La melatonina riduce significativamente la mortalità da COVID-19

13 gennaio 2022; Analisi del Dr. Joseph Mercola [-Fact Checked-]

La melatonina è stata scoperta circa 50 anni fa e più precisamente nel 1958 da Aaron Lerner, un dermatologo che isolò questo ormone nella ghiandola pineale delle mucche. Al momento la ricerca sta ancora lavorando per raccogliere dati riguardo l’uso, i dosaggi ed i tempi di utilizzo. Sono state inoltre ipotizzate nuove possibili applicazioni della melatonina nel campo delle malattie degenerative e nel trattamento dell’invecchiamento.

La storia in breve
  • Sebbene sia più noto come regolatore naturale del sonno, la melatonina ha anche molte altre importanti funzioni. Rafforza la funzione immunitaria, aiuta a ricaricare il glutatione e può migliorare il trattamento di alcune malattie batteriche; ha proprietà anticonvulsivanti e antieccitotossiche ed è un potente antiossidante con la rara capacità di entrare nei mitocondri
  • Nelle infezioni virali, la melatonina riduce la reazione eccessiva delle cellule ospiti all’agente patogeno, aumentando così la tolleranza dell’ospite al virus. Questo dà all’ospite il tempo di sviluppare la risposta immunitaria adattativa e sradicare l’agente patogeno invasore
  • La melatonina attenua diverse caratteristiche patologiche di COVID-19, tra cui stress ossidativo e infiammazione eccessiva, risposta immunitaria esagerata con conseguente tempesta di citochine, danno polmonare acuto e sindrome da distress respiratorio acuto
  • Uno studio dell’ottobre 2021 ha rilevato che la melatonina ha ridotto significativamente la mortalità quando somministrata a pazienti con COVID gravemente infetti. Nel gruppo di sole cure standard, 13 dei 76 pazienti sono morti (17,1%), rispetto a uno solo degli 82 pazienti (1,2%) che hanno ricevuto melatonina in aggiunta alle cure standard, una riduzione della mortalità del 93%
  • Durante la seconda settimana di infezione, un periodo in cui i pazienti gravemente infetti possono prendere una drastica svolta per il peggio, il gruppo melatonina è andato molto meglio del gruppo solo terapia standard, con solo due pazienti che hanno sviluppato sepsi, rispetto agli otto solo della terapia standard di gruppo

La melatonina è un ormone sintetizzato nella ghiandola pineale e in molti altri organi,1 infatti nella maggior parte delle cellule, inclusi i monociti e i macrofagi polmonari umani, poiché è effettivamente sintetizzata nei mitocondri.2

Sebbene sia nota soprattutto come regolatore naturale del sonno, la melatonina ha anche molte altre importanti funzioni.3 In particolare, svolge un ruolo importante nella prevenzione del cancro4 e può prevenire o migliorare alcune malattie autoimmuni, come il diabete di tipo 1.5

Ha anche proprietà anti-convulsivanti e anti-eccitotossiche,6 ed è un potente antiossidante7 con la rara capacità di entrare nei mitocondri,8 dove aiuta a prevenire la compromissione mitocondriale, l’insufficienza energetica e la morte dei mitocondri danneggiati dall’ossidazione.9 Inoltre:

  • Stimola la funzione immunitaria
  • Aiuta a ricaricare il glutatione10 (e la carenza di glutatione è stata collegata alla gravità del COVID-19)
  • Può migliorare il trattamento di alcune malattie batteriche, inclusa la tubercolosi11
  • Aiuta a regolare l’espressione genica tramite una serie di enzimi12

Come notato nel Journal of Critical Care:13

“La melatonina è una molecola versatile… La melatonina svolge un ruolo fisiologico importante nel sonno e nella regolazione del ritmo circadiano, nell’immunoregolazione, nelle funzioni antiossidanti e protettive dei mitocondri, nel controllo riproduttivo e nella regolazione dell’umore. La melatonina è stata anche segnalata come efficace nel combattere varie infezioni batteriche e virali”.

La melatonina ha anche un ruolo importante nel trattamento del COVID-19

Negli ultimi due anni, la melatonina è emersa come un’arma a sorpresa contro il COVID-19. È stato dimostrato che svolge un ruolo nelle infezioni virali, batteriche e fungine14 e già nel giugno 2020 i ricercatori hanno suggerito che potrebbe essere un importante complemento al trattamento del COVID-19.15,16,17 Secondo gli autori di quel documento, la melatonina si attenua diverse caratteristiche patologiche di COVID-19, tra cui:18

  • Eccessivo stress ossidativo e infiammazione
  • Risposta immunitaria esagerata con conseguente tempesta di citochine
  • Danno polmonare acuto
  • Sindrome da distress respiratorio acuto

Nell’ottobre 2020, una revisione scientifica,19 “Melatonin Potentials Against Viral Infections Inclusive COVID-19: Current Evidence and New Findings”, ha riassunto i meccanismi con cui la melatonina può proteggere e migliorare le infezioni virali come virus respiratorio sinciziale, epatite virale, virus miocardite, Ebola, virus del Nilo occidentale e virus della dengue.

Sulla base di questi risultati collettivi, hanno ipotizzato che la melatonina possa offrire una protezione simile contro SARS-CoV-2. Una base meccanicistica per questo riguarda gli effetti della melatonina sulle chinasi attivate da p21 (PAK), una famiglia di serina e treonina chinasi. Gli autori spiegano:20

“Nell’ultimo decennio, i PAK hanno acquisito grande attenzione in medicina grazie al loro contributo a una diversità di funzioni cellulari. Tra questi, PAK1 è considerato un enzima patogeno e la sua insolita attivazione potrebbe essere responsabile di un’ampia gamma di condizioni patologiche come l’invecchiamento, l’infiammazione, la malaria, l’immunopatologia dei tumori, le infezioni virali, ecc…
È interessante notare che la melatonina esercita uno spettro di importanti proprietà anti-PAK1 … È stato proposto che i coronavirus potrebbero innescare la via di segnalazione CK2/RAS-PAK1-RAF-AP1 legandosi al recettore ACE2.
Sebbene non sia ancora scientificamente confermato, gli inibitori PAK1 potrebbero teoricamente esercitare come potenziali agenti per la gestione di un recente focolaio di infezione da COVID-19. Infatti, Russel Reiter, uno dei principali pionieri nella ricerca sulla melatonina, ha recentemente sottolineato che la melatonina può essere incorporata nel trattamento del COVID-19 come alternativa o adiuvante”
.

La melatonina riduce la mortalità da COVID-19

Quindi, l’ultimo giorno del 2021, Melatonin Research ha pubblicato un commento di ricerca21 in cui discuteva uno studio dell’ottobre 202122 di Hasan et. al., che ha riscontrato che la melatonina ha ridotto significativamente la mortalità quando somministrata a pazienti con COVID gravemente infetti. Secondo gli autori:

“In uno studio clinico randomizzato, in aperto e monocentrico, è stato osservato che il trattamento con melatonina ha abbassato il tasso di mortalità del 93% nei pazienti con infezione grave da COVID-19 rispetto al gruppo di controllo.
Questo è apparentemente il primo rapporto a mostrare una così enorme riduzione della mortalità negli individui con infezione da COVID-19 grave con un trattamento semplice. Se questa osservazione sarà confermata da studi clinici più rigorosi, la melatonina potrebbe diventare un’arma importante per combattere questa pandemia”
.

I commentatori sottolineano che, a meno di $ 5 per ciclo di trattamento, la melatonina è un’aggiunta conveniente a qualsiasi piano di trattamento. Per fare un confronto, gli anticorpi monoclonali Regeneron costano circa $ 2.100 per dose e il remdesivir è $ 3.100 per trattamento. Anche la melatonina non ha gravi effetti collaterali, quindi può essere universalmente utilizzata.

Nel gruppo di sole cure standard, 13 dei 76 pazienti sono morti (17,1%), rispetto a uno solo degli 82 pazienti (1,2%) che hanno ricevuto melatonina in aggiunta a tutto il resto. Questa è una riduzione della mortalità del 93%.

Lo studio Hasan23 includeva 158 pazienti COVID ospedalizzati di età compresa tra 18 e 80 anni. Tutti avevano confermato una grave infezione da SARS-CoV-2.

Ottantadue dei pazienti sono stati arruolati nel braccio della melatonina e hanno ricevuto 10 milligrammi (mg) di melatonina mezz’ora prima di coricarsi per 14 giorni, oltre alle cure terapeutiche standard, che includevano intubazione di ossigeno, remdesivir, levofloxacina (un antibiotico per la protezione contro le infezioni batteriche secondarie), desametasone (un antinfiammatorio) ed enoxaparina (un anticoagulante).

Nel gruppo di sole cure standard, 13 dei 76 pazienti sono morti (17,1%), rispetto a uno solo degli 82 pazienti (1,2%) che hanno ricevuto melatonina in aggiunta a tutto il resto. Questa è una riduzione della mortalità del 93%, il che è piuttosto notevole. Tre meccanismi d’azione responsabili di questo successo sembrano essere una combinazione delle sue attività antiossidanti, antinfiammatorie e immunoregolatrici.24

Durante la seconda settimana di infezione, un periodo in cui i pazienti gravemente infetti possono prendere una drastica svolta per il peggio, il gruppo melatonina è andato molto meglio del gruppo solo terapia standard, con solo due pazienti che hanno sviluppato sepsi, rispetto agli otto solo terapia standard gruppo.25

Lo studio Hasan supporta anche i risultati di una serie di casi clinici26 pubblicata nel 2020, in cui i pazienti con diagnosi di polmonite da COVID-19 hanno ricevuto da 36 mg a 72 mg di melatonina per via endovenosa al giorno, in quattro dosi divise, come terapia aggiuntiva allo standard di cura.

Tutti i pazienti trattati con melatonina sono migliorati entro quattro o cinque giorni e tutti sono sopravvissuti. In media, quelli a cui è stata somministrata la melatonina sono stati dimessi dall’ospedale dopo 7,3 giorni, rispetto ai 13 giorni di coloro che non hanno assunto la melatonina.

Come la melatonina previene la sepsi

Questa non è la prima volta che la melatonina viene evidenziata per la sua capacità di prevenire e curare la sepsi. Un articolo del 201027 su The Journal of Critical Care ha osservato che la melatonina aiuta a prevenire e invertire i sintomi dello shock settico:28

  • Diminuzione della sintesi di citochine proinfiammatorie
  • Prevenire il danno ossidativo indotto dai lipopolisaccaridi (LPS), l’endotossiemia e le alterazioni metaboliche
  • Sopprimere l’espressione genica della cattiva forma dell’ossido nitrico, l’ossido nitrico sintasi inducibile (iNOS)
  • Prevenire l’apoptosi (morte cellulare)

Allo stesso modo, uno studio del 201429 sul Journal of Pineal Research ha evidenziato che la melatonina si accumula nei mitocondri e ha attività sia antiossidante che antinfiammatoria che potrebbero essere utili nel trattamento della sepsi.

Questo è stato uno studio di fase 1 dell’escalation della dose su volontari sani per valutare la tollerabilità e gli effetti sulla salute della melatonina a vari dosaggi. Hanno anche valutato l’effetto della melatonina in un modello di sangue intero ex vivo che imita la sepsi.

Non sono stati segnalati effetti avversi per dosaggi compresi tra 20 mg e 100 mg e l’analisi del modello sanguigno ha rivelato che la melatonina e il suo metabolita 6-idrossimelatonina “hanno avuto effetti benefici sulla disfunzione mitocondriale indotta dalla sepsi, sullo stress ossidativo e sulle risposte delle citochine …” Gli autori hanno ulteriormente spiegato :30

“La disfunzione mitocondriale innescata dallo stress ossidativo guida l’infiammazione ed è generalmente accettata come un ruolo importante nell’insufficienza d’organo indotta dalla sepsi. È stato riconosciuto che gli antiossidanti esogeni possono essere utili nella sepsi e, più recentemente, è stato evidenziato il potenziale per gli antiossidanti che agiscono specificamente nei mitocondri.
Abbiamo dimostrato in precedenza che gli antiossidanti mirati ai mitocondri, inclusa la melatonina, riducono il danno d’organo in un modello di sepsi di ratto … I modelli in vitro di sepsi mostrano che la melatonina e il suo principale metabolita idrossilato, la 6-idrossimelatonina, sono entrambi efficaci nel ridurre i livelli di citochine infiammatorie chiave, stress ossidativo e disfunzione mitocondriale.
Nei modelli di sepsi di ratto, la melatonina riduce il danno ossidativo e la disfunzione d’organo e diminuisce anche la mortalità.
Si ritiene che la dose necessaria per l’azione antiossidante sia considerevolmente superiore a quella data per la modulazione del ciclo sonno-veglia, ma la dose effettiva richiesta nell’uomo non è chiara, soprattutto perché sono probabili i principali effetti bioattivi della melatonina orale nel contesto dell’infiammazione essere mediato principalmente dai livelli di metaboliti”
.

La melatonina ha molti meccanismi d’azione

Quando si tratta di infezioni virali, la melatonina in realtà non prende di mira il virus stesso. Aiuta principalmente l’ospite, riducendo la reazione eccessiva delle cellule ospiti all’agente patogeno, aumentando così la tolleranza dell’ospite al virus. Come spiegato nel commento in primo piano della ricerca sulla melatonina,31 “Questa tolleranza consente all’ospite tempo sufficiente per sviluppare la risposta immunitaria adattativa e infine sradicare i patogeni invasori”.

Regolando le risposte immunitarie, la melatonina aiuta anche a prevenire le tempeste di citochine,32 che è ciò che alla fine uccide alcuni pazienti con grave infezione da SARS-CoV-2. La melatonina è anche un noto citoprotettore con proprietà neuroprotettive che possono potenzialmente ridurre le sequele neurologiche documentate nei pazienti infetti da COVID-19.33

Parte del beneficio della melatonina contro il COVID può anche avere a che fare con il fatto che migliora la segnalazione della vitamina D34 e, insieme, la melatonina e la vitamina D migliorano sinergicamente la funzione mitocondriale. In effetti, i tuoi mitocondri sono gli obiettivi comuni finali per entrambi.35

Ho scritto molti articoli che descrivono in dettaglio l’importanza dell’ottimizzazione della vitamina D per prevenire l’infezione da SARS-CoV-2 e malattie più gravi da COVID-19. L’evidenza di ciò è francamente schiacciante e l’aumento dei livelli di vitamina D nella popolazione generale può essere una delle strategie di prevenzione più importanti a nostra disposizione. Per saperne di più, scarica il mio rapporto sulla vitamina D, disponibile gratuitamente su stopcovidcold.com. La melatonina può anche combattere l’infezione da SARS-CoV-2 di:36

Avere un effetto antibatterico sui globuli bianchi chiamati neutrofili37 (un’elevata conta dei neutrofili è un indicatore di infezione)
Soppressione dello stress ossidativo38
Regolazione della pressione sanguigna (un fattore di rischio per COVID-19 grave)
Miglioramento dei difetti metabolici associati a diabete e insulino-resistenza (fattori di rischio per COVID-19 grave) attraverso l’inibizione del sistema renina-angiotensina (RAS)
Proteggere le cellule staminali mesenchimali (MSC, che hanno dimostrato di migliorare la grave infezione da SARS-CoV-2) contro le lesioni e migliorare le loro attività biologiche
Promuovere l’immunità cellulo-mediata e umorale
Promuovere la sintesi di cellule progenitrici per macrofagi e granulociti, cellule natural killer (NK) e cellule T-helper, in particolare cellule CD4+
Inibizione degli inflammasomi NLRP339 — Gli inflammasomi fanno parte della tua risposta immunitaria naturale. Quando viene rilevato un agente patogeno, gli inflammasomi vengono attivati e iniziano a rilasciare citochine proinfiammatorie. L’inflammasoma NLRP3, in particolare, è stato identificato come uno dei principali responsabili della sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS) e del danno polmonare acuto, entrambi potenziali esiti dell’infezione da COVID-1940

La melatonina riduce il rischio di test positivo COVID-19

Anche i dati41,42 della Cleveland Clinic supportano l’uso della melatonina. Qui, i ricercatori hanno analizzato i dati dei pazienti dal registro COVID-19 della Cleveland Clinic utilizzando una piattaforma di intelligenza artificiale progettata per identificare i farmaci che potrebbero essere riutilizzati.43,44

Identificando le manifestazioni cliniche e le patologie condivise da COVID-19 e 64 altre malattie, sono stati in grado di concludere che alcune proteine ​​​​associate a malattie croniche sono altamente legate alle proteine ​​SARS-CoV-2. In altre parole, un certo numero di proteine ​​sembra svolgere un ruolo chiave nelle patologie osservate sia nel COVID-19 che in altre malattie croniche.

Queste connessioni suggeriscono che i farmaci già in uso per una malattia cronica possono essere riproposti e utilizzati nel trattamento del COVID-19, poiché agisce su uno o più bersagli biologici condivisi. La melatonina si è distinta in questo senso. I pazienti che hanno utilizzato la melatonina come integratore avevano, in media, un rischio inferiore del 28% di risultare positivi per SARS-CoV-2. I neri che usavano la melatonina avevano il 52% di probabilità in meno di risultare positivi al virus.

Sfortunatamente, due dati chiave mancanti dall’analisi sono il dosaggio utilizzato e la durata dell’integrazione. Questi dati non sono stati inclusi nel registro dei pazienti, quindi non sappiamo quanta melatonina è necessaria, o per quanto tempo è necessario prenderla, per ridurre il rischio di infezione da SARS-CoV-2 nella misura trovata in questo studio.

La melatonina è parte integrante del protocollo di prima linea

All’inizio del 2020, la Front Line COVID-19 Critical Care Alliance (FLCCC)45 ha sviluppato trattamenti preventivi, ambulatoriali e protocolli ospedalieri46 basati sulle intuizioni dei medici fondatori di terapia intensiva. Il dottor Paul Marik,47 un medico di terapia intensiva noto per il suo protocollo salvavita per la sepsi con vitamina C,48 è uno di quei medici.

Marik ha pubblicato un articolo sul Journal of Thoracic Disease nel febbraio 202049 fornendo il razionale scientifico per l’utilizzo della melatonina per aiutare a regolare lo squilibrio ossidativo e la disfunzione mitocondriale che si trovano comunemente nella sepsi.

Questo è stato seguito da un articolo pubblicato su Frontiers in Medicine nel maggio 2020,50 in cui lui e un team di scienziati hanno presentato un algoritmo terapeutico per la melatonina nel trattamento specifico del COVID-19. “Le molteplici azioni della melatonina come antinfiammatorio, antiossidante e antivirale (contro altri virus) ne fanno una scelta ragionevole per l’uso”, hanno scritto.

Sulla base dei suoi noti meccanismi d’azione, l’FLCCC ha incluso la melatonina nei suoi trattamenti precoci e nei protocolli di trattamento ospedaliero sin dall’inizio. È possibile scaricare i protocolli più recenti sul sito Web di FLCCC.51

Come terapia di supporto, l’FLCCC raccomanda di assumere 6 mg prima di coricarsi se stai trattando COVID-19 sintomatico precoce o lieve. Il protocollo di trattamento ospedaliero prevede da 6 mg a 12 mg di melatonina durante la notte, fino alla dimissione.

Per i pazienti che trattano la sindrome COVID-19 a lungo raggio (LHCS), raccomandano di assumere tra 2 mg e 12 mg ogni notte. Inizia con una dose bassa e aumenta come tollerato. Se il tuo sonno è disturbato, riduci la dose. (Bassi dosi di melatonina ti aiuteranno a farti venire sonno, mentre dosi più elevate possono scatenare l’insonnia.)

Guida generale per l’integrazione

Sebbene le dosi suggerite quando usate contro il COVID siano significativamente superiori a quelle che normalmente assumeresti per migliorare il tuo sonno, non sembra esserci alcun pericolo per queste dosi. La ricerca non ha riscontrato effetti avversi per dosaggi che vanno da 20 mg fino a 100 mg.52

Questi intervalli di dosaggio sono fino a 100 volte superiori a quelli di una tipica dose conservativa di 0,5 mg, ma è incoraggiante che non siano stati osservati effetti avversi a queste dosi elevate. Sarebbe comunque prudente utilizzare dosi così elevate solo per tempi limitati quando potresti averne bisogno.

Qualunque sia la dose che assumi, e ti consiglio di iniziare a un livello basso, a 1 mg o meno, assicurati di assumere la melatonina la sera, prima di andare a letto. L’aumento dei livelli di melatonina è il motivo per cui ti senti assonnato la sera, quindi è sconsigliato assumerlo al mattino o durante il giorno, quando il tuo livello naturale è (e dovrebbe essere) basso.

La melatonina è anche meglio assunta per via sublinguale, sotto forma di spray o compressa sublinguale. Per via sublinguale, può entrare direttamente nel flusso sanguigno e non deve passare attraverso il tratto digestivo. Di conseguenza, il suo effetto si farà sentire più rapidamente.

Fonti e riferimenti

Dr. Mercola


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: