I funzionari sanitari negano anche un solo decesso dal vaccino COVID

[Source: 27 gennaio 2022]; Analisi del Dr. Joseph Mercola [Fact Checked]

Il sistema di segnalazione degli eventi avversi del vaccino (VAERS) statunitense ha ricevuto 9.936 segnalazioni di decessi a seguito del vaccino COVID solo nei territori degli Stati Uniti. Includendo i rapporti esteri ricevuti da VAERS, il bilancio delle vittime è di 21.745.

Fauci and CDC Director Rochelle Walensky Lie Under Oath Regarding VAERS COVID-19 Vaccine Deaths
La storia in breve
  • Al 7 gennaio 2022, il Vaccine Adverse Events Reporting System (VAERS) degli Stati Uniti ha ricevuto 9.936 segnalazioni di decessi a seguito del vaccino COVID negli Stati Uniti. Quando si includono le segnalazioni straniere ricevute da VAERS, il bilancio delle vittime è di 21.745
  • Un totale di 1.541 aborti sono stati segnalati anche dopo il vaccino negli Stati Uniti, o 3.594 se si includono rapporti esteri. Nonostante queste statistiche scioccanti, i funzionari sanitari statunitensi e i “fattori di verifica” insistono che non si possa attribuire una sola morte agli spari
  • Secondo OneAmerica, una compagnia di assicurazioni sulla vita nazionale, nel terzo trimestre del 2021, gli americani in età lavorativa (di età compresa tra 18 e 64 anni) sono morti a un tasso superiore del 40% rispetto al tasso prepandemico e non sono morti per COVID
  • L’Autorità per la regolamentazione e lo sviluppo delle assicurazioni dell’India segnala anche un aumento del 41% delle richieste di morte nel 2021 e la mortalità degli adolescenti nel Regno Unito è aumentata del 47% nei tre mesi successivi all’idoneità per i colpi di COVID
  • Una recente analisi istopatologica degli organi di 15 pazienti deceduti da sette giorni a sei mesi dopo il trattamento, di età compresa tra 28 e 95 anni, ha rilevato che 14 dei decessi – il 93% – sono stati causati dal vaccino

A partire dal 7 gennaio 2022, a poco più di un anno dall’inizio della campagna per iniettare a ogni essere umano un prodotto di trasferimento genico per la protezione contro il COVID, il sistema di segnalazione degli eventi avversi del vaccino (VAERS) statunitense ha ricevuto 9.936 segnalazioni di decessi a seguito del vaccino COVID solo nei territori degli Stati Uniti.1 Includendo i rapporti esteri ricevuti da VAERS, il bilancio delle vittime è di 21.745.

Un totale di 1.541 aborti sono stati segnalati anche dopo il jab negli Stati Uniti, o 3.594 se si includono rapporti esteri. Nonostante queste statistiche scioccanti, i funzionari sanitari statunitensi e i “fattori verificatori” insistono che non si possa attribuire una sola morte agli spari.

Durante un’audizione della commissione del Senato all’inizio di gennaio 2022 sulla risposta Omicron della nazione (vedi video sopra), il direttore dei Centers for Disease Control and Prevention, la dott.ssa Rochelle Walensky, e il direttore del National Institutes of Allergy and Infectious Diseases, il dott. Anthony Fauci, hanno testimoniato: sotto giuramento – che “non sapevano” quanti decessi erano stati segnalati al VAERS a seguito della “vaccinazione” COVID.2,3

Walensky ha definito gli spari “incredibilmente sicuri”, affermando – contro ogni scienza – che “ci proteggono dall’Omicron, ci proteggono dal Delta, ci proteggono dal COVID”. Ha anche affermato falsamente che tutti i decessi segnalati per il vaccino COVID-19 sono stati “aggiudicati”.


No, VAERS non è un repository di rapporti falsi

Peggio ancora, sia Walensky che Fauci affermano che tutti gli eventi avversi successivi alla vaccinazione vengono segnalati al VAERS, inclusi decessi accidentali e incidenti stradali. Entrambi affermano in realtà che se una persona viene colpita dal COVID e viene investita da un’auto in seguito, viene segnalata come una reazione avversa.

Nulla potrebbe essere più lontano dalla verità. Innanzitutto, gli eventi avversi non vengono segnalati automaticamente e, certamente, gli incidenti evidenti non vengono inseriti nel sistema come sospetto effetto collaterale del vaccino.

Come riportato da Health Impact News,4 ci sono circa 18 rapporti in VAERS che includono “incidente stradale”, ma la maggior parte se non tutti si riferiscono a un evento avverso, come un infarto, che si verifica durante la guida. Non sono stati colpiti da qualcun altro ed sono entrati nel sistema. Come notato da Pam Long in un thread di Twitter del 12 gennaio 2022:5

“Se qualcuno nella salute pubblica dice ‘una persona può essere investita da un’auto e denunciare la propria morte al VAERS’, è necessario fermarlo, in qualsiasi riunione pubblica, e chiedere che spieghino quale motivo dovrebbe avere un medico per gonfiare i rapporti VAERS con incidenti automobilistici o qualsiasi mortalità non correlata?
Nonostante la testimonianza cliché di Walensky e Fauci al Congresso. Nessuna persona “è stata investita da un’auto” e ha segnalato la propria morte a VAERS come ferita da vaccino. La maggior parte delle segnalazioni sono presentate da professionisti del settore medico, utilizzando un linguaggio diagnostico sulle reazioni ai farmaci”.

VAERS è stato progettato e creato come sistema di allerta precoce. È vero che chiunque può presentare una denuncia, ma richiede tempo, richiede la conoscenza di dettagli medici che un paziente spesso non ha e comporta sanzioni per la presentazione di una denuncia falsa. Non c’è assolutamente alcun motivo per sospettare, per non parlare di supporre, che le persone stiano compilando false segnalazioni solo per far sembrare i vaccini brutti.


I Fact Checker si sono dimostrati propagandisti farmaceutici

Walensky e Fauci non sono gli unici a mentire sulla letalità del colpo COVID. Anche i media mainstream sono all-in. In un fact check di USA Today,6 Daniel Funke afferma che “i vaccini contro il COVID-19 [sono] sicuri per i bambini” e “non sono collegati ai decessi”.

“… online, alcuni affermano che i bambini corrono più rischi dal vaccino rispetto allo stesso COVID-19”, scrive Funke. “USA TODAY in precedenza ha valutato Falsa un’affermazione secondo cui i bambini hanno 50 volte più probabilità di morire a causa del vaccino COVID-19 rispetto al virus. Questa affermazione è ugualmente sbagliata.
Funzionari della sanità pubblica affermano che il vaccino di Pfizer-BioNTech è sicuro ed efficace nel prevenire il COVID-19 nei bambini di età compresa tra 5 e 11 anni. Come hanno riferito altre organizzazioni indipendenti di verifica dei fatti, i benefici del vaccino superano i suoi rischi noti e potenziali.
“Più di 700 bambini sono morti a causa del COVID-19 negli Stati Uniti”, ha detto in una e-mail la dott.ssa Sonja Rasmussen, professoressa nei dipartimenti di pediatria ed epidemiologia dell’Università della Florida.
“Non sono a conoscenza di decessi nei bambini che sono stati attribuiti al vaccino COVID-19″ … I benefici del vaccino COVID-19 per i bambini superano i suoi rischi noti e potenziali, secondo il CDC. Il vaccino non provoca la morte”.

Funke cita i dati degli studi clinici di Pfizer, “che hanno rilevato che il vaccino era sicuro” per i bambini, poiché “non sono stati segnalati decessi” negli studi di Pfizer per i ragazzi di età compresa tra 12 e 25 anni e in quelli di età compresa tra 12 e 17 anni. Funke respinge la motivazione per esaminare i dati VAERS sulla base del fatto che chiunque può presentare un rapporto e che i rapporti non sono verificati e quindi non possono essere utilizzati per determinare il nesso di causalità.


Tutte le opinioni e nessun dato

Ci sono così tanti problemi con questo “controllo dei fatti”, non c’è da stupirsi che gli avvocati di Facebook stiano usando la difesa legale che i controlli dei fatti sono solo “opinioni” e non vere affermazioni di fatti.7,8 Non ci sono nient’altro che opinioni in questo pezzo. Come “prova” che i vaccini di COVID sono sicuri e non hanno causato morti, Funke presenta:

Un altro pezzo di opinione di USA Today
La presunta opinione di anonimi “funzionari della sanità pubblica”
Affermazioni di opinione distorte da parte di altre organizzazioni di propaganda finanziate da farmaci (alias “organizzazioni di verifica dei fatti”)
Il parere di un unico professore che ammette di non essere a conoscenza di dati pubblicamente disponibili
L’opinione non supportata dei Centers for Disease Control and Prevention, un’agenzia catturata che è stata ripetutamente sorpresa a manipolare dati e modificare definizioni per adattarsi alla narrativa della pandemia
I dati del processo preliminare di Pfizer, che gli informatori avvertono, potrebbero presentare problemi di integrità9
L’affermazione non supportata secondo cui i dati VAERS sono inaffidabili perché chiunque può archiviare, con l’implicazione che le persone possono presentare false segnalazioni
L’affermazione discutibile che i dati VAERS non possono dirci nulla sulla causalità, quindi è inutile guardarli

È difficile trovare un elenco meno convincente di prove per la sicurezza, ma poi di nuovo, i propagandisti devono lavorare con ciò che hanno e, in questo caso, non hanno nulla. Funke presenta zero dati effettivi per supportare la sua opinione.


Spiega l’aumento della mortalità se puoi

Ci sono molte ragioni basate sui dati per sospettare, prevedere e persino presumere che i colpi di COVID stiano uccidendo più persone di quante ne stiano salvando, indipendentemente dalla fascia di età in questione. Ci vorrebbe un intero libro per coprire tutto, quindi esaminerò solo alcuni di questi motivi qui.

Un indizio molto significativo che è venuto alla luce di recente sono i dati sull’assicurazione sulla vita. Secondo OneAmerica, una compagnia di assicurazioni sulla vita con sede a Indianapolis, nel terzo trimestre del 2021, gli americani in età lavorativa (di età compresa tra 18 e 64 anni) sono morti a un tasso superiore del 40% rispetto al tasso prepandemico e non sono morti da COVID.10

E, secondo il CEO Scott Davidson, questa anomalia catastrofica è costantemente osservata “in ogni attore” nel settore delle assicurazioni sulla vita.11 Un aumento del 40% della mortalità è semplicemente sconosciuto e, al momento, affermano di non avere idea di cosa sta causando la morte prematura di giovani e persone di mezza età a un ritmo così sorprendente.

Guardandolo dal punto di vista di un investigatore, ci si potrebbe chiedere: “Quale fattore ambientale con sicurezza sconosciuta è stato introdotto nel 2021 per le persone in questa fascia di età?” Certo, le restrizioni pandemiche hanno portato a picchi di overdose di droga e suicidi, che colpisce in particolare questa coorte. Ma le “morti per disperazione” non possono spiegare tutto questo.

L’unico jolly è il colpo COVID. Più di 173 milioni di americani in età lavorativa (dai 18 ai 64 anni) hanno ricevuto queste iniezioni sperimentali di trasferimento genico,12 e medici e scienziati hanno chiarito diversi meccanismi con cui potrebbero ferire o uccidere.

Inoltre, l’aumento dei decessi è iniziato DOPO il lancio degli spari e, qualunque sia il fattore causale, non è solo di portata nazionale ma probabilmente internazionale. L’Autorità per la regolamentazione e lo sviluppo delle assicurazioni dell’India, ad esempio, segnala anche un aumento del 41% delle richieste di morte nel 2021.13

Le morti in eccesso (che superano le norme prepandemiche) sono state segnalate anche nel Regno Unito14 Tra gli adolescenti (di età compresa tra 15 e 19 anni), la mortalità è aumentata subito dopo che gli adolescenti sono diventati idonei per il vaccino contro il COVID.15 Tra la settimana terminata il 26 giugno e la settimana terminata il 18 settembre 2020 , e nello stesso periodo di tempo nel 2021, le morti di adolescenti sono aumentate del 47%.16

Un aumento delle richieste di invalidità17 suggerisce anche che molti di coloro che non vengono uccisi da questa nuova minaccia letale sono gravemente feriti, spesso a lungo termine. Per tutti questi motivi, i colpi COVID non possono essere tolti dal tavolo. La logica richiede che vengano considerati come un potenziale fattore causale.


I dati VAERS possono dimostrare la causalità?

Una persona che ha preso una posizione ferma contro l’affermazione secondo cui i dati VAERS non possono dirci nulla sul nesso di causalità è Steve Kirsch, direttore esecutivo del COVID-19 Early Treatment Fund. Nel video “Vaccine Secrets: COVID Crisis”,18 sostiene che VAERS può effettivamente essere utilizzato per determinare la causalità.

È importante rendersi conto che l’idea che VAERS non possa mostrare la causalità fa parte di come e perché il CDC può affermare che nessuno dei decessi è attribuibile al colpo di COVID. Kirsch sostiene che questa premessa è in realtà falsa e che il nesso di causalità può essere determinato utilizzando i dati di VAERS.

Per dimostrare il suo punto, Kirsch fornisce la seguente analogia: supponiamo di somministrare un vaccino a due dosi. Dopo la prima dose, non succede nulla, ma dopo la seconda dose le persone muoiono entro 24 ore da una trombosi venosa profonda (TVP).

Quando guardi i dati VAERS, ciò che potresti trovare non sono segnalazioni associate alla prima dose e un’eruzione cutanea di decessi dopo la seconda dose, il tutto entro lo stesso lasso di tempo e con la stessa causa di morte.

Secondo il CDC, non puoi attribuire alcuna causalità da questo. Per loro, è solo una possibilità casuale che tutti siano morti dopo la seconda dose, e per la stessa condizione, e non per la prima dose o per un’altra condizione.

Kirsch sostiene che la causalità può effettivamente essere identificata da questo tipo di dati. È molto difficile trovare un’altra spiegazione del motivo per cui le persone – molte che sono giovani, in perfetta salute senza condizioni predisponenti – muoiono esattamente 24 ore dopo la seconda dose. È persino difficile trovare un’altra spiegazione per le persone che hanno condizioni di base.

Ad esempio, è ragionevole presumere che le persone con, diciamo, malattie cardiache non diagnosticate morirebbero di TVP esattamente 24 ore dopo aver ricevuto una seconda dose di vaccino? O che le persone con diabete non diagnosticato morirebbero di TVP esattamente 24 ore dopo la loro seconda dose?

Perché non dopo la prima dose, o due mesi dopo la seconda dose, o qualsiasi altro numero casuale di ore o giorni, o per altre cause casuali di morte? Perché le persone muoiono casualmente nella stessa condizione esattamente nello stesso momento, ancora e ancora?

Come minimo, come sistema di allerta precoce, VAERS è progettato per segnalare potenziali cause. È cercando modelli ripetuti di effetti collaterali che inizieresti a identificare un vaccino potenzialmente problematico. Una volta identificato uno schema – e non si può negare che la morte entro 24 ore o una settimana sia uno schema visto per i colpi di COVID – dovrebbe essere avviata un’indagine.

Ma nessuna indagine del genere è stata avviata per i colpi COVID. I modelli netti vengono semplicemente ignorati. Come sistema di allerta precoce, VAERS sta funzionando come previsto, nonostante la grave sottostima (il CDC ha recentemente pubblicato un documento in cui ammette che gli effetti avversi del jab COVID nei bambini sono sottostimati di un fattore di 6,519). È il seguito che manca. Ma la mancanza di indagini e follow-up non è una prova che gli spari non possano causare la morte.


I “lotti cattivi” sono un altro indizio

Un altro indizio che suggerisce che ALCUNI dei colpi siano in grado di causare una morte rapida è il fenomeno del “batch difettoso”. Indagini indipendenti hanno rivelato che alcuni lotti dei colpi sono associati a effetti collaterali molto gravi e alla morte, mentre altri lotti non hanno eventi avversi associati al loro uso.

Secondo howbadismybatch.com, un sito che confronta i codici dei lotti dei vaccini con i rapporti nel sistema VAERS, circa il 5% dei lotti è responsabile del 90% di tutte le reazioni avverse. Alcuni di questi lotti hanno 50 volte il numero di decessi e disabilità ad essi associati, rispetto ad altri lotti.20

Un altro sito Web che sostanzialmente fa la stessa cosa è il dashboard VAERS di TheEagle. (Un video che spiega come utilizzare la dashboard è disponibile su Bitchute.21)

Secondo Fuellmich e Wodarg, questi dati dipendenti dal lotto mostrano che i produttori di vaccini stanno conducendo esperimenti segreti all’interno del più ampio processo pubblico. Sembra che stiano effettivamente facendo test a dosi letali sul pubblico.

Il dottor Reiner Fuellmich, cofondatore del comitato investigativo tedesco della Corona, e il dottor Wolfgang Wodarg, un ex membro del parlamento tedesco, discutono di questa prova della “pistola fumante” nel video qui sopra. Secondo Fuellmich e Wodarg, questi dati dipendenti dal lotto mostrano che i produttori di vaccini stanno conducendo esperimenti segreti all’interno del più ampio studio pubblico.

Sembra che stiano effettivamente facendo test a dosi letali sul pubblico. Wodarg sostiene che le prove di ciò sono molto chiare dai dati. Sembrano anche coordinare questi esperimenti con dosi letali, in modo che non stiano rilasciando tutti i loro lotti più tossici allo stesso tempo o nelle stesse aree, in modo da evitare il rilevamento attraverso il raggruppamento.


Più dati mostrano che i vaccini COVID possono uccidere

In chiusura, solleverò solo altre due prove che parlano di vaccini COVID che hanno la capacità di uccidere un gran numero di persone:

  • Una recente analisi istopatologica degli organi di 15 pazienti deceduti da sette giorni a sei mesi dopo il trattamento, di età compresa tra 28 e 95 anni, ha rilevato che 14 dei decessi — il 93% — sono stati causati dal vaccino.22,23 Nessuno dei Tuttavia, i rapporti dei coroner originali implicavano i vaccini.
    L’associazione è stata stabilita solo attraverso l’autopsia, che ha rivelato un “processo di autoattacco immunologico” che è “senza precedenti”. “Poiché la vaccinazione era l’unico denominatore comune tra tutti i casi, non c’è dubbio che sia stata l’innesco dell’autodistruzione in questi individui deceduti”, ha affermato il dott. Sucharit Bhakdi e Arne Burkhardt hanno scritto.
  • Secondo i ricercatori della Columbia University, il numero reale di persone uccise dai jab COVID è circa 20 volte il tasso riportato, in base alla loro analisi di due database pubblicamente disponibili (VAERS negli Stati Uniti e un altro in Europa).24,25,26 Quell’analisi è stata pubblicata nell’ottobre 2021, ma pochi ne hanno mai sentito parlare. Secondo gli autori:
    • “Il confronto dei nostri VFR stratificati per età [tassi di mortalità indotta da vaccini] con i tassi di mortalità per infezione da coronavirus (IFR) stratificati per età pubblicati suggerisce che i rischi dei vaccini COVID e dei booster superano i benefici nei bambini, nei giovani adulti e negli anziani con basso rischio professionale o precedente esposizione al coronavirus. Discutiamo delle implicazioni per le politiche di salute pubblica relative ai booster, ai mandati scolastici e sul posto di lavoro e all’urgente necessità di identificare, sviluppare e diffondere la diagnostica e i trattamenti per le lesioni da vaccino che alterano la vita”.

Sulla base dei dati sempre crescenti, l’affermazione che i vaccini COVID non hanno, non possono e/o non causeranno la morte semplicemente non è credibile. E più a lungo questi vaccini continuano a essere utilizzati, maggiore è la probabilità che uccidano davvero molto più di quanto non abbia mai fatto il virus reale. Dobbiamo anche ricordare che le disabilità e le malattie croniche a lungo termine che questi vaccini stanno causando molte di più morti premature, anche se ci vorranno 10 o 15 anni, e non abbiamo ancora dati su nessuno di questi.

Fonti e Referenze

Dr. Mercola


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: