Nascosto in bella vista: le scioccanti origini del caso Jeffrey Epstein

Source: July 18, 2019; di Whitney Webb

Jeffrey Epstein (Parte I)

Epstein è solo l’ultima incarnazione di un’operazione molto più antica, più estesa e sofisticata che offre una spaventosa finestra su quanto sia profondamente legato il governo degli Stati Uniti agli equivalenti moderni del crimine organizzato.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su MintPress News

Nonostante il suo accordo “innamorato” e apparentemente sfuggito alla giustizia, il miliardario molestatore sessuale Jeffrey Epstein è stato arrestato all’inizio di questo mese con l’accusa federale di traffico sessuale di minori. L’arresto di Epstein ha nuovamente attirato l’attenzione dei media su molti dei suoi famosi amici, tra cui l’attuale presidente. 

Da allora sono state poste molte domande su quanto i famosi amici di Epstein sapessero delle sue attività ed esattamente cosa stesse combinando Epstein. Quest’ultimo probabilmente ha ricevuto più attenzione dopo che è stato riferito che Alex Acosta – che ha organizzato l’accordo “innamorato” di Epstein nel 2008 e che ha recentemente rassegnato le dimissioni  da segretario al lavoro di Donald Trump dopo l’arresto di Epstein – ha affermato che il misterioso miliardario aveva lavorato per “l’intelligence”.

Altre indagini hanno reso sempre più chiaro che Epstein stava conducendo un’operazione di ricatto, perché aveva intercettato i luoghi – sia nella sua villa di New York che sull’isola caraibica delle vacanze – con microfoni e telecamere per registrare le interazioni salaci che sono emerse tra i suoi ospiti e le ragazze minorenni che Epstein ha sfruttato. Sembrava che Epstein avesse conservato gran parte di quei ricatti in una cassaforte sulla sua isola privata.

Le affermazioni sui legami di Epstein e il suo coinvolgimento in una sofisticata e ben finanziata operazione di ricatto sessuale hanno, sorprendentemente, spronato pochi media a esaminare la storia delle agenzie di intelligence sia negli Stati Uniti che all’estero che conducono simili operazioni di ricatto sessuale, molte delle quali coinvolgevano anche prostitute minorenni. 

Solo negli Stati Uniti, la CIA ha operato numerose operazioni di ricatto sessuale in tutto il paese, impiegando prostitute per prendere di mira i diplomatici stranieri in quelle che il Washington Post una volta ha soprannominato le “trappole d’amore” della CIA. Se si va ancora più indietro nella documentazione storica degli Stati Uniti, diventa evidente che queste tattiche e il loro uso contro potenti figure politiche e influenti sono significativamente precedenti alla CIA e persino al suo precursore, l’Office of Strategic Services (OSS). In effetti, furono sperimentati anni prima nientemeno che dalla mafia americana.

Nel corso di questa indagine, MintPress ha scoperto che una manciata di figure influenti nella criminalità organizzata americana durante e dopo il proibizionismo erano direttamente coinvolte in operazioni di ricatto sessuale che utilizzavano per i propri scopi, spesso oscuri. 

Nella parte I di questa indagine esclusiva, MintPress esaminerà come un uomo d’affari legato alla mafia con profondi legami con il famigerato gangster Meyer Lansky abbia sviluppato stretti legami con il Federal Bureau of Investigation (FBI) mentre per decenni ha condotto un’operazione di ricatto sessuale, che in seguito divenne una parte segreta della crociata anticomunista degli anni ’50 guidata dal senatore Joseph McCarthy (R-WI), lui stesso noto in tutta Washington per avere l’abitudine di palpeggiare ubriachi minorenni ubriache. 

Eppure, sarebbe uno dei più stretti collaboratori di McCarthy che avrebbe preso il controllo dell’anello negli anni successivi, trafficando minori ed espandendo questa operazione di ricatto sessuale, mentre allo stesso tempo ha ampliato la propria influenza politica, mettendolo in stretto contatto con figure di spicco tra cui l’ex presidente Ronald Reagan e un uomo che sarebbe poi diventato presidente, Donald Trump. 

Come verrà rivelato nella Parte II, dopo la morte di questa figura, l’operazione di ricatto è continuata sotto vari successori in diverse città e ci sono forti prove che Jeffrey Epstein sia diventato uno di loro.


Samuel Bronfman e la mafia

L’era del proibizionismo negli Stati Uniti è spesso usata come esempio di come il divieto di sostanze ricreative non solo ne aumenti la popolarità, ma provochi anche un boom dell’attività criminale. In effetti, fu il proibizionismo ad aumentare notevolmente la forza della mafia americana, poiché i massimi signori del crimine dell’epoca si arricchirono attraverso il commercio clandestino e la vendita di alcolici oltre al gioco d’azzardo e ad altre attività.

È attraverso il commercio di contrabbando degli anni ’20 e dei primi anni ’30 che questa storia ha inizio, poiché ha riunito figure chiave i cui successori e affiliati avrebbero infine creato una serie di anelli di ricatto e traffico sessuale che avrebbero dato origine a artisti del calibro di Jeffrey Epstein, il “Lolita Express” e “Orgy Island”.

Samuel Bronfman non ha mai pianificato di diventare un importante produttore di liquori, ma fedele al cognome della sua famiglia, che significa “uomo del brandy” in yiddish, alla fine iniziò a distribuire alcolici come estensione dell’attività alberghiera della sua famiglia. Durante il periodo del proibizionismo canadese, che fu più breve e precedente a quello del suo vicino meridionale, l’azienda della famiglia Bronfman usò delle scappatoie per aggirare la legge e trovare  modi tecnicamente  legali per vendere alcolici negli hotel e nei negozi di proprietà della famiglia. La famiglia faceva affidamento sui suoi legami con i membri della mafia americana per contrabbandare illegalmente alcolici dagli Stati Uniti.

Subito dopo la fine del proibizionismo in Canada, iniziò negli Stati Uniti e, quando il flusso di alcolici illegali si voltò dall’altra parte, i Bronfman – le cui iniziative imprenditoriali erano allora guidate da Sam Bronfman e dai suoi fratelli – erano relativamente in ritardo per un già fiorente commercio di contrabbando.

“Siamo arrivati ​​in ritardo nei due mercati più redditizi: in alto mare e attraverso il fiume Detroit. Ciò che è venuto fuori dal commercio di frontiera nel Saskatchewan era insignificante in confronto”, ha detto una volta Bronfman al  giornalista canadese Terence Robertson, che allora stava scrivendo una biografia di Bronfman. Tuttavia, “questo è stato il momento in cui abbiamo iniziato a fare soldi veri”, ha raccontato Bronfman. La biografia di Robertson su Bronfman non è mai stata pubblicata, poiché è morto in circostanze misteriose subito dopo aver avvertito i suoi colleghi di aver scoperto informazioni sgradevoli sulla famiglia Bronfman.

La chiave del successo di Bronfman durante il proibizionismo americano furono i legami che la sua famiglia aveva coltivato con la criminalità organizzata durante il proibizionismo canadese, legami che portarono molti membri di spicco della mafia negli Stati Uniti a favorire Bronfman come partner in affari. Il liquore Bronfman è stato acquistato in enormi quantità da molti signori del crimine che vivono ancora nella leggenda americana, tra cui Charles “Lucky” Luciano, Moe Dalitz, Abner “Longy” Zwillman e Meyer Lansky. 

La maggior parte dei membri della mafia di Bronfman durante il proibizionismo erano membri di quello che divenne noto come National Crime Syndicate, che un organo investigativo del Senato degli anni ’50 noto come Comitato Kefauver descrisse come una confederazione dominata da mafie italo-americane ed ebrei-americani. Durante quell’indagine, alcuni dei più grandi nomi della mafia americana hanno nominato Bronfman una figura centrale nelle loro operazioni di contrabbando. La vedova del famigerato boss della mafia americana Meyer Lansky ha persino raccontato di come Bronfman avesse organizzato sontuose cene per suo marito. 

Anni dopo, i figli e i nipoti di Samuel Bronfman, con i legami della loro famiglia con il mondo criminale intatti, avrebbero continuato a collaborare strettamente con Leslie Wexner, presumibilmente la fonte di gran parte della misteriosa ricchezza di Epstein, e altri “filantropi” legati alla mafia, e alcuni lo avrebbero fatto persino gestire le proprie operazioni di ricatto sessuale, incluso il “culto sessuale” basato sul ricatto recentemente arrestato NXIVM. Le ultime generazioni della famiglia Bronfman, in particolare i figli di Samuel Bronfman, Edgar e Charles, saranno discusse in maggior dettaglio nella Parte II di questo rapporto.


L’oscuro segreto di Lewis Rosenstiel

Fondamentali per le operazioni di contrabbando dell’era del proibizionismo di Bronfman erano due intermediari, uno dei quali era Lewis “Lew” Rosenstiel. Rosenstiel iniziò a lavorare nella distilleria di suo zio nel Kentucky prima del proibizionismo. Una volta entrata in vigore la legge che vietava l’alcol, Rosenstiel creò la Schenley Products Company, che sarebbe poi diventata una delle più grandi società di liquori del Nord America.

Sebbene all’epoca avesse abbandonato la scuola superiore e non fosse particolarmente ben collegato socialmente, Rosenstiel ebbe un incontro “casualmente” con Winston Churchill nel 1922 mentre era in vacanza in Costa Azzurra. Secondo il New York TimesChurchill “gli consigliò [Rosenstiel] di prepararsi per il ritorno delle vendite di liquori negli Stati Uniti”. Rosenstiel in qualche modo è riuscito a ottenere il finanziamento dell’élite e rispettata società di Wall Street Lehman Brothers per finanziare il suo acquisto di distillerie chiuse.

Ufficialmente, si dice che Rosenstiel abbia costruito la sua compagnia e la sua ricchezza  dopo il proibizionismo, seguendo il consiglio di Churchill di prepararsi per l’abrogazione. Tuttavia, era chiaramente coinvolto in operazioni di contrabbando ed è stato persino incriminato per contrabbando nel 1929, sebbene sia sfuggito alla condanna. Come Bronfman, Rosenstiel era vicino alla criminalità organizzata, in particolare ai membri dell’alleanza mafiosa per lo più ebrei-americani e italo-americani nota come National Crime Syndicate.

Successive indagini legislative dello stato di New York avrebbero affermato che Rosenstiel “faceva parte di un ‘consorzio’ con figure della malavita che compravano liquori in Canada [da Samuel Bronfman]”, i cui altri membri erano “Meyer Lansky, il famoso leader della criminalità organizzata; Joseph Fusco, un socio del defunto gangster di Chicago Al Capone e Joseph Linsey, un uomo di Boston, il signor Kelly [l’investigatore del Congresso che ha testimoniato], identificato come un contrabbandiere condannato”. Il rapporto di Rosenstiel con questi uomini, in particolare Lansky, sarebbe continuato molto dopo il proibizionismo e Samuel Bronfman, da parte sua, avrebbe anche mantenuto i suoi legami con la mafia.

Oltre ai suoi amici nella mafia, Rosenstiel ha anche coltivato stretti legami con l’FBI, sviluppando uno stretto rapporto con il direttore dell’FBI di lunga data J. Edgar Hoover e facendo di Hoover il braccio destro e assistente di lunga data dell’FBI, Louis Nichols, il vicepresidente del suo impero Schenley nel 1957.

Nonostante i loro precedenti simili, da baroni contrabbandieri diventati uomini d’affari “rispettabili”, le personalità di Bronfman e Rosenstiel erano drasticamente diverse e la loro relazione era complicata, nella migliore delle ipotesi. Un esempio delle differenze tra i migliori baroni dei liquori del Nord America era il modo in cui trattavano il loro personale. Bronfman non era necessariamente noto per essere un capo crudele, mentre Rosenstiel era noto per il suo comportamento irregolare e “mostruoso” nei confronti dei dipendenti, nonché per la sua insolita pratica di intercettare i suoi uffici per sentire cosa dicevano i dipendenti di lui quando non era presente .

Tali differenze tra Bronfman e Rosenstiel si riflettevano anche nelle loro vite personali. Mentre Bronfman si è sposato solo una volta ed era fedele a sua moglie, Rosenstiel è stato sposato cinque volte ed era noto per le sue buffonate bisessuali relativamente chiuse, una parte della sua vita che era ben nota a molti dei suoi stretti collaboratori e dipendenti.

Sebbene per anni ci siano stati solo accenni a quest’altro lato del controverso uomo d’affari, i dettagli sono emersi anni dopo durante un procedimento di divorzio promosso dalla quarta moglie di Rosenstiel, Susan Kaufman, che avrebbe sostenuto le affermazioni. Kaufman ha affermato che Rosenstiel ha ospitato feste stravaganti che includevano “prostitute” che suo marito aveva assunto “per il divertimento” di alcuni ospiti, tra cui importanti funzionari del governo e figure di spicco della malavita americana. Kaufman avrebbe poi fatto le stesse affermazioni sotto giuramento durante l’audizione del Comitato legislativo congiunto dello Stato di New York sul crimine all’inizio degli anni ’70.

Non solo Rosenstiel ha organizzato queste feste, ma si è anche assicurato che i loro locali fossero intercettati con microfoni che registravano le buffonate dei suoi ospiti di alto profilo. Quelle registrazioni audio, ha affermato Kaufman, sono state poi conservate a scopo di ricatto. Sebbene le affermazioni di Kaufman siano scioccanti, la sua testimonianza è stata ritenuta credibile e tenuta in grande considerazione dall’ex consigliere capo del Crime Committee, dal giudice di New York Edward McLaughlin e dall’investigatore del comitato William Gallinaro e aspetti della sua testimonianza sono stati successivamente confermati da due testimoni separati che erano sconosciuti a Kaufman.

Queste “feste di ricatto” offrono una finestra su un’operazione che sarebbe poi diventata più sofisticata e cresciuta notevolmente negli anni ’50 sotto il “comandante sul campo” di Rosenstiel (un soprannome dato da Rosenstiel a un individuo che sarà nominato tra breve in questo rapporto). Molte delle persone legate al “comandante sul campo” di Rosenstiel negli anni ’70 e ’80 hanno ritrovato il loro nome sulla stampa dopo il recente arresto di Jeffrey Epstein.


Il mafioso “intoccabile”

Bronfman e Rosenstiel sono diventati leggendari nel settore dei liquori nordamericani, in parte a causa della loro lotta per la supremazia nel settore, che  il New York Times ha descritto  come spesso sfociata “in aspre battaglie personali e aziendali”. Nonostante i loro duelli nel mondo aziendale, l’unica cosa che univa i due uomini d’affari più di ogni altra cosa era il loro stretto legame con la criminalità organizzata americana, in particolare il famoso mafioso Meyer Lansky.

Lansky è uno dei gangster più famosi nella storia della criminalità organizzata americana ed è noto per essere l’unico famoso mafioso in ascesa negli anni ’20 che riuscì a morire da vecchio e non scontare mai un giorno di prigione. 

La lunga vita e la capacità di Lansky di evitare il carcere è stata in gran parte il risultato dei suoi stretti rapporti con potenti uomini d’affari come Bronfman e Rosenstiel (tra molti altri), il Federal Bureau of Investigation (FBI) e la comunità dell’intelligence statunitense, nonché il suo ruolo nel stabilendo numerosi ricatti ed estorsioni che lo hanno aiutato a mantenere la legge a debita distanza. In effetti, quando Lansky è stato finalmente accusato di un crimine negli anni ’70, è stato l’Internal Revenue Service a presentare le accuse, non l’FBI, ed è stato accusato e assolto di evasione fiscale.

Lansky era molto vicino sia a Bronfman che a Rosenstiel. Bronfman organizzava regolarmente “cene sontuose” in onore di Lansky sia durante che dopo il proibizionismo. Queste feste furono ricordate con affetto dalla moglie di Lansky, e Lansky a sua volta fece dei favori a Bronfman, che andavano dalla protezione esclusiva delle sue spedizioni durante il proibizionismo al procurargli i biglietti per gli ambiti incontri di boxe della “lotta del secolo”. 

Rosenstiel ha anche organizzato cene regolari in onore di Lansky. Susan Kaufman, l’ex moglie di Rosenstiel, ha affermato di aver scattato numerose foto del suo ex marito e di Lansky mentre socializzavano e festeggiavano insieme, foto che sono state viste anche da Mary Nichols di  The Philadelphia Inquirer . Inoltre, Lansky, secondo il ricordo di Kaufman, era una delle persone che Rosenstiel ha cercato di proteggere dal controllo legale come parte del suo giro di prostituzione minorile e di ricatto che prendeva di mira funzionari di alto rango, ed è stato sentito dire che se il governo “fa pressione contro Lansky o qualcuno di noi, useremo questa [una registrazione specifica presa a una delle “feste”] come ricatto”. 

Lansky era noto per rivolgersi a Rosenstiel come “Comandante Supremo”, un titolo che sarebbe stato in seguito utilizzato per riferirsi a Rosenstiel da un altro individuo profondamente legato alle operazioni di mafia e ricatto sessuale, precedentemente indicato in questo rapporto come “Comandante sul campo” di Rosenstiel.

Lansky aveva anche stretti legami con la CIA e l’intelligence militare statunitense. Durante la seconda guerra mondiale, Lansky – insieme al suo socio Benjamin “Bugsy” Siegel – lavorò con l’intelligence navale in quella che fu chiamata “Operazione Underworld“, un’operazione la cui esistenza il governo negò per oltre 40 anni.

Il giornalista e noto cronista delle attività segrete della CIA, Douglas Valentine, ha notato nel suo libro The CIA as Organized Crime: How Illegal Operations Corrupt America and the World che la cooperazione del governo con la mafia durante la seconda guerra mondiale ha portato alla sua espansione dopo la guerra e ambientato il palcoscenico per la sua futura collaborazione con l’intelligence statunitense.

Secondo Valentino:

Gli alti funzionari del governo erano anche consapevoli del fatto che il patto faustiano del governo con la mafia durante la seconda guerra mondiale aveva permesso ai cappucci di insinuarsi nell’America tradizionale. In cambio dei servizi resi durante la guerra, i boss della mafia sono stati protetti dall’accusa per dozzine di omicidi irrisolti. […]

La mafia era un problema enorme nel 1951 [quando fu convocato il Comitato Kefauver], equivalente al terrorismo di oggi. Ma era anche un ramo protetto della CIA, che cooptava organizzazioni criminali in tutto il mondo e le utilizzava nella sua guerra segreta contro i sovietici e i cinesi rossi. La mafia aveva collaborato con lo zio Sam ed era emersa dalla seconda guerra mondiale energizzata e autorizzata. Controllavano le città di tutto il paese.

In effetti, non molto tempo dopo la sua creazione, la CIA ha stretto legami con Lansky per volere del capo del controspionaggio della CIA James J. Angleton. La CIA si sarebbe poi rivolta alla mafia legata a Lansky all’inizio degli anni ’60 come parte della sua ricerca costantemente infruttuosa di assassinare il leader cubano Fidel Castro, dimostrando che la CIA ha mantenuto i suoi contatti con elementi della mafia controllati da Lansky molto tempo dopo l’incontro iniziale con Lansky ha avuto luogo.

La CIA aveva anche stretti legami con i soci di Lansky, come Edward Moss, che si occupava di pubbliche relazioni per Lansky e si diceva che fosse di “interesse” per la CIA dall’allora ispettore generale dell’agenzia JS Earman. Harry “Happy” Meltzer era anche un altro collaboratore di Lansky che era una risorsa della CIA e la CIA chiese a Meltzer di unirsi a una squadra di assassini nel dicembre 1960.

Oltre alla CIA, Lansky era anche collegato a un’agenzia di intelligence straniera tramite Tibor Rosenbaum, un procuratore di armi e alto funzionario del Mossad israeliano, la cui banca – la Banca internazionale di credito di Ginevra – riciclava gran parte dei guadagni illeciti di Lansky e li ha riciclati in legittime attività americane.

Il giornalista Ed Reid, autore della biografia di Virginia Hill The Mistress and the Mafia, ha scritto che Lansky stava tentando di intrappolare persone potenti attraverso ricatti sessuali già nel 1939. Reid sostiene che Lansky abbia inviato la signora Hill in Messico, dove i suoi contatti con la costa occidentale aveva stabilito un giro di droga che in seguito ha coinvolto l’OSS, il precursore della CIA, per sedurre numerosi “alti politici, ufficiali dell’esercito, diplomatici e funzionari di polizia”.

Alla fine, Lansky è stato accreditato di aver ottenuto foto compromettenti del direttore dell’FBI J. Edgar Hoover negli anni ’40, che mostravano “Hoover in una sorta di situazione gay”, secondo un ex socio di Lansky, che ha anche affermato che Lansky aveva spesso affermato: ” Ho aggiustato quel figlio di puttana. Le foto mostravano Hoover impegnato in attività sessuale con il suo amico di lunga data, il vicedirettore dell’FBI Clyde Tolson. 

Ad un certo punto, queste foto caddero nelle mani del capo del controspionaggio della CIA James J. Angleton, che in seguito mostrò le foto a molti altri funzionari della CIA, tra cui John Weitz e Gordon Novel. Angleton è stato responsabile delle relazioni della CIA con l’FBI e il Mossad israeliano fino a quando non ha lasciato l’agenzia nel 1972 e, come è stato detto di recente, era anche in contatto con Lansky. 

Anthony Summers, ex   giornalista della  BBC e autore di Official and Confidential: The Secret Life of J. Edgar Hoover, ha affermato che non è stato Lansky, ma William Donovan, il direttore dell’OSS, a ottenere le foto originali di Hoover e successivamente a condividerle loro con Lansky. 

Summers ha anche affermato che “Per [il gangster Frank] Costello e Lansky, la capacità di corrompere politici, poliziotti e giudici era fondamentale per le operazioni mafiose. Il modo in cui hanno trovato di trattare con Hoover, secondo diverse fonti mafiose, riguardava la sua omosessualità”. Questo aneddoto mostra che Lanksy e la CIA mantenevano una relazione segreta, che includeva, tra le altre cose, la condivisione di materiale di ricatto (cioè, “intelligence”). 

È anche possibile che Hoover sia stato intrappolato dalla mafia durante una delle “feste di ricatto” di Rosenstiel, a cui Hoover a volte si è ritrovato a partecipare con figure di spicco della mafia. Si diceva che Hoover avesse indossato abiti femminili in alcuni degli eventi e la moglie di Meyer Lansky in seguito disse che suo marito aveva le foto dell’ex direttore dell’FBI travestito. Inoltre, Hoover ha mostrato una preoccupazione insolita nella gestione da parte dell’FBI dei legami criminali di Rosenstiel già nel 1939, lo stesso anno in cui il suo stretto collaboratore Lansky stava attivamente orchestrando il ricatto sessuale di potenti figure politiche.

Il ricatto acquisito su Hoover e il possesso delle prove da parte della mafia è stato citato come un fattore importante nella decennale negazione di Hoover che le reti nazionali della criminalità organizzata fossero un problema serio. Hoover ha affermato che si trattava di una questione locale decentralizzata e quindi al di fuori della giurisdizione dell’ufficio. Quando Hoover finalmente riconobbe l’esistenza delle reti criminali organizzate nazionali nel 1963, erano così radicate nell’establishment statunitense da essere intoccabili.

Il consulente criminale del Congresso Ralph Salerno disse a Summers nel 1993 che l’ostinata ignoranza di Hoover sulla criminalità organizzata per la maggior parte della sua carriera come direttore dell’FBI “ha permesso alla criminalità organizzata di crescere molto in termini economici e politici, così che è diventata una minaccia molto più grande per il benessere di questo Paese di quanto sarebbe stato se fosse stato affrontato molto prima”.


J. Edgar Hoover: vittima del ricatto? 

La maggior parte dei documenti colloca l’inizio della relazione di Hoover con Rosenstiel negli anni ’50, lo stesso decennio in cui Susan Kaufman riferì che Hoover stava partecipando alle feste di ricatto di Rosenstiel. Il file dell’FBI di Rosenstiel, ottenuto da Anthony Summers, cita il primo incontro di Rosenstiel avvenuto nel 1956, anche se Summers osserva che ci sono prove che si fossero incontrati molto prima. Dopo aver richiesto l’incontro, Rosenstiel ha ottenuto un faccia a faccia personale con il regista nel giro di poche ore. Il fascicolo dell’FBI su Rosenstiel rivela anche che il barone dei liquori ha esercitato forti pressioni su Hoover per aiutare i suoi interessi commerciali.

Durante quel periodo, i dettagli salaci della vita sessuale di Hoover erano già noti alla comunità dell’intelligence statunitense e alla mafia, e Hoover era consapevole che sapevano della sua sessualità nascosta e della sua predilezione per l’abbigliamento femminile. Eppure, a quanto pare, Hoover sembrava abbracciare lo stesso tipo di operazione di ricatto sessuale che aveva compromesso la sua vita privata, dato che è stato visto in molte delle “feste di ricatto” di Rosenstiel negli anni ’50 e ’60, anche in luoghi come la casa personale di Rosenstiel e successivamente al Plaza Hotel di Manhattan. La propensione di Hoover a vestirsi da travestimento è stata descritta anche da due testimoni che non erano collegati a Susan Kaufman.

Subito dopo il loro primo incontro “ufficiale”, il rapporto pubblico tra i due uomini è rapidamente fiorito, con Hoover che ha persino inviato fiori di Rosenstiel quando si è ammalato. Summers riferì che, nel 1957, Rosenstiel fu sentito dire a Hoover durante un incontro: “il tuo desiderio è il mio comando”. La loro relazione è rimasta stretta e intima per tutti gli anni ’60 e oltre.

Come Rosenstiel, Hoover era famoso per aver accumulato ricatti su amici e nemici allo stesso modo. L’ufficio di Hoover conteneva “file segreti” su numerose persone potenti a Washington e oltre, file che usava per ottenere favori e proteggere il suo status di direttore dell’FBI per tutto il tempo che desiderava. 

La stessa propensione di Hoover al ricatto suggerisce che potrebbe essere stato associato all’operazione di ricatto sessuale di Rosenstiel in modo più diretto, dato che sapeva già di essere stato compromesso e il suo coinvolgimento nell’operazione sarebbe servito come mezzo per procurarsi il ricatto che bramava per i suoi scopi. In effetti, se Hoover fosse stato semplicemente ricattato ed estorto dalla mafia collegata a Lansky-Rosenstiel, è improbabile che sarebbe stato così amichevole con Rosenstiel, Lansky e gli altri mafiosi a questi raduni e vi avrebbe partecipato con tale regolarità. 

Secondo il giornalista e autore Burton Hersh, Hoover era anche legato a Sherman Kaminsky, che gestiva un’operazione di ricatto sessuale a New York che coinvolgeva giovani prostitute maschi. Quell’operazione è stata interrotta e indagata in un’indagine per estorsione del 1966 guidata dal procuratore distrettuale di Manhattan Frank Hogan, anche se l’FBI ha rapidamente assunto le indagini e le foto di Hoover e Kaminsky insieme sono presto scomparse dal fascicolo del caso.

I profondi legami di Hoover e Rosenstiel avrebbero continuato a svilupparsi nel corso degli anni, un esempio dei quali può essere visto nell’assunzione da parte di Rosenstiel dell’aiutante di lunga data di Hoover Louis Nichols come vicepresidente del suo impero di liquori Schenley e nella donazione di Rosenstiel di oltre $ 1 milione al J. Fondazione Edgar Hoover, che all’epoca gestiva anche Nichols. 

C’è anche più di un’occasione documentata in cui Hoover ha tentato di usare il ricatto per proteggere Rosenstiel e il suo “comandante sul campo”, nientemeno che il famigerato Roy Cohn, l’altra figura chiave nell’operazione di ricatto sessuale di Rosenstiel che coinvolge minori.


La creazione di un mostro

Decenni dopo la sua morte, Roy Cohn rimane una figura controversa in gran parte a causa della sua stretta relazione personale con l’attuale presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Eppure i resoconti su Cohn, sia negli anni recenti che in quelli passati, spesso mancano il bersaglio nella loro caratterizzazione dell’uomo che è diventato strettamente associato alla Casa Bianca Reagan, alla CIA, all’FBI, alla criminalità organizzata e, per inciso, a molte delle figure che avrebbe poi circondato Jeffrey Epstein.

Per comprendere la vera natura dell’uomo, è essenziale esaminare la sua ascesa al potere nei primi anni ’50 quando, a soli 23 anni, divenne una figura chiave nel processo di alto profilo delle spie sovietiche Ethel e Julius Rosenberg e in seguito come braccio destro del senatore Joseph McCarthy (R-WI). 

La dedizione di Cohn alle attività anticomuniste negli anni ’50 sarebbe ciò che lo rese caro per la prima volta a J. Edgar Hoover, che incontrò per la prima volta nel 1952. Durante quell’incontro, come descritto da Hersh in Bobby e J. Edgar: The Historic Face-Off Between i Kennedy e J. Edgar Hoover That Transformed America, Hoover ha espresso ammirazione per le tattiche aggressive e manipolative di Cohn e ha detto a Cohn di “chiamarmi direttamente” ogni volta che aveva informazioni che valeva la pena condividere. Da quel momento in poi, Cohn e Hoover “si scambiarono favori, complimenti espansivi, regali ed elaborate cene private. Divenne rapidamente ‘Roy’ e ‘Edgar’”. Hersh descrive anche Hoover come il “consigliere” di Cohn.” 

La data e le circostanze intorno all’introduzione di Cohn a Rosenstiel sono più difficili da trovare. È possibile che il collegamento sia stato stabilito attraverso il padre di Roy Cohn, Albert Cohn, un giudice di spicco e una figura influente nell’apparato del Partito Democratico di New York City, allora gestito da Edward Flynn. Successivamente è stato rivelato che l’organizzazione democratica dominata da Flynn e con sede nel Bronx aveva legami di lunga data con la criminalità organizzata, compresi i soci di Meyer Lansky. 

Indipendentemente da come o quando iniziò, il rapporto tra Cohn e Rosenstiel era stretto e spesso veniva paragonato a quello di un padre e un figlio. Si diceva che si salutassero spesso in pubblico e rimasero vicini fino a quando Rosenstiel non fu vicino alla morte, a quel punto Cohn tentò di ingannare il suo “amico” e cliente allora a malapena cosciente e senile facendolo nominare esecutore testamentario e fiduciario della tenuta del magnate dei liquori, del valore di $ 75 milioni (più di $ 334 milioni in dollari di oggi). 

La rivista LIFE riferì  nel 1969 che Cohn e Rosenstiel da anni si riferivano l’un l’altro come “Comandante di campo” e “Comandante supremo”, rispettivamente. I riferimenti dei media a questi soprannomi compaiono in altri articoli del periodo. 

Sebbene  LIFE  e altri punti vendita abbiano interpretato questo come un semplice aneddoto sui soprannomi condivisi per scherzo tra amici intimi, il fatto che il famigerato signore del crimine Meyer Lansky chiamasse anche Rosenstiel “Comandante supremo” e il fatto che Cohn e Rosenstiel sarebbero stati in seguito intimamente coinvolti in lo stesso giro di pedofilia suggerisce che potrebbero esserci stati di più in questi “soprannomi”. Dopotutto, la mafia a cui era collegato Rosenstiel usava spesso titoli a tema militare come “soldato” e “tenente” per differenziare il grado e l’importanza dei suoi membri. 

Una volta stabilito il suo legame con Hoover, la stella di Cohn iniziò a salire ancora più in alto a Washington. La raccomandazione di Hoover su Cohn sarebbe diventata il fattore decisivo nella sua nomina a consigliere generale del senatore McCarthy su Robert Kennedy, un rivale e acerrimo nemico di Cohn.

Sebbene Cohn fosse spietato e apparentemente intoccabile come avvocato di McCarthy e aiutò il senatore a distruggere molte carriere durante le paure rosse e lavanda, le sue buffonate in relazione al suo lavoro nel comitato alla fine avrebbero portato alla sua caduta dopo aver tentato di ricattare l’esercito in cambio per il trattamento preferenziale per il consulente del comitato e presunto amante di Cohn, David Schine.

Dopo essere stato costretto a lasciare la parte di McCarthy a causa dello scandalo, Cohn è tornato a New York per vivere con sua madre e praticare la legge. Alcuni anni dopo, il giudice di New York David Peck, collaboratore di lunga data dell’ex direttore della CIA Alan Dulles, organizzò l’assunzione di Cohn per lo studio legale di New York Saxe, Bacon e O’Shea, che sarebbe poi diventato Saxe, Bacon e Bolan dopo Tom Bolan, un amico di Cohn, divenne socio dell’azienda. Dopo la sua assunzione, Cohn ha portato all’azienda una sfilza di clienti legati alla mafia, inclusi membri di alto rango della famiglia criminale Gambino, la famiglia criminale genovese e, ovviamente, Lewis Rosenstiel.


Cosa è successo nella Suite 233?

I legami costruiti da Roy Cohn negli anni ’50 lo resero un noto personaggio pubblico e si tradussero in una grande influenza politica che raggiunse l’apice durante la presidenza di Ronald Reagan. Tuttavia, mentre Cohn costruiva la sua immagine pubblica, stava anche sviluppando un’oscura vita privata, che sarebbe stata dominata dallo stesso racket pedofilo ricattato che sembra essere iniziato con Lewis Rosenstiel. 

Una delle “feste di ricatto” a cui Susan Kaufman ha partecipato con l’allora marito Lewis Rosenstiel è stata ospitata da Cohn nel 1958 al Plaza Hotel di Manhattan, suite 233. Kaufman ha descritto la suite di Cohn come una “bella suite … tutta realizzata in azzurro”. Ha descritto di essere stata presentata a Hoover, che era travestito, da Cohn, che le ha detto che il nome di Hoover era “Mary” in un impeto di risate a malapena nascoste. Kaufman ha testimoniato che erano presenti giovani ragazzi e Kaufman ha affermato che Cohn, Hoover e il suo ex marito si sono impegnati in attività sessuali con questi minori.

L’avvocato di New York John Klotz, incaricato di indagare su Cohn per un caso ben dopo la testimonianza di Kaufman, ha anche trovato prove della “suite blu” al Plaza Hotel e del suo ruolo in un giro di estorsioni sessuali dopo aver setacciato i documenti del governo locale e le informazioni raccolte da privati investigatori. Klotz in seguito raccontò al giornalista e autore Burton Hersh ciò che aveva appreso: 

Roy Cohn stava fornendo protezione. C’erano un mucchio di pedofili coinvolti. È da lì che Cohn ha ottenuto il suo potere: il ricatto.

Forse la conferma più schiacciante delle attività di Cohn nella Suite 233 viene dalle dichiarazioni fatte dallo stesso Cohn all’ex detective della polizia di New York ed ex capo della divisione del dipartimento sulla tratta di esseri umani e sui crimini correlati, James Rothstein. Rothstein in seguito disse a John DeCamp – un ex senatore dello stato del Nebraska che aveva indagato su un circolo sessuale minorile collegato al governo con sede a Omaha – tra gli altri investigatori, che Cohn aveva ammesso di aver preso parte a un’operazione di ricatto sessuale che prendeva di mira politici con bambini prostitute durante un sit-down colloquio con l’ex detective. 

Rothstein ha detto a DeCamp quanto segue su Cohn:

Il compito di Cohn era gestire i ragazzini. Supponiamo che tu abbia avuto un ammiraglio, un generale, un membro del Congresso, che non voleva seguire il programma. Il compito di Cohn era di sistemarli, poi sarebbero andati d’accordo. Cohn me l’ha detto lui stesso.

Rothstein in seguito disse a Paul David Collins, un ex giornalista diventato ricercatore, che Cohn aveva anche identificato questa operazione di ricatto sessuale come parte della crociata anticomunista dell’epoca.

Il fatto che Cohn, secondo il ricordo di Rothstein, abbia affermato che l’anello di ricatto sessuale su minori faceva parte della crociata anticomunista sponsorizzata dal governo suggerisce che elementi del governo, incluso l’FBI di Hoover, potrebbero essere stati collegati a un livello molto più ampio di quello di Hoover. coinvolgimento personale, poiché l’FBI si è strettamente coordinato con McCarthy e Cohn per gran parte dello spavento rosso.

Vale anche la pena notare che tra i molti file di ricatto “segreti” di Hoover c’era un considerevole dossier sul senatore McCarthy, il cui contenuto suggeriva fortemente che lo stesso senatore fosse interessato alle ragazze minorenni. Secondo il giornalista e autore David Talbot, il fascicolo di Hoover su McCarthy era “pieno di storie inquietanti sull’abitudine di McCarthy di palpeggiare ubriaco il seno e le natiche delle ragazze. Le storie erano così diffuse che sono diventate “di conoscenza comune” nella capitale, secondo un cronista dell’FBI”. 

Talbot, nel suo libro The Devil’s Chessboard, cita anche Walter Trohan, Washington Bureau Chief del  Chicago Tribune , per aver assistito personalmente all’abitudine di McCarthy di molestare le giovani donne. “Non riusciva a tenere le mani lontane dalle ragazze”, avrebbe detto in seguito Trohan. “Perché l’opposizione comunista non gli abbia piantato addosso un minore e non abbia sollevato il grido di stupro legale, non lo so”. Forse la risposta sta nel fatto che quei minori che “piantavano” i minori sui loro nemici politici erano alleati e stretti collaboratori di McCarthy, non suoi nemici. 

La domanda che sorge necessariamente dalle rivelazioni riguardanti le attività di Cohn nella Suite 233 è chi altro Cohn stava “proteggendo” e prestando servizio con le prostitute minorenni? Uno di loro avrebbe potuto benissimo essere uno degli amici intimi e clienti di Cohn, il cardinale Francis Spellman dell’arcidiocesi di New York, che si diceva fosse presente ad alcune di queste feste che Cohn ospitò al Plaza Hotel. 

Spellman – una delle figure più potenti della Chiesa cattolica in Nord America, a volte indicato come “il Papa d’America” ​​- è stato accusato non solo di condonare la pedofilia nella chiesa cattolica e  di aver ordinato pedofili noti tra cui il cardinale Theodore “Uncle Teddy” McCarrick , ma anche impegnandosi lui stesso a tal punto che molti sacerdoti dell’area di New York lo chiamavano ampiamente  “Maria”. Inoltre, si dice che J. Edgar Hoover avesse un fascicolo che dettagliava la vita sessuale del cardinale, suggerendo il coinvolgimento di Spellman nel giro e nel racket della protezione dei pedofili in cui Cohn e Hoover erano coinvolti personalmente.

Le persone vicine a Cohn osservavano spesso che era spesso circondato da gruppi di ragazzi, ma sembrava non pensarci. Commenti simili estemporanei sulla propensione di Epstein per i minori sono stati fatti da coloro che gli erano vicini prima del suo arresto. 

Il controverso agente politico repubblicano e “sporco imbroglione” Roger Stone – che, come Donald Trump, era anche un protetto di Cohn – ha detto quanto segue sulla vita sessuale di Cohn durante  un’intervista  al  New Yorker  nel 2008: 

Roy non era gay. Era un uomo a cui piaceva fare sesso con gli uomini. I gay erano deboli, effeminati. Sembrava che avesse sempre in giro questi  giovani ragazzi biondiSemplicemente non è stato discusso. Era interessato al potere e all’accesso.

Confronta questa citazione di Stone con ciò che Donald Trump, che era anche vicino a Cohn, avrebbe poi detto di Jeffrey Epstein, con il quale era anche strettamente legato:

Conosco Jeff da 15 anni. Ragazzo fantastico. È molto divertente stare con lui. Si dice anche che gli piacciano le belle donne tanto quanto me, e  molte di loro sono più giovani . Non ci sono dubbi: Jeffrey si gode la sua vita sociale.

Sebbene non si sappia per quanto tempo sia continuato l’anello sessuale al Plaza Hotel e se sia continuato dopo la morte di Cohn per AIDS nel 1986, vale la pena notare che Donald Trump ha acquistato il Plaza Hotel nel 1988. Successivamente sarebbe stato segnalatoconfermato da allora -ha partecipato al fatto che Trump “teneva feste nelle suite del Plaza Hotel quando lo possedeva, dove giovani donne e ragazze venivano presentate a uomini più anziani e più ricchi” e “le droghe illegali e le giovani donne venivano distribuite e usate”. 

Andy Lucchesi, un modello maschile che aveva contribuito a organizzare alcune di queste feste al Plaza Hotel per Trump, ha detto quanto segue quando gli è stato chiesto dell’età delle donne presenti: “Molte ragazze, 14, ne sembrano 24. È quanto di più succoso posso ottenere . Non ho mai chiesto quanti anni avessero; Ho appena partecipato. Ho partecipato anche ad attività che sarebbero state controverse”.


La macchina di Roy Cohn 

Roy Cohn era solo all’inizio della sua carriera quando si è fatto strada nel circolo clandestino di ricatti sessuali apparentemente guidato da Lewis Rosenstiel. In effetti, quando Cohn incontrò per la prima volta Hoover, aveva solo 23 anni. Nei successivi tre decenni circa, prima della sua morte per complicazioni legate all’AIDS nel 1986 all’età di 56 anni, Cohn ha costruito una macchina ben oliata, in gran parte grazie alle sue strette amicizie con alcune delle figure più influenti del paese.

Tra gli amici di Cohn c’erano personalità di spicco dei media come Barbara Walters, ex direttori della CIA, Ronald Reagan e la moglie Nancy, magnati dei media Rupert Murdoch e Mort Zuckerman, numerose celebrità, avvocati di spicco come Alan Dershowitz, figure di spicco della Chiesa cattolica e importanti organizzazioni ebraiche come B. ‘nai B’rith e il World Jewish Congress. Molti degli stessi nomi che circondarono Cohn fino alla morte alla fine degli anni ’80 sarebbero poi venuti a circondare Jeffrey Epstein, con i loro nomi che apparvero in seguito nell’ormai famigerato “libro nero” di Epstein. 

Mentre il presidente Trump è chiaramente collegato sia a Epstein che a Cohn, la rete di Cohn si estende anche all’ex presidente Bill Clinton, il cui amico e consigliere politico di lunga data, Richard “Dirty Dick” Morris, era cugino e stretto collaboratore di Cohn. Morris era anche vicino all’ex direttore delle comunicazioni di Clinton, George Stephanopoulos, che è anche associato a Jeffrey Epstein.

Tuttavia, questi erano solo i collegamenti di Cohn con membri rispettabili dell’establishment. Era anche noto per i suoi profondi legami con la mafia e ha guadagnato importanza soprattutto per la sua capacità di collegare figure chiave della malavita criminale a figure influenti rispettate accettabili per la sfera pubblica. In definitiva, come ha affermato l’avvocato di New York John Klotz, lo strumento più potente di Cohn era il ricatto, che ha usato contro amici e nemici, gangster o funzionari pubblici allo stesso modo. Quanto di quel ricatto ha acquisito attraverso la sua operazione di ricatto sessuale probabilmente non si saprà mai.

Come rivelerà la Parte II di questa indagine esclusiva, Cohn ed Epstein, e le operazioni di ricatto sessuale che hanno condotto condividono molte cose in comune, inclusi non solo molti degli stessi famosi amici e mecenati, ma anche connessioni con agenzie di intelligence e consorzi di mafia. uomini d’affari collegati, gli equivalenti moderni di Samuel Bronfman e Lewis Rosenstiel che da allora sono stati ribattezzati “filantropi”. 

La parte II rivelerà anche che l’operazione di Cohn era nota per avere successori, come rivelato da una serie di scandali nei primi anni ’90 che da allora sono stati spazzati via sotto il tappeto. La significativa sovrapposizione tra le attività segrete di Epstein e Cohn nel ricatto sessuale e i loro legami con molti degli stessi potenti individui e circoli di influenza suggeriscono fortemente che Epstein fosse uno dei successori di Cohn.

Come verrà mostrato nell’ultima puntata di questo rapporto, Epstein è solo l’ultima incarnazione di un’operazione molto più antica, più estesa e sofisticata che offre una spaventosa finestra su quanto sia profondamente legato il governo degli Stati Uniti agli equivalenti moderni del crimine organizzato, rendendola una racchetta davvero troppo grande per fallire.


Continua con la parte II

UnlimitedHangout


I canali dei social media stanno limitando la di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo che mostra gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

Non ci sono complotti

ci sono persone e fatti

DOCUMENTATI


4 pensieri riguardo “Nascosto in bella vista: le scioccanti origini del caso Jeffrey Epstein

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: