facebook rimuove finalmente altri 22 account di Alex Jones”. Questo era uno dei tanti articoli.

Mother Jones

“Questi tre non aggiungono nulla al pianeta Terra con la loro esistenza, quindi non mi dispiace vietarli”, ha scritto il collaboratore di Mother Jones Kevin Drum in un articolo sulla censura di Alex Jones, Louis Farrakhan e Milo Yiannopoulos.

Poi, nell’ottobre 2020, Mother Jones ha visto i loro polli tornare a casa al pettine mentre veniva censurato su Facebook.

“Facebook ha usato il suo potere monopolistico per aumentare e sopprimere i contenuti di specifici editori: l’essenza di ogni paura del Grande Fratello riguardo alle piattaforme, e qualcosa che Facebook e altre società hanno negato strenuamente per anni”, hanno detto all’epoca.

La retorica di Alex Jones, insieme a molte altre persone con cui potresti non essere d’accordo, che sia odiosa o meno, merita la sua piattaforma come tutti gli altri. Le idee nel regno della conversazione combattono per se stesse. Razzismo, bigottismo, sessismo: queste cose si stanno estinguendo – non perché qualche signore delle multinazionali con una massiccia influenza sul flusso di informazioni le abbia spazzate via – ma perché sono state dibattute nella sfera pubblica e coloro che le detenevano si sono dimostrati gli (utili) idioti che sono.

Quando a tutti viene detto cosa pensare e le idee, anche razziste e al vetriolo, vengono tenute nascoste, tutti diventano idioti, completamente dipendenti da questo sistema di censura per dire loro cosa pensare. Un pendio pericolosamente scivoloso davvero in quanto aiuta a favorire le idee di razzismo e odio giustificandole agli occhi di coloro che vengono censurati.

Poiché alcuni individui facilmente influenzabili prendono bocconcini di informazioni e prendono decisioni sfacciate non significa che queste informazioni debbano essere fermate.

Quando lo stato e la Big Tech lanceranno questa campagna di censura, indipendentemente dalle loro intenzioni di prevenire minacce o odio o qualsiasi altra cosa, verrà utilizzata per mettere a tacere tutti coloro con cui l’establishment non è d’accordo – la storia dimostra che è così, ogni volta .

Come disse il famoso giornalista e poeta tedesco Christian Johann Heinrich Heine:

Dove hanno bruciato libri, finiranno per bruciare esseri umani. 

Christian Johann Heinrich Heine

Fonte: The Free Thought Project

Matt Agorist è un veterano congedato con onore dall’USMC ed ex operatore dei servizi segreti incaricato direttamente dalla NSA. Questa precedente esperienza gli dà una visione unica del mondo della corruzione del governo e dello stato di polizia americano. Agorist è un giornalista indipendente da oltre un decennio ed è apparso sui principali network di tutto il mondo. Agorist è anche Editor at Large del Free Thought Project.
Follow @MattAgorist on Twitter, Steemit, and now on Minds.


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: