L’ALTRA GUERRA DEL CANADA

  • 400 camion canadesi corrono giorno e notte per eliminare la neve accumulata;
  • La massa di neve nell’emisfero settentrionale aumenta;
  • Questa settimana due grandi tempeste in arrivo in Irlanda e nel Regno Unito

Mentre le parole “camionisti” e “Canada” evocano un certo immaginario in questi giorni (di una battaglia contro la tirannia), centinaia di autocarri con cassone ribaltabile sono coinvolti in un diverso tipo di lotta in questo momento, contro gli elementi, contro l’accumulo senza precedenti di neve.

400 camion stanno lavorando per ripulire le strade di Moncton dopo un anno di neve record che continua ad assediare la città del New Brunswick. I camion, pieni fino all’orlo di polvere, stanno entrando nella discarica di neve su Berry Mills Road giorno e notte, per fare spazio ad altra neve.

“Quindi in questo momento stiamo facendo una media di circa 300 viaggi al giorno verso la discarica di neve qui da soli, e durante le nostre ore di punta che in realtà superano i 400”, ha affermato Austin Henderson, responsabile delle comunicazioni strategiche per la città di Moncton.

“Puoi immaginare che tutta quella neve provenga da strade diverse, aree residenziali in tutta la città e venga qui in modo che le nostre squadre possano avere spazio per sgombrare i marciapiedi, allargare le strade e riaprire la nostra rete completa”.

Il gennaio 2022 ha visto volumi storici di neve da rimuovere a Moncton e quella neve è rimasta ferma dopo che altre tempeste hanno colpito a febbraio, riferisce cbc.ca, una delle quali è andata avanti per diversi giorni. C’è più neve sul terreno ora di quanta ce n’era durante l’inverno da record del 2015. Significativamente, e in seguito alla tendenza all’aumento delle nevicate osservata tra il 2011 e il 2015, la città ha deciso di ampliare la discarica di neve a Berry Mills Road ed anche di costruire un altro impianto di innevamento in Caledonia. Le profezie del Partito dell’AGW sulla “diminuzione delle nevicate invernali” si sono rivelate catastroficamente imprecise: la neve a Moncton è arrivata a livelli inesplorati negli ultimi anni:

La città di Moncton afferma che attualmente c’è più neve sul suolo rispetto alle abbondanti nevicate del 2015. (Città di Moncton)

E per coloro che affermano che questo evento è localizzato e non indicativo del pianeta nel suo insieme, no, anche la Snow Mass nell’emisfero settentrionale ha avuto una traiettoria altrettanto impressionante. Di seguito è incluso il picco della stagione 2020-2021, seguito dal 2021-2022 (fino al 13 febbraio) — entrambi rivelano letture comodamente al di sopra della media 1982-2012 (di ben 500 Gigaton):

NH Snow Mass, peaking March 2021 [FMI
NH Snow Mass, to Feb 13, 2022 [FMI].

“Molti residenti hanno notato che le strade erano molto sporche e molti marciapiedi venivano puliti molto più lentamente del solito”, ha continuato Henderson. La sfida è l’effetto combinato di tempeste consecutive, e quando le ultime tempeste sono arrivate (a fine gennaio/inizio febbraio) l’intasamento è diventato molto problematico.

“Anche per aprire i marciapiedi o allargare le strade, dobbiamo sbarazzarci di quella neve, perché altrimenti non c’è letteralmente nessun posto dove andare”, ha detto Henderson – ed è qui che entra in gioco la discarica di neve:

La neve viene scaricata nella discarica di Moncton, dove un aratro la riempie e un soffiatore arriva e la spruzza per creare una montagna di neve.
(Pierre Fournier/CBC News)

Per ora, c’è ancora spazio nella discarica, ma considerando che è solo metà febbraio in un anno che ha già confezionato colpi da record, Henderson sta pianificando il fatto che potrebbe, date le circostanze straordinarie, ha aggiunto, la città sta prendendo misure extra per far fronte.

Nonostante la realtà della neve senza precedenti, i MSM stanno ancora spacciando il loro “catastrofico riscaldamento globale”. Proprio ieri, newrepublic.com chiedeva “Quante stagioni sciistiche sono rimaste?” e affermando falsamente che “l’inverno sta morendo”.

L’articolo cita la carenza di neve a Sapporo, in Giappone, durante lo Snow Festival della scorsa stagione, presumo che fosse la scorsa stagione, perché quest’anno il Giappone ha registrato accumuli da record: l’altezza della neve di Sapporo City ha raggiunto 133 cm (4,4 piedi) all’inizio di febbraio 2022 , che è 1) il doppio della sua media annuale e 2) i 130>cm più alti all’inizio della stagione almeno dal 1946 (minimo solare del ciclo 17). Inoltre, cadute molto più pesanti si sono accumulate altrove, inclusi i 5,6 m (18,4 piedi) di Charmant Hiuchi che hanno reso l’inverno più nevoso del Giappone nella storia registrata:

Questi sono fatti che NewRepublic non si è degnata di controllare o, peggio ancora, non voleva che tu sapessi. Ma grazie al moderno sistema scolastico “di fabbrica”, le masse rispettose sono state dissuase dal condurre le proprie ricerche e/o dall’applicare la propria logica e i propri principi alla realtà percepita: prendono semplicemente come letta ogni agenda ufficiale.

Questo è l’ideale per un’istituzione decisa al controllo, ma è l’assassino del libero arbitrio e della salute mentale. Declassa noi umani allo status di pecore: rispettosi, facilmente irretiti, guidati e infine controllati – e la stragrande maggioranza non lo vede nemmeno. Peggio ancora, molte persone fanno un ulteriore passo in avanti: se la realtà inventata che si trova davanti a loro è quella di una “crisi”, allora ne diventano così consumati – e a loro volta appassionati (spaventati) – che ritengono necessario prendere il sopravvento e chiedere un’azione politica per combattere la suddetta “emergenza”. Perdono il sonno per questa realtà costruita, anche se non mostra alcuna somiglianza con la realtà reale; e inoltre, combattono tutti coloro che osano mettere in discussione la narrativa, etichettandoli come eretici/teorici della cospirazione.

Nonostante oltre 4 decenni di “catastrofico riscaldamento globale antropogenico”, l’inverno più caldo mai registrato negli Stati Uniti rimane quello del 1931-32. Durante questo periodo gran parte del Mid-Atlantic, Ohio Valley, Great Lakes e Northeast ha subito un caldo eccezionale e pochissima neve. I moderni modelli climatici insieme a set di dati di temperatura distorti dall’UHI (quest’ultimo con una copertura globale molto scarsa) possono temere quanto vogliono, ma in realtà, e secondo i dati più affidabili che abbiamo (i satelliti), dal 2016 si verifica un forte raffreddamento: la temperatura media della Terra è scesa di 0,68°C da allora, e tutte gli indicatori mostrano che la caduta non è ancora finita, con l’intensificarsi e l’aggravarsi in linea con l’attività solare in continua diminuzione e il continuo calo dell’intensità del campo magnetico del nostro pianeta.

Questa è una previsione, ovviamente: non ho la sfera di cristallo.

Ma le cose stanno andando per il loro verso:

Quali altre prove richiedono la gente per abbandonare l’ipotesi fallita dell’AGW? Ma a quel punto, le persone si accontentano di porre un ideologo al di sopra della verità:

Le masse non hanno mai avuto sete di verità. Si allontanano dall’evidenza che non è di loro gusto, preferendo divinizzare l’errore, se l’errore li seduce. Chi può fornire loro illusioni è facilmente il loro padrone; chiunque tenti di distruggere le loro illusioni è sempre la loro vittima

— Gustave Le Bo

Altrove

Dopo il suo inverno senza nucleo più freddo mai registrato, l’Antartide ha recentemente registrato i suoi primi -50°C dell’anno (il 12 febbraio).


Mentre era in Florida, il governatore Ron DeSantis ha chiesto al segretario del Dipartimento dell’agricoltura degli Stati Uniti (USDA) Tom Vilsack di emettere una dichiarazione federale sui disastri per le molte contee colpite dai recenti blocchi da record.

DeSantis aveva già emesso un ordine esecutivo che dichiarava gli stati di emergenza legati al freddo in 30 contee, ma ora il Governatore chiede aiuto al governo federale per recuperare le perdite subite, che sono state paralizzanti in alcune aree.

“Gli agricoltori della Florida svolgono un ruolo chiave nell’economia del nostro Stato e la mia amministrazione è impegnata nella loro ripresa dalle recenti temperature di congelamento”, ha affermato DeSantis.


Questa settimana due grandi tempeste in arrivo in Irlanda e nel Regno Unito

Il 14 febbraio 2022 il Met Office del Regno Unito ha nominato due sistemi a bassa pressione: Dudley ed Eunice. Si prevede che entrambi porteranno periodi di vento molto forte e dannoso in Irlanda e nel Regno Unito questa settimana.

La tempesta Dudley porterà forti venti nelle parti settentrionali e occidentali dell’Irlanda mercoledì 16 febbraio, quindi venerdì 18 febbraio si prevede che la tempesta Eunice porterà venti forti e dannosi più diffusi in tutta l’Irlanda, insieme a forti piogge e potenzialmente neve.

Il Met Éireann ha emesso avvisi di vento giallo a livello nazionale per mercoledì, quando Dudley dovrebbe portare raffiche di vento di circa 80 – 110 km/h (50 – 70 mph) a volte. Un avviso di vento arancione è stato emesso anche per il Donegal, dove le raffiche potrebbero raggiungere circa 130 km/h (80 mph) lungo le coste esposte.

Un periodo più diffuso di tempo ventoso e dirompente è previsto venerdì mentre Storm Eunice si sposta in tutta l’Irlanda, con allerte meteorologiche che dovrebbero essere emesse nei prossimi giorni.

“Finora è stato un anno abbastanza tranquillo, ma questa settimana cambierà tutto poiché una corrente a getto attiva dirige diversi sistemi a bassa pressione in tutta l’Irlanda e nel Regno Unito”, ha detto il meteorologo Met Éireann, Emer Flood.1

“Mercoledì, Storm Dudley porterà forti venti principalmente nelle aree settentrionali e occidentali, questi forti venti in combinazione con l’alta marea porteranno a grandi onde costiere e alcune inondazioni costiere. Mentre la tempesta Dudley si schiarisce verso est giovedì mattina, i venti si attenueranno per un po’ , prima di riprendere venerdì mattina con l’avvicinarsi della tempesta Eunice”, ha detto Flood.

“Stiamo tenendo d’occhio questa tempesta poiché esiste il potenziale per venti forti più diffusi in tutta l’Irlanda che potrebbero causare alcune interruzioni e danni. Insieme a forti venti, Eunice dovrebbe portare periodi di forti piogge e potenzialmente un po’ di neve Stiamo consigliando al pubblico di tenere d’occhio le previsioni del tempo mentre la settimana avanza, poiché è probabile che vengano emesse ulteriori allerte meteorologiche”.

La tempesta Dudley attraverserà la metà settentrionale del Regno Unito da mercoledì sera a giovedì mattina, mentre la tempesta Eunice porterà forti venti e potenzialmente un po’ di neve per parti del paese venerdì.

“Una corrente a getto attiva sta guidando i sistemi di bassa pressione in tutto il paese, entrambi possono causare qualche interruzione e sono stati emessi avvisi nazionali di maltempo”, ha affermato Paul Gundersen, capo meteorologo del Met Office del Regno Unito.2

I forti venti attraverseranno la Scozia occidentale e l’Irlanda del Nord mercoledì sera, spingendo verso est fino all’Inghilterra settentrionale durante la notte e fino a giovedì mattina.

Raffiche di vento comprese tra 130 e 145 km/h (80 – 90 mph) sono possibili sulle coste e sulle colline esposte della Scozia con 95 – 110 km/h (60 – 70 mph) possibili nell’entroterra. I venti dovrebbero attenuarsi fino a giovedì pomeriggio e sera.

Eunice seguirà le tracce nelle aree centrali del Regno Unito venerdì.

Ulteriori impatti sono previsti da venti molto forti con raffiche di 95 – 110 km/h (60 – 70 mph) possibili nell’entroterra, forse anche più forti in alcuni punti, sebbene i venti più forti e le aree più colpite siano al momento incerte.

Si prevede che questo sistema porterà anche delle forti piogge e c’è il potenziale per alcune nevicate significative sulle colline nelle Midlands e più a nord.

“Stiamo incoraggiando i conducenti a controllare le ultime condizioni meteorologiche e di viaggio prima di mettersi in viaggio e valutare se il loro viaggio è necessario e può essere ritardato fino a quando le condizioni non migliorano”, ha affermato Jeremy Phillips, responsabile della sicurezza stradale di National Highways.

“Se hai intenzione di viaggiare, pianifica il tuo viaggio e presta particolare attenzione, concedendo più tempo per il tuo viaggio”, ha aggiunto Phillips.

“Con vento forte, c’è un rischio particolare per camion, roulotte e moto, quindi consigliamo ai conducenti di questi veicoli di rallentare.

“I conducenti di altri veicoli dovrebbero essere consapevoli delle raffiche di vento improvvise che possono influire sulla manovrabilità e sulla frenata e dare molto spazio a veicoli, roulotte e moto con sponde alte. In caso di vento forte persistente potrebbe essere necessario chiudere i ponti al traffico per un periodo, quindi si prega di prestare attenzione agli avvisi di chiusure e di seguire le rotte di deviazione segnalate”.

Riferimenti:
  1. Questa settimana è diventata molto instabile con due tempeste in arrivo – Met Eireann
  2. Il Met Office nomina due tempeste: il Met Office del Regno Unito

Credito immagine in primo piano: TropicalTidbits, GFS



I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno stanno RAFFREDDANDO in linea con la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i raggi cosmici che nucleano le nuvole e una di corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare, se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un grande minimo solare ‘in piena regola’ alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare (25) come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con i precedenti spegnimenti solari periodi prolungati di raffreddamento globale qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che il Beaufort Gyre potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


I canali dei social media stanno limitando la di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo che mostra gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: