Education International, ITUC e Global Push

Per iniettare la 4IR e il transumanesimo nelle scuole

Source: March 24, 2022; by John Klyczek

Poiché vengono alimentati i timori della terza guerra mondiale, non bisogna distogliere lo sguardo da Education International, che ha collaborato con il WEF, le Nazioni Unite, Big Tech e altri per forzare il transumanesimo nelle scuole con l’obiettivo di creare la forza lavoro della quarta rivoluzione industriale.


Vi siete mai chiesti perché i più grandi sindacati degli insegnanti degli Stati Uniti d’America, la National Education Association (NEA) e l’American Federation of Teachers (AFT), hanno spinto per la privatizzazione delle scuole pubbliche? Oppure, perché hanno anche spinto attraverso contratti ed-tech con società Big Tech, come Microsoft, Google, Apple e IBM?

Mentre la NEA e l’AFT hanno recentemente giustificato le partnership tra scuole pubbliche e società private ed-tech sulla base del fatto che l’“apprendimento a distanza” virtuale è necessario per proteggere gli studenti dalle infezioni da COVID-19, i sindacati di questi insegnanti hanno una lunga storia di intimità con le aziende Big Tech. Queste stesse aziende Big Tech stanno anche facilitando il materiale didattico necessario per l’istruzione online.

Inoltre, la NEA e l’AFT sono entrambi membri della Global Union Federation (GUF) nota come “Education International” (EI), che nomina delegati al World Economic Forum (WEF), che collabora anche con Microsoft, Google, Apple, e IBM. Considerando queste collusioni corporative amichevoli tra NEA, AFT, EI, WEF e Big Tech, sembra che questi sindacati degli insegnanti nazionali e internazionali stiano sfruttando il panico COVID per spingere attraverso partnership ed-tech pubblico-private con la tecnologia delle aziende multinazionali che stanno guidando la “Quarta Rivoluzione Industriale” (4IR) globalista, guidata dagli oligarchi affiliati al WEF.

Per illustrare. Uno dei presidenti fondatori di EI è stato il presidente dell’AFT Albert Shanker, un membro della Commissione Trilaterale che ha incontrato il capo dell’IBM prima di concettualizzare le società di charter school pubblico-private. Questo si è evoluto nel settore della scuola charter virtuale che da allora ha generato aziende come la K12 Inc., del Segretario all’Istruzione degli Stati Uniti William Bennett. L’altro presidente fondatore di EI era la presidente della NEA Mary Futrell, che ha fatto parte del consiglio di amministrazione di K12 Inc., che Bennett ha commercializzato come conseguenza del Progetto BEST (Basic Education Skills through Technology) del Dipartimento dell’Istruzione degli Stati Uniti. Il progetto BEST era la versione nazionale degli Stati Uniti di un progetto dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’istruzione, la scienza e la cultura (UNESCO) noto come Studio 11, che ha creato l’infrastruttura internazionale di “tecnologia dell’informazione” (IT) per quella che ora è chiamata la Quarta Rivoluzione Industriale. Altri importanti membri NEA e AFT di EI includono attualmente:

30 novembre 2000; Storie orali – Mary Futrell
Julian Bond
ha intervistato Mary Futrell sul suo ruolo di leader e di prima donna afroamericana presidente della National Education Association
.
Seleziona i membri dell’attuale EI Executive Board (ei-ie.org)

Con questi funzionari dell’AFT e della NEA che ricoprono alte cariche presso l’EI sin dall’inizio del GUF, questi sindacati degli insegnanti nazionali statunitensi hanno legato essenzialmente tutti gli educatori sindacalizzati degli Stati Uniti alle politiche globaliste dell’EI in collaborazione con il WEF.

Nel mio precedente articolo per Unlimited Hangout, ho documentato come il WEF abbia dominato i burocrati di EI che dirigono gli ordini di marcia dell’AFT e della NEA insieme ad altre 381 “organizzazioni membri” di EI che comprendono “32 milioni di insegnanti e personale di supporto all’istruzione in 178 paesi e territori”. Più specificamente, il mio rapporto descriveva in dettaglio come il “Great Reset” del WEF è stato commissionato ai burocrati di EI, tra cui Robert Harris, Fred van Leeuwen e Jelmer Evers, che hanno tramandato l’agenda globale del “Reset” ai sindacati nazionali degli insegnanti, come l’AFT e il NEA. Di conseguenza, gli educatori e il personale scolastico vengono spinti a reimmaginare l’apprendimento attraverso innovazioni tecnologiche aziendali orientate alla Quarta Rivoluzione Industriale. Per dirla senza mezzi termini, il mio ultimo articolo, Come Education International sta spingendo i sindacati degli insegnanti nella quarta rivoluzione industriale, ha rivelato come i fili fantoccio dei sindacati nazionali degli insegnanti, tra cui l’AFT e la NEA, sono subordinati da questi agenti EI e controllato dal WEF al vertice della catena di comando tecnocratica.

In questo articolo, esporrò ora come altri due globalisti di EI, David Edwards e Sharan Burrow, collaborano entrambi con il WEF per riunire quasi tutti gli insegnanti sindacalizzati del mondo sotto il monolito GUF di EI, che collabora con la Confederazione sindacale internazionale (ITUC), al fine di radunare i sindacati degli insegnanti locali nella Quarta Rivoluzione Industriale. Come ho notato in precedenza, questa “rivoluzione” viene accelerata dal Great Reset del WEF in coordinamento con i bracci di governance mondiale delle Nazioni Unite (ONU), l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), il Fondo monetario internazionale (FMI) e la Banca Mondiale.

Consolidando apparentemente tutti gli insegnanti e i professionisti dell’istruzione del pianeta sotto l’unico GUF di EI, in coordinamento con l’ITUC, Edwards e Burrow stanno galvanizzando tutti i lavoratori scolastici in una forza lavoro uniforme e unica che marcia di pari passo con le direttive tecnocratiche aziendali di oligarchi globalisti al WEF, all’ONU, all’OCSE, al FMI e alla Banca mondiale. Invece di rappresentare gli insegnanti locali e altri lavoratori scolastici ai tavoli di contrattazione internazionale di queste istituzioni di governance globale, Edwards e Burrow stanno cooptando gli educatori locali coptandoli per il Grande Reset tecnocratico del WEF, che sta accelerando l’introdotta Quarta Rivoluzione Industriale in corso con l’aiuto dell’ONU, dell’OCSE, del FMI e della Banca Mondiale.


“Nuova Normalità”: IA transumanista ed-Tech per il data mining di credito sociale, di David Edwards

Dopo ventiquattro anni di reggenza come Segretario Generale Fondatore di EI, l’accademico olandese Fred Van Leeuwen è stato sostituito dall’ex Direttore Associato NEA David Edwards, un cittadino statunitense che rimane il Segretario Generale di EI fino ad oggi. Ora, in qualità di Segretario Generale di EI, Edwards è membro simultaneo del WEF e ha collaborato con l’OCSE e diversi rami delle Nazioni Unite. A cavallo tra EI e WEF, Edwards ha unito le forze con l’OCSE per promuovere una “nuova normalità” post-COVID in cui l’ed-tech è globalizzata per la quarta rivoluzione industriale. È stato anche collegato a progetti di “impact investment” e “Social Credit” legati all’ONU e al WEF.

Nella sua qualità ufficiale di segretario generale di EI, Edwards ha partecipato alla riunione annuale del WEF del 2019, che ha avviato l’iniziativa del WEF “Preparare la società civile per la quarta rivoluzione industriale”. Secondo la “Società civile al World Economic Forum Annual Meeting 2019 Fact Sheet”, questa iniziativa del WEF-4IR è:

«mirata ad aiutare la società civile ad affrontare le sfide poste dal rapido cambiamento tecnologico. L’iniziativa fornisce una piattaforma multisettoriale per accelerare la pratica tecnologica responsabile e la prontezza futura della società civile attraverso l’apprendimento, la collaborazione e gli investimenti intersettoriali.»

Detto in modo diverso, questa iniziativa WEF-4IR, che ha preso il via all’incontro annuale 2019 con la presenza di Edwards, accelera l’evoluzione delle tecnologie futuriste, inclusa l’ed-tech, attraverso un sistema globalista di capitalismo delle parti interessate in cui gli organi di governo mondiale , come il WEF, le Nazioni Unite, l’OCSE, il FMI e la Banca mondiale, orchestrano partenariati pubblico-privati ​​“multi-settoriali” e “intersettoriali” tra società a scopo di lucro, fondazioni senza scopo di lucro, società finanziarie, agenzie governative, istituzioni educative, organizzazioni “comunitarie” e persino sindacati pubblici e professionali, come EI.

Durante questa stessa riunione annuale del WEF, il segretario generale di EI Edwards ha partecipato a un tavolo di lavoro intitolato Proteggere e responsabilizzare i lavoratori nella quarta rivoluzione industriale. Secondo la “Scheda informativa” dell’incontro annuale del WEF 2019, questo panel “Sessione della comunità della società civile”, moderato dall’ex vicepresidente di EI Sharan Burrow, “ha invitato i partecipanti a riflettere sugli sforzi esistenti dei leader del lavoro e del settore per costruire un futuro per operai della Quarta Rivoluzione Industriale”. In questo panel con Edwards è stato anche lo sceriffo Elsayed-Ali: il “Direttore dell’IA [Intelligenza artificiale] per le buone partnership” presso Element AI.

Durante questo stesso incontro del WEF, Elsayed-Ali ha anche partecipato a un altro panel intitolato “Innovazione responsabile per l’impatto sociale”, che “ha messo in evidenza le esperienze della società civile e dell’industria nei processi guida per una trasformazione digitale responsabile nel loro lavoro di impatto sociale”. Questo panel includeva anche Louise James, che è l’amministratore delegato delle partnership di sviluppo presso Accenture, che sta collaborando con le Nazioni Unite, Microsoft, Mastercard e la Fondazione Rockefeller attraverso il progetto ID2020. Tale progetto mira a creare un sistema mondiale di “ID digitale globale” che tiene traccia dei punteggi di credito sociale finanziati da investimenti a impatto sociale.

In breve, attraverso questo panel del WEF-4IR, il segretario generale di EI Edwards ha esplorato le politiche di pianificazione della forza lavoro tecno-futurista con il collega membro del WEF, Eslayed-Ali, che sta guidando programmi di intelligenza artificiale di impatto sociale in collaborazione con i tecnocrati di Accenture, che stanno costruendo una griglia di identificazione digitale globale. Vale la pena notare qui che ho precedentemente documentato come l’AFT, che è un satellite di EI, ha fatto avanzare i servizi di “trasporto” pubblico-privato della comunità scolastica, inclusi l’inserimento lavorativo, l’assistenza sanitaria e i servizi avvolgenti di prevenzione della criminalità, finanziato da “investimenti a impatto sociale” che tracciano digitalmente gli algoritmi di credito sociale degli studenti attraverso il data mining ed-tech.

L’anno successivo dopo l’incontro annuale del WEF 2019, in un articolo del giugno 2020 pubblicato da OECD Education and Skills Today, il segretario generale di EI Edwards ha sfruttato i blocchi del COVID come un’opportunità per bloccare gli stakeholder del “governo” e del “sindacato” nell’edi-partnership tecnologiche, partnership che facilitano l’infrastruttura di data mining digitale necessaria per la sorveglianza del credito sociale e i mercati degli investimenti a impatto sociale. Indicando l’“interruzione” educativa dei blocchi COVID come una “crisi” che non dovrebbe andare sprecata, Edwards sostiene una “nuova normalità” in cui i “governi” e i “sindacati” degli insegnanti collaborano con le aziende ed-tech per dotare le scuole degli strumenti necessari per trasmettere in ogni momento la “formazione online”:

«La pandemia ha messo in luce le molte inadeguatezze e iniquità nei nostri sistemi educativi, dalla banda larga ai computer necessari per l’istruzione online, attraverso gli ambienti di supporto necessari per concentrarsi sull’apprendimento, fino alle difficoltà riscontrate per allineare le risorse didattiche ai bisogni. Tuttavia, poiché queste iniquità sono amplificate in questo periodo di crisi, questo momento offre anche la possibilità che non torneremo allo status quo quando le cose torneranno alla “normalità”. Governi e sindacati possono agire insieme ed è la natura di questi risposte collettive e sistemiche alle interruzioni che determineranno il modo in cui ne siamo colpiti. C’è una chiara strada da seguire.»

Sottolineando la necessità di garantire che tutti gli studenti abbiano un accesso equo alle tecnologie virtuali dell’“istruzione online” nella “nuova normalità”, anche dopo la scomparsa di qualsiasi giustificazione epidemiologica, l’articolo dell’OCSE di Edwards invita apparentemente gli amministratori governativi e gli insegnanti sindacalizzati a prendere “un percorso chiaro”. Tale percorso prevede il “potenziamento” delle scuole con le reti ed-tech e di identificazione digitale necessarie per estrarre dati dai risultati degli studenti per il finanziamento dell’impatto sociale nell’economia del credito sociale della quarta rivoluzione industriale.

Va notato qui che l’OCSE ha guidato gli sforzi per stabilire standard internazionali per gli scambi multinazionali di materiale didattico in coordinamento con il Dipartimento dell’Istruzione degli Stati Uniti sotto l’egida del Segretario aggiunto di Ed, Donald Senese, che ha frequentato nel 1984 un Centro dell’OCSE per la ricerca e l’innovazione educativa conferenza durante lo svolgimento del Progetto BEST e dello Studio 11 dell’UNESCO, che ha posto l’infrastruttura IT globale per la Quarta Rivoluzione Industriale.

A dire il vero, più recentemente, nell’aprile del 2021, Edwards ha pubblicato un articolo di EI, On Edtech, the Public Good, and Democracy, che critica l’espansione dell’era COVID delle partnership ed-tech pubblico-privato che aziendalizzano le scuole con prodotti di “intelligenza artificiale” che utilizzano “algoritmi” per estrarre dati dagli studenti. Tuttavia, Edwards ammette che “[a seguito] della pandemia, la nuova tecnologia non scomparirà dalle scuole”.

Pertanto, secondo Edwards, “è urgente selezionare l’esperienza, valutare l’impatto e misurare gli effetti positivi e negativi”. Naturalmente, Edwards riconosce che:

«se adattare l’istruzione all’impatto del COVID-19 accelera l’integrazione a lungo termine delle aziende di tecnologia ed informatica nell’infrastruttura dell’istruzione, ciò potrebbe avere un impatto duraturo.»

Di conseguenza, Edwards ammette che “separare il ‘buono’ dal ‘cattivo’ può essere difficile come riordinare un uovo”. Ovviamente, basandosi su questa analogia, è del tutto impossibile decodificare un uovo, il che significa che possiamo interpretare l’analogia di Edwards come la sua rassegnazione al fatto che la quarta rivoluzione industriale nell’IA ed-tech si tradurrà inevitabilmente in un certo grado di corporativizzazione tecnocratica che non può essere evitata. A sua volta, Edwards decide che il futuro dell’istruzione nell’era post-COVID deve essere guidato dall’industria della tecnologia dell’istruzione fintanto che “gli educatori attraverso i loro sindacati sono al tavolo quando la politica [ed-tech] viene discussa, sviluppata e decisa”. Tuttavia, come ho notato durante la mia serie “Insegnamento” per UnlimitedHangout, questi sindacati difficilmente rappresentano le esigenze dei singoli insegnanti e sono invece dominati dai loro numerosi legami con Big Tech e le istituzioni di governance globale.

Allo stesso modo, questo articolo di EI fa eco a una dichiarazione congiunta scritta dal Segretario Generale di EI Edwards insieme ad Audrey Azoulay, che è il Direttore Generale dell’UNESCO; Henrietta Fore, che è stata direttrice esecutiva del Fondo internazionale di emergenza per l’infanzia delle Nazioni Unite (UNICEF); e Guy Ryder, che è il Direttore Generale dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), che è la prima e più antica “agenzia specializzata” delle Nazioni Unite.

Pubblicata dall’UNICEF nell’ottobre del 2020, questa dichiarazione congiunta di Edwards e dei suoi compagni delle Nazioni Unite proclama che:

«Al fine di creare una forza lavoro degli insegnanti più resiliente in tempi di crisi, tutti gli insegnanti dovrebbero essere dotati di competenze digitali e pedagogiche per insegnare a distanza, online e attraverso l’apprendimento misto o ibrido, in ambienti ad alta, bassa o senza tecnologia. I governi dovrebbero garantire la disponibilità dell’infrastruttura digitale e della connettività ovunque, anche nelle aree rurali e remote. . . . Chiediamo ai governi. . . . coinvolgere gli insegnanti e le loro organizzazioni rappresentative nella risposta educativa e nella ripresa dal COVID-19.»

Come l’articolo EI del 2021 di Edwards, questa dichiarazione congiunta EI-ONU chiede a “governi” e “insegnanti” di coordinare le riforme della “forza lavoro” educativa che “aggiornano” le scuole del mondo con una “connettività” Internet onnipresente collegata alla tecnologia digitale che trasmette curricula di “apprendimento misto o ibrido” attraverso piattaforme online che trasmettono l’istruzione virtuale anche nelle “aree rurali e remote”, o più isolate.

Va notato che il segretario generale di EI Edwards e i suoi compari delle Nazioni Unite hanno intitolato questa proclamazione dell’UNICEF come “Insegnanti: imparare in crisi, reinventare il futuro”, che invoca la campagna di emergenza COVID reimmagina l’educazione della Bill and Melinda Gates Foundation. Quella campagna sostenuta da Gates ha lanciato partnership ed-tech pubblico-private in collaborazione con il Bilderberger Eric Schmidt, che è un Technical Advisor presso la società madre di Google: Alphabet Inc.

Nei miei ultimi due articoli di Activist Post, ho documentato come l’iniziativa Gates-Google “Reimagine”, che è stata ripetuta a pappagallo da Edwards e dai suoi quadri delle Nazioni Unite, sta creando reti ed-tech in grado di aggregare “analisi dell’apprendimento” cognitivo-comportamentale e socioemotivo in algoritmi di credito sociale programmati per limitare l’accesso di uno studente ai servizi pubblici e ai mercati commerciali in base ai suoi “punteggi sociali” psicometrici.

Anche prima dell’espansione COVID di ed-tech, Edwards faceva da mentore al suo collega tecnocrate EI, Jelmer Evers, che è stato coautore di un libro del 2018 intitolato Teaching in the Fourth Industrial Revolution: Standing at the Precipice, sponsorizzato da UNESCO, WEF e affiliati, tra cui Irina Bokova, che era la direttrice generale dell’UNESCO; Fernando M. Reimers, membro della Commissione internazionale dell’UNESCO sul futuro dell’educazione; Sunny Varkey, che è stato ambasciatore di buona volontà dell’UNESCO per i partenariati educativi; e Vikas Pota, che ha fatto parte della classe 2013 di Young Global Leaders del WEF.[1] Nel preludio “Ringraziamenti” all’insegnamento nella quarta rivoluzione industriale, l’attivista di EI Jelmer Evers “ringrazia il segretario generale di EI David Edwards e il segretario generale emerito di EI Fred van Leeuwen e tutti i colleghi [di Evers] a Education International” per aver contribuito a “ispirare” i contributi di Evers a questo libro di Routledge.[1]

Spinto in parte dalle intuizioni di Edwards, Teaching in the Fourth Industrial Revolution promuove l’ed-tech transumanista che utilizza “AI”, “biotecnologie”, “eurotecnologie”, “nanotecnologie”, “robotica” e altri “tecnologia impiantabile” che integra il “machine learning” attraverso i “Big Data” legati all’“Internet of Things”.[1]

Vale la pena notare qui che la “Prefazione” a questo libro è stata scritta nientemeno che dal fondatore e presidente esecutivo del WEF, Klaus Schwab,[1] che ha propagandato le presunte meraviglie della tecnologia transumanista 4IR che, secondo lui, “si con-fonderà . . . le nostre identità fisiche, digitali e biologiche”.

World Economic Forum Founder Klaus Schwab on the Fourth Industrial Revolution

Per riassumere, in collaborazione con il WEF, l’OCSE e le Nazioni Unite, il Segretario generale di EI Edwards ha coordinato gli sforzi internazionali per convertire gli insegnanti sindacalizzati in manager tecnocratici di programmi di studio digitali dalla scuola al lavoro, progettati per formare la competenza degli studenti per la forza lavoro hi-tech nell’economia del Credito Sociale “finanziata dall’impatto” della 4RI transumanista.


Sharan Burrow e la connessione EI-ITUC: Un nuovo ordine mondiale

Vicino all’apice della catena di comando di EI, al di sopra dello status di Segretario generale di Edwards, c’è un’australiana di nome Sharan Burrow, che ha regnato come vicepresidente di EI dal 1995 al 2000. Dopo il suo incarico di vicepresidente di EI, Burrow, che è stata la Presidente dell’Australian Council of Trade Unions, è diventato presidente di un’altra Federazione sindacale globale: la Confederazione internazionale dei sindacati liberi (ICFTU). Burrow ha ricoperto la presidenza dell’ICFTU dal 2004 al 2006, quando l’ICFTU si è fusa con la Confederazione mondiale del lavoro (WCL) per formare una nuova GUF, la Confederazione sindacale internazionale (ITUC). All’ITUC, è stata nominata Presidente fondatore. Nel 2010, Burrow è passato da Presidente fondatore dell’ITUC a Segretario generale dell’ITUC. Ad oggi, Burrow rimane il Segretario Generale dell’ITUC, che è un affiliato di EI poiché entrambi i GUF sono membri del Council of Global Unions (CGU) e del Trade Union Advisory Committee dell’OCSE.

Intanto Burrow ha parlato al G20; ha fatto parte dell’organo direttivo di ILO; ha ricoperto diversi incarichi di prestigio presso il WEF; e ha collaborato con l’ONU, la Banca Mondiale e il FMI. Con la sua rete di connessioni a questi pilastri della governance mondiale, della finanza internazionale e delle Federazioni sindacali globali, come EI e ITUC, Burrow ha riunito gli insegnanti intorno alle innovazioni ed-tech orientate al data mining del credito sociale e all’impatto sociale che investe nella Quarta rivoluzione industriale.

Nel 2016, Burrow è stato presidente della riunione annuale del WEF, intitolata “Padroneggiare la quarta rivoluzione industriale”. I co-presidenti di Burrow includevano Satya Nadella, presidente e CEO di Microsoft; Hiroaki Nakanishi, presidente e amministratore delegato di Hitachi; e Tidjane Thiam, CEO di Credit Suisse in Svizzera; Mary Barra, presidente e amministratore delegato di General Motors; e Amira Yahyaoui, fondatrice dell’iniziativa Global Shapers Community del WEF. Presagendo la proliferazione della realtà virtuale post-umana nella Quarta Rivoluzione Industriale, questo incontro annuale del WEF ha presentato in anteprima “un film di realtà virtuale [VR], Collisions, supportato dal Sundance Institute, dalla Ford Foundation e da Jaunt VR”. In un’altra sessione intitolata Robots in Action, il WEF ha offerto una “mostra interattiva” in cui i membri della conferenza potevano “confrontarsi con esperti di intelligenza artificiale . . . concentrandosi sulla collaborazione uomo-robot”.

In un “Foglio informativo per i media” per questo incontro annuale 2016, il WEF ha accolto con favore l’evoluzione tecno transumanista della Quarta Rivoluzione Industriale:

«Basato su un Internet onnipresente e mobile, sensori più piccoli e più potenti, nonché intelligenza artificiale e apprendimento automatico, la Quarta Rivoluzione Industriale si distingue per la velocità, la scala e la forza con cui trasforma interi sistemi di produzione, distribuzione, consumo — e forse l’essenza stessa della natura umana.»

In breve, Burrow e altri tecnocrati corporativi hanno co-presieduto questo incontro fondamentale del WEF-4IR per sostenere il progresso post-umano delle tecnologie robotica e VR programmate con l’apprendimento automatico dell’intelligenza artificiale che potrebbe evolvere fusioni “uomo-robot” attraverso “potenti sensori” che potrebbe alterare “l’essenza stessa della natura umana”.

A tutta velocità, Burrow ha spinto il Great Reset del WEF per accelerare la Quarta Rivoluzione Industriale. Nel giugno 2020, Burrow ha dato il via al Great Reset con il principe Carlo di Galles, il presidente del WEF Klaus Schwab, il capo del FMI Kristalina Georgieva, l’economista capo del FMI Gina Gopinath, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres e gli amministratori delegati di Microsoft e Mastercard. All’inaugurazione del Great Reset da parte del WEF, Burrow ha affermato che la crisi del COVID-19 potrebbe essere utilizzata come “opportunità per progettare un mondo migliore riequilibrando le economie” con nuovi “sistemi tecnologici” attraverso partenariati pubblico-privati ​​tra “entrambe le istituzioni nazionali e multilaterali” in un “quadro sostenibile”.



Nello stesso anno, nel 2020, Burrow è stato un “copresidente” del primo vertice sulla governance della tecnologia globale del WEF, incentrato su Rispondere alla quarta rivoluzione industriale esplorando le possibilità dell’“Intelligenza artificiale”, “Quantum Computing”, “Veicoli autonomi”, “Droni”, “Big Data”, “Internet delle cose (IoT)”, “Blockchain”, “Digital/Cryptocurrencies”, “Cybersecurity”, “Editing genetico” e “Biologia sintetica”. In qualità di co-presidente, Burrow ha collaborato con:

«più di 50 governi e 300 aziende in tutto il mondo. Tra le 600 parti interessate ci sono figure pubbliche di alto livello, responsabili politici, dirigenti ed esperti di: governo, industria, organizzazioni internazionali, start-up, società civile, mondo accademico e media.»

In sintesi, in qualità di Segretario generale dell’ITUC, che è un’affiliata di EI, l’ex vicepresidente di EI Burrow ha guidato il Great Reset del WEF orchestrando la globalizzazione delle parti interessate tecno-fasciste attraverso partenariati pubblico-privato tra multinazionali, governi nazionali, istituzioni accademiche , e sindacati e patronati, compresi i sindacati degli insegnanti. Guidando la globalizzazione delle parti interessate verso il Great Reset del WEF, Burrow ha gettato le basi per un Brave New World di tecnologia transumanista 4IR che alla fine mira a ingegnerizzare geneticamente coloro che sono destinati alla servitù della forza lavoro in un sistema di caste scientifiche huxleyano di risorse umane letterali che possono essere condizionate con ed-tech. Tale ed-tech, come stiamo già vedendo, è collegata a Big Database su computer quantistici programmati con AI, che possono tracciare e sondare gli algoritmi di credito sociale degli studenti attraverso una blockchain IoT.[2]

Attualmente, Burrow è un membro del Global Future Council on Advanced Manufacturing del WEF. L’anno scorso, nel 2021, è stata anche membro del Global Risks Report Advisory Board del WEF insieme ai seguenti membri del WEF Advisory Board:

  • Winnie Byanyima, che ha rappresentato l’ONU come Direttore Esecutivo del Programma congiunto delle Nazioni Unite sull’HIV e l’AIDS (UNAIDS);
  • Al Gore, che ha rappresentato Generation Investment Management (GIM) come Presidente di GIM ed è nel consiglio di amministrazione del WEF;
  • Jonathan Ostry, che ha rappresentato il Fondo monetario internazionale come vicedirettore del dipartimento di ricerca del FMI.

Inoltre, Burrow ha anche servito come Steward di diverse iniziative del WEF, tra cui

Tutte e tre queste piattaforme collaborano con Hewlett Packard Enterprise (HPE), Hewlett Packard Inc. (HP), Microsoft, Salesforce, Gates Foundation, Bank of America e Barclays.

Sia la Platform for Shaping the Future of New Economy and Society, che ora è ribattezzata “Centre for the New Economy and Society” (CNES), sia la Platform for Shaping the Future of Gender, Education and Work, collaborano con Accenture, AT&T , Google, Infosys, LinkedIn, Nokia, PayPal, Bloomberg e il gruppo della Borsa di New York (NYSE). Allo stesso tempo, sia il CNES che la Platform for Shaping the Future of Global Public Goods, ora ribattezzata “Center for Nature and Climate” (CNC), hanno stretto una partnership con Amazon, Dell Technologies, European Investment Bank, Islamic Development Bank, McKinsey & Company, Open Society Foundations e Johnson & Johnson. Nel frattempo, sia la Platform for Shaping the Future of Gender, Education and Work sia il CNC hanno stretto una partnership con Boston Consulting Group.

Separatamente, queste tre “piattaforme” del WEF, che sono state “gestite” dal segretario generale dell’ITUC Burrow; hanno collaborato con le seguenti industrie Big Tech, società multinazionali ed-tech, cartelli Big Energy, aziende biotecnologiche, grandi case bancarie, società finanziarie internazionali , agenzie di consulenza fiscale, fondazioni globaliste esenti da imposta, organizzazioni aziendali senza scopo di lucro e istituzioni di governance mondiale:

  • CNES: Cisco, Coursera, EdCast, IBM, Intel, Verizon, VMware, Zoom, American International Group, Bain & Company, BMO Financial Group, BNY Mellon, Deutsche Bank, Sequoia Capital, Standard Chartered Bank, Visa e Merck;
  • Piattaforma per plasmare il futuro del genere, dell’istruzione e del lavoro: Global Education Management Systems (GEMS Education), Pearson, MIT Initiative on the Digital Economy, Rockefeller Foundation, International Finance Corporation, UBS, ILO e GlaxoSmithKline;
  • CNC: Apple, Huawei Technologies, LanzaTech, Prospera Technologies, SINAI Technologies, Sony, Mitsubishi, China Southern Power Grid, China Energy Investment, African Development Bank Group, Banco Bradesco, Bank of Industry, BlackRock, Citi, CVC Capital Partners, Development Bank dell’Africa meridionale, Gulf International Bank, HSBC, Mastercard, Morgan Stanley, Prudential, Qatar Investment Authority, Rabobank, Standard Bank Group, Standard Chartered Bank, Wellcome Trust, AstraZeneca, Bayer, Biogen, Syngenta, Trace Genomics, Dow Chemical, BP , Chevron, Crescent Petroleum e Royal Dutch Shell.

Per mettere tutto insieme, in qualità di Segretario Generale dell’ITUC, un affiliato di EI, Burrow ha gestito le principali partnership con gli stakeholder del WEF che stanno globalizzando il futuro dei “beni” prodotti attraverso il “lavoro” hi-tech nella “nuova economia” 4IR.

Burrow ha anche rappresentato l’ITUC in diversi panel della Banca mondiale. Inoltre, Burrow ha anche partecipato all’incontro annuale 2018 dell’FMI dove ha tenuto un discorso intitolato “Protezioni sociali nell’era della tecnologia”. Inoltre, Burrow ha fatto parte dello Stakeholder Council della Global Reporting Initiative, una ONG internazionale che facilita il monitoraggio dei dati per le metriche “Environmental, Social, and Governance (ESG)”, che sono orientate al Social Credit Scoring.

Inoltre, nel 2015, Burrow ha tenuto un discorso a una riunione del 2015 dell’ECOSOC delle Nazioni Unite, che ha collaborato con IBM per promuovere gli investimenti a impatto sociale per progetti di sviluppo sostenibile attraverso i “forum aziendali privati solo su invito” di IMPACT Leadership 21:

«Per leader e investitori che cercano soluzioni per raggiungere i propri obiettivi ambientali, sociali e di governance (ESG) attraverso i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite.»

Vale la pena notare qui che, come Burrow, il segretario generale di EI David Edwards è un accanito sostenitore degli SDG delle Nazioni Unite. In particolare, Edwards ha sottolineato la necessità che EI persegua l’SDG 4 delle Nazioni Unite, che promuove la “cittadinanza globale”. In risposta al rapporto Education at a Glance dell’OCSE, Edwards ha affermato che EI “accoglie con favore l’impegno dell’OCSE per l’SDG 4 e per valutarne i progressi”.

Nella mia prima puntata di questa serie Teachnocracy, ho documentato come gli SDG delle Nazioni Unite hanno catalizzato un mercato degli investimenti a impatto da trilioni di dollari collegato a partnership “pay for success” basate sulla comunità, che sono state finanziate da IBM, le filantropie Rockefeller e finanziatori della Commissione Trilaterale. Allo stesso tempo, il mio articolo American Federation of Teachers Sells Out to Rockefellers, Trilateralists, and Big Tech, descrive in dettaglio come l’AFT, che è un satellite di EI, ha anche promesso il suo impegno per la missione dell’UN SDG 4 mentre sostiene per l’impact investing sulla comunità-scuola guidato dall’estrazione di dati del credito sociale degli algoritmi di apprendimento degli studenti.


Non darmi nessun GUF

Per quasi trent’anni, GUF come EI e ITUC sono state guidate da tecnocrati globalisti, come David Edwards e Sharan Burrow, che si divertono entrambi con le istituzioni di governance mondiale, tra cui la Banca Mondiale, il FMI, l’ONU, l’OCSE e il WEF. In qualità di segretari generali rispettivamente di EI e ITUC, l’ex direttore associato della NEA Edwards e l’ex vicepresidente di EI Burrow hanno firmato partnership pubblico-private ed-tech al fine di inaugurare l’economia di “impatto” del credito sociale della Quarta Rivoluzione Industriale Transumanista.

A loro volta, le organizzazioni membri e le organizzazioni affiliate di EI e ITUC, inclusi AFT e NEA, hanno adottato queste direttive ed-tech dalla Banca Mondiale, dal FMI, dall’ONU, dall’OCSE e dal WEF, trasmettendo così queste politiche post-umane di credito sociale ai “32 milioni di insegnanti e personale di supporto all’istruzione di EI in 178 paesi e territori”.

In poche parole, EI, in affiliazione con l’ITUC, ha costantemente radunato gli insegnanti e i dipendenti scolastici di tutto il mondo in una forza lavoro globale tecnocentrica che viene radunata nella Quarta Rivoluzione Industriale sotto gli ordini di marcia pubblico-privato della Banca Mondiale, del FMI, l’ONU, l’OCSE, il WEF e Big Tech. Ad essere sinceri, sembra sempre più che l’EI e l’ITUC, come tutti gli altri GUF, siano sempre stati incaricati di fungere da bracci di gestione del lavoro degli attori della governance mondiale della Banca Mondiale, dell’FMI, dell’ONU, dell’OCSE e del WEF in collusione con Big Tech.

Quindi, se stai aspettando che EI, ITUC o qualsiasi altro GUF conducano uno sciopero generale mondiale contro la tecnocrazia transumanista, non trattenere il respiro. I movimenti sindacali e gli scioperi devono essere organizzati dagli sforzi di base dei lavoratori sul campo nelle loro comunità locali. Finché l’EI, l’ITUC o qualsiasi altro GUF globalizzeranno il lavoro organizzato attraverso gli sforzi dall’alto verso il basso orchestrati dalle istituzioni di governance mondiale, gli interessi degli insegnanti e dei lavoratori continueranno a essere subordinati agli interessi tecno-imperialisti della Banca Mondiale, del FMI , l’ONU, l’OCSE e il WEF, che sono tutti uniti alle multinazionali.

Se gli educatori sindacalizzati, i dipendenti scolastici e altri lavoratori che appartengono a EI o alla ITUC non possono influenzare i loro burocrati del GUF per opporsi al tecnofascismo transumanista spinto dalla Banca Mondiale, dal FMI, dall’ONU, dall’OCSE e dal WEF in collusione con Big Tech, allora potrebbe essere giunto il momento per insegnanti, personale scolastico e altri lavoratori salariati di abbandonare qualsiasi affiliazione sindacale con EI e ITUC. Forse è giunto il momento per la forza lavoro educativa e altre forze lavoro di riassemblare nuovi sindacati di base per creare strutture parallele che rappresentino gli interessi degli insegnanti e degli altri lavoratori che dissentono dalle condizioni distopiche del sistema scolastico postumano imposto a studenti e insegnanti nello stesso modo.

Note di chiusura:

UnlimitedHangout


I canali dei social media stanno limitando la di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo che mostra gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


5 pensieri riguardo “Education International, ITUC e Global Push

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: