Il pennacchio di Hunga Tonga in stratosfera

17 gennaio 2022; articolo di Cap Allon

  • Il pennacchio di Hunga Tonga era stratosferico (98.425 piedi);
  • Almeno 6 morti in Giappone Tempeste di neve;
  • La tempesta invernale da record colpisce la costa orientale e il Canada;
  • Combattere…

Il pennacchio di Hunga Tonga era stratosferico (98.425 piedi)

Il Regno di Tonga rimane isolato dal resto del mondo dopo la massiccia eruzione vulcanica al vulcano Hunga Tonga-Hunga Ha’pai a circa 65 km (40 miglia) a nord della capitale Nuku’alofa il 15 gennaio 2022.

Secondo il satellite lidar Ozone Mapping and Profiler Suite (OMPS), che misura la distribuzione globale dell’ozono come metodo di telerilevamento, sembra che l’eruzione del 15 gennaio di Hunga Tonga-Hunga Ha’apai avesse un’altezza massima della colonna di ca. 30 km (98.425 piedi) nella stratosfera.

I pennacchi di aerosol (minuscole goccioline di acido solforico e fini particelle di cenere) si sono diffusi in vaste distese dell’emisfero australe, riferisce vulcanodiscovery.com, esercitando un effetto rinfrescante mentre procedono. Gli aerosol ombreggiano la luce solare e quindi riducono le temperature terrestri. I particolati che raggiungono la stratosfera possono rimanere lì per anni o addirittura decenni alla volta.

L’altezza del pennacchio di eruzione rilevata dal lidar OMPS (immagine: NASA)

Uno tsunami di 1,2 m (4 piedi) ha colpito Nuku’alofa circa 30 minuti dopo l’eruzione, causando danni alle case e alle infrastrutture. Subito dopo l’eruzione, tutte le linee di comunicazione con il paese sono state interrotte e al momento non sono stati forniti tempi per il ripristino.

Sebbene al momento non ci siano notizie di vittime a Tonga, due persone sono annegate in Perù dopo che le onde dello tsunami hanno raggiunto il Sud America.

Nelle comunicazioni telefoniche satellitari con il vice capo missione tongano in Australia, i funzionari di Tonga hanno confermato che finora non ci sono vittime nella capitale e che i danni dello tsunami sono minimi. Tuttavia, ci sono diverse isole circostanti e aree costiere che sono state fuori contatto e non ci sono notizie da queste parti più isolate del regno.

Australia e Nuova Zelanda hanno già inviato rifornimenti di soccorso utilizzando le navi, ma passeranno diversi giorni prima che raggiungano Tonga.

Il vulcanologo Shane Cronin dell’Università di Auckland ha affermato che l’eruzione è stata di breve durata ma estremamente potente. La potenza che ha rilasciato è simile all’eruzione del 1991 del vulcano Pinatubo nelle Filippine (VEI 6), ha detto Cronin.

Le immagini satellitari acquisite circa 12 ore dopo l’eruzione, mostrano che l’isola vulcanica (sede dell’eruzione) è quasi completamente spazzata via.

Le eruzioni vulcaniche sono una delle forze chiave che guidano la Terra nel suo prossimo periodo di raffreddamento globale.

Si pensa che l’aumento mondiale di oggi (vulcanico E sismico) sia legato alla bassa attività solare, ai buchi coronali, a una magnetosfera in declino e all’afflusso di raggi cosmici che penetrano nel magma ricco di silice.

“Dai pochi aggiornamenti che abbiamo, la portata della devastazione potrebbe essere immensa, specialmente per le isole esterne. Stiamo cercando di stabilire un contatto con i nostri colleghi della Croce Rossa di Tonga e stabilire la portata e la natura specifica del supporto di cui hanno bisogno,” ha affermato Katie Greenwood, Capo della delegazione del Pacifico dell’IFRC.

Seguiamo gli aggiornamenti…


Almeno 6 morti in Giappone per tempeste di neve

Almeno sei persone sono morte dopo che forti tempeste invernali hanno colpito il nord e l’ovest del Giappone.

Alla fine della scorsa settimana e durante il fine settimana, l’Agenzia meteorologica giapponese (JMA) ha esortato a vigilare contro onde alte, freddo eccezionale, ghiaccio e potenti bufere di neve.

Si prevedeva che la nevicata più pesante avrebbe colpito le pianure del lato dell’Oceano Pacifico del paese fino a sabato, in particolare nel nord, ma anche nella regione più centrale di Hokuriku, dove si prevedeva che accumuli localizzati avrebbero minacciato i record.

Sabato quasi un metro (3,3 piedi) di neve è caduto nelle regioni di Kanto-Koshin e Hokuriku in un periodo di sole 24 ore, con cadute sostanziali osservate in gran parte del Giappone, accumuli che si aggiungono ai 30 cm (un piede) che si è stabilizzato durante un incantesimo di 3 ore giovedì:


La tempesta invernale da record colpisce la costa orientale e il Canada

Una forte tempesta invernale ha colpito gran parte degli Stati Uniti orientali con neve, ghiaccio e forti venti durante il fine settimana, causando caos nei viaggi e interruzioni di corrente diffuse.

Gli avvisi meteorologici invernali si estendevano per oltre 1.000 miglia (1.609 km) dall’Alabama al Maine, con i governatori di Georgia, Virginia, Carolina del Nord e Carolina del Sud che hanno tutti dichiarato emergenze dovute alla tempesta.

Secondo poweroutage.us, 200.000 case e aziende nello Stato di New York, Pennsylvania, Ohio, Kentucky, West Virginia, Virginia, Maryland, North Carolina, South Carolina e Georgia erano ANCORA senza elettricità nelle prime ore del lunedì mattina, secondo poweroutage.us.

Mentre si trovava nella Carolina del Nord, dove sono stati battuti numerosi record di nevicate di tutti i tempi e si sa che almeno due persone sono morte.

Concentrandosi sui record di neve, sono stati abbondanti e diffusi. Per evidenziarne solo alcuni:

L’aeroporto Ronald Reagan e l’aeroporto di Dulles, entrambi Virginaia, hanno battuto i record giornalieri durante il fine settimana e un certo numero di voli sono stati cancellati (un totale di oltre 3.000 da o verso gli Stati Uniti solo domenica, con oltre 8.000 ritardi, secondo i dati di FlightAware).

Buffalo, New York, i 10 pollici (25,4 cm) di neve di domenica hanno battuto il record giornaliero di 8,3 pollici (21 cm) dal 1958.

Mentre Asheville, nella Carolina del Nord, ha ricevuto anche 10 pollici domenica, che ha eliminato il precedente record di 7 pollici (17,8 cm) stabilito nel 1891 (alcuni rapporti riportano l’anno al 1881):

Non posso rendere giustizia al numero di nuovi record di nevicate: sono centinaia.

Inoltre, questa tempesta invernale è tutt’altro che finita con il totale più alto di neve che deve ancora arrivare, in particolare lungo la spina dorsale degli Appalachi e attraverso i Grandi Laghi inferiori, ma anche lungo gran parte della costa orientale, nonché nell’entroterra:

Inoltre, Michael Knowles — smettila di fare domande:

Ad accompagnare la neve da record c’era un’ondata pervasiva di freddo polare.

Le temperature gelide si sono mantenute in tutto il New England domenica, con venti gelidi nel Vermont settentrionale riportati a -27°F (-33°C).

Mentre a Boston, nel fine settimana è stata dichiarata un’emergenza per il freddo a causa del vento gelido mantenuto sotto lo zero (-17,8°C).

Rivolgendo l’attenzione al Canada, si prevede che la tempesta scaricherà tra 20 e 40 cm (da 8 a 16 pollici) di neve fino a lunedì mattina su gran parte delle province meridionali e orientali, incluso l’Ontario, dove le bufere di neve hanno già causato problemi diffusi. Secondo Environment Canada, a Toronto, sede dell’aeroporto più trafficato del Canada, si prevedono accumuli di 20 cm (8 pollici), poiché un freddo da record persiste e aggrava la domanda record di elettricità del paese, la carenza di energia e i prezzi alle stelle: una nuova nevicata il record sarà probabilmente stabilito a Ottawa per il 17 gennaio, superando l’attuale record di 11,7 cm (4,6 pollici), stabilito nel 1972.


Combattere

La “crisi climatica” è solo un ingranaggio del The Great Reset. A questo proposito, almeno secondo me, i pezzi stanno cominciando a combaciare, le cose stanno avendo più senso. CAGW è una scusa per un mondo più duro e severo in cui l’interferenza del governo e i limiti alle nostre libertà diventano comuni, con la pandemia e l’alimentazione delle tensioni razziali che sono altri, di molti.

Tuttavia, queste cosiddette “emergenze” non sono state abbastanza gravi da giustificare il colossale trasferimento di potere e ricchezza che abbiamo visto negli ultimi anni, non da lontano – faccio fatica a immaginare uno scenario in cui potrebbero mai essere. L’interferenza del governo è dannosa sia per l’individuo che per la civiltà nel suo insieme. La letteratura è molto chiara su questo.

Per chi ha ancora dei dubbi, guardati intorno, obiettivamente: guarda Canada, Australia ed Italia: “i casi di prova”. Oggi, anche in queste ultime fasi della malattia, un farmaco sperimentale non solo viene prescritto alle persone, ma viene loro imposto, compresi i bambini, e le restrizioni draconiane vengono inasprite. Ma a che fine? Qual è il loro ragionamento per un tale dito medio per l’umanità? Per proteggere gli altri? Ah. I vaccini non sono e non sono mai stati in grado di rallentare la diffusione del COVID. Questa era una bugia usata per ingannare i fiduciosi e i timorosi. Colpire i bambini ha ancora meno senso. Il meglio che posso inventare qui è che può proteggere la comunità più ampia (cioè gli adulti). Ma chi vuole vivere in quel mondo? Onestamente, chi sono gli adulti là fuori che credono che iniettare bambini, una fascia di età mai stata a rischio di COVID, con un farmaco frettoloso, uno con effetti collaterali così preoccupanti, per proteggersi sia un sacrificio che vale la pena fare? Questo è codardo. E illogico.

Devi anche chiedere perché le voci dissenzienti vengono censurate? Perché tutti i pensatori critici, quelli che cercano la verità ponendo domande pertinenti, vengono rimossi dalla discussione pubblica? Perché ogni domanda, anche quella formulata da eminenti esperti nei pertinenti campi di studio, viene chiusa dai “fattori di verifica” (la “Polizia del pensiero” di Orwell)? Perché diffondere “l’esitazione sui vaccini” è considerato un peccato? Perché pensare ad alta voce ora è un crimine?

“La tolleranza raggiungerà un livello tale che alle persone intelligenti sarà vietato pensare per non offendere gli imbecilli”.

Inoltre, le informazioni che hanno cercato devono, ormai, essere in competizione. Ora sanno come tutti noi rispondiamo a una tale scossa della routine, sia individualmente che come collettivo. Sanno su chi possono contare per comportarsi e chi saranno i piantagrane. Deprimente, i numeri sono dalla loro parte, anche con questo recente cambio di rotta, che temo sia troppo piccolo, troppo tardi.

L’attuazione del loro “obiettivo finale” deve essere vicina. Se ciò si manifesti sotto forma di un crollo finanziario che rivaleggia con la Grande Depressione, con i salvataggi bancari, l’introduzione del reddito di base universale e l’introduzione di una “Fed Coin” digitale che completa la schiavitù, nessuno lo sa ancora… ma una cosa è per certo, se il loro curriculum è qualcosa su cui basarsi, il prossimo stadio sicuramente non sarà positivo per la libertà, per l’autonomia e per l’umanità.

Combattere non è ancora inutile, quindi alzati.


I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno RAFFREDDANDO in linea con  la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i  raggi cosmici che nucleano le nuvole e un  flusso di corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare,  se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un  grande minimo solare ‘in piena regola’  alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare  (25)  come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con l’agenzia che mette in correlazione i precedenti spegnimenti solari a periodi prolungati di raffreddamento globale  qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che  il Beaufort Gyre  potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: