Grano, tutti gli occhi sul Brasile

Source: March 17, 2022; articolo di Cap Allon

  • L’Artico si è riscaldato durante periodi di raffreddamento “globale”;
  • Il vulcano Bezymianny è esploso a 11582mt (38.000ft);
  • Con il raccolto di grano ucraino ridotto, tutti gli occhi si rivolgono al Brasile
  • Meteo Italia, venerdì 18 marzo piogge nelle Isole e al Sud. Aria fredda in arrivo

L’Artico si è riscaldato durante periodi di raffreddamento “globale”.

Il Sole sembra scivolare nel suo prossimo ciclo del Grande Minimo Solare (GSM), un incantesimo multi-decennale di ridotta produzione solare in cui il disco solare può essere privo di macchie solari per mesi o addirittura anni alla volta.

I risultati iniziali sul clima terrestre saranno una violenta oscillazione tra gli estremi in cui intense esplosioni di calore perdureranno in un’area mentre un freddo da battere i denti dominerà nelle vicinanze, e poi queste regioni cambieranno: sarà questo taglio e cambiamento imprevedibile che accelererà il fallimento dei nostri moderni sistemi di produzione alimentare, i raccolti falliranno su larga scala e ne deriverà la carestia.

La temperatura complessiva della Terra tende a più fredda durante un GSM in linea con la produzione decrescente del Sole; tuttavia, non TUTTE le regioni sperimentano il freddo. Come nel caso del precedente GSM (il Maunder Minimum 1645-1715), aree come l’Artico, l’Alaska e la Groenlandia meridionale/N. L’Atlantico si è effettivamente riscaldato durante periodi di raffreddamento altrimenti “globale” – La NASA rivela il fenomeno nella sua mappa di ricostruzione della temperatura minima di Maunder:

Cambiamento di temperatura tra il 1780 (un anno di normale attività solare) e il 1680 (un anno entro le profondità del minimo di Maunder) — NASA.

La storia si ripete.

L’Artico sembra effettivamente riscaldarsi ancora una volta, ma questo riscaldamento è in linea con la produzione solare storicamente bassa che il nostro pianeta sta ricevendo (e il suo impatto sulla corrente a getto) piuttosto che in relazione alle escrezioni di CO2 del tutto irrilevanti dell’uomo:

Guarda anche:


Il vulcano Bezymianny è esploso a 11582mt (38.000ft)

Negli ultimi anni gli scienziati sono sempre più preoccupati per il comportamento insolito dei vulcani lungo la penisola russa di Kamchatka. E questa settimana arriva un forte aumento a Bezymianny…

Una serie di flussi piroclastici continuano oggi, riferisce vulcanodiscovery.com, e i pennacchi di cenere, separati dalle correnti di densità piroclastica (dette anche nubi di fenice), sono stati confermati dal Volcanic Ash Advisory Center (VAAC) di Tokyo che sono aumentati a ca. 38.000 piedi (11,6 km).

Bezymianny si trova nella parte centrale del gruppo Klyuchevskaya, sul versante sud-est del vulcano spento Kamen. È un alto stratovulcano con una storia eruttiva costellata di VEI 2 e 3. Le informazioni fornite da tass.com rivelano che Bezymianny in realtà significa “senza nome” e anche che il vulcano era considerato estinto prima della sua potente eruzione VEI 5 ​​nel 1955, un evento che ha abbassato la cima della montagna di 280 m (da 3.080 a 2.800 metri).

Le eruzioni vulcaniche sono una delle forze chiave che guidano la Terra nel suo prossimo periodo di raffreddamento globale. Il loro aumento mondiale è legato alla bassa attività solare, ai buchi coronali, a una magnetosfera in declino e all’afflusso di raggi cosmici che penetrano nel magma ricco di silice.

L’eruzione di Hunga Tonga del 15 gennaio ha sparato particelle attraverso la stratosfera e nella mesosfera; a 36 miglia su, è stata la più alta eruzione vulcanica mai registrata. Quei particolati sono ora “intrappolati” nell’atmosfera superiore dove si prevede che raffreddino il pianeta fino a 0,3°C.


Con il raccolto di grano ucraino ridotto, tutti gli occhi si rivolgono al Brasile

I problemi meteorologici del Sud America erano la storia più importante nei mercati dei cereali e dei semi oleosi prima del conflitto Russia-Ucraina. E ora tutti gli occhi sono tornati di nuovo sul continente con la speranza che il Brasile, in particolare, possa placare i problemi di sicurezza alimentare globale tra l’arresto delle esportazioni del Mar Nero e una stagione di semina ucraina ostacolata.

Sfortunatamente, tuttavia, il Brasile sta attualmente subendo le peggiori perdite di raccolti di soia nella memoria recente; mentre l’Argentina, il principale fornitore di prodotti a base di soia e n. 3 nel mais, è destinata a subire per il secondo anno consecutivo tagli alla resa legati alle condizioni meteorologiche.

L’imminente raccolto di mais in Brasile è ora più importante che mai e gli agricoltori sperano di riprendersi dal disastroso secondo raccolto dell’anno scorso, decimato dalle gelate dopo le storiche gelate che ha colpito la nazione del Sud America. Il paese si aspetta che il secondo raccolto di mais del 2022 aumenterà del 42% rispetto alla catastrofe dello scorso anno, ma questo hopium dipende interamente dalle condizioni meteorologiche.

Le forti perdite di mais del Brasile lo scorso anno hanno ridotto le esportazioni del paese a 21 milioni di tonnellate dai 35 milioni dell’anno prima. I problemi per il secondo raccolto non sono emersi almeno fino a maggio e la gravità non è stata compresa fino a un paio di mesi dopo.

Come accennato in precedenza, le cattive condizioni, in particolare la siccità, hanno portato il raccolto di soia del Brasile del 2022 – ora raccolto al 64% – a essere il peggiore mai registrato, il che, sebbene non abbia segnato esattamente il destino del prossimo raccolto di mais, certamente non promette nulla di buono.

Tutti gli occhi sono puntati sulle modelle, e le modelle, sfortunatamente, tornano ancora una volta “blu” e “viola”:

GFS 2m Temperature Anomalies (C) March 19 [tropicaltidbits.com].
GFS 2m Temperature Anomalies (C) March 19 [tropicaltidbits.com].

Potrebbe esserci un’altra stagione di crescita disastrosamente fredda in programma per il Sud America…? Dovremmo avere un’idea più chiara entro maggio.


Meteo Italia, venerdì 18 marzo piogge nelle Isole e al Sud. Aria fredda in arrivo

17 Marzo 2022 – Redatto da Redazione

Nel fine settimana aria fredda dai Balcani verso la nostra penisola con conseguente nuovo calo delle temperature fino a livelli diffusamente sotto la media

L’indebolimento dell’area di alta pressione presente sull’Italia sta favorendo un ulteriore avanzata della perturbazione n.4 di marzo che tra venerdì 18 marzo e sabato 19 porterà piogge nelle Isole e in alcune zone del Sud. L’arrivo di questa perturbazione sarà anche accompagnato da un’intensificazione dei venti orientali che, dal fine settimana, torneranno a spingere aria fredda dai Balcani verso la nostra penisola con conseguente nuovo calo delle temperature fino a livelli diffusamente sotto la media. Questa nuova fase più da fine inverno che da inizio primavera, dovrebbe continuare anche durante la prima metà della prossima settimana, ma con le correnti fredde maggiormente orientate verso il Centro-Sud.

Seguirà un rinforzo dell’alta pressione accompagnata da aria più mite che determinerà un generale rialzo termico fino a valori più in linea con il periodo in un contesto di stabilità atmosferica. Ancora una volta le simulazioni modellistiche non lasciano intravedere condizioni propizie per precipitazioni rilevanti, specie al Nord dove la siccità non potrà far altro che aggravarsi.

Le previsioni meteo per venerdì 18 marzo

Cielo nuvoloso o molto nuvoloso sulle Alpi, al Nord-Ovest, al Sud e sulle Isole. Maggiori schiarite altrove, ma in un contesto di spiccata variabilità, con una nuvolosità molto irregolare. Piogge sparse sin dal mattino su Sardegna e Calabria, specie nei settori orientali; in mattinata residue piogge anche sulla Sicilia ionica. Dal pomeriggio piogge in estensione a Basilicata e Campania. Al Nord, nel corso della giornata, possibilità di alcune deboli precipitazioni a ridosso delle Alpi centrali e occidentali, lungo le vicine aree pedemontane del Piemonte e della Lombardia e in Alto Adige, nevose sopra i 1600-1800 metri circa.

Temperature massime per lo più in lieve calo ma con valori ancora spesso superiori alla norma, per lo più compresi fra i 12 e i 17 gradi. Venti in prevalenza orientali, da moderati a localmente tesi su alto Adriatico, mari e regioni centro-meridionali, fino a forti attorno alle Isole e in particolare sulla Sicilia. Tramontana da moderata a tesa sulla Liguria. Mari: fino ad agitati il Canale di Sicilia ed il basso Ionio; mossi o molto mossi gli altri bacini, fino a poco mosso l’Adriatico settentrionale e il Ligure sotto costa.

Le previsioni meteo per sabato 19 marzo

Maltempo in Sardegna, con piogge più insistenti sulla parte orientale. Prevalenza di nuvole anche al Sud e in Sicilia, con isolate precipitazioni, specie al mattino, nell’est della Sicilia, in Calabria e nell’Appennino meridionale, con quota neve tra 1200 e 1400 metri. Da poco a parzialmente nuvoloso nel resto del Paese, con più nubi sulle Alpi centro-orientali, dove saranno possibili delle deboli nevicate dai 1500 metri circa.

Temperature in calo, più marcato nei valori minimi al Nord; massime in diminuzione soprattutto sul versante adriatico, al Sud e in Sicilia. Giornata ventosa per forti venti orientali sulle Isole, sul mar Tirreno centro-meridionale e al sui bacini meridionali; deboli o moderati altrove. Mari: molto mossi o agitati i bacini attorno alle Isole e lo Ionio meridionale, anche molto agitato il canale di Sicilia; mossi o molto mossi i restanti bacini.

Resta sintonizzato per gli aggiornamenti.


I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno stanno stanno RAFFREDDANDO in linea con la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i raggi cosmici che nucleano le nuvole e una corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare, se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un grande minimo solare ‘in piena regola’ alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare (25) come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con i precedenti spegnimenti solari periodi prolungati di raffreddamento globale qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che il Beaufort Gyre potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


I canali dei social media stanno limitando la di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo che mostra gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

Ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


Una opinione su "Grano, tutti gli occhi sul Brasile"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: