Starlink perde 40 satelliti

Source: February 10, 2022; articolo di Cap Allon

  • La “debole” tempesta solare fa precipitare sulla Terra 40 satelliti Starlink;
  • La neve alta sta costringendo i bisonti sulle autostrade dell’Alaska, con un sensazionale di -68.3℃ -91°F sofferto a Howard Pass;
  • Il gennaio più freddo degli Stati Uniti in 8 anni
  • Tromba marina colpisce l’Avana, danneggiando case e abbattendo linee elettriche, Cuba

Venerdì 4 febbraio, una debole espulsione di massa coronale (CME) ha colpito la Terra. L’evento doveva passare senza incidenti: forse avrebbe acceso alcune aurore, ma niente di più. Allora come è nata una tempesta geomagnetica G1? Come ha fatto il KP a raggiungere il livello 5? E come hanno fatto oltre 40 satelliti Starlink a precipitare sulla Terra?

SpaceX ha confermato l’evento ieri: “Giovedì 3 febbraio alle 13:13. EST, Falcon 9 ha lanciato 49 satelliti Starlink in orbita terrestre bassa dal Launch Complex 39A (LC-39A) al Kennedy Space Center in Florida. … Sfortunatamente, i satelliti schierati giovedì sono stati significativamente colpiti da una tempesta geomagnetica venerdì [4 febbraio]”.

Il dottor Tony Phillips di spaceweathernews.com fornisce il seguente grafico:

Due giorni prima del lancio, una CME ha colpito il campo magnetico terrestre. Non è stato un grande evento meteorologico spaziale. In effetti, il debole impatto all’inizio non ha innescato alcuna notevole attività geomagnetica. Tuttavia, quando la Terra è passata attraverso la scia del CME, si sono sviluppate alcune tempeste geomagnetiche di classe G1, ed è stata una di queste perturbazioni minori che ha colpito i satelliti Starlink il 4 febbraio.

Le tempeste geomagnetiche riscaldano l’atmosfera superiore della Terra. Tencoli diafani di aria calda si sono letteralmente allungati e hanno afferrato i satelliti Starlink. Secondo SpaceX, i dispositivi GPS di bordo hanno rilevato un aumento della resistenza atmosferica “fino al 50% in più rispetto ai lanci precedenti”, il che è assolutamente sbalorditivo: il riscaldamento era così estremo da superare il riscaldamento nei moderni modelli solari per tempeste 10-100 volte più grandi.

La dichiarazione della società continuava: “Il team di Starlink ha comandato i satelliti in una modalità sicura in cui sarebbero volati di taglio (come un foglio di carta) per ridurre al minimo la resistenza. L’analisi preliminare mostra che l’aumento della resistenza alle basse quote ha impedito ai satelliti di lasciare la modalità provvisoria per iniziare le manovre di sollevamento dell’orbita e fino a 40 satelliti rientreranno o sono già rientrati nell’atmosfera terrestre”.

La Sociedad de Astronomia del Caribe avrebbe catturato uno dei rientri su Porto Rico il 7 febbraio:

SpaceX afferma che i satelliti in deorbitazione “rappresentano un rischio di collisione zero con altri satelliti e, per progettazione, bruciano al rientro nell’atmosfera, il che significa che non vengono creati detriti orbitali e nessuna parte del satellite colpisce il suolo”.

Ma come ha fatto un evento solare così piccolo a cogliere alla sprovvista l’esperto team di SpaceX?

La società ha lanciato 49 satelliti Starlink in orbita inferiore per la loro consueta fase di convalida. All’inizio tutto è andato come previsto. Tuttavia, non è stato prima che una tempesta geomagnetica in corso, causata da 1) interazione con lo strato attuale del Sole e 2) un flusso di plasma che cavalca il vento solare, iniziasse a causare gravi problemi. La tempesta è riuscita ad abbattere almeno 40 dei 49 velivoli, la maggior parte dei quali ora sono bruciati nell’alta atmosfera.

A 210 km (130 miglia) di altezza, i satelliti si trovavano nella zona più pericolosa per le tempeste solari: sono il punto di accoppiamento energetico chiave per un’attività geomagnetica. Tuttavia, questa tempesta, secondo tutte le misurazioni e gli standard, è stata estremamente debole: è stato un evento meteorologico spaziale regolare, il che spiega perché il team di SpaceX ha deciso di lanciarsi nonostante le previsioni. La compagnia ha lanciato in orbita molti satelliti durante tempeste geomagnetiche di dimensioni simili, in dieci occasioni precedenti, infatti, tutte senza problemi.

No, una lettura G1-tempesta / KP5 non è affatto preoccupante di per sé, per niente – si verificano regolarmente, ca. 100-200 volte in un decennio. Il motivo di preoccupazione qui, e quello che non ti diranno, è che questo è un enorme FALLIMENTO per il campo magnetico terrestre. In altre parole, è l’evidenza della magnetosfera in costante declino del nostro pianeta, che è più debole di quanto tutti ci siamo resi conto e sempre più debole a causa di forzature e meccanismi di cui semplicemente non abbiamo una buona presa grazie, almeno in parte, a un sotto-finanziamento cronico del campo a favore delle ricompense più redditizie offerte da fiabe come il “riscaldamento globale antropogenico”.

Ma dire che non sappiamo nulla sarebbe impreciso. Abbiamo una comprensione limitata, sebbene collaudata, dei fattori coinvolti, che includono due attori chiave: 1) bassa attività solare e 2) la migrazione dei poli magnetici del nostro pianeta.

Fondamentalmente, poiché la Terra perde la sua forma magnetica dipolo, a causa dello spostamento dei suoi poli, l’intensità complessiva del campo si sta indebolendo. La Terra sta effettivamente perdendo il suo scudo protettivo contro l’energia proveniente dallo spazio, il che significa che ogni potenziamento del vento solare, ogni attraversamento del foglio attuale del Sole e ogni CME sta avendo un impatto sempre maggiore di quello che normalmente avrebbe, sia direttamente sull’alta atmosfera, sia anche indirettamente attraverso le onde che viaggiano all’equatore della ionosfera che provengono dall’aurora.

Nell’anno 2000, sapevamo che il campo aveva perso il 10 percento della sua forza dal 1800. Un altro 5 percento è stato perso entro il 2010. Ulteriori accelerazioni si sono verificate negli ultimi anni, 2015 e 2017, ma noi profani non eravamo a conoscenza di ulteriori dati sulle perdite, con ipotesi sul perché ciò potrebbe mandarti rapidamente nella tana del coniglio della cospirazione.

Dato l’ultimo dato solido che abbiamo, quello del 2010, il nostro campo magnetico avrebbe dovuto gestire molto meglio questo recente impatto. Quei satelliti Starlink non avrebbero dovuto essere eliminati: posso immaginare che il team di SpaceX si stia ancora grattando la testa. E mentre questo è un piccolo colpo per un uomo (Musk), rappresenta un colpo molto più grande per l’umanità: cosa succede quando colpisce il “grande”? Uno sulla scia di un grande flusso di fori coronali, per esempio? Cosa succede quando quel mostruoso brillamento solare di classe X viene sparato direttamente su di noi?

In conclusione, il Sole è in grado di fare molto di più, in particolare in questo incrocio del ciclo solare. Il “ramp-up” di SC25 non dovrebbe raggiungere il suo massimo fino al 2024-2025, il che significa che potremmo avere 4 anni rimasti di una minaccia sempre crescente. E peggio che abbattere alcuni satelliti, un potente X-flare (un X9+) porrebbe problemi alle infrastrutture elettriche in tutto il pianeta.

Preparati per uno scenario di griglia cotta.

Ne potrebbe arrivare uno.

Presto.


La neve alta sta costringendo i bisonti sulle autostrade dell’Alaska…

I bisonti trascorrono da decenni i loro inverni nei terreni agricoli vicino a Delta Junction. Ma il manto nevoso profondo e ghiacciato di quest’anno ha costretto gli animali a cercare cibo nelle fattorie e a viaggiare sulle strade, riferisce ktoo.org.

Il video seguente mostra cosa può succedere quando il conducente incontra un bisonte su una carreggiata: senza altro modo per aggirare il veicolo, tranne che attraverso la neve alta ai lati della strada, il bisonte si è caricato e calpestato il tettuccio di un’auto:

L’auto è stata gravemente danneggiata, ma secondo quanto riferito l’autista stava bene.

“Stanno attraversando un periodo difficile in questo momento, superando quella crosta di ghiaccio e ottenendo il loro normale foraggio”, ha affermato Clint Cooper, che lavora per il dipartimento locale di pesce e selvaggina.

Cooper ha affermato che le tempeste di dicembre che hanno scaricato la neve hanno reso molto difficile per gli animali muoversi e cercare cibo, aggiungendo che “i bisonti si attaccano alla strada più, più del normale, questo è certo. Stanno facendo tutto il possibile per stare fuori da quella neve con quella crosta in cima. Ci sono state alcune persone che hanno espresso qualche preoccupazione per il fatto che il bisonte sia sulle strade”, ha detto. “E ho parlato con alcune persone che hanno avuto qualche danno al loro veicolo.”

… con un sensazionale -68.3℃ -91°F a Howard Pass

Un flusso di corrente a getto meridionale debole e ondulato ha effettivamente bloccato il COLD del Nord America a nord questa settimana, in particolare l’est, dove si sta rivelando brutale e impegnativo.

Bettles, situata nell’Alaska centro-settentrionale, ha recentemente registrato un minimo di -46.1℃ (-51°F), ben al di sotto della media locale di -26.1℃ (-15°F). Anche le massime diurne a Bettles hanno lottato, raggiungendo appena i -31.6℃ (-25°F) lo scorso fine settimana. E la situazione è stata simile in gran parte dell’Alaska:

Prudhoe Bay, ad esempio, sulla costa NE dello stato, ha visto un minimo notturno di -43.8℃ (-47°F) e un massimo diurno di appena -32.7℃ (-27°F); Nuiqsut ha recentemente toccato un minimo di -47.2℃ (-53°F); mentre la remota città settentrionale di Deadhorse ha raggiunto i -45.5℃ (-50°F), con venti che fanno sentire fino a -66.6℃ (-88°F) di temperatura percepita (tra le temperature “sensibili” più fredde mai registrate lì); tuttavia, il più impressionante è stato Howard Pass, sede di alcune delle condizioni meteorologiche più estreme dello stato, che ha riportato un vento gelido di -68.3℃ (-91°F), una lettura distante solo pochi gradi dal record non ufficiale di tutti i tempi della città di -73.3℃ (-100°F) , ambientato nel 2014.

“Il freddo intenso è limitato alla parte settentrionale dello stato attraverso la catena del Brooks e il versante nord”, ha affermato Dan Pydynowski, meteorologo senior di AccuWeather. Ma più a sud è ancora anormalmente freddo, con le temperature di lunedì nell’area di Fairbanks che lottano per salire sopra lo zero gradi, ben al di sotto della norma di 8°F per il periodo dell’anno.

“La corrente a getto sta attraversando il centro dello stato, con il vortice polare e l’aria artica intrappolati nell’Alaska settentrionale che producono basse temperature pericolose”, ha affermato il meteorologo di AccuWeather Thomas Geiger.


Il gennaio più freddo degli Stati Uniti in 8 anni

Secondo la NOAA, che utilizza stazioni di temperatura a terra che si sono rivelate distorte dall’effetto isola di calore urbano, gli Stati Uniti contigui hanno dato il via al 2022 con il gennaio più freddo dal 2014. Il mese è stato anche il gennaio più secco degli ultimi otto anni.

La temperatura media di gennaio negli Stati Uniti contigui era di -0.5℃ (31°F), il che la colloca nel terzo medio dei mesi di gennaio nel record di 128 anni.

Altre anomalie climatiche degne di nota nel gennaio 2022 per il Nord America:

Il “ciclone bomba” colpisce il nord-est: dal 28 al 30 gennaio un nor’easter si è rapidamente intensificato al largo della costa orientale. La tempesta ha scaricato volumi record di neve e ha portato condizioni di bufera di neve lungo la costa dal Delaware al Maine. Il 29 gennaio, Boston, Massachusetts, ha raggiunto il suo record di nevicate in un giorno più grande: 60cm (23,6 pollici), sebbene i parametri di riferimento della fine del 1800 siano stati ribaltati altrove.

Nel corso del mese si sono verificati diversi altri eventi di neve significativi, tra cui l’esplosione del 4 gennaio che ha portato una coltre di neve dall’Arkansas al Delaware e gli automobilisti bloccati per oltre 24 ore sulla I-95 in Virginia. Un evento di neve del 16-17 gennaio ha anche causato nevicate significative dagli Appalachi meridionali al Maine con porzioni dello stato di New York che hanno registrato un record di 45-60cm (18-24) pollici di neve.

La Florida è stata colpita da un flusso polare discendente, portando lo stato alle sue temperature più fredde per oltre un decennio.

L’estensione del ghiaccio marino di Bering è stata la più alta dal 2013 (e in crescita), con il ghiaccio marino artico che ha raggiunto la sua estensione più alta dal 2004.


Tromba marina colpisce l’Avana, danneggiando case e abbattendo linee elettriche, Cuba

Una grande tromba marina si è formata al largo della capitale costiera L’Avana, Cuba, il 9 febbraio 2022, ed è arrivata a riva, danneggiando i tetti delle case e abbattendo alberi e linee elettriche.

La tromba marina ha colpito la terra tra le spiagge di Tarara e Guanabo intorno alle 10:30 LT.

“Abbiamo allestito una stanza delle emergenze per registrare tutti i danni causati dalla tromba marina”, ha affermato la leader della comunità Beatriz Moro, aggiungendo che non sono state segnalate vittime umane.1

L’Avana è stata colpita da un distruttivo tornado EF-4 il 27 gennaio 2019, il più forte ad aver colpito la città dal dicembre 1940.2

Il tornado è atterrato tra le 20:30 e le 21:00 ora locale ed è rimasto a terra per 16 minuti.

La sua larghezza era inizialmente di 500 m (546 iarde), ma poi è aumentata a 1000 m (1093 iarde) con una lunghezza di 11,5 km (7,1 miglia).

Si è spostato a terra da NE, attraversando i comuni di Cerro, il 10 ottobre, Guanabacoa, San Miguel del Padron e Regla. È qui che si è concentrata la maggior parte dei danni materiali causati dalla tempesta e dal tornado.

Parti di queste aree sono rimaste prive di servizi di base come elettricità, acqua, gas butano e telefonia.

Il tornado ha colpito un totale di 1238 abitazioni, di cui 123 totalmente distrutte e 625 parzialmente. 224 abitazioni hanno perso completamente il tetto e 124 parzialmente. Sono interessate 46 scuole, 11 istituzioni sanitarie, 21 asili nido, 2 centri sportivi e 2 residenze studentesche.

4 persone sono state uccise e 195 ferite.

Riferimenti:

1 La tromba marina colpisce il litorale orientale dell’Avana – Xinhua

2 EF-4 tornado, L’Avana: 1 238 case colpite, 4 persone uccise e 195 ferite, Cuba – The Watchers

Electroverse


I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno RAFFREDDANDO in linea con  la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i  raggi cosmici che nucleano le nuvole e un  flusso di corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare,  se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un  grande minimo solare ‘in piena regola’  alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare  (25)  come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con l’agenzia che mette in correlazione i precedenti spegnimenti solari a periodi prolungati di raffreddamento globale  qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che  il Beaufort Gyre  potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


6 pensieri riguardo “Starlink perde 40 satelliti

    1. chissà.. magari pensano che la gente possa andare nel panico.. quando invece basterebbe una corretta informazione ed un piano di distacchi controllati quando arrivano le CME sulla griglia.
      ma forse allora è giusto pensare che con il silenzio si aspettano il massimo danno.. ricorda che siamo in tempi di decrescita infelice e tutto fa brodo!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: