Darktrace e Cybereason

Source: November 3, 2020: articolo di Johnny Vedmore

Le compagnie di intelligence che cercano di soggiogare il mondo con la Singolarità dell’Intelligenza Artificiale

Incontro con due potenti società di sicurezza informatica piene di agenti dell’intelligence americana, britannica e israeliana che intendono utilizzare la tecnologia di intelligenza artificiale per prendere di mira le popolazioni straniere oltre che alla propria.

Abbiamo tutti sognato, un sogno in cui puoi fluttuare o scivolare attraverso il tuo paesaggio onirico senza sforzo. Questo porta a una sensazione di trepidazione, come se avessi la capacità di lasciar andare, e se lo lasci andare, salirai o cadrai.

Siamo ora a un punto della storia in cui o gli eventi imminenti saranno studiati per migliaia di anni, o sarà ricordato come il punto in cui abbiamo perso completamente la nostra umanità. La tecnologia dell’Intelligenza Artificiale (A.I.) è entrata in una nuova fase negli ultimi anni, dove invece dell’A.I. algoritmi che imparano dagli esseri umani, ora stanno insegnando a se stessi, cambiando i propri algoritmi mentre imparano. Siamo sul punto di lasciare completamente il controllo, così presto, a causa di alcune piccole aziende a cui è stato concesso tranquillamente il controllo con il pretesto di “proteggere” le nostre vite digitali, il tutto all’interno di un settore tecnologico che si sta muovendo così velocemente che non possiamo più vedere cosa c’è dietro la curva.

L’intera popolazione del libero pensiero della Terra vorrebbe avere un po’ più di tempo per discutere di tale cambiamento epocale. Tuttavia, i tecnocrati e gli scienziati, supportati dai venture capitalist, stanno già mettendo in atto il futuro prima che le masse abbiano la possibilità anche solo di considerare di discuterne le conseguenze. Con pochissima legislazione che disciplina l’IA tecnologie sui libri contabili, i nostri governi sono ansiosi di convincere ogni pioniere della tecnologia a inventare mentre non c’è alcuna responsabilità per i danni che ne derivano. Non stiamo parlando di una grave interruzione della società, stiamo parlando di un potenziale evento a livello di estinzione di nostra creazione. Dove dovremmo fare piccoli passi cauti, invece ci aspettiamo di volare semplicemente lasciando andare.

Stiamo per sperimentare un enorme cambiamento nella tecnologia, a partire dalla sicurezza informatica di “prossima generazione” che si sposterà poi rapidamente nell’ignoto. L’intelligenza artificiale non supervisionata, ora in esecuzione su reti critiche in tutto il mondo come prodotto di “sicurezza informatica”, sta evolvendo il proprio algoritmo senza che sia necessario il coinvolgimento degli esseri umani. Nel frattempo, i ricchi mecenati che finanziano questa tecnologia all’avanguardia del futuro sono in forze, lavorando per spingere le nostre società verso questa nuova frontiera tecnologica, inesplorata e distopica.

Ma chi sono le aziende che questi ricchi e impazienti venture capitalist stanno finanziando per creare un sistema di difesa informatica autonomo e basato sull’intelligenza artificiale come mai prima d’ora? Sono anche delle aziende se consideriamo i loro legami profondi e diretti con le agenzie di intelligence? Queste aziende dovrebbero invece essere riclassificate come semplici estensioni di apparati di intelligence statali che agiscono senza i vincoli della responsabilità pubblica?

Ognuna di queste società è stata costruita da squadre di ex agenti dell’intelligence, alcuni dei quali hanno ricoperto i vertici degli apparati di intelligence dei rispettivi paesi. MI5 e CIA entrambi hanno un peso considerevole in queste imprese dal suono sinistro, ma è l’Unità 8200 di Israele il principale gruppo che capitalizza questo progresso nel regno degli algoritmi di Intelligenza Artificiale senza supervisione.

Eppure, queste stesse aziende sembrano vendere una difesa contro una potenziale apocalisse di cui loro stesse potrebbero essere responsabili. Hanno le soluzioni ai problemi informatici di tutti, o almeno questa è l’immagine che desiderano ritrarre. Lascia che ti presenti le operazioni di intelligence più pericolose mascherate da società di sicurezza informatica sul pianeta Terra.


Darktrace: l’intelligenza artificiale per l’apprendimento automatico non supervisionato

Soluzione di sicurezza informatica

I membri di Darktrace sono aperti sui loro obiettivi. Parlano di dati pubblici come se avessero già i diritti per venderli a chiunque nel mondo. I dati sono il carburante della Quarta Rivoluzione Industriale e Darktrace ha guadagnato quasi 2 miliardi di dollari nel settore dei dati durante la sua storia relativamente breve, raggiungendo lo status di Unicorn con grande facilità. Quando Darktrace ha lanciato per la prima volta il suo sito Web nel 2013, la sua descrizione della visione dell’azienda era intitolata “The New Normal: Learn Human and Machine Behaviour to Reduce Cyber ​​Security Risks”. Allora avevamo meno familiarità con il termine “la nuova normalità”, ma ora ci circonda. Darktrace è già attivo all’interno del NHS, della rete elettrica del Regno Unito e di molte altre parti importanti delle infrastrutture critiche britanniche e si stanno rapidamente espandendo in tutto il mondo.

Dave Palmer era un agente antiterrorismo dell’MI5 che lavorava alle Olimpiadi di Londra 2012 quando lui e alcuni dei suoi colleghi avevano per la prima volta smentito l’idea iniziale di quello che sarebbe diventato Darktrace. Volevano creare un A.I. sistema di sicurezza informatica basato sul sistema immunitario umano, un sistema diverso dall’approccio software antivirus tradizionale e reattivo. Questo sistema cercherà anomalie nei processi di una rete di computer per indirizzare una gamma più ampia di problemi informatici più sofisticati.

Palmer aveva trascorso 14 anni lavorando per MI5 e GCHQ in un ruolo nella creazione di reti sicure per la comunicazione delle spie britanniche. Alla fine si sarebbe rivolto a due matematici dell’Università di Cambridge per aiutarli a realizzare i suoi sogni alla fine del 2012. Questi matematici stavano lavorando a progetti relativi all’uso dell’apprendimento automatico senza supervisione per insegnare a un computer ad avere un senso di sé, un passo che avrebbe portato tale tecnologia pericolosamente vicina alla cosiddetta singolarità. A quel punto, come critici e fautori dell’A.I. allo stesso modo hanno avvertito che l’intelligenza artificiale non solo supererà l’intelligenza umana, ma avanzerà a un ritmo incomprensibile, le cui implicazioni importanti e che altereranno il mondo.

In un discorso di TechCrunch nel 2016, la co-CEO di Darktrace appena insediata, Poppy Gustafsson, viene sorpresa a fuorviare il pubblico sulle origini dell’azienda. Usa la fase TechCrunch per affermare che la “scintilla” per la creazione di Darktrace proveniva originariamente dai matematici di Cambridge ed ha minimizzato il coinvolgimento di agenzie di intelligence come MI5, GCHQ e la CIA. La moderatrice di TechCrunch, Natasha Lomas, in questa occasione ha mostrato una buona integrità giornalistica e ha chiesto chiarimenti. «Così sono arrivate prima le ricerche di matematica e poi ti sei unita alle spie. Da che parte era?” chiese l’intrepido Lomas. Gustafsson si dimena un po’ prima di dire: “Era esattamente quello. Innanzitutto l’apprendimento automatico che parlava di come criticare un computer per aiutarlo a capire se stesso. E poi sono stati gli, ehm, esperti delle agenzie di intelligence del governo a pensare ‘ooh, questo potrebbe essere applicato al problema della sicurezza informatica’”. Ma quella affermazione era una vera bugia e Gustafsson non è l’ingannatore più abile.

Gustafsson, che inizialmente era CFO e COO per la neonata Darktrace, dirige l’azienda insieme all’altra co-CEO Nicole Eagen, un’allieva di Oracle, un’importante azienda tecnologica che ha anche le sue origini nell’intelligence. Entrambe le parti del duo di potere femminile di Darktrace sono state trasferite da Invoke Capital dall’investitore privato iniziale di Darktrace e membro del consiglio consultivo, il miliardario britannico Dr. Mike Lynch OBE. Descrivendosi come la “risposta britannica a Bill Gates“, il dottor Mike Lynch è lodato come uno degli investitori più influenti nel settore tecnologico. I suoi precedenti sforzi di successo erano stati con Autonomy, un’azienda tecnologica che ha coinvolto Lynch in una disputa legale con HP sull’inflazione fraudolenta della sua valutazione, e Blinkx, una società di ricerca video in cui Lynch è stato successivamente costretto a dimettersi dal consiglio.

I problemi del dottor Mike Lynch con Hewlett Packard non sono da sottovalutare, come è stato chiarito in un articolo del Telegraph che lo descriveva come “il processo del secolo”. Ma, prima che quello spettacolo possa aver luogo, Mike Lynch deve prima essere estradato e la sua lunga battaglia in tribunale per resistere all’estradizione ha portato a una certa incertezza sul futuro di Darktrace mentre Lynch è ancora attivo all’interno dell’azienda. È stato anche recentemente riportato dai media mainstream che la banca di Wall Street Goldman Sachs si era rifiutata di assumere un ruolo nell’offerta pubblica iniziale (IPO) di Darktrace a causa della battaglia per l’estradizione in corso di Mike Lynch.

Eppure, Darktrace non è solo un uomo che lavora da solo. L’azienda vanta che oltre 4000 organizzazioni in tutto il mondo ora si affidano all’IA di tecnologia Darktrace. Con sede a San Francisco, negli Stati Uniti, e Cambridge, nel Regno Unito, Darktrace ha oltre 1300 dipendenti sparsi in 44 paesi e il loro numero è in aumento. E sebbene i collegamenti con le agenzie di intelligence statali siano chiari ed evidenti, Darktrace è ufficialmente un’impresa completamente privata con grandi investitori tra cui KKR, Summit Partners, Vitruvian Partners, Samsung Ventures, TenEleven Ventures, Hoxton Ventures, Talis Capital, Invoke Capital e Insight Venture Partner. Seduti accanto al controverso Dr. Mike Lynch OBE nel comitato consultivo di Darktrace ci sono alcune persone seriamente influenti profondamente legate alle agenzie di intelligence statunitensi e britanniche.

Uno dei primi membri nominati nel comitato consultivo di Darktrace è stato Jonathan Evans, noto anche come Baron Evans di Weardale. Evans è stato in precedenza il direttore generale dell’MI5, subentrando a Dame Eliza Manningham-Buller nel 2007 e rimanendo nel ruolo di intelligence più alto che il Regno Unito ha da offrire fino al 2013. Dopo il suo periodo come capo dell’MI5, Evans è inizialmente entrato a far parte di HSBC Holdings come un amministratore non esecutivo, ruolo che ha ricoperto anche in Ark, un data center britannico altamente sicuro.

Se dovessi entrare nella sala del consiglio consultivo di Darktrace, potresti essere perdonato per aver pensato che stavi effettivamente partecipando a una riunione del Ministero degli interni del Regno Unito del passato. L’ex ministro dell’Interno sotto il primo ministro Theresa May, Amber Rudd, è entrata a far parte di Darktrace dopo la fine del suo mandato al governo nel 2019. Fa anche parte del team di consulenza di Teneo, una società di consulenza co-fondata e guidata da Doug Band, l’ex consigliere di Bill Clinton e amico intimo del famigerato Jeffrey Epstein. Come sempre, quando si indaga sull’oscuro mondo dell’intelligence, vengono rivelate molte connessioni con Epstein e la sua partner Ghislaine Maxwell.

Detto questo, anche un altro membro del comitato consultivo di Darktrace ha collegamenti Epstein/Maxwell. La CIA stalwart, Alan Wade, è uno dei membri più interessanti del team di consulenza di Darktrace. È stato annunciato come membro del loro crescente comitato consultivo il 10 maggio 2016 ed era stato l’ex Chief Information Officer della Central Intelligence Agency. I suoi trentacinque anni di carriera ai vertici della C.I.A. terminato nel 2006 e successivamente si dedicherà ad assistere le aziende con C.I.A. collegamenti dal settore privato.

Mentre era in uno dei posti più importanti dell’intera comunità dell’intelligence statunitense, Wade ha co-fondato Chiliad insieme alla sorella di Ghislaine Maxwell, Christine Maxwell. Come riportato da Unlimited Hangout all’inizio di quest’anno, Christine Maxwell è stata personalmente coinvolta nella guida delle operazioni della società di facciata utilizzata da Robert Maxwell per commercializzare il software PROMIS, che aveva una backdoor per l’intelligence israeliana, sia nel settore pubblico che in quello privato degli Stati Uniti. Data questa storia, è certamente significativo che Wade abbia scelto di co-fondare una grande azienda di software con Christine Maxwell tra tutte le persone.

Quando era ancora attiva come azienda, Chiliad si descriveva come “il leader nell’analisi dei dati su cloud, agenzie, dipartimenti e altri tubi da stufa” e funzionava sui computer e sui database di quasi tutti i principali sistemi di sicurezza nazionale del governo degli Stati Uniti. Ma al giorno d’oggi, il suo sito Web defunto ci fornisce solo il messaggio di errore standard.

A completare il comitato consultivo di Darktrace c’è il loro accademico simbolico, il professor Nick Jennings CB FREng, che serve il Vice-Prevost for Research and Enterprise presso l’Imperial College London. Tuttavia, Jennings è stato anche Chief Scientific Advisor for National Security del governo del Regno Unito ed è attualmente membro del consiglio AI del governo del Regno Unito, una posizione molto conveniente da ricoprire date le ambizioni di Darktrace.

Questi personaggi che compongono la leadership e il consiglio di Darktrace sono pronti a proporre una soluzione a tutti i nostri problemi relativi alla sicurezza informatica. Puoi semplicemente installare una scatola e lasciare che Darktrace si occupi della tua rete, riponendo la tua fiducia in un A.I. avvicinarsi all’autoconsapevolezza che è gestita da individui legati all’intelligenza con un passato discutibile, tutto per la pace della mente e la “comodità”. Ma cosa combatteranno?

Come abbiamo sperimentato in altri momenti memorabili della storia, le simulazioni casuali prima o durante qualsiasi evento manipolato guidato da un’agenzia di intelligence sono all’ordine del giorno. In questa occasione, una società chiamata Cybereason è qui per fornirci un breve assaggio del nostro temibile futuro in sospeso. In più simulazioni che Cybereason ha eseguito negli ultimi anni, hanno giocato a come potenziali attacchi informatici potrebbero causare disastri impensabili per le elezioni statunitensi del 2020.

Il CEO e co-fondatore di Cybereason è un enigmatico ex agente dell’intelligence israeliana Lior Div-Cohen, spesso indicato semplicemente come Lior Div. Div, vincitore della Medaglia d’Onore dell’IDF ed ex membro dell’Unità 8200 israeliana, ha co-fondato Cybereason nel 2012 insieme a Yossi Naar e Yonatan Striem-Amit, che sono anche compagni veterani del corpo militare israeliano di sicurezza informatica. Uno studioso dell’Academic College di Tel-Aviv, Lior Div ha poi lavorato come ingegnere del software per Xacct, un fornitore di servizi di rete, seguito dalla famigerata società Amdocs, che è stata accusata di intercettare i funzionari del governo americano per conto di Israele. Tra Amdocs e Cybereason, Lior Div è stato CEO e co-fondatore della società di sicurezza informatica israeliana AlfaTech, descritta dai suoi media nazionali come “una società di servizi di sicurezza informatica per le agenzie governative israeliane”.

Cybereason, in una bizzarra pubblicità che promuove un prodotto fittizio chiamato Cyberblast, si è descritto come “il leader nella protezione degli endpoint, offrendo rilevamento e risposta degli endpoint, antivirus di nuova generazione e servizi di monitoraggio gestiti basati su una tecnologia di livello militare che cambia paradigma intelligenza artificiale e apprendimento automatico”. I marketer di Cybereason hanno fatto di tutto per mostrarsi come una start-up in stile Silicon Valley dove trascorrono tutte le giornate a cucinare, bere, ballare e fare a malapena qualsiasi lavoro, ma in realtà è un’azienda parzialmente di proprietà di tali giganti della difesa come Lockheed Martin e che hanno legami molto stretti con l’apparato di intelligence israeliano. Grazie alla partnership con Lockheed Martin, Cybereason ora possiede il suo software di sicurezza informatica basato sull’intelligenza artificiale in esecuzione su alcune delle reti più classificate del governo degli Stati Uniti, inclusi numerosi sistemi militari statunitensi critici.

Tuttavia, non sono solo i principali sviluppatori di armi come Lockheed Martin ad aver investito in questa piattaforma di sicurezza informatica hi-tech. Reuters ha riferito nell’agosto 2019 che la società giapponese Softbank ha investito in precedenza nella società, insieme alle società di venture capital CRV e Spark Capital. Il portafoglio di investimenti di Spark Capital include Twitter, Oculus, Wayfair, Coinbase, Plaid e molti altri grandi attori. Gli investimenti di CRV includono Dropbox, Patreon, ma anche A.I. e imprese legate all’apprendimento automatico come Standard Cognition e Dyno Therapeutics.

Come con Darktrace, Cybereason offre quella che viene descritta come una tecnologia antivirus di nuova generazione che, invece di rispondere agli attacchi quando viene rilevata, utilizzerà l’intelligenza artificiale. e l’apprendimento automatico per vedere le anomalie nei normali processi di una rete in tempo reale.

Alcune delle simulazioni che Cybereason ha ospitato negli ultimi due anni ci portano al giorno delle elezioni. In un video intitolato: 2018-10 Hacking the Vote da uno scenario e simulazione che in realtà era intitolato Blackout; Protect the Vote, la simulazione esamina quali parti dei processi di un giorno elettorale erano vulnerabili agli hacker. Chiariscono fin dall’inizio che non si tratterà solo di macchine per il voto.


Operazione Blackout

Nolandia, la città immaginaria che era ground zero durante l’operazione Blackout, era basata su una città americana media annidata all’interno di uno stato oscillante cruciale il giorno delle elezioni. Qui a Nolandia, tre squadre di cyber-combattenti si davano battaglia per il controllo della città.

Queste sarebbero le tre squadre ciascuna con ruoli succinti nella finzione del giorno del voto, come ci hanno raccontato Ross Rustici e Sam Curry di Cybereason:

Red Team AKA Broken Eagle Task Force: l’obiettivo fondamentale della Task Force di Broken Eagle era interrompere i processi elettorali in tempo reale. L’approccio del Rosso si è evoluto durante la simulazione dal causare il maggior danno possibile nel rendere il risultato delle elezioni il più dubbio e politicamente parziale possibile. Hanno tentato di controllare la narrativa secondo cui il sistema era rotto e che non ci si poteva fidare delle elezioni.

Blue Team AKA Nolandia Event Task Force: i Blue sono stati fondamentalmente reattivi durante la simulazione ed erano costantemente in ritardo. I Blue’s, rispondendo a una fuga di gas segnalata in un seggio elettorale di Nolandia all’inizio dello scenario, hanno contattato l’ufficio della Segreteria di Stato per chiedere se fosse necessario chiudere il seggio elettorale. Fortunatamente, il vero Dipartimento di Stato aveva due consulenti che partecipavano alla simulazione che erano in grado di offrire piani di emergenza alternativi che esistevano nell’America del mondo reale. Alla fine della simulazione, i Blue erano tutti consapevoli di aver in gran parte fallito l’esercizio.

White Team AKA White Control Team: questa squadra ha agito come supporto per dare consigli o permessi a una delle due squadre, in un ruolo molto simile al Dungeon Master in un gioco di D&D. Il compito principale del Bianco era bilanciare il realismo dello scenario e creare problemi per entrambe le squadre che avrebbero sperimentato nel mondo reale.

Nel novembre 2019, Cybereason ha eseguito nuovamente la simulazione dell’attacco del giorno delle elezioni a un evento a Washington DC e ha eseguito più simulazioni nell’ultimo anno. L’ultima città americana immaginata si chiamava Adversaria. Mentre il giorno delle elezioni si avvicina sempre più, Cybereason ha pubblicato online i suoi video promozionali più ben prodotti. Se stai prestando molta attenzione, avrai notato che Cybereason ha speso tutto ottobre 2020 a fare marketing pesante mentre si avvicina il grande giorno. I rappresentanti di Cybereason vengono citati in ogni storia spaventosa mainstream là fuori.

Vice News ha pubblicato un articolo il 7 ottobre intitolato: “Gli ospedali sono diventati ‘bersagli privilegiati’ per attacchi paralizzanti ransomware”, in cui cita Israel Barak, Chief Information Security Officer di Cybereason, l’articolo afferma che Barak è “un esperto di guerra informatica presso Cybereason, ha trascorso nove anni nelle forze di difesa israeliane specializzandosi in sistemi di difesa informatica”. E quando Adam Scroxton di Computer Weekly, il 20 ottobre, ha riferito della condanna dei sei presunti hacker russi nel famoso attacco NotPetya, Cybereason ha lanciato il suo CSO, Sam Curry, per rilasciare una dichiarazione.

In un video di 5 minuti pubblicato dal canale Freethink, pubblicato il 21 ottobre 2020, intitolato Hacker’s Simulate Election Day Blackout, Sam Curry, Chief Security Officer di Cybereason, parla apertamente delle possibilità di interferenza del giorno delle elezioni nella prossima resa dei conti presidenziale. “Nessuno ha visto un’elezione come ci aspettiamo che siano le elezioni presidenziali del 2020”, afferma Curry, “la posta in gioco è alta per il 2020. Francamente, questo è il gioco da vincere”.

In un articolo di Wired del 22 ottobre intitolato: 12 minacce informatiche che potrebbero devastare le elezioni, Wired spiega: “L’azienda di sicurezza Cybereason l’anno scorso ha condotto una serie di esercizi da tavolo esaminando specificamente come gli attacchi del mondo reale potrebbero influenzare il giorno delle elezioni. Un esercizio si è concentrato su un gruppo di attivisti informatici – noto nell’esercizio come “Kill Organized Systems (K-OS)”, gioco di parole inteso – che ha interrotto i semafori e bloccato le elezioni paralizzando il sistema di trasporto della città”. Le apparizioni sui media per Cybereason non sono mai arrivate così fitte e veloci come lo scorso ottobre. Si potrebbe anche supporre che queste apparizioni siano una campagna mediatica che porta a un grande evento.

E poi, il 26 ottobre 2020, Cybereason ha pubblicato un nuovo video promozionale intitolato: ““We are the Defenders. The first to your fight.” Nel pezzo di due minuti, un narratore introduttivo di un film in stile hollywoodiano è accompagnato da un gufo robot assassino in CGI, con coltelli per le ali e occhi malvagi e luminosi. Stanno ovviamente cercando di proiettare la loro immagine come uno dei saggi, vecchi protettori del cyberspazio, o forse qualcosa di molto peggio. Indipendentemente dal motivo dei gufi robot assassini, Cybereason è abbastanza sinistro senza di loro.


I soliti sospetti

Cybereason ha anche collegamenti con uno dei soliti sospetti, il brigadiere Pinchas Buchris. Ex vice comandante di un’unità operativa d’élite dell’IDF ed ex comandante dell’IDF 8200 Cyber ​​Intelligence Unit, è stato anche direttore generale del ministero della Difesa israeliano, CEO di Oil Refineries Ltd e serve anche come membro del consiglio dell’AIPAC. Questo agente dell’intelligence israeliana di alto livello è entrato a far parte del consiglio di Cybereason poco dopo il suo tempo trascorso a Carbyne911. Carbyne, una piattaforma israeliana di chiamata di emergenza che ha visto l’investimento iniziale di Jeffrey Epstein, Nicole Junkermann e Peter Thiel, è stata fondata da Ehud Barak e altri ex giganti dell’intelligence israeliana.

Carbyne911 è un eccellente esempio di come le compagnie di intelligence israeliane stiano cercando di sovvertire e infiltrarsi nei nostri sistemi attuali. E da quando il mio articolo iniziale ha esposto la loro sinistra squadra di ex membri dell’Unità 8200 nel 2019, Carbyne ha dovuto cambiare quasi tutti i membri del loro comitato consultivo. Ora, i membri scelti per far parte del loro consiglio sono quasi tutti ex rappresentanti dell’intelligence americana e dello stato con a malapena un membro dell’Unità 8200 in vista. Questo è stato un ovvio tentativo di allontanare la compagnia dall’intelligence israeliana e proseguire verso il loro obiettivo di avere il controllo dei dati privati ​​di ogni americano. Carbyne911 ha spinto per essere coinvolto nelle app di tracciabilità del Covid-19, oltre a continuare a provare a rilevare l’infrastruttura di comunicazione dei servizi di emergenza americani. Le persone che ora occupano queste posizioni a Carbyne911 saranno esaminate più dettagliatamente in un altro giorno.

Darktrace, Cybereason e Carbyne911 non sono semplicemente pionieri in un settore tecnologico in rapida evoluzione. Piuttosto, sono intrinsecamente legati alle stesse vecchie agenzie di intelligence che stanno tentando di reinventarsi sotto una forma diversa e più accettabile. Stanno creando l’infrastruttura progettata per sovvertire i nostri sistemi attuali. Un’IA senza supervisione colosso che richiederà quanti più dati possibili per potere e i nostri governi hanno già deciso di dare via tutto ciò che possono.

Tutte queste tecnologie devono essere pensate, non solo in relazione a un attacco informatico del giorno delle elezioni oa un evento terroristico, ma invece pensate a questo nel suo contesto originale e più ampio. I matematici di Cambridge dietro la creazione di Darktrace non stavano originariamente cercando di prevenire un attacco informatico il giorno delle elezioni del 2020. Questi geni della matematica ad alta quota stavano cercando di creare la singolarità, la creazione di un’IA ad autoapprendimento. Questa tecnologia avanzata sarà presto alimentata con più set di dati di quanti il ​​cervello umano sia in grado di immaginare. In una mossa per prendere l’autoapprendimento A.I. online, la minaccia informatica alle elezioni sarà solo una cortina fumogena per evitare le questioni di politica pubblica più ampie e pertinenti riguardanti la sicurezza e l’etica dell’IA senza supervisione e, cosa più importante, i principali rischi associati a questi sistemi sconosciuti.

Le aziende che detengono questa potente tecnologia del futuro non si preoccupano più di nascondere le loro associazioni e alleanze. Le loro varie compagnie sono piene di agenti dell’intelligence americana, britannica e israeliana che intendono utilizzare questo tipo di tecnologia per prendere di mira la propria popolazione. Non è un caso quindi che alcune di queste stesse nazioni abbiano lavorato segretamente allo sviluppo di un’I. A. che sostituirebbero gli hacker umani, automatizzando la stessa minaccia contro la quale aziende come Darktrace e Cybereason affermano di proteggerci.


UnlimitedHangout


I canali dei social media stanno limitando la di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo che mostra gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: