Mad Blizzard

4 gennaio 2022; articolo di Cap Allon

  • “Mad Blizzard” batte Hokkaido, Giappone;
  • Tempeste di neve da record lasciano 1 milione senza elettricità negli Stati Uniti – I prezzi del gas aumentano mentre il freddo gela i pozzi;
  • Il Regno Unito è pronto per le condizioni Blizzard

“Mad Blizzard” batte Hokkaido, Giappone

Le tempeste di neve stanno attualmente colpendo parti delle prefetture settentrionali del Giappone, tra cui Hokkaido. I meteorologi affermano che un potente modello invernale sta portando più neve sulla costa del Mar del Giappone, dopo la discarica senza precedenti della scorsa settimana.

Altri 20 cm (7,9 pollici) di neve si sono depositati a Teshio, Hokkaido, durante un periodo di sei ore lunedì mattina. Alle 9 del mattino di lunedì, a Rumoi, sempre a Hokkaido, si erano accumulati più di 80 cm (31,5 pollici). Mentre oltre 60 cm (23,6 pollici) sono stati segnalati a Yonezawa, situata nella prefettura di Yamagata. Soffiano anche forti venti.

Di conseguenza, i funzionari meteorologici locali stanno esortando le persone a Hokkaido e Tohoku, in particolare, a stare all’erta per le interruzioni dei trasporti causate da bufere di neve e cumuli di neve: si consiglia alle persone che intendono tornare a casa dalle destinazioni di vacanza di controllare le ultime informazioni sul traffico, riporta nhk. o.jp.

In prospettiva, è probabile che la neve continui lungo la costa del Mar del Giappone: entro martedì mattina sono previsti altri 50 cm (19,7 pollici) a Hokkaido e 40 cm (15,8 pollici) nella regione di Tohoku e nella prefettura di Niigata.

Le ultime nevicate in Giappone arrivano sulla scia degli storici accumuli visti a fine dicembre:


Tempeste di neve da record lasciano 1 milione di persone senza elettricità negli Stati Uniti

I primi giorni del 2022 hanno prodotto un colpo di frusta GSM per il sud-est e il centro atlantico, con un calore di 80°F (26,6°C) in alcune località sostituito da tempeste di neve a tutto campo, un fenomeno previsto da periodi prolungati di bassa attività solare.

L’assalto invernale di lunedì ha di fatto chiuso una serie di città lungo la costa orientale. Ha anche tolto energia a un milione di case, principalmente in Virginia, ma anche nel Maryland, nella Carolina del Nord e nel Tennessee (oltre che in California e nello stato di Washington sulla costa occidentale). E, tragicamente, ha provocato almeno 5 vittime, secondo i funzionari, con quel numero che dovrebbe aumentare.

Secondo un recente rapporto AccuWeather, gli accumuli di neve sono saliti a 14,6 pollici a Glendie, in Virginia, e 11,0 pollici a Svizzera, nella Carolina del Nord, entrambi nuovi record per la giornata; mentre Huntingtown, Maryland, ha riportato 15,5 pollici; e anche le aree più a sud dell’Alabama sono state colpite, con Moores Mill, Alabama, che ha guadagnato 7 pollici.

È stato segnalato anche un temporale.

Traffico fermo sul ponte Theodore Roosevelt in direzione della Virginia da DC, mentre una tempesta invernale ha scaricato abbondanti nevicate nel sud e nel centro dell’Atlantico lunedì 3 gennaio 2022.

Lunedì, Birmingham, in Alabama, ha subito una forte inversione di tendenza climatica, un’ulteriore prova della prevalenza dell’oscillazione tra gli estremi durante periodi di bassa produzione solare. La città aveva dato il via al capodanno con una temperatura massima di 80°F (26.6°C), ma solo 24 ore dopo una potente massa d’aria artica era penetrata all’interno, facendo scendere le temperature fino a 35°F (1,6°C) e producendo abbondanti nevicate.

Il governo federale di Washington, DC, è stato chiuso lunedì a causa della neve da record. Allo stesso modo, molte scuole hanno cancellato le lezioni dopo che l’aeroporto nazionale Reagan, il sito ufficiale di misurazione della città, ha riportato 8,5 pollici di bontà del riscaldamento globale lunedì, il giorno più nevoso dell’aeroporto da gennaio 2016, eclissando l’impressionante punto di riferimento di 8,3 pollici fissato a gennaio 2019.

Una dichiarazione di emergenza neve in tutta la città è stata emessa per la mezzanotte di lunedì fino alle 19:00 di lunedì dal sindaco di Washington, D.C. Muriel Bowser: l’emergenza consente agli spazzaneve di liberare le rotte chiave da “marciapiede a marciapiede”, secondo Bowser.

Inoltre, il dipartimento della salute della DC ha annullato tutti i test COVID-19 per lunedì a causa della neve e l’autorità di transito dell’area metropolitana di Washington ha temporaneamente sospeso i servizi a causa delle condizioni meteorologiche. La neve ha anche costretto alla chiusura di tutti i musei Smithsonian nell’area di Washington, compreso il National Air and Space Museum.

Cascate più grandi sono state ovviamente registrate altrove: il Delaware meridionale, ad esempio, ha ricevuto oltre un piede di neve; mentre Ellendale, DE ha registrato un totale di 14,5 pollici lunedì sera, anche questo un nuovo record.

La tempesta si è effettivamente intensificata mentre marciava verso nord, continua il rapporto AccuWeather, con interruzioni di corrente che diventano un problema crescente in più stati. Al culmine della tempesta, 1 milione di clienti erano senza elettricità dalla Georgia al Tennessee al Maryland, secondo i dati forniti da PowerOutage.US.

“Questa si sta rivelando una delle 5 migliori tempeste invernali nella storia di Dominion Energy Virginia”, ha twittato Rayhan Daudani, responsabile delle relazioni con i media di Dom Energy. “Sarà un restauro difficile con temperature fredde e sacche di gravi danni, ma i nostri equipaggi stanno lavorando 24 ore su 24 per ripristinare l’energia nel modo più sicuro e rapido possibile”, ha aggiunto.

Il clima invernale ha bloccato 7.500 voli negli Stati Uniti a mezzogiorno di lunedì, con oltre 10.000 voli in ritardo. L’aeroporto di Atlantic City, nel New Jersey, ad esempio, è stato costretto a chiudere dopo che più di 9,5 pollici di neve hanno ricoperto le sue piste.

Il governatore del New Jersey Phil Murphy aveva emesso lo stato di emergenza per cinque contee meridionali del New Jersey domenica sera: “I residenti dovrebbero stare lontani dalle strade, rimanere vigili e seguire tutti i protocolli di sicurezza”, ha annunciato.

E nonostante l’Air Force One abbia vomitato abbondanti quantità di CO2 nell’atmosfera, il presidente Joe Biden si è trovato ancora a combattere bassi anomali e forti nevicate mentre è sbarcato alla Joint Base Andrews nella contea di Prince George, nel Maryland:

Gli spazzaneve erano necessari per liberare la pista affinché l’aereo atterrasse in sicurezza. E ci sono state anche segnalazioni secondo cui il corteo presidenziale ha incontrato alcune “difficoltà” nel tornare alla Casa Bianca durante la tempesta di neve da record.

E un’ultima parola sulla neve: per non essere da meno del colpo di frusta invernale subito al nord, la Florida è passata dai 75°F di domenica pomeriggio alla neve solo 12 ore dopo.

L’ufficio dello sceriffo della contea di Okaloosa ha twittato il filmato della nevicata dello Stato del sole:

Ancora una volta, questi fenomeni meteorologici non sono in alcun modo il risultato dell’aumento dei livelli di anidride carbonica nell’atmosfera, ma sono invece legati alla bassa attività solare che stiamo ricevendo e al suo impatto sulle correnti a getto:

Gli Stati Uniti centrali e orientali si sono ora uniti all’Occidente, che ha sofferto di nevicate record nell’ultimo mese:


I prezzi del gas aumentano mentre il freddo gela i pozzi

Concentrandosi sulle temperature, il termometro è precipitato in tutta la Virginia durante la notte di lunedì, proprio mentre la corrente è andata via per centinaia di migliaia di persone, lasciando la maggior parte al buio e senza alcun modo per riscaldare le loro case.

Un ulteriore risultato del freddo estremo è stato il congelamento dei pozzi di gas, in particolare in Texas.

Come riportato da reuters.com, lunedì i prezzi del gas naturale negli Stati Uniti sono aumentati di oltre il 2% dopo che il freddo ha congelato alcuni pozzi di produzione in Texas, New Mexico e Colorado, ricordando al mercato cosa può accadere quando le temperature scendono.

Il congelamento dei pozzi si verifica ogni volta che le temperature scendono abbastanza da congelare l’acqua e altri liquidi in un pozzo o in un tubo e arrestare la produzione.

“I prezzi del gas sono diminuiti di recente con l’aumento della produzione, ma sono aumentati lunedì poiché il congelamento ha sconcertato il mercato”, ha affermato John Abeln, analista senior della ricerca sul gas naturale presso il fornitore di dati Refinitiv.

I termometri nella città di Midland, nel Texas occidentale, sono precipitati a un minimo notturno di 16°F (-9°C) domenica, portando alla memoria il congelamento storico dello scorso febbraio che ha tolto la corrente a 5 milioni di case e ucciso 702 persone.

Da quel freddo mortale, il Texas ha approvato numerose leggi e regolamenti che secondo i funzionari statali dovrebbero migliorare l’affidabilità del mercato dell’energia e del gas ed evitare picchi di prezzo e interruzioni come quelli visti lo scorso inverno. Ma non sono così convinto. Mentre l’ondata di freddo di questa settimana è stata davvero diffusa e persino da record in alcune parti, è necessario più di un congelamento prolungato per testare la griglia del Texas. Detto questo, tuttavia, i modelli a lungo raggio stanno attualmente suggerendo che il febbraio 2022 potrebbe effettivamente offrire una ripetizione dell’anno scorso, quindi quei funzionari statali potrebbero non avere molto tempo per vedere se i loro nuovi regolamenti hanno un impatto.


Il Regno Unito è pronto per le condizioni Blizzard

Parti del Regno Unito sono destinate ad affrontare condizioni di tormenta localizzata, venti fino a 80 miglia orarie e temperature gelide mentre l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito esorta le persone a controllare i vicini più anziani, riporta news.sky.com.

La neve appena caduta copre il castello di Beaufront vicino a Hexham nel Northumberland

Un’allerta per il freddo è stata messa in atto per la maggior parte dell’Inghilterra settentrionale e della Scozia, con condizioni di ghiaccio e forti nevicate possibili dalla mezzanotte di martedì fino a mezzogiorno di giovedì.

Martedì sarà “notevolmente più freddo in tutto il paese”, ha detto il Met Office, dopo un capodanno anormalmente mite, con temperature che faticano a salire a 4°C (39°F) nel nord. E entro mercoledì, i minimi sotto zero si faranno sentire su e giù per le isole britanniche, con punti nelle Highlands scozzesi che forse raggiungeranno -8°C (17,6°F), anche -10°C (14°F).

Per quanto riguarda la neve, gli accumuli sulle brughiere dei Pennines e di North York potrebbero ammontare a pochi centimetri. Ma nell’Aberdeenshire e nella Scozia settentrionale e orientale, i venti fino a 80 mph combinati con forti raffiche creeranno probabilmente “condizioni di bufera di neve localizzate”, con il Met Office che emette avvisi di neve e ghiaccio per i viaggiatori.

Agostinho Sousa, consulente in medicina della salute pubblica presso l’UKHSA, ha avvertito che il freddo può avere un “grave impatto sulla salute, in particolare per le persone anziane e per chi ha problemi cardiaci e polmonari”, mentre ha esortato le persone a controllare con i vicini mentre le temperature precipitano: “Ricorda loro di riscaldare la loro casa ad almeno 18°C (64,4°F) e di tenersi aggiornati con le previsioni”.

La richiesta di mantenere le case riscaldate arriva mentre le bollette energetiche continuano a salire alle stelle – una realtà che è stata descritta come una “crisi nazionale” che porta al collasso di molti fornitori; tuttavia, il motivo principale per le carenze, ovvero l’esaurimento delle scorte durante l’inverno storicamente freddo e lungo dello scorso anno, viene raramente discusso.

L’UKHSA ha dichiarato: “Se le persone non possono [permettersi] di riscaldare tutte le stanze che usano, è importante riscaldare il soggiorno durante il giorno e la camera da letto appena prima di andare a dormire… Indossare pochi strati sottili è meglio per intrappolare il calore che indossando uno spesso strato. Avere cibo e bevande calde in abbondanza è anche efficace per tenersi al caldo” – misure che considero “mettere un cerotto su una gamba rotta”, con i veri problemi che sono una mancanza suicida di investimenti in combustibili fossili, insieme a una credulone dipendenza dal fallimento delle energie rinnovabili , guidato da attivisti male informati e rafforzato da politici deboli e tranquillizzanti, proprio mentre inizia il prossimo ciclo di raffreddamento globale.

Altrove

Il freddo intenso sta continuando dentro e intorno all’Afghanistan, con forti nevicate che colpiscono la capitale, Kabul:

Electroverse


Il Modern Maximum è finito, sotto ogni aspetto

I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno RAFFREDDANDO in linea con  la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i  raggi cosmici che nucleano le nuvole e un  flusso di corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare,  se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un  grande minimo solare ‘in piena regola’  alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare  (25)  come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con l’agenzia che mette in correlazione i precedenti spegnimenti solari a periodi prolungati di raffreddamento globale  qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che  il Beaufort Gyre  potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


Grande minimo solare
+
Inversione magnetica dei poli


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti, ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: