Un nuovo attacco globale della censura al dottor Mercola

Source: February 07, 2022; Analisi del Dr. Joseph Mercola [_Fact Checked_]

Bene, non ci è voluto molto! Poche settimane dopo il mio annuncio che stavo reintroducendo i miei archivi di articoli cancellati e spostandoli nella libreria Substack per gli abbonati a pagamento, la stampa mainstream ha iniziato a chiedere a Substack di censurare e eliminare i critici dei vaccini dalla sua piattaforma.

La storia in breve

  • Poche settimane dopo il mio annuncio che stavo reintroducendo i miei archivi di articoli su Substack Library per gli abbonati a pagamento, la stampa mainstream ha iniziato a chiedere a Substack di censurare e eliminare i critici dei vaccini dalla sua piattaforma
  • Recenti pezzi di successo contro di me sono stati pubblicati da The Washington Post, The Philadelphia Inquirer, The Guardian, Mashable e altri, in cui chiedono a Substack di pulire la mia libreria censurata
  • I media si affidano ancora una volta alle affermazioni del Center for Countering Digital Hate (CCDH). Secondo il CCDH, Substack sta generando “almeno $ 2,5 milioni di entrate all’anno da soli cinque leader anti-vaccino che hanno accumulato decine di migliaia di abbonati, ciascuno pagando $ 50 all’anno”
  • Il CCDH afferma anche che il contenuto di Substack è “così brutto che nessun altro lo ospiterà”
  • Il CEO di Substack Chris Best e i suoi due cofondatori hanno respinto gli appelli alla censura affermando che consentire “la presenza di scrittori con cui siamo fortemente in disaccordo” è una “precondizione necessaria per creare più fiducia nell’ecosistema dell’informazione nel suo insieme”

Ci sono ottime ragioni per cui il mio contenuto è stato spostato su Substack in base a un contratto di abbonamento privato. Tutti i proventi saranno donati alle nostre organizzazioni non profit, proprio come i profitti del mio libro: non c’è motivazione finanziaria per farlo. Le ragioni per farlo saranno rivelate a tempo debito.

A loro merito, il CEO di Substack Chris Best e i suoi due cofondatori hanno respinto le richieste di censura, affermando che consentire “la presenza di scrittori con cui siamo fortemente in disaccordo” è una “precondizione necessaria per creare più fiducia nell’ecosistema dell’informazione nel suo insieme”,1 e quello:

“Riteniamo che la critica e la discussione di questioni controverse facciano parte di un discorso solido, quindi lavoriamo per trovare un equilibrio ragionevole tra queste due priorità.”2


Hit Piece Parade

Un recente pezzo di successo del Washington Post intitolato “Teorici della cospirazione, banditi sui principali social network, Connettiti con il pubblico su newsletter e podcast”3,4 evidenzia come, dopo che le piattaforme dei social media sono state ripulite con successo dalle contro-narrative, piattaforme alternative come Substack stanno ora cominciando ad affrontare lo stesso tipo di controllo:

“Joseph Mercola, un importante sostenitore dell’anti-vaccino i cui profili sono stati limitati da YouTube e Facebook, questo mese ha avvertito che i non vaccinati potrebbero presto essere imprigionati nei campi gestiti dal governo. La settimana prima, ha fatto circolare uno studio che pretendeva di utilizzare i dati del governo per dimostrare che erano morti più bambini a causa dei colpi di COVID-19 che per il coronavirus stesso.

Chiusa dalle principali piattaforme di social media, Mercola ha trovato un nuovo modo per diffondere queste affermazioni sfatate: su Substack, la piattaforma di newsletter in abbonamento che è sempre più un hub per prospettive controverse e spesso fuorvianti sul coronavirus.

Substack, che secondo i ricercatori del Center for Countering Digital Hate senza scopo di lucro ricava milioni di dollari dalla disinformazione anti-vaccino, la scorsa settimana ha difeso la sua tolleranza per la pubblicazione di “scrittori con cui non siamo assolutamente d’accordo”.

Personaggi di spicco noti per la diffusione di disinformazione, come Mercola, si sono riversati su Substack, piattaforme di podcasting e un numero crescente di reti di social media di destra nell’ultimo anno dopo essere state espulse o limitate su Facebook, Twitter e YouTube”.

Come notato nell’articolo, c’è una differenza fondamentale tra piattaforme di social media come Facebook e piattaforme come Substack. Su Substack, le nostre informazioni vanno specificamente a coloro che hanno aderito per ottenerle. Coloro che vogliono l’accesso completo pagano effettivamente per quell’accesso. Ma anche questo è inaccettabile per coloro che vogliono controllare ogni pensiero nella tua testa.

Secondo il WaPo, i contenuti censurati sono censurati perché potrebbero “portare le persone a impegnarsi in comportamenti che mettono in pericolo se stessi e gli altri”. Quindi, non dovresti nemmeno essere autorizzato a ottenerlo anche se lo desideri così tanto da essere disposto a pagarlo.

Anche Mashable5 e The Guardian6 hanno recentemente pubblicato pezzi di successo quasi identici, chiamandomi per nome come uno dei principali profittatori “anti-vax” su Substack. Ciò che questi e altri articoli simili mostrano così chiaramente è che quando non riescono a vincere una discussione, o sono dalla parte sbagliata della storia, cercano semplicemente di chiudere l’opposizione per coprire le proprie inadeguatezze.

In una breve nota a margine, la rapida crescita delle piattaforme di abbonamento a pagamento ha ora portato Twitter e Facebook a pianificare le proprie newsletter basate su abbonamento a pagamento. Quello che sembrano aver completamente trascurato è il MOTIVO per cui le persone si rivolgono a piattaforme a pagamento.

Si affollano lì perché è lì che si trova la verità – le informazioni censurate. Nessuno sano di mente pagherà per più propaganda su Twitter e Facebook.


Le stesse losche tattiche di propaganda di sempre

Come è normale con i pezzi di successo, il WaPo ci ha inviato una richiesta di commento alle 16:52. e poi ha pubblicato nelle prime ore del mattino affermando che “Mercola non ha risposto a una richiesta di commento”.

Non lasciare il tempo per rispondere e poi affermare che non si è ottenuta risposta, come se ci provassero davvero, è una mossa classica per evitare di dare alla persona che stanno diffamando la possibilità di dire qualcosa che li fa sembrare degli idioti.

Un’altra classica tattica di propaganda impiegata in questo pezzo è la proiezione che i forum chiusi, comprese le newsletter, sono “afflitti da disinformazione perché sono essenzialmente camere d’eco in cui gli utenti condividono punti di vista simili”. Nel frattempo, chiedere la censura è di default un appello per la creazione di una camera d’eco!


Il gruppo dell’odio dei soldi oscuri agita il cane dei media

Altrettanto ripetitivo è ormai l’affidamento dei media alle dichiarazioni fatte dal Center for Countering Digital Hate (CCDH), secondo il quale Substack sta generando “almeno 2,5 milioni di dollari all’anno di entrate da soli cinque leader anti-vaccino che hanno accumulato decine di migliaia di abbonati, ciascuno pagando $ 50 all’anno.”7,8

Il CCDH afferma inoltre che il contenuto di Substack è “così brutto che nessun altro lo ospiterà”. Sembra abbastanza illogico, se me lo chiedi, considerando che le persone sono disposte a pagare per i contenuti a cui erano abituati a ricevere gratuitamente.

Normalmente, le persone non sono disposte a pagare per qualcosa che pensano sia inutile o, peggio, le danneggerà se seguita. Quando si tratta di salute in particolare, di solito bastano solo una o due raccomandazioni fallite per spegnere le persone per sempre. Quindi, perché le persone dovrebbero seguirmi su una piattaforma a pagamento?

Abbastanza divertente, nel suo ultimo rapporto,9 il CCDH afferma che “Il New York Times ha descritto il medico osteopatico Joseph Mercola come il più influente divulgatore di disinformazione online sul coronavirus nel 2021”. Nel frattempo, il New York Times cita10 il CCDH come fonte di tale affermazione! Quindi, il CCDH sta usando i resoconti dei media delle proprie affermazioni inventate su di me per supportare l’ennesima serie di affermazioni diffamatorie.

Ovviamente non sono riusciti ad aggiornare le loro bugie poiché non hanno mai integrato Joe Rogan nella loro equazione. Le sue interviste con Peter McCullough e Robert Malone insieme hanno raccolto oltre 100 milioni di visualizzazioni, mettendolo molto, molto più avanti di me nel raggiungere il pubblico.


Una campagna di lavaggio del cervello coordinata

Il fatto che tutti i vari organi di informazione facciano affidamento sui rapporti del CCDH, senza mai fare domande sul gruppo stesso, o su come giustifichi le sue false affermazioni, è un’indicazione infallibile che una società di pubbliche relazioni sta dirigendo questa campagna di censura.

Questo è ciò che fanno le società di pubbliche relazioni: creano i messaggi e coordinano i tempi di pubblicazione di tali informazioni. I giornalisti, nel frattempo, si sono arresi a questa diffusione dall’alto delle “notizie” e hanno smesso persino di fingere di seguire gli standard giornalistici. Nessuno di loro fa notare che Facebook stesso ha definito il CCDH un fabbricante di bugie.

Il 18 agosto 2021, la vicepresidente per la politica dei contenuti di Facebook, Monika Bickert, ha rilasciato una dichiarazione11,12 affermando che non ci sono prove a sostegno delle affermazioni del CCDH secondo cui 12 persone erano responsabili del 73% della disinformazione sui vaccini su Facebook. Dopo un’indagine, hanno scoperto che in realtà eravamo responsabili solo di una piccola frazione – lo 0,05% – di tutto il contenuto del vaccino su Facebook. Ecco un estratto dalla dichiarazione di Bickert:13

“Nelle ultime settimane, c’è stato un dibattito sul fatto che il problema globale della disinformazione sul vaccino COVID-19 possa essere risolto semplicemente rimuovendo 12 persone dalle piattaforme dei social media. Le persone che hanno avanzato questa narrativa sostengono che queste 12 persone sono responsabili del 73% della disinformazione sui vaccini online su Facebook. Non ci sono prove a sostegno di questa affermazione…

In effetti, queste 12 persone sono responsabili di circa lo 0,05% di tutte le visualizzazioni di contenuti relativi ai vaccini su Facebook. Ciò include tutti i post relativi al vaccino che hanno condiviso, veri o falsi, nonché gli URL associati a queste persone.

Il report14 su cui si basa la narrativa errata ha analizzato solo un ristretto insieme di 483 contenuti in sei settimane da soli 30 gruppi, alcuni dei quali sono piccoli come 2.500 utenti. Non sono in alcun modo rappresentativi delle centinaia di milioni di post che le persone hanno condiviso sui vaccini COVID-19 negli ultimi mesi su Facebook.

Inoltre, non c’è alcuna spiegazione per come l’organizzazione dietro il rapporto abbia identificato il contenuto che descrivono come “anti-vax” o come abbia scelto i 30 gruppi che hanno incluso nella loro analisi. Non vi è alcuna giustificazione per la loro affermazione che i loro dati costituiscono un “campione rappresentativo” del contenuto condiviso attraverso le nostre app”.


Chi e cosa è il CCDH?

Allora, cos’è il CCDH? È un’organizzazione individuale con finanziamenti nascosti e connessioni altamente sospette con lo “stato profondo” tecnocratico. Dall’inizio della pandemia di COVID nel 2020, il CCDH è stato in prima linea chiedendo la censura e la cancellazione di chiunque metta in dubbio i vaccini sperimentali COVID.15

In effetti, c’è motivo di sospettare che questo sia il motivo per cui questa organizzazione è stata fondata in primo luogo. Crea “rapporti” pieni di opinioni non supportate da dati solidi, e quei rapporti vengono quindi utilizzati dai media mainstream e dai leader di governo per giustificare questo racket della censura.

A parte il suo fondatore e CEO Imran Ahmed, un agente straniero non registrato, il CCDH è composto da un consiglio di amministrazione di sette persone che “supporta e esamina” il lavoro di Ahmed. E, sebbene si affermi che i finanziamenti provengono principalmente da “trust filantropici”, non sono elencati fondi specifici.

Approfondire la composizione del consiglio di amministrazione ci fornisce alcuni indizi interessanti sul suo scopo. Attraverso il collegamento del cofondatore Morgan McSweeney – che ha lasciato il CCDH per una posizione di capo del personale con il leader laburista dei Pary Keir Starmer – possiamo dedurre che il CCDH è collegato con l’hub tecnocratico che è la Commissione Trilaterale, di cui Starmer è un membro in servizio.16

Il gruppo può anche essere collegato ad altri centri tecnocratici all’interno della rete globalista attraverso il presidente del consiglio Simon Clark e il membro del consiglio Kirsty McNeill.17

Clark è un membro anziano del centro di ricerca politica Center for American Progress e presidente di Foreign Policy for America, altri membri dei quali includono Stephen Grand, un membro anziano dell’Atlantic Council, e Avril Haines, ex vicedirettore della CIA e un partecipante all’evento 201.18

Simon è stato anche il primo direttore dei servizi web per Reuters, una delle tre agenzie di stampa globali incaricate di curare la stragrande maggioranza delle notizie mondiali. McNeill, nel frattempo, è membro del Consiglio europeo per le relazioni estere – un altro attore chiave dietro The Great Reset – e direttore delle politiche per Save the Children Fund, che è finanziato dalla Gates Foundation e un partner della GAVI Vaccine Alliance di Gates.

Un altro membro del consiglio è Damian Collins, membro del Parlamento britannico ed ex presidente del comitato ristretto della Camera dei Comuni per il digitale, la cultura, i media e lo sport. Collins ha anche fondato Infotagion, che “cerca di combattere il contagio della disinformazione su COVID-19”.19


CCDH protegge la grande agenda del Reset

A pensarci bene, non è piuttosto curioso che i diritti costituzionali dei cittadini americani vengano violati sulla base delle opinioni di un agente straniero non registrato che gestisce un minuscolo gruppetto di pop-up finanziato da denaro oscuro?20 Come notato il 20 luglio, 2021, nell’articolo Drill Down:21

“Secondo il suo sito Web, il Center for Countering Digital Hate di sinistra è orgoglioso di “ricercare, esporre e quindi chiudere utenti e siti di notizie che ritiene inaccettabili nella sfera digitale”. Utenti e siti di notizie che ritiene inaccettabili? Sembra potenzialmente pericoloso, considerando che sappiamo molto poco del CCDH. Il senatore Josh Hawley (R-MO) ha espresso le sue preoccupazioni su Twitter con il seguente post:

‘Chi sta finanziando questo gruppo di denaro oscuro d’oltremare – Big Tech? Attivisti miliardari? Governi stranieri? Non abbiamo idea. Gli americani meritano di sapere quali interessi stranieri stanno tentando di influenzare la democrazia americana’…

Nessuno sa chi li finanzia. Nessuno sa chi sta guidando la loro ricerca. Ma le loro scoperte vengono utilizzate negli sforzi di censura con il pretesto di controllare la disinformazione?”


Chi c’è dietro l’attacco a Joe Rogan?

Spotify è un’altra piattaforma sotto tiro grazie alla straordinaria portata di Joe Rogan, che continua a intervistare medici e scienziati su tutte le cose che i media mainstream si rifiutano di toccare. Con ogni intervista di successo che passa, la chiamata a togliere Rogan dall’aria diventa più forte. Anche il chirurgo generale degli Stati Uniti Vivek Murthy ha chiesto a Spotify di vietare lo spettacolo di Rogan.22

Nel video all’inizio di questo articolo, Saagar Enjeti, conduttore di “Saagar’s Breaking Points”, fa un tuffo negli hedge fund dietro la campagna di Neil Young e altri artisti per cancellare Rogan e danneggiare i profitti di Spotify.

Tutto è iniziato quando Young ha pubblicato una lettera aperta sui social media, chiedendo a Spotify di fare una scelta: Rogan o lui. A meno che non abbandonino Rogan, Young ritirerebbe la sua musica da Spotify. Spotify ha rispettato e ritirato il materiale di Young.

Il problema con l’apparente segnale di virtù di Young è che non possiede più tutta la sua musica. Nel gennaio 2021 ha venduto il 50% dei suoi diritti d’autore e delle entrate mondiali nel suo catalogo di 1.180 canzoni a una società chiamata Hipgnosis.23 Hipgnosis, a sua volta, è stata finanziata pochi mesi dopo, nell’ottobre 2021, con 1 miliardo di dollari dal colosso del private equity Blackstone,24 che sta cercando di divorare immobili negli Stati Uniti e trasformarci in una nazione di affittuari.25

E, solo un mese dopo, nel novembre 2021, forse non così casualmente, la più grande società di gestione patrimoniale del mondo, BlackRock, ha deciso di vendere allo scoperto Hipgnosis scommettendo 8,9 milioni di sterline (circa 12,1 milioni di dollari) contro l’investimento di 1,5 miliardi di sterline di Hipgnosis fiducia.26

Tra i consulenti senior di Blackstone c’è Jeffrey Kinder,27 ex presidente e CEO di Pfizer. Hipgnosis/Blackstone, con la loro intima connessione Pfizer, ora possiedono e traggono profitto dalla musica di Young. Quindi, come suggerito da Enjeti, sembra che ci possa essere molto di più in questa storia di Young che decide che è troppo pericoloso rockare in un mondo libero.


Spotify non è un sostenitore della libertà di parola

Ironia della sorte, mentre Spotify sta cercando di mantenere l’illusione di essere a favore della libertà di parola e supportare Rogan, non solo hanno consumato la preziosa libreria di Rogan per la quale hanno pagato così pesantemente (al 13 aprile 2021, 42 episodi erano stati silenziosamente rimossi28), hanno anche cancellato il mio podcast “Prendi il controllo della tua salute” nell’aprile 2021 per aver detto le stesse cose di cui Rogan e i suoi ospiti discutono oggi.

La notifica di rimozione affermava che il mio podcast violava le loro politiche sui contenuti, che includono il divieto di violazione di contenuti, contenuti illegali e contenuti di odio, nessuno dei quali si applica, ma l’intero canale è stato comunque rimosso, senza ricorso.

Ora, Joe Rogan sta condividendo le stesse esatte informazioni per cui sono stato bannato. Spotify, tuttavia, apporrà etichette di avviso di “disinformazione” su qualsiasi programma che potrebbe non essere in linea con la narrativa ufficiale del COVID, un altro segno che Spotify non è il rifugio sicuro per la libertà di parola che Rogan pensava che sarebbe stato.

Non è un’iperbole osservare che ora c’è una guerra concertata su tutte le piattaforme dedicate al discorso libero e che rifiutano di capitolare alle richieste di censura dei politici democratici e degli attivisti liberali. La lancia dell’attacco sono i media corporativi, che demonizzano e cercano di rendere radioattiva qualsiasi piattaforma che consenta alla libertà di parola di prosperare.

~Glenn Greenwald

In passato, il mio team ha sfidato Spotify in arbitrato dopo aver rimosso un paio dei miei episodi, incluso uno sul tema dei campi elettromagnetici (EMF). Hanno rilasciato dichiarazioni specifiche sul motivo per cui alcuni contenuti potrebbero essere rimossi e gli episodi non rientravano in nessuna di queste categorie.

Il giudice arbitrale, tuttavia, ha affermato che i termini di servizio di Spotify consentivano loro di rimuovere qualsiasi cosa, per qualsiasi motivo, quindi non c’era nulla che potessimo fare. Potremmo essere stati uno degli unici nella storia ad aver sfidato Spotify in arbitrato, poiché da allora hanno aggiornato i propri termini di servizio e modificato l’arbitrato in modo che dovesse svolgersi a New York.

Hanno cambiato tutta la loro politica su questo e hanno continuato a censurare palesemente i contenuti senza alcuna spiegazione se non una vaga “violazione” dei loro termini di servizio.


Una “religione della censura”

In un articolo di ZeroHedge del 30 gennaio 2022, il giornalista indipendente Glenn Greenwald, lui stesso un rifugiato di Substack, ha osservato:29

“La campagna di pressione per rimuovere Joe Rogan da Spotify rivela la religione liberale della censura. I liberali americani sono ossessionati dall’idea di trovare modi per mettere a tacere e censurare i loro avversari.

Ogni settimana, se non ogni giorno, hanno nuovi bersagli che vogliono de-piattaformare, bandire, mettere a tacere e in altro modo impedito loro di parlare o essere ascoltati (per “liberali”, intendo il termine di auto-descrizione usato dall’ala dominante del Partito Democratico).

Per anni, la loro tattica di censura preferita è stata quella di espandere e distorcere il concetto di “incitamento all’odio” per indicare “punti di vista che ci mettono a disagio”, e quindi chiedere che tali punti di vista “odiosi” fossero proibiti su questa base. Per questo motivo, ora è comune sentire i Democratici affermare, falsamente, che la garanzia della libertà di parola del Primo Emendamento non protegge l'”incitamento all’odio”.

La loro cultura politica ha a lungo inculcato loro a credere che possono tranquillamente mettere a tacere qualsiasi punto di vista arbitrariamente inseriscano in questa categoria senza essere colpevoli di censura.

Analfabetismo costituzionale a parte, il quadro di “incitamento all’odio” per giustificare la censura è ora insufficiente perché i liberali sono desiderosi di mettere a tacere una gamma molto più ampia di voci di quelle che possono credibilmente accusare di essere odiose.

Ecco perché il quadro di censura più recente, e ora più popolare, è quello di affermare che i loro obiettivi sono colpevoli di diffondere “disinformazione” o “disinformazione”. Questi termini, in base alla progettazione, non hanno un significato chiaro o conciso. Come il termine “terrorismo”, è la loro elasticità che li rende così utili…

I punti vendita aziendali amati dai liberali sono liberi di sputare gravi falsità senza essere ritenuti colpevoli di disinformazione e, per questo motivo, lo fanno regolarmente. Questo termine di “disinformazione” è riservato a coloro che mettono in discussione le pietà liberali, non a coloro che sono dediti ad affermarle…

Non è un’iperbole osservare che ora c’è una guerra concertata su tutte le piattaforme dedicate al discorso libero e che rifiutano di capitolare alle richieste di censura dei politici democratici e degli attivisti liberali. La lancia dell’attacco sono i media aziendali, che demonizzano e cercano di rendere radioattiva qualsiasi piattaforma che consenta alla libertà di parola di prosperare”.

Esempio calzante: Chelsea Clinton – nata nel grembo del lusso e che ha consegnato ben 9 milioni di dollari per far parte di un consiglio aziendale – ha twittato il pezzo di successo del Guardian sugli anti-vaxxer che guadagnano almeno 2,5 milioni di dollari all’anno dalla pubblicazione su Substack, con il commento: “Il furto anti-vaxx sta andando forte: perché Substack sta facilitando la capacità dei negazionisti della scienza di trarre profitto da bugie distruttive?”

Come notato da Alex Berenson30 – un altro rifugiato di Substack nominato da The Guardian a parte me stesso – “Apparentemente il Chelsea si aspettava il cinque su Twitter per la sua denuncia di” truffa anti-vaxx ma 5.600 risposte dopo, le cose non sono andate come previsto”.

Le persone non hanno avuto problemi a trovare articoli che sottolineassero l’inclinazione di Chelsea per la truffa e alcuni erano più popolari del suo tweet originale. Come notato da Berenson, “Quando la prima risposta che ti strappa riceve più Mi Piace del tuo tweet, potresti voler riconsiderare se la tua posizione è così popolare come pensavi”.


La biblioteca censurata sopravviverà su Substack?

Resta da vedere se Substack manterrà il suo corso e resisterà alle richieste di censura. Per ora, sono ottimista.

“L’anno scorso, in un’intervista con il New York Times, l’antropologa Heidi Larson, fondatrice del Vaccine Confidence Project, ha affermato che gli sforzi per mettere a tacere le persone che dubitano dell’efficacia dei vaccini COVID-19 non ci porteranno molto lontano”, Substack i cofondatori Hamish McKenzie, Chris Best e Jairaj Sethi hanno scritto in un post.31

Gennaio 2022 “’Se chiudi Facebook domani’, ha detto, ‘non andrà via. Si muoverà e basta’. Le soluzioni di salute pubblica, quindi, dovrebbero provenire da un approccio diverso. “Non abbiamo un problema di disinformazione”, ha detto Larson. “Abbiamo un problema di fiducia.”

Questo punto suona vero per noi. Ecco perché, mentre affrontiamo una crescente pressione per censurare i contenuti pubblicati su Substack che ad alcuni sembrano dubbi o discutibili, la nostra risposta rimane la stessa: prendiamo decisioni basate su principi non PR, difenderemo la libertà di espressione e ci atterremo al nostro approccio alla moderazione dei contenuti.

Sebbene disponiamo di linee guida sui contenuti che ci consentano di proteggere la piattaforma agli estremi, considereremo sempre la censura come l’ultima risorsa, perché riteniamo che un discorso aperto sia migliore per gli scrittori e migliore per la società…

Stiamo vivendo un’epidemia di sfiducia… La fiducia nei social media e nei media tradizionali è ai minimi storici. La fiducia nel governo federale degli Stati Uniti per la gestione dei problemi è quasi ai minimi storici. La fiducia nelle principali istituzioni statunitensi è entro 2 punti percentuali dal minimo storico.

Le conseguenze sono profonde. Il calo della fiducia è sia una causa che un effetto di polarizzazione, riflettendo e dando origine a condizioni che compromettono ulteriormente la nostra fiducia reciproca e nelle istituzioni…

Per dirla chiaramente: la censura delle cattive idee rende le persone meno propensi, non più propense, a fidarsi delle buone idee. La chiave per far funzionare tutto questo è dare potere a scrittori e lettori. Ecco perché in Substack ci concentriamo sugli abbonamenti invece che sulla pubblicità, ed è per questo che gli scrittori di Substack possiedono e controllano le loro relazioni con i loro lettori”.

Senza dubbio, Substack è attualmente una delle migliori fonti di “buone idee” disponibili, proprio per la ragione che è consentita la libertà di parola. Alla fine, la leadership che dipende dalla censura per avere successo tende a fallire, per il semplice motivo che erode la fiducia.

Fonti e Referenze

Dr. Joseph Mercola


Disclaimer: il contenuto di questo articolo si basa sulle opinioni del Dr. Mercola, se non diversamente specificato. I singoli articoli si basano sulle opinioni del rispettivo autore, che conserva i diritti d’autore come contrassegnati. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire un rapporto individuale con un operatore sanitario qualificato e non costituiscono un consiglio medico. È inteso come una condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza del Dr. Mercola e della sua comunità. Il Dr. Mercola ti incoraggia a prendere le tue decisioni sanitarie sulla base della tua ricerca e in collaborazione con un professionista sanitario qualificato. In caso di gravidanza, allattamento, assunzione di farmaci o condizioni mediche, consultare il proprio medico prima di utilizzare prodotti basati su questo contenuto


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: