Eruzione a Cumbre Vieja finita dopo 85 giorni e migliaia di edifici distrutti, La Palma

26 dicembre 2021; Pubblicato da Teo Blašković

L’eruzione del vulcano Cumbre Vieja a La Palma, nelle Isole Canarie, in Spagna, è stata dichiarata ufficialmente conclusa il 25 dicembre 2021 (VEI 3).

  • Con 85 giorni di processo eruttivo e 1.219 ettari (3.012 acri) di terra coperta, questa è ora l’eruzione più lunga della Palma in 375 anni di dati storici dell’isola. La seconda eruzione più lunga fu quella del vulcano Tajuya nel 1585, che durò 84 giorni e coprì 480 ettari (1.186 acri) di terra.
  • Circa 7.000 persone, delle isole 83.000, sono state costrette a evacuare.
  • Fortunatamente, nessun ferito o morte è stato direttamente collegato all’eruzione.

L’isola ha ora un nuovo edificio vulcanico, alto 200 m (655 piedi) alla sua base (o circa 1.100 m/3.600 piedi sul livello del mare), con almeno 6 crateri.

La lava ha coperto circa 1.219 ettari (3.012 acri) dell’isola e lo spessore medio stimato è di 12 m (39 piedi), con un massimo di 70 m (229 piedi). La temperatura massima misurata nella lava è stata di 1.140°C (2.084°F).

L’area subaerea dei delta di lava è di 48 ettari (118 acri) — 43,46 ettari (107 acri) per il delta meridionale e 5,05 ettari (12,4 acri) per il delta più settentrionale. La superficie sottomarina stimata dei delta di lava è di oltre 21 ettari (51,8 acri).

Credito immagine: INVOLCAN (dicembre 2021)

L’eruzione è iniziata il 19 dicembre, eruttando fiumi di lava che hanno distrutto 2 988 edifici, tra cui case, scuole, chiese e centri sanitari, secondo la stima basata sul satellite Copernicus EMS.

Secondo il Catasto, sono stati interessati 1676 edifici, di cui 1.345 residenziali, 180 agricoli, 75 industriali, 44 per il tempo libero e l’ospitalità, 16 ad uso pubblico e i restanti 16 ad altri usi.

I dati catastali mostrano 370 ettari (914 acri) di colture colpite: 228,69 (565 acri) di campi di banane, 68,05 ettari (168 acri) di vigneti e 27,43 ettari (67,8 acri) di avocado.

A questi dati vanno aggiunti 90 ha (222 acri) di colture isolate. Inoltre, 412 ettari (1.018 acri) di banani sono stati coperti da ceneri, 128 ettari (316 acri) di vigneti e 84 ettari (207 acri) di avocado.

Le piantagioni di banane rappresentano quasi il 50% dell’economia dell’isola.

Sono stati colpiti 73,8 km (45,8 miglia) di strade, 10,8 km (6,7 miglia) di strade, 2,1 km (1,3 miglia) di attraversamenti e 49,9 km (31 miglia) di altre strade.

Estensione del flusso di lava al 14 dicembre 2021. Credito immagine: Copernicus EU/EMS. 

“Ho cercato la parola esatta che potesse definire il nostro stato d’animo. Non è gioia, non posso dire che siamo felici, e nemmeno soddisfazione”, ha detto il Ministro della Pubblica Amministrazione, Giustizia e Sicurezza del Governo. delle Isole Canarie.1

“Oggi ci sentiamo sollevati. Possiamo anche aggiungere la parola emozione, anche se dobbiamo aggiungere anche la parola speranza. Questa insopportabile litania di distruzione è finita e ora è il momento di ricostruire, migliorare, rifare e sostituire”.

Si prevede che i danni supereranno 1 miliardo di dollari, ma le autorità si sono impegnate ad aiutare La Palma a costruire dopo il disastro.

“Continueremo a lavorare insieme, tutte le istituzioni, per rilanciare la meravigliosa isola di La Palma e riparare i danni causati”, ha detto il primo ministro spagnolo Pedro Sanches.

Anche se l’eruzione è finita, ciò non significa che non ci sia più alcun pericolo in quanto i gas tossici continueranno a essere rilasciati per molto tempo.

“L’emergenza non è finita e che PEVOLCA rimane sul semaforo rosso poiché persistono ancora i rischi associati ai gas e al calore”, ha affermato Julio Pérez, direttore responsabile del Piano PEVOLCA.

(PEVOLCA – Piano Speciale di Protezione Civile e Soccorso per il Rischio Vulcanico delle Isole Canarie.)

“La sorveglianza e il monitoraggio continueranno in tutta l’area, ma da lunedì inizieremo a studiare il piano di ricollocazione, che dovrà essere un ricollocamento sicuro e ordinato, graduale, prima nelle zone meno colpite, e poi in quelle più colpite”. detto, aggiungendo che l’obiettivo dei responsabili dell’emergenza è quello di iniziare con i primi traslochi nella prima metà di gennaio, periodo in cui si prevede di iniziare anche con le prime prove laviche che consentiranno il ripristino di alcuni degli elementi essenziali servizi interessati dall’eruzione.

Il Comitato Scientifico di PEVOLCA ha concluso che l’eruzione del vulcano che ha avuto origine a Cabeza de Vaca è stata una fessura stromboliana con impulsi freatomagmatici e con indice di esplosività vulcanica di 3.

In totale, sono stati creati sei crateri e la lunghezza media della base dell’edificio è stata di 700 m (2 296 piedi). La dimensione del cratere più grande è stata di 172 m (564 piedi) nell’asse maggiore e di 106 m (347 piedi) in quello minore.

Il volume stimato dell’edificio lavico è di 34 milioni di m3 e il volume stimato del materiale totale emesso è superiore a 200 milioni di m3

La portata massima dei proiettili balistici è stata di 1,5 km (0,93 miglia).

Riassunto geologico

L’isola di La Palma, a forma di cuneo di 47 km (29 miglia), la più a nord-ovest delle Isole Canarie, è composta da due grandi centri vulcanici. La più antica a nord è tagliata dalla massiccia Caldera Taburiente, dalle pareti scoscese, una delle numerose scarpate di crollo prodotte dal cedimento dell’edificio a SW.

Il giovane Cumbre Vieja, il vulcano meridionale, è uno dei più attivi delle Canarie.

Il vulcano allungato risale a circa 125.000 anni fa ed è orientato NS. Le eruzioni degli ultimi 7.000 anni hanno avuto origine dagli abbondanti coni di cenere e crateri lungo l’asse di Cumbre Vieja, producendo colate laviche alimentate da fenditure che scendono ripidamente verso il mare.

Le eruzioni storiche a La Palma, registrate fin dal XV secolo, hanno prodotto una lieve attività esplosiva e colate laviche che hanno danneggiato le aree popolate.

La punta meridionale dell’isola è ammantata da un ampio campo lavico prodotto durante l’eruzione del 1677-1678. Colate di lava raggiunsero anche il mare nel 1585, 1646, 1712, 1949 e 1971.2

Riferimenti:

1  L’eruzione della Palma se dichiarata conclusa tra 85 giorni e 8 ore di durata e 1.219 ettari di colada – DSN

2 Cumbre Vieja – riassunto geologico – GVP

TheWatchers


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti, Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Una opinione su "Eruzione a Cumbre Vieja finita dopo 85 giorni e migliaia di edifici distrutti, La Palma"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: