The Lancet: Stigmatizzare i non vaccinati non è giustificato

Da Kenneth Richard il 25 novembre 2021

In un momento (ottobre 2021) in cui il 90% dei nuovi casi di COVID nei residenti nel Regno Unito di 60 anni o più sono completamente vaccinati, un medico tedesco che pubblica su The Lancet afferma che è “gravemente negligente” suggerire che i vaccinati non siano una fonte rilevante di infezione e trasmissione virale mentre supplica le società occidentali privilegiate di astenersi dal trattare le loro minoranze non vaccinate come subumane.

The Lancet è forse considerata la rivista medica più prestigiosa al mondo. Quindi la posta in gioco deve essere sufficientemente alta perché i supervisori della rivista consentano al dottor Günter Kampf, un medico tedesco, di pubblicare un appello squillante implorando un trattamento non discriminatorio e umano dei non vaccinati.

Evocando le immagini dei pregiudizi razziali e religiosi del passato, Kampf chiede alle società occidentali – scienziati e funzionari governativi – di astenersi dallo stigmatizzare gratuitamente i non vaccinati.

“Storicamente, sia gli Stati Uniti che la Germania hanno generato esperienze negative stigmatizzando parti della popolazione per il colore della pelle o la religione. Invito funzionari e scienziati di alto livello a fermare la stigmatizzazione inappropriata delle persone non vaccinate, che includono i nostri pazienti, colleghi e altri concittadini”.

Image Source: Kampf, 2021

Il Dr. Kampf ha pubblicato un altro articolo su The Lancet, o in alternativa su Elsevier, spiegando che è “gravemente negligente” fingere che i vaccinati non siano fonti rilevanti di trasmissione di COVID.

Ad esempio, 89.821 su 100.160 (89,7%) casi di COVID (età 60+) erano residenti nel Regno Unito che erano stati completamente vaccinati dalle settimane 39 alla 42 (ottobre). Solo il 3,4% (3.395) dei nuovi casi riguardava i 60 non vaccinati e oltre.

In Germania, il divario tra non vaccinati e vaccinati si è rapidamente ridotto. La percentuale di nuovi casi nei residenti di età pari o superiore a 60 anni completamente vaccinati è passata dal 16,9% di luglio al 58,9% di ottobre.

Image Source: Kampf, 2021
Image Source: gov.uk

Nelle settimane 41-44, 367.347 su 394.455 (93,1%) di nuovi casi in residenti nel Regno Unito di 40 anni e oltre sono stati completamente vaccinati. E, purtroppo, 2.767 dei 3.103 (89,2%) decessi nei residenti di età pari o superiore a 70 anni sono stati completamente vaccinati.

Image Source: gov.uk

Il mondo è impazzito?

Immagina che gli enti governativi richiedano agli adulti dai 30 anni in su di essere iniettati con un vaccino COVID che rende il doppio delle probabilità di essere infettati da COVID … e poi stigmatizzano coloro che non sono stati ancora iniettati perché hanno rifiutato l’opportunità di aumentare le loro probabilità di essere infettato.

Questo è ciò che sta accadendo.

Negli Stati Uniti e in Germania, funzionari di alto livello hanno usato il termine pandemia dei non vaccinati, suggerendo che le persone che sono state vaccinate non sono rilevanti nell’epidemiologia di COVID-19. L’uso di questa frase da parte dei funzionari potrebbe aver incoraggiato uno scienziato a sostenere che “i non vaccinati minacciano i vaccinati per il COVID-19”.[1] Ma questa visione è troppo semplice.

Vi sono prove crescenti che gli individui vaccinati continuano ad avere un ruolo rilevante nella trasmissione.

In Massachusetts, USA, sono stati rilevati un totale di 469 nuovi casi di COVID-19 durante vari eventi nel luglio 2021 e 346 (74%) di questi casi riguardavano persone completamente o parzialmente vaccinate, di cui 274 (79%) erano sintomatici. I valori di soglia del ciclo erano similmente bassi tra le persone completamente vaccinate (mediana 22,8) e le persone non vaccinate, non completamente vaccinate o il cui stato di vaccinazione era sconosciuto (mediana 21,5), indicando un’elevata carica virale anche tra le persone che erano completamente vaccinati.[2]

Negli Stati Uniti, entro il 30 aprile 2021 sono stati segnalati un totale di 10 262 casi di COVID-19 in persone vaccinate, di cui 2725 (26,6%) erano asintomatici, 995 (9,7%) sono stati ricoverati e 160 ( 1,6%) è morto.[3] In Germania, il 55,4% dei casi sintomatici di COVID-19 in pazienti di età pari o superiore a 60 anni riguardava individui completamente vaccinati,[4] e questa percentuale aumenta ogni settimana. A Münster, in Germania, si sono verificati nuovi casi di COVID-19 in almeno 85 (22%) delle 380 persone che erano completamente vaccinate o che si erano riprese dal COVID-19 e che frequentavano una discoteca.[5] Le persone vaccinate hanno un rischio inferiore di contrarre malattie gravi ma sono ancora una parte rilevante della pandemia. È quindi sbagliato e pericoloso parlare di pandemia dei non vaccinati. Storicamente, sia gli Stati Uniti che la Germania hanno generato esperienze negative stigmatizzando parti della popolazione per il colore della pelle o la religione. Invito i funzionari di alto livello e gli scienziati a fermare la stigmatizzazione inappropriata delle persone non vaccinate, che includono i nostri pazienti, colleghi e altri concittadini, e a fare uno sforzo maggiore per riunire la società.

Dichiaro nessun interesse in competizione.

Günter Kampf

guenter.kampf@uni-greifswald.de
Università di Medicina Greifswald, Istituto per
Igiene e Medicina Ambientale,
17475 Greifswald, Germania

Note:

  1. Goldman E. Come i non vaccinati minacciano i vaccinati per il COVID-19: una prospettiva darwiniana. Proc Natl Acad Sci USA 2021; 118: e2114279118.
    https://www.pnas.org/content/pnas/118/39/e2114279118.full.pdf
  2. Brown CM, Vostok J, Johnson H, et al. Focolaio di infezioni da SARS-CoV-2, comprese le infezioni rivoluzionarie del vaccino COVID-19, associate a grandi raduni pubblici: Contea di Barnstable, Massachusetts, luglio 2021. MMWR Morb Mortal Wkly Rep 2021; 70: 1059–62.
    https://www.cdc.gov/coronavirus/2019-ncov/variants/delta-variant.html
  3. Squadra investigativa sui casi di rottura del vaccino COVID-19 dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie. Infezioni rivoluzionarie del vaccino COVID-19 segnalate a CDC – Stati Uniti, 1 gennaio – 30 aprile 2021.
    MMWR Morb Mortal Wkly Rep 2021; 70: 792-93.
    https://www.cdc.gov/mmwr/volumes/70/wr/pdfs/mm7021e3-H.pdf
  4. Istituto Robert Koch. Wöchentlicher Lagebericht des RKI zur Coronavirus-Krankheit-2019 (COVID-19)—14·10·2021—aktualisierter Stand für Deutschland.
    14 ottobre 2021. https://www.rki.de/DE/Content/InfAZ/N/Neuartiges_Coronavirus/Situationsberichte/Wochenbericht/
    Wochenbericht_2021-10-14.pdf?__blob=publicationFile
    (consultato il 18 ottobre 2021).
  5. Von Dolle F. Münster: Inzwischen 85 Infizierte nach 2G-Party im Club. 20 settembre 2021. https://www1.wdr.de/nachrichten/westfalen-lippe/corona-infektionen-clubbesuch-muenster-100.html
    (consultato il 23 settembre 2021).

NoTricksZone


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Una opinione su "The Lancet: Stigmatizzare i non vaccinati non è giustificato"

  1. è pur vero che si contagiano, ma fra i vaccinati i casi gravi del covid non si presentano, se non in rarissimi casi, infatti qua in Italia i morti rispetto allo scorso anno sono molti di meno. Mi ricordo che si arrivava a quasi 800 morti al giorno, oggi in media ci si aggira sui 70. Che poi possano trasmettere la malattia questo è un dato di fatto, ma comunque vaccinarsi ha avuto la sua importanza, se non altro nel frenare i casi gravi. Mio padre lo scorso inverno è morto per il covid, se ci fossero stati i vaccini come quest’anno forse sarebbe sopravvissuto, nessuno può saperlo…

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: