Una volta nella vita

Source: February 22, 2022; articolo di Cap Allon

  • Il freddo record inghiotte gli Stati Uniti;
  • Storiche bufere di neve continuano a colpire il Giappone;
  • “Una volta nella vita” la neve spazza il Nagaland, in India
  • Meteo Italia: mercoledì 23 e giovedì 24 tempo bello e clima mite

Il freddo record inghiotte gli Stati Uniti

Gli Stati Uniti si stanno accovacciando mentre i minimi storici e le forti nevicate si spingono più in profondità nel paese: circa 30 milioni di americani sono attualmente sulla strada di una grande tempesta invernale.

L’area di Portland è fissata per temperature basse record martedì e mercoledì, con “abbondante neve fresca” che cade nelle Cascades, riferisce kgw.com.

La “tempesta più fredda della stagione invernale” porterà anche neve e ghiaccio sulle montagne della contea di Los Angeles, riporta latimes.com, citando un avviso urgente recentemente emesso dal National Weather Service. La regione dovrebbe aspettarsi da 3 a 5 pollici di neve da martedì a mercoledì, in particolare nelle montagne di San Gabriel, avverte l’avviso. “Se vai in montagna, devi essere preparato. Le persone devono essere molto, molto caute”, ha affermato David Sweet, meteorologo della NWS, Oxnard.

Neve, ghiaccio e forti venti stanno già creando condizioni di guida pericolose sulle quote più elevate della California, con condizioni che dovrebbero peggiorare con il progredire della settimana.

Con l’aria artica saldamente al suo posto, temperature gelide e pericolosi brividi di vento hanno attanagliato anche il Montana — e anche se il prossimo giro di neve dello stato non è previsto fino a giovedì, nbcmontana.com avverte i Montanani di prepararsi per soffiare la neve dalla precedente area tempesta.

Sono già stati notati brividi di vento fino a 15°F sotto lo zero. E martedì, Bozeman, ad esempio, dovrebbe subire picchi diurni ben al di sotto dello zero, il che stabilirà un nuovo record.

Altrove, una miriade di altre località del Montana sono in procinto di battere record di freddo martedì e mercoledì, con minimi mattutini previsti tra -10 e -20°F con venti gelidi compresi tra -20°F e -40°F, in particolare mercoledì.

“Fai i bagagli e rimani al sicuro in queste condizioni”.

A nord, Environment Canada ha emesso allarmi di freddo estremo per diverse parti della British Columbia lungo il confine con l’Alberta. L’agenzia meteorologica afferma che una massa d’aria artica combinata con un vento da nord sta portando valori di vento gelido di -40°C (-40°F) nella regione del fiume Peace, comprese le comunità di Fort St. John e Dawson Creek.

A sud, è stato emesso un avviso anche per l’area di Elk Valley insieme ai parchi nazionali di Kootenay e Yoho, dove l’ECCC afferma che i valori di wind chill vicino a -35°C (-31°F) erano previsti durante la notte lunedì e martedì. L’agenzia meteorologica avverte che valori di wind chill prossimi a -40°F possono causare congelamento in pochi minuti e aumentano anche il rischio di ipotermia.

Immagine SkySat di Ottawa di recente, poiché la maggior parte del Canada continua a soffrire di freddo al di sotto della media.

Mi sono concentrato solo sulle aree a nord e ad ovest, ma l’esplosione artica del Nord America sta scendendo anche a sud fino al Messico e si estende fino all’estremo oriente del New England: questa è un’iniezione di freddo polare che copre il continente:

Record di freddo che inghiotte gli Stati Uniti: “Devi essere preparato”

Storiche bufere di neve continuano a colpire il Giappone

La forte nevicata ha continuato a colpire il nord del Giappone lunedì, interrompendo il traffico aereo e ferroviario, in quella che è già stata una stagione invernale storicamente nevosa. Le autorità meteorologiche avvertono anche di ulteriori bufere di neve nei prossimi giorni, e anche per le regioni occidentali e orientali.

Japan Airlines Co. e All Nippon Airways Co. hanno cancellato centinaia di voli da e per Hokkaido lunedì, mentre quasi 1.000 treni sono stati sospesi a Sapporo e in altre aree di Hokkaido, il 70% del servizio.

Un incidente stradale mortale che ha coinvolto diversi veicoli si è verificato sull’autostrada Hakodate-Esashi a Hokuto, Hokkaido, con condizioni di whiteout segnalate sul luogo dell’incidente.

Le aree dentro e intorno a Sapporo hanno ricevuto fino a 50 cm (19,7 in) di neve entro martedì mattina, secondo l’Agenzia meteorologica giapponese, con 30 cm (11,8 in) che si sono depositati nella stessa città di Sapporo.

Anche altrove sono stati registrati totali di neve più impressionanti: oltre 70 cm (27,6 in) sono stati segnalati nella regione di Hokuriku nelle ultime 24 ore (fino a martedì mattina), con la regione di Kanto-Koshin che ha visto 50 cm (19,7 in) nello stesso periodo .

La neve non diminuirà in queste regioni e numerosi altri record “sempre” – oltre alle centinaia di benchmark giornalieri e mensili che sono già stati rovesciati in questa stagione – continuano a cadere nel dimenticatoio:

[@sayakasofiamori]

“Una volta nella vita” la neve spazza il Nagaland, in India

La gente del Nagaland, uno stato nel nord-est dell’India, si è svegliata lunedì mattina con un’insolita coltre di neve, perché raffiche di vento hanno colpito diversi distretti almeno per la seconda volta questo inverno.

Il distretto di Phek, il distretto di Kohima e la valle di Dzükou sono state tra le regioni che hanno subito un clima anormalmente nevoso e freddo lunedì. Molti locali entusiasti si sono rivolti ai social media per condividere la loro esperienza con alcuni vedendo i fiocchi per la prima volta.

Prima di quest’anno, Neiko Ritse, professore di economia al Pfütsero Government College, ha affermato di non aver mai visto nevicate a Pfütsero, ma ora le ha viste due volte: durante la prima settimana di febbraio e ora lunedì (21 febbraio).

“Avendo sperimentato qualcosa di nuovo, alcuni genitori hanno portato i loro figli su Glory Peak e Peak of Hope per assistere alla nevicata. Visitatori da diversi luoghi sono arrivati ​​a Pfütsero per assistere allo spettacolo”, ha detto Ritse, aggiungendo che molti genitori non mandavano i propri figli a scuola a causa del freddo, con i muratori che si prendevano un giorno libero e la maggior parte degli agricoltori sceglieva di non andare nei loro campi .

John Z Sumi, un insegnante residente e laureato a Seyochung, ha detto che le nevicate hanno colpito la sua città nelle ore mattutine e sono state seguite basse temperature “insopportabili” che hanno costretto le persone a rimanere in casa: “Non abbiamo mai sperimentato nevicate di questo tipo da decenni. Questo è il primo del suo genere”, ha detto Sumi. Sarà sicuramente uno dei libri di storia, ha aggiunto, dicendo che questa è stata in realtà la seconda nevicata che Seyochung ha ricevuto quest’anno, dopo le raffiche di neve che hanno colpito durante la prima settimana di gennaio.

Historic snow fell in Pfütsero on Monday [Ontipong].

Nonostante i record meteorologici sballati del Nagaland siano di tipo freddo, ciò non ha impedito ai membri del Partito AGW dello stato di ipotizzare che dietro i rari dintorni innevati dell’India ci sia “terrificante cottura globale della terraferma”.

John Z Sumi è dell’opinione che la neve di Seyochung sia sicuramente dovuta al cambiamento climatico poiché “non abbiamo mai sperimentato un clima del genere prima”, il che è una logica dolorosamente imperfetta.

Ad aggravare il dolore ci sono i commenti del fotografo/regista attivista Pelevizo Meyase, che ha affermato: “Possiamo vedere chiaramente che il cambiamento climatico è reale e dobbiamo agire ora. Potremmo sentire che non è nostra responsabilità agire o iniziare a vivere una vita sostenibile, ma tutti hanno bisogno di iniziare a pensare. È una nostra responsabilità e ci sta anche colpendo”.

Meyase ha aggiunto che il suo villaggio Khonoma ha subito la quarta nevicata quest’anno e che i fiocchi si sono diffusi anche in altre aree: “Con il cambiamento del tempo, kholar [fagioli] a Kiphire, patate nelle aree meridionale e occidentale di Angami e cavoli a Pfütsero sarebbe gravemente colpito e ci saranno meno verdure biologiche se continua”, ha lamentato.

E come riportato da easternmirrornagaland.com, un residente frustrato di Kohima ha riassunto la follia, dicendo che le persone dovrebbero essere preoccupate per la “crisi climatica” piuttosto che eccitarsi alla vista della neve.

La mia domanda: chi ha infettato queste persone con l’idea che le nevicate storiche siano un segno del riscaldamento globale? Le persone sono davvero così piacevoli e francamente stupide da accettare una tale affermazione senza senso come letta applicando una logica semplice e ponendo domande pertinenti? La teoria originale del riscaldamento globale, come decretato dall’IPCC, prevedeva l’aumento delle temperature globali per ridurre le nevicate; e mentre questa è ancora l’aspettativa ufficiale oggi, il Partito AGW ha anche ingannato le masse doverose facendogli credere che qualsiasi evento meteorologico estremo sia un segno di un’imminente catastrofe infuocata, la cui causa sono le emissioni di CO2 (cioè i combustibili fossili, che da soli sono stati responsabile dell’innalzamento del tenore di vita e, a sua volta, dell’aspettativa di vita in tutto il mondo).

Manto nevoso dell’emisfero settentrionale [FMI].

Noi esseri umani possiamo essere condotti ovunque, non è vero, anche a iniettarci un farmaco costoso e non testato per combattere un virus che statisticamente non avrà mai un impatto su di noi (i dati dell’ONS nel Regno Unito, diffusi tramite un FOIR, rivelano che l’età media di morte per COVID è di quasi 83 anni, al di sopra dell’aspettativa di vita media nel paese!).

Ma non preoccuparti per l’AGW, perché per mitigare la detta “crisi climatica” -i.e. per fermare la neve che cade Nagaland– Meyase ha qualche asso nella manica: vuole che tutti noi

  • 1) riduciamo gli oggetti monouso (ha senso),
  • 2) evitino di gettare spazzatura nei fiumi e nei torrenti (perché sta succedendo comunque ?),
  • 3) minimizzare ciò di cui si ha veramente bisogno (sì),
  • 4) riciclare le cose in modo creativo (segno di spunta) e
  • 5) ridurre drasticamente la nostra impronta di carbonio (ah … vuoi dire “non possedere nulla ed essere felici” … no).

Meteo Italia: mercoledì 23 e giovedì 24 tempo bello e clima mite

Domani, mercoledì 23 febbraio, l’alta pressione tornerà ad allungarsi sulla nostra Penisola, dove insisterà anche giovedì 24, regalandoci due giornate con prevalenza di tempo soleggiato e temperature miti.

Il periodo di tempo stabile potrebbe durare poco perché, per la parte finale della settimana, è atteso l’arrivo di una perturbazione nord-atlantica (la numero 7 del mese) che già nella seconda parte di venerdì 25 riporterà la pioggia su diverse zone del Nord e poi tra sabato 26 e domenica 27 piogge diffuse al Centro-Sud e al Nordest, con nevicate sui rilievi anche a quote piuttosto basse. Infatti, le correnti fredde al seguito del sistema perturbato, causeranno un generale e sensibile calo delle temperature.

Le previsioni meteo per mercoledì 23 febbraio

Tempo stabile e soleggiato in tutta Italia, senza neanche il fastidio delle nebbie. Temperature minime in leggero calo; massime quasi dappertutto in lieve crescita. Ventoso per venti settentrionali al Sud, dove i mari risulteranno in generale molto mossi o agitati; altrove venti da deboli a moderati, con mari da poco mossi a mossi.

Le previsioni meteo per giovedì 24 febbraio

Tempo bello in tutta Italia, con un po’ di nuvolosità innocua solo sulle zone alpine di confine. Al mattino qualche nebbia sulle pianure del Nord e lungo le coste dell’Alto Adriatico. Temperature massime in leggera diminuzione al Nord, pressoché invariate altrove.

Tra venerdì 25 e domenica 27 maltempo invernale. Freddo e neve

Nell’ultima parte del mese, che coincide con la fine dell’inverno meteorologico, si profila l’arrivo di una perturbazione (la n.7 del mese) dalle caratteristiche prettamente invernali. Dopo il ritorno della stabilità atmosferica, nella seconda parte di venerdì 25 febbraio si prevede appunto l’arrivo di questo nuovo fronte perturbato con le prime avvisaglie già in mattinata perlopiù tra Liguria e Toscana. Poi, dal pomeriggio, le precipitazioni si estenderanno andando a interessare l’est della Lombardia, buona parte del Nord-Est, compresa l’Emilia Romagna, Liguria e Toscana. Lungo questa fascia le precipitazioni tenderanno a intensificarsi alla sera, con qualche possibile temporale. A fine giornata le piogge potrebbero coinvolgere anche Umbria e parte delle Marche.

Su Alpi e Appennino settentrionale si avranno nevicate inizialmente a quote elevate, sui 900-1400 metri; verso sera la quota neve tenderà ad abbassarsi su quote anche collinari, intorno ai 500-600 metri su Alpi orientali e Appennino settentrionale. Nel resto dell’Italia la situazione per il momento rimane migliore, con anche delle schiarite più ampie a inizio giornata e tendenza a un aumento della nuvolosità. Temperature senza grandi variazioni, seppur con un leggero calo al Centro-Nord ma in generale ancora leggermente sopra la media. A fine giornata si avrà  una rapida intensificazione dei venti settentrionali prima al Nord e Sardegna e poi, nei giorni successivi, anche nel resto del Paese.

Nel weekend di sabato 26 e domenica 27 febbraio un vortice di bassa pressione andrà a posizionarsi sul mar Tirreno: maltempo al Centro-Sud e in parte del Nord-Est. La tendenza meteo

La perturbazione molto lentamente scivolerà poi verso sud-est andando a interessare in maniera più decisa il resto del Paese, accompagnata da un vortice di bassa pressione con centro che inizialmente andrà a posizionarsi sul mar Ligure per poi scorrere lungo il Tirreno. Si avranno precipitazioni sia sul versante adriatico che su quello tirrenico, dove saranno possibili rovesci e temporali. Il Nord-Ovest verrà solo lambito dalle precipitazioni, rimanendo ancora una volta un po’ a secco. La regione più interessata dall’assenza di precipitazioni è ancora una volta il Piemonte, dove dunque andrà ulteriormente ad aggravarsi la siccità.

Andremo incontro dunque a un sabato 26 di maltempo al Centro-Sud e in parte anche al Nord-Est, più che altro sull’Emilia Romagna. Le precipitazioni più intense saranno possibili in Liguria, al Centro, in Campania, Sardegna ed Emilia Romagna. Si avranno dei temporali lungo le coste tirreniche e in Sardegna, precipitazioni invece più isolate sul resto del Sud e in Sicilia. L’aria fredda ormai avrà invaso una buona parte dell’Italia, ad eccezione del Sud e della Sicilia. Nevicate in particolare sull’Appennino settentrionale dove potrebbero raggiungere quote intorno ai 500 metri, sulla parte dell’Appennino centrale, specialmente sul versante adriatico, dai 700 ai 1100 metri. Su Alpi e alta Pianura Padana si avranno delle schiarite. I venti tenderanno a rinforzare intorno al centro di bassa pressione che sarà posizionato sul medio alto Tirreno; ventilazione più intensa tra l’alto Adriatico, il mar Ligure, l’alto tirreno e la Sardegna con venti da nord o nord-est e raffiche burrascose (intorno ai 90 km/h).

Domenica 27 la perturbazione lentamente si sposta verso Sud con il maltempo che rimane però abbastanza diffuso. Le schiarite resisteranno solamente sulle Alpi e nel Nord-Ovest, in tutto il resto dell’Italia avremo nuvole compatte e anche delle precipitazioni sparse, più o meno intense e insistenti soprattutto al Centro-Sud e al Nord Est ad esclusione di Friuli Venezia Giulia, Toscana e settore del basso Ionio. Il grosso dell’instabilità si concentrerà più verso Sud, quindi sulle regioni meridionali dove non si escludono rovesci o temporali.

Nevicate su Appennino centro settentrionale dai 600 ai 1000 metri e oltre i 1200 metri su quello meridionale; le nevicate potrebbero interessare anche i rilievi della Sardegna oltre i 1000 metri. Sarà un’altra giornata molto ventosa, soprattutto su medio-alto Adriatico, regioni centrali e Isole. Tra sabato e domenica si registrerà inoltre un calo termico in tutta l’Italia con temperature nella media o addirittura anche leggermente al di sotto, specialmente sul settore adriatico e sulla Sardegna.

Un miglioramento più consistente avverrà lunedì 28 quando la perturbazione dovrebbe allontanarsi verso la Grecia. Insisterà ancora un po’ di maltempo sul medio Adriatico, al Sud e in Sicilia con fenomeni comunque in graduale attenuazione. Al Centro-Nord e in Sardegna prevarranno le schiarite; si avranno ancora forti venti settentrionali, soprattutto al Centro-Sud.
Temperature in rialzo, con gli aumenti più significativi sulle Alpi e al Nord-Ovest; i valori torneranno su caratteristiche primaverili. Nei primi giorni di marzo sembra configurarsi un nuovo rinforzo dell’alta pressione accompagnata da aria più mite e quindi da un generale rialzo termico. La primavera meteorologica, dunque, avrà inizio con tempo stabile e clima relativamente mite. Fonte meteo.it

Electroverse


I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno stanno stanno RAFFREDDANDO in linea con la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i raggi cosmici che nucleano le nuvole e una corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare, se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un grande minimo solare ‘in piena regola’ alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare (25) come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con i precedenti spegnimenti solari periodi prolungati di raffreddamento globale qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che il Beaufort Gyre potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


I canali dei social media stanno limitando la di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo che mostra gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: