Diminuiscono le temperature, aumentano i prezzi dell’energia

  • I prezzi dell’energia nordica aumentano con temperature sotto lo zero e venti deboli;
  • Avviso di pericolo per la vita emesso in Scozia;
  • Niente uragani per la prima volta in 65 anni…

26 novembre 2021; articolo di Cap Allon

Abbiamo permesso ai capricci di allarmisti male informati di dettare la politica e ora ne stiamo pagando il prezzo. Un piccolo esercito di estremisti è stato formato dai poteri forti e poi è stato scatenato in un occidente politicamente corretto – questo sarebbe finito solo in un modo…

I prezzi dell’energia nordica aumentano con temperature sotto lo zero e venti deboli

Fa un freddo eccezionale oggi in Europa, in un’ondata di freddo che sta spingendo i prezzi dell’energia ai loro livelli più alti di sempre.

Stephen Stapczynski di Bloomberg ha i dettagli:

Durante i periodi di bassa attività solare prolungata, come stiamo vedendo ora, l’energia che entra nelle correnti a getto diminuisce e le jet stream si indeboliscono.

Quando l’attività solare è ALTA, le correnti a getto sono strette e stabili e seguono un percorso piuttosto rettilineo; ma quando l’attività solare è BASSA, quelle bande tortuose d’aria che scorrono a 6 miglia sopra le nostre teste diventano deboli e ondulate: si piegano effettivamente.

Una corrente a getto ritornerà dal suo flusso zonale standard a un flusso meridionale e, a seconda del lato del jet su cui ti trovi, sperimenterai un periodo di clima insolitamente freddo o caldo e/o un periodo di insolitamente secco o condizioni di bagnato.

Nel complesso, le tendenze della temperatura media della Terra sono più fredde durante i periodi di bassa attività solare, ma ci sono molte forzature e molte interazioni più complesse coinvolte. L’aumento dei raggi cosmici nucleanti è uno: durante i minimi solari, il punto più basso del ciclo solare di circa 11 anni, il campo magnetico del sole si indebolisce e la pressione verso l’esterno del vento solare diminuisce. Ciò consente a più raggi cosmici di penetrare nel sistema solare interno e nell’atmosfera del nostro pianeta:

Correlazione: quando l’attività solare diminuisce, i raggi cosmici salgono.

È stato scoperto che i raggi cosmici che colpiscono l’atmosfera terrestre seminano le nuvole (Svensmark et al), e si pensa che la copertura nuvolosa svolga il ruolo più importante nel cambiamento climatico a breve termine del nostro pianeta: “Le nuvole sono il parasole della Terra”, scrive il dott. Roy Spencer , “e se la copertura nuvolosa cambia per qualsiasi motivo, si ha il riscaldamento globale o il raffreddamento globale”.

Il risultato dell’attività solare storicamente bassa che stiamo vivendo ora, con il Sole nel suo stato più debole dall’inizio del 1900, è un inevitabile raffreddamento del pianeta. Il debole ciclo solare 24 appena trascorso, insieme allo sviluppo del ciclo solare 25 e al prossimo ciclo solare 26, se combinati, si prevede che ci spediranno nel territorio del grande minimo solare, un incantesimo pluridecennale di bassa attività solare che provoca condizioni meteorologiche estreme e diminuzione temperature globali.

E ci sono già chiare indicazioni che la Terra ha iniziato a raffreddarsi, con temperature troposferiche più basse di ca. 0.4C dal 2016 (UAH). Questa è la realtà del nostro clima, ma è intenzionalmente nascosto alle masse da un MSM complice.

Di seguito sono riportate le citazioni di tre scienziati che i media ignorano abitualmente:

Dr. Henry Svensmark: “Il riscaldamento globale si è fermato e sta iniziando un raffreddamento. Nessun modello climatico ha previsto un raffreddamento della Terra, anzi; e questo significa che le proiezioni del clima futuro sono inaffidabili”.

Dr. Eigil Friis-Christensen: “L’IPCC ha rifiutato di considerare l’effetto del sole sul clima terrestre come un argomento degno di indagine. L’IPCC ha concepito il suo compito solo come indagare sulle potenziali cause umane del cambiamento climatico”.

Prof Hal Lewis: “Ovviamente è la truffa del riscaldamento globale, con (letteralmente) trilioni di dollari alla guida, che ha corrotto così tanti scienziati e ha portato l’APS davanti a sé come un’onda anomala. È la frode pseudoscientifica più grande e di maggior successo che abbia mai visto nella mia lunga vita di fisico”.

Per un elenco più completo, vedere: greenfallacies.blogspot.com.


Avviso “Pericolo per la vita” emesso in Scozia

La tempesta Arwen è destinata a colpire il Regno Unito: in Scozia è stato emesso un avviso di “pericolo per la vita” poiché un sistema a bassa pressione, a cavallo di una “corrente a getto in immersione”, invia un’esplosione invernale in gran parte dell’Europa.

Il Met Office ha emesso avvisi per vento e neve in tutta la Scozia settentrionale, dove sono previste condizioni di bufera di neve. È presente un avvertimento “ambra”, il che significa che l’Ufficio ritiene che le vite siano in pericolo, potenzialmente a causa di “detriti volanti” e “mancanza di corrente”.

Anche le comunità rurali potrebbero essere tagliate fuori e la copertura dei telefoni cellulari eliminata

Gli avvisi del Met Office per la neve vanno dalle 14:00 di venerdì fino a mezzanotte, con l’allerta vento che si estende dalle 15:00 di venerdì alle 9:00 di sabato: “Gli incantesimi di neve in montagna e in montagna combinati con venti forti daranno condizioni di bufera di neve e causeranno interruzioni del viaggio”.

[Aggiornamento: è stato appena emesso anche un avviso ‘rosso’, per il vento, che significa “è molto probabile che ci sarà un rischio per la vita” e “dovresti agire ora per proteggere te stesso e gli altri dall’impatto del maltempo.”]

Flood warnings in force for:
England (Environment Agency)
Scotland (SEPA)

Updated 17:32 (UTC) on Fri 26 Nov 2021

L’ultima corsa GFS (mostrata sotto) ha la linea della neve che scende molto oltre la sola Scozia.

Vede la maggior parte del Regno Unito, e in effetti l’Europa, sotto una coltre bianca questo fine settimana:

GFS Total Snowfall (cm) Nov 26 – Nov 28 [tropicaltidbits.com].

Quindi, guardando più avanti, i modelli suggeriscono qualcosa di veramente degno di nota per l’8 e il 9 dicembre:

GFS 2m Temperature Anomalies (C) for Dec 8 [tropicaltidbits.com].

Questo è qualcosa da tenere d’occhio, ed è già stato soprannominato da alcuni come un’altra “Bestia dall’Oriente”, ma indipendentemente dalla sua esatta intensità, qualsiasi colpo di freddo polare si rivelerà problematico per un continente che sta già combattendo una grave carenza di energia:


Niente uragani per la prima volta in 65 anni…

Per settimane, gli oceani sono stati tranquilli e i tropici privi di cicloni, una realtà che ha fatto grattare la testa ai membri del partito AGW.

Non si è formata una tempesta di uragani dal 29 ottobre – questo si è verificato solo due volte dal 1966, sottolinea Phil Klotzbach, un ricercatore di uragani presso la Colorado State University.

Ancora più strano, almeno secondo thetimes.co.uk, è la mancanza di tempeste più grandi di uragano di categoria 3 o superiore. Da otto settimane ormai, non c’è stato alcun segno degli uragani dell’Atlantico e del Pacifico nord-orientale, dei tifoni che terrorizzano il Pacifico nordoccidentale, né dei cicloni tropicali che si formano nell’Oceano Indiano: i mari sono stati stranamente silenziosi.

Di solito, ci sarà equilibrio negli oceani – cioè, l’aumento dell’attività degli uragani in un bacino vedrà un’attività di riduzione altrove, ma questa quiete ovunque è molto strana.

Simon Donner, scienziato del clima presso l’Università della British Columbia, ha dichiarato: “L’Oceano Pacifico tropicale si è spostato nelle condizioni di ‘La Niña’ all’inizio di quest’anno … il cambiamento delle condizioni dell’Oceano Pacifico può anche influenzare la posizione della corrente a getto … quelle alte- i venti di quota possono limitare gli uragani”.

Con questa ammissione distruttiva dell’AGW – che un fenomeno di raffreddamento naturale ha appena posto fine agli uragani – Donner offre rapidamente la risposta standard: “Questa variabilità naturale non deve essere confusa con la tendenza a lungo termine. Il clima si sta ancora riscaldando e, sfortunatamente, un clima più caldo creerà in media uragani con venti più forti, piogge più intense e mareggiate più elevate”.

Ma la fede incrollabile di Donner in AGW dimostra la pervasività del culto in questione, non la scienza: nessun’altra spiegazione potrebbe mai entrare nella sua mente, o almeno uscire pubblicamente dalle sue labbra: tutte le strade devono portare alle emissioni umane di CO2.

Klotzbach, d’altra parte, ha un po’ più di senso, e in realtà allude a quelle tre parole bandite dal dibattito scientifico moderno: “Non lo so”. I Caraibi potrebbero essere stati soggiogati dalle radiazioni di calore che lasciano la regione, ma la tranquillità dell’Atlantico è più difficile da spiegare, ha affermato Klotzbach: La tempesta era prevista a causa della mancanza di wind shear, quindi un novembre pacifico è stato una sorpresa, ha concluso.

Electroverse


Il Modern Maximum è finito, sotto ogni aspetto


I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno RAFFREDDANDO in linea con  la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i  raggi cosmici che nucleano le nuvole e un  flusso di corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare,  se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un  grande minimo solare ‘in piena regola’  alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare  (25)  come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con l’agenzia che mette in correlazione i precedenti spegnimenti solari a periodi prolungati di raffreddamento globale  qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che  il Beaufort Gyre  potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


Grande minimo solare
+
Inversione magnetica dei poli


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


3 pensieri riguardo “Diminuiscono le temperature, aumentano i prezzi dell’energia

  1. io mi chiedo sempre come mai non se ne parli anche in tv di queste cose, sul riscaldamento globale ogni giorno si aprono dibattiti infiniti, si predica di essere sull’orlo dell’apocalisse, il punto di non ritorno, tragedie a non finire. Nessuno però mette in rilievo il minimo solare e il possibile raffreddamento, sembra quasi che tutto ciò non esista per loro…🤔

    "Mi piace"

    1. la propaganda ha le sue regole ma questa storia si rifà ad eventi storici di 80-100 anni fa, quegli eventi che hanno gettato l’Europa ed il mondo intero della guerra globale.
      ancora una volta abbiamo la scienza piegata ai voleri dell’ideologia ed ancora una volta abbiamo un popolo completamente soggiogato dall’ideologia spammata sui media.
      ripetere una bugia all’infinito la farà diventare la verità, amava dire Goebbels …

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: