Uno scudo facile ed efficace per proteggersi dalle infezioni oronasali

Source: February 18, 2022; Analisi del Dr. Joseph Mercola [> Fact Checked <]

Un semplice spray per bocca e naso potrebbe fungere da scudo efficace per la protezione contro il COVID-19, aggiungendo uno strumento in più all’arsenale di opzioni antivirali.

La storia in breve

  • Un semplice spray per bocca e naso contenente iodio povidone (PVP-I) potrebbe fungere da efficace scudo per la protezione da COVID-19
  • PVP-I è un agente microbicida con un’efficacia virucida del 99,99%
  • Quando applicato, lo spray oronasale agisce come uno strato protettivo, rivestendo la mucosa nasale e orale, che aiuta a prevenire il legame di SARS-CoV-2 con i recettori ACE2 e l’ingresso nelle cellule
  • In uno studio clinico che non è stato ancora pubblicato, una soluzione di PVP-I allo 0,6% ha avuto un tasso di efficacia di circa l’81,5% con “quasi nessuna irritazione della mucosa”
  • È stato scoperto che le soluzioni di iodio povidone inattivano SARS-CoV-2 in appena 15 secondi e potenzialmente riducono il trasporto di SARS-CoV-2 infettivo nelle persone con COVID-19 da lieve a moderato
  • Il perossido di idrogeno nebulizzato diluito con soluzione fisiologica, più iodio di Lugol, può essere utilizzato anche per qualsiasi sospetta infezione respiratoria; prima inizi, meglio è

La soluzione semplice è stata consigliata dal Dr. Mostafa Kamal Arefin del Dhaka Medical College & Hospital in Bangladesh e include polivinilpirrolidone o iodio povidone (PVP-I), un agente microbicida con un’efficacia virucida del 99,99%.1

Scrivendo sull’Indian Journal of Otolaryngology and Head & Neck Surgery, Arefin ha raccomandato lo spray oro-nasale PVP-I per gli operatori sanitari e chiunque altro per aiutare a prevenire il COVID-19,2 facendo eco a una serie di altri studi che hanno anche riscontrato benefici per gargarismi, irrigazione nasale e nebulizzazione di PVP-I e altri composti, inclusi iodio di Lugol, soluzione salina e perossido di idrogeno.3


In che modo gli spray oronasali possono proteggerti dal COVID-19

Lo spray oronasale di Arefin è composto da una soluzione di PVP-I allo 0,6%, conservata in un “semplice dispositivo spray nasale”. La formulazione spray funziona meglio delle gocce, ha osservato, perché consente al principio attivo di diffondersi ulteriormente e raggiungere più in profondità il naso e il rinofaringe, che è la parte superiore della gola dietro il naso. Quando applicato, lo spray oronasale funge da strato protettivo, rivestendo la mucosa nasale e orale.

In genere, se sei esposto a SARS-CoV-2, entrerà nel tuo corpo attraverso il naso e la bocca, rimanendo lì per un po’ prima di legarsi ai recettori ACE2 ed entrare nelle cellule. Una volta dentro le tue cellule, il virus ha l’opportunità di moltiplicarsi.

“Il primo passo nello sviluppo delle URTI [infezioni delle vie respiratorie superiori]”, scrive Arefin, “è l’adesione e la colonizzazione del patogeno respiratorio alla mucosa nasofaringea e orofaringea. Presupponendo l’ingresso nasale e orale di tali agenti patogeni, l’applicazione intranasale e intraorale di iodio povidone offre una misura pratica per la loro prevenzione.”4

Creando uno scudo protettivo, lo spray oronasale aiuta a prevenire il legame di SARS-CoV-2 con i recettori ACE2 e l’ingresso nelle cellule. In uno studio clinico che non è stato ancora pubblicato,5 Arefin e colleghi hanno ottenuto risultati positivi utilizzando spray oro-nasale PVP-I allo 0,6% in 189 pazienti con COVID-19. La soluzione allo 0,6% aveva un tasso di efficacia di circa l’81,5%, che era maggiore di quello di altre concentrazioni (0,4% e 0,5%) e produceva “quasi nessuna irritazione della mucosa”.6


Iodio-povidone inattiva SARS-CoV-2

I gargarismi, gli spray per la gola e gli spray nasali con PVP-I sono già disponibili da banco in paesi come il Giappone e il Canada.7 In Giappone, è disponibile uno spray per la gola con PVP-I allo 0,45% per la prevenzione di raffreddori e mal di gola, mentre i gargarismi con il composto fanno parte delle loro linee guida respiratorie nazionali.8

Uno studio del 2002, durante il quale ai pazienti è stato chiesto di fare i gargarismi più di quattro volte al giorno con una soluzione di PVP-I, per diversi mesi fino a due anni, ha rilevato che la pratica ha ridotto significativamente l’incidenza delle infezioni respiratorie croniche.9 In uno studio preliminare che ha anche sostenuto l’uso di spray nasali e collutori PVP-I per proteggere gli operatori sanitari e ridurre le infezioni crociate durante la pandemia di COVID-19, si spiega:10

“L’azione antimicrobica del PVP-I si verifica dopo che lo iodio libero (I2) si è dissociato dal complesso polimerico. Una volta nella forma libera, lo iodio penetra rapidamente nei microbi e distrugge le proteine ​​e ossida le strutture dell’acido nucleico. Questa interazione alla fine si traduce in morte microbica”.

PVP-I si è dimostrato efficace in vitro contro i coronavirus che hanno causato l’epidemia di sindrome respiratoria acuta grave (SARS) dal 2002 al 2003 e l’epidemia di sindrome respiratoria mediorientale (MERS) dal 2012 al 2013.11

È stato anche scoperto che le soluzioni di iodio povidone inattivano SARS-CoV-2 in appena 15 secondi12 e potenzialmente riducono il trasporto di SARS-CoV-2 infettivo nelle persone con COVID-19 da lieve a moderato.13 In un altro studio sull’irrigazione nasale tra gli alti pazienti a rischio con COVID-19, l’uso dell’irrigazione nasale con iodio povidone o bicarbonato di sodio ha ridotto di otto volte il rischio di ospedalizzazione rispetto al tasso nazionale.14

In una lettera all’editore del Journal of Otolaryngology, Head & Neck Surgery, i ricercatori hanno inoltre osservato:15

“Poiché il serbatoio per lo spargimento di SARS-CoV-2 si trova nel rinofaringe e nelle cavità nasali e orali, l’applicazione di agenti viricidi su queste superfici può ridurre la carica del virus.

Numerosi studi hanno confermato che lo iodio-povidone inattiva molti virus respiratori comuni, incluso SARS-CoV-1. Lo iodio-povidone ha anche un buon profilo per la tolleranza della mucosa. Pertanto, proponiamo un protocollo di trattamento profilattico per l’applicazione topica di iodio-povidone al tratto aerodigestivo superiore”
.


Benefici e come usare lo spray oro-nasale PVP-I

L’uso dello spray oro-nasale PVP-I allo 0,6% è a basso costo, sicuro ed efficace contro i coronavirus, incluso SARS-CoV-2. Può essere utilizzato sia in individui sani come agente protettivo che in persone con COVID-19 per ridurre la carica virale e il potenziale di trasmissione del virus ai contatti stretti.

Gli effetti collaterali sono minimi e comprendono irritazione delle mucose, colorazione dei denti e disfunzione tiroidea. Almeno uno studio, che ha utilizzato sia collutori PVP-I che gargarismi quattro volte al giorno per cinque giorni, ha riscontrato un aumento dell’ormone stimolante la tiroide durante il trattamento, ma i livelli sono tornati alla normalità dopo l’interruzione del trattamento.16

Arefin raccomanda lo spray sia per gli operatori sanitari che per la popolazione in generale, prima di partecipare a riunioni pubbliche o di lavorare fuori casa e in seguito all’esposizione a un sospetto paziente COVID-19. Consiglia da due a tre erogazioni in ciascuna narice e da una a tre erogazioni in gola ogni tre o quattro ore. Dopo ogni una o due settimane di utilizzo, raccomanda di fare una pausa di un giorno dal trattamento.17

Esistono, tuttavia, molti modi per utilizzare l’irrigazione nasale, i gargarismi e la nebulizzazione contro il COVID-19. Ad esempio, il dottor Peter McCullough, internista, cardiologo ed epidemiologo, ha twittato: “I lavaggi viricidi nasali/orali possono essere eseguiti a scopo profilattico due volte al giorno e fino a ogni 4 ore durante il trattamento iniziale. Ridurre la carica virale per malattie meno gravi”.18

Il Front Line COVID-19 Critical Care Working Group (FLCCC) raccomanda anche lo iodio-povidone come parte del protocollo I-Mask+ per la prevenzione e il trattamento ambulatoriale precoce di COVID-19. Parte del loro protocollo di prevenzione include gargarismi due volte al giorno con una soluzione di povidone/iodio all’1%, mentre spray nasali o gocce di iodio sono raccomandati come uno degli agenti di prima linea nel loro protocollo di trattamento precoce. Nello specifico, raccomandano:19

“Usare un prodotto commerciale di iodio-povidone all’1% secondo le istruzioni 2-3 volte al giorno. Se il prodotto all’1 % non è disponibile, è necessario prima diluire la soluzione al 10 % più ampiamente disponibile e applicare 4-5 gocce in ciascuna narice ogni 4 ore. (Non più di 5 giorni in gravidanza.)”

È importante sottolineare che le soluzioni di iodio-povidone vendute come disinfettanti topici per la pelle per il trattamento di tagli e ferite non devono essere utilizzate per i gargarismi a causa di ingredienti potenzialmente dannosi.


Perossido di idrogeno nebulizzato per COVID-19

Nebulized Peroxide- Interview with Dr. David Brownstein

Come ho discusso nella mia intervista con il Dr. David Brownstein sopra, ha trattato con successo centinaia di pazienti COVID-19 usando strategie di potenziamento immunitario come perossido di idrogeno per via endovenosa o nebulizzata, iodio, vitamine orali A, C e D e ozono intramuscolare. In un caso clinico di 107 pazienti COVID-19 confermati che ha trattato, 91 (85%) hanno utilizzato perossido nebulizzato diluito con soluzione salina normale, più iodio di Lugol. Come spiegato nell’articolo di Brownstein: 20

“Una soluzione di 250 cc di soluzione salina normale è stata miscelata con 3 cc di perossido di idrogeno al 3% fornendo una concentrazione finale di perossido di idrogeno dello 0,04% … Inoltre, 1 cc di cloruro di magnesio (200 mg/ml) è stato aggiunto alla soluzione salina da 250 cc/ sacchetto di perossido di idrogeno. (Questo è stato misto in ufficio per i pazienti.)

I pazienti sono stati istruiti a nebulizzare 3 cc della miscela tre volte al giorno o più spesso in caso di problemi respiratori. Di solito sono stati segnalati uno o due trattamenti con nebulizzatore per migliorare i problemi respiratori … Non hanno riportato effetti avversi. Nella sua pratica, utilizziamo soluzione salina/perossido di idrogeno nebulizzato a questa concentrazione da oltre due decenni.


Il perossido di idrogeno viene continuamente prodotto nel corpo umano con quantità sostanziali prodotte nei mitocondri. Ogni cellula del corpo è esposta a un certo livello di perossido di idrogeno. I polmoni sono noti per produrre perossido di idrogeno. È stato dimostrato che il perossido di idrogeno nebulizzato ha attività antivirali. Il perossido di idrogeno può attivare i linfociti che sono noti per essere esauriti in COVID-19.„

Ho abbracciato il perossido nebulizzato da quando è scoppiata la pandemia di COVID-19 e ho ricevuto molti resoconti aneddotici da persone che lo hanno utilizzato con successo, anche in fasi più avanzate. Sulla base dell’esperienza di Brownstein, consiglio anche di aggiungere iodio durante la nebulizzazione, poiché sembra renderlo ancora più efficace.


Una corretta diluizione è la chiave della sicurezza

I gargarismi e spray nasali di povidone-iodio e il perossido nebulizzato diluito con soluzione fisiologica, con o senza iodio, possono essere tranquillamente utilizzati dalla maggior parte delle persone sia per la prevenzione che nei casi di infezione attiva, a condizione che le sostanze siano adeguatamente diluite.

Ad esempio, mentre la nebulizzazione con perossido di idrogeno dallo 0,1% al 3% sembra essere abbastanza sicura, sarebbe un rischio molto serio utilizzare perossido di concentrazioni maggiori. È possibile ottenere perossido di grado alimentare fino a una concentrazione del 35%, ma non deve MAI essere utilizzato localmente o internamente. DEVE essere diluito o possono verificarsi gravi lesioni. La soluzione più sicura è utilizzare perossido di grado alimentare al 3% e diluirlo come indicato nella tabella fornita di seguito in modo da ottenere una soluzione dello 0,1%.

È interessante notare che anche la nebulizzazione di normale soluzione fisiologica può essere un trattamento efficace per la bronchiolite virale acuta, un’infezione virale nelle piccole vie aeree dei polmoni.21 Quindi, mentre la soluzione salina è considerata la sostanza “inerte” nella soluzione – ed è spesso usata come un placebo negli studi che valutano i farmaci nebulizzati: potrebbe avere benefici propri.

Raccomando di utilizzare il perossido nebulizzato per qualsiasi sospetta infezione respiratoria e prima si inizia, meglio è. Non c’è pericolo nel farlo ogni giorno se sei esposto frequentemente e potrebbero esserci anche ulteriori effetti benefici, come un rapido aumento del livello di ossigeno nel sangue.

È importante capire che questo è un protocollo che è necessario implementare PRIMA di tentare di curare il COVID. Poiché il trattamento precoce è fondamentale, idealmente il giorno 1, si desidera avere il nebulizzatore e i materiali già a casa pronti per l’uso. Eviterei di usare un nebulizzatore portatile alimentato a batteria e opterei piuttosto per un’unità da collegare al muro.

Puoi trovarli su eBay o Amazon ma assicurati che abbiano una maschera per il viso e non solo un boccaglio perché vuoi mettere lo spray nel naso oltre ai polmoni poiché molti dei virus si depositano lì e se usi semplicemente un boccaglio non raggiungerai queste particelle virali. Questo è un esempio di uno che si collega al muro e ha una maschera facciale.

Fonti e Referenze

Dr. Joseph Mercola


Disclaimer: il contenuto di questo articolo si basa sulle opinioni del Dr. Mercola, se non diversamente specificato. I singoli articoli si basano sulle opinioni del rispettivo autore, che conserva i diritti d’autore come contrassegnati. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire un rapporto individuale con un operatore sanitario qualificato e non istituire un consiglio medico. È inteso come una condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza del Dr. Mercola e della sua comunità. Il Dr. Mercola ti incoraggia a prendere le tue decisioni sanitarie sulla base della tua ricerca e in collaborazione con un professionista qualificato sanitario. In caso di gravidanza, allattamento, assunzione di farmaci o condizioni mediche, consultare il proprio medico prima di utilizzare prodotti su questo contenuto


I canali dei social media stanno limitando la di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo che mostra gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: