Vaccino più letale del COVID per chiunque abbia meno di 80 anni

Source: March 01, 2022; analisi del Dr. Joseph Mercola [>Fact Checked<]

Secondo un’analisi costi-benefici di Stephanie Seneff, Ph.D., e della ricercatrice indipendente Kathy Dopp, il vaccino COVID-19 è più letale dello stesso COVID-19 per chiunque abbia meno di 80 anni.


La storia in breve
  • Una recente analisi dei dati mostra che il vaccino COVID-19 è più letale dello stesso COVID-19 per i minori di 80 anni. Per i giovani adulti e i bambini, non ci sono benefici, solo rischi
  • Tutti i gruppi di età sotto i 50 anni sono a maggior rischio di morire dopo aver ricevuto un vaccino COVID-19 rispetto a una persona non vaccinata a rischio di morire per COVID-19
  • Per i minori di 18 anni, il vaccino COVID aumenta il rischio di morire a causa del COVID-19. Hanno anche 51 volte più probabilità di morire per il vaccino rispetto a quando non muoiono per COVID se non vaccinati
  • Solo quando si entra nelle categorie dai 60 anni in su i rischi tra il vaccino e l’infezione da COVID diventano pari. Nella fascia di età tra i 60 e i 69 anni, il vaccino ucciderà una persona per ogni persona che salva dalla morte di COVID, quindi è una questione di dubbio se potrebbe valerne la pena per una determinata persona
  • I dati suggeriscono che i decessi negli Stati Uniti segnalati al VAERS sono sottostimati di un fattore 20

L’analisi costi-benefici1 ha esaminato un funzionario disponibile al pubblico dati provenienti da Stati Uniti e Regno Unito per tutte le fasce di età e confrontato la mortalità per tutte le cause con il rischio di morte per COVID-19.

“Tutte le fasce di età sotto i 50 anni sono a maggior rischio di mortalità dopo aver ricevuto una vaccinazione COVID-19 rispetto a una persona non vaccinata a rischio di morte per COVID-19”, concludono Seneff e Dopp. Per gli adulti più giovani e i bambini, non ci sono benefici, solo rischi.

Questa analisi è conservativa”, osservano gli autori, “perché ignora il fatto che eventi avversi indotti dall’inoculazione come trombosi, miocardite, paralisi di Bell e altre lesioni indotte dal vaccino possono portare a una riduzione della durata della vita.

Quando si prende in considerazione il fatto che c’è circa una diminuzione del 90% del rischio di morte per COVID-19 se viene fornito un trattamento precoce a tutte le persone sintomatiche ad alto rischio, si può solo concludere che i mandati delle vaccinazioni COVID-19 sono sconsiderati .


Considerando l’emergere di varianti resistenti agli anticorpi come Delta e Omicron, per la maggior parte dei gruppi di età le vaccinazioni contro il COVID-19 provocano tassi di mortalità più elevati rispetto al COVID-19 per i non vaccinati.


La riduzione del rischio nella vita reale è trascurabile

L’analisi è anche prudente, nel senso che considera solo i decessi per jab COVID che si verificano entro un mese dall’iniezione. Osservando il Vaccine Adverse Events Reporting System (VAERS) statunitense, ora stiamo vedendo che molti di coloro che stanno morendo hanno ricevuto il vaccino intorno ad aprile 2021 o prima, quindi sappiamo che i vaccini possono abbreviarti significativamente la vita anche se non ti uccidono nel primo mese. Come dettagliato nell’articolo di Seneff e Dopp:

Le riduzioni assolute del rischio nella vita reale (ARR) … dalle vaccinazioni COVID variano da un minimo dello 0,00007% negativo (un aumento del rischio di morte per COVID per inoculazione) per i bambini di età inferiore ai 18 anni a una riduzione del rischio positiva dello 0,183% (0,00183) di un decesso COVID per persone di età superiore agli 80 anni …

Le vaccinazioni contro il COVID aumentano il rischio di morte e producono un beneficio netto negativo, ovvero un aumento del rischio di morte… per tutte le fasce di età di età inferiore ai 60 anni. In altre parole, le vaccinazioni COVID determinano un netto aumento, anziché diminuire, della probabilità di morte per tutte le persone di età inferiore ai 60 anni.


Per le persone di età superiore ai 60 anni, il beneficio delle vaccinazioni COVID è trascurabile, e va da una riduzione dello 0,0016% della probabilità di morte per le persone di età compresa tra 60 e 69 anni a una riduzione dello 0,125% della probabilità di morte per le persone di età superiore agli 80 anni vecchio. Poiché i trattamenti preventivi sono spesso somministrati a persone sane, si suppone che un vaccino fornisca un rischio molto piccolo rispetto al beneficio.


Pertanto, rischi di mortalità così elevati (VFR) rispetto a un basso beneficio di riduzione del rischio (ARR) derivanti dalle vaccinazioni COVID non sono accettabili, soprattutto considerando che sono disponibili trattamenti efficaci a basso costo che ridurrebbero ulteriormente i tassi di mortalità per COVID-19 di quanto 90% o più se forniti non appena compaiono i sintomi nelle persone ad alto rischio
.

Nel frattempo, i dati di un’analisi2 dei ricercatori Spiro Pantazatos e Herve Seligmann suggeriscono che i decessi statunitensi segnalati al VAERS sono sottostimati di un fattore 20. La loro analisi è stata utilizzata per calcolare i tassi di mortalità da vaccino (VFR), il numero necessario per trattare/vaccinare (NNT) per prevenire un decesso per COVID, il numero previsto di decessi per vaccino per prevenire un decesso per COVID e il numero previsto di decessi per vaccino rispetto ai decessi per COVID per fascia di età:3

Fascia di etàVFR — Tasso di mortalità per vaccinoNNT per prevenire un decesso da COVIDDecessi previsti da vaccino per prevenire un decesso da COVIDNumero previsto di decessi per vaccino rispetto ai decessi per COVID
Under 180.004%Il vaccino provoca un più alto tasso di mortalità per COVIDIl vaccino provoca un più alto tasso di mortalità per COVID51
18 to 290.005%318,497168
30 to 390.009%164,538157
40 to 490.017%55,51695
50 to 590.016%11,76021
60 to 690.026%3,62411
70 to 790.048%1,30010
80 to 890.057%54700

Riepilogo risultati

In sintesi, i risultati chiave in questo documento includono quanto segue:

  • Per i minori di 18 anni, il vaccino COVID aumenta il rischio di morire per COVID-19; quelli sotto i 18 anni hanno 51 volte più probabilità di morire per il vaccino rispetto a quelli che muoiono per COVID se non vaccinati.
  • Nelle persone di età compresa tra i 18 e i 29 anni, il vaccino COVID ha 16 volte più probabilità di uccidere una persona che salvargli la vita se si ammala di COVID. Hanno anche otto volte più probabilità di morire a causa del vaccino che di morire di COVID se non vaccinati.
  • Le persone di età compresa tra i 30 e i 39 anni hanno una probabilità 15 volte maggiore di morire a causa del vaccino COVID che impedirne la morte, e hanno sette volte più probabilità di morire per l’inoculazione che di morire di COVID se non vaccinate.
  • Le persone di età compresa tra i 40 e i 49 anni hanno una probabilità nove volte maggiore di morire a causa del vaccino COVID che impedirne la morte e hanno cinque volte più probabilità di morire a causa del vaccino che di morire di COVID se non vaccinate.
  • Le persone di età compresa tra 50 e 59 anni hanno il doppio (2 volte) di probabilità in più di morire per l’inoculazione del vaccino COVID rispetto a prevenire una morte per COVID, mentre il loro rischio di morire per il vaccino o di morire per COVID se non vaccinati è più o meno lo stesso.

Solo quando si entra nelle categorie dai 60 anni in su i rischi tra il vaccino e l’infezione da COVID si uniformano. Nella fascia di età tra i 60 e i 69 anni, il vaccino ucciderà una persona per ogni persona che salva dalla morte per COVID, quindi è una questione se ne valga la pena per una determinata persona.


L’analisi costi-benefici deve guidare la politica di salute pubblica

Il buon senso ci dice che la politica di vaccinazione contro il COVID-19 dovrebbe essere radicata in una valutazione razionale dei veri costi e benefici e, per farlo, dobbiamo valutare se i jab sono benefici o dannosi e in che misura. Finora, i governi hanno completamente ignorato il costo di questa campagna di iniezione di massa, concentrandosi esclusivamente sul beneficio percepito o immaginato (non dimostrato).

Di conseguenza, stiamo osservando il peggior disastro di salute pubblica nella storia conosciuta. La tragedia più grande di tutte è che nessuno dei nostri funzionari della sanità pubblica si è preso la briga di proteggere anche il più giovane tra noi.

All’11 febbraio 2022, c’erano 34.223 segnalazioni di lesioni da vaccini COVID negli Stati Uniti che coinvolgevano bambini di età inferiore ai 17 anni.

Il team di OpenVAERS ha recentemente iniziato a esaminare i rapporti sugli infortuni nei bambini di età pari o inferiore a 17 anni e, con loro grande shock, ha trovato 34.223 rapporti negli Stati Uniti che coinvolgono questa fascia di età fino all’11 febbraio 2022. Puoi trovare il rapporto sul bambino qui.4 Questo è un numero sbalorditivo , considerando che i ragazzi di età compresa tra i 12 e i 17 anni possono beneficiare del tiro solo da maggio 2021 e quelli di età compresa tra 5 e 11 anni da ottobre 2021.5


Pfizer ritira la domanda EUA per i bambini sotto i 5 anni

È interessante notare che, l’11 febbraio 2022, Pfizer ha ritirato bruscamente la domanda di autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) per i bambini di età inferiore a 5.6,7 La domanda è perché? Secondo la Food and Drug Administration e la Pfizer degli Stati Uniti, vogliono raccogliere più dati sugli effetti di una terza dose, poiché due dosi non hanno prodotto l’immunità prevista nei bambini di età compresa tra 2 e 5 anni.8

Tre giorni dopo, l’ex commissario della FDA e attuale membro del consiglio di Pfizer, il dottor Scott Gottlieb, ha detto alla CNBC9 che la domanda EUA è stata ritirata perché i casi di COVID sono così bassi tra i bambini piccoli che non è stato possibile dimostrare che l’iniezione fornisse molti benefici.

Ma secondo un avviso e-mail agli abbonati, OpenVAERS ha dichiarato: “Nessuna di queste spiegazioni è sufficiente perché tutte queste informazioni erano note prima che Pfizer presentasse questo EUA alla FDA il 1 febbraio [2022]. Viene da chiedersi se gli eventi avversi nel gruppo di trattamento potrebbero essere il fattore di cui né la Pfizer né la FDA vogliono parlare?”


Coloro che dovrebbero essere al corrente non sanno niente

Nelle notizie correlate, Jessica Rose, Ph.D., ricercatrice presso l’Institute for Pure and Applied Knowledge in Israele, ha evidenziato una richiesta di libertà di informazione inviata il 5 febbraio 2022 alla Therapeutic Goods Administration (TGA), l’equivalente australiano della FDA.10 L’istruttoria richiedeva documenti relativi alla valutazione del TGA su:

  • La presenza e il rischio di sequenze di micro-RNA all’interno del principio attivo mRNA di Comirnaty (la sequenza genomica dell’mRNA)
  • La presenza e il rischio di oncomirs (micro-RNA cancerogeni) in Comirnaty
  • La presenza e il rischio di lettura del codone di arresto (soppressione dell’attività del codone) derivante dall’uso della pseudouridina in Comirnaty
  • La composizione del prodotto proteico finale (peso molecolare e sequenza amminoacidica) prodotto dopo l’iniezione del prodotto mRNA di Comirnaty in soggetti umani
  • Il rischio dell’uso della regione non tradotta AES-mtRNR1 3′ del prodotto di mRNA di Comirnaty in soggetti umani

A quanto pare, il TGA non ha nessuno di questi documenti, perché non ha valutato nessuno di questi rischi. Perché è importante? Ebbene, come spiegato da Rose:

I micro-RNA (miRNA) sono piccole molecole di RNA non codificanti a filamento singolo (20-22 nucleotidi) che funzionano per interrompere o sopprimere l’espressione genica a livelli trascrizionali o traslazionali per regolare l’espressione genica.

Considerando che il micro-RNA può alterare l’espressione genica, non vorremmo sapere se i micro-RNA sono presenti nello scatto, considerando che stiamo iniettando centinaia di milioni di persone, compresi adolescenti e bambini? Lo stesso vale per gli oncomir, la soppressione dell’attività del codone, i prodotti proteici e il resto.

Stephanie Seneff ha avvertito11 di due miRNA che interrompono la risposta all’interferone di tipo 1 in qualsiasi cellula, comprese le cellule immunitarie: miR-148a e miR-590″, continua Rose.

“Non so ancora quali potenziali connessioni ci siano qui, ma è sicuro dire che qualsiasi tecnologia che implichi l’introduzione di mRNA estraneo da produrre in serie da cellule umane deve essere accuratamente testata per la sicurezza.


Il fatto che nessuno di questi documenti “esiste” è una prova positiva del fatto che non hanno idea di quali siano i potenziali effetti di ciò che hanno realizzato perché non hanno svolto lavori di banco/indagini/studi, oppure che conoscono e nascondono i risultati. Entrambe le scelte sono al di là del crimine
.


Il difetto critico di progettazione

In un articolo di Substack dell’agosto 2021,12 il ricercatore britannico sulla sicurezza informatica Ehden Biber si è soffermato sui potenziali rischi dell’uso della pseudouridina per ottimizzare il codone.

I colpi di COVID non contengono l’identico mRNA trovato nel virus SARS-CoV-2. L’mRNA è stato manipolato geneticamente in un processo chiamato “ottimizzazione del codone” e questo processo è in realtà noto per creare effetti collaterali inaspettati e dannosi.

“Come mai Pfizer, Moderna, AstraZeneca, Janssen ecc. stanno utilizzando una tecnologia che sia loro che le autorità di regolamentazione sanno causerà risultati sconosciuti?” chiese Biber. Il motivo per cui è stata utilizzata l’ottimizzazione del codone è perché è piuttosto difficile convincere il tuo corpo a produrre una determinata proteina iniettando mRNA.

È un processo lento e generalmente inefficiente. Affinché l’iniezione funzioni, hanno bisogno di livelli di espressione proteica più elevati di quanto sia naturalmente possibile. Gli scienziati aggirano questo problema effettuando sostituzioni nelle istruzioni genetiche. Hanno scoperto che puoi scambiare alcuni nucleotidi (tre nucleotidi formano un codone) e alla fine ottenere comunque la stessa proteina. Ma la maggiore efficienza ha un costo terribile.

Quando si sostituiscono parti del codice in questo modo, la proteina risultante può facilmente ripiegarsi in modo errato, e questo è stato collegato a una varietà di malattie croniche,13 tra cui l’Alzheimer, il morbo di Parkinson e l’insufficienza cardiaca.14 Come spiegato da Biber:15

Risulta che la proteina che è stata prodotta quando l’ottimizzazione del codone ha diversi modi di piegarsi e una diversa forma 3D, e ‘potrebbe causare immunogenicità, ad esempio, che non sarebbe stata vista fino a studi clinici in fase avanzata o anche dopo l’approvazione.’ Questa affermazione si riferisce al ciclo di approvazione NORMALE. I vaccini contro il COVID sono passati attraverso uno accelerato.

Ora, la FDA è pienamente consapevole di questi problemi dal 2011, quando Chava Kimchi Sarfaty, Ph.D., ricercatore principale presso la FDA, ha dichiarato che “Non crediamo che tu possa ottimizzare i codoni e fare in modo che la proteina si comporti come fatto nella sua forma originaria”.

Ha continuato avvertendo: “La forma modificata potrebbe causare immunogenicità, ad esempio, che non sarebbe stata osservata fino a studi clinici in fase avanzata o anche dopo l’approvazione”.16

Se la FDA sapeva tutto questo nel 2011, perché non ha sollevato obiezioni contro l’utilizzo dell’ottimizzazione dei codoni nella realizzazione dei vaccini COVID? La stessa domanda va posta al TGA australiano.

Il richiedente FOIA probabilmente stava pensando al documento di marzo 2021, “BNT162b2 Vaccine: Possible Codons Misreading, Errors in Protein Synthesis and Alternative Splicing Anomalies”17 quando ha messo insieme quella richiesta, perché quel documento evidenzia l’ampia ottimizzazione del codone di Pfizer utilizzando la pseudouridina, che ha effetti avversi noti, nonché l’uso della sequenza 3′-UTR, le cui conseguenze sono ancora sconosciute.

Il fatto che il TGA non abbia dati sui rischi di queste modifiche dimostra solo che, come la FDA statunitense, non stanno effettivamente lavorando per garantire che questi vaccini siano sicuri. Stanno proteggendo i profitti delle compagnie farmaceutiche.

Pfizer ammette persino, nel suo piano di gestione del rischio BNT162b2/Comirnaty presentato alla FDA per ottenere l’EUA, che l’ottimizzazione del codone ha portato a un’elevata gamma-glutamil transferasi (GGT),18 che è un marker precoce di insufficienza cardiaca. Un GGT elevato è anche un indicatore di insulino-resistenza, malattie cardiometaboliche,19 malattie del fegato20 e malattie renali croniche.21

Questo da solo avrebbe dovuto sollevare alcune domande, se la FDA si stava davvero occupando della salute pubblica. Tutto sommato, ci sono più ragioni che mai per mettere in discussione i mandati di vaccino COVID e l’uso di questi vaccini nei bambini.

Fonti e Referenze

Dr. Joseph Mercola


Disclaimer: il contenuto di questo articolo si basa sulle opinioni del Dr. Mercola, se non diversamente specificato. I singoli articoli si basano sulle opinioni del rispettivo autore, che conserva i diritti d’autore come contrassegnati. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire un rapporto individuale con un operatore sanitario qualificato e non istituire un consiglio medico. È inteso come una condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza del Dr. Mercola e della sua comunità. Il Dr. Mercola ti incoraggia a prendere le tue decisioni sanitarie sulla base della tua ricerca e in collaborazione con un professionista qualificato sanitario. In caso di gravidanza, allattamento, assunzione di farmaci o condizioni mediche, consultare il proprio medico prima di utilizzare prodotti su questo contenuto


I canali dei social media stanno limitando la di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo che mostra gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Una opinione su "Vaccino più letale del COVID per chiunque abbia meno di 80 anni"

  1. io che sono nella fascia 50- 60 praticamente sono in una via di mezzo, va beh ho rischiato un pochino di più, ma non di molto. Ad ogni modo questi dati mi sembrano un po’ strani, come mai tutti i medici sono d’accordo sul somministrare vaccini, adesso anche alle fascie 5- 11 anni? Se ci fossero realmente tutte queste morti ci avrebbero già ripensato da tempo, mah! 🤔 Rimango scettico…

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: