I vaccini COVID stanno uccidendo le persone

E rendendo inabili le sopravvissute, compresi i bambini, e la FDA/Pfizer lo sapeva dal primo giorno

La Food and Drug Administration (FDA), l’organismo responsabile della regolamentazione del vaccino negli Stati Uniti, è stata recentemente colpita da una richiesta di libertà di informazione da parte di un gruppo di scienziati che cercava di ottenere informazioni sul processo di approvazione del vaccino Pfizer. Quello che stanno iniziando a scoprire è profondamente preoccupante.

20 dicembre 2021; articolo di Cap Allon

Questo è un doppio articolo. Avevo nelle bozze un articolo del dr. Mercola dell’11 dicembre non più disponibile sul sito in quanto gli articoli restano consultabili soltanto per 48 ore. Qui il sito, questa la pagina in italiano dello stesso sito. E qui le referenze del dr. Mercola. Gli argomenti dei due articoli, Electroverse e Mercola sono strettamente legati per le fonti.


Nell’agosto 2021, subito dopo che la FDA ha approvato il vaccino Pfizer per i 16 e più anni, un gruppo di 30 scienziati e accademici ha presentato una richiesta di legge sulla libertà di informazione (FOIA) chiedendo di vedere tutta la documentazione utilizzata dalla FDA per approvare l’autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) per il vaccino.

Secondo la legge FOIA, un’agenzia ha fino a 20 giorni lavorativi per decidere se soddisfare la richiesta. La FDA ha impiegato fino alla fine di novembre per rilasciare i documenti chiave e, anche allora, ciò che l’agenzia alla fine ha rilasciato rappresentava meno dell’1% della documentazione richiesta; per di più, molte delle pagine sono state pesantemente censurate.

È noto che Pfizer ha inviato alla FDA oltre 470.000 pagine relative alla richiesta FOIA, ma finora ne sono state rilasciate solo poche centinaia. E mentre l’agenzia ha affermato che intende rilasciare tutti i documenti pertinenti, prevede di farlo a un ritmo di 500 al mese. A quella velocità da moviola, il pubblico non sarà a conoscenza delle informazioni nella loro interezza fino all’anno 2076. E come ulteriore insulto, la FDA è tornata di recente e ha affermato di aver effettivamente scoperto più documentazione, il che significa che la richiesta FOIA ha vinto e non sarà soddisfatta fino al 2096.

Non c’è nemmeno motivo per cui la FDA debba impiegare così tanto tempo per raccogliere questi documenti; dopotutto, ci sono voluti solo 108 giorni per approvare il vaccino Pfizer, in primo luogo, sulla base della stessa documentazione.

Inoltre, questi non sono i meccanismi interni di Pfizer che vengono richiesti qui. Questi documenti riguardano la salute della popolazione mondiale dato che miliardi di questi vaccini sono stati – e continuano ad essere – somministrati. Se i vaccini sono la cura miracolosa, come Pfizer e MSM affermano ampiamente che siano, allora perché l’azienda non è desiderosa di rilasciare la prova il più rapidamente possibile?

Scavando nelle prime 500 pagine che Pfizer ha consegnato, l’ANALISI CUMULATIVA DEI RAPPORTI DEGLI EVENTI AVVERSI POST-AUTORIZZAZIONE si distingue come la sezione più importante: può essere trovata qui.

Questi rapporti coprono i primi 3 mesi dopo la somministrazione dei vaccini: dal 1 dicembre 2020, quando il vaccino ha ricevuto per la prima volta l’EUA, al 28 febbraio 2021. E sebbene ci siano molte incognite, non aiutate dal fatto che questo è un documento censurato, molto può essere ancora raccolto.

Ad esempio, anche se non è stato rivelato quante dosi sono state somministrate, il che significa che non possiamo calcolare il tasso di incidenza, possiamo vedere che sono stati registrati più di 150.000 eventi avversi in quei primi 3 mesi, così come oltre 1.220 decessi. Questo fatto è in contrasto con ciò che l’ex capo medico della Pfizer stava dicendo al WSJ nell’aprile 2021, quando sosteneva che non erano stati segnalati decessi legati al vaccino (con il periodo di interruzione per questi dati iniziali il 28 febbraio, sarebbe quindi erano ampiamente noti ad aprile, e sia all’interno dell’azienda che dei circoli della FDA, che il vaccino stava effettivamente uccidendo le persone).

Ci sono stati oltre 40.000 casi individuali di reazioni avverse, secondo questi rapporti, all’interno dei quali sono stati rilevati più di 150.000 “eventi” (noti anche come sintomi avversi, di cui potrebbe essercene più di uno associato a una persona).

Ricorda qui, questo documento contiene meno dell’1% delle informazioni richieste; è anche pesantemente redatto, e in modo tale da non rivelare il numero totale di dosi somministrate, con la speculazione come motivazione di ciò che comprensibilmente ti porta su alcuni percorsi molto cupi.

Per quanto riguarda il collegamento diretto di questi effetti collaterali e decessi al vaccino mRNA, ci sono motivi molto validi. I documenti mostrano che il tempo mediano per l’evento avverso è stato inferiore a 24 ore dopo l’iniezione, dando, nel caso dei decessi registrati, una forte indicazione della causalità della morte del vaccino.

Andando ancora più in profondità, nonostante il forte aumento “reale” dell’infiammazione cardiaca negli uomini (miocardite e pericardite, come dimostrato dal dottor Peter McCullough), quando si esaminano tutti gli eventi avversi elencati nel documento Pfizer, vediamo che le donne hanno in realtà 3 volte più probabilità di essere influenzate. E guardando la categoria “anafilassi” (una grave reazione allergica), le donne sono 8 volte più colpite. Ciò indicherebbe un rischio specifico di genere – qualcosa, ancora una volta, che non è stato ampiamente discusso.

[Appunto Polemico: Argomento non ancora discusso scientificamente con ricerche specifiche eseguite da personale altamente qualificato e probo intaccabile da “influenze esterne”.
Tematica ampiamente dibattuta nei social network e forum pubblici e privati da spazzini, ingegneri, casalinghe (quella di Tortona in testa), saldatori, impiegati, cassiere di supermercati, chaffeur di diligenze, pony express e quanti altri hanno voluto esprimere una propria OPINIONE.
Perché quando le persone leggono si corre davvero il rischio che capiscano ciò che stanno leggendo, a prescindere dal titolo di studio; ed ancora più grave c’è il rischio che si facciano una opinione propria, usando quella cosa che si chiama libero arbitrio e pensiero critico; Dio non voglia che poi esprimano una propria opinione su gli “attori” di questa vicenda pandemica iniziando a scalare la piramide in senso ascendente. imho]

Il documento contiene anche una categoria intitolata minacciosamente “informazioni mancanti”. Questo contiene ciò che era presente nel pacchetto originale consegnato alla FDA, ma da allora è stato rimosso prima di soddisfare la richiesta FOIA. Rimanendo in tema di donne, è stato possibile costruire una versione modificata di base di questa sezione “mancante” con le limitate informazioni disponibili e ciò che rivela sulla gravidanza e l’allattamento è profondamente preoccupante, poiché mostra un tasso anormalmente alto di aborti spontanei, parti prematuri e morti neonatali dopo che la madre ha preso il vaccino.

La sintesi di Pfizer di TUTTO questo – una conclusione che la FDA ha usato per continuare ad autorizzare il farmaco per l’uso di emergenza – è dire che non sono stati registrati nuovi rischi per la sicurezza; che sostanzialmente non hanno nulla di nuovo da segnalare.

Ci vuole una fiducia profonda e intrecciata nel sistema perché i campanelli d’allarme non inizino a suonare qui.

Guardando il foglietto illustrativo della FDA per il vaccino Pfizer-BioNTech (mostrato di seguito), solo una piccolissima parte degli effetti collaterali noti del vaccino ha fatto la lista – davvero scioccante dato quello che ora sappiamo che sapevano dal primo giorno.


Negli studi clinici sui partecipanti di età compresa tra 16 e 55 anni, le reazioni avverse riportate più comunemente (≥10%) sono state dolore al sito di iniezione (88,6%), affaticamento (70,1%), cefalea (64,9%), dolore muscolare (45,5 %), brividi (41,5%), dolore articolare (27,5%), febbre (17,8%) e gonfiore al sito di iniezione (10,6%).

Negli studi clinici su partecipanti di età pari o superiore a 56 anni, le reazioni avverse riportate più comunemente (≥10%) sono state dolore al sito di iniezione (78,2%), affaticamento (56,9%), cefalea (45,9%), dolore muscolare ( 32,5%), brividi (24,8%), dolore articolare (21,5%), gonfiore al sito di iniezione (11,8%), febbre (11,5%) e arrossamento al sito di iniezione (10,4%).


Questo è oscuramento e frode.

Inoltre, ora stanno iniziando a colpire i bambini con questo vaccino dannoso contro l’mRNA, anche se l’impatto diretto del COVID sui bambini è statisticamente irrilevante.

Un recente studio proveniente dalla Germania, il paese più popoloso d’Europa, ha scoperto che nessun bambino altrimenti sano è morto a causa del COVID-19, mentre quelli che sono morti sono 6 (su 10 milioni), tutti con gravi problemi di salute prima all’infezione.

Negli ultimi mesi anche gli studi sui vaccini per bambini di Pfizer sono stati presi di mira.

Sentiamo sempre più spesso casi di genitori che inseriscono i loro figli nelle liste di vaccinazione in buona fede, solo per vedere la loro segnalazione di reazioni avverse minimizzata o completamente ignorata dai principali scienziati coinvolti, e quindi, a sua volta, non registrata nel rapporto finale di prova della Pfizer.

Questo è esattamente quello che è successo alla figlia di Stephanie de Garay, che ora è su una sedia a rotelle, soffre costantemente e ha bisogno di un sondino:

Rivelare questa verità agli altri può essere un compito delicato.

Ed è probabilmente saggio mettere da parte tutte le teorie sugli obiettivi nefasti (per quanto difficile possa essere).

Invece, mostra alle persone solo i dati grezzi e i fatti riportati. Lascia che vedano da soli cosa sta facendo la Pfizer, una società riconosciuta colpevole di frode e condannata alla più grande multa penale degli Stati Uniti ($ 2,3 miliardi) nel 2009.

Invita le persone a chiedere perché BBC e CNN non riportano su nessuno dei rapporti della FDA rilasciati di recente in merito a reazioni avverse e decessi, e anche perché i governi sono ancora così desiderosi di mettere un vaccino Pfizer nel tuo braccio anche se l’ultima variante , Omicron, non sta uccidendo nemmeno lontanamente i numeri che affermavano (al 20 dicembre, solo una manciata con la variante è morta, in tutto il mondo).

La pandemia, se mai si potesse chiamarla così in primo luogo, è finita, ma le restrizioni non si stanno allentando, i blocchi vengono reintrodotti e il piano per i mandati/passaporti sui vaccini sta ancora procedendo – la gente dovrebbe chiedersi perché…?

Non sono affatto religioso, ma questo passaggio sul male sembra pertinente: Apocalisse 18.23, “dai tuoi incantesimi, tutte le nazioni saranno ingannate”. Questo testo è stato originariamente scritto in greco e “stregonerie” in greco può significare “pharmakeia”, che significa veleno, pozione o droga.


[Ad essere precisi gli Ebrei considerano la Bibbia in Greco “una iattura per l’umanità”.]


I canali di social media stanno limitando la portata di Electroverse: Twitter sta eliminando i follower mentre Facebook etichetta i post come “falsi” ed ha colpito con restrizioni paralizzando le pagine.

[Anche Megachiroptera sta subendo procedimenti disciplinari simili e segnalazioni di “contesto mancante” da parte di Fact Cecker indipendenti.. un controsenso in termini e chimera mediatica.]

E più di recente, il CCDH ha privato il sito web della sua pubblicità.

I vaccini COVID stanno uccidendo le persone

Il disclaimer di questo sito web recita: non ci sono complotti, ci sono persone e fatti documentati e qui appunto ci atteniamo ai fatti.

11 dicembre 2021; Analisi del Dr. Joseph Mercola [Fact Cheked]

La storia in breve
  • Quelli a più alto rischio di morire per COVID-19 sono anche a più alto rischio di morire per il vaccino anti-COVID. I vaccini stanno causando anche gravi danni cardiaci nei giovani il cui rischio di morire di COVID è irrilevante
  • Mentre ottieni solo un massimo di sei mesi di protezione dal vaccino COVID, ogni iniezione causerà danni per 15 mesi perché il tuo corpo produce continuamente proteine tossiche
  • La proteina spike è responsabile dei problemi cardiaci e vascolari legati al COVID-19 ed ha lo stesso effetto quando viene prodotta dalle proprie cellule. Provoca coaguli di sangue, miocardite e pericardite, ictus, infarti e danni neurologici, solo per citarne alcuni
  • Il segnale di sicurezza è molto chiaro, con 19.249 decessi segnalati al sistema di segnalazione degli eventi avversi del vaccino degli Stati Uniti al 19 novembre 2021. Storicamente, farmaci e vaccini vengono ritirati dal mercato dopo circa 50 sospetti decessi
  • I bambini di età compresa tra 12 e 17 anni hanno cinque volte più probabilità di essere ricoverati in ospedale per miocardite indotta da COVID-19 rispetto a quelli di essere ricoverati in ospedale per infezione da COVID-19
Dr Peter McCullough Interview – The Vaccines are Killing People

Il video qui sopra mostra il dottor Peter McCullough, cardiologo, internista ed epidemiologo, ed editore di due riviste peer-review, che è stato sui media e in prima linea medica combattendo per il trattamento precoce del COVID. McCullough è stato anche schietto sui potenziali pericoli dei vaccini COVID e sulla mancanza di necessità per loro. Curiosamente, le agenzie che attualmente stanno decidendo non hanno l’autorità per dettare come viene praticata la medicina.

La Food and Drug Administration degli Stati Uniti, ad esempio, non ha il potere di dire ai medici cosa fare o come trattare i pazienti. Il National Institutes of Health è un’organizzazione di ricerca governativa e non può dire ai medici come trattare i pazienti.

Idem per i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, che è un’organizzazione di analisi epidemiologica. È compito dei medici professionisti identificare protocolli di trattamento appropriati ed efficaci, che è esattamente ciò che McCullough ha fatto dall’inizio di questa pandemia.

Nell’agosto 2020, il documento di riferimento di McCullough “Pathophysiological Basis and Rationale for Early Outpatient Treatment of SARS-CoV-2 Infection” è stato pubblicato online sull’American Journal of Medicine.[1]

Un documento di follow-up, “Trattamento multifarmaco sequenziale altamente mirato multiplo dell’infezione da SARS-CoV-2 ad alto rischio ambulatoriale precoce (COVID-19)” è stato pubblicato su Reviews in Cardiovascular Medicine nel dicembre 2020.[2] È diventato la base per una guida al trattamento domiciliare.

I vaccini COVID sono pericolosi e inefficaci

Quando si tratta delle iniezioni di vaccini COVID, McCullough cita una ricerca che mostra che le persone a più alto rischio di morire per COVID-19 sono anche a più alto rischio di morire per l’iniezione di vaccino COVID. Inoltre, le iniezioni stanno causando gravi danni cardiaci nei giovani il cui rischio di morire di COVID è irrilevante.

Sottolinea che il segnale di sicurezza è molto chiaro, con 19.249 decessi segnalati al sistema di segnalazione degli eventi avversi del vaccino degli Stati Uniti al 19 novembre 2021.[3]

Il segnale è anche coerente sia internamente che esternamente. Vengono segnalati numerosi effetti collaterali in numero elevato, e molto vicini al momento dell’iniezione, che convalidano il sospetto che i colpi siano errati. I dati degli Stati Uniti sono anche coerenti con i dati di altri paesi, come il sistema della carta gialla nel Regno Unito.

Nonostante ciò, non è stata condotta una singola revisione della sicurezza per eliminare i fattori di rischio e simili. “Siamo da quasi un anno nel programma e non c’è stato alcun tentativo di mitigazione del rischio”, afferma McCullough. Allo stesso tempo, ci sono stati grossolani tentativi di costringere gli americani a sparare – di tutto, dalla birra gratis o una lap dance gratuita, a lotterie da milioni di dollari e borse di studio pagate alle università statali.

Tali lusinghe sono un’innegabile violazione dell’etica della ricerca che vieta rigorosamente qualsiasi tipo di coercizione nei soggetti umani. Come sospettato e previsto, non appena la corruzione ha smesso di funzionare, i funzionari del governo hanno iniziato a parlare di mandati di vaccinazione.

Il presidente Biden ha dichiarato infamemente che la sua pazienza con “l’esitazione vaccinale” si stava “esaurendo”. L’insinuazione era che se le persone non ottenessero il vaccino, avrebbero dovuto affrontare gravi ripercussioni, e ora stiamo vedendo queste ripercussioni svolgersi giorno dopo giorno, poiché le persone vengono licenziate e cacciate da scuola per aver rifiutato il colpo.

Nel frattempo, non hanno nemmeno determinato quale vaccino sia il più efficace, il che è notevole. Se il governo volesse davvero porre fine alla pandemia con un vaccino, non determinerebbe quale vaccino funziona meglio e ne promuoverebbe l’uso? Ma no, ci dicono che qualsiasi colpo andrà bene.

“Il fatto che non ci sia un rapporto sulla sicurezza, non ti dicono se stai prendendo il miglior vaccino, il fatto che è in un modo un po’ distorto legato alla tua capacità di lavorare e andare a scuola, che stiamo violando il Codice di Norimberga, violando la dichiarazione di Helsinki, semplicemente non tornano. Non sta andando bene per coloro che promuovono il vaccino”.

McCullough

Aggiungete a tutto ciò la constatazione ormai chiara che i vaccini offrono solo una protezione limitata per un tempo molto breve, al massimo sei mesi. Secondo McCullough, ci sono più di 20 studi che mostrano che l’efficacia si riduce a zero dopo sei mesi. Hanno anche avuto un’efficacia molto limitata contro la variante Delta, che è stata la varietà predominante per diversi mesi.

Perché il tapis roulant Booster è un tale rischio per la salute?

Ho affermato spesso che, con ogni probabilità, il rischio di effetti collaterali aumenterà con ogni richiamo aggiuntivo. McCullough cita una ricerca che mostra che il tuo corpo produrrà la proteina spike tossica SARS-CoV-2 per 15 mesi.

Se il tuo corpo sta ancora producendo la proteina di picco – che è ciò che sta causando i coaguli di sangue e il danno cardiovascolare – e fai un’iniezione aggiuntiva ogni sei mesi, verrà un momento in cui il tuo corpo semplicemente non potrà sopportare il danno causato da tutto il picco di proteina prodotta.

Considera anche questo: mentre ottieni solo un massimo di sei mesi di protezione da un dato richiamo, ogni iniezione causerà danni per 15 mesi. Se continuiamo con i richiami, alla fine, sarà impossibile eliminare la proteina spike.

Mentre la proteina spike è la parte del virus scelta come antigene, la parte che innesca una risposta immunitaria, è anche la parte del virus che causa la malattia peggiore. La proteina spike è responsabile dei problemi cardiaci e vascolari legati al COVID-19 e ha lo stesso effetto quando viene prodotta dalle proprie cellule.

Provoca coaguli di sangue, miocardite e pericardite, ictus, infarti e danni neurologici, solo per citarne alcuni. Come notato da McCullough, la proteina spike di questo virus è stata geneticamente modificata per essere più pericolosa per l’uomo rispetto a qualsiasi precedente coronavirus, ed è ciò che i colpi di anti-COVID stanno programmando per produrre le tue cellule. “Sono solo gravemente pericolosi per l’uso umano”, afferma McCullough.

La miocardite sarà probabilmente molto diffusa

Continuiamo discutendo la ricerca del 2017,[4] che ha mostrato che la miocardite nei bambini e nei giovani si verifica a un ritmo di quattro casi per milione all’anno. Supponendo che ci siano 60 milioni di bambini americani, il tasso di fondo per la miocardite sarebbe di 240 casi all’anno. Quanti casi di miocardite sono stati segnalati finora al VAERS dopo l’iniezione di COVID? 14.428 al 19 novembre 201.[5]

“I medici non hanno mai visto così tanti casi di miocardite”, afferma McCullough, citando una ricerca che mostra che tra i bambini di età compresa tra 12 e 17 anni, l’87% viene ricoverato in ospedale dopo aver ricevuto l’iniezione. “Ecco quanto è pericoloso”, dice. “È frequente ed è grave”.

Eppure la FDA afferma che la miocardite dopo l’iniezione di COVID è “rara e lieve”. Ora riceviamo anche segnalazioni di casi fatali di miocardite negli adulti tra i 30 e i 40 anni. “La miocardite in questo momento sembra un disastro senza riserve”, afferma McCullough, sia per i giovani che per gli adulti.

“I bambini di età compresa tra 12 e 17 anni hanno cinque volte più probabilità di essere ricoverati in ospedale con miocardite indotta da iniezione di covid rispetto a quelli di essere ricoverati in ospedale per infezione da COVID”.

McCullough

Purtroppo, anche i bambini non traggono alcun beneficio dalle iniezioni, quindi è tutto rischio e nessun beneficio per loro. McCullough sottolinea che non sono state registrate epidemie scolastiche e nessuna trasmissione da bambino a insegnante. Stima che l’80% dei bambini in età scolare sia già immune, il che spiegherebbe questo.

Nel frattempo, la ricerca citata nell’intervista ha rilevato che i bambini di età compresa tra 12 e 17 anni hanno cinque volte più probabilità di essere ricoverati in ospedale con miocardite indotta da vaccino COVID rispetto a quelli di essere ricoverati in ospedale per infezione da COVID. Questi dati contrastano l’affermazione secondo cui i problemi cardiaci indotti dal COVID sono un problema molto più grave del danno cardiaco indotto dal “vaccino”.

E non dimentichiamo che, se fai una vaccinazione contro il COVID, hai il 100% di possibilità di essere esposto a qualsiasi rischio associato a quella vaccinazione. D’altra parte, se rifiuti l’iniezione, non c’è il 100% di possibilità di contrarre il COVID-19, figuriamoci di morire per questo. Hai meno dell’1% di possibilità di essere esposto a SARS-CoV-2 e ammalarti.

Quindi, è deterministico al 100% che il vaccino ti esponga ai rischi del richiamo, e meno dell’1% è deterministico che contrai il COVID se non lo fai.

COVID-19 non correlato ai tassi di vaccinazione

Come notato da McCullough, i tassi di COVID sono più alti ora nelle aree più vaccinate rispetto a prima del lancio del vaccino. Anche questo ci dice che non funzionano e non vale la pena rischiare.

Cita una ricerca[6] pubblicata il 30 settembre 2021 sull’European Journal of Epidemiology, che non ha trovato alcuna relazione tra i casi di COVID-19 e i livelli di vaccinazione in 68 paesi in tutto il mondo e 2.947 contee negli Stati Uniti Semmai, le aree con alti tassi di vaccinazione erano leggermente più alti. incidenza di COVID-19. Secondo gli autori:[7]

La linea di tendenza suggerisce un’associazione marginalmente positiva in modo tale che i paesi con una percentuale più alta di popolazione completamente vaccinata abbiano casi COVID-19 più elevati per 1 milione di persone”.

L’Islanda e il Portogallo, ad esempio, dove oltre il 75% della popolazione è completamente vaccinata, hanno registrato più casi di COVID-19 per 1 milione di persone rispetto a Vietnam e Sudafrica, dove solo il 10% circa della popolazione è completamente vaccinato.[8] Dati di Le contee statunitensi hanno mostrato la stessa cosa. I nuovi casi di COVID-19 per 100.000 persone erano “in gran parte simili”, indipendentemente dalla percentuale della popolazione di uno stato completamente vaccinata.

“Non sembra esserci alcuna segnalazione significativa di casi di COVID-19 in diminuzione con percentuali più elevate di popolazione completamente vaccinata”, hanno scritto gli autori.[9] In particolare, delle cinque contee statunitensi con i più alti tassi di vaccinazione, che vanno dall’84,3% al 99,9% completamente vaccinati – quattro di loro erano nella lista “alta trasmissione” dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie. Nel frattempo, il 26,3% delle 57 contee a “bassa trasmissione” ha tassi di vaccinazione inferiori al 20%.

Lo studio ha anche tenuto conto di un ritardo di un mese che potrebbe verificarsi tra i completamente vaccinati, poiché si dice che occorrono due settimane dopo la dose finale affinché si verifichi la “piena immunità”. Tuttavia, non è stata osservata “nessuna associazione distinguibile tra i casi di COVID-19 e i livelli di vaccinazione completa”.[10]

Anche i tassi di ospedalizzazione per grave infezione da COVID sono aumentati, dallo 0,01% di gennaio 2021 al 9% di maggio 2021, e il tasso di mortalità COVID è passato dallo zero percento al 15,1% nello stesso lasso di tempo.[11] In breve, tutto sta peggiorando, non meglio, più persone ottengono questi vaccini.

Consentire all’immunità naturale di svilupparsi è davvero l’unico modo razionale per andare avanti. Ma poi di nuovo, i colpi di vaccino non riguardano la protezione della salute pubblica. Stanno per inaugurare un sistema di controllo socio-economico tramite passaporti vaccinali, che è qualcosa che McCullough non discute in questa intervista. Niente ha senso se lo guardi da un punto di vista medico. Ha senso solo se lo vedi per quello che è, che è un sistema di controllo.

L’immunità naturale è “infinitamente migliore” dell’immunità vaccinale

Secondo McCullough, “l’immunità naturale è infinitamente migliore dell’immunità vaccinale” e gli studi lo hanno confermato più e più volte. La ragione per cui l’immunità naturale è superiore all’immunità indotta dal vaccino è perché i virus contengono cinque diverse proteine.

Il colpo di COVID induce anticorpi contro solo una di quelle proteine, la proteina spike e nessuna immunità delle cellule T. Quando sei infettato dall’intero virus, sviluppi anticorpi contro tutte le parti del virus, oltre ai linfociti T di memoria.

Ciò significa anche che l’immunità naturale offre una migliore protezione contro le varianti, poiché riconosce diverse parti del virus. Se ci sono alterazioni significative alla proteina spike, come con la variante Delta, l’immunità indotta dal vaccino può essere elusa. Non così con l’immunità naturale, poiché le altre proteine ​​sono ancora riconosciute e attaccate.

Ecco un campione di pubblicazioni accademiche che hanno studiato l’immunità naturale per quanto riguarda l’infezione da SARS-CoV-2. Ce ne sono molti altri oltre a questi:[12]

Tabella
Science Immunology ottobre 2020[13] ha scoperto che “gli anticorpi diretti contro l’RBD sono eccellenti marcatori di infezione precedente e recente, che le misurazioni differenziali dell’isotipo possono aiutare a distinguere tra infezioni recenti e precedenti e che le risposte IgG persistono nei primi mesi dopo l’infezione e sono altamente correlate con anticorpi neutralizzanti”.
Il BMJ gennaio 2021[14] ha concluso che “Degli 11.000 operatori sanitari che hanno dimostrato evidenza di infezione durante la prima ondata della pandemia nel Regno Unito tra marzo e aprile 2020, nessuno ha avuto una reinfezione sintomatica nella seconda ondata del virus tra ottobre e novembre 2020”
Science febbraio 2021[15] ha riferito che “dopo COVID-19 viene generata una memoria immunitaria sostanziale, che coinvolge tutti e quattro i principali tipi di memoria immunitaria [anticorpi, cellule B di memoria, cellule T CD8+ di memoria e cellule T CD4+ di memoria].
Circa il 95% dei soggetti ha mantenuto la memoria immunitaria a circa 6 mesi dopo l’infezione. I titoli anticorpali circolanti non erano predittivi della memoria delle cellule T. Pertanto, i semplici test sierologici per gli anticorpi SARS-CoV-2 non riflettono la ricchezza e la durata della memoria immunitaria per SARS-CoV-2”.
Uno studio su 2.800 persone non ha riscontrato reinfezione sintomatica in una finestra di ~118 giorni e uno studio su 1.246 persone non ha osservato reinfezione sintomatica in 6 mesi.
Uno studio del febbraio 2021 pubblicato sul server di prepubblicazione medRxiv[16] ha concluso che “l’infezione naturale sembra suscitare una forte protezione contro la reinfezione con un’efficacia ~ 95% per almeno sette mesi”.
Uno studio dell’aprile 2021 pubblicato su medRxiv[17] ha riportato che “il livello complessivo stimato di protezione dalla precedente infezione da SARS-CoV-2 per l’infezione documentata è del 94,8%; ricovero 94,1%; e malattia grave 96,4%. I nostri risultati mettono in dubbio la necessità di vaccinare gli individui precedentemente infetti”.
Un altro studio dell’aprile 2021 pubblicato sul server di prestampa BioRxiv[18] ha concluso che “a seguito di un caso tipico di lieve COVID-19, le cellule T CD8+ specifiche per SARS-CoV-2 non solo persistono, ma si differenziano continuamente in modo coordinato bene nella convalescenza, in uno stato caratteristica di una memoria longeva e autorinnovante”.
Un rapporto del maggio 2020 sulla rivista Immunity[19] ha confermato che gli anticorpi neutralizzanti specifici per SARS-CoV-2 sono rilevati nei soggetti convalescenti COVID-19, così come le risposte immunitarie cellulari. Qui, hanno scoperto che i titoli anticorpali neutralizzanti sono correlati al numero di cellule T virus-specifiche.
Un articolo di Nature del maggio 2021[20] ha rilevato che l’infezione da SARS-CoV-2 induce plasmacellule del midollo osseo a vita lunga, che sono una fonte cruciale di anticorpi protettivi. Anche dopo una lieve infezione, gli anticorpi contro la proteina spike anti-SARS-CoV-2 erano rilevabili oltre gli 11 mesi successivi all’infezione.
Uno studio del maggio 2021 su E Clinical Medicine[21] ha rilevato che “il rilevamento degli anticorpi è possibile per quasi un anno dopo l’infezione naturale di COVID-19”. Secondo gli autori, “sulla base delle prove attuali, ipotizziamo che gli anticorpi contro le proteine S e N dopo l’infezione naturale possano persistere più a lungo di quanto si pensasse in precedenza, fornendo così prove di sostenibilità che potrebbero influenzare la pianificazione post-pandemia”.
I dati di Cure-Hub[22] confermano che mentre i colpi di COVID possono generare livelli di anticorpi più elevati rispetto all’infezione naturale, ciò non significa che l’immunità indotta dal vaccino sia più protettiva. È importante sottolineare che l’immunità naturale conferisce una protezione molto più ampia poiché il tuo corpo riconosce tutte e cinque le proteine ​​del virus e non solo una. Con il vaccino COVID, il tuo corpo riconosce solo una di queste proteine, la proteina spike.
Un articolo di Nature del giugno 2021[23] sottolinea che “Wang et al. mostrano che, tra sei e 12 mesi dopo l’infezione, la concentrazione di anticorpi neutralizzanti rimane invariata. Che la reazione immunitaria acuta si estenda anche oltre i sei mesi è suggerito dall’analisi degli autori delle cellule B di memoria specifiche per SARS-CoV-2 nel sangue degli individui convalescenti nel corso dell’anno.
Queste cellule B di memoria migliorano continuamente la reattività dei loro anticorpi specifici per SARS-CoV-2 attraverso un processo noto come ipermutazione somatica. La buona notizia è che l’evidenza finora prevede che l’infezione da SARS-CoV-2 induca un’immunità a lungo termine nella maggior parte degli individui”.

La reinfezione è molto rara

McCullough sottolinea inoltre che non è necessario preoccuparsi della reinfezione se si è già avuto il COVID una volta. Il fatto è che, mentre continuano i casi rivoluzionari tra coloro che hanno ricevuto una o più iniezioni di COVID-19, è estremamente raro contrarre il COVID-19 dopo essersi ripresi dall’infezione.

Quanto è raro? Ricercatori irlandesi hanno condotto una revisione sistematica su 615.777 persone che si erano riprese da COVID-19, con una durata massima del follow-up di oltre 10 mesi.[24]

“La reinfezione era un evento raro”, hanno osservato, “senza studio che riportasse un aumento del rischio di reinfezione nel tempo”. Il tasso di reinfezione assoluto variava dallo 0% all’1,1%, mentre il tasso medio di reinfezione era solo dello 0,27%.[25,26,27]

Un altro studio ha rivelato risultati altrettanto rassicuranti. Ha seguito 43.044 persone positive agli anticorpi SARS-CoV-2 per un massimo di 35 settimane e solo lo 0,7% è stato reinfettato. Quando il sequenziamento del genoma è stato applicato per stimare il rischio di reinfezione a livello di popolazione, il rischio è stato stimato allo 0,1%.[28]

Non c’era alcuna indicazione di una diminuzione dell’immunità in sette mesi di follow-up, a differenza dell’iniezione di COVID-19, che ha portato i ricercatori a concludere che “La reinfezione è rara. L’infezione naturale sembra suscitare una forte protezione contro la reinfezione con un’efficacia >90% per almeno sette mesi.”[29]

“È un gioco da ragazzi”, dice McCullough. Se l’hai avuto una volta, non lo riavrai. Sconsiglia inoltre di utilizzare il test PCR dopo aver confermato COVID-19 una volta, poiché eventuali test positivi successivi saranno solo falsi positivi.

Opzioni di trattamento precoce

In conclusione, se dovessi contrarre il COVID-19, sappi che esistono diverse opzioni di trattamento precoce molto efficaci e il trattamento precoce è fondamentale, sia per prevenire infezioni gravi che per prevenire il “COVID a lungo raggio”. Ecco alcuni suggerimenti:

  • Decontaminazione orale-nasale — Il virus, in particolare la variante Delta, si replica rapidamente nella cavità nasale e nella bocca per tre-cinque giorni prima di diffondersi nel resto del corpo, quindi vuoi colpire da dove è più probabile che venga trovato la partenza.
    Research[30] ha dimostrato che l’irrigazione dei passaggi nasali con 2,5 millilitri di iodio-povidone al 10% (un antimicrobico) e soluzione salina standard, due volte al giorno, è un rimedio efficace.
    Un’altra opzione leggermente meno efficace consisteva nell’usare una miscela di soluzione salina con mezzo cucchiaino di bicarbonato di sodio (un alcalinizzante). Puoi anche fare dei gargarismi con questi per uccidere i virus in bocca e in gola. Se fatto di routine, può essere una strategia preventiva molto efficace. Puoi trovare guide al trattamento stampabili su TruthForHealth.org.
  • Perossido nebulizzato — Una strategia simile consiste nell’utilizzare perossido di idrogeno nebulizzato, diluito con soluzione salina fino a una soluzione allo 0,1%. Sia il perossido di idrogeno che la soluzione salina[31,32] hanno effetti antivirali.
    In un comunicato stampa di Medicina ortomolecolare del 10 maggio 2021,[33] il dott. Thomas E. Levy, certificato dal consiglio di amministrazione in medicina interna e cardiologia, ha discusso specificamente dell’uso di questo trattamento per il COVID-19. Levy ha infatti scritto un intero libro sulla nebulizzazione del perossido chiamato “Rapid Virus Recovery”, che puoi scaricare gratuitamente da MedFox Publishing.
  • Ottimizzazione della vitamina D — La ricerca ha dimostrato che avere un livello di vitamina D superiore a 50 ng/mL riduce il rischio di mortalità per COVID quasi a zero.[34]
  • Altri nutraceutici chiave — Vitamina C, zinco, quercetina e NAC hanno tutti un supporto scientifico.
  • Farmaci chiave — Per l’infezione acuta, possono essere utilizzati ivermectina, idrossiclorochina o anticorpi monoclonali. Mentre gli anticorpi monoclonali e l’idrossiclorochina devono essere usati nelle prime fasi del processo patologico, l’ivermectina ha dimostrato di essere efficace in tutte le fasi dell’infezione.
    In genere vengono aggiunti anche doxiciclina o azitromicina, per affrontare qualsiasi infezione batterica secondaria, nonché budesonide per via inalatoria (uno steroide). Gli steroidi orali vengono utilizzati a partire dal quinto giorno per la debolezza polmonare e si può aggiungere aspirina o NAC per ridurre il rischio di coagulazione. Nell’intervista, McCullough discute l’uso di ciascuno di questi e altri farmaci.
    Un farmaco con cui non sono d’accordo è l’aspirina a piena forza. Credo che un’alternativa potenzialmente migliore, almeno più sicura, sarebbe quella di utilizzare gli enzimi lumbrochinasi e serrapeptasi, poiché aiutano ad abbattere e prevenire la formazione di coaguli di sangue in modo naturale.
Sources and References

[1] American Journal of Medicine January 2021; 134(1): 16-22
[2] Reviews in Cardiovascular Medicine 2020; 21(4): 517-530
[3] OpenVAERS Data as of November 19, 2021
[4] Journal of the American Heart Association November 18, 2017; 6:e005306
[5] OpenVAERS Adverse Events Reports as of November 19, 2021
[6, 7, 8, 9, 10, 11] European Journal of Epidemiology September 30, 2021
[12] Reddit COVID-19 and Immunity
[13] Science Immunology October 8, 2020; 5(52): eabe0367
[14] BMJ 2021;372:n99
[15] Science February 5, 2021; 371(6529): eabf4063
[16] medrxiv February 8, 2021 DOI: 10.1101/2021.01.15.21249731
[17] medRxiv April 24, 2021 (PDF)
[18] BioRxiv April 29, 2021 DOI: 10.1101/2021.04.28.441880
[19] Immunity June 16, 2020; 52(6): 971-977.E3
[20] Nature 2021; 595: 421-425
[21] E Clinical Medicine 2021; 36: 100902 (PDF)
[22] Cure-hub June 11, 2021
[23] Nature June 14, 2021
[24, 25] Rev Med Virol. 2021;e2260
[26] The Blaze July 14, 2021
[27] News Rescue July 15, 2021
[28, 29] medRxiv January 15, 2021
[30] medRxiv August 17, 2021 DOI: 10.1101/2021.08.16.21262044
[31] EMPR.com February 6, 2020
[32] The Journal of Pediatrics September 2007; 151(3): 266-270.el
[33] Orthomolecular Medicine May 10, 2021
[34] Nutrients October 2021; 13(10): 3596

Dr. Mercola


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.


Non ci sono complotti, ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


2 pensieri riguardo “I vaccini COVID stanno uccidendo le persone

  1. io resto sempre molto dubbioso quando leggo queste notizie, mi sembra troppo strano che ci siano tutte queste reazioni allergiche o comunque anomale, visto che la maggior parte de mondo si è vaccinato e non mi pare ci siano tutte queste conseguenze in giro, almeno in tutte le persone che conosco non ho visto nulla di simile. Ad ogni modo la realtà non la saprà mai nessuno, così come l’origine di questo strano virus…🤔

    "Mi piace"

    1. l’altro ieri sera è venuta la vicina a trovare la mia anziana madre, ha la mia età, è triple-vaxed ed è stata male circa una settimana al terzo colpo.. i primi due dice di no ma il terzo..
      eravamo in cucina che si parlava degli argomenti correnti e se ne esce con: “mi è venuto un ematoma nella caviglia destra a salire su per la gamba…”, fammi vedere gli dico.. e c’ha proprio una “bella cosa” che gli sale su per la gamba..

      … ed è stato il motivo perché ieri non ho pubblicato niente.. sono stato troppo male.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: