LE E-MAIL FANNO ULTERIORE LUCE SULLA TRAMA PER DEVIARE BORIS SUI CAMBIAMENTI CLIMATICI

Published on by Enzo Ragusa

Di Chris Morrison12 Febbraio 2022

Trentotto e-mail rilasciate nell’ambito di una recente richiesta di FOI forniscono una visione interessante del modo in cui i consulenti scientifici del governo hanno «complottato» per far cambiare idea a Boris Johnson sulle cause del cambiamento climatico, prima di una presentazione di Gabinetto.

L’evento del 28 gennaio 2020 è stato guidato dal Chief Scientific Officer del governo Sir Patrick Vallance e presentato, utilizzando 11 diapositive, dal Chief Scientist del Met Office, il Professor Stephen Belcher. Secondo Belcher, l’obiettivo dichiarato della presentazione era “stabilizzare il clima che richiede emissioni nette zero”.

Il giorno dell’incontro, uno dei partecipanti Richard Barker, capo dell’energia e dell’ambiente presso il National Physical Laboratory, ha diffuso una e-mail in cui rilevava come dovesse essere dipinto un quadro sull’attuale situazione climatica e su alcune delle sfide che vediamo, aggiungendo: “Tuttavia, la mia ipotesi è che vogliamo che questo incontro stabilisca la grande opportunità per noi di fare un grande passo avanti”.

Il grande passo avanti si riferiva probabilmente alla rimozione di ogni scetticismo che il Primo Ministro aveva mostrato in passato sul ruolo svolto dall’uomo nel causare il cambiamento climatico. Da allora, Johnson ha affermato che i briefing in questo periodo hanno agito come una “strada per Damasco”. Alla COP26 dell’anno scorso, ha riferito ai delegati che l’orologio segnava “un minuto a mezzanotte” sull’orologio del giorno del giudizio. All’Onu un mese prima aveva detto all’umanità di “crescere”. Tutti i dubbi che avrebbe potuto avere su ciò che gli è stato detto da scienziati selezionati durante la sua premiership sembrano essere scomparsi poiché ha aggiunto in modo intrigante: “È ora che ascoltiamo gli avvertimenti degli scienziati – e guardi al Covid, se vuoi un esempio di scienziati cupi che hanno avuto ragione”.

Un gruppo di cupi scienziati nel frattempo era impegnato a pianificare nel gennaio 2020 per coinvolgere Johnson nell’agenda di Net Zero. Il giorno prima dell’incontro, una e-mail a nome di Sir Patrick Vallance ha identificato uno dei problemi che porta molti a sostenere che le cause del cambiamento climatico sono ben lungi dall’essere completamente comprese. “Dovremmo essere preoccupati che la gamma delle sensibilità climatiche non sia cambiata”, ha chiesto. Questo è un riferimento al problema dell’elefante nella stanza al centro dei modelli climatici che circondano quella che viene chiamata sensibilità al clima di equilibrio. Questo è l’aumento della temperatura superficiale media globale che segue un raddoppio della CO2 atmosferica. Il problema è che nessuno sa quale sia questa cifra – manca la scienza per questo pezzo cruciale del puzzle – instabile, si potrebbe dire. Alcuni scienziati sostengono che la CO2 perde gran parte delle sue proprietà di riscaldamento man mano che ne entra di più nell’atmosfera e la cifra potrebbe arrivare a 0,5°C. Alcuni modelli, tuttavia, ipotizzano fino a 6°C.

L’anno scorso, il Professor Nicola Scafetta dell’Università di Napoli ha analizzato 38 dei modelli principali e ha scoperto che la maggior parte di essi aveva sopravvalutato il riscaldamento globale negli ultimi 40 anni. Molti di loro dovrebbero essere “respinti e non utilizzati dai responsabili politici”, ha affermato. Nel 2019, 48 professori di scienze italiani guidati dallo scopritore di antimateria nucleare Antonino Zichichi hanno affermato in una lettera aperta al loro governo che le previsioni catastrofiche dei modelli climatici “non erano realistiche”. A loro avviso, tutti i fatti suggerivano che i modelli sovrastimassero il contributo umano al cambiamento climatico e sottovalutassero la variabilità climatica naturale, in particolare quella indotta dal sole, dalla luna e dalle oscillazioni oceaniche.

In un’altra e-mail, Vallance ha suggerito a Belcher che il n. 10 vorrà una risposta alla domanda “perché i numeri sono così tondi, ad esempio 2050 obiettivi e 1,5°C ecc.”. Senza dubbio è stato avvertito in anticipo e sono state fornite risposte convincenti, nonostante nessuno dei due obiettivi avesse alcuna base scientifica. Tuttavia, gran parte dei media recentiil commento sull’incontro è stato del tipo “perché dobbiamo ancora farlo”. “È scioccante che abbia avuto il suo momento di Damasceno nel 2020, dato lo sforzo compiuto dagli scienziati per comunicare i rischi del cambiamento climatico nel corso degli anni”, ha affermato Emily Shuckburgh, capo di Cambridge Net Zero, l’iniziativa universitaria sul cambiamento climatico. Il professor Stefan Rahmstorf del Potsdam Institute for Climate Impact Research ha twittato che le diapositive mostravano “informazioni climatiche elementari”, aggiungendo: “Si sarebbe sperato che questa fosse la conoscenza di base di ogni politico da decenni sul pianeta e non debba essere mostrata nel 2020! Ahimè…”.

È interessante notare che è stato il direttore fondatore del Potsdam Institute a essere accreditato per primo di aver fissato un tetto massimo arbitrario all’aumento delle temperature globali. Si dice che l’autore principale dell’IPCC Hans Joachim Schellnhuber sia il padre dei 2°C, un precedente obiettivo dell’IPCC. Interrogato nel 2010 dal quotidiano tedesco Der Speigel sul perché avesse imposto il “limite magico”, ha risposto: “Ai politici piace avere obiettivi chiari e un numero semplice è più facile da gestire”.

Immagine di copertina Der Spiegel https://www.spiegel.de/international/world/german-climatologist-on-criticism-of-ipcc-we-received-a-kick-in-the-pants-a-712113.html

AttivitàSolare

Source: Daily Sceptic


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: