Modifica Comportamentale: Cosa Devi Sapere

14 gennaio 2022; Analisi di Tessa Lena

Questa storia riguarda la modifica del comportamento, sia come ambizione filosofica che come applicazione militare. Questo argomento è vasto, quindi mi concentrerò su alcuni sviluppi relativamente recenti, specialmente nell’area della magnetogenetica. Ma prima, le pillole della moralità!

La storia in breve

  • I neuroscienziati hanno lavorato su una serie di tecniche avanzate con applicazioni militari
  • La magneto-genetica è una tecnica che utilizza i campi magnetici per controllare a distanza l’attività cellulare
  • Negli esperimenti umani, lo scienziato ha sperimentato la riduzione dei sentimenti religiosi
  • Negli esperimenti sugli animali, i ricercatori sono stati in grado di indurre comportamenti specifici nei topi utilizzando virus e campi magnetici geneticamente modificati
  • Un’altra area di modifica comportamentale sono i “vaccini digitali”, che è un software speciale per il cambiamento comportamentale

Pillole morali

Nell’agosto 2020, Forbes ha pubblicato un articolo intitolato “Una ‘pillola morale’ può aiutare a fermare la pandemia di Covid-19?” Si basava sull’opinione di un bioeticista Parker Crutchfield che ha affermato quanto segue:

“Il miglioramento morale è l’uso di sostanze per renderti più morale. Le sostanze psicoattive agiscono sulla tua capacità di ragionare su quale sia la cosa giusta da fare, o sulla tua capacità di essere empatico, altruista o cooperativo”.

Il problema che Crutchfield stava cercando di risolvere con le sue “pillole morali” teoriche erano i fastidiosi contrari del COVID, i proverbiali assassini della nonna che si rifiutavano di rispettare il mascheramento e il distanziamento sociale.

“Il problema dei disertori del coronavirus potrebbe essere risolto con il miglioramento morale: come ricevere un vaccino per rafforzare il sistema immunitario, le persone potrebbero assumere una sostanza per aumentare il loro comportamento cooperativo e pro-sociale”.

L’autore sembrava avere un’ottima opinione della propria capacità di prendere decisioni perfette sulle cose, inclusa la migliore risposta alla pandemia, e quindi non ha avuto scrupoli a imporre le sue opinioni agli altri sotto forma di pillole o, forse, iniezioni di moralità. Si è spinto fino a dire che “una soluzione sarebbe quella di rendere obbligatorio il potenziamento morale o di amministrarlo di nascosto, magari attraverso l’approvvigionamento idrico”.

Crutchfield ha inoltre fatto riferimento al suo lavoro, in cui ha esplorato il concetto di rafforzare la democrazia medicando segretamente i cittadini. Ha dichiarato quanto segue:

“Alcuni teorici sostengono che il bio-potenziamento morale dovrebbe essere obbligatorio. Porto questo argomento un ulteriore passo avanti, sostenendo che se il bio-potenziamento morale dovrebbe essere obbligatorio, allora la sua amministrazione dovrebbe essere nascosta piuttosto che palese. Questo per dire che è moralmente preferibile per il bio-potenziamento morale obbligatorio da amministrare senza che i destinatari sappiano che stanno ricevendo il potenziamento.
La mia argomentazione è che se il bio-miglioramento morale dovrebbe essere obbligatorio, allora la sua amministrazione è una questione di salute pubblica, e per questo motivo dovrebbe essere governata dall’etica della salute pubblica.
Sostengo che l’amministrazione segreta di un programma obbligatorio di bio-miglioramento morale si conforma meglio all’etica della salute pubblica rispetto a un programma obbligatorio palese. In particolare, un programma obbligatorio nascosto promuove valori come libertà, utilità, uguaglianza e autonomia meglio di un programma palese.
[enfasi mia].

Bravissimo! Questa combinazione di libertà e farmaci forzati somministrati di nascosto viene fornita con le patatine DeBlasio?

La cosa buona delle pillole della moralità è che sono apparentemente teoriche… si spera. Che ne dici di creare falsi ricordi? Quella, ora, è vera scienza! Nel 2014, la rivista Smithsonian ha pubblicato un articolo intitolato “Incontra i due scienziati che hanno impiantato un falso ricordo in un topo“, che descriveva una serie di esperimenti piuttosto sadici che mostravano che era possibile impiantare falsi ricordi. (Dovremmo imporre pillole morali per gli scienziati? Mi chiedevo solo.)

Impiantare una falsa memoria in un topo

Gli scienziati hanno eseguito una serie di manipolazioni che descriverò in dettaglio tecnico in appena un secondo, ma il succo è che hanno posizionato un topo in una scatola particolare e hanno dato al mouse una scossa al piede mentre contemporaneamente hanno attivato il ricordo di essere dentro una scatola diversa, “sicura”, da un precedente esperimento quando il topo si trovava nell’altra scatola senza ricevere lo shock.

Hanno quindi riposto il topo nella scatola “sicura”, e il topo ha agito terrorizzato, come se associasse quella prima scatola a una scossa, mentre in realtà la scossa è stata data nella seconda scatola, non nella prima scatola. La conclusione che ne trassero gli scienziati fu che nella mente del topo, “ricordava” di aver ricevuto uno shock nella scatola in cui non gli era mai stato dato uno shock.

Grandi dettagli tecnici: lavorando con topi di laboratorio geneticamente modificati, gli scienziati hanno iniettato nei loro cervelli un cocktail biochimico che includeva un gene per una proteina fotosensibile (channelrhodopsin-2). Le cellule che partecipano alla formazione della memoria dovrebbero quindi produrre la proteina e diventare esse stesse fotosensibili.

Vale a dire, “hanno impiantato chirurgicamente sottili filamenti dal laser attraverso i crani dei topi e nel giro dentato. Riattivare la memoria – e la sua risposta di paura associata – era l’unico modo per dimostrare che avevano effettivamente identificato ed etichettato un “engramma” [un’unità di informazioni cognitive impresse in una sostanza fisica].

I ricercatori hanno sacrificato gli animali dopo l’esperimento ed hanno esaminato i tessuti cerebrali al microscopio per confermare l’esistenza degli engram; le cellule coinvolte in una specifica memoria si sono illuminate di verde dopo il trattamento con sostanze chimiche che hanno reagito con la channelrhodopsin-2″.

Per manipolare un engram specifico per creare un falso ricordo, hanno “preparato il topo, iniettando il cocktail biochimico nel giro dentato. Successivamente, hanno messo il topo in una scatola senza scioccarlo. Mentre l’animale ha trascorso 12 minuti a esplorare, un il ricordo di questa esperienza benigna era codificato come un engram.

Il giorno seguente, il topo è stato collocato in una scatola diversa, dove il suo ricordo della prima scatola (sicura) è stato attivato sparando il laser nel giro dentato. In quel preciso momento, il topo ha ricevuto una scossa al piede. Il terzo giorno, il topo è stato riposto nella cassetta di sicurezza e si è immediatamente congelato per la paura. Non aveva mai ricevuto una scossa al piede lì, ma la sua falsa memoria, creata dai ricercatori in un’altra scatola, gli ha fatto comportare come se l’avesse fatto”.

Eccolo qua. Gli scienziati sarebbero stati in grado di creare un falso ricordo in un topo torturandolo e i suoi simili. Falsi ricordi, controlla. Che ne dici di manipolare i sentimenti religiosi nelle persone? Gli scienziati ci hanno provato? Certo che l’hanno fatto.

Esperimenti per manipolare le credenze religiose con il magnetismo

Nel 2015 è stato pubblicato su “Social Cognitive and Affective Neuroscience” un articolo intitolato “Neuromodulazione del pregiudizio di gruppo e delle credenze religiose”.

Gli autori dello studio “hanno presentato ai partecipanti un promemoria della morte e una critica del loro gruppo apparentemente scritta da un membro di un gruppo esterno, quindi hanno diminuito sperimentalmente sia la fede dichiarata in Dio che la deroga fuori dal gruppo sottoregolando l’attività del pMFC tramite stimolazione magnetica transcranica. I risultati forniscono la prima prova che il pregiudizio di gruppo e il credo religioso sono suscettibili di neuromodulazione mirata”.

Magnetogenetica

Parlando di stimolazione magnetica, parliamo di magnetogenetica. La magnetogenetica è una tecnica biologica che prevede l’uso di campi magnetici per controllare a distanza l’attività cellulare. Secondo la società di ricerca comportamentale Noldus, “la magnetogenetica, o l’uso del controllo elettromagnetico, implica l’attivazione delle cellule utilizzando campi magnetici. Con la magnetogenetica i ricercatori hanno trovato un modo per controllare i neuroni con gli elettromagneti”.

Per contesto, la magnetogenetica è adiacente ad altri due metodi, optogenetica e chemogenetica. L’optogenetica si basa sull’attivazione o disattivazione di popolazioni di neuroni correlati su una scala temporale di millisecondo per millisecondo con impulsi di luce laser. L’optogenetica è un metodo invasivo che richiede l’inserimento di fibre ottiche che forniscono gli impulsi di luce nel cervello. La chemogenetica utilizza proteine ingegnerizzate che vengono attivate da farmaci di sintesi e possono essere mirate a specifici tipi di cellule.

L’esperimento “Magneto”.

Nel 2016, due scienziati dell’Università della Virginia hanno dimostrato che i neuroni nel cervello che sono stati integrati con un gene sintetico possono essere manipolati a distanza da un campo magnetico. Nelle loro stesse parole, “potrebbero aver scoperto un passo importante verso lo sviluppo di uno ‘strumento onirico’ per il controllo a distanza dei circuiti neurali”.

All’epoca, Güler, professore di biologia presso l’UVA, e il dottorato in neuroscienze dell’UVA. il candidato Michael Wheeler “ha progettato un gene che può far percepire a una cellula la presenza di un campo magnetico. Hanno accoppiato un gene che rileva l’allungamento cellulare con un altro gene che funziona come un nanomagnete. Questa combinazione sintetica si attiva solo in presenza di un magnete campo, consentendo loro di controllare l’attività neuronale nel cervello”.

“In una serie di test su topi che utilizzavano il gene Magneto per esprimere conforto o piacere, i topi sono andati volontariamente in una camera della loro gabbia dove era presente il campo magnetico, come se fosse presente del cibo.
Allo stesso modo, quando il campo magnetico è stato disattivato, i topi non hanno mostrato alcuna preferenza particolare per quell’area della gabbia. Ma quando il campo magnetico è stato riattivato, si sono spostati di nuovo in quella zona della gabbia. I topi senza il gene Magneto non hanno mostrato alcun cambiamento comportamentale in presenza di magneti”
.

Secondo il Guardian, la premessa dell’esperimento era che le proteine ​​delle cellule nervose attivate dal calore e dalla pressione meccanica “possono essere geneticamente modificate in modo che diventino sensibili alle onde radio e ai campi magnetici, legandole a una proteina che immagazzina il ferro chiamata ferritina, o a particelle paramagnetiche inorganiche.”

La tecnica utilizzava la proteina TRPV4, che è sensibile sia alla temperatura che alle forze di stiramento che “aprono il suo poro centrale, consentendo alla corrente elettrica di fluire attraverso la membrana cellulare; questo evoca impulsi nervosi che viaggiano nel midollo spinale e poi fino al cervello”.

Gli scienziati “hanno utilizzato l’ingegneria genetica per fondere la proteina nella regione paramagnetica della ferritina, insieme a brevi sequenze di DNA che segnalano alle cellule di trasportare le proteine ​​​​alla membrana delle cellule nervose e di inserirle in essa…
Quando hanno introdotto questo costrutto genetico nelle cellule renali embrionali umane che crescono nelle piastre di Petri, le cellule hanno sintetizzato la proteina “Magneto” e l’hanno inserita nella loro membrana. L’applicazione di un campo magnetico ha attivato la proteina ingegnerizzata, come evidenziato da aumenti transitori della concentrazione di ioni calcio all’interno delle cellule”.
“Successivamente, i ricercatori hanno inserito la sequenza di Magneto DNA nel genoma di un virus, insieme al gene che codifica per la proteina fluorescente verde e alle sequenze di DNA regolatorio che fanno sì che il costrutto venga espresso solo in determinati tipi di neuroni.
Hanno quindi iniettato il virus nel cervello dei topi, prendendo di mira la corteccia entorinale, e hanno sezionato il cervello degli animali per identificare le cellule che emettevano fluorescenza verde. Usando i microelettrodi, hanno poi dimostrato che l’applicazione di un campo magnetico alle fette cerebrali ha attivato Magneto in modo che le cellule producano impulsi nervosi”.

Quando gli scienziati hanno posizionato gli animali in un apparato diviso in sezioni magnetizzate e non magnetizzate, “i topi che esprimono Magneto hanno trascorso molto più tempo nelle aree magnetizzate rispetto ai topi che non lo facevano, perché l’attivazione della proteina ha causato il rilascio di dopamina da parte dei neuroni striatali che la esprimono , in modo che i topi abbiano trovato gratificante trovarsi in quelle aree. Ciò dimostra che Magneto può controllare a distanza l’attivazione dei neuroni nelle profondità del cervello e anche controllare comportamenti complessi“.

Lasciatemi dire solo che come cittadino, non mi sento particolarmente rilassato sapendo che questa ricerca esiste, specialmente nelle circostanze odierne. Di solito, ogni volta che c’è una tecnologia adatta per la modifica del comportamento e il controllo della folla, qualcuno cerca di usarla. I politici e gli avidi leader aziendali sono divertenti in questo modo! Quando c’è un martello…

Il discorso del Dr. James Giordano sulla neuroscienza militare

A proposito di martelli, ti consiglio vivamente di guardare questa presentazione sconvolgente, fantascientifica e francamente inquietante sulle applicazioni militari delle neuroscienze del dottor James Giordano, professore al Georgetown University Medical Center che è stato Senior Science Advisory Fellow del gruppo di valutazione strategica multistrato del Joint Staff del Pentagono.

Nella sua presentazione, il dottor Giordano parla delle armi neurologiche e di come i nuovi sviluppi nella scienza del cervello possono essere utilizzati nell’esercito (e oltre). Alcune delle applicazioni e degli scenari che descrive ti faranno grattare la testa molto forte!

“Vaccini digitali”

Un’altra area di modifica comportamentale sono i cosiddetti “vaccini digitali” o software di modifica comportamentale. Secondo il Center for Digital Health presso la Brown’s Alpert Medical School, i vaccini digitali sono “una soluzione al problema della creazione di un cambiamento comportamentale sostenuto” e “un sottotipo di terapie digitali, che utilizzano la formazione neurocognitiva per promuovere comportamenti umani positivi utilizzando tecnologie come le app per smartphone.”

Sono chiamati “vaccini” perché creano resistenza alle malattie attraverso un meccanismo diverso. (Suppongo che siano chiamati “vaccini” perché è una parola alla moda e favorevole agli investitori che potrebbe anche venire con una mancanza di responsabilità legale, ma questa è solo una mia ipotesi cinica.)

La Carnegie Mellon University ospita il Digital Vaccine Project, un’iniziativa che si concentra sullo sviluppo e sulla valutazione di candidati al “vaccino digitale”. Tra gli altri candidati, stanno parlando di un “vaccino digitale” per il COVID-19, che somiglia in modo sospetto a un bot ludicizzato progettato per addestrare le persone a praticare buone “abitudini igienico-sanitarie”, come definito dai proprietari dell’algoritmo.

Questo mi suona come un buon vecchio missionario in una brillante forma digitale: un “capo” non richiesto e indesiderato con un complesso di superiorità e nessun senso del tatto!

Prima o poi, gli scienziati scopriranno che i loro “pazienti” sono infastiditi dal robot a morte – a quel punto i preti speranzosi della modifica comportamentale troveranno una “correzione” oltre a una “correzione” – e i soldi saranno guadagnati dagli investitori in ogni fase del processo, come di solito accade, al prezzo delle persone.

Concludo dicendo che la modifica tecnologica del comportamento è un’idea marcia, guidata da maniaci. Il fatto che la fame per il controllo totale sia così dolorosamente prevalente nel nostro mondo non cambia la natura patologica di quella fame.

Il bisogno di controllo meccanico nasce dalla paura e dall’ansia, ed è innegabile. E sì, oggi la Macchina regna ancora e ha il potere di fare il prepotente ma senza dubbio, in qualunque modo ci arriviamo, ci stiamo muovendo verso un mondo in cui siamo pienamente vivi e liberi. Più forti e coraggiosi siamo di fronte all’oscurità, prima ci libereremo.

Circa l’autore

Per scoprire di più sul lavoro di Tessa Lena, assicurati di controllare la sua biografia, Tessa Fights Robots.

Fonti e riferimenti

Dr. Mercola

Una opinione tra le tante…

La morale consiste nella conformità alle norme comunitarie. Ognuno di noi vive la propria vita in più comunità, ognuna delle quali ha standard morali diversi, a volte molto diversi, come quelli di una comunità di monaci buddisti rispetto a una comunità mafiosa, o la differenza tra una comunità di vendita aziendale e un ente di beneficenza, o la differenza tra un famiglia onesta e premurosa ed una disfunzionale o abusiva.

Una droga o una tecnica che ci rende più “morali” ci rende semplicemente più flessibili, più facilmente manipolabili, meno individualisti.

La paura fa lo stesso..

Essere minacciati di tortura, morte o altri abusi fisici, mentali o spirituali può essere visto come “renderci più morali” agli occhi della comunità violenta. L’abuso effettivo da parte di individui o comunità può avere lo stesso effetto. Punire o abusare pubblicamente di qualcuno o di una comunità ha effetti “morali” sull’individuo e anche su altri individui e comunità. Gli avvertimenti pubblici di Facebook secondo cui “questa pagina pubblica post su COVID-19” dimostra che esporre le proprie convinzioni su problemi della comunità come COVID o vaccini è “immorale” a meno che non sia conforme agli standard della comunità imposti da Facebook. Questo è semplicemente un abuso, sotto le spoglie della scienza e della moralità.

L’abuso si estende oltre l’individuo punito pubblicamente a chiunque “potrebbe non conformarsi” a quello standard comunitario, quella visione morale. Bandire un utente di Facebook, Twitter o YouTube senza una chiara accusa e senza possibilità di difesa non è un “comportamento morale” è un uso abusivo di potere. Purtroppo è spesso e facilmente commercializzato come un’azione moralmente responsabile.

Una droga o una pillola che “migliora la moralità” è semplicemente “abuso dell’individuo”. Anche le mascherine, la sanificazione, il distanziamento sociale e le vaccinazioni sono abusi progettati per aumentare la conformità generale agli standard burocratici della comunità.


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: