Come viene controllato e falsificato il Fact Checking

Source: February 09, 2022; Analisi del Dr. Joseph Mercola [-Fact Checked-]

Prima del 2015 o del 2016, potevi ancora leggere ciò che volevi online senza troppe interferenze. Da allora le cose sono cambiate, poiché i propagandisti si sono infiltrati nei media e, insieme ad altri importanti attori, come Big Tech e governo, hanno deciso di controllare le informazioni.

La storia in breve
  • Il fact-checking è una parte della campagna per controllare ciò che vedi online, e quindi ciò che pensi e come percepisci la realtà
  • La giornalista investigativa Sharyl Attkisson spiega come praticamente tutto ciò che vedi e ascolti online è stato cooptato o rilevato per servire un’agenda più ampia
  • Invece di veri giornalisti e reporter, i media sono infiltrati con propagandisti che dettano cosa è “fake news” e cosa no
  • Il pubblico viene manipolato per volere che le proprie informazioni vengano censurate da verificatori di “fatti” di terze parti, introdotti come strumento per confondere e controllare ulteriormente il pubblico
  • “Teoria del complotto”, “sfatato”, “ciarlataneria” e “novax” sono esempi di termini usati come strumenti di propaganda; se li senti, dovresti scavare più a fondo per la verità
  • Coloro che si affidano esclusivamente a Internet per le loro informazioni corrono il serio rischio di essere controllati; puoi reagire facendo le tue ricerche, fidandoti della tua dissonanza cognitiva e usando il tuo buon senso

How Propagandists Co-Opted ‘Fact-Checkers’ and the Press to Control the Information Landscape

Prima del 2015 o del 2016, potevi ancora leggere ciò che volevi online senza troppe interferenze. Da allora le cose sono cambiate, perché i propagandisti si sono infiltrati nei media e, insieme ad altri importanti attori, come Big Tech e governo, hanno deciso di controllare le informazioni. Il fact-checking – un termine un tempo oscuro che da allora è diventato mainstream – è una parte della campagna per controllare ciò che vedi online, e quindi ciò che pensi e come percepisci la realtà – ma è tutto uno stratagemma.

Parlando con Jan Jekielek, editore senior di The Epoch Times e conduttore dello spettacolo “American Thought Leaders“, la giornalista investigativa Sharyl Attkisson spiega come praticamente tutto ciò che vedi e ascolti online è stato cooptato o preso in consegna per servire un programma più ampio:1

“Bisogna capire che quasi ogni modalità di informazione è stata cooptata, se può essere cooptata da qualche gruppo. Anche i fact check non sono diversi, sono stati cooptati in molti casi o creati allo scopo di distribuire narrazioni e propaganda.

E il tuo buon senso è accurato quando ti dice che il modo in cui hanno scelto questo fact check e come hanno deciso di esprimerlo in modo da poter dire che questa cosa non è vera quando in fondo è davvero vera, ma il messaggio che stanno provando a mandare è che non dovresti crederci, il tuo buon senso ha ragione.

È stato creato come parte di uno sforzo di propaganda da parte di qualcuno, da qualche parte, come parte di una narrativa da distribuire al pubblico, quindi praticamente ogni informazione che può essere cooptata lo è stata.”


Il panorama dell’informazione è sotto controllo

Attkisson richiama diverse fonti online comuni che sono pesantemente manipolate: Wikipedia, Snopes e la maggior parte dei “fact ceckers” per citarne alcuni, insieme a HealthFeedback.org, che è un gruppo scientifico falso utilizzato da Facebook e altre società Big Tech per sfatare la scienza che è effettivamente vera.

I fact checker sono spesso indicati come scienziati, ma anche questo fa “parte di un panorama molto ben finanziato e ben organizzato che detta e inclina le informazioni che vogliono che noi abbiamo”. Sebbene ci siano sempre stati sforzi per modellare le informazioni fornite dai media, in passato i giornalisti avrebbero respinto le organizzazioni per garantire che il pubblico avesse l’altro lato della storia.

A partire dai primi anni 2000, Attkisson ha notato un passaggio dagli sforzi per modellare semplicemente le informazioni a quelli che tentano di impedire che determinate informazioni vengano riportate. Ciò era particolarmente vero tra le aziende farmaceutiche di cui si occupava in quel momento. Attkisson ha descritto “gli sforzi di queste grandi società di pubbliche relazioni globali che sono state assunte dall’industria farmaceutica, da partner governativi che lavorano con l’industria farmaceutica, per impedire che la storia venga riportata”.2

Ora, sopprimere e censurare le informazioni che i responsabili non vogliono essere ascoltate è davvero comune. Attkisson ritiene che la pratica sia davvero decollata tra il 2015 ed il 2016, “con Donald Trump che si è rivelato un pericolo unico percepito sia dai democratici che dai repubblicani, e con ciò intendo gli interessi che li sostengono e pagano per essere in carica e assicurarsi decisioni.”3

Con un jolly in carica, è stata organizzata una campagna che ha sfruttato un media già conflittuale e meno adatto a riportare ciò che stava effettivamente accadendo. “Tutto questo si è unito per creare questo pazzesco panorama informativo che abbiamo oggi”, ha detto. Invece di giornalisti che cercano di scoprire la verità, abbiamo “scrittori che cercano di diffondere qualsiasi cosa gli scienziati o i politici dell’establishment vogliono che dicano, acriticamente ed a scapito, spesso, dell’accuratezza”.

Ora, invece di veri giornalisti e reporter, i media sono infiltrati con propagandisti che dettano ciò che è “fake news” e cosa non lo è. Molti credono che le fake news siano un prodotto di Trump, ma Big Tech è stata coinvolta nella campagna all’inizio. Una campagna di lobby di propagandisti dietro le quinte si è incontrata con Facebook e ha detto che doveva iniziare a censurare e controllare i “fatti” delle informazioni, ha detto Attkisson.

Il termine “fake news” è diventato popolare dopo l’elezione di Trump, ma in realtà ha avuto inizio prima: è stata un’invenzione del sito web di attivisti politici First Draft News, che è parzialmente finanziato da Google.4


Invitare i propagandisti nella redazione

Siamo nel mezzo di una guerra dell’informazione in cui è difficile distinguere la verità dalla finzione o dalle bugie. I giornalisti non sono più i cani da guardia; invece, prendono informazioni da fonti ovviamente contrastanti e poi cercano di convincere il pubblico a credere a quel particolare punto di vista. Altre informazioni in conflitto vengono censurate o “sfatate”.

È un periodo insolito nella storia in cui sono addirittura in corso sforzi per manipolare il pubblico affinché le loro informazioni vengano censurate e apprezzino i “fattori” di terze parti, che sono stati introdotti come strumento per confondere e manipolare ulteriormente il pubblico.5

Tuttavia, quando ascolti solo un lato della storia e non puoi accedere ad altre informazioni sul contrario, è quasi impossibile scoprire la verità – ed è proprio questo il punto. È solo una questione di giornalisti che non sanno come pensare in modo critico e porre le domande giuste, o che credono di fare la cosa giusta?

Attkisson afferma che va molto più in profondità. Molti propagandisti sono diventati parte dei media e, sebbene ci fosse un firewall tra i giornalisti e le persone su cui riferivano, “è passato molto tempo”. Lei dice:6

“Non li abbiamo solo invitati a influenzare ciò che riportiamo, ma li abbiamo assunti, non solo come esperti e analisti, ma anche come giornalisti. Sono presenze editoriali all’interno delle nostre redazioni. Ora siamo la stessa cosa.

È difficile dire che ci sia una differenza distintiva in molti casi tra le persone che cercano di far passare un messaggio e i messaggeri nei media che dovrebbero svolgere un lavoro più indipendente di riferire accuratamente”
.


La campagna di disinformazione sul COVID

All’inizio del 2020, quando la pandemia ha iniziato a prepararsi per la prima volta, Attkisson ha parlato con tutti coloro che poteva, compresi gli scienziati del governo e al di fuori del governo. “Abbastanza rapidamente, ho potuto vedere che alcune cose che venivano dette pubblicamente si stavano rivelando non vere, e alcune cose che altri scienziati mi dicevano in privato suonavano vere, e con il senno di poi si sono effettivamente dimostrate vere”.7

All’inizio, alcuni scienziati con cui ho parlato stavano mettendo in dubbio i consigli forniti dagli scienziati del governo, tra cui il dottor Anthony Fauci, direttore dell’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive e portavoce principale della risposta COVID del presidente. Ha chiesto loro se dovevano dire qualcosa e parlare delle loro preoccupazioni, ma tutti hanno risposto con la stessa risposta:8

“Hanno detto che non osavano parlare per paura di essere controversi e per paura di essere chiamati negazionisti del coronavirus, perché quella frase stava iniziando a essere usata dai media. E in secondo luogo, temevano di contraddire il dottor Fauci, che secondo loro era stato in qualche modo celebrato o canonizzato dalla stampa per ragioni che non potevano capire, perché non pensavano davvero che la sua guida che stava dando pubblicamente fosse giusta guida.”

Certo, le opinioni di quegli scienziati meritavano di essere ascoltate, ma la paura di parlare apertamente li hanno zittiti. Temevano di perdere le sovvenzioni, poiché la maggior parte delle sovvenzioni per la ricerca sono finanziate dal governo. Se al governo non piace quello che dici o fai, puoi essere licenziato o non ricevere mai più una sovvenzione, ponendo fine alla tua carriera e minacciando il tuo stesso sostentamento.

“Questo ha iniziato a colpirmi perché questo è un ambiente davvero pericoloso, quando stimati scienziati che hanno informazioni e opinioni preziose hanno paura di fornirle, e invece stiamo ascoltando una linea di partito con cui molti di loro non sono d’accordo ma non diranno mai”, ha detto Attkisson.9

Ha menzionato il controverso finanziamento del governo degli Stati Uniti della ricerca sul guadagno di funzione in Cina e l’idea che SARS-CoV-2 possa provenire da un laboratorio cinese: entrambi erano questioni evidenti di cui nessuno avrebbe parlato.

“Questo è il tipo di cose che all’inizio erano una sorta di bandiera rossa per me che dice che qualcuno sta cercando di plasmare le informazioni”, ha continuato. “Stanno usando i giornalisti per farlo. Le figure della sanità pubblica sono coinvolte in alcuni casi e questo mi fa venire voglia di sapere cosa c’è davvero dietro.”10


La “teoria della cospirazione” è stata ideata dalla CIA

Il termine “teoria della cospirazione” è ora usato per respingere le narrazioni che vanno controcorrente. Secondo Attkisson, questo è intenzionale, poiché il termine stesso è stato ideato dalla CIA come risposta alle teorie sull’assassinio di JFK.

“Nei documenti è stato mostrato che c’era un suggerimento che gli agenti andassero a parlare con i giornalisti di queste cose come teorie del complotto – e ancora, il buon senso dovrebbe dirti, come fa a me, sono sposato con un ex funzionario delle forze dell’ordine chi mi ha detto tante volte, sai che la frase della teoria del complotto nel suo uso non ha senso. Quasi tutto è una cospirazione.11

Tutto ciò che coinvolge due o più persone è tecnicamente una cospirazione, ma ora quando le persone sentono il termine, sono condizionate a pensare che sia falso. “Questo è progettato per strappare questa piccola parte del tuo cervello che dice, ‘beh, quella cosa non è vera.'” Quando Attkisson sente il termine, tuttavia, pensa che l’informazione potrebbe essere vera. “Se qualcuno sta cercando di mascherarlo, di solito significa che dietro c’è un forte interesse e mi fa venire voglia di cercare maggiori informazioni su quella cosa”.

Il termine “teoria della cospirazione” ha perso significato ora perché è usato così tanto. “Debunked”, “ciarlataneria” e “novax” sono tutti termini usati allo stesso modo come strumenti di propaganda. “C’è un intero cast di frasi di propaganda che ho delineato che sono spunti. Quando li senti, dovrebbero farti pensare: ‘Ho bisogno di saperne di più'”, dice Attkisson.


I fact checker si lanciano su un’accurata indagine BMJ

In un altro esempio delle lunghezze che i fact-checker faranno per screditare una storia, anche se è vera, prendi un articolo pubblicato sul BMJ, intitolato “COVID-19: i ricercatori denunciano i problemi di integrità dei dati nella sperimentazione del vaccino di Pfizer.”12 Scritto dal giornalista investigativo Paul D. Thacker, descrive in dettaglio una serie di problemi con la gestione del laboratorio e i controlli di qualità da parte del subappaltatore di Pfizer Ventavia Research Group, che stava testando il vaccino COVID-19 di Pfizer.

Secondo un direttore regionale precedentemente impiegato da Ventavia, è stata testimone di dati falsi, pazienti non in cieco, vaccinatori non adeguatamente formati e mancanza di un adeguato follow-up sugli eventi avversi segnalati. Dopo aver informato Ventavia delle sue preoccupazioni, ripetutamente, ha presentato un reclamo alla Food and Drug Administration degli Stati Uniti ed è stata licenziata lo stesso giorno.13

Subito dopo che il pezzo investigativo di Thacker è stato pubblicato su BMJ, è stato “verificato sui fatti” da un gruppo chiamato Lead Stories, che ha definito l’indagine un “avviso di bufala” nell’URL correlato. Oltre a “correggere” le dichiarazioni che Thacker non ha fatto, Lead Stories ha denigrato l’indagine per “contesto mancante”, ma, come ha spiegato il giornalista investigativo Matt Taibbi, “‘contesto mancante’ è diventato un termine per denigrare la cronaca che è vera ma scomoda”.14

Lead Stories ha sollevato ulteriori problemi con l’indagine BMJ perché è stata condivisa da persone come il dottor Robert Malone e Robert F. Kennedy, che a loro volta sono stati presi di mira da falsi verificatori di fatti. Taibb ha aggiunto:15

“Il vero problema con il pezzo di Thacker è che è diventato virale ed è stato ritwittato dalle persone sbagliate. Come ha notato Lead Stories con marcata disapprovazione, alcuni di quei partecipanti includevano artisti del calibro del dottor Robert Malone e Robert F. Kennedy. Per loro, questo mostrava chiaramente che l’articolo era in qualche modo pessimo, ma il problema era che non c’era nulla che potesse dire che la storia non fosse vera”.

Thacker ha anche definito “folle” la “verifica dei fatti” contro la sua indagine BMJ, dicendo a Taibbi:16

“Ecco cosa fanno. Non stanno verificando i fatti. Quello che stanno facendo è controllare le narrazioni. Non possono dire che i tuoi fatti siano sbagliati, quindi è come “Aha, non c’è contesto”. O, “È fuorviante”. Ma non è un fact check. Semplicemente non gli piace la storia”.


La realtà viene alterata in tempo reale

Allo stato attuale, le informazioni vengono modificate in tempo reale per soddisfare l’agenda comune. Ciò include le definizioni nei dizionari e sui siti Web ufficiali del governo. Esempi di definizioni che sono state modificate di recente includono quelle per pandemia, immunità di gregge, vaccini e novax. Attkisson ribadisce:17

“Praticamente ogni forma di informazione e di approvvigionamento che poteva essere cooptata lo è stata. Ciò include le definizioni del dizionario; che include tutto perché questi sono modi importanti per influenzare il pensiero. La lingua è molto potente. Le persone non vogliono essere affiliate con determinati nomi ed etichette.

Mi ricorda “1984”, la storia di George Orwell sulla società futuristica, in cui la storia veniva riscritta in tempo reale per adattarsi alla versione che il governo voleva o il partito voleva che fosse. Le definizioni ora vengono riscritte e modificate in tempo reale per adattarsi alla visione che l’establishment vuole che le persone pensino”
.

Per ora, puoi ancora utilizzare Internet Archive, comunemente noto come Archive.org e Internet Archive, come archivio storico. Oltre a ospitare digitalmente più di 1,4 milioni di libri e altri documenti, Archive.org funge da archivio storico per Internet, preservando le versioni memorizzate nella cache di siti Web che non sono più accessibili al pubblico.18

La Wayback machine di Archive.org conserva le informazioni digitali che sono state rimosse o cancellate, intenzionalmente o per altri motivi, ma anch’esse potrebbero un giorno scomparire. Attkisson dice:19

“È stato un modo affascinante per dimostrare lo sforzo di cambiare la nostra percezione di come sono le cose e la realtà e ciò che pensavamo di ricordare dall’altro giorno, perché tutto ciò che abbiamo davvero ora è il record elettronico, in generale, e se quello può essere manipolato, potrebbe esserci un momento in cui, se si sbarazzano della Wayback machine, ad esempio, non potremo mai provare che qualcosa è stato diverso”.

Attkisson sta mantenendo un elenco in corso di cose che i media o le politiche pubbliche hanno sbagliato durante la pandemia, che possono ancora essere verificate utilizzando la Wayback machine, ma che non sono state riconosciute per essere sbagliate o corrette dalla stampa. Includono:20

Afferma che la teoria di laboratorio sul rilascio del coronavirus era stata sfatata, quando non era stata smentita
Funzionari della sanità pubblica affermano che le maschere non funzionano e poi dicono che le maschere funzionano
Fauci ha testimoniato al congresso che il tasso di mortalità per coronavirus era 10 volte peggiore dell’influenza, ma Attkisson ha trovato un articolo pubblicato da Fauci in cui affermava il contrario, che “le conseguenze cliniche complessive di COVID-19 potrebbero in definitiva essere più simili a quelle di una grave influenza stagionale”21
È stato sbagliato inviare le persone infette dagli ospedali alle case di cura
Era sbagliato isolarsi in casa e chiudere parchi e spiagge; i primi dati di New York City hanno mostrato che la stragrande maggioranza delle persone ricoverate in ospedale con il coronavirus era stata isolata a casa, mentre le persone fuori non si ammalavano
Era sbagliato dire alle persone di lavare la spesa per prevenire il COVID-19
Era sbagliato dire che i colpi di COVID-19 hanno impedito l’infezione e la trasmissione e che i colpi hanno impedito il 100% dei ricoveri e dei decessi
Era sbagliato non concentrarsi maggiormente sulla terapia prima dei vaccini e anche dopo i richiami

Puoi essere controllato se vivi dentro la scatola

Attkisson fa riferimento a un’intera generazione di persone che vivono all’interno della scatola, ovvero Internet. Coloro che si affidano esclusivamente a Internet per le loro informazioni corrono il serio rischio di essere controllati. Lei spiega:22

“Non conoscevano un momento in cui le informazioni dovevano essere raccolte altrove guardandosi intorno e vedendo ciò che senti, e vedendo ciò che vedevi, e parlando con le persone intorno a te, guardando libri, ricerche e così via.

E le persone che vogliono controllare le informazioni capiscono che se possono controllare solo poche fonti di base – stiamo parlando di Google, Twitter, Facebook e Wikipedia – hanno un blocco delle informazioni, perché siamo stati tutti incanalato a quelle poche fonti, e questo era l’obiettivo.


Quindi, se la pensi in questo modo, ci sono un sacco di persone che ottengono praticamente tutto ciò che sanno attraverso Internet. E l’obiettivo delle persone che cercano di creare la narrativa è far vivere le persone online e pensare che sia la realtà”
.

Il pericolo è che Internet dipinga un’immagine diversa dalla realtà. Potresti leggere qualcosa che non suona bene o con cui non sei d’accordo, ma Internet ti fa sentire come se fossi in minoranza, anche se in realtà non lo sei.

“Capisci che potresti essere effettivamente la maggioranza”, dice Attkisson, “… ma l’obiettivo di ciò che fanno online è farti pensare di essere un’eccezione quando non lo sei, farti paura di parlare del tuo punto di vista o quello che pensi, perché potresti essere effettivamente l’opinione della maggioranza, ma loro vogliono controllarlo e farti pensare che sei tu quello che è pazzo. La soluzione? Vivi fuori dagli schemi:23

“Puoi farti credere che, se vivi nella scatola. Quindi, dico costantemente alle persone che vivono fuori dagli schemi. Sì, puoi ottenere informazioni lì e fare quello che fai online, ma sicuramente fidati della tua dissonanza cognitiva, parla con le persone intorno a te. Se viaggi, parla con le persone nei posti in cui vai. Avrai un’immagine completamente diversa, come me, di ciò che sta realmente accadendo qui fuori rispetto a quando guardi online”.


La verità trova un modo per essere raccontata

Sebbene ci siano potenti forze in gioco per controllare le informazioni, non tutto è perduto. Attkisson è a conoscenza di tre entità che stanno lavorando attivamente su una soluzione, che includono:

  1. Investitori che vogliono investire in testate giornalistiche indipendenti
  2. Tecnici che cercano di inventare piattaforme che non possono essere controllate e depiattate da Big Tech
  3. Giornalisti che vogliono lavorare o contribuire a questi sforzi

Punti vendita come le newsletter Substack e le piattaforme video Rumble, Bitchute e Odysee, che non censurano i video per motivi ideologici, stanno attivamente aggirando la censura di Big Tech e Attkisson ritiene che questi sforzi accelereranno nei prossimi due anni.

Inoltre, dice: “I propagandisti potrebbero aver esagerato con la mano pesante e ovvia sul controllo delle informazioni e sulla censura. Non è più negabile. Anche le persone che vogliono che le loro informazioni siano curate, non possono sempre essere contente dell’idea che non saranno in grado di ottenere l’intera storia, o che stanno ottenendo solo una parte di qualcosa.”24

Infine, aggiunge: “Penso che la verità trovi un modo per essere raccontata… potrebbe volerci del tempo e potrebbero esserci molte persone che non vogliono che la verità venga rivelata, ma noi intrinsecamente come esseri umani la cerchiamo”.25 Su a livello personale, puoi fare molto per trovare la verità seguendo il tuo buon senso e la tua ragione, e Attkisson è d’accordo.

“Dico sempre, fai le tue ricerche, prendi una decisione, pensa da solo. Fidati della tua dissonanza cognitiva, usa il tuo buon senso. Avrai ragione più spesso di quanto pensi, ma apri la mente, leggi molto, pensa molto e non accettare la narrativa prevalente al valore nominale.”26

Fonti e Referenze

Dr. Joseph Mercola


Disclaimer: il contenuto di questo articolo si basa sulle opinioni del Dr. Mercola, se non diversamente specificato. I singoli articoli si basano sulle opinioni del rispettivo autore, che conserva i diritti d’autore come contrassegnati. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire un rapporto individuale con un operatore sanitario qualificato e non costituiscono un consiglio medico. È inteso come una condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza del Dr. Mercola e della sua comunità. Il Dr. Mercola ti incoraggia a prendere le tue decisioni sanitarie sulla base della tua ricerca e in collaborazione con un professionista sanitario qualificato. In caso di gravidanza, allattamento, assunzione di farmaci o condizioni mediche, consultare il proprio medico prima di utilizzare prodotti basati su questo contenuto


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: