Effetto cumulativo di ridotto input energetico

5 gennaio 2022; articolo di Cap Allon

  • Il Polo Sud ha subito un freddo record nel 2021;
  • Auto consegnate al porto russo incrostate di ghiaccio denso;
  • Le condizioni da piccola era glaciale colpiscono il Nord America: centinaia di persone sono bloccate sulla I-95, in Virginia;
  • Le macchie solari svaniscono

Il Polo Sud ha subito un freddo record 2021

Contrariamente alla narrativa basata sull’agenda di MSM, il Polo Sud ha sofferto un freddo senza precedenti quest’anno.

Tra i mesi di aprile e settembre, il Polo Sud ha registrato una media di appena -61,1°C (-78°F): questo è stato l’incantesimo di 6 mesi più freddo della regione mai registrato, usurpando comodamente il suo precedente “inverno senza nucleo” più freddo mai registrato, il -60,6°C ( -77°F) arretrato nel 1976 (minimo solare del ciclo debole 20).

Secondo il National Snow and Ice Data Center (NSIDC), il gelo estremo ha anche contribuito a portare i livelli del ghiaccio marino antartico al quinto livello più alto mai registrato ad agosto.

Questo grafico mostra la temperatura media invernale (da aprile a settembre) dal 1957 in gradi Celsius alla stazione del Polo Sud di Amundsen–Scott. [Richard Cullather/Sondaggio antartico britannico]

E ora, con il 2021 che volge al termine, sono disponibili i dati preliminari per l’intero anno.

Il grafico sottostante, fornito dal giornalista di climatologia dell’Antartide Stefano Di Battista, che ha osservato da vicino e pubblicato ricerche sulle temperature antartiche per molti anni, mostra che il Polo Sud ha avuto una media di -50,5°C (59°F) nel 2021: questa è la media più fredda del continente da quando 1987 (minimo solare del ciclo 21) e il terzo giunto più freddo mai registrato (a pari merito con il 1999) nei dati risalenti al 1957:

Una storia simile si sta verificando anche al Polo Nord, in particolare per quanto riguarda il volume/lo spessore del ghiaccio marino.

Nonostante i recenti tentativi dell’Istituto meteorologico danese di rimuovere l’eccezionale crescita di ghiaccio del 2021, trascinando letteralmente l’intero anno GI di circa. 2.500 km3 (guarda la linea nera sotto) – i loro sforzi per nascondere l’aumento sono ampiamente falliti.

Questo perché ora, a partire dall’inizio del 2022, le misurazioni del ghiaccio marino artico dell’agenzia stanno tracciando circa 2.500 km3 SOPRA dove la nuova mappatura suggeriva che stavamo allo stesso tempo l’anno scorso, sfidando gli sforzi del DMI per sottometterlo.

[DMI]

Posso solo supporre che il ghiaccio sarebbe ormai più vicino a 20.000 km3 se la DMI non avesse apportato quegli “aggiustamenti” fondamentali alla loro tecnica di misurazione (regolamenti che sembravano avere un impatto solo negli ultimi anni, in particolare nel 2021, nonostante le proteste dell’agenzia che i cambiamenti colpiti tutti gli anni universalmente).

Nota, una lettura di circa 20.000 km3 ci vedrebbe comodamente al di sopra della media 2004-2013. Si noti inoltre, in qualunque modo la si guardi, e anche dai grafici sospetti del DMI, il salto osservato nel ghiaccio marino da gennaio 2021 a gennaio 2022 è enorme.


Auto consegnate al porto russo incrostate di denso ghiaccio

Mentre molte agenzie climatiche e meteorologiche continuano a deluderci, ciò che sono “piccole zampe sporche” non possono regolare sono le osservazioni del mondo reale e i resoconti dei testimoni oculari. A quel punto, negli ultimi mesi una serie di navi artiche è stata sorpresa dal congelamento rapido dei mari, uno scenario che persiste…

Secondo il capitano di una nave da carico ghiacciata che ha recentemente attraccato in Russia, questa storia è iniziata con venti insolitamente forti e temperature eccezionalmente basse a dicembre, riporta stranesounds.org.

Mentre il mercantile si avvicinava al porto di Vladivostok, in Russia, iniziò a radunarsi una folla.

Quello che stavano guardando era un’enorme nave, insieme a tutto il suo carico, completamente racchiusa in uno spesso strato di ghiaccio:

“Le auto sono così incrostate di ghiaccio che non puoi dire il tipo di veicolo”, ha osservato uno spettatore.

Secondo un rapporto, la formazione di ghiaccio sulle navi può essere mortale: “Per generazioni i marinai hanno temuto il ghiaccio marino, o “nebbia bianca”, come viene chiamato”. Onde martellanti “accompagnate da venti di burrasca, spruzzi e temperature improvvise possono essere una combinazione mortale. Senza preavviso, strati su strati di ghiaccio si formano incessantemente su qualsiasi cosa venga toccata dallo spray, ricoprendo rapidamente la nave con spesse lastre di ghiaccio che riducono la manovrabilità e ne minacciano la stabilità.

Decine di auto sono state consegnate a un porto russo incrostate di diversi centimetri di ghiaccio a causa di condizioni insolitamente fredde.

Le acque artiche sono rimaste eccezionalmente fredde negli ultimi mesi e il ghiaccio marino si è espanso rapidamente.

Secondo i dati NSIDC, l’estensione del ghiaccio marino artico ha iniziato l’anno al suo livello più alto dal 2004:

Linea azzurra, in alto a sinistra: la più alta estensione del ghiaccio marino artico dal 2004. [NSIDC]

Le condizioni da piccola era glaciale colpiscono il Nord America: centinaia di persone sono bloccate sulla I-95, in Virginia

Dicembre 2021 in Canada si è chiuso con una temperatura media di -0,25°C al di sotto della linea di base 1991-2020; tuttavia, c’erano grandi contrasti in tutto il paese: il primo posto anomalo è stato preso dal gelido -8,9°C del principe George al di sotto della norma.

A causa di un flusso di corrente a getto meridionale, il freddo di dicembre è stato, per la maggior parte, rinchiuso nel Great White North e in Alaska, dove è diventato concentrato e da record, e mentre storicamente ha ancora tenuto freddo nel nord (con Calgary record per il consumo di energia e Yukon che supera i parametri di riferimento delle nevicate, servendo solo come due esempi), che l’aria artica ha iniziato a spostarsi verso sud poche settimane fa e ora le condizioni della Piccola Era Glaciale sono scese in profondità nel CONUS, fino alla Virginia.

Centinaia, probabilmente migliaia, di conducenti sulla I-95 nel nord della Virginia sono rimasti bloccati per oltre 30 ore nella neve.

Si diceva che gli automobilisti fossero a corto di carburante per il riscaldamento, ed erano a corto di cibo e acqua.

Dopo un’ampia operazione di sgombero, l’autostrada è stata riaperta martedì sera, ma si consiglia comunque ai conducenti di non avventurarsi fuori. In un tweet, il governatore della Virginia Ralph Northam ha affermato che nonostante la riapertura della I-95, i conducenti dovrebbero rimanere fuori dalle strade poiché le condizioni di viaggio rimangono pericolose attraverso le contee di Stafford, Spotsylvania e Caroline:

Le macchie solari svaniscono

Dicembre è stato un mese attivo sul Sole: le macchie erano numerose e cariche; tuttavia, non si sono manifestati “pezzi grossi”.

Questo “picco” di attività è visualizzato nel grafico sottostante, per gentile concessione di solen.info:

Dopo l’eccitazione osservata durante le vacanze, tuttavia, l’attività solare è nuovamente scesa a precipizio.

Da undici macchie solari visibili al suo picco recente, il Sole è ora sceso a una sola: una macchia giovane ed emergente cerchiata in basso: “2924”.

Inoltre, nonostante l’aumento di dicembre, l’attuale ciclo solare “25” sta ancora seguendo da vicino quello di SC24, il ciclo più debole degli ultimi 100 anni.

Di seguito è riportato SC25 rispetto ai quattro cicli precedenti (24, 23, 22 e 21):

Un Dec attivo ha solo spinto leggermente SC25 (linea verde) verso l’alto — il ciclo è ancora sulla buona strada per essere storicamente debole. [solen.info]

Nota come sia SC25 che SC24 siano ridotti rispetto alle loro controparti più recenti, il che suggerisce che questo è davvero un periodo “multiciclo” di attività solare in cui stiamo entrando, al contrario di SC24 che è solo un “una tantum” (come accadde con SC20 negli anni ’70) – è questo effetto cumulativo di ridotto input energetico che introdurrà temperature terrestri più fresche.

Se questa tendenza continua, ad es. se SC25 è simile a SC24, allora saranno la coppia più debole di cicli solari per oltre 200 anni, dal minimo di Dalton (1795-1835) – un incantesimo multidecadale di temperature globali inferiori alla media.

Fare clic di seguito per ulteriori informazioni su questo:

Electroverse


Il Modern Maximum è finito, sotto ogni aspetto

I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno RAFFREDDANDO in linea con  la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i  raggi cosmici che nucleano le nuvole e un  flusso di corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare,  se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un  grande minimo solare ‘in piena regola’  alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare  (25)  come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con l’agenzia che mette in correlazione i precedenti spegnimenti solari a periodi prolungati di raffreddamento globale  qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che  il Beaufort Gyre  potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


Grande minimo solare
+
Inversione magnetica dei poli


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti, ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


7 pensieri riguardo “Effetto cumulativo di ridotto input energetico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: