Muoiono più bambini per il vaccino COVID che per il COVID

07 gennaio 2022; Analisi del Dr. Joseph Mercola [Fact Checked]

Collette Martin, un’infermiera praticante che ha testimoniato davanti a un’udienza del Comitato per la salute e il benessere della Louisiana il 6 dicembre 2021.

La storia in breve

  • Secondo Collette Martin, un’infermiera praticante che ha testimoniato davanti a un’udienza del Comitato per la salute e il benessere della Louisiana il 6 dicembre 2021, i bambini stanno avendo reazioni “terrificanti” all’iniezione di COVID, ma le sue preoccupazioni sono semplicemente respinte.
  • Il numero medio di segnalazioni di eventi avversi dopo la vaccinazione negli ultimi 10 anni è stato di circa 39.000 all’anno, con una media di 155 decessi. Questo è per tutti i vaccini disponibili messi insieme. I soli colpi COVID ora rappresentano 983.756 segnalazioni di eventi avversi al 17 dicembre 2021, inclusi 20.622 decessi – e questo non include il fattore di sottostima, che sappiamo essere significativo
  • I bambini sono a rischio di problemi di salute potenzialmente permanenti a causa del vaccino. La miocardite (infiammazione del cuore) è emersa come uno dei problemi più comuni, soprattutto tra ragazzi e giovani uomini
  • La miocardite è inversamente correlata all’età, quindi il rischio aumenta quanto più si è giovani. Il rischio è anche dose-dipendente, con i ragazzi che hanno un rischio sei volte maggiore di miocardite dopo la seconda dose
  • I dati britannici mostrano che i decessi tra gli adolescenti sono aumentati da quando quel gruppo di età è diventato idoneo per i vaccini COVID. Tra la settimana terminata il 26 giugno e la settimana terminata il 18 settembre 2020, sono stati segnalati 148 decessi tra i 15 ei 19 anni. Durante quelle stesse settimane nel 2021, si sono verificati 217 decessi in quella fascia di età, con un aumento del 47%
Il video potrebbe non funzionare su tutti i browser, nel caso CLICCA QUI

Il video qui sopra mostra Collette Martin, un’infermiera praticante che ha testimoniato davanti a un’udienza del Comitato per la salute e il benessere della Louisiana il 6 dicembre 2021.1,2 Martin afferma che lei e i suoi colleghi hanno assistito a reazioni “terrificanti” ai colpi di COVID tra i bambini, inclusi coaguli di sangue, cuore attacchi, encefalopatia e aritmie, ma le loro preoccupazioni vengono semplicemente respinte.

Tra i pazienti anziani, ha notato un aumento delle cadute e un acuto inizio di confusione “senza alcuna ideologia nota”. Anche i colleghi stanno sperimentando effetti collaterali, come problemi alla vista e cardiovascolari.

Martin sottolinea che pochi medici o infermieri sono a conoscenza dell’esistenza del Vaccine Adverse Events Reporting System (VAERS) degli Stati Uniti, quindi i rapporti sugli infortuni non vengono archiviati. Inoltre, gli ospedali non stanno raccogliendo dati sulle lesioni da vaccino COVID in nessun altro modo, quindi non ci sono dati su cui indagare anche se lo volessi. Secondo Martino:

“Non stiamo solo assistendo a gravi reazioni acute [a breve termine] con questo vaccino, ma non abbiamo idea di quali siano le reazioni a lungo termine. Tumori, [disturbi] autoimmuni, infertilità. Semplicemente non lo sappiamo.
Stiamo potenzialmente sacrificando i nostri figli per paura di FORSE morire, di ammalarci di un virus, un virus con un tasso di sopravvivenza del 99%. A partire da ora, abbiamo più bambini morti a causa del vaccino COVID rispetto al COVID stesso.
E poi, per il Dipartimento della Sanità, uscire allo scoperto e dire che la nuova variante [Omicron] ha tutti gli effetti collaterali delle reazioni al vaccino che stiamo attualmente vedendo: è esasperante e non capisco perché più persone non lo vedono . Penso che lo facciano, ma temono di parlare e, peggio ancora, di essere licenziati… Da che parte della storia starai? Devo sapere che questa follia finirà”
.

Martin afferma inoltre di ritenere che il protocollo di trattamento ospedaliero stia uccidendo i pazienti COVID. I medici concordano sul fatto che “non funziona”, ma che “è tutto ciò che abbiamo”. Ma “semplicemente non è vero”, dice. “È proprio quello che il CDC ci permetterà di dare”.

Cosa ci dicono i dati VAERS sui rischi del vaccino COVID

Di recente ho intervistato Jessica Rose, Ph.D., ricercatrice presso l’Institute for Pure and Applied Knowledge in Israele, su ciò che i dati VAERS ci dicono sui rischi dei colpi di COVID. Come notato da Rose, il numero medio di segnalazioni di eventi avversi dopo la vaccinazione negli ultimi 10 anni è stato di circa 39.000 all’anno, con una media di 155 decessi. Questo è per tutti i vaccini disponibili messi insieme.

I soli vaccini COVID ora rappresentano 983.756 segnalazioni di eventi avversi al 17 dicembre 2021, inclusi 20.622 decessi3 – e questo non include il fattore di sottostima, che sappiamo essere significativo e probabilmente varia da cinque a 40 volte superiore a quanto riportato. La maggior parte dei medici e degli infermieri non sa nemmeno cosa sia il VAERS e anche se lo sanno, hanno scelto di non denunciare gli incidenti.

Non puoi nemmeno confrontare i colpi di COVID con altri vaccini. Sono di gran lunga le iniezioni più pericolose mai create, ma non sembra esserci un limite per un danno accettabile. Nessuno all’interno del CDC o della Food and Drug Administration, che gestisce congiuntamente il VAERS, ha affrontato questi numeri scioccanti. Entrambe le agenzie negano scandalosamente che una singola morte possa essere attribuita ai colpi COVID, il che è semplicemente impossibile. Non è statisticamente plausibile.

La FDA e il CDC stanno anche ignorando le analisi dei dati standard che possono far luce sul nesso di causalità. È noto come criteri di Bradford Hill, un insieme di 10 criteri che devono essere soddisfatti per mostrare una forte evidenza di relazione causale. Uno dei più importanti di questi criteri è la temporalità, perché una cosa deve venire prima dell’altra e più breve è la durata tra due eventi, maggiore è la probabilità di un effetto causale.

Ebbene, nel caso dei colpi COVID, il 50% dei decessi si verifica entro 48 ore dall’iniezione. Semplicemente non è concepibile che 10.000 persone siano morte due giorni dopo l’iniezione per qualcosa di diverso dall’iniezione. Non può essere tutto un caso. Soprattutto perché molti di loro sono più giovani, senza condizioni letali sottostanti che minaccino di eliminarli in un dato giorno. Un buon 80% è morto entro una settimana dal loro colpo, che è ancora incredibilmente vicino in termini di temporalità.4

I bambini rischiano danni cardiaci permanenti

A parte il rischio immediato di morte, i bambini sono anche a rischio di problemi di salute potenzialmente permanenti a causa del vaccino. La miocardite (infiammazione del cuore) è emersa come uno dei problemi più comuni, soprattutto tra ragazzi e giovani uomini.

All’inizio di settembre 2021, Tracy Beth Hoeg e colleghi hanno pubblicato un’analisi5 dei dati VAERS sul server di prestampa medRxiv, mostrando che oltre l’86% dei bambini di età compresa tra 12 e 17 anni che riportano sintomi di miocardite era abbastanza grave da richiedere il ricovero in ospedale.

I casi di miocardite esplodono dopo il secondo colpo, ha scoperto Hoeg, e colpiscono in modo sproporzionato i ragazzi. Ben il 90% delle segnalazioni di miocardite post-iniezione sono di sesso maschile e l’85% delle segnalazioni si è verificato dopo la seconda dose. Secondo Hoeg et. al.:6

“L’incidenza stimata di CAE [eventi avversi cardiaci] tra i ragazzi di età compresa tra 12 e 15 anni dopo la seconda dose è stata di 162 per milione; l’incidenza tra i ragazzi di 16-17 anni è stata del 94 per milione. L’incidenza stimata di CAE tra le ragazze era del 13 per milione in entrambi i gruppi di età”.

Senza dubbio, i medici stanno vedendo un aumento della miocardite, ma pochi sono disposti a parlarne. In un recente post su Substack, Steve Kirsch scrive:7

“Ho appena letto un commento sul mio sottostack privato “solo fornitori di servizi sanitari”. Un aumento stimato di 100 volte nel tasso di miocardite, ma nessuno lo saprà poiché i cardiologi non parleranno per paura di ritorsioni.
Il suo commento è stata una conversazione privata che ha avuto con un cardiologo pediatrico. Il cardiologo non lo dirà mai in pubblico, alla stampa, né si farà rivelare il suo nome poiché il suo primo dovere è verso la sua famiglia (mantenere il suo lavoro).
Se un “controllore dei fatti” chiamasse il cardiologo, potrebbe rifiutarsi di commentare o dire “Sto vedendo un po’ più casi dopo il lancio del vaccino”. Ecco il commento esatto che è stato pubblicato nel substack privato:
‘Pre-jab, uno o due casi all’anno di miocardite. Ora, metà della sua sala d’attesa. Dice ai genitori che stanno “studiando” la causalità. Li indirizza a uno specialista in malattie infettive per discutere degli altri figli.
Ammette che lui e circa il 50% dei suoi colleghi sanno cosa sta succedendo, ma sono troppo terrorizzati per parlare apertamente per paura di ritorsioni da parte degli ospedali e degli enti statali per le licenze.
L’altro 50% non vuole sapere, se ne frega e/o si diverte nella dissonanza cognitiva (come il dottor Harvey [Cohen] a Stanford) e/o scatena il proprio demone autoritario. Buona fortuna con questi miei ex colleghi. La puzza è opprimente.’
… Da 1 o 2 casi all’anno a “metà della sua sala d’attesa”. Non conosco le dimensioni della sua sala d’attesa, ma sono almeno due persone da quando ha detto “metà”. Quindi, il tasso è aumentato di : 250 giorni all’anno aperti/1,5 casi medi all’anno=166X.”

La miocardite non è un effetto collaterale lieve e irrilevante

Insieme al dottor Peter McCullough, nell’ottobre 2021 Rose ha anche presentato alla rivista Current Problems in Cardiology un articolo8 sui casi di miocardite in VAERS a seguito dei colpi di COVID. Tutto era pronto per la pubblicazione quando, all’improvviso, il giornale ha cambiato idea e lo ha ritirato.

Tuttavia, puoi ancora trovare la pre-prova sul sito Web di Rose. I dati mostrano chiaramente che la miocardite è inversamente correlata all’età, quindi il rischio aumenta quanto più si è giovani. Il rischio è anche dose-dipendente, con i ragazzi che hanno un rischio sei volte maggiore di miocardite dopo la seconda dose.

Mentre le nostre autorità sanitarie si stanno scrollando di dosso questo rischio dicendo che i casi sono “lievi”, questa è una spaventosa bugia. Il danno al cuore è tipicamente permanente e il tasso di sopravvivenza da tre a cinque anni per la miocardite varia storicamente dal 56% all’83%.9

I pazienti con miocardite acuta fulminante (caratterizzata da grave disfunzione sistolica ventricolare sinistra che richiede terapia farmacologica o supporto circolatorio meccanico10) che sopravvivono allo stadio acuto hanno un tasso di sopravvivenza del 93% a 11 anni, mentre quelli con miocardite acuta non fulminante (disfunzione sistolica ventricolare sinistra, ma altrimenti emodinamicamente stabile11) hanno un tasso di sopravvivenza di appena il 45% a 11 anni.12

Ciò potrebbe significare che dal 7% al 55% degli adolescenti feriti da questi vaccini oggi potrebbe non sopravvivere fino alla fine dei 20 anni o all’inizio dei 30 anni. Alcuni potrebbero anche non raggiungere i 20 anni! Com’è possibile che questo sia un compromesso accettabile per un virus per il quale hai praticamente zero rischi di morire su un bambino o adolescente?

Le morti in eccesso stanno esplodendo, anche tra gli adolescenti

Durante tutta la pandemia, il colpo di COVID è stato considerato come la via del ritorno alla normalità. Eppure, nonostante le iniezioni di massa e i richiami, le morti in eccesso continuano ad aumentare. Ad esempio, nella settimana terminata il 12 novembre 2021, il Regno Unito ha riportato 2.047 decessi in più13 rispetto allo stesso periodo tra il 2015 e il 2019.

Il COVID-19 non può essere interamente da biasimare, poiché è stato elencato sui certificati di morte solo per 1.197 persone. Ancora più significativo è il fatto che, dal luglio 2021, i decessi non COVID nel Regno Unito sono stati superiori alla media settimanale nei cinque anni precedenti la pandemia. Le malattie cardiache e gli ictus sembrano essere alla base di molti dei decessi in eccesso, ed entrambi sono noti effetti collaterali del vaccino COVID.

In un post su Twitter del 28 novembre 2021,14 l’ingegnere del software della Silicon Valley Ben M. (@USMortality) ha rivelato che nelle precedenti 13 settimane, circa 107.700 anziani sono morti al di sopra del tasso normale, nonostante un tasso di vaccinazione del 98,7%. In un altro esempio, ha utilizzato i dati del CDC e di census.gov per mostrare un aumento dei decessi nel Vermont anche se la maggior parte degli adulti è stata iniettata.15

“Il Vermont aveva vaccinato il 71% dell’intera popolazione entro il 1 giugno 2021”, ha twittato. “Questo è l’83% della loro popolazione adulta, eppure ora stanno vedendo il maggior numero di morti in eccesso dalla pandemia!”

Ancora più inquietante, i dati britannici mostrano che i decessi tra gli adolescenti sono aumentati da quando quel gruppo di età è diventato idoneo per i vaccini COVID.16 Tra la settimana terminata il 26 giugno e la settimana terminata il 18 settembre 2020, sono stati segnalati 148 decessi tra i 15 e i 19 anni. -vecchi. Tra la settimana terminata il 25 giugno 2021 e la settimana terminata il 17 settembre 2021, si sono verificati 217 decessi in quella fascia di età. Questo è un aumento del 47%!

La correlazione non equivale alla causalità, ma è estremamente preoccupante vedere che i decessi sono aumentati del 47% tra gli adolescenti di età superiore ai 15 anni e anche i decessi per COVID-19 sono aumentati in questa fascia di età da quando hanno iniziato a ricevere il vaccino COVID-19, ed è forse una coincidenza di troppo.

~ L’Exposé

Anche i decessi per COVID-19 sono aumentati tra i 15 ei 19 anni dopo che le vaccinazioni sono state lanciate per questa fascia di età. Sono state sollevate preoccupazioni significative sulla possibilità che i vaccini COVID-19 possano peggiorare la malattia COVID-19 tramite il potenziamento dipendente dagli anticorpi (ADE).17 È questo che sta succedendo qui? Come riportato da The Exposé, che ha condotto l’indagine:18

“La correlazione non equivale alla causalità, ma è estremamente preoccupante vedere che i decessi sono aumentati del 47% tra gli adolescenti di età superiore ai 15 anni e anche i decessi per COVID-19 sono aumentati in questa fascia di età da quando hanno iniziato a ricevere il vaccino COVID-19. , ed è forse una coincidenza di troppo”.

Omicron non rappresenta un rischio per i giovani

Come notato in una recente analisi del Dr. Robert Malone,19 (che recentemente è stato bandito da Twitter ma può essere trovato su Substack), il rapporto rischio-beneficio del vaccino COVID sta diventando ancora più invertito con l’emergere di Omicron, perché questa variante produce una malattia molto più lieve rispetto alle varianti precedenti, esponendo i bambini a un rischio ancora più basso di ospedalizzazione o morte per infezione rispetto a prima, e il loro rischio era già trascurabile.

Malone è attualmente alla guida della seconda Dichiarazione dei medici20 dell’International Alliance of Physicians and Medical Scientists, firmata da oltre 16.000 medici e scienziati, in cui si afferma che “i bambini sani non devono essere sottoposti a vaccinazione forzata” come rischio clinico di SARS- L’infezione da CoV-2 è trascurabile e la sicurezza a lungo termine dei colpi non può essere determinata prima che tali politiche vengano messe in atto.

Non solo i bambini sono ad alto rischio di gravi eventi avversi causati dalle iniezioni, ma avere bambini sani e non vaccinati nella popolazione è fondamentale per ottenere l’immunità di gregge.

Richiami: doppio rischio di sindrome coronarica acuta

I ricercatori hanno anche scoperto che i colpi di Pfizer e Moderna mRNA COVID-19 aumentano notevolmente i biomarcatori associati a trombosi, cardiomiopatia e altri eventi vascolari dopo l’iniezione.21

Le persone che avevano ricevuto due dosi di mRNA jab hanno più che raddoppiato il rischio a cinque anni di sindrome coronarica acuta (ACS), hanno scoperto i ricercatori, portandolo da una media dell’11% al 25%. ACS è un termine generico che include non solo attacchi di cuore, ma anche una serie di altre condizioni che comportano una brusca riduzione del flusso sanguigno al cuore. In un tweet del 21 novembre 2021, il cardiologo Dr. Aseem Malhotra ha scritto: 22

“Straordinario, inquietante, sconvolgente. Ora abbiamo prove di un meccanismo biologico plausibile di come il vaccino contro l’mRNA possa contribuire all’aumento degli eventi cardiaci. L’abstract è pubblicato sulla rivista di cardiologia ad alto impatto, quindi dobbiamo prendere molto sul serio questi risultati”.

AMA è d’accordo con il sacrificio dei bambini

Tragicamente, non sono solo il CDC e la FDA che sono stati catturati dall’industria farmaceutica e che stanno sacrificando la salute pubblica, compresa la salute dei nostri bambini, al fine di promuovere l’agenda tecnocratica del Grande Reset.

Anche l’American Medical Association, che dovrebbe fare pressioni per medici e studenti di medicina negli Stati Uniti e promuovere la medicina per il miglioramento della salute pubblica, ha abbandonato ogni parvenza di etica, trasparenza e onestà.

In un articolo di metà novembre 2021 sul sito web dell’AMA, “VACCINE COVID-19 for Kids: How We Know It’s Safe”,23 la giornalista Tanya Albert Henry cita i dati direttamente dal comunicato stampa di Pfizer, e poi prosegue affermando che ” sappi che è sicuro” perché “i bambini più piccoli vedono gli stessi effetti collaterali osservati negli adulti e negli adolescenti”. Sulla base dei dati VAERS, ciò dovrebbe far venire i brividi ai genitori.

“L’American Academy of Pediatrics è d’accordo con la vaccinazione di questa fascia di età, insieme all’American Academy of Family Physicians e alla Pediatrics Infectious Diseases Society, ha affermato il dott. Fryhofer, presidente eletto del consiglio di amministrazione dell’AMA”, scrive Henry.

“Dott. Fryhofer … ha notato che la miocardite è stata un evento raro dopo la seconda dose dei vaccini mRNA. “Il rischio osservato è più alto nei giovani maschi di età compresa tra 12 e 29 anni, ma l’infezione da COVID può anche causare miocardite”, ha sottolineato. “Per gli adolescenti e i giovani adulti, il rischio di miocardite causata dall’infezione da COVID è molto più alto che dopo la vaccinazione con mRNA”.

Veramente? Da dove viene l’idea Fryhofer? Non ho visto alcun dato per eseguirne il backup e Henry non ne fornisce alcuno.

Cosa mostrano i dati VAERS?

Una ricerca pubblicata nel 201724 ha calcolato il tasso di fondo della miocardite nei bambini e nei giovani, mostrando che si verifica a un tasso di quattro casi per milione all’anno. Secondo l’U.S. Census Bureau, nel 2020 c’erano 73,1 milioni di persone di età inferiore ai 18 anni negli Stati Uniti.25 Ciò significa che il tasso di fondo per la miocardite negli adolescenti (18 e più giovani) sarebbe di circa 292 casi all’anno.

Al 17 dicembre 2021, esaminando solo i rapporti statunitensi ed escludendo quelli internazionali, VAERS aveva ricevuto:26

308 casi di miocardite tra i 18enni252 casi tra i 17enni
226 casi in 16enni256 casi in quindicenni
193 tra i quattordicenni132 nei ragazzi di 13 anni
108 a 12 anni

In totale, si tratta di 1.475 casi di miocardite negli adolescenti di età pari o inferiore a 18 anni, cinque volte il tasso di fondo. E ancora, questo non tiene conto del tasso di sotto-segnalazione, che è stato calcolato essere compreso tra cinque e 40.

Nel frattempo, il CDC27 afferma che, tra marzo 2020 e gennaio 2021, “il rischio di miocardite era dello 0,146% tra i pazienti con diagnosi di COVID-19”, rispetto a un tasso di fondo dello 0,009% tra i pazienti che non avevano una diagnosi di COVID-19.

Dopo l’adeguamento per “caratteristiche del paziente e dell’ospedale”, i pazienti COVID-19 di età compresa tra 16 e 39 anni avevano in media sette volte più probabilità di sviluppare miocardite rispetto a quelli senza COVID.

Detto questo, il CDC ha sottolineato che “Nel complesso, la miocardite era rara” tra tutti i pazienti, COVID o meno. Inoltre, solo il 23,7% dei pazienti con miocardite di età compresa tra 16 e 24 anni aveva una storia di COVID-19, quindi la maggior parte dei casi in quella fascia di età non era dovuta a COVID.

Inoltre, non stiamo parlando di grandi numeri in termini di effettive infezioni da COVID. Il tasso di ospedalizzazione settimanale degli adolescenti ha raggiunto il picco di 2,1 per 100.000 all’inizio di gennaio 2021, è sceso a 0,6 per 100.000 a metà marzo ed è salito a 1,3 per 100.000 ad aprile.28

Usando quel tasso massimo di ospedalizzazione di 2,1 per 100.000 (o 21 per milione) in questa fascia di età e supponendo che il rischio di miocardite sia dello 0,146% tra i pazienti positivi al COVID, otteniamo un tasso di miocardite da COVID tra gli adolescenti di 0,03 per milione . È molto diverso dal normale tasso di base di quattro casi per milione, quindi il rischio di contrarre la miocardite dall’infezione da SARS-CoV-2 è probabilmente piuttosto basso.

Ora, supponendo che il tasso di ospedalizzazione per COVID per gli adolescenti sia di 21 per milione e abbiamo 73,1 milioni di adolescenti, potremmo aspettarci che ci siano 1.535 ricoveri per COVID in questa fascia di età in un anno. Se lo 0,146% di quei 1.535 adolescenti sviluppa una miocardite, potremmo aspettarci che si verifichino 2,2 casi di miocardite in questa fascia di età ogni anno, tra coloro che si ammalano di COVID.

In sintesi, sulla base delle statistiche del CDC, potremmo aspettarci che poco più di due adolescenti contraggano la miocardite a causa dell’infezione da COVID-19. Nel frattempo, abbiamo segnalato 1.475 casi a seguito del vaccino COVID in soli sei mesi (i colpi per i giovani dai 12 ai 17 anni sono stati autorizzati il ​​30 luglio 202129).

Tenendo conto della sottostima, il numero reale potrebbe essere compreso tra 7.375 e 59.000, ancora una volta, in soli sei mesi! Per stimare un tasso annuo, dovremmo raddoppiarlo, dandoci da 14.750 a 118.000 casi di miocardite. Quindi, è proprio vero che “Per adolescenti e giovani adulti, il rischio di miocardite causata dall’infezione da COVID è molto più alto che dopo la vaccinazione con mRNA”? Ne dubito.

Puoi ridurre gli effetti dannosi?

Non c’è assolutamente alcuna logica o giustificazione medica per i bambini e gli adolescenti per farsi vaccinare contro il COVID. È tutto rischio e nessun guadagno. Se per qualsiasi motivo tuo figlio o tua figlia ha già ricevuto uno o più vaccini e speri di ridurre il rischio di complicanze cardiache e cardiovascolari, ci sono alcune strategie di base che suggerirei di attuare.

Tieni presente che questi suggerimenti NON sostituiscono o annullano qualsiasi consiglio medico che potrebbero ricevere dal proprio pediatra. Queste sono davvero solo raccomandazioni per quando non ci sono sintomi negativi. Se tuo figlio manifesta sintomi di un problema cardiaco o cardiovascolare, cerca immediatamente assistenza medica.

  1. Innanzitutto, non dare loro un’altra possibilità o un richiamo.
  2. Misurare il livello di vitamina D e assicurarsi che assuma una quantità sufficiente di vitamina D per via orale e/o esporsi al sole in modo ragionevole per assicurarsi che il livello sia compreso tra 60 ng/mL e 80 ng/ml (da 150 a 2000 nmol/l).
  3. Elimina tutti gli oli vegetali (di semi) dalla loro dieta. Ciò comporta l’eliminazione di quasi tutti gli alimenti trasformati e la maggior parte dei pasti nei ristoranti, a meno che non si convinca lo chef a cucinare solo con il burro. Evita salse o condimenti per insalata poiché sono carichi di oli di semi.
    Evita anche pollo e maiale allevati in modo convenzionale poiché sono molto ricchi di acido linoleico, il grasso omega-6 che è troppo alto in quasi tutti e contribuisce allo stress ossidativo che causa malattie cardiache.
  4. Considera di dare loro circa 500 milligrammi al giorno di NAC, poiché aiuta a prevenire la formazione di coaguli di sangue ed è un precursore dell’importante antiossidante glutatione.
  5. Considera gli enzimi fibrinolitici che digeriscono la fibrina che porta a coaguli di sangue, ictus ed embolie polmonari. La dose è in genere da due a sei capsule, due volte al giorno, ma deve essere assunta a stomaco vuoto, un’ora prima o due ore dopo un pasto. Altrimenti, gli enzimi agiranno semplicemente come un enzima digestivo piuttosto che digerire la fibrina.
Fonti e riferimenti

Dr. Joseph Mercola


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti,

ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: