È un Inverno Eccezionalmente Nevoso e Freddo

Source: ; articolo di Cap Allon

  • Crollano le Temperature, Record di freddo in Giappone;
  • Importanti nevicate stanno colpendo le Alpi;
  • L’inverno “insolitamente duro” di Nuova Delhi ha ucciso 200 persone;
  • Brace, Stati Uniti…
  • Il ciclone tropicale “Batsirai” dovrebbe infliggere un colpo catastrofico al Madagascar

Crollano le Temperature Record di freddo in Giappone

Il Giappone continua a soffrire un inverno eccezionalmente freddo e nevoso del 2021-2022. Nevicate senza precedenti, in particolare nelle parti settentrionali, sono iniziate a dicembre.

Con questi accumuli presto cadranno i parametri di riferimento che risalivano al 1893:

La neve record è proseguita anche fino a gennaio:

“È stato un inverno eccezionalmente nevoso per il Giappone”, ha scritto Sayaka Mori in un recente tweet (incorporato di seguito). Gli accumuli a Sukayu, ad esempio, hanno raggiunto 4,32 m (14,2 piedi) lunedì, il più grande totale di gennaio dall’inizio dei record (nel 1980).

Anche il freddo è stato degno di nota.

Il Chitosio ha subito -25,4°C (-13,7°F) questa settimana, legando il record di tutti i tempi della località.

E il 20 gennaio, è stato riferito che il 74% delle stazioni meteorologiche giapponesi erano sotto lo zero termico, con un agghiacciante -27,7°C (-17,9°F) rilevato a Sumarinai, Hokkaido:

Le dure condizioni invernali del Giappone non mostrano segni di cedimento. In effetti, gran parte dell’Asia orientale, inclusa la Cina, la Russia orientale, la Mongolia e in effetti il Giappone, è destinata a minime più anomale e forti nevicate, che si intensificano con l’avanzare di febbraio:

GFS 2m Temperature Anomalies (C) Feb 2 – Feb 15 [tropicaltidbits.com].
GFS Total Snowfall (inches) Feb 2 – Feb 18 [tropicaltidbits.com].

Importanti nevicate stanno colpendo le Alpi

Da lunedì ha nevicato pesantemente in alcune parti delle Alpi e le ultime previsioni suggeriscono che c’è molto altro a venire.

Secondo un rapporto di inthesnow.com, l’Austria sembra aver ottenuto il maggior numero di neve finora, con la Zillertal Arena (nella foto sotto), registrando 50 cm (20 pollici) a partire da martedì con i fiocchi ancora in caduta.

Zillertal Arena, Austria [inthesnow.com].

Le località turistiche in tutta Europa sono state sostenute dalle grandi nevicate di dicembre, che hanno dato il via alla stagione alla grande; tuttavia, la neve è stata in qualche modo carente a gennaio, con il freddo dell’Europa per lo più limitato a est, quindi la neve fresca è molto gradita.

L’ultima previsione di skiweather.eu ha 1,12 m (3,7 piedi) accumulati solo per i prossimi due giorni:

Mentre altrove in Europa, nei prossimi giorni è previsto un piede in Bulgaria e sono previsti “giorni di polvere” per tutta la settimana in Scandinavia, dove ci sono già stati pesanti dumping da lunedì – di seguito è una foto di Bjorli, Norvegia:

Bjorli alpine resort, Norway [inthesnow.com].

Concludendo con il Regno Unito, le montagne scozzesi sono tornate bianche dopo le tempeste di neve del fine settimana. E guardando al futuro, le modelle chiedono molta più polvere, alimentando la speranza che i resort scozzesi possano presto aprire completamente:

GFS Total Snowfall (inches) Feb 2 – Feb 18 [tropicaltidbits.com].

L’inverno “insolitamente duro” di Nuova Delhi ha ucciso 200 persone

Come riportato da aljazeera.com, la capitale dell’India, Nuova Delhi, sta tremando per un periodo insolitamente rigido di freddo invernale che è stato accusato di aver ucciso decine di senzatetto e di aver lasciato altri residenti in difficoltà che lottano per riscaldarsi.

Un senzatetto avvolto in una trapunta seduto in un rifugio gestito dal governo a Nuova Delhi. [Sajjad Hussain/AFP]

La scorsa settimana, New Delhi ha subito il giorno di gennaio più freddo degli ultimi dieci anni, ma è l’estensione e la natura prolungata del freddo che ha fatto risaltare questo inverno, e anche quanto sia stato diffuso il freddo.

Bhopal, nello stato indiano centrale del Madhya Pradeshas e sul Tropico del Cancro, ha recentemente tremato durante la notte più fredda degli ultimi 55 anni, con una minima di 4°C (39,2°F). Mentre nel nord, il freddo record e la neve hanno avuto un impatto su regioni come Jammu e Kashmir.

La stessa Delhi non è stata estranea al freddo da record negli ultimi anni, poiché la bassa attività solare inizia a influenzare le temperature (dopo circa un decennio di ritardo, probabilmente a causa dell’inerzia oceanica). Tra i punti di riferimento caduti della città: nel 2019 ha subito la sua giornata di dicembre più fredda in più di un secolo; ha anche registrato i suoi mesi più freddi di ottobre e novembre rispettivamente in 54 e 71 anni nel 2020; Il giorno di maggio più freddo di Delhi in 70 anni è stato registrato nel 2021; e il mese successivo ha portato la sua temperatura di giugno più bassa di sempre.

E ora, più recentemente, anche l’inverno 2021-2022 si preannuncia storicamente freddo. Le temperature massime giornaliere di Delhi, secondo l’ufficio meteorologico indiano, si sono mantenute tra 2°C e 6°C al di sotto del normale per la maggior parte di gennaio.

Sunil Kumar Aledia del Center for Holistic Development, che lavora con la popolazione senzatetto di Nuova Delhi, ha affermato che la città ha visto quasi 200 morti a causa dell’esposizione agli attacchi di freddo insolitamente aspri nel gennaio 2022.

Il mercurio ha toccato le singole cifre per gran parte delle ultime settimane, una tendenza, purtroppo, destinata a persistere.


Brace, Stati Uniti

Generazionale. Storico. Da record. Ci sono solo alcuni dei modi in cui i meteorologi descrivono i prossimi giorni negli Stati Uniti quando una massa d’aria artica invade la maggior parte del CONUS.

L’Ufficio per la sicurezza interna della contea di Allen sta ricordando alle persone in tutta l’Indiana di prepararsi per nevicate da record. Bernie Beier ha affermato che sapere quali strumenti sono disponibili è la chiave per poter superare l’imminente esplosione invernale. Beier ha aggiunto che la gente nella contea di Allen può aspettarsi che un avviso di viaggio venga emesso martedì sera e che è fondamentale che tutti rimangano a casa se possono.

L’Indiana è uno dei 24 (o giù di lì) stati in lizza per un urto invernale dal mercoledì al venerdì mentre una mostruosa fascia di neve e ghiaccio si estende per circa 2.300 miglia attraverso gli Stati Uniti, dal Texas centrale all’estremità settentrionale del New England:

GFS Total Snowfall (inches) Feb 2 – Feb 6 [tropicaltidbits.com]

E per coloro che sono abbastanza fortunati da sfuggire alla neve, le basse temperature saranno la preoccupazione.

Quelle blu e rosa (mostrate sotto) –che indicano temperature al di sotto della media– si estenderanno dalla Groenlandia all’America Centrale.

GFS 2m Temperature Anomalies (C) Feb 2 – Feb 6 [tropicaltidbits.com].

Questo sarà il primo test del Texas dal freddo estremo e dai blackout di febbraio 2021, che hanno ucciso oltre 700 persone. I prezzi dell’elettricità dello stato sono saliti a oltre $ 1.000 al megawattora per venerdì, quando si prevede che la domanda raggiungerà un nuovo record invernale.

GFS 2m Temperature Anomalies (C) Feb 2 – Feb 8 [tropicaltidbits.com].

Come il pronunciato tuffo del freddo polare è sorprendente – e nonostante le grida di “Cambiamento climatico” che avanzano nella narrativa, il vero colpevole di un tale calo nella corrente a getto da sud è la bassa attività solare (probabilmente in combinazione con il campo magnetico calante della Terra).

La bassa attività solare ha un impatto sul clima/clima terrestre attraverso una serie di meccanismi diversi, il più notevole è la riduzione dell’energia che entra nelle correnti a getto. Questa riduzione converte i soliti flussi ZONALI forti e rettilinei dei getti in flussi MERIDIONALI deboli e ondulati, il che, a sua volta, ea seconda del lato del flusso in cui ti trovi, significa un periodo di tempo freddo o caldo fuori stagione e/o un periodo di condizioni insolitamente secche o bagnate:

Per ulteriori informazioni sui meccanismi, fare clic sul collegamento seguente:

Naturalmente, questa è solo una teoria proposta, certamente ben congegnata, con dati e scienza supportati; ma nell’interesse dell’equilibrio, contrastiamo questa logica con una stupidità che guida l’agenda e fa paura. Ecco cosa ha recentemente detto il WP sull’argomento:

La tremenda tempesta costiera di sabato ha spinto una fascia di neve pesante nel New England meridionale, seppellendo le città sotto un manto nevoso profondo fino a due piedi. Questi totali di nevicate quasi record [e in alcuni casi record] continuano una sorprendente serie di tempeste storiche che hanno colpito il nord-est negli ultimi anni, probabilmente attribuite, in parte, al cambiamento climatico antropogenico.

“Le tempeste di neve estreme, anche di fronte al calo della neve invernale a lungo termine, sono del tutto coerenti con gli effetti del riscaldamento globale”, ha affermato in una nota Justin Mankin, professore al Dartmouth College che studia i cambiamenti climatici e la variabilità. “Tempeste come questa sono emblematiche del fatto che dobbiamo fare un lavoro migliore per gestire i loro rischi ora per renderci più resilienti per il futuro”.

Pensano che siamo degli idioti. Hanno anche questi scienziati, come Justin Mankin, a bordo con la loro spazzatura. Ma che eredità lasciare ai tuoi nipoti. Mankin: “Il burattino inconsapevole dell’élite. Un lacchè pagato, incapace di pensare in modo critico e di applicare la logica”.

Non ci sono “diminuzioni a lungo termine della neve invernale”! E questo inverno non è diverso; attualmente, la massa di neve totale nell’emisfero settentrionale sta superando di 400 gigatoni la media del periodo 1982-2012:

[FMI]

E quest’anno non è un colpo di fortuna.

Ecco uno sguardo all’inverno 2020-2021, che lo scorso marzo ha raggiunto il picco di circa 500 Gigaton sopra la norma:

Nota anche quanto siamo avanti quest’anno, rispetto allo scorso [FMI].

Probabilmente Mankin non ha nemmeno controllato i dati, non avrebbe potuto. Scienziati senza spina dorsale, come lui, e ce ne sono molti, si sentono al sicuro ripetendo a pappagallo la narrativa prescritta: non hanno la spina dorsale per porre domande pertinenti, per non parlare di difendere la verità.

Il “lato giusto della storia” può essere scoperto definitivamente solo in retrospettiva; ma c’è un test che possiamo condurre ora: quelli dalla “parte sbagliata della storia” hanno SEMPRE gridato alla censura, cioè alla soppressione di opinioni e teorie contrastanti. Questo perché nel libero mercato delle idee le loro non erano le più popolari, e quindi era necessaria la coercizione.


Il ciclone tropicale “Batsirai” dovrebbe infliggere un colpo catastrofico al Madagascar

Source: February 2, 2022; articolo di Teo Blašković

Il ciclone tropicale “Batsirai” si è formato a est del Madagascar il 27 gennaio 2022, in un momento in cui Madagascar, Mozambico e Malawi stavano ancora valutando gravi danni causati dal passaggio del ciclone tropicale “Ana”.

  • Le condizioni ambientali favoriscono un’ulteriore intensificazione, portando a un possibile approdo catastrofico in Madagascar il 5 febbraio. In alcune aree sono possibili fino a 600 mm (24 pollici) di pioggia.
  • Batsirai è la seconda tempesta nominata della stagione dei cicloni dell’Oceano Indiano sudoccidentale 2021/22.

Alle 06:00 UTC del 2 febbraio, Batsirai era un ciclone tropicale intenso situato a circa 246 km (153 miglia) a NNE di Port Louis, Mauritius.

I suoi venti sostenuti massimi di 10 minuti erano 185 km/h (115 mph), con raffiche fino a 260 km/h (160 mph), mentre i venti sostenuti massimi di 1 minuto erano a 220 km/h (140 mph).

La pressione barometrica centrale minima era di 940 hPa e il sistema si stava muovendo a WSW a 17 km/h (10 mph).

“Nelle ultime ore, la configurazione dell’occhio è chiaramente migliorata nelle immagini sia nel visibile che nell’infrarosso, nonostante il riscaldamento delle cime delle nuvole”, ha affermato RSMC La Reunion alle 06:00 UTC di oggi.1

Il ciclone rimane sotto l’influenza di due flussi direttivi contraddittori provenienti dalla dorsale subtropicale a sud-ovest e da una dorsale quasi equatoriale della troposfera media a nord-est.

Attualmente, sotto l’influenza della dorsale subtropicale, Batsirai si sta muovendo in una direzione generale ovest-sudovest.

Su questa traiettoria dovrebbe passare nei pressi di Mauritius stasera a circa 130 km (80 miglia) con un’incertezza di 50 km (31 miglia) e domani mattina a circa 160 km (100 miglia) da Reunion, sempre con un’incertezza di 50 km ( 31 miglia). La presenza delle isole potrebbe modificare il tracciato.1

Da domani, 3 febbraio, la dorsale subtropicale si irrobustisce da sud-ovest consentendo una ripresa di una traiettoria in direzione generale di ovest verso la costa orientale del Madagascar.

Potrebbe quindi atterrare nell’area di Mahanoro all’inizio di sabato 5 febbraio. Domenica e lunedì, Batsirai potrebbe emergere nel sud del Canale del Mozambico.

Attualmente, Batsirai si trova in un ambiente piuttosto favorevole fino a venerdì con un’ottima divergenza nel semicerchio settentrionale. L’intensità fino allo sbarco in Madagascar sarà determinata principalmente da fenomeni interni.

In particolare, se viene annunciato un ciclo di sostituzione del bulbo oculare, nelle prossime 24 ore dovrebbe iniziare una fase di indebolimento prima di una possibile nuova intensificazione fino all’approdo. Questa previsione è ancora piuttosto incerta, ha affermato RSMC La Reunion.

Ciclone tropicale “Batsiari” alle 10:15 UTC del 2 febbraio 2022. Credit: EUMETSAT/Meteosat-8, RAMMB/CIRA, TW
Impatti sui terreni abitati
Mauritius e Reunion

Il degrado delle condizioni meteorologiche continua a Mauritius e Reunion. Anche se il nucleo del ciclone dovesse passare a più di 100 km (62 miglia) dalle isole, sono da temere impatti significativi, ha affermato il centro.

Sono previste forti piogge soprattutto sui rilievi delle due isole.

Le due isole dovrebbero essere interessate da venti di burrasca, con raffiche che superano i 110 km/h (68 mph) sulla costa.

Le mareggiate potrebbero raggiungere i 5 m (16 piedi). L’impennata attesa resta bassa, dell’ordine di qualche decina di centimetri.

Questi impatti potrebbero essere rafforzati da un possibile ciclo di sostituzione della parete oculare.

Madagascar

L’arrivo del ciclone è previsto sabato sulla costa orientale, potenzialmente in una fase di ciclone tropicale o di ciclone tropicale intenso.

Con l’inizio degli impatti di pioggia e vento possibili da venerdì, l’incertezza che permane sulla previsione della traiettoria e dell’intensità di un sistema così pericoloso in prossimità di abitati richiede la massima cautela. La popolazione è invitata a seguire con attenzione l’evolversi della situazione.

Riferimenti:

1 Ciclone tropicale 2 (Batsirai) – WTIO30 FMEE 020706 RSMC / TROPICAL CYCLONE CENTER / LA REUNION TROPICAL CYCLONE FORECAST WARNING (OCEANO INDIANO SUD-OVEST)

Immagine in primo piano: ciclone tropicale “Batsiari” alle 10:15 UTC del 2 febbraio 2022. Credito: EUMETSAT/Meteosat-8, RAMMB/CIRA, TW


I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno RAFFREDDANDO in linea con  la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i  raggi cosmici che nucleano le nuvole e un  flusso di corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare,  se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un  grande minimo solare ‘in piena regola’  alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare  (25)  come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con l’agenzia che mette in correlazione i precedenti spegnimenti solari a periodi prolungati di raffreddamento globale  qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che  il Beaufort Gyre  potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


2 pensieri riguardo “È un Inverno Eccezionalmente Nevoso e Freddo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: