Il freddo estivo colpisce la Tasmania

Source: ; articolo di Cap Allon

  • I prezzi del gas in Cina salgono a livelli record quando l’ondata di freddo consuma le forniture;
  • Il freddo estivo colpisce la Tasmania;
  • Centinaia di record di bassa temperatura cadono negli Stati Uniti
  • Meteo, oggi giovedì 24 febbraio, ancora alta pressione. Da venerdì perturbazione

I prezzi del gas in Cina salgono a livelli record mentre l’ondata di freddo consuma le forniture

È stato un febbraio storicamente gelido nell’Asia orientale e quelle feroci condizioni invernali stanno avendo un effetto a catena sulle forniture energetiche della regione e, a loro volta, sui prezzi.

Guardando allo Shanghai Petroleum & Natural Gas Exchange, il prezzo interno del gas naturale liquefatto cinese è salito a un livello record a temperature record, uno scenario che potrebbe spingere i suoi importatori ad aumentare le tariffe dal mercato spot e restringere ulteriormente le forniture globali, scrive Bloomberg.

Il prezzo medio nazionale del carburante, trasportato dai camion alle fabbriche o alle stazioni di rifornimento dei veicoli, è aumentato di quasi l’80% nell’ultimo mese fino a un record di 8.114 yuan per tonnellata (circa $ 27,5 per milione di unità termiche britanniche) martedì.

Nelle ultime settimane ha fatto un freddo anomalo in tutta la Cina, dalle montagne del nord…

…al sud subtropicale:

Xiamen, nel Fujian, ha visto la neve per la prima volta in 129 anni durante il fine settimana; Sebbene negli ultimi giorni siano stati notati fiocchi rari e da record in tutta la Cina meridionale: “È un clima subtropicale!”, ha twittato @SamJermy. “Un evento davvero strano.”

Le temperature a Pechino si sono mantenute ben al di sotto della media stagionale per la maggior parte di febbraio, poiché le temperature si sono verificate in gran parte della Cina e, guardando al futuro, le previsioni sono più o meno le stesse con l’avanzare della settimana.


Il freddo estivo colpisce la Tasmania

La mia casella di posta è piena di notizie aneddotiche secondo cui l’Australia sta vivendo un’estate insolitamente frizzante, in particolare le sue regioni orientali. Questo segue quello che è stato un 2021 molto freddo in tutto il continente australiano: l’anno più freddo dell’ultimo decennio del paese.

A sostegno di queste e-mail arriva la notizia che il termometro nella piccola zona di Liawenee, in Tasmania, è sceso a -3,5°C (25,7°F) martedì mattina (22 febbraio), la temperatura più bassa di febbraio della regione dai -3,6°C (-25,5°F) fissata nel 1989.

L’Australia sta iniziando a raffreddarsi in linea con il resto del pianeta, i dati lo mostrano chiaramente; eppure le agenzie governative, come il Bureau of Meteorology, continuano a fare tutto il possibile per distorcere le statistiche al fine di nascondere qualsiasi calo: come accennato in precedenza, il 2021 è stato l’anno più freddo del continente in un decennio.

http://www.bom.gov.au/australia/satellite/

E così è, se non fosse in gioco un’agenda “surriscaldata” e gli scienziati del governo fossero guidati esclusivamente dai dati e senza pregiudizi, allora non ci sarebbero problemi con loro comunicando apertamente questi dati rinfrescanti con il pubblico, che tutti noi possiamo valutare e discutere-raffreddamento che in realtà è iniziato a livello globale nel 2016:


Centinaia di record di bassa temperatura cadono negli Stati Uniti

È stato un inizio di settimana glaciale per molti americani poiché l’inverno 2021-22, invece di diminuire con l’avvicinarsi del calendario di marzo, si è invece intensificato. I record di bassa temperatura vengono rovesciati a sinistra, a destra e al centro mentre l’aria artica continua la sua espansione a est ea sud.

Come visualizzato nel grafico non ufficiale della temperatura di coolwx.com (mostrato di seguito), per le 24 ore fino alle 08:00 (UTC) del 23 febbraio, centinaia di basse temperature record giornaliere sono state infrante o pareggiate, in particolare nelle regioni centrali e occidentali:

[http://coolwx.com]

Anche le cifre del vento gelido si sono rivelate pericolose, avvicinandosi a 50 gradi sotto zero in alcune località.

“Con i brividi di vento così freddo, il congelamento potrebbe verificarsi in pochi minuti”, ha avvertito il National Weather Service. Gli avvisi di vento gelido si estendono fino al nord del Texas, dove i minimi dovrebbero scendere sotto lo zero martedì notte ad Amarillo.

Anche l’accumulo di neve ha causato problemi.

Lunedì e martedì la tempesta ha colpito l’Upper Midwest con forti nevicate e ghiaccio spesso, creando condizioni di viaggio pericolose e chiudendo decine di scuole e aziende. Martedì la NWS ha emesso un avviso di bufera di neve per parti del Dakota: “I viaggi sono sconsigliati”, ha affermato il servizio meteorologico. Mentre si trovava nel vicino Wisconsin, le ultime 36 ore, fino a martedì sera, hanno consegnato 30 pollici di neve alla città di Washburn, situata appena ad est di Duluth, nel Minnesota.

Più o meno lo stesso è nelle previsioni in quanto la massa d’aria artica continua la sua costruzione a est ea sud.

Le seguenti immagine gif GFS ci porta attraverso il fine settimana:

GFS 2m Temperature Anomalies (C) Feb 22 – Feb 28 [tropicaltidbits.com].
GFS Total Snowfall (inches) Feb 23 – March 10 [tropicaltidbits.com].

Altrove

Sebbene sia stato un inverno mite per l’Europa occidentale (con il freddo del continente in gran parte confinato a est), pesanti nevicate hanno ancora colpito le sue catene montuose, comprese le Alpi…

Martedì, la tempesta “Antonia” ha consegnato piedi di polvere fresca sulle Alpi svizzere:


Meteo, oggi giovedì 24 febbraio, ancora alta pressione. Da venerdì perturbazione

Il periodo di tempo stabile sarà di breve durata perché nel corso di domani la perturbazione n. 7 del mese raggiungerà l’Italia. Sarà seguita da aria artica

Anche oggi, giovedì 24 febbraio, sull’Italia insisterà l’alta pressione che garantirà prevalenti condizioni di tempo stabile e asciutto, con temperature miti per la stagione. Il periodo di tempo stabile sarà però di breve durata, perché nel corso di domani un’intensa perturbazione nord-atlantica (la numero 7 del mese) raggiungerà l’Italia, seguita da fredde correnti di origine polare.

Sarà l’inizio di un deciso peggioramento del tempo che caratterizzerà tutto il fine settimana, con piogge che bagneranno soprattutto il Centro-Sud, senza risparmiare a tratti neanche il Nord-Est, mentre la neve scenderà fino a quote piuttosto basse su Alpi e Appennino, grazie alle temperature che caleranno in modo sensibile in gran parte del Paese.

Le previsioni meteo per oggi, giovedì 24 febbraio

Prevalenza di cielo sereno o poco nuvoloso su tutta Italia, con qualche temporaneo innocuo annuvolamento solo tra Liguria e alta Toscana. Al mattino qualche nebbia sulle pianure del Nord e lungo le coste dell’alto Adriatico.

Temperature massime in leggera diminuzione al Nord, regioni centrali tirreniche e Sardegna, stazionarie o in leggero aumento altrove. Moderati venti di Tramontana sullo Ionio, ventilazione debole altrove.

Le previsioni meteo per venerdì 25 febbraio

Bello al Sud e all’estremo Nord-Ovest. Nel resto d’Italia nuvolosità in graduale aumento nel corso del giorno: già tra mattino e pomeriggio qualche pioggia su Levante Ligure, Appennino settentrionale e alta Toscana, con deboli nevicate sui rilievi oltre 1400 metri; in serata piogge sparse su tutto il Nord-Est, Levante Ligure, Toscana, nord dell’Umbria e Marche, con nevicate sulle Alpi orientali fino a quote collinari e sulle zone appenniniche oltre 600-900 metri.

Temperature massime in leggero calo al Nord-Est e regioni centrali, altrove stazionarie o in lieve crescita.

24 Febbraio 2022 – Redatto da Redazione Meteo.it

Electroverse


I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno stanno stanno RAFFREDDANDO in linea con la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i raggi cosmici che nucleano le nuvole e una corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare, se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un grande minimo solare ‘in piena regola’ alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare (25) come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con i precedenti spegnimenti solari periodi prolungati di raffreddamento globale qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che il Beaufort Gyre potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


I canali dei social media stanno limitando la di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo che mostra gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: