La piramide del potere: Episodio 6 – L’Oilgarchia

10 ottobre 2021: articolo di Derrick Broze

Nell’ultimo episodio di questa serie in 16 parti, Derrick Broze espone la vera storia dietro l’industria petrolifera e i titani che la gestiscono.

The Conscious Resistance The Pyramid of Power Chapter 6 The Oilgarchy
The Pyramid of Power: Chapter 6 – The Oilgarchy

Offerto da The Conscious Resistance Network: https://www.theconsciousresistance.com

Trascrizione/Fonti:

Il petrolio, o petrolio, è una delle sostanze più utilizzate al mondo. Il petrolio e i suoi sottoprodotti, i prodotti petrolchimici, vengono utilizzati in diversi modi nella nostra vita quotidiana. Per carburante e lubrificanti nei nostri veicoli e per la plastica utilizzata nelle nostre case, negozi e ristoranti. Sono state combattute guerre per il petrolio e sono state fatte fortune estraendolo dalla Terra. Chiaramente, la sostanza gioca un ruolo vitale nella storia dell’umanità.

Coloro che hanno creato l’enorme industria petrolifera che conosciamo oggi – a volte nota come Big Oil o The Oilgarchy – hanno raccolto enormi benefici per i loro sforzi. Ma le intenzioni di questi magnati erano puramente basate sul profitto e spingevano l’umanità verso l’innovazione? O, come molti ricercatori hanno proposto, c’è un programma più nefasto dietro la storia e il futuro di L’Oilgarchia?

Il monopolio del petrolio standard

Le radici delle principali compagnie petrolifere di oggi risalgono alla fondazione dell’industria petrolifera da parte di John D. Rockefeller e della sua società Standard Oil. Poco prima della guerra civile americana nel 1861, Rockefeller contribuì a fondare una compagnia di spedizioni a Cleveland, Ohio. Questa società si sarebbe evoluta quando Rockefeller e i suoi partner iniziarono a investire nelle attività del petrolio greggio. Nel 1870, Rockefeller e i suoi partner gestivano due raffinerie di petrolio a Cleveland. Hanno incorporato la loro attività in Ohio sotto il nome di Standard Oil Company.

La società di Rockefeller crebbe fino a diventare un monopolio sulla fiorente industria petrolifera. Nel marzo 1872, durante quello che divenne noto come il “Cleveland Massacre”, la Standard Oil di Rockefeller acquistò 22 dei suoi 26 concorrenti. Rockefeller ora controllava il 25% dell’industria petrolifera statunitense all’epoca.

Rockefeller è ampiamente acclamato per la sua etica del lavoro, che potrebbe essere carente di etica mentre prosperava nella competizione schiacciante. Credeva che i grandi conglomerati industriali fossero destinati a sostituire la concorrenza negli affari. Nel 1880, Standard Oil ora possedeva o controllava il 90% dell’industria delle raffinerie di petrolio degli Stati Uniti. Alla fine, Rockefeller e i suoi compari trasferirono la Standard Oil da Cleveland a New York City per formare un trust in cui avrebbero avuto il controllo del vasto numero di società ora interamente o parzialmente di proprietà della Standard Oil.

Standard Oil ha fatto la sua ricchezza producendo cherosene per lampade e controllando migliaia di oleodotti che trasportano prodotti petroliferi in tutto il paese. Le lampade a cherosene accese da milioni di americani hanno aiutato Rockefeller a diventare il primo miliardario d’America a causa degli enormi profitti raccolti dalle società di cui deteneva una quota di maggioranza.

Tuttavia, Rockefeller non era universalmente venerato. Molti iniziarono a respingere le sue pratiche commerciali e a mettere in dubbio la legittimità del suo impero petrolifero. A partire dal 1887, 10 stati e il territorio dell’Oklahoma hanno intentato azioni legali contro società di proprietà dello Standard Oil Trust. Standard ha perso molti casi, ma ha scoperto che spostando le proprie operazioni da uno stato all’altro potevano eludere le sentenze dei tribunali.

La fortuna di Rockefeller si sarebbe esaurita quando il pubblico si sarebbe stancato dei monopoli grazie al lavoro di giornalisti investigativi noti come muckrakers. A partire dal novembre 1902, la giornalista pionieristica Ida Tarbell scrisse un’indagine in 19 parti sulle pratiche di Stanard Oil. Ha spiegato in dettaglio come John D. Rockefeller abbia spietatamente costretto i suoi concorrenti a “vendere o perire”. Tarbell ha anche riferito che Rockefeller aveva segretamente organizzato tariffe di spedizione scontate dalle ferrovie. Mentre le piccole imprese e gli agricoltori sono stati costretti a pagare tariffe più elevate, Standard Oil ha ricevuto un trattamento preferenziale. Questo tipo di accordo fu bandito dall’Interstate Commerce Act del 1887. Il rapporto di Ida Tarbell ha mostrato che questi accordi e altri fatti da Rockefeller erano essenziali per mantenere il monopolio della Standard Oil.

“Rockefeller e i suoi soci non hanno fondato la Standard Oil Co. nelle sale riunioni delle banche di Wall Street”, ha detto Tarbell. “Hanno combattuto la loro strada per il controllo con sconti e svantaggi, tangenti e ricatti, spionaggio e riduzione dei prezzi, grazie alla spietata efficienza dell’organizzazione”.

Gli americani erano cresciuti fino a diffidare dei cosiddetti Robber Barons of the day e il sostegno alla legislazione antitrust ha raggiunto un picco con quasi 30 stati che hanno approvato leggi antitrust per fermare gli abusi del monopolio. La segnalazione di Ida Tarbell e dei muckrakers ha creato il clima che ha portato il governo degli Stati Uniti a citare in giudizio la Standard Oil del New Jersey il 18 novembre 1906. La causa sosteneva che lo Standard Oil Trust aveva violato lo Sherman Antitrust Act del 1890

Il processo contro la Standard Oil iniziò nel 1908 in un tribunale federale del Missouri. Sono state presentate prove che dimostrano che la Standard Oil si era effettivamente assicurata sconti ferroviari illegali, oltre a impedire ai concorrenti di utilizzare oleodotti, spiare altre società e corrompere i politici. Mentre la Standard Oil aumentava il suo dominio monopolistico, aumentava anche i prezzi del 46 percento tra il 1895 e il 1906. Il giudice e una successiva corte d’appello federale hanno stabilito che la Standard Oil era un monopolio in violazione dello Sherman Antitrust Act. I giudici raccomandano che la Standard Oil sia suddivisa in società indipendenti.

Rockefeller e il suo Standard Oil Trust si appellarono alla Corte Suprema degli Stati Uniti e il 15 maggio 1911 la Corte Suprema confermò all’unanimità la sentenza secondo cui Standard era un monopolio colpevole di restrizione illegale del commercio. La corte ha convenuto che il modo migliore per ripristinare la concorrenza nel settore era suddividere la società in singole società.

In realtà, il governo ha permesso agli azionisti della Standard Oil di ricevere azioni frazionarie in tutte le 34 società che sono state formate dal trust. Ciò significava essenzialmente che le società avevano gli stessi azionisti di prima.

Le principali società Standard Oil che sono state scisse includono:

  • La Standard Oil di NJ è diventata Esso, prima di fondersi con un’altra società per formare la Exxon
  • La Standard Oil di New York alla fine divenne Mobil, Exxon e Mobil si sarebbero poi fuse, formando la società ExxonMobil.
  • La Standard Oil of California alla fine divenne Chevron
  • Standard Oil of Indiana è diventata l’American Oil Co., che ora fa parte di BP, British Petroleum
  • La Continental Oil Company si fonderebbe e si evolverebbe per diventare Phillips 66

Sebbene la decisione della Corte Suprema sia spesso propagandata come la “rottura” della Standard Oil, sembra che il trust abbia subito una rottura temporanea prima di riorganizzarsi, inghiottire la concorrenza e fondersi con nuovi nomi. ExxonMobil, Chevron, Phillips 66: questi sono nomi comuni che il guidatore americano medio conosce anche se non ha idea della connessione con Rockefeller.

Ma i Rockefeller non erano soli nella loro ricerca di ricchezza, potere e dominio nel gioco del petrolio. Anche la famigerata dinastia Rothschild era interessata a sfruttare la ricchezza e il potere creati dall’Oilgarchia.

(Clip of How Big Oil 11:27-13:16 “One such competitor…”)

“Uno di questi concorrenti è emerso dal Caucaso nel 1870, dove la Russia imperiale aveva aperto i vasti giacimenti petroliferi del Mar Caspio allo sviluppo privato. Due famiglie hanno rapidamente unito le forze per sfruttare l’opportunità: i Nobel, guidati da Ludwig Nobel e incluso il fratello Alfred, inventore della dinamite e creatore di premi, e il ramo francese della famigerata dinastia bancaria Rothschild, guidata da Alphonse Rothschild.

Nel 1891, i Rothschild stipularono un contratto con la M. Samuel & Co., una compagnia di navigazione dell’Estremo Oriente con sede a Londra e gestita da Marcus Samuel, per fare ciò che non era mai stato fatto prima: spedire il loro petrolio del Caspio fornito dal Nobel attraverso il Canale di Suez verso est mercati asiatici. Il progetto era immenso; ha richiesto non solo un’ingegneria sofisticata per costruire le prime petroliere da approvare dalla Compagnia del Canale di Suez, ma la più stretta segretezza. Se la notizia dello sforzo fosse tornare a Rockefeller attraverso la sua rete di intelligence internazionale, rischierebbe di provocare l’ira della Standard Oil, che potrebbe permettersi di tagliare i tassi e di estrometterli dal mercato. Alla fine ci riuscirono e la prima nave cisterna, la Murex, attraversò il Canale di Suez nel 1892 in rotta verso la Thailandia.

Nel 1897, M. Samuel & Co. divenne The Shell Transport and Trading Company. Rendendosi conto che la dipendenza dal petrolio Rothschild/Nobel Caspian rendeva l’azienda vulnerabile a shock di approvvigionamento, Shell iniziò a cercare altre fonti di petrolio in Estremo Oriente. Nel Borneo si scontrarono con la Royal Dutch Petroleum, fondata a L’Aia nel 1890 con il sostegno del re Guglielmo III dei Paesi Bassi per sviluppare giacimenti di petrolio nelle Indie orientali olandesi. Le due società, temendo la concorrenza della Standard Oil, si fusero nel 1903 nella Asiatic Petroleum Company, di proprietà dei francesi Rothschild, e nel 1907 divennero Royal Dutch Shell.

Per ribadire, la maggior parte delle principali compagnie petrolifere negli Stati Uniti sono di proprietà in parte della famiglia Rockefeller, mentre la Royal Dutch Shell, proprietaria della Shell Oil Company, è il prodotto degli intrighi dei Rothschild francesi e dei reali olandesi. Sebbene non ci siano numeri esatti su quanto la famiglia reale olandese di oggi possieda ancora in Royal Dutch Shell, si ritiene che la famiglia abbia guadagnato miliardi di dollari dalla società.

Gli olandesi non furono gli unici reali ad essere coinvolti nell’industria petrolifera. La Corona britannica controllava la quota di maggioranza di BP, o British Petroleum. Come con i Rockefeller, i Rothschild e i reali danesi e britannici appariranno in tutta questa serie mentre esploriamo i molti ruoli che giocano nella Piramide del Potere.

Le famiglie dell’Oilgarchia non si accontentavano di dominare l’industria petrolifera in rapida espansione. Riconobbero che le loro aspirazioni finanziarie, ora intrecciate con il destino del petrolio, erano meglio servite dalle crisi ingegneristiche e persino dal sostegno alle guerre se ciò significava una migliore linea di fondo e promuovere i loro interessi geopolitici.

(Clip da Big Oil 40:05-41:02 “Nel secondo film…”)

Con il dollaro degli Stati Uniti ora stabilito come valuta ufficiale per l’acquisto e la vendita di petrolio, i magnati del Big Oil erano in grado di trincerarsi all’interno dell’establishment politico occidentale in modo da poter continuare a manipolare gli eventi mondiali.

Peter Dale Scott, autore di Drugs, Oil, and War tra gli altri libri, ha scritto molto sul ruolo che il petrolio, insieme alle droghe, hanno svolto in numerose guerre e controversie geopolitiche. (1:18:35-1:19:55)

Big Oil conquista l’industria automobilistica

La decisione della Corte Suprema di “sciogliere” lo Standard Oil Trust nel 1911 non fu una battuta d’arresto per la dinastia Rockefeller. A causa della decisione, John D. Rockefeller possedeva il 25% in tutte le società scissionisti, rendendolo l’uomo più ricco d’America e il primo miliardario. Questa ricchezza, potere e prestigio non era qualcosa che Rockefeller era disposto a rinunciare. Rockefeller e gli Oilgarch riconobbero che c’erano molte minacce al loro potere.

Per tutto il 20esimo secolo, Big Oil ha respinto l’uso dell’elettricità che stava sostituendo le lampade a cherosene. Queste aziende e ricchi CEO sono preoccupati che i loro prodotti petroliferi possano sopravvivere alla loro utilità e dominio. Tuttavia, fu anche in questo periodo che iniziarono ad apparire i loro primi veicoli alimentati a gas. La benzina era stata precedentemente vista come un sottoprodotto della raffinazione del petrolio con un uso limitato. Con alcune attività di lobbying e promozione da parte di Big Oil, l’America e il mondo presto guidarono auto a benzina rumorose mentre l’industria petrolifera celebrava ancora una volta profitti monumentali.

Il dominio di Big Oil ha anche affrontato una minaccia dall’alcol, che era ampiamente conosciuto come una fonte di carburante economica e facilmente disponibile. Nel 1906, la tassa sull’alcol fu abrogata e l’etanolo da mais divenne disponibile a un prezzo per gallone inferiore rispetto alla benzina. Se questa mania dovesse decollare, chiunque con materie vegetali grezze potrebbe produrre il proprio carburante. Come ha riportato James Corbett, un rapporto USGS del 1909 che confrontava i motori a benzina e ad alcool notava che c’erano meno restrizioni sui motori ad alcool. Ciò ha dato ai carburanti a base di alcol un vantaggio rispetto alla benzina.

John D. Rockefeller è entrato in azione sostenendo il suo amico personale di lunga data Howard Hyde Russel per finanziare l’Anti-Saloon League nel 1893. La Lega è stata finanziata da donazioni annuali di John D. Rockefeller. Questo finanziamento ha permesso a Russell di usare la Lega come portavoce per la propaganda anti-alcol. Una volta che il divieto divenne legge nel 1920, furono imposte restrizioni sempre più gravose ai produttori di etanolo. Il governo ha richiesto ai produttori di aggiungere prodotti petroliferi mortali al loro etanolo prima di essere venduti. L’industria dei carburanti a base di alcol non ha potuto resistere all’ultimo sforzo dei Rockefeller di soffocare la concorrenza.

L’alcol non era l’unica alternativa ai veicoli alimentati a petrolio che sembrano essere stati schiacciati dal peso di Big Oil. Nel documentario, Who Killed the Electric Car?, ascoltiamo ulteriori testimonianze sul ruolo svolto da Big Oil nella soppressione dell’auto elettrica.

Oltre all’auto elettrica, ci sono anche segnalazioni di inventori che hanno creato varie forme di energia alternativa o un carburante più pulito. Alcuni di questi inventori affermano di avere le loro creazioni distrutte, le loro vite minacciate e le invenzioni acquistate solo per essere archiviate e tenute nascoste al pubblico.

Il grande petrolio del 21° secolo

A prima vista, sembrerebbe che molte persone si siano rese conto dell’agenda di Big Oil. I giovani di tutto il mondo sono arrivati ​​a vedere il cambiamento climatico come la più grande minaccia esistenziale della loro generazione. Protestano, scioperano e chiedono alle principali società del mondo di pagare tasse più alte e compensare il loro inquinamento attraverso schemi di carbonio. A quanto pare, Big Oil è stato smascherato.

Sfortunatamente, la verità è meno ottimistica. La realtà è che molte delle principali società che sostengono la lotta contro il cambiamento climatico e che sostengono i mandati delle Nazioni Unite, come la Convenzione delle Nazioni Unite sulla diversità biologica del 1992, gli obiettivi di sviluppo sostenibile e l’Agenda 2030, sono le stesse grandi compagnie petrolifere che probabilmente soffrirebbero il più sotto le modifiche proposte al business as usual.

Potrebbe essere che queste società stiano semplicemente vedendo la scritta sul muro e facendo mosse che assicureranno loro di mantenere la loro ricchezza? O forse, i titani del Big Oil si rifiutano di essere detronizzati e faranno tutto il necessario per mantenere lo status quo?

La ricerca di InfluenceMap mostra che le cinque maggiori major del petrolio e del gas quotate in borsa – ExxonMobil, Royal Dutch Shell, Chevron, BP e Total – hanno investito oltre 1 miliardo di dollari di fondi degli azionisti in attività di lobbying e branding ingannevoli legati al clima. InfluenceMap riporta che “Questi sforzi sono in larga misura in conflitto con gli obiettivi di questo storico accordo globale sul clima e progettati per mantenere la licenza sociale e legale per operare ed espandere le operazioni di combustibili fossili”.

Continuare a utilizzare combustibili fossili è solo un aspetto del finto movimento ambientalista di Oiligarch. Stanno anche promuovendo attivamente soluzioni pericolose ai problemi ecologici. In un rapporto di Navdanya International intitolato Global Citizens’ Report “Gates to a Global Empire“, il gruppo ETC espone come il moderno barone ladro Bill Gates sia investito in una tecnologia apparentemente volta a combattere il cambiamento climatico, mentre continua anche a finanziare azioni distruttive e industrie. La tecnologia è nota come geoingegneria, un termine “che descrive una serie di tecnologie che mirano, attraverso modifiche deliberate su larga scala del bilancio energetico della Terra, a ridurre le temperature e contrastare il cambiamento climatico antropogenico”.

Esistono numerose proposte di geoingegneria, ma quella più popolare e finanziata da Bill Gates è nota come Solar Radiation Management. L’SRM prevede la spruzzatura di aerosol e altre sostanze chimiche dallo scarico degli aerei con la speranza di riflettere la luce solare. Numerosi studi hanno messo in guardia sulle conseguenze sconosciute della geoingegneria, incluso il potenziale per la perdita di cieli blu, siccità e condizioni meteorologiche ancora più estreme. Mentre la maggior parte dei rapporti afferma che la geoingegneria e altre forme di modifica del clima sono solo nella fase di ricerca, un numero crescente di cittadini e ricercatori sta documentando prove evidenti di modificazione del tempo. Approfondiremo questo aspetto in un prossimo capitolo.

Il rapporto del gruppo ETC, soprannominato The Sugard Daddy of Geoengineering, esamina i modi in cui la Fondazione Bill e Melinda Gates esercita un’immensa influenza in tutto il mondo. Il rapporto afferma:

“In effetti, Gates, attraverso finanziamenti e investimenti personali, è stato uno dei principali sostenitori delle forme più estreme di ricerca di geoingegneria per più di un decennio. Eminenti geoingegneri come Ken Caldeira e David Keith sono tra i suoi stretti consiglieri e le sue donazioni stanno supportando alcuni degli esperimenti proposti più controversi.

Nascosti dietro la persona attentamente coltivata di Gates, la curiosità distaccata sulle soluzioni climatiche, ci sono significativi interessi finanziari nell’estrazione di combustibili fossili”.

Il rapporto continua descrivendo come Gates sia stato uno dei principali azionisti di Canadian National (CN) Railroads e stia realizzando grandi profitti inviando petrolio greggio dalle sabbie bituminose del Canada al mercato. L’estrazione delle sabbie bituminose è stata osteggiata e contestata dalle comunità indigene e dagli attivisti ambientali che affermano che le operazioni sono la forma più sporca e distruttiva di estrazione di combustibili fossili.

Mentre Gates afferma di combattere per l’ambiente, incluso in un libro pubblicato nel 2021, continua a detenere azioni nelle strade nazionali canadesi e a promuovere progetti di geoingegneria. Gates sta anche traendo profitto dai soldi di Big Oil attraverso le sue azioni stimate di $ 70 miliardi in Microsoft. Microsoft ha investito molto nel perseguire i giganti del petrolio, firmando accordi con Exxon Mobil, Chevron, Shell e BP.

Questo è solo un esempio di come gli attuali titani delle multinazionali continuano a trarre profitto dal petrolio, mentre promuovono una lotta contro il cambiamento climatico e le politiche delle Nazioni Unite che elimineranno il potere politico locale e metteranno il potere nelle mani delle istituzioni centralizzate internazionali. Non si preoccupano delle cause che promuovono, finché possono rimanere potenti e influenti.

Sebbene la storia di queste organizzazioni e famiglie possa non essere ampiamente conosciuta, stanno ancora influenzando il nostro mondo in modi importanti. Ad esempio, nella prima settimana dell’amministrazione Trump, Donald Trump ha emesso un ordine esecutivo per accelerare il controverso Dakota Access Pipeline, un progetto che ha un’eredità di perdite di petrolio e polizia militarizzata. Inoltre, Trump ha approvato gli ordini esecutivi che affermano che gli oleodotti, le strade e le ferrovie lungo il confine non impiegheranno più di 60 giorni per essere approvati o negati e che la decisione verrà ora direttamente dal presidente stesso, conferendo di fatto al presidente poteri unilaterali per approvare progetti petroliferi.

Nel marzo 2019, sono state rivelate ulteriori prove della relazione tra Big Oil e il governo degli Stati Uniti dopo che sono trapelate le conversazioni tra il segretario dell’Interno David Bernhardt e i dirigenti del settore petrolifero. In una registrazione segreta si possono ascoltare i dirigenti del petrolio discutere di David Bernhardt e celebrare l’accesso che hanno avuto durante l’amministrazione Trump. La registrazione è avvenuta durante un incontro del 2017 della Independent Petroleum Association of America (IPPA) nel sud della California.

L’eredità di Big Oil è stata stabilita da John D. Rockefeller 150 anni fa e, sebbene possa sembrare che l’umore sia cambiato, che il pubblico sia pronto a superare l’influenza dell’Oilgarchy, c’è ancora dell’altro nella storia.

(Intervista a James Corbett)

Soluzioni

Comprendere l’intera storia dei titani del Big Oil e dell’Oilgarchy che hanno creato può essere travolgente. Come abbiamo appreso con la Piramide, ci sono molti poteri potenti e spietati che trattano il mondo come la loro scacchiera. Questi poteri includono famiglie e organizzazioni che sembrano avere una storia di partnership e relazioni commerciali. Questi titani vogliono creare un mondo in cui traggono profitto da ogni nostra azione. Che si tratti del carburante delle nostre auto, delle bottiglie di plastica, della gomma delle gomme delle biciclette e così via, Big Oil è un grande business. Sono pronti a rimanere al potere anche se la narrativa si sposta per condannare i prodotti che li hanno resi ricchi oltre ogni immaginazione.

Nonostante queste circostanze apparentemente insormontabili, ci sono soluzioni che possiamo implementare nelle nostre vite mentre lavoriamo per liberarci dalla morsa del polpo del Big Oil.

Prima di tutto, se sei determinato a non arricchire le compagnie petrolifere, trova modi per evitare di utilizzare i loro prodotti. Ciò comporterebbe non guidare, forse nemmeno andare in bicicletta, rinunciare a piatti di plastica per le carote, niente più bottiglie di plastica per l’acqua e niente più prodotti a base di petrolio. Questo potrebbe sembrare estremo per alcuni, mentre altri potrebbero già praticare queste strategie. Boicottare l’industria a qualunque livello sia possibile è almeno un modo per smettere di rifornire l’industria responsabile di così tante turbolenze con i nostri sudati guadagni. Tuttavia, alcuni critici affermano che questo tentativo di “attivismo sullo stile di vita” è insufficiente per fermare effettivamente le pratiche di Big Oil. Alcuni attivisti cercheranno soluzioni politiche, sostenendo i candidati che promettono di rimuovere l’influenza di Big Oil e sostenendo gli sforzi per approvare leggi progettate per limitare Big Oil. Se queste soluzioni ti piacciono, perseguile con attenzione.

Allo stesso tempo, dobbiamo riconoscere che sono i governi che hanno collaborato più e più volte con i titani del petrolio. Potrebbe non essere una strategia efficace aspettarsi che i regolatori del governo catturati siano i salvatori dell’ambiente e i protettori delle persone. Se ritieni di poter aumentare la consapevolezza o ottenere un cambiamento duraturo, agisci. Che si tratti di politica, attivismo o disobbedienza civile, prendi provvedimenti che illuminino e rafforzino i tuoi amici e la tua famiglia sulle realtà del complesso del Big Oil.

Per approfondire questo argomento vasto e complesso consigliamo i seguenti libri:

La storia della Standard Oil Company di Ida Tarbell (Inglese)
Droga, petrolio e guerra di Peter Dale Scott (Inglese)

Segnaliamo anche i documentari:

Come e perché il Big Oil ha conquistato il mondo di James Corbett


Chi ha distrutto l’auto elettrica?

TheConsciousResistance


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: