Evento di riscaldamento stratosferico improvviso in corso

Source: February 28, 2022; articolo di Cap Allon

  • Evento di riscaldamento stratosferico improvviso in corso;
  • Christchurch soffre di basse temperature e di febbraio piovoso da record;
  • L’inverno del Midwest e del Nordest si estenderà fino a marzo
  • Dopo un anno di pioggia alluvione nel Queensland e nel Nuovo Galles del Sud
  • Meteo Italia, marzo al via con pioggia e neve a bassa quota!

Evento di riscaldamento stratosferico improvviso in corso

Il GFS e i suoi complessi prevedono una riduzione dei venti zonali occidentali sul Polo Nord all’ingresso di marzo.

Le latitudini più elevate hanno sperimentato venti zonali costantemente forti fino ad oggi e, di conseguenza, al Polo Nord sono prevalse temperature al di sotto della media, il che ha contribuito a portare il ghiaccio marino artico alla sua massima estensione dal 2008 e prima del 2004.

Un forte vortice polare significa una forte circolazione polare, che di solito mantiene l’aria fredda rinchiusa nell’Artico e, a sua volta, si traduce in condizioni invernali più miti per gli Stati Uniti e l’Europa. Al contrario, un vortice polare debole (ondulato) ha molto più difficoltà a contenere l’aria fredda dell’Artico e spesso la convoglia a sud verso le latitudini inferiori.

La forza del vortice polare è spesso misurata dalla potenza dei venti che produce. Questo viene in genere fatto misurando la velocità del vento zonale (da ovest a est) attorno al circolo polare (60° di latitudine nord).

Osservando il grafico sottostante, possiamo vedere che i venti zonali sono stati forti in questa stagione invernale (fino a marzo). Ciò spiega le condizioni generalmente più miti di cui godono alle latitudini più basse, in particolare in tutta Europa. Ma ora, quei venti zonali occidentali sono destinati a ridursi drasticamente nei prossimi giorni, suggerendo un rapido indebolimento del vortice polare. Le piste sono in accordo (vedi la linea verde che precipita) — potrebbe essere in corso un improvviso riscaldamento stratosferico:

Ecco un grafico più ordinato (utilizzando dati simili):

A 10 hPa, il vortice polare stratosferico ruota in alto al di sopra del tempo; ma è ancora direttamente collegato ai livelli inferiori. È anche legato a livelli più alti – e su quella nota, al di sotto è incorporata la temperatura media zonale al livello più alto di 50 hPa del Polo Nord. In questa stagione è stata osservata una costante tendenza al raffreddamento, che ha accelerato il ritmo nelle ultime settimane, scendendo a livelli record di freddo a metà febbraio (linea rosa). Accettando che i livelli atmosferici siano collegati, questo freddo record ha il potenziale per permeare gli strati nel prossimo futuro.

Allo stesso modo, quando il vortice polare stratosferico è indebolito, i venti verso est avanzano verso il basso attraverso la bassa atmosfera (nella troposfera) dove poi indeboliscono la corrente a getto. Questa configurazione spesso provoca anche venti da est vicino alla superficie, il che, a sua volta, si traduce spesso in drammatiche riduzioni della temperatura alle latitudini inferiori.

Va notato, tuttavia, che il vortice polare è solo uno dei tanti forzanti in grado di influenzare il nostro clima. Esempio calzante: nonostante la costante forza zonale osservata al di sopra del Polo Nord in questa stagione, gli Stati Uniti hanno ancora subito una serie di esplosioni artiche da record. Ma potrebbe sopportare che sia necessaria una confluenza di forzature affinché prevalgano condizioni veramente storiche. E con questo in mente, diamo un’occhiata di nuovo a quel primo grafico SSW:

Nota la linea tratteggiata rossa. Questo indica la forza del vento zonale dell’anno scorso. Nota il forte indebolimento fino a gennaio: è questo, dopo il ritardo standard di circa 2 settimane, e in combinazione con altre forzature, che ha portato l’America a subire il suo mese di febbraio più freddo dagli anni ’80. Ha portato al Big Freeze in Texas, durante il quale 5 milioni di case hanno perso l’elettricità e 702 persone sono morte per il freddo, alcune nei loro letti mentre dormivano, compresi i bambini.

L’impatto dell’indebolimento di questa settimana dei venti zonali in alto sopra il Polo Nord (10 hPa) è qualcosa da aspettare e vedere: America, Europa e Asia settentrionale non conoscono ancora il loro destino. Detto questo, tuttavia, alcune recenti esecuzioni GFS stanno captando segnali di un “focolaio artico” che si sta sviluppando intorno a metà marzo, ma sono semplicemente troppo lontane per essere affidabili:

GFS 2m Temperature Anomalies (C) for March 13 [tropicaltidbits.com].

Il sistema climatico terrestre è inimmaginabilmente complesso e selvaggiamente imprevedibile. Per gli scienziati del clima affermare di poter prevedere la temperatura tra 50 e 100 anni è assurdo. Dire che sanno quale sarà il livello del mare o fino a che punto si saranno ritirati i ghiacciai è altrettanto assurdo. Eppure le masse sono troppo consumate da attività quotidiane insensate per notarle; troppo preoccupato per gli alti e bassi della narrativa delle notizie alimentate con il cucchiaio del giorno per vedere oltre le bugie; troppo occupati a sopravvivere semplicemente alle corse scolastiche e alle corse dei topi (e all’inutile ricerca di una carriera fasulla) per avere il tempo di fermarsi e pensare; e sono troppo presi dai successi della dopamina di Instagram per trovare la forza di volontà per lottare per qualcosa di più…


Christchurch soffre di basse temperature e di un febbraio piovoso da record

Christchurch ha appena subito il suo febbraio più piovoso da quando sono iniziati i record nel 1944. La pioggia totale della città questo mese è di 148 mm (5,8 in), superando il record precedente, 144,3 mm (5,7 in) del 1945.

Anche lunedì è stato un freddo pungente: con una lettura di 2,6°C era quasi cinque volte inferiore alla media mensile minima, inoltre è stata anche la quinta mattina di febbraio più fredda mai registrata in città, secondo il meteorologo di MetService Lewis Ferris.

Un altro afflusso di aria fresca è previsto per la fine di questa settimana e anche martedì e mercoledì sono previste ulteriori piogge.

Più di tre volte la piovosità media è caduta nella prima metà di questo mese a Christchurch, ed è il caso dell’Australia a ovest, le terribili previsioni di siccità senza fine e incendi sono state ribaltate da volumi record di precipitazioni.

Scienziati attivisti, come Tim Flannery, hanno previsto che città come Brisbane e Sydney avrebbero probabilmente esaurito l’acqua molto rapidamente a causa del riscaldamento globale causato dall’uomo. Nel 2007, Flannery disse: “Quindi anche la pioggia che cade non riempirà effettivamente le nostre dighe e i nostri sistemi fluviali…”

Altro sull’Australia:


L’inverno del Midwest e del Nordest si estenderà fino a marzo

Con l’avvicinarsi del primo giorno di primavera meteorologica, gli americani dai Grandi Laghi alla costa del New England si stanno preparando per un’altra dose di condizioni anomale invernali.

“Si prevede che una parata di clipper attraverserà il livello settentrionale degli Stati Uniti all’inizio della settimana, producendo ogni volta una rapida raffica di neve lungo la pista della tempesta”, ha affermato il meteorologo di AccuWeather Matt Benz.

Il nordest ha coperto un po’ di neve domenica, ma il primo clipper della settimana si spinge in Minnesota, Wisconsin e Michigan dal lunedì al lunedì sera. Questo stesso sistema dovrebbe attraversare il nordest da martedì a martedì sera.

Mentre la neve attraversa il livello settentrionale del paese, è previsto un rivestimento generale di 3 pollici di.

Due clipper successivi dovrebbero quindi scaricare la neve dal North Dakota e dal Minnesota nell’interno nord-est da martedì a mercoledì e da mercoledì a giovedì, ogni volta portando alcune raffiche di vento per alcune ore.

Quando ogni clipper si allontana, le temperature di congelamento verranno lasciate indietro.

Gran parte dell’Upper Midwest ha trascorso l’ultima settimana di febbraio in un profondo gelo. Le alte temperature erano sotto lo zero a Grand Forks, ND, mentre Minneapolis era nell’adolescenza per la maggior parte della settimana: centinaia e centinaia di record di basse temperature sono crollati in tutto il Nord America negli ultimi 7 giorni (compreso il Canada):

[http://coolwx.com/]

Altrove

Il primo sb -60°C dell’anno è stato registrato in Antartide.

Il 26 febbraio, la base giapponese di Dome Fuji ha registrato un minimo di -60,6°C (-77,1°F) — questo è “un valore piuttosto notevole per febbraio”, scrive @extremetemps su Twitter, ma non al di sotto del record continentale di -65,5°C (-86℉), detenuto da Vostok.


Dopo un anno di pioggia alluvione nel Queensland e nel Nuovo Galles del Sud

Credito immagine: QFES

Di Teo Blašković on February 28, 2022

L’Australian Bureau of Meteorology (BOM) ha emesso numerosi allarmi di inondazioni importanti nel Queensland sud-orientale e nel New South Wales settentrionale (NSW) con un avviso di maltempo che rimane attivo per diverse parti della regione.

Molteplici allarmi di grandi inondazioni rimangono attuali per il NSW nord-orientale, inclusi i fiumi Tweed, Richmond, Wilsons, Clarence, Brunswick e Marshall Creek. Le autorità descrivono la situazione come senza precedenti e avvertono che il peggio deve ancora venire!

  • Almeno 8 persone sono state uccise e tre rimangono disperse nel Queensland dopo che un anno di pioggia è caduta su parti del sud-est.
  • Sono state segnalate inondazioni fluviali record, in parti della regione 2 m (6,5 piedi) sopra il record.
  • 58.000 case sono state allagate solo a Brisbane
  • Decine di migliaia di clienti sono senza corrente
  • I trasporti pubblici sono interrotti e molte scuole chiuse
  • I residenti sono tenuti a conservare l’acqua

Sebbene le intense precipitazioni sperimentate nel Queensland sud-orientale, in particolare intorno a Brisbane, non fossero correlate a un ciclone tropicale, in alcune aree è stata di intensità simile, hanno affermato i meteorologi BOM.1

Oggi sono probabili precipitazioni localmente intense intorno alla Gold Coast e al New South Wales settentrionale.

Le intense precipitazioni dovrebbero spostarsi a sud del confine tra Queensland e New South Wales durante lunedì pomeriggio.

Con molti bacini saturati, continuano a verificarsi inondazioni improvvise pericolose e pericolose per la vita e smottamenti e i servizi di emergenza stanno consigliando alla comunità di monitorare da vicino la situazione.

Gli impatti delle inondazioni sono stati osservati nel Queensland sud-orientale e nel New South Wales settentrionale.

Importanti allarmi di inondazioni sono in corso per diversi fiumi in tutta la regione, inclusi i fiumi Brisbane superiore e inferiore, i fiumi Logan e Albert, il fiume Bremer e il Warrill Creek, il fiume Mary, il fiume Noosa e i fiumi Condamine e Balonne.

Le inondazioni del fiume Brisbane stanno colpendo le aree del centro città. Si prevede che i livelli di picco dell’acqua supereranno i livelli di inondazione da moderati a gravi durante l’alta marea lunedì e martedì e non scenderanno al di sotto del livello minore fino alla fine di questa settimana.

L’avviso di inondazione per il fiume Brisbane continua a considerare i rilasci dalla diga di Wivenhoe, gestita da SEQ Water.

Stamattina sono possibili danni a raffiche di vento localmente distruttive sulla Gold Coast e nelle vicine aree dell’entroterra.

Le inondazioni stanno colpendo le comunità popolate tra cui Gympie, Maryborough, Sunshine Coast, Ipswich e Brisbane, e Lismore e Grafton.

Parti del Queensland sudorientale potrebbero vedere ulteriori inondazioni improvvise localizzate nella prossima settimana con indicazioni che sono possibili forti temporali con grandinate, venti dannosi e forti piogge intorno al Queensland sudorientale da mercoledì e fino al fine settimana.

Le comunità dovrebbero essere preparate per gli impatti delle inondazioni e sono incoraggiate a tenersi aggiornate con le ultime previsioni e avvisi sul sito Web dell’Ufficio di presidenza e sull’app BOM Weather e a seguire i consigli dei servizi di emergenza.

Molteplici allarmi di grandi inondazioni rimangono in vigore per il nord-est del New South Wales, inclusi i fiumi Tweed, Richmond, Wilsons, Clarence, Brunswick e Marshall Creek.2

Il fiume Wilsons a Lismore è attualmente superiore ai livelli di febbraio 1954 e 1974 e continua ad aumentare.

Inondazioni improvvise pericolose e pericolose per la vita continueranno per tutto lunedì in parti dei fiumi settentrionali e della costa settentrionale centrale.

La pioggia continuerà oggi e gradualmente si attenuerà nell’estremo nord nel tardo pomeriggio e più tardi questa sera per parti della costa centrale del nord mentre la bassa si sposta un po’ più a sud. Giovedì e venerdì sono possibili ulteriori piogge e temporali lungo la costa settentrionale del NSW.

Lungo la metà meridionale della costa del NSW, potrebbero svilupparsi anche inondazioni fluviali con previsioni di forti piogge mercoledì mentre la bassa si sposta verso la costa centrale del NSW. Questo sistema può anche portare venti e onde dannose.

Un pericoloso avviso di surf per la Byron Coast, Coffs Coast e Macquarie Coast è in corso ed è probabile che si estenda a sud dello stato entro mercoledì.

Con molti bacini saturati, si stanno verificando inondazioni improvvise e smottamenti e i servizi di emergenza stanno consigliando alla comunità di stare fuori dalle strade e monitorare da vicino la situazione.

Le comunità dovrebbero essere preparate per gli impatti delle inondazioni e sono incoraggiate a tenersi aggiornate con le ultime previsioni e avvisi sul sito Web dell’Ufficio di presidenza e sull’app BOM Weather e a seguire i consigli dei servizi di emergenza.

Referenze:

  • 1 Major flooding continues in Queensland – February 28, 2022 – BOM
  • 2 Major flooding continues in northern New South Wales –  February 28, 2022 – BOM

Meteo Italia, marzo al via con pioggia e neve a bassa quota!

Ecco fin dove arrivano i fiocchi martedì 1 marzo

Tra stasera e domani una perturbazione porterà pioggia e neve in diverse regioni, e qualcuno potrà assistere all’arrivo di fiocchi anche in pianura e sulle coste. Le previsioni meteo nei dettagli

Martedì 1 marzo inizierà la primavera meteorologica, ma lo farà all’insegna di temperature invernali. Non si placherà, infatti, la ventilazione settentrionale, con temperature sotto le medie stagionali soprattutto nelle regioni adriatiche e meridionali. In particolare un nuovo impulso instabile e più freddo (la perturbazione n.1 di marzo) attraverserà – tra la sera di oggi e la giornata di domani – il medio Adriatico e il Meridione con una fase di precipitazioni che saranno nevose a quote molto basse, fino a sfiorare le coste nel settore tra l’Abruzzo e la Puglia centro-settentrionale.

La fredda circolazione depressionaria andrà allontanandosi verso Est a iniziare da mercoledì, sostituita da afflussi occidentali di aria più mite: la situazione tenderà dunque a migliorare anche al Centro-Sud e le temperature tenderanno a rialzarsi.

Le previsioni meteo per martedì 1 marzo

Domani tempo in prevalenza soleggiato, con ampie schiarite lungo il Tirreno fino alle coste campane e al Nord, con nubi in diradamento al mattino all’estremo Nord-Ovest. Nuvole irregolari e variabili altrove.

Al mattino precipitazioni sparse su Marche, Abruzzo, Molise, Puglia e Basilicata con neve fino a quote molto basse. Locali precipitazioni con neve sui monti anche in Calabria, nel nord e nell’est della Sicilia. Fenomeni in attenuazione tra pomeriggio e sera. Temperature massime in generale calo e sotto la norma, specie sul medio Adriatico e al Sud. Sempre ventoso per venti settentrionali al Centro-Sud.

Le previsioni meteo per mercoledì 2 marzo

Mercoledì su Puglia, Lucania, Calabria e nord della Sicilia nuvolosità variabile con temporanee schiarite, più ampie e diffuse in serata. Sul resto d’Italia cielo inizialmente sereno o poco nuvoloso. In giornata nubi in graduale addensamento sulla Liguria centro-occidentale e nell’ovest della Sardegna con qualche piovasco serale possibile nel sud-ovest dell’Isola; nubi alte in arrivo sul resto del Nord con tendenza a velature, più diffuse e localmente dense in serata. Temperature in rialzo di 1-4 gradi, più sensibile nel settore alpino; valori ancora sotto la norma soprattutto al Sud. Venti settentrionali in attenuazione, ma con Maestrale moderato su medio e basso Adriatico, Puglia, alto Ionio e nord della Sicilia. A fine giornata Libeccio in intensificazione sul Ligure.


I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno stanno stanno RAFFREDDANDO in linea con la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i raggi cosmici che nucleano le nuvole e una corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare, se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un grande minimo solare ‘in piena regola’ alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare (25) come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con i precedenti spegnimenti solari periodi prolungati di raffreddamento globale qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che il Beaufort Gyre potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


I canali dei social media stanno limitando la di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo che mostra gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


3 pensieri riguardo “Evento di riscaldamento stratosferico improvviso in corso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: