Il curioso caso della poliomielite, del DDT e dei vaccini

Source: February 17, 2022; analisis di Tessa Lena

Questa storia parla della poliomielite, dell’avvelenamento da pesticidi come possibile causa e del significato della scienza. Ci viene insegnato che la scienza sulla poliomielite è stata risolta, ma è così? E se il mondo fosse molto più complesso di quanto pensiamo, e “la scienza” non fosse affatto sistemata?

La storia in breve
  • Ci viene detto che la scienza sulla poliomielite è risolta, ma potrebbe non essere così
  • Ci sono scienziati che credono che i sintomi simili alla poliomielite possano essere causati da sostanze tossiche, compresi i pesticidi
  • All’epoca della sua popolarità, il DDT era considerato non solo “sicuro ed efficace”, ma anche buono per la prevenzione della poliomielite
  • Tuttavia, potrebbe essere vero il contrario e il DDT potrebbe essere stato un importante fattore che ha contribuito all'”epidemia di poliomielite”
Annuncio di una rivista del 1958 del March of Dimes che promuove i vaccini contro la poliomielite.

Come facciamo a sapere che qualcosa è veramente vero?

Essere umani comporta sfide epistemologiche interessanti, soprattutto in un momento come quello attuale. Crediamo di avere una presa sulla realtà – ma la nostra storia di solito è scritta dai vincitori – e i vincitori hanno la tendenza a creare la propria realtà che serva i propri interessi e convinzioni – e a propagare quella realtà con vendetta, insistendo sul fatto che è “la verità.”

Nasciamo in un mondo in cui i nostri genitori e insegnanti spesso vivono di supposizioni che non sono necessariamente vere. Naturalmente, ereditiamo molti dei loro presupposti – e poi finiamo per portare la torcia e interiorizzare la realtà fabbricata – o svegliarci un giorno, rendendoci conto che ci è stato mentito e scuotendo la testa increduli mentre cerchiamo di capire se qualcosa di ciò che ci è stato insegnato fosse vero. Molti di noi possono relazionarsi con quell’esperienza liberatoria e interessante del risveglio!

A volte, le risposte sono prontamente disponibili una volta che guardiamo – e a volte, apprendiamo che anche le briciole di pane che portano alla verità sono state accuratamente spazzate via nel corso di decenni o secoli – e quindi dobbiamo solo essere umili e pazienti, usare il nostro istinto, la nostro testa e il nostro cuore, fare del nostro meglio e pregare affinché un giorno possiamo conoscere la verità.

Essere umani è un esercizio di pazienza e umiltà, questo è certo! Con questo in mente, diamo un’occhiata al curioso caso della poliomielite, DDT e altri pesticidi e vaccini.


La storia ufficiale della poliomielite

Conosciamo tutti la storia ufficiale della poliomielite: all’inizio del 20° secolo, un’epidemia di poliomielite si è manifestata nel ricco Occidente ed è stata brutta.

Poi, nel 1954, il Salk Institute ha escogitato un ottimo vaccino contro la poliomielite – ed evviva! L’epidemia è stata fermata e le persone non avevano più la poliomielite. Problema risolto! I vaccini salvano vite! (Pertanto, è immorale, impensabile e spregevole dubitare mai di qualsiasi vaccino. Qualche domanda? Spero di no. Caso chiuso.) Ma è davvero chiuso o c’è spazio per il dibattito?

Per prima cosa, esaminiamo la teoria ufficiale sull’inizio dell’epidemia di poliomielite che rivela accidentalmente un “bug” nella scienza moderna in cui gli scienziati vanno dopo aver aggiustato una cosa – presumendo che sappiano meglio della natura – e poi rompono qualcos’altro che non hanno del tutto pensato. E così poi lo “rattoppano”, e rompono qualcos’altro, e così via.

E ad ogni turno, di solito c’è qualcuno che promuove ogni patch come la cosa più bella del mondo, mentre insiste sul fatto che solo uno sciocco prenderebbe in considerazione l’idea di scartare queste “cavolo” di correzioni e ponendo la domanda del giogo del villaggio: “È possibile che l’abbiamo?” Non abbiamo pensato bene alle cose la prima volta, e dovremmo forse finalmente rifletterci su, e cambiare di conseguenza il nostro approccio?”

Quindi ecco la teoria ufficiale del perché i focolai di poliomielite hanno iniziato a verificarsi, come raccontato su HistoryOfVaccines.org:

“La poliomielite ha raggiunto proporzioni epidemiche all’inizio del 1900 in paesi con standard di vita relativamente elevati, in un momento in cui altre malattie come la difterite, il tifo e la tubercolosi erano in declino. In effetti, molti scienziati pensano che i progressi nell’igiene abbiano paradossalmente portato a una maggiore incidenza di poliomielite.

La teoria è che in passato i bambini fossero esposti alla poliomielite, principalmente attraverso forniture d’acqua contaminate, in giovane età. Il sistema immunitario dei neonati, aiutato dagli anticorpi materni che ancora circolano nel sangue, potrebbe sconfiggere rapidamente il poliovirus e quindi sviluppare un’immunità duratura nei suoi confronti.


Tuttavia, condizioni sanitarie migliori hanno fatto sì che l’esposizione alla poliomielite fosse ritardata fino a più tardi nella vita, in media, quando un bambino aveva perso la protezione materna ed era anche più vulnerabile alla forma più grave della malattia”
.


“Muoviti velocemente e rompi le cose”?

Anche se questa è solo una teoria, anche se ufficiale – e ci sono altre teorie che stiamo per esplorare – permettimi di porre una domanda da idiota del villaggio e lasciarla lì fuori:

È possibile che la natura abbia messo le cose insieme abbastanza bene – e che “andare veloce e rompere le cose” è una strategia che tende a ritorcersi contro?

E mentre la tecnologia può essere meravigliosa se usata con equilibrio, è possibile che sia a causa della distruzione e dell’avvelenamento del nostro ambiente – e dei nostri corpi, delle nostre fondamenta spirituali e delle nostre relazioni educative – che siamo diventati intossicati, stressati, inclini alle malattie e dipendenti dai “booster” del comparto chimico-industriale per rimanere tutti interi?

È possibile che se ne andassimo alla radice e smettessimo di avvelenare il nostro ambiente con tale fervore, saremmo molto più sani?

È possibile, almeno come esperimento mentale?


Sintomi simili alla poliomielite causati da avvelenamento

Nel 1951, il dottor Ralph R. Scobey pubblicò un articolo su Archives of Pediatrics, intitolato “La legge sulla salute pubblica è responsabile del mistero della poliomielite?” (collegamento NIH).

Nell’articolo, il dottor Scobey ha indagato sulle prove che mostrano la contagiosità (o meno) della poliomielite e ha parlato di come la ricerca sulle cause complesse della malattia fosse stata decapitata una volta dichiarata l’opinione “ufficiale”. Tra l’altro, ha affermato quanto segue:

“La ricerca illimitata sulla poliomielite è cessata bruscamente quando questa malattia è stata legalmente trasformata in una malattia trasmissibile. Tuttavia, sono stati compiuti progressi decisi verso una soluzione al problema prima che la legge sulla salute pubblica rendesse la poliomielite una malattia da germi o virus. Ad esempio, è stato segnalato dai tossicologi e batteriologi che la poliomielite potrebbe essere prodotta sia da veleni organici e inorganici che da tossine batteriche.

È stata presa in considerazione anche la relazione di questa malattia con il beriberi. Tuttavia, queste indagini hanno perso supporto quando un germe o un virus sono stati considerati da alcuni la risposta completa e definitiva al problema. I fondi per la ricerca sulla poliomielite furono da allora in poi destinati esclusivamente allo studio della teoria infettiva.


Ci sono oggi molti ricercatori che hanno forti prove che contraddicono la teoria infettiva. La carenza di vitamine e minerali, veleno, allergia e altre teorie vengono presentate per spiegare il mistero, ma questi uomini, a causa della legge sulla salute pubblica e della limitata capacità di ottenere fondi o cooperazione da qualsiasi fonte, non possono lavorare liberamente sul problema della causa della poliomielite.


Una volta le classiche malattie da carenza dietetica, beriberi e pellagra, e persino il colpo di sole, sono state considerate malattie infettive trasmissibili. Se per legge una o tutte queste malattie fossero state rese trasmissibili denunciabili, è ovvio che oggi si tratterebbe legalmente di una malattia germinale e la ricerca del germe causativo potrebbe essere ancora in corso.


Se beriberi e pellagra fossero state rese malattie trasmissibili denunciabili, è ipotizzabile che gli studi epocali sulle vitamine di Funk e collaboratori successivi avrebbero potuto essere ignorati nella ricerca dell’agente infettivo come fattore eziologico di queste malattie. Il progresso della medicina sarebbe stato seriamente ritardato.


Il tempo è scaduto da tempo per un’attenta rivalutazione del problema della poliomielite e per dare la possibilità di lavorare e i fondi con cui lavorare a molti lavoratori capaci, con opinioni diverse sulla causa della malattia. Le implicazioni della legge sulla salute pubblica secondo cui la poliomielite è una malattia infettiva trasmissibile devono essere riconsiderate se si vogliono compiere progressi”
.


Il marchio Rockefeller

Nel suo articolo, il dottor Scobey menzionò anche che nel 1911 Sachs [Sachs, B.: Am. J.Ost. & Gynec., 63: 703-710, aprile 1911] indicava che “la nostra attuale conoscenza dei possibili metodi di contagio si basa quasi interamente sul lavoro svolto in questa città al Rockefeller Institute” e che i bambini affetti dalla malattia venivano tenuti nei reparti ospedalieri generali e che nessuno degli altri ricoverati dei reparti dell’ospedale fosse affetto dalla malattia, il che ovviamente contraddiceva la teoria “virale” della poliomielite.

Vorrei anche sottolineare il fatto che la famiglia Rockefeller, in generale, ha in molti modi posto le basi della medicina moderna come la conosciamo — finanziando specificamente la ricerca che hanno favorito, i curricula delle scuole di medicina che li hanno aiutati a plasmare la medicina, e pensare in un modo che li aiuterebbe a guadagnare di più, e così via. C’è una ragione per cui la medicina odierna a base di prodotti petrolchimici si è guadagnata il soprannome di “medicina Rockefeller“!


Un disclaimer

Per me, la conversazione sulle cause della poliomielite non riguarda il dibattito accanito tra la teoria dei germi e la teoria del terreno, ma riguarda la verità in tutta la sua complessità. Come essere umano, sono in pace sapendo che non conosco la “risposta finale” a quella domanda importante. Penso che la “gratificazione istantanea” non sia molto utile nella scienza!

Quindi, da parte mia, sono disposta ad ascoltare tutte le parti e continuare ad ascoltare, a formulare le mie teorie di lavoro e a cambiare idea tutte le volte che voglio se si presentano buone prove. Sospetto che entrambe le teorie possano spiegare una parte della realtà e che, con una certa saggezza, alla fine possiamo trovare l’equilibrio. Ma per capirlo in qualsiasi momento, dobbiamo parlare onestamente e apertamente – ed è esattamente ciò che non sta accadendo nel discorso scientifico ufficiale di oggi!


Altro su poliomielite e avvelenamento

Nel 1952, il dottor Scobey pubblicò una “meta-analisi” dettagliata intitolata “La causa del veleno della poliomielite e le ostruzioni alle sue indagini”. (collegamento NIH), in cui ha esaminato un’ampia gamma di studi e analisi esistenti sul tema della poliomielite, e ha concluso che sembrava esserci una relazione causale tra i focolai di polio e il consumo di determinati prodotti agricoli, che potenzialmente collegava la polio all’avvelenamento da pesticidi (ad esempio, composti di piombo e arsenico durante questo periodo pre-DDT). Tra le altre cose, ha osservato:

“La paralisi, derivante da avvelenamento, è probabilmente nota fin dai tempi di Ippocrate (460-437 a.C.), Boerhaave, Germania, (1765) affermava: “Troviamo spesso persone rese paralitiche esponendosi imprudentemente all’argento vivo, disperse nei vapori dal fuoco, come doratori, chimici, minatori, ecc., e forse ci sono altri veleni, che possono produrre la stessa malattia, anche applicata esternamente.”

Nel 1824 Cooke, in Inghilterra, affermò: “Tra le cause eccitanti delle paralisi parziali possiamo annoverare il veleno di alcune sostanze minerali, in particolare di argento vivo, arsenico e piombo. I fumi di questi metalli o la loro ricezione in soluzione nello stomaco, causano spesso la paralisi.””


“Il DDT mi fa bene-e-e”

C’è stato un tempo in cui il DDT veniva pubblicizzato come “sicuro ed efficace”. Doveva essere un pesticida estremamente efficace e “gli esperti” raccomandarono di sterilizzare con il DDT ovunque. Uno dei “vantaggi” era prevenire la poliomielite!

I genitori hanno mandato i loro figli a correre dietro ai camion spruzzando DDT e hanno anche spruzzato DDT ovunque in casa, chiaramente con le migliori intenzioni, per la salute dei loro figli e della famiglia. Ti ricorda qualcosa? Dai un’occhiata al numero di Time Magazine del 30 giugno 1947, che conteneva il seguente annuncio:

Per me, queste pubblicità del DDT erano così incredibilmente ipnotizzanti perché vendevano una fantasia: ottenere qualcosa per niente. E lo facevano sembrare “scientifico” e “rispettabile!” Ecco questa cosa, hanno detto, che uccide i parassiti come un assassino, ma è del tutto salutare per gli umani! Ecco la tua convenienza! Ecco la tua marcia della vittoria sulla natura!

E questo spot pubblicitario di seguito ha definito il DDT una “minaccia alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità degli insetti” e “una manciata di morte concentrata”:

Ed ecco un famoso spot pubblicitario in cui un entomologo civilizzato “vende” membri delle tribù africane sulla grandezza del DDT. Gli scettici membri della tribù erano raffigurati come i tuoi familiari bifolchi del villaggio e una delle loro paure ridicole e non scientifiche descritte nel video era che il DDT potesse essere velenoso.


Il DDT come possibile causa della poliomielite

C’è una teoria secondo cui l’avvelenamento da DDT è stato un importante contributo alla paralisi diagnosticata come poliomielite. La linea temporale lo supporta, ed è uno di quei casi in cui devo accettare umilmente di non conoscere la risposta definitiva proprio in questo momento.

Il vaccino Salk è stato introdotto nel 1954. Il DDT è stato bandito negli Stati Uniti nel 1972. La polio è stata ufficialmente eradicata negli Stati Uniti nel 1979. (Si dice che la versione derivata dal vaccino della polio (!) si stia diffondendo ora nei paesi in via di sviluppo e, secondo ABC News, “Più casi di poliomielite causati dal vaccino che dal virus stesso.”)

Nel 2021, Ryan Matters ha pubblicato un articolo eccellente e approfondito intitolato “mRNA ‘Vaccines,’ Eugenics, and Push for Transhumanism”, in cui ha esaminato il legame tra polio e DDT, tra le altre cose. (Consiglio vivamente di leggere il suo articolo per intero.)

“Un pesticida per colture in uso all’epoca era il DDT, un organocloruro altamente tossico che fu ampiamente pubblicizzato come “buono per te”, ma alla fine bandito nel 1972. Nel 1953, il dottor Morton Biskind pubblicò un articolo sull’American Journal of Digestive Malattie evidenziando che:

‘McCormick (78), Scobey (100-101) e Goddard (57), in studi dettagliati, hanno tutti sottolineato che nell’eziologia della poliomielite sono certamente coinvolti fattori diversi dagli agenti infettivi, che variano da difetti nutrizionali a una varietà di veleni che colpiscono il sistema nervoso.’


Il pericolo dei pesticidi tossici, incluso il DDT, ei loro effetti disastrosi sull’ambiente sono stati illustrati da Rachel Carson nel suo libro del 1962, Silent Spring.


In tempi più recenti, i ricercatori Dan Olmstead, co-fondatore di Age of Autism, e Mark Blaxil hanno condotto due brillanti indagini sulle epidemie di poliomielite del 20° secolo, arrivando a una conclusione simile a quella di Scobey e Biskind, ovvero che la malattia è stata causata dall’uso diffuso di pesticidi neurotossici come l’arsenite di soda e il DDT.


Sebbene il vaccino di Salk sia stato salutato come un successo, il vaccino stesso ha causato molti casi di lesioni e paralisi. E sebbene sembri esserci una correlazione convincente tra i tempi del vaccino e la riduzione dei casi di poliomielite, come sanno tutti i bravi scienziati, la causalità non è uguale alla correlazione, soprattutto considerando il fatto che il DDT è stato gradualmente eliminato, almeno nel Stati Uniti, nello stesso periodo”.


Una connessione indiretta (e talvolta diretta) con l’eugenetica

Nel suo articolo, Ryan Matters ha anche sottolineato il fatto che “la ricerca sulla poliomielite del dottor Salk è stata finanziata dalla madre di Cordelia Scaife May, erede della fortuna bancaria della famiglia Mellon che ha idealizzato Margaret Sanger e in seguito è entrata a far parte del consiglio di amministrazione della International Planned Parenthood Foundation, e che ha sostenuto la sterilizzazione obbligatoria come mezzo per limitare i tassi di natalità nei paesi in via di sviluppo.

In particolare, May era anche nel consiglio del Population Council, un’organizzazione fondata da John D. Rockefeller III incentrata sulla riduzione della popolazione. La passione delle famiglie più ricche per il controllo della popolazione (sotto la loro guida) e l’eugenetica non è una teoria del complotto. È stato accuratamente documentato anche dai media mainstream.

Per quanto riguarda Margaret Sanger di Planned Parenthood, nel suo “Piano per la pace” del 1932, ha sostenuto “una politica severa e rigida di sterilizzazione e segregazione per quel grado di popolazione la cui progenie è contaminata, o la cui eredità è tale che i tratti discutibili possono essere trasmessi alla prole”, così come per “dare ad alcuni gruppi disgenici nella nostra popolazione la loro scelta di segregazione o sterilizzazione”.

A proposito, secondo Matters, nel 1995 il Population Council ha collaborato con l’OMS sui loro vaccini per la regolazione della fertilità.


Cibo per la mente?

Quindi lasciatemi dire che per quanto i vaccini, come qualsiasi altro medicinale, possano essere di grande utilità se fatti bene, con integrità e senza fanatismo, l’argomento generale dei vaccini è un po’ meno roseo e un po’ più torbido di qualsiasi altro che vorremmo credere in un mondo ideale. Tutto dipende da chi gestisce, programma e come – e le apprensioni istintive e basate sulla storia dei bifolchi del villaggio non sono senza motivo!

In conclusione, dirò che avere lo stesso gruppo di persone che storicamente sono state grandi fan dell’eugenetica e che ora gestiscono sia la transizione ufficiale a quella che chiamano “la quarta rivoluzione industriale” sia la “risposta sanitaria” globale non mi fa sentire rilassata. È un po’ improbabile che da allora si siano pentiti e ora stiano cercando di aiutarci.

Voglio dire, sì, i miracoli accadono – e io voglio credere nella bontà delle persone – ma sembrano ancora dire che mangeremo carne di scarafaggio per il nostro bene, quindi non lo so…


Sull’autore

Per scoprire di più sul lavoro di Tessa Lena, assicurati di controllare la sua biografia, Tessa Fights Robots.

Dr. Joseph Mercola



Disclaimer: il contenuto di questo articolo si basa sulle opinioni del Dr. Mercola, se non diversamente specificato. I singoli articoli si basano sulle opinioni del rispettivo autore, che conserva i diritti d’autore come contrassegnati. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire un rapporto individuale con un operatore sanitario qualificato e non costituire un consiglio medico. È inteso come una condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza del Dr. Mercola e della sua comunità. Il Dr. Mercola ti incoraggia a prendere le tue decisioni sanitarie sulla base della tua ricerca e in collaborazione con un professionista qualificato sanitario. In caso di gravidanza, allattamento, assunzione di farmaci o condizioni mediche, consultare il proprio medico prima di utilizzare prodotti su questo contenuto


I canali dei social media stanno limitando la di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo che mostra gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Una opinione su "Il curioso caso della poliomielite, del DDT e dei vaccini"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: