Forte tempesta geomagnetica in corso, G3 o superiore

Source: April 8, 2022; di Cap Allon

  • Grande tempesta di neve che si abbatte sulle Alpi
  • Marzo eccezionalmente freddo dell’Europa centro-orientale
  • Vancouver potrebbe vedere la neve di aprile
  • Marzo 2022 si conclude con la maggior numero di tornado mai registrati, negli Stati Uniti
  • Forte tempesta geomagnetica in corso, G3 o superiore
  • Le prove geo-archeologiche rivelano un grave terremoto tsunami-genico M9.5 in Cile

Grande tempesta di neve che si abbatte sulle Alpi

Sarà anche aprile, ma un’altra grande tempesta invernale si è abbattuta sulle Alpi, con altri 60 cm (2 piedi) in alcune parti.

La tempesta primaverile ha portato il pericolo di valanghe sulle montagne europee mentre il continente continua a compensare quelli che sono stati febbraio e marzo relativamente miti con “una notevole neve di aprile”, riferisce planetski.eu.

“Ancora una volta, aprile consegna la merce”.

La neve ha iniziato a colpire le Alpi occidentali giovedì 7 aprile (notare la scena a Val Thorens incastonata di seguito) e si prevede che si siano accumulati ben 60+ cm (2+ piedi) prima che la tempesta finisse, in particolare a Tignes/Val d’ Isere e le località di Les3Vallees.


Facebook: Val Thorens

La neve e i forti venti hanno portato condizioni pericolose con alto rischio di valanghe.

Le condizioni hanno già portato alla cancellazione di alcuni eventi di fine stagione attraverso le Alpi, tra cui “The Nines” che si svolge a Crans-Montana, in Svizzera: “Con una forte nevicata e velocità del vento fino a 100 km/h previsto al Plaine Morte Glacier nei prossimi giorni, le condizioni meteorologiche rendono impossibile per gli organizzatori preparare l’allestimento in tempo per tenere la giornata pubblica prevista per sabato 9 aprile”, hanno affermato gli organizzatori dell’evento.

Come previsto dall’esperto di meteorologia alpina Fraser Wilkin, di weathertoski.co.uk: “Il tempo rimarrà instabile durante il fine settimana, con la neve che scenderà a livelli più bassi e diventerà più diffusa in tutte le Alpi settentrionali nel loro insieme”.


Marzo eccezionalmente freddo dell’Europa centro-orientale

Mentre il mese di marzo è stato in qualche modo privo di neve sulle quote più alte d’Europa, la temperatura, d’altra parte, si è rivelata eccezionalmente fredda, in particolare nelle nazioni centrali e orientali del continente.

Il marzo 2022 in Ungheria, ad esempio, si è concluso con temperature fredde e secche: le anomalie della temperatura variavano da appena al di sotto della norma in alcune aree centro-settentrionali a -2°C al di sotto della media in tutto l’ovest.

Anche la Romania ha vissuto un marzo freddo e secco: il termometro è variato da -0,5°C al di sotto della media multidecennale nel nord-est a -3°C al di sotto della norma nelle regioni meridionali e centrali.

E infine in Bulgaria, un mese molto freddo di marzo è stato subito lì – le anomalie variavano da -1°C a -5°C al di sotto della norma (mappa per gentile concessione di NIMH):


Anomalously frigid Bulgaria [NIMH].

L’Europa orientale sta ancora lottando per scrollarsi di dosso il suo gelido clima invernale.

La Turchia, ad esempio, ha ottenuto un record assoluto da dicembre a marzo. A un certo punto, alla fine di gennaio, il governo turco è stato costretto a tagliare le forniture di elettricità al suo settore industriale dopo che il vicino Iran aveva annunciato un arresto delle esportazioni di gas a causa della propria domanda di riscaldamento domestico record.

Gli sforzi di autoconservazione dell’Iran hanno portato alla peggiore crisi energetica della storia della Turchia, che ha colpito proprio mentre l’Europa sudorientale era alle prese con una feroce epidemia di Artico. Per proteggere le case residenziali dall’esaurimento, il presidente turco Erdoğan è stato costretto a imporre interruzioni di corrente tre giorni alla settimana in centinaia di zone industriali della nazione.

Febbraio è stato altrettanto baltico in tutta la Turchia (e gran parte dell’Europa orientale).

Mentre il mese successivo non è andato meglio, diventando il secondo marzo più freddo della storia del paese.


Vancouver potrebbe vedere la neve di aprile

Vancouver potrebbe trovarsi in una rara nevicata di aprile nei prossimi 5-7 giorni quando i sistemi meteorologici inizieranno ad allinearsi.

Il freddo incombente durerà diversi giorni, secondo il meteorologo dell’ECCC Bobby Sekhon, per tutto il fine settimana e fino alla prossima settimana. Domenica una massa d’aria instabile nell’Artico minaccia raffiche di pioggia; tuttavia, Sekhon osserva che non è particolarmente probabile che nevichi a Vancouver quel giorno: l’aria sarà abbastanza fredda, ma probabilmente le precipitazioni saranno carenti.

Tuttavia, la prossima settimana è una storia diversa: “Da martedì sera a mercoledì potrebbe esserci un po’ di neve”, ha detto Sekhon. La neve di aprile è un evento estremamente raro per Vancouver, riporta vancouverisawesome.com. Infatti, dall’anno 1937, la neve è stata registrata solo in 14 occasioni durante il quarto mese dell’anno (accumuli di almeno 0,1 cm). L’ultima volta che la città ha ricevuto una traccia è stata il 24 aprile 2015; mentre la precedente volta in cui è stato rilevato qualcosa di misurabile risale al 19 aprile 2008 (minimo solare del ciclo 23).


Marzo 2022 si conclude con la maggior numero di tornado mai registrati, negli Stati Uniti


image credit: NWS/SPC

Source: April 9, 2022; articolo di The Watchers

Il mese di marzo 2022 negli Stati Uniti ha registrato il maggior numero di tornado di marzo: 218, battendo il precedente record di 192 registrato nel 2017.

Inoltre, questo è il quarto anno consecutivo con almeno 1 tornado violento (EF4+) nel mese di marzo. La serie record più lunga mai registrata è stata dal 1963 al 1967 con 5 anni consecutivi.

Ci sono stati 5 giorni con 3 o più tornado forti (EF2+) il mese scorso: 5 marzo, 21 marzo, 22 marzo, 30 marzo e 31 marzo.

Il mese ha anche emesso 41 orologi tornado che collegano il 2008, 2002 e 1976 come l’8° orologio tornado più marzo mai registrato.


Image credit: NWS/SPC


Image credit: NWS/SPC



Image credit: NWS/SPC


Image credit: NWS/SPC

G3 – Forte tempesta geomagnetica in corso, G3 o superiore – Avviso da forte a estremo in vigore

Source: April 10, 2022; articolo di The Watchers

Un flusso equatoriale ad alta velocità del foro coronale di polarità negativa (CH HSS) accoppiato con l’influenza calante dell’espulsione di massa coronale (CME) ha prodotto un G3 – Condizioni di forti tempeste geomagnetiche all’inizio del 10 aprile 2022. Le condizioni potrebbero aumentare ulteriormente e persino raggiungere G4 – Forte o G5 – Condizioni estreme.

La soglia dell’indice K geomagnetico di 5 (G1 – Tempesta geomagnetica minore) è stata raggiunta alle 04:27 UTC, seguita dall’indice K di 6 (G2 – Moderato) alle 04:46 UTC e dall’indice K di 7 (G3 – Forte) alle 05:10 UTC.

G3 – Potenziale forte tempesta geomagnetica impatti:

  • Area di impatto principalmente verso i poli di 50 gradi di latitudine geomagnetica.
  • Correnti indotte – Sono possibili irregolarità nella tensione del sistema di alimentazione, possono essere attivati ​​falsi allarmi su alcuni dispositivi di protezione.
  • Veicolo spaziale: i sistemi potrebbero subire una carica superficiale; una maggiore resistenza sui satelliti in orbita terrestre bassa e potrebbero verificarsi problemi di orientamento.
  • Navigazione – Potrebbero verificarsi problemi di navigazione satellitare intermittente (GPS), tra cui la perdita di blocco e l’aumento della portata.
  • Radio – La radio HF (alta frequenza) potrebbe essere intermittente.
  • Aurora – Aurora può essere vista dalla Pennsylvania all’Iowa all’Oregon.

Alle 05:12 UTC, SWPC ha emesso un K-index geomagnetico di 7 o maggiore avviso, suggerendo G4 -Severe o addirittura G5 – Sono possibili condizioni di tempesta geomagnetica estreme. L’avviso è valido fino alle 09:00 UTC.

Secondo i meteorologi SWPC, le condizioni sono causate da un flusso ad alta velocità del foro coronale con polarità negativa.


Le prove geo-archeologiche rivelano un grave terremoto tsunami-genico M9.5 in Cile

Source: April 10, 2022; articolo di The Watchers

Un nuovo studio pubblicato questa settimana su Science Advances presenta prove geo-archeologiche che rivelano un grave terremoto tsunami-genico M~9,5 che colpì gravemente le comunità preistoriche di cacciatori-raccoglitori-pescatori circa 3 800 anni fa, provocando un’eccezionale disgregazione sociale che si riflette nei cambiamenti contemporanei nei siti archeologici e innescando strategie resilienti lungo queste coste.

  • Insieme ai risultati della modellazione dello tsunami, i ricercatori suggeriscono che questo evento è il risultato di una rottura della mega-spinta lunga circa 1 000 km (620 miglia) lungo il contatto di subduzione delle placche di Nazca e del Sud America, evidenziando la possibilità di terremoti tsunami-genici Mw ~ 9,5 nel nord del Cile, una delle maggiori lacune sismiche del pianeta.
  • Le onde prodotte da questo terremoto potrebbero aver raggiunto un’altezza di 15-20 m (49-66 piedi).
  • I ricercatori ipotizzano che il suo evento possa aver generato una mortalità molto elevata tra le persone, oppure potrebbe anche aver provocato la migrazione di un numero significativo di persone verso altri territori.

“Dall’inizio del presente millennio, un gruppo di terremoti giganti si è verificato in tutto il mondo con notevoli conseguenze sociali, inclusa la perdita di oltre 700.000 vite umane”, hanno affermato i ricercatori.

“Questi includono i giganteschi terremoti mega-thrust di magnitudo momento (Mw) ~9,1 Sumatra-Andaman (2004); Mw 8.8 Maule, Cile centrale (2010); e Mw 9.1 Tohoku-Oki (2011), che ha causato grandi tsunami che hanno gravemente colpito le coste adiacenti e prodotto effetti transoceanici.

Nel nuovo studio, i ricercatori forniscono prove geo-archeologiche che rivelano un grande terremoto tsunami-genico stimato a Mw ~ 9,5 e onde di tsunami alte fino a 15 – 20 m (49 – 66 piedi) che hanno gravemente colpito le comunità preistoriche di cacciatori-raccoglitori-pescatori circa 3.800 anni fa .

Le prove geologiche e archeologiche dell’evento derivano dal sollevamento della spiaggia litoranea e dai depositi di paleo-tsunami, dai contatti erosivi e dalle fratture nei siti archeologici. Le prove geologiche di queste e di precedenti osservazioni mostrano cospicui depositi litoranei situati fino a 6-7 m (20-23 piedi) sopra l’attuale livello medio del mare.


Impostazione delle placche tettoniche, maggiori mega spinte storiche dello tsunami, siti e risultati della modellazione dello tsunami a supporto di uno scenario di terremoto di Mw ~ 9,5 ~ 3800 cal yr B.P. nel nord del Cile.(A) Proposta ca. Rottura della megaspinta lunga 1000 km per circa 3800 cal anno B.P. terremoto tsunamigenico, che comprende tre segmenti principali di fronte alle regioni di Iquique, Taltal e Atacama. (B) Siti di osservazioni geologiche e archeologiche per il sollevamento costiero e depositi di paleotsunami datati a ~ 3800 ca yr B.P. e risultati della modellazione dello tsunami. 1: Pabellón de Pica; 2: Paquica Sur; 3: Cobija; 4: Michilla; 5: Playa Grande de Mejillones; 6: Penisola di Mejillones; 7: Zapatero; 8: miniera di San Ramón-15; 9: Los Bronces; 10: Hornos de Cal; 11: Playa San Pedro; 12: Bahía Cisne, Caldera. (C) Precipitazioni dello tsunami associate ai principali terremoti tsunamigenici storici del 1868, 1877 e 1922 d.C. nel nord del Cile (dal Servizio idrografico e oceanografico nazionale). (D) Mappa che mostra l’accoppiamento delle placche tettoniche che indica un alto potenziale di grandi terremoti da mega spinta lungo il Cile settentrionale. (E) Impostazione sismotettonica lungo il Cile settentrionale, con la subduzione della placca di Nazca al di sotto della placca sudamericana e le rotture delle megaspinte storiche. Credito: Diego Salazar et al., Science Advances

Il terremoto tsunami-genico descritto nel documento è contemporaneo ai grandi cambiamenti nel sistema insediativo delle comunità locali di cacciatori-raccoglitori, che avevano abitato questa costa per quasi 10 millenni prima di questo evento.

“Sebbene ci siano limitazioni in alcuni dei set di dati disponibili, i cambiamenti sono coerenti a diverse scale spaziali, dai singoli siti all’intera costa iperarida delle regioni di Antofagasta e Tarapacá, considerando linee di prova indipendenti”, hanno affermato i ricercatori.

Lo studio sottolinea la necessità di tenere conto di lunghe scale temporali per comprendere meglio la variabilità, gli effetti sociali e le risposte umane che favoriscono la resilienza ai disastri socio-naturali.

Riferimenti:
  • Un terremoto di 3800 anni Mw ~ 9,5 ha provocato gravi disagi sociali nel deserto di Atacama? –Diego Salazar et al. – Science Advances – 6 aprile 2022 – DOI: 10.1126/sciadv.abm2996 – OPEN ACCESS

I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno stanno stanno RAFFREDDANDO in linea con la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i raggi cosmici che nucleano le nuvole e una corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare, se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un grande minimo solare ‘in piena regola’ alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare (25) come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con i precedenti spegnimenti solari periodi prolungati di raffreddamento globale qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che il Beaufort Gyre potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


I canali dei social media stanno limitando la di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo che mostra gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: