Cosa devi sapere sul vaccino Covid e altro ancora

15 gennaio 202; Analisi del Dr. Joseph Mercola [-Fatto verificato-]

La storia in breve

  • I colpi di COVID si basano sulla proteina spike SARS-CoV-2, che è la parte più patogena del virus, responsabile dei peggiori sintomi di COVID-19, come la coagulazione del sangue anormale osservata nei pazienti gravemente malati
  • I colpi di mRNA di Pfizer e Moderna e il colpo di DNA vettoriale di Janssen iniettano tutti materiale genetico nel tuo corpo che programma le tue cellule per iniziare a produrre questa proteina spike. Sono tecnologie di trasferimento genico che istruiscono il tuo corpo a produrre una proteina pericolosa all’interno dei suoi stessi tessuti
  • Uno studio di biodistribuzione Pfizer ha mostrato che sia l’mRNA che la proteina spike sono ampiamente distribuiti nel corpo. In particolare si accumula nelle ovaie. Nonostante ciò, gli studi di tossicologia riproduttiva sono stati eliminati nell’interesse della velocità
  • Il numero medio di segnalazioni di eventi avversi dopo la vaccinazione negli ultimi 10 anni è stato di circa 39.000 all’anno per tutti i vaccini combinati, con una media di 155 decessi. I soli jab COVID ora rappresentano 701.126 eventi avversi nei territori degli Stati Uniti al 17 dicembre 2021, inclusi 9.476 decessi
  • I casi di miocardite esplodono dopo il secondo colpo e colpiscono in modo sproporzionato i ragazzi; Il 90% delle segnalazioni di miocardite post-jab sono maschi e l’85% delle segnalazioni si è verificato dopo la seconda dose. I casi sono anche inversamente correlati all’età, con i ragazzi più giovani a maggior rischio. L’incidenza stimata di eventi avversi cardiaci post-jab è di 162 per milione per i ragazzi di età compresa tra 12 e 15 anni e di 94 per milione per i ragazzi di età compresa tra 16 e 17 anni

Nella presentazione video sopra, il dottor Peter McCullough, un cardiologo, internista ed epidemiologo altamente accreditato e pubblicato, ed uno dei medici primari che forniscono saggezza clinica e buon senso nei trattamenti COVID, spiega cosa è la proteina spike SARS-CoV-2 è e come danneggia la biologia umana, indipendentemente dal fatto che provenga da un’infezione naturale da SARS-CoV-2 o da un jab COVID.

La presentazione è stata tenuta al Burleson, Texas, COVID Symposium: A Legal Perspective, trasmesso in streaming dal vivo il 3 dicembre 2021. Inizia affrontando la necessità di sicurezza ogni volta che viene lanciato un nuovo prodotto biologico. La sicurezza non è qualcosa che possiamo semplicemente ignorare, qualunque cosa sia in gioco. Dobbiamo esigere che qualunque cosa ci venga data soddisfi effettivamente una sorta di standard di sicurezza.

I campanelli di avvertimento hanno iniziato a suonare nelle orecchie di McCullough nell’estate del 2020, molto prima che venissero lanciati i colpi di COVID. “Stavo dicendo ai legislatori che abbiamo un problema”, dice McCullough, perché sono stati tagliati gli angoli che potrebbero risultare in un prodotto pericoloso. Gli studi sulla sicurezza, ad esempio, sono stati ridotti a soli due mesi, il che non consente una valutazione adeguata.

Perché hanno usato la proteina Spike?

Aveva anche molte altre preoccupazioni sul programma di sviluppo. In particolare, i colpi erano basati sulla proteina spike SARS-CoV-2, che a quel punto avevamo già capito essere la parte più patogena del virus, responsabile dei peggiori sintomi di COVID-19, come la coagulazione del sangue anormale osservata nei pazienti malati in condizioni gravi.

Come spiegato da McCullough, il virus può essere illustrato come una palla con sporgenze simili a punte sulla sua superficie. Quei picchi sono ciò che sta causando i problemi.

“Erano stati geneticamente modificati e ingegnerizzati in un laboratorio a Wuhan, in Cina”, dice McCullough, “per essere particolarmente infettivi e particolarmente pericolosi quando entrano nel corpo umano.
L’ultima cosa che vuoi nel tuo corpo è una di quelle [proteine ​​​​spike], per non parlare di miliardi di esse perché [loro] danneggiano il cervello, danneggiano il cuore, danneggiano il midollo osseo, possono lacerare piastrine e globuli rossi. Molto importante, danneggiano i vasi sanguigni e causano la coagulazione del sangue.

I colpi di mRNA di Pfizer e Moderna e il colpo di DNA vettoriale di Janssen iniettano tutti materiale genetico nel tuo corpo che programma le tue cellule per iniziare a produrre la proteina spike. Sono tecnologie di trasferimento genico.

In breve, i colpi istruiscono il tuo corpo a produrre una proteina pericolosa all’interno dei suoi stessi tessuti. “Non l’abbiamo mai fatto prima nella storia della medicina”, dice McCullough, e per una buona ragione: è una cattiva idea. “È quasi come una storia di fantascienza che va male”, dice.

L’idea è che facendo in modo che il tuo corpo produca questa proteina spike dannosa, il tuo corpo reagirà e la combatterà, creando così l’immunità. Tuttavia, nel processo, la proteina spike può causare danni quasi incomprensibili. In alcune persone, la proteina spike è letale.

Produzione incontrollata di proteine ​​di punta

Inoltre, abbiamo una produzione incontrollata di proteine ​​spike, sia in termini di quantità che di tempo. Il documento di maggio 2021,1 “Circulating SARS-CoV-2 Vaccine Antigen Detected in the Plasma of mRNA-1273 Vaccine Recipients”, ha dimostrato che la proteina spike è circolata nel flusso sanguigno per una media di 15 giorni dopo l’iniezione. Il più lungo è stato di 29 giorni.

Ciò ha confutato l’affermazione secondo cui l’mRNA è rimasto semplicemente nel braccio e non è circolato fuori dal sito di iniezione. Logicamente, questa affermazione non ha molto senso e il governo giapponese, all’inizio, ha chiesto a Pfizer di fare uno studio per mostrare loro dove va effettivamente l’mRNA iniettato.

Pfizer ha condotto quello studio di biodistribuzione,2 che ha mostrato che sia l’mRNA che la proteina spike erano ampiamente distribuiti nei corpi degli animali. In particolare, è stato riscontrato che si accumula nelle ovaie. Nonostante ciò, il pacchetto di dati sulla biodistribuzione Pfizer rivela che gli studi di tossicologia riproduttiva sono stati eliminati nell’interesse della velocità.

Il 25 giugno 2021, è stato pubblicato un documento sul server di prestampa BioRxiv, che mostra che la porzione S1 della proteina spike rimane rilevabile fino a 15 mesi dopo il recupero da COVID-19.

“Non c’è da stupirsi che le persone abbiano la sindrome da lungo COVID”, afferma McCullough. “Il corpo sta cercando di ripulire questa proteina spike che non dovrebbe essere lì, 15 mesi dopo aver avuto l’infezione”.

McCullough sottolinea che Bruce Patterson, lo scienziato di Stanford che ha condotto quello studio, continua anche a trovare l’intera proteina spike – entrambi i segmenti S1 e S2 – nei pazienti che hanno ricevuto il vaccino COVID, mesi dopo l’iniezione.

Quindi, al momento, non sappiamo quando cesserà la produzione di proteine ​​spike. Quello che sappiamo, con grande certezza, è che la proteina spike danneggia il corpo umano e contribuisce a condizioni di salute e malattie sia acute che croniche.

L’Australia ha già acquistato 14 dosi di jab COVID per ogni persona. Questo ha lo scopo di coprirli per sette anni, a una dose ogni sei mesi. Come notato da McCullough, alcune persone semplicemente non sopravviveranno a quel tipo di attacco continuo e sempre crescente di proteine ​​spike.

Domande urgenti sulla sicurezza dei vaccini

Nell’aprile 2021 erano evidenti chiari segnali di pericolo e il 24 maggio 2021 McCullough ha pubblicato un articolo insieme ad altri 56 scienziati internazionali sulla rivista Authorea.3

Il documento, “Vaccinazione di massa SARS-CoV-2: domande urgenti sulla sicurezza dei vaccini che richiedono risposte da agenzie sanitarie internazionali, autorità di regolamentazione, governi e sviluppatori di vaccini”, richiedeva che le iniezioni fossero ritirate dal mercato a meno che o fino a quando non fossero stati affrontati problemi di sicurezza. Le principali preoccupazioni cliniche sollevate includono:

I meccanismi d’azione potenzialmente pericolosi dei colpi con conseguente danno cellulare, tissutale e d’organo
La presenza di proteine spike dannose nel sangue donato
Mancanza di studi di genotossicità, teratogenicità e oncogenicità
Gli effetti del bioaccumulo nelle ovaie delle donne
Il potenziale per una ridotta fertilità
La mancanza di un comitato di monitoraggio dei dati e della sicurezza (DSMB) per supervisionare gli studi clinici e la sorveglianza post-commercializzazione
La mancanza di un comitato etico umano per supervisionare gli studi clinici
La mancanza di restrizioni sui gruppi esentati da studi randomizzati e controllati (RCT) come donne in gravidanza, donne in età fertile, sopravvissute a COVID (precedentemente immuni)
La mancanza di stratificazione del rischio di ricovero e morte negli studi clinici
La mancanza di trasparenza dei dati
La mancanza di mitigazione del rischio pubblico (opzioni di trattamento precoce e domiciliare)

Il documento è stato inviato a tutte le agenzie sanitarie e di regolamentazione del mondo. Eccoci all’inizio del 2022 e, beh, puoi vedere quale è stata la risposta. È stata inesistente.

Una valutazione critica di VAERS

Nell’ottobre 2021, Jessica Rose, Ph.D., con l’Institute for Pure and Applied Knowledge in Israel, ha pubblicato un rapporto sulla rivista Science, Public Health Policy e Law.4 Il rapporto, “Critical Appraisal of VAERS Pharmacovigilance: Il Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) statunitense è un sistema di farmacovigilanza funzionante?” dettagli tre problemi principali riscontrati:

  1. Segnalazioni di eventi avversi cancellate che coinvolgono lesioni da puntura COVID
  2. Inserimento ritardato dei rapporti
  3. Ricodifica dei termini del dizionario medico per le attività regolatorie (MeDRA) da grave a lieve

Include anche grafici a barre che mostrano l’estrema differenza tra i colpi COVID rispetto a tutti gli altri vaccini sul mercato. Se i colpi fossero sicuri, il numero di segnalazioni VAERS rimarrebbe relativamente stabile, non variando molto rispetto agli anni precedenti, ma quello che vediamo è un picco sbalorditivo di danni da vaccino segnalati nel 2021.

Il numero medio di segnalazioni di eventi avversi dopo la vaccinazione negli ultimi 10 anni è stato di circa 39.000 all’anno, con una media di 155 decessi. Questo è per tutti i vaccini disponibili combinati.

I soli jab COVID ora rappresentano 701.126 eventi avversi nei territori degli Stati Uniti al 17 dicembre 2021, inclusi 9.476 decessi. Se includi segnalazioni internazionali che si fanno strada nel sistema VAERS, stiamo esaminando 983.756 segnalazioni di eventi avversi e 20.622 decessi.5

Per quanto sbalorditivi siano questi numeri, sono solo la punta dell’iceberg. Quando si aggiunge il fattore di sottostima, che si ritiene sia compreso tra cinque e 40, i numeri sono semplicemente astronomici.

VAERS è un sistema di allerta precoce e dovrebbe avvisare il nostro governo di vaccini potenzialmente pericolosi una volta che sono stati lanciati. Il segnale di VAERS è così chiaro che non c’è dubbio che abbiamo un problema di sicurezza tra le mani.

I colpi di COVID possono causare la morte?

Come notato da McCullough, c’è una temporalità molto stretta nelle inquadrature nella maggior parte dei decessi. La metà si è verificata entro 48 ore dall’iniezione e l’80% è morto entro una settimana dalla vaccinazione (sia essa la prima, la seconda o la terza dose).6

La temporalità è uno dei 10 criteri di Bradford Hill utilizzati per stabilire una relazione causale. Per essere causativo, un evento deve verificarsi prima di un altro e minore è la durata tra i due eventi, maggiore è la probabilità di un effetto causale.

Nel giugno 2021, Scott McLachlan, Ph.D., presso l’Università di Londra ha pubblicato un’analisi7 dei rapporti di morte VAERS concludendo che l’86% dei decessi post-jab potrebbe essere attribuito agli spari. Non c’era altra spiegazione per le morti. McLachlan ha anche esaminato chi viene ucciso dagli spari e, purtroppo, sono le stesse persone che gli spari dovrebbero proteggere: i nostri anziani.

Nel settembre 2021, Ronald Kostoff, Ph.D., ha pubblicato un rapporto8 che mostrava anche che gli anziani stavano morendo a causa del jab a tassi molto più elevati rispetto ad altri gruppi di età. Come notato da McCullough, questo ha perfettamente senso perché le persone muoiono di COVID-19 a causa dell’impatto della proteina spike. Perché qualcuno dovrebbe presumere che sopravviverà avendolo prodotto nel proprio corpo?

Utilizzando l’analisi costi-benefici dello scenario migliore, Kostoff stima che le persone di età pari o superiore a 65 anni hanno cinque volte più probabilità di morire a causa dell’infezione da COVID-19 rispetto allo stesso COVID-19.

La ragione di ciò è perché se scatti, sei sicuro di essere esposto ai suoi rischi, ma non sei sicuro di contrarre COVID-19 se non scatti. Potresti essere esposto o no. E non tutti sviluppano una grave infezione anche se esposti direttamente.

Miocardite associata a COVID Jab nei bambini

All’inizio di settembre 2021, Tracy Beth Hoeg e colleghi hanno pubblicato un’analisi9 dei dati VAERS sul server di pubblicazione preliminare medRxiv, mostrando che oltre l’86% dei bambini di età compresa tra 12 e 17 anni che hanno riportato sintomi di miocardite erano sufficientemente gravi da richiedere il ricovero in ospedale.

Hanno anche concluso che i ragazzi sani hanno una probabilità “considerevolmente più alta” di essere ricoverati in ospedale con miocardite dopo il jab rispetto a quella di richiedere il ricovero per COVID-19.

Secondo McCullough, la FDA ha ascoltato questi dati due volte nel 2021 e non li ha mai contestati. Eppure hanno proceduto con le raccomandazioni per dare il jab COVID a chiunque abbia un polso di età superiore ai 5 anni. È semplicemente scioccante. Storicamente, di norma, non abbiamo mai somministrato droghe a persone quando è più probabile che facciano danni piuttosto che forniscano un beneficio.

Che cosa Hoeg et. al.10 ha mostrato che i casi di miocardite esplodono dopo il secondo colpo e colpiscono in modo sproporzionato i ragazzi. Il 90% dei casi di miocardite post-jab sono maschi e l’85% dei casi si è verificato dopo la seconda dose. Secondo Hoeg et. al.:11

“L’incidenza stimata di CAE [eventi avversi cardiaci] tra i ragazzi di età compresa tra 12 e 15 anni dopo la seconda dose era di 162 per milione; l’incidenza tra i ragazzi di età compresa tra 16 e 17 anni era di 94 per milione. L’incidenza stimata di CAE tra le ragazze era di 13 per milione in entrambi i gruppi di età.
L’incidenza di CAE era considerevolmente inferiore dopo la prima dose in tutti i gruppi di età e sesso. Il picco mediano della troponina è stato di 5,2 ng/mL tra i ragazzi di età compresa tra 12 e 15 anni, 11,6 ng/mL tra i ragazzi di età compresa tra 16 e 17 anni, 0,8 ng/mL tra le ragazze di età compresa tra 12 e 15 anni e 7,3 ng/mL tra le ragazze di età compresa tra 16 e 16 anni 17 anni.”

I livelli di troponina rivelano enormi danni al cuore

La troponina è una proteina che aiuta a regolare le contrazioni del cuore e dei muscoli scheletrici. È un biomarcatore per danni cardiaci, poiché il tuo cuore rilascia troponina in risposta a un infortunio. La troponina elevata viene utilizzata per valutare se hai avuto un infarto, ad esempio.

I livelli normali di troponina sono quasi impercettibili, quindi anche piccoli aumenti possono indicare un danno cardiaco. Un livello superiore a 0,4 ng/mL è in genere indicativo di un attacco di cuore e qualsiasi valore compreso tra 0,04 ng/mL e 0,4 ng/mL indica che c’è un qualche tipo di problema con il cuore.12

Quindi, i livelli altissimi di troponina post-jab in questi ragazzi adolescenti sono tutt’altro che irrilevanti. Può essere assolutamente pericoloso per la vita. La miocardite può provocare la morte improvvisa, come illustrato in un caso clinico dell’ottobre 202113 dalla Corea, dove la morte di un uomo di 22 anni per miocardite acuta era causalmente collegata al colpo di Pfizer.

“Senza dubbio, ucciderà i bambini”, dice McCullough. Anche se non acutamente letale, la miocardite può ridurre significativamente l’aspettativa di vita. Storicamente, il tasso di sopravvivenza da tre a cinque anni per la miocardite variava dal 56% all’83%.14 Ciò significa che una certa percentuale non supera i cinque anni perché il loro cuore è troppo danneggiato.

Anche McCullough e Rose hanno cercato di pubblicare un’analisi su questo argomento. Hanno presentato un articolo15 sui casi di miocardite in VAERS in seguito ai colpi COVID alla rivista Current Problems in Cardiology. Ma dopo aver inizialmente accettato il giornale, il diario ha improvvisamente cambiato idea.

Tuttavia, puoi ancora trovare la pre-prova sul sito Web di Rose. Ciò che mostrano è che la miocardite post-jab è inversamente correlata all’età, quindi il rischio aumenta quanto più si è giovani. Anche loro hanno scoperto che esiste un rischio dose-dipendente, con i ragazzi che hanno un rischio sei volte maggiore di miocardite dopo la seconda dose.

La mortalità negli adolescenti è alle stelle

L’affermazione di McCullough secondo cui il colpo ucciderà alcuni bambini sta iniziando a mostrarsi anche nelle statistiche. I dati britannici, ad esempio, mostrano che i decessi tra gli adolescenti sono aumentati da quando quella fascia di età è diventata idonea per i colpi di COVID.16

Tra la settimana terminata il 26 giugno e quella terminata il 18 settembre 2020, sono stati segnalati 148 decessi tra i giovani di età compresa tra i 15 ei 19 anni. Nello stesso periodo di tempo nel 2021, in quella fascia di età si sono verificati 217 decessi. Si tratta di un aumento del 47%, che deve ancora essere spiegato.

Anche i decessi per COVID-19 sono aumentati tra i 15 ei 19 anni dopo che i colpi sono stati lanciati. Sono state sollevate preoccupazioni significative sulla possibilità che i jab COVID possano peggiorare la malattia COVID-19 tramite il potenziamento dipendente da anticorpi (ADE).17 È quello che sta succedendo qui? Come riportato da The Exposé, che ha condotto l’indagine:18

“La correlazione non è uguale alla causalità, ma è estremamente preoccupante vedere che i decessi sono aumentati del 47% tra gli adolescenti di età superiore ai 15 anni e anche i decessi per COVID-19 sono aumentati in questa fascia di età da quando hanno iniziato a ricevere il vaccino COVID-19 , ed è forse una coincidenza troppo lontana.

COVID Jabs Doppio rischio di sindrome coronarica acuta

Oltre ai livelli di troponina, i ricercatori hanno anche scoperto che i colpi di mRNA COVID-19 di Pfizer e Moderna aumentano notevolmente altri biomarcatori associati a trombosi, cardiomiopatia e altri eventi vascolari dopo l’iniezione.19

Le persone che avevano ricevuto due dosi di mRNA jab hanno più che raddoppiato il loro rischio a cinque anni di sindrome coronarica acuta (SCA), hanno scoperto i ricercatori, portandolo da una media dell’11% al 25%. SCA è un termine generico che include non solo attacchi di cuore, ma anche una serie di altre condizioni che comportano una brusca riduzione del flusso sanguigno al cuore.

In pochi mesi, l’efficacia dei Jab scende a zero

Come dovrebbe essere ormai evidente, ci sono rischi significativi per questi colpi di COVID. Ma che dire del lato vantaggio dell’equazione? Come notato da McCullough, mentre gli spari riducono il rischio di morte per COVID-19, il beneficio è evanescente.

Sono stati pubblicati numerosi articoli che calcolano la riduzione assoluta del rischio dei colpi, mostrando che i quattro jab COVID disponibili negli Stati Uniti forniscono una riduzione assoluta del rischio compresa tra solo lo 0,7% e l’1,3%.20,21

McCullough continua citando uno studio del New England Journal of Medicine del 1° dicembre 202122 che ha confrontato l’efficacia delle iniezioni di Pfizer e Moderna tra i veterani ricoverati in ospedale. Anche qui, hanno scoperto che i colpi avevano un’efficacia inferiore all’1% contro tutti gli eventi COVID-19, nel corso di sei mesi.

Alla fine di ottobre 2021, avevamo 22 studi che mostravano che l’efficacia dei colpi contro tutte le varianti è diminuita rapidamente nel corso di tre o sei mesi, raggiungendo infine lo zero.

Ad esempio, uno studio svedese23 pubblicato il 25 ottobre 2021, ha esaminato i dati di 842.974 coppie, in cui ogni persona che aveva ricevuto due jab COVID è stata accoppiata e confrontata con un individuo non vaccinato, per vedere se il vaccinato aveva meno casi sintomatici e ricoveri ospedalieri.

All’inizio, il double-jabbed sembrava avere una protezione decente, ma le cose sono cambiate rapidamente. Il colpo Pfizer è passato dal 92% di efficacia dal giorno 15 al giorno 30, al 47% dal giorno 121 al giorno 180 e zero dal giorno 201 in poi. Il tiro di Moderna ha avuto una traiettoria simile, essendo stimato al 59% dal Day 181 in poi.

I vaccini non sono fattibili se non possono durare un anno! Il criterio minimo per accettare un vaccino… è una copertura del 50% e deve durare un anno. Questi [scatti COVID] non lo stanno facendo.

~ Il dottor Peter McCullough

L’iniezione di AstraZeneca ha avuto un’efficacia inferiore all’inizio, è diminuita più velocemente dei colpi di mRNA e non ha avuto un’efficacia rilevabile al giorno 121. Nel frattempo, milioni di americani hanno già avuto COVID24 e hanno un’immunità naturale che non svanisce questo modo.

“I vaccini non sono fattibili se non possono durare un anno!” esclama McCullough. “Il criterio minimo per accettare un vaccino… è una copertura del 50% e deve durare un anno. Questi [scatti COVID] non lo stanno tagliando. Nessuno di loro può essere considerato un prodotto commerciale”.

I COVID-Jabbed sono altrettanto infettivi dei non vaccinati

I mandati COVID jab sono ancora più irrazionali se si tiene conto del fatto che non ti impediscono di essere infettato e gli studi hanno ripetutamente dimostrato che quando sei infetto, hai una carica virale uguale o superiore a quella degli individui non vaccinati. Ciò significa che sei contagioso come una persona non vaccinata.

Inoltre, come notato in una lettera25 all’editore del New England Journal of Medicine, i colpi hanno anche un’influenza minima sulla clearance virale. Se ottieni la vaccinazione COVID e vieni giù con COVID, potresti essere malato per un giorno o giù di lì meno di qualcuno che non è vaccinato.

Dobbiamo trattare i pazienti COVID in anticipo

McCullough chiude la sua presentazione esaminando l’importantissima questione del trattamento precoce. Devi trattare il COVID in modo precoce e aggressivo. Devi anche colpirlo da più lati. Nessun singolo farmaco può trattare efficacemente tutti gli aspetti di questa infezione (sebbene la variante Omicron non sembri avere nessuno dei problemi di coagulazione del sangue e bassi livelli di ossigeno associati ai primi ceppi).

Pochissime persone hanno bisogno di morire di COVID fintanto che ricevono un trattamento adeguato abbastanza presto. Il fatto che le nostre autorità sanitarie si rifiutino fino ad oggi di riconoscere protocolli terapeutici di successo è a dir poco un crimine.

Se vuoi vivere, e se vuoi che la tua famiglia e i tuoi amici vivano, faresti bene a ignorare la raccomandazione del CDC e della FDA di aspettare finché non riesci a respirare e poi andare in ospedale, dove ti daranno remdesivir tossico e ventilazione letale. Armati invece di uno o più protocolli di trattamento precoci e assicurati di avere le basi nel tuo armadietto dei medicinali. I protocolli che puoi utilizzare includono:

Ho esaminato tutti questi protocolli e credo che l’FLCCC sia il più semplice ed efficace. Ne ho pubblicato un riepilogo di seguito. Tuttavia, ho modificato alcuni dei consigli. Nello specifico ti consiglio:

Diminuire la dose di zinco da 100 mg a 50 mg di zinco elementare, ma solo per tre giorni, quindi diminuire a 15 mg di zinco elementare.
Aumento della quercetina da 250 mg a 500 mg.
Aggiungere NAC a 500 mg al giorno.
Quando uso la vitamina C, raccomando la vitamina C liposomiale, da 1.000 a 2.000 mg, da quattro a sei volte al giorno.
Quando usi il miele, assicurati che sia crudo, non normale del negozio di alimentari. Il miele crudo può essere ottenuto online o in un negozio di alimenti naturali.
Aggiungere enzimi fibrinolitici come lumbrokinase, serrapeptidase o nattokinase, da due a quattro compresse, da due a tre volte al giorno, a stomaco vuoto (un’ora prima o due ore dopo un pasto). Questo aiuterà ad abbattere eventuali microcoaguli e può essere usato al posto dell’aspirina.

Ho anche aggiunto un paio di terapie che devono anche includere:

  • Perossido di idrogeno nebulizzato: nebulizzare 5 ml di perossido allo 0,1% disciolto in soluzione salina normale allo 0,9% ogni ora o due. È meglio utilizzare un nebulizzatore che si collega alla parete, poiché sono più efficaci di quelli a batteria.
  • Ozono per via endovenosa somministrato da un medico specializzato in ozono.
Fonti e Referenze

Dr. Joseph Mercola


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: