Nuova Zelanda: l’umanità sotto attacco – Una conversazione con il dottor Garcia

Source: March 10, 2022; Analysis by Tessa Lena

Questa storia parla della situazione in Nuova Zelanda e del dottor Emanuel Garcia, un coraggioso medico neozelandese che è stato molto schietto riguardo ai torti della “risposta sanitaria” alla pandemia COVID.


La storia in breve
  • Il dottor Garcia è uno psichiatra in Nuova Zelanda che ha iniziato a mettere in discussione la narrativa ufficiale del COVID sin dall’inizio
  • A seguito dell’opposizione del dottor Garcia ai mandati, la sua licenza medica è stata sospesa
  • Il dottor Garcia è un membro di un gruppo di medici “dissidenti” chiamato “Medici neozelandesi che parlano con la scienza”
  • Attualmente alcuni membri di NZDSOS sono in trincea, sostenendo la pacifica protesta popolare nella capitale della Nuova Zelanda

All’inizio, il dottor Garcia è diventato coraggiosamente schietto sulla necessità di mettere in discussione la narrativa ufficiale sul COVID, sui primi trattamenti e sui problemi di sicurezza associati alle vaccinazioni COVID. A causa della sua opposizione ai mandati, la licenza medica del dottor Garcia è stata sospesa.

Il dottor Emanuel Garcia è uno psichiatra e anche uno scrittore affermato. Ha conseguito la laurea in medicina presso la University of Pennsylvania School of Medicine nel 1986. Ha avuto una carriera lunga e di successo in psichiatria e psicoanalisi negli Stati Uniti e poi nel 2006 è emigrato in Nuova Zelanda dove ha praticato medicina fino a quando non è diventato impossibile farlo senza fare il vaccino.

Ho avuto la gioia di intervistare il dottor Garcia per il mio podcast, Make Language Great Again, e sono molto felice di condividere l’intervista con lui.

Durante la nostra conversazione, il dottor Garcia ed io abbiamo parlato della sua lunga carriera, dell’attuale stato pericoloso della medicina, della natura abusiva dell’attuale “risposta sanitaria” e della necessità di rimanere sia coraggiosi che creativi durante questi tempi difficili. Includo la trascrizione completa dell’intervista (tradotta in italiano) alla fine dell’articolo.

Tessa Lena Talks to Dr. Emanuel Garcia on Make Language Great Again

Medici neozelandesi che parlano con la scienza

Il dottor Garcia è un membro di un’organizzazione chiamata «New Zealand Doctors Speaking Out With Science» (NZDSOS). Ecco un ottimo video della loro conferenza stampa tenutasi a novembre 2021:

IJWT – NZDSOS News Conference – 15 November 2021

“È ora di parlare contro la privazione dei nostri diritti umani e delle nostre libertà”

Più di recente, i membri di NZDSOS, tra cui il dottor Garcia, sono stati in trincea durante il pacifico e festoso incontro a Wellington, la capitale della Nuova Zelanda. Nello spirito di libertà e dignità, molte persone si sono riunite davanti al Parlamento per esprimere la loro opposizione ai mandati.

La protesta sui gradini del Parlamento va avanti ormai da quasi due settimane (nel momento in cui scrivo questo articolo). C’è stato un brutto scontro con la polizia, ma l’indignazione per la brutalità della polizia in tutto il paese è stata così tremenda che la polizia è stata costretta a cambiare atteggiamento. Nessuno può dire cosa riserva il futuro (ci sono voci di un aumento di poliziotti) ma il morale della gente è alto!

Ecco un assaggio di cosa sta succedendo in Nuova Zelanda in questo momento, incluso un segmento del discorso del dottor Garcia.

A Day At The Protest (NZ Parliament – 17.2.2022)

“Vita e libertà sulla paura, il controllo, la segregazione e la schiavitù”

Nel dicembre 2021, il dottor Garcia ha tenuto un discorso appassionato che è stato pubblicato su Transcend Media Service. Condivido il suo intero discorso perché è sia eloquente che toccante.

«Sono passati circa due anni da quando il virus che ha cambiato il nostro mondo così improvvisamente e completamente ha fatto la sua comparsa in un luogo lontano della Cina. Ci è stato detto che è saltato da un pipistrello – cotto o crudo, non potrei dirlo – e subito dopo ci sono state mostrate immagini di soldati che annaffiavano le strade di Wuhan con prodotti chimici disinfettanti e rinchiudevano le persone nei loro appartamenti.

Ci è stato fatto credere che questo patogeno fosse così mortale che miliardi di persone avevano bisogno di essere rinchiuse per lunghi periodi di tempo in tutto il mondo, impedendo loro di viaggiare, divertirsi e associarsi.

Siamo stati e siamo stati quotidianamente assaliti dai numeri – il numero di coloro che sono “positivi” al COVID, il numero di coloro che muoiono – o con? — COVID, giorno dopo giorno, ancora e ancora e ancora. Numeri, numeri, numeri, per quanto dubbi, numeri che hanno continuato a marciare grazie ai portavoce dei nostri media “fidati”.

Le emergenze mediche sono state dichiarate in tutto il mondo ma, stranamente, queste emergenze mediche NON hanno istigato una magnifica e potente unione di forze per trovare una cura per questa terribile infezione, non hanno portato a tentativi concertati di curare coloro che si erano ammalati al fine di prevenire ricovero e morte.

In effetti, i governi di tutto il mondo, incluso il nostro qui in Nuova Zelanda, hanno attivamente lavorato contro i tentativi dei medici di fare ciò per cui erano stati addestrati e ciò per cui avevano giurato.

Invece, i governi mondiali hanno mostrato i muscoli per creare paure senza precedenti, per limitare, ostacolare e interferire con le libertà e l’autonomia umane, per impedirci di associarci liberamente e per convincerci che l’UNICO MODO per tornare a una normalità che non sarebbe mai più stata come una volta essere normale ed accettare vaccinazioni che chiamano vaccini ma che non impediscono né la trasmissione né l’infezione del virus da cui dovrebbero proteggerci.

Allo stesso tempo, gli ingredienti specifici di questi cosiddetti vaccini sono avvolti nel segreto, così come gli accordi commerciali presi tra i produttori dei vaccini ed i governi che lanciano i vaccini e spingono incessantemente affinché quasi TUTTI vengano vaccinati, indipendentemente dal rischio o età.

Qui in Nuova Zelanda, come in molti altri posti nel mondo, il vaccino viene ora sollecitato per i nostri giovani, quelli che hanno meno probabilità di essere colpiti negativamente da COVID, nonostante NON siano stati condotti studi a lungo termine sulla sicurezza e l’efficacia — non possono essere stati condotti perché tali studi richiedono tempo, il tempo di molti anni.

Inoltre, a seguito del recente dettato del nostro governo di imporre il vaccino a “lavoratori in prima linea”, insegnanti, ostetriche, infermieri e medici e molti altri operatori sanitari che, nonostante il loro impegno, dedizione, esperienza e competenza nei loro ruoli, hanno perso i loro lavori preziosi.

In sostanza ci hanno fatto un’offerta che non potevamo rifiutare, ma indovina un po’: molti di noi hanno rifiutato, nonostante le conseguenze della perdita dei nostri mezzi di sussistenza, delle nostre carriere, delle nostre entrate e dei piaceri che abbiamo avuto nel servire il pubblico. E molti, molti altri sono stati semplicemente costretti sotto la coercizione a fare qualcosa che sapevano nei loro cuori e nelle loro anime che non avrebbero mai voluto fare, pena la devastazione economica.

E cosa abbiamo ora nella nostra amata Aotearoa? Un’atmosfera di paura senza fine, la minaccia senza fine che le libertà non ancora intaccate dal nostro governo possono essere estirpate in qualsiasi momento. Ci viene detto di indossare maschere, ci viene detto di mantenere le distanze gli uni dagli altri, ci viene fatto sentire che noi esseri umani siamo pericolosi gli uni per gli altri.

Ora, abbastanza tristemente, ci viene detto che coloro che hanno esercitato il loro diritto di NON assumere nei loro corpi sacri un agente biologico su cui nutrono seri dubbi sono in qualche modo “impuri” e dovrebbero essere discriminati, dovrebbero essere segregati e, secondo alcuni quelli al governo, dovrebbero essere effettivamente puniti per aver osato credere di avere il diritto di rifiutare un intervento medico, un diritto che è stato specificato nel Codice di Norimberga e nella Carta dei diritti della Nuova Zelanda.

I non presi di mira ora non possono andare al cinema, a uno spettacolo teatrale, dal parrucchiere, a una partita di rugby, al ristorante o al bar, tutto apparentemente al servizio della “salute”.

Quando mai una persona sana è stata considerata un pericolo prima d’ora? Cosa devono temere coloro che sono già colpiti da coloro che non lo sono? Tutto questo ha un senso razionale?

Vi chiedo, è questa la società in cui tutti desideriamo vivere, è questo il tipo di vita che desideriamo avere per noi stessi – una vita controllata dall’autorità governativa che ha avuto l’audacia idiota di dichiararsi una “fonte unica di verità”, una vita che sarà governata dalla paura, dall’ansia, dalla perdita della libertà, dalla libertà e dal piacere umano essenziale, una vita in cui qualsiasi dibattito su qualsiasi aspetto della salute viene spietatamente represso?

Medici che hanno messo in dubbio la logica delle politiche COVID, che hanno messo in dubbio la saggezza di bloccare le persone, che hanno messo in dubbio la sicurezza delle vaccinazioni, che hanno osato promuovere l’immunità naturale, che hanno chiesto cure precoci che siano disponibili ed efficaci, che hanno sofferto nell’apprendere e hanno richiamato l’attenzione sui molti effetti avversi e sui decessi riportati in coloro che sono stati vaccinati: questi medici sono sotto “indagine” dai loro consigli e hanno avuto la sospensione delle licenze.

Io sono uno di questi dottori. Per fortuna ho preso provvedimenti per dissociarmi completamente dall’establishment medico, dopo aver prestato servizio per quasi sedici anni nel settore della sanità pubblica come psichiatra qui in Nuova Zelanda e nei quindici anni prima di emigrare ad Aotearoa, come psichiatra e psicoanalista negli Stati Uniti d’America.

Tuttavia, nonostante tutta la raccolta e feroce opposizione, ci sono molte persone che hanno lavorato eroicamente per incoraggiare la prevenzione, per stabilire protocolli di trattamento precoci, per analizzare le conseguenze delle misure coercitive e per guardare con la scienza reale al virus e all’aver sviluppato frettolosamente dei ‘vaccini’.

Ci sono molte persone che celebrano la propria umanità rifiutandosi di farsi ingannare dalla danza delle assurdità: maschera al bancone, maschera a tavola, maschera all’aperto in sella a una bicicletta, un metro, due metri, un metro e mezzo, maschera sotto il naso va bene, una persona sana è davvero malata o potenzialmente malata, i vaccini non devono davvero impedirti di contrarre l’insetto, l’immunità naturale non funzionerà – e così via.

È davvero TUTTO nelle assurdità, vero, perché una volta che riescono a farci credere alle loro assurdità evidenti, possono farci fare qualsiasi cosa, come partecipare all’apartheid con il pretesto di “salute e sicurezza”.

Nel vero spirito della scienza e della moralità umana dovremmo porci domande, domande su tutto. E la domanda che dobbiamo porci soprattutto è se diamo valore alla vita e alla libertà rispetto alla paura, al controllo, alla segregazione e alla schiavitù.»

E infine, ecco la trascrizione completa della mia intervista al coraggioso dottor Garcia.


«Questa trascrizione è quanto di meglio sono riuscito a correggere dalla traduzione che mi ha restituito il traduttore di google. Mi ha portato via l’intera giornata di ieri e non sono riuscito di renderla al meglio, a causa delle diverse inflessioni linguistiche del neozelandese; per questo me ne rammarico con i lettori.
Ciò nonostante il ritardo è stato galantuomo.
Durante la stesura di questo articolo youtube ha rimosso l’intervista di Tessa Lena al Dr. Garcia ed ho dovuto aspettare che Tessa caricasse il video sul suo account Rumble: Tessa Fights Robots.
Grazie a tutti e buona lettura.
»

Megachiroptera

Trascrizione completa della mia intervista con il dottor Garcia su “Rendi di nuovo fantastico il linguaggio”

Tessa Lena:

Ciao e benvenuto a “Rendi di nuovo grande la lingua”. Oggi è per me un grande onore e una gioia parlare con il dottor Emanuel Garcia, che è un essere umano straordinario e il mio eroe, perché abbiamo bisogno di medici coraggiosi come questo. Quindi, Emanuel Garcia è uno psichiatra, si è laureato in medicina presso la University of Pennsylvania School of Medicine nel 1986 e ha praticato in Nuova Zelanda. Grazie per aver fatto questa conversazione. Quindi, se vuoi dire qualche parola su di te…

Dott. Garcia:

Sì, beh, grazie mille. Ho seguito davvero i tuoi scritti e mi piacciono molto. Penso che siano davvero eccezionali. E voglio congratularmi con te per quello che stai facendo. E tu sei… l’espressione che hai la capacità di esprimere davvero le cose in un modo molto, penso, molto potente e molto, molto avvincente e solido, è davvero meraviglioso. Quindi continua così. E ‘davvero grandioso. Vai sono sicuro che ora hai molti ammiratori, con i tuoi scritti.

Tessa Lena:

Bene grazie.

Dott. Garcia:

Sì, quindi riguardo a me… Mi sono laureato alla Penn nel 1986. Poi sono diventato uno psichiatra e mi sono formato a Philadelphia, sono diventato anche uno psicoanalista. E ho praticato lì come psichiatra, psicoanalista e psicoterapeuta dal 1990 al 2006, quando sono immigrato in Nuova Zelanda, sono diventato sostanzialmente uno psichiatra della salute pubblica.

Quindi stavo facendo un lavoro molto diverso negli Stati Uniti, principalmente stavo facendo, sai, psicoanalisi, psicoterapia. Erano… quella era la mia pratica primaria, fondamentalmente: psicoterapia intensiva… sai, la psicoanalisi è una procedura molto coinvolgente, lunga e coinvolgente.

E… e un po’ di… un po’ di salute pubblica, proprio verso la fine di quel soggiorno. Ma quello che ho fatto anche in quel periodo, per poco più di otto anni, sono stato consulente di un Conservatorio di musica, il Curtis Institute of Music, che è come, se conosci la Juilliard, è una Philadelphia, una specie di Juilliard. È un po’ più piccolo di Juilliard, molto noto. Un numero enorme di musicisti di livello mondiale sono emersi da quella scuola e hanno insegnato lì, ecc. È un posto fantastico, fantastico.

E sono stato consulente psichiatrico per circa otto anni. E di conseguenza, ho avuto modo di apprezzare davvero il mio lavoro con persone creative altamente qualificate, e anche di fare cose come avviare programmi di educazione sanitaria e aiutare con il miglioramento delle prestazioni e cosa no.

Quindi sono stato in cui ho avuto un grande interesse per la musica e alcuni dei miei scritti hanno affrontato la psicologia di alcuni musicisti come Rachmaninoff e Skryabin e Bruno Vaulter di Gustav Mahler. Ad esempio, Gustav Mahler, che ha incontrato Freud per una famosissima conversazione a Leida.

E ho scritto alcuni articoli su queste persone. E come di nuovo, come propaggine io… ho sviluppato una sorta di tecnica di super auto-allenamento molto, super lento… per aiutare con i suonatori di corda e per aiutare le loro capacità tecniche. Quindi questa è una specie di sintesi di alcuni dei miei interessi e quant’altro.

Tessa Lena:

È abbastanza sorprendente. E poi è successo il 2020?

Dott. Garcia:

Bene, sto facendo… sono qui in Nuova Zelanda, a praticare psichiatria di base, molto pubblica, sai, che è psichiatria generale, in un sistema sanitario pubblico. E, ed è, è un duro lavoro, è un lavoro molto duro, hai molti pazienti, i pazienti sono in grande difficoltà.

Il sistema sanitario qui, sai, come ogni sistema sanitario, con la salute mentale sta lottando, lottando per colmare le lacune con infermieri e altri operatori sanitari e psichiatri alleati. Ma è stato un lavoro molto, molto duro. Ma mi è piaciuto il lavoro, penso che sia stato in grado di aiutare molte persone.

È successo il 2020 ed è successo in tutto il mondo. E direi che subito ho cominciato a rilevare… c’era qualcosa di marcio nello stato della Danimarca. Niente sembrava tornare fin dall’inizio… da quelle immagini dei soldati cinesi che annaffiavano le strade di Wuhan con cloro o qualunque cosa stessero usando, barricando le persone nei loro appartamenti, la storia del pipistrello…

E poi la questione dei casi confusi con persone risultate positive per qualcosa che, ancora per quanto ne so, non è stato davvero isolato nel modo in cui… il modo in cui ottengono le sequenze di questi virus chiamati è… è un processo molto complesso . E non ne so abbastanza perché non sono un virologo o un immunologo, per conoscere tutti i dettagli… ma altre persone hanno approfondito.

Per quanto ne so, il… il virus o qualsiasi altra cosa, il virus che sta girando intorno, non è stato puramente isolato. Ma lasciamo questo da parte.

È arrivato il 2020 e, come sapete, il mondo la reazione del mondo è stata davvero, era quasi all’unisono, come il direttore d’orchestra ha appena detto: “Va bene, scendiamo al pianissimo” e tutto si è spento. Ed è stato assolutamente incredibile come, in pratica, il mondo intero abbia lavorato di concerto, per contenere, dal loro punto di vista, questo patogeno più mortale nella storia umana.

Dal punto di vista di… dal mio punto di vista, penso che le politiche fossero strane, contraddittorie. Sono stati certamente sostenuti. Erano incursioni nelle libertà degli individui. Penso che non ci siano dubbi al riguardo.

La prima volta nella storia. Quando fai… quando ti metti in quarantena o rinchiudi – e “lockdown” è una frase da prigione, ricorda – l’unica volta che ho sentito “lockdown” era in una prigione, fondamentalmente, ok? Quando rinchiudi persone sane e… e ti guardi intorno in altre parti del mondo, i blocchi sono andati avanti per molto, molto, molto tempo… le maschere sono state imposte.

E c’è un’intera questione sull’uso delle mascherine e sull’efficacia delle mascherine e… Sai, incoraggerei tutti i tuoi ascoltatori a cercare e trovare dati sul fatto che le maschere prevengano effettivamente la trasmissione o l’infezione dei coronavirus respiratori… circolo sociale… sociale distanziamento… è interessante… non è affatto social! È antisociale allontanare le persone.

Così è entrato in gioco il “distanziamento sociale”, sono entrate in gioco le restrizioni. E ancora, incoraggerei i tuoi ascoltatori a cercare qual è la scienza dietro la regola dei due metri, la regola delle due yard, la regola di una yard e una regola di mezza yard.

È una panoplia di assurdità in un certo senso, e il mio… il mio iniziale… i miei sentimenti iniziali come persona pensante sarebbero, beh, sai, vuoi fare un’offerta su qualunque cosa c’è là fuori… vuoi… vuoi fare le cose in sicurezza, ecc., ecc… Forse chiusi… in Nuova Zelanda hanno chiuso i confini, motivo per cui inizialmente c’erano così pochi casi.

Ma dopo quello, l’obiettivo qui, l’obiettivo dichiarato qui era che avrebbero eliminato del tutto il Coronavirus, quello era il loro obiettivo. Sapevo fin dall’inizio che era un obiettivo donchisciottesco, non saremmo stati in grado di eliminare un virus respiratorio Corona, 1/3 del comune raffreddore è un virus respiratorio Corona, andrà in giro.

Quindi quello che dovresti fare, penso, il mio pensiero era, come approccio di buon senso, che … proteggere coloro che sono vulnerabili, come quelli con condizioni mediche o più anziani, proprio come, potrebbero essere colpiti dall’influenza, vuoi proteggere loro dalle cose, aiutali in ogni modo possibile e fondamentalmente mirano a sviluppare un’immunità naturale.

E questo non è stato l’approccio che hanno adottato qui. Hanno adottato un approccio molto interessante e… credo, piuttosto draconiano, dittatoriale o totalitario. Quindi ci troviamo qui sotto un sistema ora a semaforo, che impone molte restrizioni – e in modo allarmante, penso – e questo si collegherà ad altre cose che stanno succedendo in tutto il mondo – hanno creato un sistema di apartheid da vaccino!

In modo che in questo momento, dove vivo, ai non vaccinati non è permesso andare al cinema, caffè, ristoranti, eventi sportivi, barbieri, parrucchieri. È, è, è incredibile.

Va bene, perché l’idea è che quelli che non sono vaccinati, e cioè quelli… quelli che hanno deciso di non prendere un agente che… per il quale non ci sono dati a lungo termine, i cui ingredienti restano ancora avvolti da un grande mistero… e penso che tu abbia visto di recente che ora la petizione della Pfizer – o della FDA – per non rilasciare la documentazione Pfizer, e poi la cosa della Pfizer qui fino a, tipo, per 75 anni.

Tessa Lena:

Sì, questa è l’ultima.

Dott. Garcia:

E quindi… quindi la mia domanda è sempre stata, dovremmo… dovremmo avere il consenso informato, dovremmo sapere cosa c’è in questa cosa, cosa dovrebbe fare, cosa non dovrebbe fare. La gente… molte persone pensano, oh, è proprio come il vaccino contro il morbillo che si ottiene, non si prende più il morbillo, è tutto fantastico. Beh, non è proprio vero.

Conosciamo l’mRNA… la tecnologia dell’mRNA… sappiamo che non previene né la trasmissione né l’infezione.

Sappiamo delle… proteine ​​spike che vengono prodotte… sappiamo che vanno ovunque nel corpo, penso a questo punto… e credo che le persone abbiano diritto all’autonomia corporea! Penso che questo sia nel codice di Norimberga. È nella Carta dei diritti della Nuova Zelanda. È in ogni documento sui diritti umani nel mondo.

Eppure, vediamo governi in tutto il mondo, l’Austria, incredibilmente così, in Germania, dove hanno avuto problemi negli anni ’30, che erano molto simili a… discriminare le persone e segregarle… e ora anche qui, a dirci che stiamo davvero, siamo davvero gli impuri, siamo pericolosi!

E ti faccio un esempio. Faccio alcuni lavori teatrali, regia e recitazione e atro. E il mio gruppo teatrale di comunità locale mi ha informato che se … se non vaccinato … e io non vaccinato … non mi piace nemmeno questo termine, una persona non vaccinata non può partecipare a prove, produzioni, non può nemmeno andare a una delle presentazioni, una delle produzioni.

E … e ho chiesto, perché … come … ho posto la domanda, a proposito, in che modo una persona sana è un pericolo? Dimmi come una persona sana rappresenta un pericolo per qualcun altro? E nessuno può rispondere a questa domanda. Continuano a dirmi, oh, si tratta solo di sicurezza, sicurezza. Cosa c’è di pericoloso in una persona sana, e in particolare nelle persone sane tra i picchiati che sono apparentemente protetti? Cosa devono temere? Di cosa sono preoccupati?

La pressione per ottenere un vaccino è intensa qui, stanno cercando di vaccinare bambini, ragazzini. Conosco due adolescenti, per esempio, che, saggiamente, secondo me, non vogliono avere niente a che fare con questa cosa. E sono nel gruppo a più basso rischio immaginabile. Capisci? Non si ammalano nemmeno se prendono il bug. E ora sono esclusi dalle competizioni sportive per le quali si sono allenati per molti anni. E non possono socializzare con i loro coetanei.

Voglio dire, questo è… che tipo di società stiamo creando quando lo facciamo? Questo è atroce. Questo è… penso che sia malvagio. Onestamente, penso che sia assolutamente malvagio.

E per di più, quei medici come me, che hanno cercato di stabilire un dialogo e che hanno sollevato domande su queste cose, e che volevano discutere queste cose, davvero, sai, tutte queste questioni con… con la scienza… e la scienza non è tra l’altro … scienza, non c’è mai una scienza, non c’è “la scienza” … la scienza è un’impresa fluida, si tratta sempre di conoscere, aggiungere, cambiare, rivedere, discutere, ecc.

Praticamente qualsiasi dottore che ha parlato ora è stato sostanzialmente attaccato dal Medical Council. Ho avuto la mia licenza sospesa. Ho perso la mia posizione, perché io… in parte, perché non l’ho fatto… non avrei accettato il mandato che tutti gli operatori sanitari venissero presi a pugni. Non potevo sopportarlo. E ho colto l’occasione per dimettermi e ritirarmi dal mio lavoro dopo 16, quasi 16 anni, con un carico di lavoro molto alto, tra l’altro.

E inoltre, perché sono stato accusato di avere discussioni come quelle che sto avendo con, sai, discussioni sul vaccino, sulla politica sanitaria, sull’immunità naturale … ​​è una brutta parola al giorno d’oggi! Sai che “immunità naturale” … non puoi dire “immunità naturale”, è considerata disinformazione. Quindi sai, è assolutamente folle!

Quindi comunque… quindi ho avuto la mia licenza sospesa dal Consiglio medico. Ho detto che ho interrotto i miei legami con loro tramite la common law in ogni caso molto di recente, e qualunque cosa faranno, lo faranno, ma voglio uscirne.

E sono davvero felice di essere fuori da quell’organizzazione malata corrotta e… e dall’establishment medico in generale, perché sono davvero molto deluso dai miei colleghi… dai miei colleghi, dai medici di tutto il paese, in tutto il mondo, molti medici che conoscono bene, si sono seduti e non hanno detto nulla.

E hanno assistito a questa tremenda cavalcata di eventi avversi e decessi che si verificano in tutto il mondo collegati a questi colpi, e sono silenziosi o sono complici. Quindi, è fondamentalmente dove mi trovo adesso. Sono disoccupato. Non ho la licenza medica sotto il Medical Council. E… e io vivo in una società dove al momento c’è un sistema di apartheid da vaccino.

Tessa Lena:

Bene, ti ringrazio per il tuo coraggio. Penso che quando finalmente questa oscura assurdità passerà, ora, le persone come te saranno ricordate come eroi, e poi le persone che hanno obbedito saranno davvero imbarazzate. Non auguro una punizione a nessuno, ma penso che arriverà l’imbarazzo. Come ho osservato quando l’Unione Sovietica è andata in pezzi. Questo è quello che è successo. Le persone che erano compiacenti ed erano in cima alla collina, all’improvviso erano imbarazzate. E …

Dott. Garcia:

Sì, quindi io, sai, è interessante, ho visitato l’Unione Sovietica… parecchio… Sono andato a San Pietroburgo circa sei o sette anni fa, per tenere un discorso su Skryabin. E ho sempre amato la Russia e la letteratura russa. Sono cresciuto con la letteratura russa. Il grande Tolstoj, Dostoevskij, Solzenicyn, per esempio. E ho conosciuto Ignat, il figlio di Alexander [che] era un direttore d’orchestra e un pianista.

Ed è andato a Curtis, tra l’altro… in ogni caso, quindi so, attraverso le mie letture e attraverso il contatto con persone dalla Russia, con cui ho lavorato a Curtis, per esempio, e in altri posti, un po’ su come il sistema operativo e come funzionava il sistema.

E ho l’impressione che la Pravda sia stata universalmente intesa, non come verità, da tutti coloro che la leggono, nonostante il titolo.

Quindi ora siamo a un punto in cui il nostro governo, il nostro primo ministro, ha affermato di essere l’unica fonte di verità sul COVID. E trovo che sia un’affermazione sorprendente, l’unica fonte di verità. Non riesco a pensare che qualcosa sia una singola fonte di verità su qualsiasi cosa, in realtà. Ma quando ti trovi di fronte a una mentalità del genere, ti rendi conto che ci sono altri programmi all’opera. E sono complicati, ma credo che lo lascerò lì. È davvero sorprendente.

Tessa Lena:

È sorprendente. E comunque, beh, quando c’era la mia generazione, tutti sapevano che la Pravda era una sciocchezza. Ma le persone hanno dovuto fingere nelle loro posizioni di posizione pubblica per dire tutte quelle frasi sulla vittoria del comunismo e bla, bla, bla. Ma penso che per la generazione dei miei nonni, per esempio, l’abbiano sinceramente accettato. Era sacro per loro, questo era il loro significato. E così ci sono volute essenzialmente tre generazioni per capirlo.

Dott. Garcia:

Sì.

Tessa Lena:

Quindi, prima o poi, passerà anche questo. Ma mi chiedo quali siano i tuoi pensieri su quello che pensi nella testa degli altri medici sia, cosa… si rendono conto di essere semi violentati? E in qualche modo stanno anche tradendo la loro professione, o lo fanno… Sono sinceramente iscritti alla narrativa mainstream? Vedono effetti negativi? Ad esempio, come funziona in media? Sono sicuro che tutti sono diversi ma…

Dott. Garcia:

È difficile da dire… Noi… faccio parte di questo gruppo chiamato Medici neozelandesi che parlano per la scienza. Abbiamo un sito Web, nzdsos.com, e abbiamo cercato di ottenere altro materiale per informare le persone. E penso che abbiamo un abbonamento di circa 120 o 130, il che è abbastanza, piuttosto sorprendente, iniziato molto piccolo.

Penso che praticamente tutti noi ora siamo sotto inchiesta di qualche tipo siamo sotto attacco saremo sotto attacco da parte del Consiglio medico per aver osato offrire un modo interrogativo, diverso, diverso di vedere le cose. Comunque come posso dirtelo?

In realtà penso che la verità su questa cosa sia abbastanza evidente. Ma non voglio presentarmi come… parlare come un Oracolo. E dico alla gente, è meglio che tu guardi le cose da solo, ma guarda tutto e guarda la realtà. E guarda, ad esempio, e hai paesi completamente vaccinati che stanno ottenendo questo COVID. Come lo spieghi? Quanto sono buoni i tuoi vaccini? Per quanto tempo pensi di farla franca… con questi colpi e a cosa porteranno?

Scusa, sto scappando un po’. Non so cosa stia pensando la corsa generale dei medici generici o cosa o cosa no … Penso che ci siano un certo numero di persone che hanno solo paura di parlare, sono completamente spaventate perché verranno sbattute.

E penso che io e altri siamo stati addotti come esempi. Se provi a parlare o a dire qualcosa contro l’unica fonte di verità, ti inseguiremo. E quindi le persone hanno bisogno di guadagnarsi da vivere. E continuano a fare i loro affari. Quindi non lo so, non posso parlare di tutto questo vasto mare di altri medici, tranne che nelle mie interazioni con loro, pochissimi sapevano qualcosa di molto semplice come le opzioni di trattamento precoce.

Il trattamento precoce è fondamentale. Se vuoi davvero mantenere le persone in salute, questa è una delle cose principali che fai, giusto? Cerchi di curare presto, cerchi di fare tutte quelle cose preventive e… e tutti i protocolli di trattamento che… il dottor McCullough e Pierre Kory e Zelenko, e i medici in prima linea stanno facendo un ottimo lavoro perché lo facciamo se è davvero una pandemia, lo fai giusto?

Non credo che queste persone ne sappiano nulla. In effetti, sono anche… non hanno detto nulla, trattano a malapena qui, sopprimono l’intero argomento qui. Hanno rimproverato le persone per aver cercato di prescrivere alcuni dei primi protocolli di trattamento. È una cosa terribile. E questo mi porta a credere che ci debba essere un’altra agenda. Non si tratta di salute. Si tratta di controllo. Ed è devastante.

Là… d’altra parte, ci sono persone che stanno cercando di alzarsi in piedi e stanno parlando apertamente. E ne conosco altri due… ho altri due colleghi psichiatrici che stanno combattendo contro il mandato di essere picchiati per mantenere il loro lavoro. Quindi stanno cercando di avviare un’azione legale.

Ma conosco un bel po’ di persone che hanno appena perso il lavoro: insegnanti di scuola, persone esperte che hanno insegnato per anni, hanno perso il lavoro, ok? Perché questo mandato, che devi essere preso a pugni per continuare a insegnare… ostetriche, infermiere! E conosco molte persone… un bel po’ di infermiere, insegnanti e altre persone che hanno ricevuto il vaccino con riluttanza, non volevano farlo, l’hanno preso sotto costrizione, sotto pressione, perché non avevano scelta.

Stanno crescendo i figli da soli, o hanno dei mutui, e devono, devono nutrirsi da soli, non avevano alcuna opzione. Quindi che tipo di governo farebbe questo alle persone? E nell’interesse di cosa? Devo porre la domanda, quante persone sono state effettivamente colpite da COVID qui in Nuova Zelanda? È un numero minuscolo nel complesso.

Eppure, abbiamo avuto … c’è stato un caso ad Auckland che è risultato positivo con questo test di reazione a catena della polimerasi difettoso, hanno bloccato l’intero maledetto posto. È… per me… è una follia completa, ed è in realtà depravato ed è malvagio.

Tessa Lena:

Devo essere d’accordo con la tua conclusione. Bene, per me il fatto che stessero attivamente attaccando i trattamenti precoci… per me quella era una cartina di tornasole perché…

Dott. Garcia:

Esatto, sì.

Tessa Lena:

Se stanno parlando di salute… Scusa, vai avanti.

Dott. Garcia:

Bene. Il mio risveglio a questo… lo sto seguendo molto da vicino. E il mio problema è che, sai, ho letto libri come, non so se conosci quel libro, Aerosmith, di Sinclair Lewis. Parla di un dottore in Tibet, e in realtà di una pandemia e… e di come un dottore si avvicina alla pandemia, e… comunque, uno dei grandi sogni di tutti i medici in realtà è trovare una cura per qualcosa che sta ferendo le persone, giusto?

Sai, quindi c’è una brutta cosa là fuori, mio ​​Dio, tu… corri, trovi un trattamento per aiutare le persone… curare le persone.

E quello che ho notato con questo è che non c’era praticamente nulla in alcun tipo di trattamento, stavano solo lasciando che le persone si sedessero, si ammalassero davvero, al punto in cui arrivavano… arrivavano in ospedale, e poi quando arrivavano in ospedale, era troppo tardi per fare qualsiasi cosa, e tu sai cosa fare! È stata una cosa terribile.

E c’è stato così tanto buon lavoro da parte di Zelenko e, come ho detto, McCullough e queste altre persone, sai… per provare trattamenti per aiutare le persone che in realtà… un certo numero di studi molto positivi sembravano effettivamente funzionare, penso Zelenko curò circa 7700 pazienti, solo due di loro morirono. E poi, all’inizio… questo dottore, il dottor Chetty, in Sud Africa… ha curato 6000 persone con il suo regime, nessuno è morto, nessuno è andato in ospedale, alcune persone sono andate in ospedale.

Quindi ora c’erano molti dati in tutto il mondo sull’aiutare le persone e non solo lasciarle sedere… capisci… siediti e aspetta, e poi ti ammali. Così ho visto che la soppressione del trattamento reale, il non incoraggiamento, il lavoro attivo contro il trattamento precoce. Penso che sia criminale, va bene? Penso… non trovo scuse per questo.

Tessa Lena:

Penso che sia criminale. E penso che quando questo passerà – e non ho dubbi che prima o poi passerà, che sia ora, o diverse generazioni dopo, o mille anni dopo – ma passerà, e allora la gente guarderà indietro, e reagiranno allo stesso modo in cui le persone reagiscono oggi alla Germania nazista, tipo, cosa … cosa c’era di sbagliato in loro?! Come potrebbero non vederlo?

E poi, beh, se è abbastanza presto, allora probabilmente alcune delle persone compiacenti cercheranno di ottenere offerte di libri per scrivere su come hanno sempre saputo che era sbagliato, perché è così che di solito va.

Ma… ma, tipo, per me è una classica storia di fiducia nei traditori. Una persona che va in ospedale con piena fiducia nella medicina americana… beh, la medicina americana nel mio caso perché sono a New York… e poi essenzialmente viene uccisa e trattata come una persona senza diritti… viene messa su un ventilatore o sedata.

E quindi per me, questa è l’ultima cosa in cui essenzialmente vedi il volto della macchina, e finalmente sei da solo dopo aver creduto alla creazione di fiducia.

Dott. Garcia:

Sì, ti dico cosa… il… io sono così… lo sono così io… sono stato in un certo senso… ho vissuto in una bolla al di fuori di ciò che è successo alla medicina americana e alla medicina in generale. Sai nella mia formazione, sono stato molto fortunato, ho frequentato un’ottima scuola di medicina, sono andato in un grande ospedale per i miei stage nella mia formazione psichiatrica: il Pennsylvania Hospital, l’Istituto del Pennsylvania Hospital …

E l’etica che c’era era incentrata sul paziente. Era sempre… il medico, lo psichiatra aveva autonomia, insieme al paziente. Hai fatto quello che dovevi fare, hai adattato i tuoi trattamenti… o gli internisti… conoscevo gli internisti… il mio internista laggiù, Paul Cohen, questi sono grandi, bravi, grandi dottori, sai, questi non erano assunti aziendali, che hanno seguito algoritmi e che non avevano immaginazione.

E sono sbalordito da quello che è successo in 40, 35 anni o giù di lì. È stata… la medicina si è trasformata in un gruppo di mercenari aziendali che seguono un libro di cucina, le chiamano linee guida per le migliori pratiche o gli algoritmi che le istituzioni mettono a punto. Cioè, quella non è una medicina, in realtà, è molto… è uno scheletro di come dovrebbe essere la medicina.

Le persone sono molto complesse, sono altamente individuali. Non esiste una taglia unica per tutti. Devi raccogliere buone storie, devi sapere tutto su qualcuno prima di prescrivere trattamenti e adottare approcci diversi.

E sembra che sia tutto fuori dalla finestra perché abbiamo un’unica fonte di verità che ci dice esattamente cosa fare. Non solo su qualsiasi evento di medicina, ma tutto ora è… è… sai, libro di RFK, non so se l’hai ancora letto.

Tessa Lena:

Oh sì, è un libro fantastico, molto importante.

Dott. Garcia:

È un libro brillante e, tra l’altro, ho capito, non usa un ghostwriter, scrive lui stesso. È uno scrittore eccezionale. È un grande libro. E il mio amico, Ed Curtin in Massachusetts ha recentemente fatto una favolosa recensione, devo mandarti il ​​link che…

Tessa Lena:

L’ho visto l’ho visto, è fantastico.

Dott. Garcia:

Vedi che… Ed è un mio amico, è un eroe meraviglioso. Comunque, non sono casi… questo è tutto! Questa è forse la battaglia non solo della nostra vita, ma di tutta la storia qui. Ok, cosa stanno cercando di farci? Per renderci schiavi? Digitalizzarci nell’oblio? Per usare davvero questo… cosa capisco già di questo sistema di credito sociale molto efficace in Cina?

Io, sai, io… da adulto in America, cresciuto a Filadelfia, dove è stata firmata la Dichiarazione di Indipendenza, si è tenuta la convenzione costituzionale… questi principi di libertà e libertà sono nelle mie ossa.

Voglio dire, questa è, per me, la buona America, la Grande America, non l’America, lo stato infuriato che ha creato guerre ovunque, tutta questa roba terribile… ma i principi della vita, della libertà e della ricerca della felicità, e questi diritti inalienabili, questi sono inalienabili e riguardano tutti, non solo gli americani, ok?

E ora ci troviamo, in tutto il mondo, che i governi, le istituzioni, come volete chiamarli, la struttura societaria, vogliono prendere… vogliono indurci a credere che possono fare tutto ciò che vogliono con noi, possono darci… metterci qualcosa nel nostro corpo che non vogliamo. E per non parlare delle nostre menti! Ne fanno abbastanza con la propaganda… ma per mettere qualcosa nei nostri corpi che abbiamo fatto delle scelte da non voler ottenere?

Bene, ancora una volta, vogliono rovesciare la… terra… e l’UE ora vuole sbarazzarsi del Codice di Norimberga. Non è interessante? Quindi è… quindi è un momento terrificante. Ma lo dirò alle persone che ho incontrato qui, e ai gruppi di persone appena formati che stanno pensando secondo le nostre linee di vivere la vita e non avere paura, non vivere nella paura.

Sai, c’è un grande romanzo russo “Oblomov”, sono sicuro che l’hai letto, ok? Si tratta di un ragazzo che è sopravvissuto e non si è alzato dal letto, giusto? Si è semplicemente sdraiato nel suo letto tutto il tempo per essere al sicuro. Quindi vogliamo vivere la vita in una piccola stanza e ordinare tutto online e riceverlo e non fare nulla? È questa la visione del futuro in modo da poter essere al sicuro… al sicuro? Non c’è sicurezza in questo.

Tessa Lena:

Ebbene, il mito della sicurezza è solo un mito, perché quanto sei sicuro se elimini il tuo sistema immunitario e poi sei costretto ad andare in ospedale e ad essere ucciso? Non è molto sicuro.

Dott. Garcia:

Quello non è. Esatto, questo non è essere al sicuro. Esattamente. E io, come ho detto, lo sai, questa cosa che stanno cercando di imporre alle persone… cerca gli ingredienti, guarda l’enorme numero di eventi avversi… comunque siamo solo da un anno o un anno e mezzo, non conosci nessuna delle conseguenze a medio o lungo termine.

Se tu… non potevi farlo, non potresti fare una prova di droga e far uscire un farmaco con una prova come questa con questo tipo di dati. Avrebbero schiacciato quel farmaco in pochi minuti, giusto… fallirebbero. Ma in qualche modo per il vaccino magico, ottiene un pass gratuito.

A quanto pare non ci sono controindicazioni! Voglio dire, sto cercando di trovare quali sono le controindicazioni qui. Qui, penso, l’unica controindicazione è che devi essere allergico al glicole propilenico o qualcosa del genere. Ma il numero di esenzioni qui … sono state represse. Hanno imposto imposizioni così draconiane su chi può esserne esentato. È… è assolutamente malvagio, ok?

Quindi questa cosa a quanto pare, secondo il mito… il mito della sicurezza… le persone fanno il mito della sicurezza. Rendono il mito del… il… il colpo perfetto, meraviglioso, sicuro come l’acqua, giusto? È sicuro come l’acqua. Giusto? Nessuna controindicazione. Ho avuto una discussione… vi racconto una cosa molto interessante.

Mi è capitato di imbattermi in un uomo che non vedevo da circa 10 anni, ero abituato a… abitava vicino al mio vecchio quartiere qui intorno in Nuova Zelanda, e… e stiamo parlando… è oh, comunque , ho avuto un infarto circa un mese fa. Ho detto, Oh mio Dio, mi dispiace sentirlo. E poi ho detto, ho fatto la domanda. Ho detto: “Sai… questo… spero che non ti dispiaccia se te lo chiedo, ma hai ricevuto il vaccino?” “Oh, sì, ho avuto il secondo richiamo tre giorni prima dell’infarto.”

Ho detto: “Accidenti, mi dispiace”. Ma non aveva stabilito alcun collegamento. Non ha ritenuto che l’infarto fosse correlato al vaccino, non è stato segnalato alcun evento avverso. Ha solo pensato, beh, questo è proprio quello che succede nella vita, lo sai. E andò avanti e per la sua strada allegra. E ha, sai, si è dimesso, ha qualche malattia cardiaca e cose del genere.

Ma penso che sia una misura del livello a cui le persone sono rimaste stupite. Se dovessi somministrare una medicina a qualcuno, tre giorni dopo un infarto, posso garantire che la gente mi fiaterà sul collo dicendo che diavolo è successo qui? Perché hai… perché hai dato questo medicinale? Come ha potuto questo paziente avere il cuore… dobbiamo esaminarlo.

Anche se non c’è niente di sbagliato, vuoi darci un’occhiata, giusto? C’è una sorta di correlazione, ma il livello di… di accettazione e il livello di propaganda che… è semplicemente stupefacente. È assolutamente sorprendente.

La gente dice che sei un no-vax… beh, prima di tutto, che io sia un anti pro Vax, non è questa la caratteristica distintiva di un essere umano. Da quando la vaccinazione è lo status di come il gold standard se sei un essere umano nobile o ignobile? È ridicolo, vero?

Ma ho fatto le vaccinazioni, i miei figli hanno fatto le vaccinazioni. Bene? Buona. Io solo… se scelgo di non avere una vaccinazione, anche se buona, anche tu ne conosci una tradizionale che funziona davvero, questa è la mia scelta. Questa è la mia scelta, ok?

Tessa Lena:

Bene, penso che sul lato positivo, molte persone abbiano iniziato a dubitare di cose e a fare ricerche su cose che non avrebbero mai studiato o dubitato, prima di questo. Perché gli ultimi due anni ci hanno presentato una versione così esagerata e da cartone animato della corruzione, che molte persone che non avrebbero mai pensato in vita loro nemmeno di fare ricerche su qualcosa del genere… Si sono trovati di fronte all’inevitabilità… devono, e ora stanno esaminando l’intero sistema.

E forse se ne sono accorti prima, e forse le cose che davano per scontate, forse nemmeno quelle cose erano vere. E penso che sia un esercizio molto utile, qualunque sia la conclusione, dipende dalla persona, dall’esperienza e da cosa esaminano.

Ma penso che sia necessario che ogni essere umano abbia un rapporto diretto con il mondo. E per quanto riguarda il grado di illuminazione a gas, è piuttosto sbalorditivo, e in realtà sono pazzo, sono arrabbiato per le persone, le persone innocenti che vengono così maltrattate. Perché per me, ero… ero in un matrimonio violento, tipo, classico, molto cattivo.

E questo è stato uno dei motivi per cui non sono stato davvero terrorizzato da questa cosa, perché inizialmente ero terrorizzato come tutti, ma mi piaceva, non sai, forse è un virus mortale, bisogna stare attenti, devi lavare i servizi e tutto il resto.

Ma poi molto rapidamente, quando ho visto il messaggio… e il messaggio era identico nel tono a quello che diceva il mio ex violento, come in, non fidarti dei tuoi sensi, se hai dei dubbi su ciò che ti viene detto, tu se sei una persona cattiva, devi obbedire, tu… lo sai, non hai contatti con persone o cose del genere.

Ero tipo, aspetta un secondo. Lo so, ho visto questo film, non è stato molto benevolo. Non posso farlo per la seconda volta. Perché la prima volta è stato molto doloroso. Quindi questo è stato uno dei motivi che mi ha davvero aiutato. E anche in realtà, ero malato. E sicuramente non ho nemmeno pensato di andare da nessuna parte in ospedale. Ma sì, sì, pesante, è stata intensamente, è stata un’intensa sofferenza.

E attraverso il grado di quella sofferenza, mi sono ricordato, ancora una volta, di essere stato reintegrato nella mia sensazione che la vita vale la pena di essere vissuta. E la vita significa essere pienamente vivi. Vivere la vita significa non avere paura. Ed ecco cos’è la vita. Quindi non significa che, poiché la malattia causa sofferenza, ora devo passare il resto della mia vita sotto il tavolo, non è un’opzione. Così …

Dott. Garcia:

Bene esattamente. E penso che tu abbia fatto un bellissimo parallelo con questo, questa relazione di un matrimonio abusivo, abusivo, o una relazione abusiva, in cui ti viene detto che non puoi fidarti di te stesso, devi solo obbedire. E, e il… e il vero, la vittima viene trasformata in una specie di molestatore, dal vero molestatore. È una psicologia inversa molto malata. E questo è tutto finito, ok.

Stanno facendo lo stesso… stanno facendo davvero la stessa cosa, sai questo ricatto, questa estorsione, per ottenere questo vaccino, non per… non fare… non avere il consenso informato, davvero, sai, per non guardare affatto gli ingredienti… per mostrarci in modo trasparente quali sono le offerte.

Qual è l’accordo di Pfizer con questi diversi paesi? Che cosa hanno in questo e quell’affare del tesoro? Va bene, o Moderna o una di queste cose? Quindi va in tutti quei modi.

Anche un’altra cosa è che ora i miei amici, Libby Handros e John Kirby hanno fatto questa serie sulla pandemia, che è stato un servizio straordinario per tutti noi. E ricordo che fin dall’inizio, ricordi, intervistarono John Ioannidis. Questo tizio, sai, è uno degli statistici e degli epidemiologi più citati al mondo dicendo, stiamo guardando i numeri. Sì, non sembra, sembra più o meno una brutta influenza.

E hanno avuto un bellissimo record di interviste con tali luminari. E, ancora, questo mi dà la speranza che abbiamo un buon, ottimo lavoro là fuori, le persone si stanno facendo avanti, che questi registi e produttori ci stanno aiutando a illuminarci e ad arrivare alla verità, sai, e questo è stato meraviglioso.

Quindi sono stato anche meraviglioso… non ne ho visti così tanti… mi guardo intorno, ci sono così tante persone di talento che non sapevo esistessero, mio ​​Dio! Mi sento così… inferiore, hanno 5000 lauree, hanno… fisica, medicina, e nucleare questo e tutto il resto.

E loro… e sanno tutto, e lauree in giurisprudenza, e medicina, e… e chissà cosa, sono tutti… sono… non posso… non riesco a credere a quanto siano competenti queste persone, e… ma sono quelli che parlano, sai, lo sanno o sentono l’odore di un topo quando loro… quando un topo corre in giro.

Tessa Lena:

Oh, è bellissimo. Penso che gli ultimi due anni abbiano davvero tirato fuori il meglio e il peggio di noi, e almeno la mia vita in America non è mai stata più reale di come si sente ora, sorprendentemente, perché tutto sotto pressione, tutto è uscito. E comunque, Libby e John sono così meravigliosi. Li amo così tanto e…

Dott. Garcia:

Hai menzionato New York… Amo New York. Passo molto tempo a New York. Mio padre è di New York. È un posto fantastico. Beh, non so se lo è ancora. Ma sai, c’è che credo di aver menzionato per questo famoso verso in “Casablanca” dove Humphrey Bogart seduto con il… con il maggiore Strasser, e gli è stato chiesto da uno dei tedeschi lì al tavolo… e questo non è occupato… questo è la Francia non occupata dai Blanca…

“Beh, come ti piacerebbe se i nazisti fossero a New York?” o qualcosa del genere, e Bogart dice: “Beh, ci sono alcune zone di New York che non ti consiglierei di tentare di invadere”. Sai, c’era questa sensazione su New York, New York è un posto difficile. Non accetteremo questo genere di cose. Destra? Cosa… cosa è successo a quella New York? È come se fosse successa una New York diversa.

Tessa Lena:

Si è piegata.

Dott. Garcia:

Quello che è successo?

Tessa Lena:

No, lo è… in realtà lo è… è straziante perché penso che sia il gaslighting. Penso che davvero… beh, da quello che ho studiato, è stato assunto un team di psicologi… e sono stati assunti consulenti di fascia alta per escogitare piani su come spaventare le persone. E così è stato di progettazione.

Dott. Garcia:

Sì, esatto, esatto! Hai capito bene … ora, hanno trasformato la, sai, New York che è considerata un posto molto duro di persone che combattono davvero duramente … non puoi scherzare con loro, giusto? E ora tutti stanno formando un passo serrato, o passo d’oca, dovrei dire… questa roba è terribile.

Tessa Lena:

All’inizio della pandemia, quando il nostro sindaco, penso che abbia suggerito una sorta di sistema di segnalazione per denunciare le persone che non stavano seguendo le misure pandemiche… o il distanziamento sociale… e questo è stato accolto con una maledizione, come, sai, pessima parole. Non oggi. Non oggi! È una tale differenza.

Dott. Garcia:

Lo so. E anche quaggiù, quest’idea di fare la spia… l’ultima cosa che vuoi essere è un topo, non ratti i tuoi vicini, i tuoi amici, sai, nessuno lo fa, giusto? E sono stati… hanno incoraggiato questo genere di cose, sai, ed è terribile.

Ma mi piacerebbe a un certo punto parlare di altre cose, forse di cose artistiche. Penso che uno dei modi per sopravvivere in tempi terribili, come molte persone sanno, come Xiaobo e altre persone, e tutti, sai, è attraverso la creatività e davvero il trionfo dello spirito umano.

E, e penso, qualunque cosa accada, dobbiamo preservarlo. Questa è la nostra, la nostra bella passione. Ecco perché scrivo, ho fatto alcune cose teatrali… teatrali, film e poesie. E ho scritto un bel po’ di libri.

E io sono molto, … in realtà, ho scritto questo ultimo libro, che hai, “Olympia”, e probabilmente ci sono voluti circa sei anni per pensarci comunque, e, e sono molto felice di essere molto orgoglioso di questo libro, mi sento come se fosse qualcosa che… quante cose insieme per me.

Quindi si spera che ci saranno anche altri libri. In questo momento mi è vietato fare qualcosa di teatrale… il che è piuttosto impegnativo, ma spero che avremo una buona pausa nei prossimi tre o quattro mesi e, e forse le cose forse… forse le cose cambieranno davvero.

Tessa Lena:

Beh, in realtà hai rubato la mia domanda, perché la mia prossima domanda per te sarebbe stata sui tuoi scritti e sui tuoi libri. Quindi grazie per aver anticipato il pensiero, e… e poi chiederti anche cosa ti ha portato inizialmente alla tua carriera di scrittore? E ho anche un altro tuo libro, quindi…

Dott. Garcia:

Grazie mille.

Tessa Lena:

Sì, davvero, la tua scrittura è bellissima. Allora cosa ti ha portato… cosa ti ha trasformato inizialmente in un autore, qual è stato l’evento, o…?

Dott. Garcia:

Sono sempre stato, sono stato uno scrittore, fin da adolescente, dalla mia adolescenza. E scrivevo sempre poesie e racconti e cose del genere. Ed ero anche… quando sono andato al Trinity College di Dublino, come studente universitario, ho trascorso un anno all’estero lì e sono stato coinvolto nel teatro quando ero lì. E sono tornato negli Stati Uniti e ho continuato a dedicarmi al teatro.

E scrivevo sempre in un modo o nell’altro. Ma penso onestamente, penso di essere stato uno scrittore che non aveva proprio qualcosa di cui scrivere, fino a quando non sono diventato più maturo fino a quando… mi sono coinvolto… mi sono sporcato le mani nel mondo della vita. E il mondo della vita per me era il mondo della medicina, il mondo della psichiatria e della vita, ok…

E, e credo che il trasferimento in Nuova Zelanda abbia davvero aiutato a catalizzare le cose, a permettermi di raccogliere davvero, davvero le mie energie e iniziare a scrivere in un modo con cui penso di essere più felice… sono stati scritti decenti, non solo, sai… sono persone… a volte hai un impulso. Vuoi scrivere… quando è come se volessi gridare, vuoi dire qualcosa, ma non hai niente da dire.

Penso che tutto ciò che avevo immagazzinato dentro di me stesse venendo a galla, e che potevo finalmente metterlo insieme e dire le cose che mi sentivo obbligato a dire, nella mia poesia e nelle mie opere teatrali e nelle mie cose teatrali, e il mio… mio piccoli film, e i miei romanzi, soprattutto da quando sono venuta qui, quindi…

Quindi ne ho scritti alcuni… Comunque, non entro in tutto quello che ho scritto, ma ho scritto due libri molto, penso molto divertenti ambientati a New York, e coinvolgono contabili, una specie di avventure amorose di alcuni sciocchi contabili. Penso che siano abbastanza divertenti. Ma penso che siano divertenti perché la lingua è molto… è tutto nella lingua, ok… Ed è per questo che penso che siano piuttosto divertenti.

E i “Rogues Veneziani”. … “Olympia” esce davvero da uno dei personaggi di “Venetian Rogues” e … e questo è un tipo di scrittura completamente diverso. E quei libri sono collegati.

Tessa Lena:

Oh, grazie per essere così multitalento. E grazie anche per aver dimostrato che la vita non finisce quando si instaura il regime totalitario. È… lo sai.

Dott. Garcia:

Questo è un buon… questo è un buon punto. Voglio dire, lo direi anche Solzhenitsyn. Sai, Solzhenitsyn, quel tremendo eroe che fa quello che ha fatto. Non so cosa dire. Voglio dire, tu… quando lavori, fai la stessa cosa e le persone devono continuare a celebrare la nostra umanità.

E come ho detto, beh, sai, il gruppo di persone con cui sono entrato in contatto qui, che sono questi credenti nella libertà e mettono in discussione l’unica fonte della verità, sono tutti per una persona animata, davvero vivace, davvero buona persone … È stato un tale piacere entrare in contatto con questo gruppo di persone, non l’avrei mai saputo davvero, e vedere che hanno tutti uno spirito così straordinario e una tale bontà.

E penso anche all’altra cosa, ho usato la parola “malvagio” un paio di volte qui… Penso davvero di aver usato quella parola nella mia vita… non riesco a pensare… probabilmente ho usato la parola “malvagio” circa una mezza dozzina di volte nella mia vita, fino a poco tempo fa. E non riesco a pensare a nessun’altra parola ora per descrivere cosa sta succedendo.

Dico alla gente, il male non è il diavolo con le corna e la coda e il mostro… il male, è… sta sorridendo, è solo andare avanti, solo non fare rumore, solo giocare a palla, lascia che accada. Cioè, è davvero malvagio. Il male ha molte, molte forme, ok?

E il male di cui dobbiamo preoccuparci è il male che sta cercando di convincerci che dovremmo essere separati l’uno dall’altro, dovremmo prendere qualcosa e violare i nostri corpi anche se non lo vogliamo, che dovremmo guardare con sospetto persone che hanno a cuore la propria libertà, che dovremmo essere considerati pericolosi l’uno per l’altro, dobbiamo indossare sempre una maschera o dobbiamo mantenere le distanze.

Questo è davvero… è questo il mondo in cui vogliamo vivere, chi vuole creare il tipo di mondo? Chi vuole vivere in questo tipo di mondo?

Tessa Lena:

Bene, le persone che vogliono creare quel tipo di mondo in cima sono probabilmente molto, molto, molto, molto malate dentro. Penso che sia impossibile indovinare cosa c’è nella loro testa ma… se lo vogliono perché si considerano dei salvatori o se lo vogliono perché gli piace uccidere le persone, non importa perché il risultato finale è più o meno lo stesso se lo accettiamo.

Quindi, per me, la battaglia principale è la battaglia all’interno. E penso che quello che stanno davvero cercando di far fare alle persone sia il tradimento di sé. E questo è una specie di trucco interno perché quando una persona si tradisce, una persona diventa cibo. E poi, si spera che ne esca una sorta di crescita gentile. E questo può comportare un grande dolore. Ma poi, dopo un grande dolore, si spera che ci sia una sorta di soluzione ma…

Dott. Garcia:

Questo è un ottimo punto… stanno cercando di convincerci a tradire noi stessi. E questo torna davvero alla psicologia dell’abusante, vero? Lo stesso genere di cose, solo su larga scala. E dobbiamo lottare contro questo. E credo che vinceremo quella battaglia. Lo faccio davvero. Penso… penso che abbiamo il bene dalla nostra parte!

Sai, siamo persone gentili che cercano di fare la cosa giusta. Cercando di celebrare il meglio dell’umanità, non il peggio, ora il peggio è spaventoso, sospettoso, vendicativo, sbarazzarsi delle persone. E sai, so che conosci la storia, la storia umana, la storia del mondo non è necessariamente una bella fiaba. Ci sono state battaglie come questa in corso, ma sono state su scala più piccola perché gli imperi erano più piccoli.

I luoghi… i locali erano più piccoli. C’erano sempre despoti e tiranni e cose terribili ed estirpazioni e, sai, sai, tutto questo, ma ora siamo di fronte a qualcosa di così globale e così uniforme. È davvero terrificante. Ed è per questo che, per quanto dice RFK Jr. nel suo libro, questa è la nostra… questa è una battaglia per le nostre vite.

Questa potrebbe essere la battaglia per tutte le nostre vite, per tutto il nostro tempo e, e questo non è il momento di sedersi ed essere complici.

Mi piace essere ricordato di più per i miei scritti, davvero, i miei romanzi. Vorrei che la gente li leggesse, più di ogni altra cosa. Perché penso che siano… io sono davvero la maggior parte… immagino il meglio di me. Il meglio di me è in questi scritti, nelle mie poesie, nei miei romanzi, in queste creazioni artistiche. E… e spero che… spero che loro… spero che le persone li controllino e li leggo ad un certo punto, e… e spero che loro stessi si impegnino in imprese creative!

Io sempre… sono arrivato alla conclusione lavorando e come ho fatto in analisi e, e i ragazzi di Curtis, sai, le persone a meno che non coltivi alcuni elementi di creatività dentro di te, la vita sarà un’esperienza molto più povera. Ma se puoi, se puoi farlo, e tutti sono creativi in ​​qualche modo, tutti abbiamo i nostri modi diversi di essere creativi.

Questa è davvero l’essenza della gioia di vivere. Questa è la gioia di vivere e amare, la creatività e il gioco. Queste sono funzioni essenziali dello spirito umano.

Tessa Lena:

Devo essere d’accordo Bene, grazie ancora per essere un essere umano così meraviglioso e coraggioso con così tanti talenti. Bene, ultima domanda. Allora, dove le persone possono trovare maggiori informazioni su di te o mettersi in contatto con te se vogliono parlare con te? Quindi, un sito web…?

Dott. Garcia:

Possono solo… possono semplicemente inviarmi un’e-mail, tutto qui. Possono inviarmi un’e-mail se vogliono. Ho un sito web che non ho mai… non ho aggiornato il mio sito web in pochi anni che… dove si trovano le mie poesie ma possono mandarmi email e io posso inviare loro link a cose e cosa no.

Tessa Lena:

Bene, grazie ancora, è stato meraviglioso parlare con te, e forse ci riparleremo e…

Dott. Garcia:

Grazie mille e grazie ancora per il lavoro che stai facendo, davvero… Mi è piaciuto molto leggere i tuoi pezzi, sono fantastici. E da giovane con un tale spirito e tale articolarità, è un… è davvero un’ispirazione. Così …

Tessa Lena:

Grazie, ugualmente.

Dott. Garcia:

Grazie mille, Tessa!

Tessa Lena:

Grazie. Ciao ciao.


Sull’autrice

Per scoprire di più sul lavoro di Tessa Lena, assicurati di controllare la sua biografia, Tessa Fights Robots.

Dr. Joseph Mercola


Disclaimer: il contenuto di questo articolo si basa sulle opinioni del Dr. Mercola, se non diversamente specificato. I singoli articoli si basano sulle opinioni del rispettivo autore, che conserva i diritti d’autore come contrassegnati. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire un rapporto individuale con un operatore sanitario qualificato e non istituire un consiglio medico. È inteso come una condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza del Dr. Mercola e della sua comunità. Il Dr. Mercola ti incoraggia a prendere le tue decisioni sanitarie sulla base della tua ricerca e in collaborazione con un professionista qualificato sanitario. In caso di gravidanza, allattamento, assunzione di farmaci o condizioni mediche, consultare il proprio medico prima di utilizzare prodotti su questo contenuto


I canali dei social media stanno limitando la di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo che mostra gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: