SUN SPOT: VERSO UN GRAND SOLAR MINIMUM, AFFERMA IL FISICO SOLARE

; articolo di Enzo Ragusa

Di Bruce Dorminey – Collaboratore Scientifico – Aerospaziale, Astronomia e conduttore di The Cosmic Controversy.

Con ogni stagione che passa, il tempo sembra più strano e più estremo. Chi può discutere con un’esplosione improvvisa del “vortice polare”; siccità invernale senza precedenti in California; e le temperature estive così torride Down Under che anche il gioco agli Australian Open è stato brevemente interrotto? Tutto ciò è collegato ai recenti cicli di macchie solari drasticamente diminuiti?

Il tempo non è il clima, ma prove circostanziali indicano che il nostro Sole potrebbe entrare in un minimo di attività delle macchie solari, non molto distante dal minimo di Maunder che alcuni climatologi pensano abbia causato temperature invernali record nel Nord Europa durante la seconda metà del 17° secolo.

“La mia opinione è che ci stiamo dirigendo verso un minimo di Maunder”, ha affermato Mark Giampapa, fisico solare presso il National Solar Observatory (NSO) a Tucson, in Arizona. “Vedo un proseguimento nel declino delle intensità medie del campo magnetico delle macchie solari e un indebolimento dei campi magnetici polari e dei flussi sotto la superficie”.

I dettagli teorici su come vengono effettivamente prodotte le macchie solari continuano a essere dibattuti. Ma un’idea popolare è che siano generati come risultato di campi magnetici solari concentrati e contorti che bloccano la convezione interna nel terzo esterno dell’interno del Sole. Questo, a sua volta, conferisce alle macchie solari il loro aspetto scuro, poiché in media sono 2000 gradi più fredde del plasma solare circostante.

Prima macchia solare ufficiale appartenente al ciclo solare 24. (Credito fotografico: Wikipedia)

Si pensa che questi campi magnetici solari siano attivati ​​dalla “rotazione differenziale” interna del Sole. Cioè, il fatto che a varie latitudini e profondità, il plasma gassoso del Sole ruota a velocità diverse. Quindi, una volta prodotti questi campi, alcuni teorici pensano che sia la loro interazione con la fotosfera (o superficie) del Sole che gioca un ruolo cruciale nella creazione delle macchie solari.

Rotazione differenziale: Diversi periodi di presentazione dal Sole in fotosfera ed anche al di sotto, ma fino alla tacochline. Variano da circa 27.5 giorni all’equatore fino ai circa 34 giorni ai poli. Le parti superiori dell’atmosfera ruotano rigidamente con un periodo pari a quello equatoriale della fotosfera, come dimostrato dai buchi coronali e dalle CIRs ricorrenti.

Anche, David Hathaway, fisico solare presso il Marshall Space Flight Center della NASA a Huntsville, afferma che è la forza effettiva di tali campi magnetici alla fine di un dato ciclo di macchie solari massimo di 11 anni che si pensa agisca da campanello per le dimensioni e forza del prossimo massimo solare.

“Alla fine di un ciclo di macchie solari, tutto ciò che ti rimane sono i campi magnetici ai poli solari”, ha affermato Hathaway. “Siamo al massimo di macchie solari del Ciclo 24. È il ciclo di macchie solari più basso in 100 anni e il terzo verso una tendenza alla diminuzione dei cicli di macchie solari. 

Quindi, il ciclo 25 potrebbe essere probabilmente più debole del ciclo 24″.

Un altro indicatore che indica un imminente grande minimo è che l’attuale ciclo solare mostra alcuni segni di asimmetria emisferica, afferma Steve Tobias, un matematico applicato dell’Università di Leeds nel Regno Unito.

“Quando il campo magnetico sta per entrare in un minimo o sta per lasciare un minimo”, ha detto Tobias, “vediamo più macchie solari in un emisfero solare rispetto all’altro”.

Tuttavia, durante lo stesso minimo di Maunder 1645 – 1715, le macchie solari praticamente scomparvero e, come documentato nei dipinti dell’epoca, il Nord Europa soffrì di temperature invernali insolitamente fredde.

Tuttavia, si ritiene che tali minimi facciano parte della vita normale di una stella simile al Sole. E da recenti indagini su diversi analoghi solari nell’ammasso stellare aperto M67, Giampapa e colleghi vedono indicazioni che tali grandi minimi si verificano fino al 15% delle volte.

Hathaway afferma che gli effetti osservati del ciclo delle macchie solari nei radioisotopi; nelle carote di ghiaccio; e negli anelli degli alberi indicano che circa il 10-15% delle volte il Sole è in “qualcosa come un minimo di Maunder”.

“Se stiamo entrando in un minimo di Maunder, potrebbe persistere fino al 2080”, che sottolinea che se l’effetto primario di un tale minimo si sta raffreddando, potrebbe provocare il caos riducendo le stagioni di crescita agricola che, ad esempio, potrebbero portare a riduzioni della produzione di grano nelle economie del granaio.

Ma Giampapa dice che potrebbe anche significare un’escursione globale dalla media, con conseguenti estremi climatici locali in termini sia di temperature anomale che di precipitazioni.

Un minimo di Maunder potrebbe mitigare un clima di riscaldamento?

Non è probabile, dice Hathaway.

Semmai, un minimo di Maunder può semplicemente rendere il tempo esistente e il clima a breve termine ancora più insolito e difficile da prevedere.


Alla fine del Periodo Caldo Medievale, ~ 1300 d.C., le temperature calarono drasticamente e il periodo freddo che seguì è noto oggi come la Piccola Era Glaciale.

La popolazione europea era diventata dipendente dai cereali durante il Periodo Caldo Medievale, e il clima più freddo, le prime nevicate, le violente tempeste e le inondazioni ricorrenti provocavano un drastico fallimento delle colture, carestie e malattie diffuse (Fagan, 2000; Grove, 2004).

Don J. Easterbrook: La piccola era glaciale non fu un periodo di clima freddo continuo, ma piuttosto periodi ripetuti di raffreddamento e riscaldamento, ognuno dei quali si verificava durante i periodi di minimi solari, caratterizzato da bassi numeri di macchie solari, bassa irradianza solare totale (TSI), diminuzione del magnetismo solare, aumento dell’intensità dei raggi cosmici e aumento della produzione di radiocarbonio e berillio nell’atmosfera superiore.
Secoli di osservazioni del sole hanno dimostrato che le macchie solari, l’irradiamento solare e il magnetismo solare variano nel tempo e questi fenomeni si correlano molto bene con i cambiamenti climatici globali sulla Terra.

Sono stati riconosciuti numerosi Grandi Minimi Solari, periodi di ridotta produzione di energia solare:

Il minimo del Wolf fu un periodo di bassi numeri di macchie solari e TSI tra il 1300 d.C. e il 1320 d.C.

Si è verificato durante il periodo freddo che ha segnato la fine del Periodo Caldo Medievale e l’inizio della Piccola Era Glaciale circa nel 1300 d.C.

Il passaggio dal caldo del Periodo Caldo Medievale al freddo della Piccola Era Glaciale fu brusco e devastante, portando alla Grande Carestia dal 1310 al 1322.

L’inverno del 1309-1310 d.C. fu eccezionalmente freddo. Il fiume Tamigi si congelò e i poveri furono particolarmente colpiti.

Il minimo di Sporer si è verificato da circa il 1410 al 1540 e, come il Minimo di Wolf, il Minimo di Sporer coincise con un periodo di freddo brutale.

Durante il Minimo di Maunder le temperature minime crollarono in Europa, la stagione di crescita diventò più breve di oltre un mese, il numero di giorni nevosi aumentò da pochi a 20-30 giorni, il terreno ghiacciava, i ghiacciai alpini avanzarono in tutto il mondo, i ghiacciai nelle Alpi Svizzere invasero fattorie e villaggi seppellendoli, i confini di crescita degli alberi nelle Alpi scesero, i porti marittimi vennero bloccati dal ghiaccio marino che circondò l’Islanda e l’Olanda per circa 20 miglia, i raccolti di uva da vino diminuirono e i raccolti di cereali non arrivavano a maturazione, portando a carestie di massa (Fagan, 2007).

Il fiume Tamigi, canali e fiumi dei Paesi Bassi si congelarono durante l’inverno.
La popolazione islandese diminuì di circa la metà.

In alcune zone della Cina, le colture a clima caldo che erano state coltivate per secoli furono abbandonate.

E in Nord America, i primi coloni europei sperimentarono inverni eccezionalmente rigidi.

I Cacciatori nella neve è un dipinto a olio su tavola (117×162 cm) di Pieter Bruegel il Vecchio, datato 1565 e conservato nel Kunsthistorisches Museum di Vienna. È firmato “BRVEGEL M.D.LXV.”

Fonte: Forbes; AttivitàSolare; Megachirottera


Il Modern Maximum è finito, sotto ogni aspetto

I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno RAFFREDDANDO in linea con  la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i  raggi cosmici che nucleano le nuvole e un  flusso di corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare,  se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un  grande minimo solare ‘in piena regola’  alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare  (25)  come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con l’agenzia che mette in correlazione i precedenti spegnimenti solari a periodi prolungati di raffreddamento globale  qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che  il Beaufort Gyre  potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


Grande minimo solare
+
Inversione magnetica dei poli


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Una opinione su "SUN SPOT: VERSO UN GRAND SOLAR MINIMUM, AFFERMA IL FISICO SOLARE"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: