IL NUOVO CLIMA DI PANICO TRA I MERCANTI DI PANICO

; pubblicato da Enzo Ragusa

Di Christopher Monckton di Brenchley31 Dicembre 2021

Un nuovo panico climatico sta attanagliando i profittatori nel destino dell’estrema sinistra. Quei pochi di Loro che sono scienziati del clima hanno fatto fama e fortuna dicendoci che il mondo diverrà tostato a meno che l’Occidente, un tempo libero (sebbene responsabile solo di un quinto dei peccati di emissione del mondo) non commetta hara-kiri economico. Il costo per placare il comunismo climatico è già nei quadrilioni.

Tuttavia, stanno diventando consapevoli che la loro narrativa ufficiale sul clima è radicata in un grave errore di fisica, un errore così elementare che può essere descritto qui. Ad un punto vitale nel loro calcolo di quanto riscaldamento potremmo causare, si sono dimenticati che il Sole splende.

Nel 1850, prima che avessimo un impatto misurabile sulla temperatura globale, il riscaldamento diretto dei gas serra naturali diversi dal vapore acqueo era di circa 8 gradi assoluti (Kelvin). Eppure l’effetto serra naturale totale in quell’anno era di 32 K, la differenza tra la temperatura globale misurata di 287 K e la temperatura di emissione solare di 255 K.

La differenza di 24 K tra il riscaldamento di gas serra diretto di 8 K e quello finale di 32 K fino al 1850 era una risposta di feedback della temperatura, un riscaldamento aggiuntivo a catena causato principalmente da più vapore acqueo nell’aria più calda.

Quindi, immaginavano, il fattore di guadagno del sistema – per cui il riscaldamento diretto prima della risposta di feedback viene moltiplicato per dare il riscaldamento finale inclusa la risposta di feedback – era di circa 32/8, o 4. Poiché il riscaldamento diretto di CO2 raddoppiata è poco più di 1 K , hanno immaginato che il raddoppio finale di riscaldamento di CO2 più o meno equivalente a tutto il riscaldamento finale che abbiamo potuto causare in tutto il 21° secolo – è di circa 4 K.

Questo è stato il loro errore. Avevano dimenticato che il feedback del vapore acqueo (tutti gli altri in generale si autocancellano) deve rispondere non solo al riscaldamento diretto, come il riscaldamento dei gas serra, ma anche al fatto sicuramente osservabile che il Sole splende.

Dopo la correzione, per tenere conto della risposta di feedback alla temperatura del Sole di 255 K che sussisterebbe sulla Terra se non ci fossero affatto gas serra nell’aria, il fattore di guadagno del sistema nel 1850 non era 32/8, o 4, poiché essi avevano immaginato, ma (255 + 32) / (255 + 8), ovvero 1.09.

Dopo quella correzione sorprendentemente semplice per tenere conto del fatto che quasi tutte le risposte di feedback nel 1850 erano una risposta non ai gas serra preindustriali ma alla luce del Sole, se il regime di feedback oggi è come era nel 1850, possiamo aspettarci che 4 K non riscaldino questo secolo, ma un netto vantaggio di 1,1 K. Questo pone fine all’“emergenza climatica”.

Abbastanza sicuro, che il tasso di riscaldamento globale dalla fine della seconda guerra mondiale è stato equivalente a circa 1,1 K per secolo, o circa un terzo del riscaldamento a medio termine equivalente a 3,3 K/secolo previsto con sicurezza dall’IPCC nel 1990. Cosa è più, come è stato ampiamente non segnalato, non c’è stato alcun riscaldamento globale negli ultimi otto anni (vedi sotto), e nessun riscaldamento statisticamente significativo per circa un decennio.

Quale riscaldamento globale?

Ma cosa succede se la forza del feedback è maggiore oggi di quanto non fosse nel 1850? Dopotutto, l’influenza del Sole è così dominante che un aumento di poco più dell’1% della forza di feedback rispetto a quell’anno farebbe aumentare del 250% il riscaldamento finale di 1,1 K previsto dal riscaldamento dei gas serra di questo secolo ufficialmente previsto 4 K.

Il loro problema è questo. Quando James Hansen, l’agitatore di estrema sinistra della NASA, pubblicò per la prima volta l’errore nel 1984, immaginò che il fattore di guadagno del sistema fosse compreso tra 2 e 4 – una tacita ammissione che non conosciamo la forza del feedback entro il 100%, lasciamo solo l’1%.

L’incertezza sulla forza del feedback nei plumbei e prolissi Assessment Reports dell’IPCC è ancora maggiore. Si va da poco più di zero a non molto lontano dall’infinito. È una delle quantità meno ben vincolate di tutta la fisica.

Ciò significa che la climatologia non ha la più pallida idea di quanto, o meglio, di quanto poco riscaldamento globale possiamo causare. Tutti quei report di più di mille pagine sono pura congettura. Ci sono pochissime ragioni per supporre che il regime di feedback odierno non sia esattamente come lo era nel 1850.

L’errore è sorto quando Hansen, copiato da tutti i climatologi da allora, ha preso in prestito la matematica del feedback dalla teoria del controllo, una branca matura della fisica ingegneristica, senza capire cosa avesse preso in prestito. Questa è la maledizione della compartimentazione interdisciplinare nella scienza.

La correzione dell’errore rimuove la loro quasi certezza di un grande e pericoloso riscaldamento antropico. Distrugge il loro pretesto per chiudere l’Occidente.

Ecco perché. Negli ultimi 30 anni, nonostante la retorica sempre più isterica alle interminabili feste annuali sul clima delle Nazioni Unite, la forzatura antropica dei gas serra – la nostra influenza sulla temperatura – è aumentata in una linea retta quasi perfetta di un trentesimo di unità all’anno. Senza mitigazione, tale aumento continuerebbe per altri 30 anni fino al 2050.

Se il mondo intero dovesse invece procedere in linea retta verso l’azzeramento delle emissioni entro il 2050, circa la metà di una unità di forzatura che altrimenti si sarebbe verificata da qui ad allora verrebbe ridotta.

Fuorviati dal loro errore, immaginano che ogni unità di forzatura diminuita abbasserebbe il riscaldamento globale di 3/4 K. Quindi, l’abbattimento di mezza unità di forzatura ridurrebbe il riscaldamento globale di 3/8 K. Poiché l’Occidente rappresenta solo il 20% del emissioni globali, anche se tutti i paesi occidentali raggiungessero lo zero netto entro il 2050 (cosa che non faremo), il riscaldamento diminuito sarebbe inferiore a 1/13 K.

Dopo aver corretto il loro errore di fisica, solo 1/50 K – troppo piccolo per essere misurato. Eppure il costo sarebbe nei quadrilioni. Ecco perché i profittatori del destino sono nel panico.

Un anno fa gli Argonauti, il mio illustre team di dieci scienziati e ricercatori del clima, tra cui un ex capo del Programma di ricerca sui cambiamenti climatici globali degli Stati Uniti, un professore di ruolo di teoria del controllo ed esperto dell’industria elettrica globale, hanno presentato un documento che spiegava l’errore della climatologia a un importante giornale di scienze del clima il cui editore ha affermato che coloro che lui chiama “negazionisti del clima” non hanno argomenti credibili contro la linea del partito.

In tutto questo tempo, non è stato in grado di trovare alcun recensore che possa confutare il nostro risultato. Questo, gentile lettore, è il motivo per cui i comunisti del clima tremano di paura. Il gioco è finito e loro lo sanno.

Christopher, terzo visconte Monckton di Brenchley, è un pari britannico e un noto esperto degli errori della pseudoscienza sul cambiamento climatico. È autore di circa 20 saggi sulla sensibilità climatica e sull’economia della mitigazione.

Fonte: AmericanThinker


Il Modern Maximum è finito, sotto ogni aspetto

I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno RAFFREDDANDO in linea con  la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i  raggi cosmici che nucleano le nuvole e un  flusso di corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare,  se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un  grande minimo solare ‘in piena regola’  alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare  (25)  come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con l’agenzia che mette in correlazione i precedenti spegnimenti solari a periodi prolungati di raffreddamento globale  qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che  il Beaufort Gyre  potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


Grande minimo solare
+
Inversione magnetica dei poli


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti, Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: