In tribunale, Facebook ammette che i “controlli dei fatti” sono pura opinione

01 gennaio 2022; Analisi del Dr. Joseph Mercola [Fact Checked]

Sospettavamo da tempo che le organizzazioni di controllo dei fatti non fossero altro che un meccanismo di censura prevenuto più interessato a manipolare l’opinione che a stabilire fatti reali, ma ora abbiamo prove assolute, grazie a una causa intentata contro Facebook dal giornalista John Stossel.1,2

La storia in breve
  • I “Fact check” non sono altro che un meccanismo di censura faziosa, e ora ne abbiamo la prova, grazie a una causa intentata contro Facebook dal giornalista John Stossel
  • Nei documenti del tribunale, Facebook ammette che i fact check sono “dichiarazioni di opinione” e non affermazioni di fatto
  • Facebook ha recentemente censurato un rapporto di un informatore pubblicato dal British Medical Journal (BMJ), una delle riviste mediche più antiche e rispettate al mondo, etichettando in modo variabile l’articolo come “falso”, “parzialmente falso” o “contesto mancante”. ” Alcuni utenti hanno segnalato di non poter condividere affatto l’articolo
  • Il fact check si riferiva erroneamente a The BMJ come un “blog di notizie”, non è riuscito a specificare alcuna asserzione di fatto che l’articolo del BMJ fosse sbagliato e ha pubblicato il fact check sotto un URL contenente la frase “hoax-alert”
  • Il BMJ definisce il fact check “impreciso, incompetente e irresponsabile”. In una lettera aperta indirizzata a Mark Zuckerberg, il BMJ esorta Zuckerberg ad “agire rapidamente” per correggere l’errata verifica dei fatti, rivedere i processi che hanno permesso che si verificasse in primo luogo e “generalmente riconsiderare il proprio investimento e avvicinarsi ai fatti controllo generale”

Nel 2020, un fact checker di Facebook chiamato Science Feedback ha schiaffeggiato le etichette “False” e “Mancanza di contesto” su due video pubblicati da Stossel. I video presentavano le interviste di Stossel con esperti che hanno discusso del ruolo trascurabile del cambiamento climatico negli incendi boschivi della California del 2020. Sebbene non abbiano negato che il cambiamento climatico sia reale, hanno proposto che ci fossero altri fattori, probabilmente più contribuenti, come una cattiva gestione delle foreste.

Perché i suoi video sono stati contrassegnati come disinformazione? Secondo i verificatori di fatti di Facebook, Stossel stava “ingannando” le persone quando affermava che “gli incendi boschivi sono causati da una cattiva gestione delle foreste, non dai cambiamenti climatici”. Ma secondo Stossel, in realtà non ha mai fatto questa affermazione.

Secondo Stossel, le etichette hanno danneggiato la sua reputazione di giornalista investigativo e hanno provocato una perdita di follower. È interessante notare che quando Stossel ha contattato Science Feedback in merito ai suoi fact check, due revisori hanno accettato di essere intervistati. Per quanto riguarda il primo video che è stato segnalato, hanno ammesso di non averlo mai nemmeno visto. Nel caso del secondo video, un revisore ha spiegato che “non gli piaceva il [suo] tono”. Come notato dal New York Post:3

“Cioè, non puoi scrivere nulla sul cambiamento climatico a meno che tu non dica che è il peggior disastro nella storia dell’umanità e che dobbiamo spendere migliaia di miliardi per combatterlo”.

“Il problema è l’omissione di informazioni contestuali piuttosto che ‘fatti’ specifici che sono errati”, ha detto il verificatore dei fatti a Stossel, che afferma:4

“Che cosa? Va bene se alla gente non piace il mio tono. Ma Facebook dichiara il mio post “parzialmente falso”, un termine che definisce sul suo sito Web come includente “inesattezze di fatto”. qualsiasi processo di appello significativo – NON è la strada da percorrere. Il mondo ha bisogno di più libertà per discutere le cose, non di meno”.

Facebook sostiene che i controlli dei fatti sono “opinione protetta”

Quindi, Stossel ha fatto causa per diffamazione, ed è qui che va bene, perché per difendere Facebook, i suoi avvocati hanno dovuto ricorrere almeno temporaneamente a dire la verità. Nella loro memoria legale, sostengono che i fact check sono protetti dal Primo Emendamento perché sono OPINIONI, non asserzioni di fatti! Commentando il caso, il blogger sul cambiamento climatico Anthony Watts scrive:5

“Facebook ha appena fatto saltare in aria la richiesta di “controllo dei fatti” in tribunale. Nella sua risposta alla richiesta di diffamazione di Stossel, Facebook risponde a pagina 2, riga 8 nel documento del tribunale che Facebook non può essere citato in giudizio per diffamazione (che sta facendo un’affermazione falsa e dannosa) perché i suoi “controlli di fatto” sono semplici dichiarazioni di opinione piuttosto che affermazioni di fatto.
Le opinioni non sono soggette a denunce di diffamazione, mentre false affermazioni di fatto possono essere soggette a diffamazione… Quindi, in un tribunale, in un deposito legale, Facebook ammette che i suoi “controlli di fatto” non sono realmente “controlli di fatto” a tutto, ma semplicemente “asserzioni di opinione”.
Questo mi sembra un disastro di pubbliche relazioni e forse un disastro legale incombente per Facebook, PolitiFact, Climate Feedback e altre entità di sinistra che si impegnano in un “controllo dei fatti” parziale.
Tali “verifica dei fatti” ora si dimostrano semplicemente un’agenda per sopprimere la libertà di parola e la discussione aperta sulla scienza mascherando l’attivismo dei media liberali come qualcosa di presumibilmente fattuale, nobile, neutrale, affidabile e basato sulla scienza. Non è nessuno di quelli”
.

Facebook censura il British Medical Journal

Stossel è tutt’altro che il solo ad essere censurato in questi giorni. Nel video qui sopra, indica altri esperti degni di nota che sono stati censurati per le loro opinioni e posizioni istruite, come l’ambientalista Michael Shellenberger, una volta salutato da Time Magazine come un “eroe dell’ambiente”, lo statistico e ambientalista Bjorn Lomborg, una volta dichiarato “una delle persone più influenti del 21° secolo” e lo scrittore di scienze John Tierney.

Come Facebook ha ora ammesso in tribunale, questi cosiddetti fact check non sono altro che una dichiarazione di preferenza. Sono dichiarazioni di narrativa approvata. Non hanno nulla a che fare con la verifica dei fatti.

Naturalmente, non sono estraneo nemmeno alla censura, essendo stato falsamente etichettato come uno dei “più grandi agenti di disinformazione” sull’intera Internet quando si tratta del colpo COVID. In questi tempi di Orwellian Doublespeak, considero questo uno dei risultati più significativi che abbia mai raggiunto.

Pensaci un attimo. Tutti i principali media hanno convenuto che sono il più influente divulgatore della verità su COVID su Internet. Anche il mio amico e grande combattente per la libertà, Bobby Kennedy, era solo il n. 2. Non potrei essere più felice del loro premio. Potrei anche averlo inciso sulla mia lapide.

Più di recente, Facebook ha persino censurato il British Medical Journal (BMJ) per un articolo che metteva in evidenza potenziali problemi con il test sul jab COVID di Pfizer, e The BMJ è una delle riviste mediche più antiche e rispettate al mondo!

All’inizio di novembre 2021, il BMJ ha pubblicato un rapporto di un informatore6 che affermava che c’erano seri problemi di integrità dei dati nel processo Pfizer COVID jab. L’articolo è stato censurato da Facebook ed etichettato in modo variabile come “falso”, “parzialmente falso” o “contesto mancante”. Alcuni utenti hanno segnalato che l’articolo non può essere condiviso.

Il fact check di Facebook dell’articolo del BMJ è stato fatto da Lead Stories, un appaltatore di Facebook. Il titolo della sua confutazione sul “controllo dei fatti” recitava: “Controllo dei fatti: il British Medical Journal NON ha rivelato segnalazioni squalificanti e ignorate di difetti negli studi sui vaccini COVID-19 di Pfizer”.7

Verifica dei fatti “imprecisa, incompetente e irresponsabile”

In risposta, il BMJ ha criticato il fact check, definendolo “impreciso, incompetente e irresponsabile”.8,9,10 In una lettera aperta11 indirizzata a Mark Zuckerberg di Facebook, il BMJ esorta Zuckerberg ad “agire rapidamente” per correggere il fatto errato controllare, rivedere i processi che hanno permesso che si verificasse in primo luogo e “generalmente riconsiderare il tuo investimento e l’approccio al fact checking in generale”. Come notato da The BMJ nella sua lettera, il fact check di Lead Stories:12

  • Indicato in modo impreciso The BMJ come un “blog di notizie”
  • Non è stato possibile specificare alcuna asserzione di fatto che l’articolo del BMJ fosse sbagliato
  • Pubblicato il fact check sul sito web di Lead Stories sotto un URL che contiene la frase “hoax-alert”

Lead Stories si è rifiutata di affrontare le inesattezze quando è stata contattata direttamente dal BMJ. Il BMJ solleva anche “una preoccupazione più ampia” nella sua lettera:

“Siamo consapevoli che il BMJ non è l’unico fornitore di informazioni di alta qualità ad essere stato colpito dall’incompetenza del regime di controllo dei fatti di Meta. Per fare un altro esempio, segnaliamo il trattamento da parte di Instagram (anch’esso di proprietà di Meta) di Cochrane, il fornitore internazionale di revisioni sistematiche di alta qualità delle prove mediche.
Piuttosto che investire una parte dei sostanziali profitti di Meta per aiutare a garantire l’accuratezza delle informazioni mediche condivise attraverso i social media, apparentemente hai delegato la responsabilità a persone incompetenti nello svolgimento di questo compito cruciale.
Il fact checking è stato per decenni un caposaldo del buon giornalismo. Quello che è successo in questo caso dovrebbe essere motivo di preoccupazione per chiunque apprezzi e si basi su fonti come il BMJ”
.

I fact check sono tanto prevenuti quanto di parte

Quando si tratta di controllo dei fatti, è giunto il momento che tutti capiscano che i controlli dei fatti non vengono eseguiti da parti indipendenti e imparziali che stanno vagliando i fatti per assicurarsi che un dato pezzo sia accurato.

Come Facebook ha ora ammesso in tribunale, questi cosiddetti fact check non sono altro che una dichiarazione di preferenza. Sono dichiarazioni di narrativa approvata. Non hanno nulla a che fare con la verifica dei fatti. Come riportato dal New York Post:13

“Il Post ha affrontato lo stesso guanto troppe volte. Nel febbraio 2020, abbiamo pubblicato un articolo di Steven W. Mosher che chiedeva se il COVID-19 fosse trapelato dal Wuhan Lab. Questo è stato etichettato come “falso” dai fact-checker di Facebook.
Naturalmente, quei presunti revisori scientifici “indipendenti” si affidavano a un gruppo di esperti che avevano un interesse acquisito nel respingere quella teoria, incluso EcoHealth, che aveva finanziato il laboratorio di Wuhan.
Quando Twitter ha “verificato i fatti” e ha bloccato le storie di The Post sul laptop di Hunter Biden come “materiali compromessi”, qual è stata la base? Niente. Non è stato violato; il personale dell’azienda voleva solo una scusa. Immagino che non gli sia piaciuto il nostro tono. In entrambi i casi, i nostri “controlli di fatto” sono stati revocati, ma solo dopo che non aveva più importanza”
.

Il New York Post sottolinea inoltre che “L’industria del controllo dei fatti è finanziata da magnati liberali come George Soros, organizzazioni non profit finanziate dal governo e gli stessi giganti della tecnologia”.14 Science Feedback, ad esempio, ha ricevuto finanziamenti iniziali da Google.15

L’icona del giornalismo, il Poynter Institute – che gestisce l’International Fact-Checking Network (IFCN) – ha anche finanziato Science Feedback per costruire quello che Poynter descrive come “un database di fact check e di siti Web che diffondono maggiormente la disinformazione”.

In un round robin di finanziamenti circolari, le entrate dell’IFCN provengono dalla Bill & Melinda Gates Foundation, da Google, da Facebook e da enti governativi come il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti.16 Per finire, il crowdfunding di Science Feedback è gestito dall’Università della California, Merced, così possono evitare le tasse negli Stati Uniti.17

I fact checker proteggono l’agenda tecnocratica

Uno dei principali finanziatori dell’industria del controllo dei fatti falsi che The Post non ha menzionato è l’industria della droga. NewsGuard e altre organizzazioni di controllo dei fatti sono cariche di conflitti di interesse di Big Pharma e il loro pregiudizio a favore dell’industria farmaceutica è innegabile.

Le organizzazioni di controllo dei fatti sono anche chiaramente influenzate da organizzazioni tecnocratiche come il World Economic Forum, che sta guidando la richiesta di un grande reset. NewsGuard, ad esempio, è partner di Publicis,18 una delle più grandi società di pubbliche relazioni al mondo che ha un enorme elenco di clienti di Big Pharma, e Publicis a sua volta è partner del World Economic Forum.

NewsGuard ha anche ricevuto una grossa fetta del suo capitale iniziale da Publicis. Senza dubbio, Big Pharma e The Great Reset sono strettamente intrecciati e lavorano insieme verso lo stesso obiettivo, che non è altro che il dominio del mondo e la schiavitù della popolazione globale sotto uno stato di polizia biomedica.

Le pubbliche relazioni spacciandosi per la stampa libera hanno scatenato una pandemia di fake news

Publicis sembra effettivamente coordinare lo sforzo globale per sopprimere le informazioni che sono contrarie alla narrativa tecnocratica su COVID-19, la sua origine, prevenzione e trattamento – soppressione e censura che è stata ripetutamente mirata specificamente a questo sito web.

Fa parte di un’enorme rete che include aziende farmaceutiche internazionali, verificatori di fatti e valutatori di credibilità come NewsGuard, Google e altri motori di ricerca, Microsoft, aziende di software antivirus come Trend Micro, biblioteche pubbliche, scuole, industria bancaria, Dipartimento di Stato degli Stati Uniti e Dipartimento della Difesa, Organizzazione Mondiale della Sanità e World Economic Forum.

Intendiamoci, questo non è un elenco completo di collegamenti. È semplicemente un campione di entità per darti un’idea dell’ampiezza delle connessioni, che se prese insieme spiegano come alcune opinioni – come le informazioni su COVID-19 e i vaccini – possono essere soppresse e cancellate in modo così efficace dal discorso pubblico.

Per comprendere il potere che esercitano le società di pubbliche relazioni come Publicis, è necessario anche rendersi conto che le pubbliche relazioni hanno, nel complesso, sostituito la stampa libera. Questo ha avuto un effetto devastante e non credo di esagerare quando dico che sono le pubbliche relazioni mascherate da notizie che hanno dato vita all’intero fenomeno delle “fake news”.

Tuttavia, nel vero doppio senso orwelliano, questi stessi falsi spacciatori di PR-notizie affermano che tutti gli altri stanno spacciando notizie false. Vogliono farci credere che le loro pubbliche relazioni siano la verità, anche se in genere sono prive di dati e si scontrano con fatti verificabili.

L’influenza nascosta della Cina

Oltre ai fact check che eseguono gli ordini di Big Pharma e dell’élite tecnocratica, il pubblico viene anche ingannato e manipolato dalla propaganda cinese. In un articolo del New York Times del 20 dicembre 2021,19 Muyi Xiao, Paul Mozur e Grey Beltran descrivono in dettaglio come la Cina manipola Facebook e Twitter per promuovere le proprie aspirazioni autoritarie.

Secondo Xiao, Mozur e Beltran, il governo cinese ha “lanciato una campagna online globale” per rafforzare la propria immagine e reprimere le accuse di violazioni dei diritti umani. A tal fine, assume le aziende per inondare i social media con account falsi che vengono poi utilizzati per far avanzare l’agenda della Cina in tutto il mondo.

Ciò include la creazione di contenuti su richiesta, l’identificazione e il monitoraggio dei critici che vivono al di fuori della Cina, l’esecuzione di reti di bot per inondare i social media con messaggi di propaganda su misura per guidare la discussione e altro ancora – strategie denominate “gestione dell’opinione pubblica”.

In modo preoccupante, mentre il governo cinese ha da tempo dato la caccia alle voci dissidenti all’interno del paese e le ha costrette a ritrattare, ora stanno dando la caccia ai dissidenti cinesi in tutto il mondo.

Qualsiasi utente che ha collegamenti con la terraferma può trovarsi in una situazione in cui i suoi familiari in Cina sono detenuti o minacciati fino a quando oa meno che non cancellino il post o l’account offensivo. Le persone di origine cinese che vivono in altri paesi possono anche essere detenute dalla polizia se tornano nella Cina continentale, in base alle opinioni che hanno condiviso online.

La Cina punta a una propaganda più sofisticata

Secondo i documenti ottenuti dal trio, la polizia cinese starebbe anche lavorando a manovre di propaganda più sofisticate. Ad esempio, piuttosto che fare affidamento su bot farm e falsi profili di troll per creare un’apparenza di opinione pubblica, stanno cercando di far crescere account popolari che abbiano un seguito organico, in modo che questi account possano essere successivamente rilevati dal governo per spingere qualsiasi tipo di propaganda è desiderato in quel momento.

Questi sono noti come “profili a noleggio”. Come spiegato nell’articolo, “Il coinvolgimento più profondo conferisce credibilità alle persone false in un momento in cui le società di social media stanno eliminando sempre più account che sembrano non autentici o coordinati”.

Facebook stesso è uno strumento di gestione delle opinioni

Ovviamente Facebook e Twitter si prestano a questo tipo di manipolazione perché sono essenzialmente strumenti di “gestione dell’opinione pubblica”. Anche se non sono iniziati in quel modo (e questo è un grande se), sono sicuramente cresciuti. Non si può negare che entrambe le piattaforme siano state determinanti nel censurare le informazioni su COVID-19 per conto dell’industria farmaceutica e della tecnocrazia globale.

Come riportato da The National Pulse,20 la corrispondenza e-mail tra il Dr. Anthony Fauci e il CEO di Facebook Mark Zuckerberg rivela che Zuckerberg ha persino accettato di inviare rapporti a Fauci sui sentimenti degli utenti di Facebook per “facilitare le decisioni” sui blocchi COVID-19. Un’e-mail dell’8 aprile 2020 da Zuckerberg recita in parte: 21

“… Se stiamo osservando un periodo prolungato di inasprimento e allentamento delle restrizioni sui rifugi in tutto il paese, quindi se ci sono rapporti di dati aggregati e anonimi che Facebook può generare per facilitare queste decisioni, ad esempio, saremmo felici di Fai questo …
Abbiamo avviato un’indagine sui sintomi, che si spera fornirà un indicatore principale dei casi contea per contea per informare le decisioni sulla salute pubblica. Se ci sono altre risorse di dati aggregati che ritieni possano essere utili, fammi sapere…”

Come notato da The National Pulse, questo è un “brutto esempio” di come le grandi aziende tecnologiche e le agenzie governative colludano e utilizzino i dati degli utenti per limitare le nostre libertà e libertà.22

Il governo collude con la grande tecnologia per eludere la costituzione

In effetti, a parte questo, abbiamo anche avuto chiari esempi di politici che colludono con Big Tech per censurare per conto del governo, in chiara violazione della Costituzione degli Stati Uniti. Questo è il motivo per cui ho citato in giudizio la senatrice americana Elizabeth Warren.

All’inizio di settembre 2021, Warren ha inviato una lettera23 ad Andy Jassy, ​​amministratore delegato di Amazon.com, chiedendo una “revisione immediata” degli algoritmi di Amazon per eliminare i libri che spacciano “disinformazione COVID”.24,25,26

Warren ha specificamente individuato il mio libro, “The Truth About COVID-19”, scritto insieme a Ronnie Cummins, fondatore e direttore dell’Organic Consumers Association (OCA), come un ottimo esempio di “libri di alto livello e con etichette favorevoli basati sulle falsità sui vaccini e sulle cure per il COVID-19” che voleva bandire.

In qualità di funzionario del governo, è illegale per lei violare la Costituzione degli Stati Uniti e fare pressioni sulle imprese private affinché lo facciano per lei non è una soluzione legale. Dal momento che ha deliberatamente ignorato la legge, Cummins e io, insieme al nostro editore, Chelsea Green Publishing, e Robert F. Kennedy Jr., che ha scritto la nostra prefazione, abbiamo citato in giudizio Warren,27 sia nelle sue capacità ufficiali che personali, per aver violato il nostro Primo Emendamento diritti.

La causa federale, in cui Warren è indicato come unico imputato, è stata intentata l’8 novembre 2021, nello stato di Washington.

I “Fact Check” sono tentativi di lavaggio del cervello

C’è un’organizzazione per il controllo dei fatti su cui puoi fare affidamento? La risposta semplice e diretta è no. Esistono tutti per un unico scopo: “gridare” metaforicamente chiunque le cui opinioni differiscono dalla narrativa ufficialmente autorizzata su un determinato argomento e sopprimere la verità che interferisce con l’attuazione della loro agenda.

È come se due persone cercassero di conversare su qualcosa mentre una terza persona continua a intervenire, urlando a squarciagola “PENSA QUESTO! DÌ QUESTO!”

Chi ne ha bisogno? Sono inutili. Leggendoli e dando loro credito, tutto ciò che stai facendo è riempirti la testa di propaganda e aumentare la tua probabilità di cadere nella pervasiva psicosi delirante di massa che stiamo vedendo intorno a noi. È solo un grande tentativo di lavaggio del cervello. Con un po’ di fortuna, l’ammissione del tribunale di Facebook che i fact check sono semplici opinioni finirà per innescare la scomparsa dei fact blocker.

Fonti e riferimenti

Dr. Mercola


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti, ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: