Il Portogallo ammette che sta razionando il cibo

Source: March 14, 2022; articolo di Cap Allon

  • La Grecia batte il record nazionale di bassa temperatura;
  • Storica nevicata sulle spiagge turche;
  • Gli Stati Uniti stabiliscono centinaia di nuovi record di freddo mentre il ciclone bomba colpisce l’est;
  • Il Portogallo ammette che sta razionando il cibo
  • Un forte e poco profondo terremoto M6.7 colpisce vicino alla costa di Sumatra occidentale, in Indonesia
  • Previsioni meteo per l’Italia – 14/20 Marzo

La Grecia batte il record nazionale di bassa temperatura

Le letture della temperatura alle doline/doline potrebbero non essere ufficialmente accettate nei registri dei climatologici, ma ieri, 13 marzo, il termometro alla dolina greca di Vathistalos/Mt. Il Parnasso (1780 m) è precipitato a -28,1°C (-19℉), un nuovo minimo storico per il paese nel mese di marzo.

I grafici sottostanti (meteo.gr) tracciano la temperatura e la velocità del vento alla dolina. Nota il tuffo di 13°C in appena un’ora, correlato all’arresto del vento:

La temperatura scende a -28,1°C….

…quando la velocità del vento diminuisce.

I minimi storici hanno colpito l’Europa sudorientale e il Medio Oriente negli ultimi giorni. Lo stesso si può dire anche per tutta l’Europa dell’Est. Sabato 12 marzo è stata un’altra fredda mattina da record: il Montenegro ha subito -30.1°C (-22℉) a Kosanica; La Serbia ha segnato -27,8°C (-18℉) a Karajukica Butari; La Turchia ha tremato con minimi di -24,6°C (-12.3℉); La Bulgaria ha osservato -24,2°C (-11.6℉); mentre la Bosnia ha visto -17,8°C (-0.04℉).


Storica nevicata sulle spiagge turche

Anche la neve di fine stagione sta cogliendo di sorpresa molti europei.

Le recenti gelate e raffiche di vento in Turchia, ad esempio, hanno ricordato i ricordi dell’evento da record del marzo 1987. Di seguito è riportato il filmato di Anamur, nel sud della Turchia, dove la neve è un evento estremamente raro; infatti vi si sono notate accumuli in una sola precedente occasione: il febbraio del 1983.

Le pecore possono belare alla cieca il “cambiamento climatico” quanto vogliono, ma quale meccanismo meteorologico reale propongono sta facendo cadere la neve sulle spiagge della Turchia meridionale a metà marzo, o addirittura porre una domanda del genere è considerata un’eresia all’interno del loro culto…?

Come nel marzo del 1987, la neve di fine stagione odierna sta cadendo durante un periodo di bassa attività solare, ed è questo il meccanismo che sto proponendo: durante i periodi di ridotta produzione solare la corrente a getto perde energia, il suo solito stretto Il flusso zonale ritorna a un flusso meridionale debole e ondulato e questo flusso ondulato può trascinare il freddo polare fino a latitudini insolitamente basse (come Grecia, Turchia e Medio Oriente) o, al contrario, può attirare aria calda tropicale in modo anomalo nell’estremo nord.

Il grafico sottostante invece rivela lo stato dell’attività solare durante il 1987, l’ultima volta che le coste turche hanno visto nevicate a metà marzo:

L’anno 1987 rientra nel minimo solare del ciclo 21 [swpc.noaa.gov]

E mentre marzo 2022 non è tecnicamente nella morsa di un minimo solare, è all’interno dei due cicli solari più deboli degli ultimi 200 anni (dal minimo di Dalton). Di seguito sono riportati questi due cicli recenti (24 e 25) confrontati con i cicli più deboli dopo Dalton (12, 13, 14 e 16), che ci portano dal 1878 al 1933 (e quindi include anche The Centennial Minimum):

Ho anche incluso i cicli solari da 5 (il minimo di Dalton) fino all’inizio di 25 (mostrato sotto).

SC25 sta attualmente monitorando SC24, cosa che secondo la maggior parte delle previsioni avrebbe; tuttavia, non dovremmo ignorare i pochi valori anomali che prevedono che il ciclo riprenderà da qui (vedi “L’evento di cessazione”). Ma indipendentemente da come si svolge esattamente l’SC25, ho sempre sostenuto che l’SC26 sarà l’inizio del prossimo Grand Solar Minimum vero e proprio, quindi durante i primi anni ’30.


Gli Stati Uniti stabiliscono centinaia di nuovi record di freddo mentre il ciclone della bomba colpisce l’est

Una debole e ondulata corrente a getto meridionale è precipitata in profondità nel CONUS durante il fine settimana, abbattendo parametri di riferimento di lunga data sia per il freddo che per la neve.

A partire dai record di bassa temperatura, l’animazione di seguito da coolwx.com dipinge la scena. Mostra che nelle ultime 24 ore (fino alle 07:00 UTC del 14 marzo) centinaia di nuovi record sono stati avvicinati, eguagliati o infranti:

Le forti nevicate e i forti venti hanno causato condizioni di quasi bufera di neve in un’area del nord-est sabato, con avvisi di bufera di neve attivi per molti, anche alle Blue Ridge Mountains della Virginia per la prima volta dal 2016.

Rockwood, nel Maine, situato vicino al centro dello stato, è stato tra i punti più nevosi in tutta la regione con 35.6cm (14in) di caduta da venerdì a sabato; Readsboro, Virginia, situato vicino al confine tra Vermont e Massachusetts, è arrivato secondo con 28.7cm (11,3in) di accumulazione; e Mosca, appena fuori Scranton, in Pennsylvania, ha conquistato il terzo posto con 27.9cm (11in) di neve.

Storicamente è stato nevoso anche in Alaska.

Tok, che si trova nell’interno sud-est, ha ricevuto altri 33cm (13in) questa settimana, portando il totale della stagione a oltre 23cm (9in), che, come sottolineato dallo “specialista del clima” Rick Thoman su Twitter, è molto più di qualsiasi altro inverno mai registrato:

Anche la massa di neve per l’intero emisfero settentrionale continua a essere eccezionalmente forte, ancora a circa 250 Gigaton al di sopra della norma 1982-2012:

[FMI]

Il Portogallo ammette che sta razionando il cibo

I produttori nazionali portoghesi hanno ammesso il razionamento alimentare, con aumenti dei prezzi del 30% previsti nei prossimi giorni. “Siamo in una situazione di emergenza alimentare che non ricordo di aver vissuto”, ha affermato Eduardo Oliveira e Sousa, presidente della Confederazione portoghese dell’agricoltura (PAC).

«Oltre a un aumento dei prezzi, ci sarà una carenza di prodotti, che porta alla speculazione, che a sua volta porta a un ulteriore aumento. È impossibile sapere fino a che punto arriverà la salita. Lo stock di alcuni prodotti, come la farina per pasta, è così basso che tra un mese o due potremmo dover andare al razionamento come avveniva negli anni ’70.»
Eduardo Oliveira e Sousa

Sousa vede anche gli agricoltori rinunciare a coltivare varie colture stagionali, come mais, ortaggi e alcuni frutti, a causa dei costi di produzione in aumento. Gli agricoltori, i produttori di carne, gli allevatori di latte, i fornai, gli allevatori di pollame e tutte le industrie del settore alimentare non hanno mai visto o sperimentato nulla di simile ai problemi che si sono accumulati contro di loro, riferisce portugalresident.com.

Il direttore generale dell’Associazione portoghese delle aziende di prodotti di marca, Pedro Pimentel, prevede “uno scenario identico alle code alle stazioni di servizio, con persone che acquistano in anticipo prodotti non deperibili”. E il presidente del Banco alimentare contro la fame ha avvertito che “la povertà alimentare raggiungerà un livello che non vedevamo da anni”.

Questi problemi non sono solo limitati al Portogallo, ovviamente: la carenza e l’inflazione paralizzante stanno dilagando in tutto il mondo. Vale anche la pena accettare qui, e qualcosa da cui i media aziendali stanno cercando di distrarci, è che questi sono problemi che precedono da tempo la guerra in Ucraina. Questa catastrofe è in gioco da anni, addirittura decenni. È completamente orchestrato. E uno, almeno secondo me, che si sta avvicinando alla fine del gioco… fare scorta di cibo…


Un forte e poco profondo terremoto M6.7 colpisce vicino alla costa di Sumatra occidentale, in Indonesia

Source: March 13, 2022; Posted by Teo Blašković

Un terremoto forte e poco profondo registrato dall’USGS come M6.7 ha colpito vicino alla costa di Sumatra occidentale, in Indonesia, alle 21:09 UTC del 13 marzo 2022. L’EMSC segnala M6.6 a una profondità di 20 km (12,4 miglia), BMKG M6.9 a una profondità di 25 km (15,5 miglia). Il sisma ha colpito appena quattro minuti dopo la M6.4 al largo della costa di Luzon, nelle Filippine.

L’epicentro si trovava a circa 168 km (104 miglia) a ovest di Pariaman (92.183 abitanti) e 196 km (122 miglia) a ovest di Padang (840.352 abitanti), Sumatra occidentale, in Indonesia.

Ci sono circa 50.000 persone che vivono nel raggio di 100 km (62 miglia).

Si stima che 16.000 persone abbiano sentito forti scosse, 38.000 moderate e 5.959.000 leggere. Non c’è alcuna minaccia di tsunami da questo terremoto, ha detto BMKG.

L’USGS ha emesso un avviso verde per vittime e perdite economiche legate allo scuotimento. C’è una bassa probabilità di vittime e danni.

Nel complesso, la popolazione di questa regione risiede in strutture vulnerabili alle scosse sismiche, sebbene esistano strutture resistenti. I tipi di edifici vulnerabili predominanti sono in mattoni non armati con pavimento in cemento e telaio prefabbricato in cemento con costruzione a parete.

I recenti terremoti in quest’area hanno causato rischi secondari come frane che potrebbero aver contribuito alle perdite.

Image credit: TW/SAM, Google
Esposizione stimata della popolazione allo scuotimento del terremoto
Città selezionate esposte
Sismicità regionale

Previsioni meteo per l’Italia – 14/20 Marzo

Pubblicato da admin il 14 Marzo 2022

Analisi sinottica

Persiste sul quadrante europeo una situazione di “blocco a Omega” per la presenza di una vasta cellula anticiclonica che esprime i suoi massimi di geopotenziale tra la Polonia e il Mar Baltico, e assume caratteristiche termiche sull’area del Mar Nero per la concomitante discesa di aria fredda dalla Russia e dalle steppe kazake. Più ad ovest una saccatura quasi-stazionaria si spinge dalle isole britanniche fino in direzione delle Canarie innescando una risalita di aria molto mite in direzione della Groenlandia. Il contrasto con il blocco di aria gelida preesistente sull’Artico canadese genera una profondissima depressione a ovest dell’Islanda con valori al suolo prossimi a 930 hPa, bufere di neve, raffiche di vento fino a 160 kmh e onde alte oltre 12 metri su una vasta area dell’Atlantico settentrionale (Fig.1).

L’evoluzione sinottica nei prossimi giorni si presenta piuttosto complessa: la saccatura atlantica evolverà in minimo chiuso di geopotenziale per la strenua opposizione della cellula europea, trovando una via di fuga in senso zonale attraverso il Nordafrica. In modo concomitante la cellula atlantica si estenderà verso levante entrando in fase con quella europea e innescando una ulteriore avvezione di aria fredda continentale in direzione del Mediterraneo centrale con coinvolgimento dell’Italia, segnatamente nei settori adriatici e meridionali.

L’interazione tra la depressione nordafricana e l’avvezione fredda continentale lascia margini di incertezza piuttosto elevati sul medio termine. Come del resto è normale che accada in questo periodo dell’anno in cui sono forti i contrasti tra le masse d’aria gelida di provenienza polare e il riscaldamento precoce delle latitudini subtropicali legato al crescente irraggiamento solare.

La settimana sull’Italia sarà caratterizzata da condizioni del tempo in prevalenza stabili, specie nella prima parte, con schiarite anche ampie al Meridione e sui versanti adriatici e qualche annuvolamento sul Nordovest e versanti tirrenici per lo scorrimento di aria umida dai quadranti meridionali. Sul finire della settimana l’afflusso di aria fredda dai Balcani portera’ una diminuzione sensibile delle temperature su tutte le regioni e condizioni di maltempo che al momento paiono limitate alle regioni meridionali e in particolare alla Sicilia.


Consigli per il Rescue Team

Siccità al Nord, freddo “insolito” al Sud dovuto allo sfascio climatico. Freddo ovviamente tutt’altro che insolito giacché le ondate di gelo tardive in chiusura di inverno rappresentano un classico del clima mediterraneo.


Previsioni per la settimana

Lunedì nuvoloso su Toscana e Nordovest per scorrimento di aria umida in risalita dal Nordafrica ma con basse probabilità di precipitazioni, comunque deboli e isolate. Sul resto del Paese generali condizioni di tempo stabile e soleggiato.

Temperature in leggero aumento al Nord e al Centro. Scirocco in intensificazione sui bacini di ponente.

Martedì nuvoloso al Nord, segnatamente settori alpini e prealpini, in assenza di precipitazioni significative. Altrove generali condizioni di bel tempo.

Temperature in aumento. Scirocco moderato sui bacini di ponente.

Mercoledì generali condizioni di bel tempo su tutto il Paese con addensamenti nuvolosi nei bassi strati tra la Toscana e le regioni di Nordovest. Tendenza ad aumento della nuvolosità alta e sottile sui versanti tirrenici.

Temperature in ulteriore aumento sulla Sicilia. Scirocco sostenuto su canali di Sardegna e Sicilia.

Giovedì generali condizioni di cielo parzialmente nuvoloso su tutte le regioni. Addensamenti nuvolosi più intensi sulle isole maggiori con possibilità di isolate precipitazioni.

Temperature in diminuzione al Nord e versanti adriatici. Irrompe il grecale, sostenuto, su tutti i bacini.

Venerdì aumento della nuvolosità al Meridione con i primi rovesci tra la Sicilia e le regioni ioniche peninsulari. Parzialmente nuvoloso al Centro, ampie schiarite al Nord.

Temperature in ulteriore diminuzione, specie sui versanti adriatici. Venti forti di grecale.

Sabato e Domenica nuvolosità e fenomeni in spostamento retrogrado dallo Jonio al Tirreno meridionale con rovesci, temporali e nevicate che si attardano sulla Sicilia dove saranno possibili anche fenomeni intensi e persistenti. Livello di incertezza previsionale ancora molto elevato.

Temperature in ulteriore diminuzione


I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno stanno stanno RAFFREDDANDO in linea con la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i raggi cosmici che nucleano le nuvole e una corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare, se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un grande minimo solare ‘in piena regola’ alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare (25) come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con i precedenti spegnimenti solari periodi prolungati di raffreddamento globale qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che il Beaufort Gyre potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


I canali dei social media stanno limitando la di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo che mostra gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: