La causa della pandemia di cui nessuno vuole parlare

«Sottoposto a fact-checking»

26 Novembre 2021; articolo del Dr. Mercola

La pandemia di COVID-19 si è concentrata su un obiettivo singolare – il SARS-CoV-2 – e su come neutralizzarlo usando un’iniezione. Il problema di questa malattia virale è molto più ampio di un singolo virus o di una pandemia.

BREVE RIASSUNTO
  • Le esposizioni a fattori di stress tossici, che possono essere di natura chimica, fisica, biologica o psicologica, ostacolano la capacità del sistema immunitario di combattere i virus. Meritano un maggiore riconoscimento nella lotta contro il COVID-19 e le future pandemie
  • La maggior parte (95%) dei decessi per COVID-19 è stata causata da altre comorbidità e condizioni sottostanti che hanno contribuito alla morte, come malattie cardiache, ipertensione, obesità, cancro o diabete
  • Molte di queste condizioni sottostanti hanno aumentato il rischio di contrarre il COVID-19 in forma grave e mortale sono causate da esposizioni tossiche, come cattiva alimentazione, sostanze chimiche ambientali, inattività e stress
  • La risposta alla pandemia di COVID-19 si è concentrata su misure di emergenza a breve termine come quarantene, blocchi e iniezioni, che non fanno nulla per affrontare le prospettive a lungo termine per aiutare gli esseri umani a combattere le malattie virali patogene
  • Il motivo per cui il SARS-CoV-2 è stato individuato come l’unico fattore di stress tossico da prendere di mira, secondo lo studio, ha a che fare con ragioni politiche e finanziarie, non scientifiche, che proteggono i principali attori della produzione e del consumo come l’industria farmaceutica, l’industria alimentare e industria biotecnologica
  • Al fine di proteggere il pubblico a lungo termine, una “quarantena” da tossine come alimenti ultra-processati, sostanze chimiche ambientali, radiazioni wireless e molto altro sarebbe molto più efficace della quarantena da un virus

Del Dott. Mercola

Umani e virus convivono. È una realtà quotidiana il fatto che sarai esposto a uno o più di questi, ma non tutti si ammaleranno.

Il fattore che determina come ti comporterai se esposto a un dato virus è un complesso mix di fattori genetici e fattori di stress tossici che degradano il tuo sistema immunitario. Le “esposizioni a fattori di stress tossici”, che possono essere di natura chimica, fisica, biologica o psicologica, ostacolano la capacità del sistema immunitario di combattere i virus, meritano un maggiore riconoscimento nella lotta contro il COVID-19 e le future pandemie.

Come sottolineato da un team di ricercatori sulla rivista Food and Chemical Toxicology, il ruolo delle esposizioni a sostanze tossiche è sottostimato nella pandemia di COVID-19:

“La malattia da coronavirus 2019 (COVID-19) e le precedenti pandemie sono state viste quasi esclusivamente come problemi di virologia e tossicologia per lo più ignorati.

Questa prospettiva non è supportata dall’evoluzione del COVID-19, dove l’impatto delle esposizioni nella vita reale a più fattori di stress tossici che degradano il sistema immunitario è seguito dal virus SARS-CoV-2 che sfrutta il sistema immunitario degradato per innescare una catena di eventi alla fine portando al COVID-19”.

I virus non se ne andranno

L’idea di usare iniezioni per ottenere una via d’uscita dalla malattia virale ignora il fatto cruciale che i virus sono tutti intorno a noi, ed è impossibile sviluppare un’iniezione per ognuno di questi fattori di pericolo. Attualmente, ci sono circa 263 virus di 25 famiglie virali noti per infettare l’uomo. Ma è solo la punta dell’iceberg. Più di 1.100 virus sono stati identificati negli animali e nell’uomo, ma anche questo non dà il quadro completo di quanti virus circolano intorno a noi.

Il Global Virome Project ha rivelato che circa 1,67 milioni di specie virali potrebbero essere ancora da scoprire nei mammiferi e negli uccelli e fino a 827.000 di esse hanno un potenziale zoonotico, il che significa che possono essere trasmesse dagli animali all’uomo.

I virus non sono tutti cattivi. Alcuni possono offrire effetti benefici, come aiutare a regolare il microbiota intestinale e proteggere dalle malattie non infettive. Inoltre, la stessa esposizione ai virus è un male necessario, che innesca, mantiene e rafforza la tua risposta immunitaria ottimale:

“Il viroma dei mammiferi include diversi virus commensali e patogeni che evocano un’ampia gamma di risposte immunitarie dall’ospite. Un sottoinsieme del viroma (in particolare, virus zoonotici che sembrano essere patogeni nell’uomo) sfida continuamente il sistema immunitario.

Questo processo sembra essere un’arma a doppio taglio. I sistemi immunitari sani rispondono in modo ottimale alle sfide virali e sono ulteriormente rafforzati dalle continue sfide, offrendo una protezione aggiuntiva contro altre sfide virali”.

Condizioni croniche legate alla gravità del COVID-19, morte

Secondo i dati dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, solo per il 5% circa dei decessi per COVID-19 è indicato solo il COVID-19 sul certificato di morte. L’altro 95% ha altre comorbidità e condizioni sottostanti che hanno contribuito alla morte, come malattie cardiache, ipertensione, obesità, cancro o diabete.

Molte di queste condizioni sottostanti che aumentano il rischio di COVID-19 grave e di morte sono causate da esposizioni tossiche, come cattiva alimentazione, sostanze chimiche ambientali, inattività e stress.

“In breve, è l’esposizione pervasiva e costante a fattori di stress tossici nel nostro ambiente, in combinazione con fattori genetici, che ci fanno sviluppare malattie che danneggiano il nostro sistema immunitario e ci rendono suscettibili a gravi infezioni da COVID-19”, ha riferito Alliance for Natural Health. Come hanno notato i ricercatori,questo include fattori come:

  • Stile di vita — Include l’inattività fisica, il fumo, il consumo eccessivo di alcolici, una dieta povera che include cibi ultraelaborati e cereali raffinati e la privazione cronica del sonno.
  • Prodotti farmaceutici e altre cause iatrogene — Tra gli adulti di età pari o superiore a 65 anni, il 54% assume quattro o più farmaci da prescrizione. Immunosoppressori, farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), paracetamolo, stress chirurgico, anestesia, antidepressivi, antibiotici, prodotti di nanomedicina, vaccini adiuvati e radioterapia ionizzante possono tutti degradare la sistema immune.
  • Biotossine e biomateriali — Muffa, inclusa l’aflatossina, nonché a virus e batteri.
  • Esposizioni professionali e ambientali — Questo tipo di esposizione può includere sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino, microplastiche, metalli pesanti, pesticidi, inquinamento atmosferico, radiazioni, telefoni cellulari e Wi-Fi, metalli pesanti, PFAS, particolato fine, sottoprodotti di disinfezione e altro ancora.
  • Fattori psicosociali e socioeconomici — Dalla depressione allo stress cronico, all’isolamento sociale, agli eventi stressanti della vita e alle avversità dell’infanzia, questi problemi possono anche contribuire a una cattiva salute.

Ad esempio, i ricercatori dell’Università Alma Mater Studiorum di Bologna in Italia hanno analizzato 482 pazienti affetti da COVID-19 ricoverati tra l’1 marzo e il 20 aprile 2020. “L’obesità è un forte fattore di rischio indipendente per insufficienza respiratoria, ricovero in terapia intensiva e morte tra i pazienti COVID-19”, e l’entità del rischio era legata al livello di obesità di una persona.

I pazienti con obesità lieve avevano un rischio 2,5 volte maggiore di insufficienza respiratoria e un rischio cinque volte maggiore di essere ricoverati in terapia intensiva rispetto ai pazienti non obesi. Quelli con un BMI di 35 e oltre – obesità moderata o severa – avevano anche una probabilità 12 volte maggiore di morire di COVID-19.

Inoltre, come con molte infezioni virali, il COVID-19 sembra avere una componente nutrizionale, grazie alla quale è possibile ridurre il rischio di esiti gravi utilizzando vitamine e minerali a scopo terapeutico, ma le carenze nutrizionali continuano ad essere ignorate come fattori di rischio ufficiali per il COVID-19. I pazienti COVID-19 a cui è stata somministrata una combinazione di vitamina D, magnesio e vitamina B12, ad esempio, avevano una probabilità significativamente inferiore di richiedere ossigenoterapia o cure in terapia intensiva rispetto ai pazienti che non lo facevano.

Concentrandosi solo sulla virologia si perde di vista l’importanza della tossicologia

La risposta alla pandemia di COVID-19 si è concentrata su misure di emergenza a breve termine come quarantene, blocchi e iniezioni, che non fanno nulla per affrontare le prospettive a lungo termine per aiutare gli esseri umani a combattere le malattie virali patogene. Le strategie che si concentrano sul potenziamento del sistema immunitario sono però poco costose, numerose e facilmente disponibili e che potrebbero salvare vite umane ora e in future pandemie:

“Ci sono idee fortemente sbagliate sul ruolo svolto da SARS-CoV-2 nell’emersione del COVID-19, in particolare sulla gravità del COVID-19 in gruppi demografici selezionati. Queste idee sbagliate si traducono in trattamenti incentrati sulla virologia senza alcuna considerazione della tossicologia: contenere/attenuare esposizione/carichi virali a SARS-CoV-2 piuttosto che rafforzare intrinsecamente il sistema immunitario.

Queste azioni basate sulla virologia non affrontano i problemi sottostanti basati sulla tossicologia che devono essere affrontati adeguatamente per ridurre la vulnerabilità umana alle malattie infettive, incluso il COVID-19”.

Malattie infettive come COVID-19, SARS e influenza hanno molto in comune, compreso il fatto che solo una piccola parte di coloro che sono esposti sviluppa sintomi e, di essi, una percentuale ancora più piccola muore a causa dell’infezione, spesso a causa di polmonite o sindrome da stress respiratorio acuto.

Coloro che hanno maggiori probabilità di morire per queste malattie infettive includono gli anziani con problemi di salute di base. Avere una comorbidità come malattie cardiache, malattie respiratorie croniche, cancro, obesità o diabete è un indicatore più affidabile di immunità compromessa rispetto anche all’età cronologica tra gli anziani, hanno spiegato i ricercatori di Food and Chemical Toxicology.

Le esposizioni a fattori di stress tossici contribuiscono non solo a queste condizioni sottostanti, ma anche allo stress metabolico e, con le condizioni croniche, spesso si verifica un’elevata infiammazione di base, che aumenta ulteriormente il rischio di morte se esposti a un virus come SARS-CoV-2. Tutti questi fattori si sommano a una maggiore vulnerabilità alle malattie infettive, vulnerabilità che probabilmente si potrebbe prevenire:

“Le conseguenze più gravi del COVID-19 e dell’influenza derivano da un sistema immunitario degradato/disfunzionale e dallo sfruttamento del sistema immunitario degradato da parte del virus. Per un sistema immunitario sano, il virus non sarebbe in grado di superare le sue forti difese e sarebbe neutralizzato”.

Il pubblico dovrebbe “mettere in quarantena” i fattori di stress tossici

Lo studio ha utilizzato uno scenario ipotetico secondo cui sarebbe necessaria l’esposizione a quattro elementi pericolosi durante la pandemia di COVID-19 per provocare una polmonite fatale. Questi potrebbero essere pesticidi, cattiva alimentazione, radiazioni wireless e SARS-CoV-2. “Supponiamo che qualsiasi combinazione di tre dei quattro elementi pericolosi non sia sufficiente per provocare la polmonite e non provocherebbe sintomi”, hanno osservato.

Eppure, i funzionari della sanità pubblica hanno preso di mira solo un potenziale pericolo, il SARS-CoV-2, ignorando la miriade di altri fattori di stress tossici che, insieme, hanno una presenza e un impatto molto maggiori sulla salute pubblica. “Il concetto chiave qui è che il nesso di combinazione virus-fattori di stress tossici sta determinando il risultato finale sulla salute, non necessariamente uno qualsiasi dei costituenti in isolamento”, hanno detto.

Il motivo per cui il SARS-CoV-2 è stato individuato come l’unico fattore di stress tossico da prendere di mira, secondo lo studio, ha a che fare con ragioni politiche e finanziarie, non scientifiche, che proteggono i principali attori della produzione e del consumo come l’industria farmaceutica, l’industria alimentare e industria biotecnologica.

Al fine di proteggere il pubblico, però, una “quarantena” dalle tossine sopra elencate – alimenti ultraelaborati, sostanze chimiche ambientali, radiazioni wireless e molto altro – sarebbe molto più efficace della quarantena da un virus:

“Assegnare la responsabilità della pandemia a Madre Natura piuttosto che a coloro che hanno la responsabilità maggiore di aver gettato le basi della pandemia garantisce che queste pratiche dannose e le pandemie ad esse associate (comprese le morti annuali della fascia demografica più vulnerabile legate alle cosiddette epidemie/pandemie influenzali) continueranno senza sosta.

Perché nessuno degli altri componenti del nesso tra virus e stress tossici viene messo in “quarantena” effettiva da parte del pubblico? Perché il fumo, l’inquinamento atmosferico, l’eccesso di alcol, le radiazioni wireless, i prodotti agro-chimici o i prodotti chimici industriali non vengono messi in quarantena?

Non mancano prove di collegamenti tra questi inquinanti ambientali e le malattie legate al sistema immunitario”.

Invece di aspettare consigli “ufficiali” di buon senso, cambiamenti positivi nella tua vita che rafforzeranno la tua risposta immunitaria, lascia che questa sia la tua motivazione. Più eviti esposizioni tossiche come cibo malsano, prodotti chimici, farmaci non necessari, isolamento sociale, inattività e pesticidi, meglio funzionerà il tuo sistema immunitario e sarai più sano in caso di esposizione virale che potrebbe capitarti.

Per la prevenzione della pandemia a lungo termine, i ricercatori ritengono, e io concordo fermamente, che gli approcci basati sulla tossicologia dovrebbero avere la priorità rispetto agli approcci basati sulla virologia.

Hanno aggiunto:

“Dal momento che gli attuali trattamenti COVID-19 a livello globale ignorano quasi completamente la componente tossicologica, ci si possono aspettare solo benefici limitati da questi trattamenti.

… Una quarantena più protettiva (per l’attuale pandemia e contro future pandemie) consisterebbe nell’imporre efficaci “quarantene” per il pubblico contro i costituenti intrinsecamente tossici del nesso di combinazione virus-fattori di stress tossici (ad es. pesticidi, PFOS, PCB, agenti nervini, radiazioni wireless, ecc.).

… Se tale strategia fosse stata seguita in modo coerente in passato, avrebbe potuto prevenire/ridurre al minimo l’incidenza e l’esito del COVID-19”.

Fonti e riferimenti

Mercola.com


Un breve commento.

Ne questo blog, ne il Dr. Mercola dal suo sito vuole farvi credere che questa sia la verità assoluta. Il Dr. Mercola, che è senz’altro più qualificato di me, vi esorta a riflettere e di consultare il vostro medico di famiglia:

L’intero contenuto del presente sito web si basa sulle opinioni del Dott. Mercola, salvo che non sia specificato altrimenti. I singoli articoli si basano sulle opinioni del rispettivo autore, che ne detiene il copyright come indicato. Le informazioni sul presente sito non intendono sostituire un consulto dal vivo con un professionista qualificato in ambito sanitario e non sono da intendersi come consiglio medico. Lo scopo è quello di condividere le conoscenze e le informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza del Dott. Mercola e della sua community. Il Dott. Mercola vi incoraggia a prendere decisioni riguardanti la vostra salute in modo indipendente, basandovi sulle vostre ricerche e insieme a un professionista sanitario. In caso di gravidanza, allattamento, assunzione di farmaci o se siete affetti da una condizione medica, consultate il vostro medico prima di usare dei prodotti basandovi sui contenuti del sito.

Quello che voglio dire è che i media dovrebbero dare esempio della loro onestà intellettuale e liberare la discussione, in modo che il pubblico abbia modo di farsi un’idea più completa che non sia il dogma della siringa a tutti i costi.

Questo slancio corporativistico verso Big Pharma a canali unificati e la violenza verbale, nella speranza che rimanga tale e semmai che si spenga, che ci sta attanagliando tutti, belli e brutti, è dannatamente palese.

Certo, la paura spegne ogni buon cuore (e non soltanto in senso figurato) e ci fa meritare quell’infame settantasettesimo posto nella lista della “libertà di stampa” mondiale. Questo ci fa sperare (perchè è l’ultima a morire..) in un moto d’orgoglio, una rinascita del libero pensiero, la democrazia e la libertà.

Sono talmente di libero pensiero che potrei anche ammettere una società feudale, ma che sia volta al miglioramento ed ad un reale progressismo, non una parola vuota come ci è stata imposta.

Questa smania improvvisa di dover dettare nuove regole, di ridefinire la geopolitica mondiale, di resettare tutto il sistema, ha il lato oscuro che si dimentica quasi totalmente della popolazione sentendo anzi il bisogno di imporre regolamenti da campo di internamento nazista.

Ci è stato inviato chiaro il messaggio che siamo diventati troppi e che bisogna porre rimedio, una cura che sta uccidendo il paziente.

Certo non saremo intelligenti e culturalmente evoluti come si sono autoproclamate le nostre èlites nelle loro riunioni intelligenti nei vari Davos Bildergerg G7-8-10-20, ma abbiamo occhi per vedere e leggere e cervelli per capire ciò che si vede e legge.

Quello che avete così bene creato con la paura potrebbe non essere sufficiente a contenere i cuori di quanti hanno capito da subito e di quanti stanno capendo adesso.

La ruota gira..


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: