Come Education International sta spingendo i sindacati degli insegnanti nella quarta rivoluzione industriale

29 dicembre 2021; articolo di John Klyczek

Perché i sindacati degli insegnanti stanno spingendo l’ed-tech che sta guidando le scuole nel 4IR? Non guardare oltre Education International, una federazione globale legata all’UNESCO e al WEF che domina la maggior parte dei sindacati degli insegnanti negli Stati Uniti e oltre.

Per quasi cento anni, l’American Federation of Teachers (AFT) e la National Education Association (NEA) – i due più grandi sindacati degli insegnanti negli Stati Uniti – hanno ospitato fondazioni aziendali, come le filantropie Rockefeller e il Bill and Melinda Gates Foundation, insieme a società tecnologiche multinazionali, tra cui IBM e Microsoft. Dopo quasi un secolo di accordi collaterali con Robber Barons e Tech Barons allo stesso modo, l’AFT e la NEA stanno ora ripetendo a pappagallo la campagna “Reimagine Education” della Gates Foundation, sostenuta dal World Economic Forum (WEF) e dalle Nazioni Unite per l’educazione , Scientifica e Culturale (UNESCO). Complessivamente, l’AFT, il NEA, il WEF e l’UNESCO stanno tutti “reimmaginando” un nuovo sistema educativo post-umano mentre spingono simultaneamente per le revisioni dell’ed-tech. Come documentato nella mia serie investigativa, “Teachnocracy“, queste revisioni cercano di privatizzare le scuole pubbliche attraverso partnership con società Big Tech che facilitano l'”apprendimento a distanza” online per soddisfare le restrizioni sanitarie indefinite in classe in un mondo post-COVID.

In effetti, l’AFT e la NEA sono legate al WEF e all’UNESCO attraverso un’entità nota come Education International (EI). EI è una Global Union Federation (GUF) che unisce “383 organizzazioni membri”, tra cui l’AFT e la NEA, e collabora con il WEF e l’UNESCO. In qualità di intermediario tra i sindacati degli insegnanti americani e il WEF e l’UNESCO, EI ha galvanizzato l’AFT e la NEA in conformità con le agende ed-tech di “reimmaginare” di queste istituzioni di governance globale. Per dirla senza mezzi termini, EI pupari l’AFT e la NEA usando fili di marionette che sono legati al WEF e all’UNESCO. A loro volta, l’AFT e la NEA, insieme alle altre 381 organizzazioni membri appartenenti a EI, vengono spinte a “reimmaginare” le scuole attraverso innovazioni ed-tech aziendali orientate a far avanzare la Quarta Rivoluzione Industriale (4IR) che viene accelerata dalla Il WEF e le Nazioni Unite (ONU) attraverso i programmi politici noti collettivamente come il “Grande Reset“.

Consolidando quasi tutti i sindacati degli insegnanti del mondo sotto un unico GUF, EI ha raggruppato gli educatori di tutto il pianeta in una forza lavoro globale uniforme che marcia di pari passo con le iniziative aziendali ed-tech degli oligarchi internazionalisti al WEF e all’UNESCO. Piuttosto che rappresentare le preoccupazioni di base degli insegnanti locali ai tavoli delle trattative internazionali del WEF e dell’UNESCO, EI ha cooptato educatori sindacalizzati, inclusi membri dell’AFT e del NEA, firmandoli nelle campagne “Reimagine” e “Reset” di il WEF e le Nazioni Unite al fine di costruire l’infrastruttura di data mining ed-tech necessaria per globalizzare l’economia post-umana del Credito Sociale che è alla base della Quarta Rivoluzione Industriale.

Come i tecnocrati hanno formato EI per globalizzare Ed-Tech

Nel 1946, due anni dopo che l’accordo di Bretton Woods istituì la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale (FMI) per finanziare una nuova economia globale, la World Federation of Education Associations (WFEA), fondata nel 1923, si ribattezzò Organizzazione mondiale delle professioni didattiche (WOTP). Poi, nel 1951, la WOTP si unì a diversi altri sindacati per formare la Confederazione Mondiale delle Organizzazioni delle Professioni Insegnanti (WCOTP). Nello stesso anno fu fondata la Federazione Internazionale dei Sindacati degli Insegnanti Liberi (IFFTU).

Nel 1993, la WCOTP, che è stata istituita come un’unione di associazioni professionali, e l’IFFTU, che è stata istituita come un’unione di organizzazioni di categoria, si fusero per formare Education International, che ora “rappresenta [s] più di 32 milioni di insegnanti e personale di supporto educativo in 178 paesi e territori”.

Origini e storia dell’educazione internazionale (EI) (ei-ie.org)

Quando EI è stata inaugurata, il presidente della WCOTP era Mary Futrell, che era contemporaneamente Presidente della NEA, che è organizzata come un sindacato di associazioni professionali come la WCOTP. Nello stesso momento in cui è stata fondata EI, il presidente dell’IFFTU era Albert Shanker, che era contemporaneamente il presidente dell’AFT, che è istituito come un sindacato di organizzazioni di categoria come l’IFFTU. Dopo lo scioglimento del WCOTP e dell’IFFTU, sia Futrell che Shanker divennero i copresidenti fondatori di EI. Convertendo il WCOTP e l’IFFTU nella singola EI sotto la guida dei presidenti NEA e AFT, Futrell e Shanker hanno unito i due più grandi sindacati americani degli insegnanti con i due più grandi sindacati internazionali degli insegnanti del mondo, omogeneizzando così le associazioni di insegnanti professionali e il commercio scolastico organizzazioni sotto una burocrazia globale piegata alla pianificazione tecnocratica dell’economia mondiale per quella che oggi è conosciuta come la Quarta Rivoluzione Industriale.

Futrell e Shanker erano perfetti per il compito di stimolare gli insegnanti e gli operatori scolastici americani in una brigata internazionale di sviluppatori di forza lavoro incaricati di formare gli studenti per i lavori hi-tech della futura Quarta Rivoluzione Industriale:

  • Shanker era un membro della Commissione Trilaterale che ha collaborato con “banchieri” senza nome e “il capo dell’IBM” per impostare le riforme scolastiche tecnocratiche globali proposte da Zbigniew Brzezinski nel suo 1970 Between Two Ages: America’s Role in the Technetronic Era. In questo tomo futurista, Brzezinski, che ha co-fondato la Commissione Trilaterale con David Rockefeller, ha postulato che l'”era tecnotronica” della scuola avrebbe gestito “scientificamente” l’apprendimento degli studenti attraverso un sistema computerizzato di “istruzione domiciliare attraverso console televisive e altri strumenti elettronici”. dispositivi” utilizzati dalle “aziende commerciali” ai fini della formazione professionale “lavoro-studio” nell’imminente Quarta Rivoluzione Industriale. La visione di Brzezinski dell’istruzione a casa della forza lavoro gestita da società ed-tech è stata portata avanti da Shanker, che ha guidato l’industria della scuola privata pubblica-privata, che si è evoluta in società di scuole charter virtuali che addestrano gli studenti alle competenze della forza lavoro attraverso corsi di apprendimento adattivo programmati con metodi cognitivo-comportamentali algoritmi di condizionamento.
  • Futrell è stata condirettore del Center for Curriculum, Standards and Technology (CCST) e ha anche fatto parte del consiglio di amministrazione dell’International Council on Education for Teaching (ICET) e del consiglio di amministrazione di K12 Inc. Quest’ultima società, K12 Inc., è la società internazionale di scuole charter virtuali che è stata istituita dal Segretario all’Istruzione degli Stati Uniti, William Bennett, dopo aver rilevato il progetto BEST (Basic Education Skills through Technology), che era il versione dello “Studio 11” dell’UNESCO. Futrell è stata anche membro della Commissione nazionale degli Stati Uniti per l’UNESCO ed è stata anche nominata presidente degli americani per l’UNESCO.

Grazie a Shanker che ha dato il via al settore delle scuole private pubbliche e private per la formazione della forza lavoro; e grazie a Futrell che dirige l’attività della scuola charter virtuale di K12 Inc. in conformità con gli standard ed-tech del CCST e dell’ICET; questi presidenti dell’AFT, dell’IFFTU, del NEA e del WCOTP sono stati determinanti nel far progredire la proliferazione dell’ed-tech attraverso il Progetto BEST e lo Studio 11 dell’UNESCO. Meno di un decennio dopo che BEST e lo Studio 11 hanno posto la “tecnologia dell’informazione” (IT ) infrastruttura per la Quarta Rivoluzione Industriale, Shanker e Futrell hanno consolidato i loro elettori sindacalizzati sotto la bandiera di EI al fine di galvanizzare tutti gli insegnanti AFT e NEA in un unico gregge che può essere guidato dal bestiame per seguire le direttive globaliste delle multinazionali a letto con istituzioni di governance mondiale, come l’UNESCO e il World Economic Forum.

Il presidente dell’AFT Shanker e il presidente della NEA Futrell non sono più membri di EI. Tuttavia, Education International continua a onorare questi presidenti fondatori di EI emettendo premi e borse di studio in loro onore: l’Albert Shanker Education Award e il Mary Hatwood Futrell Scholarship Fund. Nel frattempo, l’attuale presidente dell’AFT, Randi Weingarten, è un attuale membro del consiglio di amministrazione di EI; Lily Eskelsen Garcia, presidente della NEA fino a settembre 2020, è l’attuale vicepresidente di EI; e David Edwards, che è stato Direttore Associato presso la NEA, è l’attuale Segretario Generale di EI. Con i funzionari dell’AFT e della NEA che continuano a ricoprire alte cariche presso Education International sin dall’inizio della GUF, l’American Federation of Teachers e la National Education Association hanno legato tutti i sindacati degli insegnanti degli Stati Uniti alle politiche globaliste di EI.

Seleziona i membri dell’attuale EI Executive Board (ei-ie.org)

Ora, con quasi tutti gli insegnanti sindacalizzati del mondo raggruppati sotto il monolite GUF di Education International, il WEF e l’UNESCO stanno rafforzando il Quarto reset industriale con l’aiuto dei tecnocrati EI, tra cui Robert Harris, Susan Hopgood, Fred Van Leeuwen e Jelmer Evers, che collaborano tutti con le istituzioni di governance globale, tra cui l’UNESCO e il World Economic Forum.

Robert Harris, Susan Hopgood e l’UNESCO globalizzano l’Ed-Tech per l’estrazione di dati sul credito sociale

Quando Education International è stata fondata nel 1993, i presidenti fondatori Shanker e Futrell erano accompagnati da un educatore australiano, Robert Harris, che era anche un membro fondatore di EI. Prima di diventare un co-fondatore di EI, Harris era il segretario generale del WCOTP, di cui Futrell era presidente. Dopo aver co-fondato Education International, Harris “è stato eletto Direttore esecutivo per le relazioni intergovernative, incaricato di stabilire il ruolo di EI come portavoce degli insegnanti e dei dipendenti dell’istruzione di tutto il mondo”. Harris è stato anche Direttore delle Relazioni Internazionali di EI.

Fondatori e leader fondatori di EI (ei-ie.org)

Attualmente, Harris è membro del WEF ed è anche presidente del gruppo di lavoro sulle politiche per l’istruzione, la formazione e l’occupazione del comitato consultivo sindacale dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE). Inoltre, Harris è stato anche presidente della Conferenza delle organizzazioni non governative (ONG) delle Nazioni Unite e presidente della Conferenza delle ONG dell’UNESCO. Come collegamento di EI con l’UNESCO, Harris ha posto le basi per la partnership di Education International con la Global Education First Initiative (GEFI) dell’UNESCO, che è stata guidata dal presidente di EI Susan Hopgood per aprire la strada alla nuova UNESCO Global Education Coalition (GEC) con le corporazioni Big Tech che sono membri del WEF.

Profilo di Robert Harris sul sito web del WEF (weforum.org)

Nel 1995, circa un decennio dopo che lo Studio 11 dell’UNESCO aveva gettato le basi per l’infrastruttura IT ed ed-tech per la nascente Quarta Rivoluzione Industriale, il Direttore Esecutivo di EI Harris ha parlato alla Conferenza Internazionale sull’Educazione ospitata dall’International Bureau of Education (IBE) dell’UNESCO. Durante questo discorso, Harris ha storicizzato come l’alleanza di EI con l’UNESCO si basi sulla partnership del 1966 tra l’UNESCO e l’Organizzazione internazionale del lavoro (ILO), che chiedeva “le autorità e gli insegnanti [a] riconoscere l’importanza della partecipazione degli insegnanti, attraverso la loro [unione ] organizzazioni . . . per migliorare la qualità del servizio educativo”. In linea con questa missione di globalizzare i sindacati degli insegnanti nelle prospettive della partnership UNESCO-ILO del 1966, la Conferenza internazionale sull’istruzione UNESCO-IBE del 1995, che è stata facilitata da Harris, Futrell e molti altri burocrati EI, ha chiesto l’adozione mondiale di ed-tech, comprese le “tecnologie per l’istruzione a distanza” che vengono attualmente implementate dalle società Big Tech, come Microsoft, Google e IBM, in collaborazione con il GEC dell’UNESCO, approvato dall’EI. Va notato qui che il GEC dell’UNESCO collabora sia con il WEF che con l’ILO, quest’ultima delle quali è la prima e più antica “agenzia specializzata” delle Nazioni Unite, che deriva dalla Società delle Nazioni: il precursore delle Nazioni Unite.

Il discorso di Harris all’UNESCO-IBE è stato preceduto dal “Discorso di apertura” di Pat Atkinson, che era il ministro dell’istruzione, della formazione e dell’occupazione nella provincia canadese del Saskatchewan. In questo “Discorso di apertura” alla conferenza UNESCO-IBE del 1995, Atkinson ha affermato che “[in] un mondo di tecnologia in rapida evoluzione e il mercato globale [sic], . . . [dobbiamo] utilizzare tecnologie appropriate per creare opportunità di apprendimento. Le nuove tecnologie possono diventare una bacchetta magica per un bambino piccolo”. A seguito di questi discorsi di Atkinson e Harris, l’UNESCO IBE ha presentato la “Dichiarazione ufficiale della 44a sessione della Conferenza internazionale sull’istruzione”, che proclamava che i sistemi scolastici dovrebbero essere riformati “in conformità con gli obiettivi della Dichiarazione mondiale [dell’ONU] on Education for All” “migliorando i curricula, il contenuto dei libri di testo e altri materiali didattici, comprese le nuove tecnologie”. Inoltre, questa conferenza UNESCO-IBE ha anche convocato una “tavola rotonda” durante la quale i relatori hanno sottolineato la necessità di “[t] fare un uso migliore delle tecnologie di comunicazione per e per l’istruzione (ad esempio, l’istruzione a distanza, la televisione e la radio educative)”.

The homepage of GEFI (unesco.org)

Passando rapidamente al 21° secolo, dal 2012 al 2016, Education International ha collaborato con l’UNESCO per guidare l’iniziativa Global Education First del Segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon con il presidente EI Susan Hopgood seduto nel comitato direttivo di GEFI. Il progetto UNESCO-GEFI ha collaborato con la Banca mondiale e la Global Business Coalition for Education (GBC-E), che raggruppa le seguenti società tecnologiche multinazionali nel suo elenco di “membri societari“: Microsoft, Hewlett Packard (HP), Intel, Dell , Lenovo, Accenture, Viacom e Pearson. Quattro anni dopo questa partnership GEFI/GBC-E, stimolata dai blocchi COVID, l’UNESCO ha lanciato la sua Global Education Coalition (GEC), che è sostenuta da Education International insieme al satellite di EI, la US National Education Association, al fine di diffondere “l’apprendimento a distanza “tecnologie di aziende ed-tech, come Khan Academy, Blackboard Inc., McGraw Hill, Technovation, Virtual Educa, EdTech Hub e Sesame Workshop. Il GEC dell’UNESCO, sponsorizzato da EI/NEA, comprende anche società Big Tech, come IBM, Google, Microsoft, Salesforce, Huawei, Verizon, Facebook, Zoom e Qualcomm, che collaborano contemporaneamente con il WEF, di cui Robert Harris è membro.

UNESCO’s Global Education Coalition (unesco.org)

In sintesi, da quasi trent’anni, con l’aiuto di Robert Harris e Susan Hopgood, UNESCO ed EI collaborano per costruire l’infrastruttura ed-tech internazionale, infrastruttura che verrà utilizzata per estrarre dati psicometrici degli studenti per algoritmi di Credito Sociale programmati per la “gestione del capitale umano” nell’economia globale degli “stakeholder” della Quarta Rivoluzione Industriale.

Fred Van Leeuwen, WEF e UNESCO spingono l’Ed-Tech post-umanista per il 4IR

Harris, in qualità di membro fondatore di Education International, è stato anche consulente del segretario generale fondatore di EI: un accademico olandese di nome Fred Van Leeuwen, che era il segretario generale della Federazione internazionale dei sindacati degli insegnanti liberi sotto il presidente Shanker fino alla fusione dell’IFFTU con il WCOTP per formare EI. Come Harris, Van Leeuwen, che ora è segretario generale emerito di Education International, è stato anche un collegamento di EI sia con il World Economic Forum che con l’UNESCO, dove ha collaborato con le grandi aziende della tecnologia per “reimmaginare” la formazione della forza lavoro per l’economia globale del credito sociale di la Quarta Rivoluzione Industriale post-umanista immaginata dal capo del WEF, Klaus Schwab.

In qualità di Segretario generale di EI, Van Leeuwen è stato membro del Global Agenda Council on Education Systems del World Economic Forum nel 2012. Nello stesso anno ha partecipato all’incontro annuale del WEF dove ha partecipato a una “sessione interattiva” intitolata “The Education- Nesso imprenditorialità-occupazione”. Allo stesso tempo, l'”Iniziativa per l’imprenditorialità” del WEF è stata “supportata [ndr]” da aziende tecnologiche, tra cui Microsoft, Intel e Cisco. In qualità di membri aziendali del Global Agenda Council on Education Systems del World Economic Forum, Intel ha lanciato il suo “programma di alfabetizzazione digitale Easy Steps” mentre Cisco Networking Academy ha lanciato programmi per formare gli studenti su come “avere successo in un mondo guidato dalla tecnologia insegnando le competenze necessarie per progettare, costruire, gestire e proteggere reti di computer, migliorando le loro prospettive di carriera e soddisfacendo al contempo la domanda globale di professionisti del networking”. In breve, attraverso il Global Agenda Council on Education Systems del WEF, Van Leeuwen ha collaborato con Microsoft, Intel e Cisco per espandere i sistemi ed-tech globali allo scopo di “creare curricula per soddisfare le pressanti esigenze” delle “future richieste di lavoro” di l’imminente Quarta Rivoluzione Industriale.

Il Global Agenda Council on Education Systems del WEF ha anche perseguito la missione “Education for All” dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura dove Van Leeuwen, in qualità di membro del Senior Experts’ Group dell’UNESCO, ha chiesto di “reimmaginare” la scuola attraverso l’ed-tech post-umanista programmata con l’intelligenza artificiale (AI) orientata al data mining “Social Score” di psicometria e biometria degli studenti. In un white paper dell’UNESCO del 2015 intitolato “Ripensare l’istruzione: verso un bene comune globale?”, Van Leeuwen e i suoi compagni del Gruppo di esperti senior hanno proclamato che “la connettività digitale è promettente per guadagni in salute, istruzione, comunicazione, tempo libero e benessere. I progressi dell’intelligenza artificiale, le stampanti 3D, la ricreazione olografica, la trascrizione istantanea, il riconoscimento vocale e il software di riconoscimento dei gesti sono solo alcuni esempi di ciò che viene testato. Le tecnologie digitali stanno rimodellando l’attività umana dalla vita quotidiana alle relazioni internazionali”. In poche parole, Van Leeuwen e il suo gruppo UNESCO hanno pubblicizzato come l’umanità sarà “rimodellata” attraverso la convergenza post-umanista di AI, realtà virtuale (VR), realtà aumentata (AR) ed ed-tech biometrica.

Oggi, attraverso la nuova Global Education Coalition dell’UNESCO, attualmente promossa da EI, e gli incontri annuali del WEF, a cui il segretario generale dell’EI Van Leeuwen ha spesso partecipato, questi progressi ed-tech a livello mondiale nell’IA cognitivo-comportamentale; VR e AR olografici; e la biometria e la psicometria socioemotive sono state costantemente accelerate da Education International in stretta collaborazione con società tecnologiche multinazionali, come Microsoft, Google, Facebook, Huawei e McGraw Hill. Nel 2013, appena due anni prima che Van Leeuwen firmasse il whitepaper dell’UNESCO “Rethinking Education” come Segretario generale dell’EI, ha partecipato all’incontro annuale del WEF insieme ai delegati dell’UNESCO e ai rappresentanti di queste aziende tecnologiche globaliste che ora sono attori chiave nell’UNESCO GEC:

Promotional material for Microsoft Mixed Reality – Education
How China Is Using Artificial Intelligence in Classrooms – WSJ – YouTube
McGraw Hill’s ALEKS

Altre grandi aziende tecnologiche e società di ed-tech presenti con Van Leeuwen al WEF Meeting 2013 includono Salesforce, Accenture, HP, Intel, Dell, Lenovo, Toshiba, Cisco, Mozilla, Yahoo! Inc., Adobe e Cengage Learning.

Da questa sezione trasversale delle società tecnologiche multinazionali in collaborazione con il WEF e l’UNESCO, è evidente che questi cartelli Big Tech hanno globalizzato AI, VR, AR, biometria e ed-tech psicometrica per l’estrazione di dati di credito sociale in coordinamento con il direttive di governance mondiale delle Nazioni Unite e del World Economic Forum con l’aiuto di Education International sotto la guida del Segretario generale dell’EI Fred Van Leeuwen.

Per definire una strategia di diffusione di questi prodotti ed-tech commercializzati attraverso partnership pubblico-private con filantropie aziendali, anche diverse fondazioni esenti da tasse e organizzazioni senza scopo di lucro hanno partecipato al meeting del WEF 2013, tra cui la Fondazione Rockefeller, la Fondazione Gates, la Fondazione Ford, il Carnegie Endowment for International Peace, l’Atlantic Council e il Wellcome Trust: un’enorme “organizzazione di beneficenza” per la ricerca medica collegata al Galton Institute, precedentemente noto come British Eugenics Society.

Allo stesso modo, per definire una strategia per il finanziamento internazionale della proliferazione dell’ed-tech in tutto il mondo, c’erano diverse grandi banche, società di servizi finanziari e agenzie di consulenza fiscale che hanno partecipato allo stesso modo al WEF Meeting 2013, tra cui Goldman Sachs, Bain Capital, Founders Fund di Bilderberger Peter Thiel, Soros Fund Management, Kissinger Associates, Carlyle Group, Blackstone Group, Boston Consulting Group, McKinsey & Company, Lloyd’s, Prudential PLC, Visa, Mastercard, Citi Group, JP Morgan Chase, Bank of America, HSBC Bank, Rothschild GmbH, China Merchants Bank , Deutsche Bank, Bank of Moscow, Banca centrale della Federazione russa, Royal Bank of Scotland, World Bank, FMI e Bank for International Settlements.

Infine, per mettere a punto una strategia di cooperazione multilaterale pubblico-privato tra Big Banking house, istituzioni finanziarie internazionali, fondazioni esentasse globaliste, organizzazioni aziendali senza scopo di lucro, multinazionali ed-tech e industrie Big Tech, erano presenti anche rappresentanti della governance mondiale dell’UNESCO, del Council on Foreign Relations, di Chatham House e dell’OCSE presenti all’incontro annuale del WEF 2013, insieme al segretario generale dell’EI, Van Leeuwen.

Nell’equazione finale, Van Leeuwen era in grado di trasmettere il prospetto di governance globale tecno-fascista del WEF ai sindacati nazionali degli insegnanti di tutto il pianeta al fine di coinvolgere gli educatori con partenariati Big Tech pubblico-privato che condizionano virtualmente gli studenti per la forza lavoro “competenza” nell’economia post-umanista del Credito Sociale della Quarta Rivoluzione Industriale.

Klaus Schwab, Jelmer Evers: Insegnare nel Transumanista 4IR

Tre anni dopo, Van Leeuwen ha approvato un libro del 2018 intitolato Teaching in the Fourth Industrial Revolution: Standing at the Precipice [1]. Scritto da diversi finalisti del Global Teacher Prize della Varkey Foundation, tra cui Jelmer Evers, che è un attivista EI, questo libro di Routledge è fondamentalmente un invito all’azione per la professione di insegnante per realizzare la visione del presidente del WEF Klaus Schwab per un sistema transumanista ed-tech .

Per cominciare, l’insegnamento nella quarta rivoluzione industriale è sponsorizzato dall’UNESCO e dagli affiliati del WEF, tra cui:

GEFI Steering Committee Members (unesco.org)
UNESCO International Commission on Futures of Education
Sunny Varkey (varkeyfoundation.org)
Vikas Pota’s profile on the WEF website (weforum.org)

Nei capitoli di Insegnare nella quarta rivoluzione industriale, vengono citati diversi whitepaper del WEF, tra cui “Realizing Human Potential in the Fourth Industrial Revolution: An Agenda for Leaders to Shape the Future of Education, Gender, and Work“; “Nuova visione per l’istruzione: sbloccare il potenziale della tecnologia“; e il “Rapporto sul futuro dell’occupazione: le 10 competenze necessarie per prosperare nella quarta rivoluzione industriale” del World Economic Forum 2016

Per mettere la ciliegina sulla torta, la “Prefazione” per l’insegnamento nella quarta rivoluzione industriale è stata scritta nientemeno che dal capo del WEF di Van Leeuwen, il transumanista Klaus Schwab, che è il fondatore e presidente esecutivo del World Economic Forum. In questa prefazione, Schwab espone le sue previsioni per un sistema scolastico futurista in cui tutte le interazioni umane tra insegnanti e studenti sono mediate attraverso Big Data e analisi ed-tech di intelligenza artificiale:

“[i]nnovazioni tecnologiche oggi consentono di sintetizzare e analizzare i dati per adattare la pedagogia alle esigenze dei singoli studenti e fornire feedback in tempo reale; ridurre significativamente i costi; consentire a studenti provenienti da parti del mondo drasticamente diverse di collaborare a progetti; e creare piattaforme per condividere le migliori pratiche. . . . Solo un’integrazione strategica di personal coaching e apprendimento digitale può fornire sia le competenze tecnologiche che quelle incentrate sull’uomo necessarie per prosperare nella Quarta Rivoluzione Industriale”.

Sottolineando questa “integrazione” del “digitale” e del “personale”, Schwab, le cui radici familiari possono essere fatte risalire a legami d’affari che furono fondamentali per il funzionamento del Reich nazista, invoca la retorica neo-eugenetica del transumanesimo proclamando che “[l]e futuro dei contenuti educativi non è quindi né interamente digitale né interamente umano, ma un ibrido”. Questa dichiarazione transeugenetica riecheggia la professione transumanista di Schwab nel suo libro del 2016, La quarta rivoluzione industriale, che afferma che la “quarta rivoluzione industriale” “evolverà” gli esseri umani in cyborg fondendo l’umanità con i computer attraverso “una fusione di tecnologie che sta offuscando il linee tra le sfere fisica, digitale e biologica”. Nel 2019, al Chicago Council on Global Affairs, Schwab ha ribadito questa dichiarazione transumanista: “alla fine, ciò a cui porterà la Quarta Rivoluzione Industriale, è una fusione delle nostre identità fisiche, digitali e biologiche”.

La visione transumanista di Schwab di una fusione bio-digitale degli esseri umani con i computer è rispecchiata più volte in diversi capitoli di Insegnamento nella quarta rivoluzione industriale. Ad esempio, citando Schwab in “Capitolo 1: L’educazione in un’epoca di cambiamenti senza precedenti”, il coautore Michael Soskil fa eco alla “reimmaginazione” tecno-ibrida dell’umanità del presidente del WEF in una sezione intitolata “Il nuovo mondo dell’apprendimento”, che esamina La formulazione di Schwab della Quarta Rivoluzione Industriale come Soskil pone la seguente domanda: “[a]s Intelligenza Artificiale (AI) e apprendimento automatico, l'”Internet delle cose [IoT]”, i progressi biotecnologici e la nanotecnologia trasformano la fantascienza più fantasiosa in realtà, saremo costretti a rivalutare continuamente la domanda, ‘Cosa significa essere umani?’” In altre parole, come la specie umana “evolve” attraverso una “fusione” transumana di biotech e nanotech programmata con l’IA legata alla IoT, “le linee tra le sfere fisica, digitale e biologica”, come anticipa Schwab, saranno “sfocate”, mettendo così in discussione “[w]hat . . . significa [s] essere umano” poiché le distinzioni tra vita organica, vita naturale e macchinari fabbricati industrialmente sono rese in mere differenziazioni semantiche.

Allo stesso modo, citando Schwab nel capitolo “Introduzione” di Teaching in the Fourth Industrial Revolution, il membro di EI Jelmer Evers esplora le previsioni transumaniste del presidente del WEF per “Tecnologie impiantabili, Big Data, Intelligenza artificiale (AI), Robotica, Stampa 3D, Neurotecnologie e Esseri Designer.” Va notato qui che, nel “Capitolo 8: Capovolgi il sistema”, il coautore Evers, in qualità di membro di Education International, sostiene l’EI come veicolo globale per sindacalizzare gli educatori “sfruttando le nuove tecnologie” con “altre stakeholder” al fine di attuare la “Raccomandazione UNESCO-ILO sullo status degli insegnanti”, che chiede che “i sindacati svolgano un ruolo cruciale nella politica educativa”. Nel preludio “Riconoscimenti”, Evers “ringrazia [il segretario generale dell’EI] David Edwards e il segretario generale emerito dell’EI] Fred van Leeuwen e tutti i miei colleghi [di Evers] di Education International e dei sindacati nazionali che sono fonte di ispirazione nel loro leadership e attivismo e che mi hanno aperto gli occhi [di Evers] in così tanti modi”. In sintesi, con il sostegno degli ex e attuali segretari generali di EI, Evers chiede a Education International di reggire i sindacati degli insegnanti sotto la bandiera delle politiche dell’UNESCO che guidano l’espansione degli “aggiornamenti” transumanisti ed-tech che sono esaltati dal presidente del WEF Schwab.

Per mettere tutto insieme, Fred Van Leeuwen, che è il segretario generale emerito di EI, e Jelmer Evers, che è un membro attivista di EI, hanno organizzato insegnanti sindacalizzati in coordinamento con gli stratagemmi di governance mondiale pubblico-privato dell’UNESCO, il WEF, e Big Tech. Questi sforzi mirano alla microgestione dell’istruzione tecnocratica in una Quarta Rivoluzione Industriale transumanista che è supervisionata da una Federazione sindacale globale di educatori raggruppati sotto l’ombrello di Education International. Naturalmente, l’inclinazione transumanista delle collaborazioni UNESCO-WEF di EI può essere fatta risalire alle storie eugenetiche dell’UNESCO e del World Economic Forum. In effetti, il primo direttore generale dell’UNESCO, Julian Huxley, ha coniato il concetto di transumanesimo come fase successiva dell’eugenetica dopo essere stato presidente della British Eugenics Society. Allo stesso modo, il World Economic Forum, che ha sostenuto il controllo della popolazione malthusiano-eugenetico sin dall’inizio del WEF, è stato fondato dal transumanista Klaus Schwab, il cui albero genealogico ha radici legate al regime eugenetico di Adolph Hitler. (Per un approfondimento sull’eredità nazi-eugenetica della famiglia Schwab, leggi “Schwab Family Values” di Johnny Vedmore).

Non darmi nessun GUF

Da quando il WCOTP e l’IFFTU sono stati amalgamati in un unico GUF sotto EI nel 1993, Education International è stata guidata da tecnocrati globalisti, tra cui Robert Harris, Susan Hopgood, Fred Van Leeuwen e Jelmer Evers, che si divertono tutti con le istituzioni di governance globale, come l’UNESCO e il WEF. Da quasi trent’anni, i presidenti, i segretari generali e i direttori esecutivi di EI hanno firmato le ordinanze sull’ed-tech dell’UNESCO e del WEF per inaugurare un “School World Order” transumanista per la quarta rivoluzione industriale. A loro volta, le 383 “organizzazioni membri” di EI, tra cui l’AFT e la NEA, hanno adottato queste direttive UNESCO e WEF, trasmettendo così queste politiche transumaniste ed-tech ai “32 milioni di insegnanti e personale di supporto all’istruzione di Education International in 178 paesi e territori”. In breve, EI ha costantemente radunato gli insegnanti e gli impiegati scolastici di tutto il mondo in una forza lavoro globale tecnocentrica che viene guidata nella Quarta Rivoluzione Industriale sotto gli ordini di marcia pubblico-privati ​​dell’UNESCO, del WEF e della Big Tech. Ad essere sinceri, sembra che EI, come tutti gli altri GUF, sia sempre stata incaricata di funzionare come braccio di gestione del lavoro delle parti interessate della governance mondiale dell’UNESCO, del WEF e della Big Tech.

Quindi, se stai aspettando che EI o qualsiasi altro GUF guidi uno sciopero generale mondiale contro la tecnocrazia transumanista, non trattenere il respiro. I movimenti sindacali e gli scioperi devono essere organizzati dagli sforzi di base dei lavoratori sul campo nelle loro comunità locali. Finché EI o qualsiasi altro GUF globalizzeranno il lavoro organizzato attraverso sforzi dall’alto verso il basso orchestrati dalle istituzioni di governance mondiale, gli interessi di insegnanti e lavoratori continueranno a essere subordinati agli interessi tecno-imperialisti dell’UNESCO e del WEF a stretto contatto con le multinazionali.

Se gli educatori sindacalizzati e gli impiegati scolastici che appartengono a EI non possono influenzare i loro burocrati GUF per opporsi al tecnofascismo transumanista spinto dall’UNESCO e dal WEF in collusione con Big Tech, allora potrebbe essere il momento per gli insegnanti e il personale scolastico di abbandonare qualsiasi affiliazioni sindacali con Education International. Forse è tempo che la forza lavoro educativa ricomponga nuovi sindacati di base per creare strutture parallele che rappresentino gli interessi degli insegnanti che dissentono dalle condizioni distopiche del sistema scolastico post-umano imposto agli studenti dall’imperialismo multilaterale della Quarta Rivoluzione Industriale globalismo tecnocratico-aziendale. Fino a quando EI non può dimostrare che non è solo una cassa di risonanza per l’UNESCO, il WEF e Big Tech, dico “non darmi nessun GUF”.

Nota finale:

Armand Doucet, Jelmer Evers, Elisa Guerra, Nadia Lopez, Michael Soskil e Koen Timmers, Insegnare nella quarta rivoluzione industriale: in piedi al precipizio (New York: Routledge, 2018).

UnlimitedHangout


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti, ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


6 pensieri riguardo “Come Education International sta spingendo i sindacati degli insegnanti nella quarta rivoluzione industriale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: