“Capovolgere” un interruttore all’interno della testa

[Source → 1 aprile 2017]; articolo di W. Wayt Gibbs

Con la nuova tecnologia, gli scienziati sono in grado di esercitare il controllo wireless sulle cellule cerebrali dei topi con la semplice pressione di un pulsante. La prima cosa che hanno fatto è stata far venire fame ai topi.

Prepara i tuoi cappelli di carta stagnola: il controllo mentale non è un’idea così inverosimile come potrebbe sembrare. Nel laboratorio di Jeffrey M. Friedman succede sempre, anche se i soggetti sono topi, non persone.

Friedman e i suoi colleghi hanno dimostrato un radiocomando per l’appetito e il metabolismo del glucosio dei topi, una tecnica sofisticata per alterare in modalità wireless i neuroni nel cervello degli animali. Con il semplice tocco di un interruttore, sono in grado di far affamare i topi – o sopprimere il loro appetito – mentre i topi vivono normalmente. È uno strumento che stanno usando per svelare le basi neurologiche del mangiare ed è probabile che abbia applicazioni per studi di altri comportamenti cablati.

Friedman,  professoressa di Marilyn M. Simpson , ha lavorato sulla tecnica per diversi anni con Sarah Stanley, un ex post-dottorato nel suo laboratorio che ora è assistente professore presso la Icahn School of Medicine al Mount Sinai, e collaboratori al Rensselaer Polytechnic Institute. Consapevole dei limiti dei metodi esistenti per attivare le cellule cerebrali negli animali vivi, il gruppo ha deciso di inventare un nuovo modo. Un approccio ideale, hanno ragionato, sarebbe il più non invasivo e non dannoso possibile. E dovrebbe funzionare rapidamente e ripetutamente.

Sebbene ci siano altri modi per fornire segnali ai neuroni, ognuno ha i suoi limiti. Nella stimolazione cerebrale profonda, ad esempio, gli scienziati infilano un filo nel cervello per posizionare un elettrodo accanto alle cellule bersaglio. Ma l’impianto può danneggiare le cellule e i tessuti vicini in modi che interferiscono con il normale comportamento. L’optogenetica, che funziona in modo simile ma utilizza la fibra ottica e un impulso di luce anziché elettricità, presenta lo stesso problema. Una terza strategia, l’utilizzo di farmaci per attivare le cellule geneticamente modificate allevate nei topi, è meno invasiva, ma i farmaci hanno un effetto lento e svaniscono.

La soluzione a cui il gruppo di Friedman si è imbattuto, denominata radiogenetica o magnetogenetica, evita questi problemi. Con il loro metodo, pubblicato lo scorso anno (23 marzo 2016) su  Nature, i biologi possono attivare o disattivare a piacimento i neuroni di un animale vivo, in modo rapido, ripetuto e senza impianti, ingegnerizzando le cellule per renderle ricettive alle onde radio o a un campo magnetico.

“In effetti, abbiamo creato un’illusione percettiva che l’animale avesse un calo di zucchero nel sangue.
Abbiamo combinato molecole già utilizzate nelle cellule per altri scopi in un modo che consente a una forza invisibile di assumere il controllo di un istinto primordiale come la fame”.

~ Friedman

Il metodo collega cinque strumenti biologici molto diversi, che possono sembrare stravaganti, come un aggeggio di Rube Goldberg su scala molecolare. Si basa su una proteina fluorescente verde presa in prestito dalle meduse, un particolare anticorpo derivato dai cammelli, sacchetti morbidi di particelle di ferro e l’equivalente cellulare di una porta composta da una proteina perforante la membrana, il tutto fornito e installato da un virus geneticamente modificato. Il telecomando di questo aggeggio è uno strumento di saldatura modificato (sebbene funzioni anche un magnete acquistato in negozio).

La prima sfida dei ricercatori è stata trovare qualcosa in un neurone che potesse fungere da antenna per rilevare il segnale radio o il campo magnetico in entrata. La scelta logica era la ferritina, una proteina che immagazzina il ferro nelle cellule in particelle simili a palloncini larghe solo una dozzina di nanometri. Il ferro è essenziale per le cellule ma può anche essere tossico, quindi viene sequestrato nelle particelle di ferritina fino a quando non è necessario. Ogni particella di ferritina porta al suo interno migliaia di grani di ferro che si muovono in risposta a un segnale radio e si spostano e si allineano quando sono immersi in un campo magnetico. Tutti noi abbiamo queste particelle che luccicano all’interno delle nostre cellule cerebrali, ma i movimenti normalmente non hanno alcun effetto sui neuroni.

Friedman e Stanley, con le apparecchiature che usano per inviare onde radio.
Foto di Zachary Veilleux

Il team di Friedman ha capito che potevano usare un virus geneticamente modificato per creare porte nella membrana esterna di un neurone. Se potessero in qualche modo collegare ogni porta a una particella di ferritina, hanno ragionato, potrebbero essere in grado di muovere la ferritina abbastanza da spingere la porta aperta. “La ‘porta’ che abbiamo scelto si chiama TRPV1“, afferma Stanley. “Una volta attivato il TRPV1, gli ioni calcio e sodio fluirebbero nella cellula e attiverebbero il neurone”. I pezzi presi in prestito da cammelli e meduse hanno fornito ciò di cui gli scienziati avevano bisogno per collegare la porta alla ferritina (vedi Come allestire una barra laterale del cervello, sotto).

Come equipaggiare un cervello per il radiocomando

Gli scienziati hanno escogitato un modo intelligente per controllare i neuroni via radio mettendo insieme geni di umani, cammelli e meduse. Usano un virus ingegnerizzato per installare una porta nella membrana esterna di ciascun neurone bersaglio, quindi spingono la porta per aprirla usando particelle di ferritina che rispondono a forti segnali radio. Una volta che la porta si apre, gli ioni di calcio si riversano nella cellula e fanno scattare il neurone.

  1. Per installare il sistema radiogenetico nei neuroni, gli scienziati hanno dotato un adenovirus dei vari geni necessari per far funzionare il sistema. Quindi hanno spruzzato il virus modificato sulle cellule cerebrali che volevano alterare.
  2. Uno dei geni aggiunti produce TRPV1, una proteina che normalmente aiuta le cellule a rilevare il calore e il movimento. All’interno di ciascun neurone, la proteina TRPV1 (rosa) si incorpora nella membrana esterna della cellula. Come una porta, può cambiare forma per aprire o chiudere un canale ionico. Per aggiungere una manopola alla porta, i ricercatori hanno cucito il TRPV1 su un “nanobody” (viola), una varietà insolitamente semplice di anticorpo trovato nei cammelli.
  3. Le particelle di ferritina riempite di ferro (verdi) fungono da sensore del sistema. Per consentire loro di aggrapparsi alla maniglia del nanobody, i ricercatori hanno aggiunto un gene per la GFP, una proteina di medusa che si illumina di verde sotto la luce ultravioletta. In base alla progettazione, il nanobody e il GFP si uniscono strettamente. Il sistema è ora connesso. Se esposte a forti onde radio o campi magnetici, le particelle di ferritina si dimenano, il canale ionico si apre e gli ioni calcio (rossi) fluiscono per attivare la cellula.

Illustrazione di Jasu Hu

Una volta che il team ha fatto funzionare il nuovo meccanismo di controllo, lo ha messo alla prova. Per Friedman e Stanley, il cui obiettivo è svelare le cause biologiche dell’eccesso di cibo e dell’obesità, la prima applicazione era ovvia: cercare di identificare specifici neuroni coinvolti nell’appetito. Il gruppo ha modificato i neuroni sensibili al glucosio, cellule che si ritiene controllino i livelli di zucchero nel sangue nel cervello e li mantengano entro il range normale, per metterli sotto controllo wireless. Per ottenere ciò, hanno inserito i geni TRPV1 e ferritina in un virus e, utilizzando ancora un altro trucco genetico, li hanno iniettati nei neuroni di rilevamento del glucosio. Potrebbero quindi giocherellare con le cellule per vedere se sono coinvolte, come sospettato, nel coordinare l’alimentazione e il rilascio di ormoni, come insulina e glucagone, che tengono sotto controllo i livelli di glucosio nel sangue.

Una volta che il virus ha avuto abbastanza tempo per infettare e trasformare i neuroni bersaglio, i ricercatori hanno acceso un trasmettitore radio sintonizzato su 465 kHz, un po’ al di sotto della banda utilizzata per la radio AM.

I neuroni hanno risposto. Hanno iniziato a sparare, segnalando una carenza di glucosio anche se i livelli di zucchero nel sangue dell’animale erano normali. E altre parti del corpo hanno risposto proprio come avrebbero fatto a un vero calo della glicemia: i livelli di insulina sono diminuiti, il fegato ha iniziato a pompare più glucosio e gli animali hanno iniziato a mangiare di più. “In effetti”, dice Friedman, “abbiamo creato un’illusione percettiva che l’animale avesse una glicemia bassa anche se i livelli erano normali”.

Ispirati da questi risultati, i ricercatori si sono chiesti se il magnetismo, come le onde radio, potesse attivare la ferritina per aprire le porte cellulari. L’ha fatto: quando il team ha messo le gabbie dei topi vicino a una macchina per la risonanza magnetica o ha agitato un magnete di terre rare sugli animali, i loro neuroni di rilevamento del glucosio sono stati attivati.

Stimolare l’appetito è una cosa. Potrebbero anche sopprimerlo? Il gruppo ha modificato il gene TRPV1 in modo che passasse il cloruro, che agisce per inibire i neuroni. Ora, quando hanno inserito il TRPV1 modificato nei neuroni, la scarica di cloruro ha fatto sì che i neuroni si comportassero come se il sangue fosse sovraccarico di glucosio. La produzione di insulina è aumentata negli animali e hanno mangiato di meno. “Questo sembra indicare chiaramente che il cervello e il pancreas sono coinvolti nella regolazione del glucosio”, afferma Friedman.

Friedman e Stanley sperano che i biologi saranno in grado di utilizzare il sistema di controllo remoto per affrontare una serie di processi neurali diversi dall’appetito. E oltre ad essere uno strumento di ricerca di base, il metodo potrebbe potenzialmente portare a nuove terapie per i disturbi cerebrali.

Ad esempio, si potrebbe immaginare di usarlo per curare il morbo di Parkinson o il tremore essenziale, condizioni che a volte vengono trattate mediante stimolazione cerebrale profonda, tramite fili impiantati nel cervello dei pazienti e collegati a un pacco batteria nascosto nel torace. Potenzialmente, sarebbe meno invasivo iniettare il virus paralizzato nello stesso punto del cervello e lasciare che modifichi permanentemente le cellule lì, rendendole reattive al controllo wireless.

In teoria, potrebbe anche essere possibile rendere le cellule di un paziente ricettive alle onde elettromagnetiche rimuovendole dal corpo, fornendo TRPV1 e ferritina e quindi rimettendo le cellule, dice Friedman. Questo sarebbe un protocollo non dissimile da quelli attualmente utilizzati nei trattamenti con cellule staminali e in alcune immunoterapie contro il cancro, in cui le cellule dei pazienti vengono ingegnerizzate e reimpiantate nei loro corpi.

A questo punto, però, l’utilità clinica del sistema è una questione di speculazione. “Siamo molto lontani dall’usarlo negli esseri umani per le cure mediche”, afferma Friedman. “Bisognerebbe fare molto prima che possa essere testato.”

Illustrazione di Ellen Weinstein

“La chiosa ignorante”:

Sono passati cinque anni dalla pubblicazione di questo articolo e vuoi vedere che sono andati avanti al di là delle loro più rosee aspettative?

Grafene e Magnetismo Cellulare:

Grafene nei vaccini? lo pubblica l’università di Almeira, Tiboni (MIC): “Scoperta di due ricercatori spagnoli richiede risposte”

Scritto da Redazione ASI Categoria: Politica Nazionale Pubblicato: 29 Giugno 2021

Inviata PEC dal MIC al Ministro della Salute Speranza affinché venga verificata scientificamente l’attendibilità della relazione dell’Università di Almeria datata 28 giugno 2020.

(ASI) L’Università di Almeria, Spagna, ha pubblicato con firma elettronica verificata, la Relazione Intermedia del 28 giugno 2021 (di cui alleghiamo il pdf) su quanto affermano di aver scoperto due ricercatori spagnoli sul contenuto dei vaccini.


  • L’ossido di grafene all’interno del corpo provoca trombogenicità, trombi.
  • L’ossido di grafene all’interno del corpo provoca la coagulazione del sangue.
  • L’ossido di grafene all’interno del corpo provoca la sindrome post infiammatoria o infiammazioni sistemiche o multiorgano.
  • L’ossido di grafene all’interno del corpo quando è al di sopra dei livelli di glutatione, che è la riserva naturale di antiossidanti dell’organismo, provoca alterazione del sistema immunitario, collasso del sistema immunitario e tempesta di citochine.
  • L’ossido di grafene inalato si diffonde uniformemente in tutto il tratto alveolare e provoca polmoniti bilaterali, infiammazione delle mucose e quindi perdita del gusto e dell’olfatto: anosmia.

Insomma, l’ossido di grafene si comporta esattamente come il presunto SARS-CoV-2 della versione ufficiale, generando la stessa sintomatologia del COVID-19 grave. Se installato a livello neuronale, provoca neuro-degenerazione o, in altre parole, COVID-19 neurologico.


Segnalo anche questi articoli:

L’AADI sbugiarda un sito antibufale e prova il magnetismo del vaccino


I Vaccinati Emettono Campi Magnetici Anomali – 5g…

Nanoparticelle di ossido di grafene ridotto all’interno del corpo che acquisiscono proprietà magnetiche proprio all’interno del corpo in condizioni di temperatura corporea, a contatto con l’idrogeno e a determinati angoli, come il cosiddetto “angolo magico” dell’ossido di grafene.


Ecco Come l’Ossido di Grafene in Tutti i “Vaccini” Covid …

Nel 1997, quando i telefoni cellulari entrarono in uso in massa, ci fu un aumento del 31% del diabete negli Stati Uniti in un anno. Nel Regno Unito tra il 1994 e il 2002, in parallelo con l’improvvisa adozione della tecnologia dei telefoni cellulari, la popolazione del passero domestico britannico è diminuita del 75% ed è stata classificata come specie in pericolo.


Fonti:

I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: