Sulla base dei dati osservati, la crisi climatica… NON è ancora evidente

Pubblicato il di Enzo Ragusa
Source: Admin  –  Climate Depot 10 febbraio 2022

Pubblicato su The European Physical Journal Plus – 13 gennaio 2022: 
“L’analisi viene poi estesa ad alcuni indicatori di risposta globale di eventi meteorologici estremi, ovvero disastri naturali, inondazioni, siccità, produttività dell’ecosistema e rese delle quattro colture principali (mais, riso, soia e grano). Nessuno di questi indicatori di risposta mostra una chiara tendenza positiva di eventi estremi. In conclusione, sulla base dei dati osservazionali, la crisi climatica che, secondo molte fonti, stiamo vivendo oggi, non è ancora evidente”.

Pubblicato il 13 gennaio 2022:
https://link.springer.com/article/10.1140/epjp/s13360-021-02243-9


The European Physical Journal Plus volume 137, Numero articolo: 112 (2022)

Una valutazione critica delle tendenze degli eventi estremi in tempi di riscaldamento globale

Gianluca Alimonti, Luigi Mariani, Franco Prodi & Renato Angelo Ricci

Abstract

Questo articolo passa in rassegna la bibliografia recente sulle serie temporali di alcuni eventi meteorologici estremi e i relativi indicatori di risposta per capire se è rilevabile un aumento di intensità e/o frequenza. I cambiamenti globali più consistenti negli estremi climatici si trovano nei valori annuali delle ondate di caldo (numero di giorni, durata massima e calore cumulato), mentre le tendenze globali dell’intensità delle ondate di caldo non sono significative. L’intensità giornaliera delle precipitazioni e la frequenza delle precipitazioni estreme sono stazionarie nella maggior parte delle stazioni meteorologiche. L’analisi dell’andamento delle serie temporali dei cicloni tropicali mostra una sostanziale invarianza temporale e lo stesso vale per i tornado negli USA. Allo stesso tempo, l’impatto del riscaldamento sulla velocità del vento superficiale rimane poco chiaro. L’analisi viene poi estesa ad alcuni indicatori di risposta globale di eventi meteorologici estremi, Nessuno di questi indicatori di risposta mostra una chiara tendenza positiva di eventi estremi. In conclusione, sulla base dei dati osservazionali, la crisi climatica che, secondo molte fonti, stiamo vivendo oggi, non è ancora evidente. Sarebbe tuttavia estremamente importante definire strategie di mitigazione e adattamento che tengano conto delle tendenze attuali.

Ad oggi, le osservazioni globali non mostrano tendenze significative sia nel numero che nell’energia accumulata[13] dagli uragani, come mostrato in Fig.1 e come affermato in diversi documenti specifici per gli USA.

Fig. 1 Le tendenze a lungo termine delle perdite per catastrofi, normalizzate per tenere conto dell’aumento della ricchezza e della popolazione, non sono state finora attribuite al cambiamento climatico, ma non è stato finora escluso che il cambiamento climatico possa aver avuto un ruolo.


Andamento storico della frequenza del Ciclone Tropicale (sopra) e dell’energia accumulata ([16]; dati aggiornati da  http://climatlas.com/tropical/Immagine a grandezza naturale


Particolare attenzione dovrebbe essere prestata alla dichiarazione dell’IPCC che riporta un forte aumento della frequenza e dell’attività dei cicloni tropicali nell’Atlantico settentrionale. Per ottenere maggiori informazioni su questo problema, NOAA[17] ha analizzato serie temporali molto più lunghe (> 100 anni) dell’attività degli uragani atlantici.

Le registrazioni esistenti delle passate tempeste tropicali dell’Atlantico o del numero di uragani (dal 1878 ad oggi) mostrano infatti una pronunciata tendenza al rialzo; tuttavia, la densità dei rapporti di navigazione atlantica era relativamente bassa durante i primi decenni di questo periodo: se le tempeste dell’era moderna (dopo il 1965) si fossero verificate ipoteticamente durante quei decenni, un numero considerevole di tempeste probabilmente non sarebbe stato osservato dalla rete di osservazione navale.

Pertanto, dopo aver aggiustato le serie temporali per tenere conto delle minori capacità di osservazione del passato, rimane solo una piccola tendenza al rialzo nominalmente positiva delle tempeste tropicali dal 1878 al 2006. I test statistici indicano che questa tendenza non è significativamente distinguibile da zero.


Inoltre, Landsea et al.[18] ha osservato che la tendenza all’aumento del numero di tempeste tropicali atlantiche è quasi interamente dovuta all’aumento delle sole tempeste di breve durata (< 2 giorni), che molto probabilmente sono state trascurate nelle prime parti del record, poiché avrebbero avuto meno opportunità di incontri casuali con il traffico navale.

Se guardiamo agli uragani nel bacino atlantico, piuttosto che a tutte le tempeste tropicali, il risultato è simile: il numero di uragani riportato durante gli anni ’60 e ’80 dell’Ottocento era simile a quello di oggi e ancora una volta non c’è stata alcuna tendenza positiva significativa da quel momento. Le prove di una tendenza al rialzo sono ancora più deboli per gli uragani che colpiscono le coste degli Stati Uniti, che mostrano una tendenza leggermente negativa a partire dal 1900 o alla fine del 1800.


Con l’aumento della copertura radar Doppler, la crescita della popolazione e una maggiore attenzione ai rapporti sui tornado, negli ultimi decenni c’è stato un aumento del numero di segnalazioni sui tornado. Questo può creare l’apparenza fuorviante di una crescente frequenza di tornado.

Tuttavia, consultando le serie temporali mostrate in Fig. 3[24], ci rendiamo conto che l’aumento del numero di tornado dal 1950 è quasi interamente dovuto ad eventi deboli (EF0-EF1 nella scala Fujita avanzata), quelli che nel passato in molti casi sono sfuggiti all’osservazione e che oggi sono più facilmente individuabili grazie a un’ampia gamma di sistemi che vanno dalle fotocamere dei cellulari ai satelliti e ai radar Doppler. Al contrario, i tornado da forti a violenti (categorie da EF-3 a EF-5 della scala Fujita avanzata), probabilmente segnalati anche prima dell’era del radar Doppler, non mostrano alcun aumento nel tempo.

Mentre l’aumento della frequenza e della persistenza delle ondate di calore può essere facilmente spiegato con l’aumento delle temperature globali, l’aumento osservato dei cicloni tropicali nel Nord Atlantico, oltre ad avere ragioni poco chiare come affermato dall’IPCC[6], sembra essere un fenomeno locale e sostanzialmente dovuto a una migliore rendicontazione supportata dal NOAA e come vedremo meglio nel paragrafo dedicato a questo tipo di fenomeni. In altre aree del pianeta si osserva una diminuzione degli stessi fenomeni e in altre ancora non si osserva alcun trend, portando sostanzialmente le valutazioni globali ad una sostanziale invarianza temporale.


Temere un’emergenza climatica senza che questa sia supportata dai dati, significa alterare il quadro delle priorità con effetti negativi che potrebbero rivelarsi deleteri per la nostra capacità di affrontare le sfide del futuro, dilapidando risorse naturali e umane in un contesto economicamente difficile, ancor più negativo a seguito l’emergenza COVID.

AttivitàSolare

Fonte: WUWT


I canali dei social media stanno limitando la portata di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo mostrando gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: