Il gelo primaverile americano

Source: April 11, 2022; articolo di Cap Allon

  • Il ciclo solare 25 procede in modo simile al ciclo 24, storicamente debole;
  • Il gelo primaverile americano;
  • Shiveluch erutta a 32.000 piedi
  • Il ciclone Fili si rafforza a nord della Nuova Zelanda, si prevede che porterà una varietà di pericoli meteorologici
  • Il Sudafrica sta vivendo la più grande infestazione di locuste degli ultimi decenni
  • “Haboob: un decennio di polvere” di Mike Olbinski

Ciclo solare 25 Progredendo in modo simile a quello storicamente debole 24

Siamo passati un anno e mezzo dall’SC25 ora, e sebbene il ciclo stia leggermente sovraperformando sia il suo predecessore (SC24) sia la proiezione ufficiale fatta dal Solar Cycle Prediction Panel nel 2019, le cose stanno ancora procedendo entro gli intervalli previsti: il il ciclo è in procinto di essere un altro storicamente debole, notevolmente più debole di SC21, SC22 e SC23:


Solar Cycle 25 progression (green line) compared to 24, 23, 22 & 21 [solen.info]

Il risultato?

Le temperature globali probabilmente continueranno la loro consolidata correlazione con l’attività solare e diminuiranno.

Il ciclo solare 25, almeno finora, sta offrendo un sollievo minimo dal calo multidecennale della produzione solare che stiamo vivendo: quello in cui ci troviamo è un lungo periodo di bassa attività solare che non si vedeva dal Dalton Minimum (1795- 1835).

E sebbene da qui possa succedere di tutto – ci sono persino previsioni credibili che richiedono ancora un SC25 record – le cose sembrano procedere in linea con quelle proiezioni originali del Solar Cycle Prediction Panel del 2019. All’epoca, la co-presidente del panel Lisa Upton, Ph. .D., fisico solare della Space Systems Research Corp, ha annunciato: “Prevediamo che il ciclo solare 25 sarà molto simile al ciclo 24… un altro ciclo debole, preceduto da un minimo lungo e profondo”.

Molti si aspettano che il ciclo successivo (SC26) sia ancora più debole di SC24 e SC25, forse addirittura inesistente, una realtà che potrebbe significare notizie disastrose per l’umanità. La documentazione storica rivela che le civiltà umane si espandono e prosperano durante lunghi periodi di calore (alias Grandi Massimi Solari, come il Massimo Moderno: da ≈1920 a ≈2000); e, al contrario, si contraggono e collassano durante i raffreddamenti prolungati (cioè le piccole ere glaciali). I periodi del riscaldamento minoico, romano e medievale ne sono tutti una prova. Sovrapponendo il picco di queste civiltà passate in cima ai dati GISP2 Ice Core illustra chiaramente lo schema:

Le civiltà umane di maggior successo sono costruite sul presunto clima costante e prevedibile che deriva dai Grandi Massimi Solari; tuttavia, con il passare dei decenni di un clima affidabile, cresce la dipendenza di una società dalle sue infrastrutture sempre fragili – e questo è il problema: quando quella presunta costante viene interrotta, si rompe rapidamente e il sistema non può adattarsi abbastanza rapidamente per far fronte a il cambiamento (aka il freddo discendente).

Di seguito è riportato un grafico che confronta il ciclo solare 25 con i cicli molto deboli dell’inizio del 1900 (il minimo del centenario):


Solar Cycle 24 & 25 compared to 16, 14, 13 & 12 [solen.info]

È chiaro quanto siano poco brillanti questi ultimi due cicli; infatti, sono i più deboli in più di due secoli:

La previsione ufficiale del NOAA/NASA Solar Cycle 25 Prediction Panel (realizzata nel 2019 e visualizzata dalla linea rossa sopra) prevedeva un ciclo debole 25, con un picco a metà del 2025. E mentre le cose stanno attualmente registrando un leggero anticipo rispetto al programma, NOAA non crede che il ciclo raggiungerà un picco molto più alto di SC24; invece, vedono semplicemente il picco arrivare prima, alla fine del 2024.

Se questo si verifica, significherebbe un inizio anticipato del ciclo solare 26, un ciclo chiave per i motivi sopra descritti.

Come sempre, però, il tempo lo dirà.


Il gelo primaverile americano

Questa settimana una corrente a getto instabile sta per far cadere l’aria gelida dell’Artico in gran parte del Nord America.

Tali condizioni contrasteranno il calore anomalo goduto negli ultimi giorni in una configurazione che funge da ulteriore esempio dell’oscillazione tra gli estremi prevalenti durante i periodi di attività solare storicamente bassa.

Città come Reno e Nevada sono previsti massimi negli anni ’40 martedì dopo aver goduto di un caldo vicino a 80F alla fine della scorsa settimana; ma dall’Alaska all’Alabama, i prossimi 14 giorni vedranno basse temperature potenzialmente da record spazzare la maggior parte del continente.

Secondo l’ultima corsa GFS, le deviazioni dalla norma potrebbero arrivare fino a -24°C al di sotto, in particolare nelle regioni centrali:

GFS 2m Temperature Anomalies (C) April 11 – April 27 [tropicaltidbits.com].

Ad accompagnare il freddo fuori stagione ci saranno abbondanti nevicate di fine stagione, in particolare in Ontario, Dakota e Nebraska:

GFS Total Snowfall (inches) April 11 – April 24 [tropicaltidbits.com].

Shiveluch erutta a 32.000 piedi

L’attività esplosiva continua sul vulcano altamente attivo Shiveluch della Russia. Il VAAC Anchorage ha avvertito ieri, 10 aprile, di un pennacchio di cenere vulcanica che sale a circa 32.000 piedi (9,8 km).

Le eruzioni vulcaniche sono una delle forze chiave che guidano la Terra nel suo prossimo periodo di raffreddamento globale con la loro attività legata alla bassa attività solare e al conseguente afflusso di raggi cosmici che penetrano nel magma. Molto semplicemente, il particolato viene espulso ad altitudini superiori a ca. 32.000 piedi (10 km) -nella stratosfera- spesso indugiano dove hanno un effetto di raffreddamento diretto sulle temperature terrestri inferiori.

Statistiche di Shiveluch

Stratovulcano: 3283 m / 10.771 piedi
Kamchatka, Russia: 56,65°N / 161,36°E
Stato attuale: IN ERUZIONE (4 su 5)

Il vulcano Shiveluch è altamente esplosivo. Ha una storia eruttiva recente disseminata di VEI 4 e 5 ed è nota per i grandi flussi piroclastici. Shiveluch è uno dei vulcani più grandi e attivi della Kamchatka.

Elenco delle eruzioni: 1739(?), 1800(?), 1854 (eruzione pliniana), 1879-83, 1897-98, 1905, 1928-29, 1930, 1944-50, 1964 (subpliniano, crollo della grande cupola e detriti flusso), 1980-81, 1984, 1985, 1986-88, 1988, 1989 1990-94, 1997, 1998, 1999, 1999-in corso

Per ulteriori informazioni, vedere VolcanoDiscovery.com.

L’attività sismica e vulcanica è stata correlata ai cambiamenti del nostro sole. Il recente aumento globale dei terremoti e delle eruzioni vulcaniche è probabilmente attribuito al calo dell’attività solare, ai buchi coronali, a una magnetosfera in declino e all’afflusso di raggi cosmici che penetrano nel magma ricco di silice.


Il ciclone Fili si rafforza a nord della Nuova Zelanda, si prevede che porterà una varietà di pericoli meteorologici


Credito immagine: Ex-Tropical Cyclone Fiji alle 03:00 UTC dell’11 aprile 2022. Credito: JMA/Himawari-8, RAMMB, CIRA, TW

Source: Monday, April 11, 2022; articolo di The Watchers

L’ex ciclone tropicale “Fili” si sta rafforzando a nord della Nuova Zelanda lunedì 11 aprile 2022. La tempesta dovrebbe portare una varietà di pericoli meteorologici martedì e mercoledì 12 e 13 aprile, in particolare nell’angolo NE del nord Isola. Parti della regione potrebbero ricevere più di un mese di pioggia.

L’ex ciclone tropicale “Fili” dovrebbe avvicinarsi alla parte superiore dell’Isola del Nord martedì 12 aprile, quindi spostarsi a sud-est attraverso East Cape mercoledì, prima di allontanarsi ad est della Nuova Zelanda giovedì.
Sono previste forti piogge e/o forti tempeste per molte parti dell’Isola del Nord poiché il sistema si sposta verso sud-est durante martedì e mercoledì e si prevede che onde molto grandi colpiranno le coste nord-orientali e orientali.
Questo sarà un evento meteorologico significativo e si consiglia alle persone di tenersi aggiornati con gli ultimi orologi e avvisi ufficiali per condizioni meteorologiche avverse emessi da NZ Met Service.

Martedì 12 aprile, venti forti e rafficati inizieranno a colpire Northland, scendendo lungo l’Isola del Nord dalla notte (LT) fino a mercoledì.1

Saranno possibili interruzioni di corrente, in particolare lungo la costa e nelle aree esposte/elevate nell’angolo nord-est dell’isola.

Domani pioggia battente si sposterà verso sud, con le precipitazioni più intense attese sulla già fradicia baia settentrionale di Hawke e Gisborne, dove oltre un mese di pioggia potrebbe causare più inondazioni.

L’altezza delle onde di oltre 5 m (16,4 piedi) nell’Isola del Nord a nord-est creerà condizioni del mare costiero agitato con il potenziale di erosione della spiaggia lungo l’ultima costa mercoledì notte.

Gli impatti della tempesta saranno brevi ma bruschi, ha affermato NIWA, aggiungendo che giovedì 14 aprile la tempesta si spingerà ben a est della terraferma.


Traccia delle previsioni dell’ex ciclone tropicale Fili dell’11 aprile 2022. Credito: NZ Met Service

Ex ciclone tropicale Fiji alle 03:00 UTC dell’11 aprile 2022. Credito: JMA/Himawari-8, RAMMB, CIRA, TW

“Questo sarà un evento meteorologico significativo”, ha affermato il Met Service della Nuova Zelanda, aggiungendo che monitoreranno costantemente gli sviluppi.

“Rimane una certa incertezza riguardo al percorso esatto e ai tempi del Cyclone Fili, e le persone sono fortemente esortate a rimanere aggiornati con gli ultimi Avvisi, previsioni e consigli ufficiali.”2

“Inoltre, un fronte porterà pioggia sulla costa occidentale dell’Isola del Sud stasera e martedì mattina. Resta in vigore un avvertimento per Fiordland e una guardia per Westland.

Riferimenti:
  • 1 Servizi meteorologici NIWA – 11 aprile 2022
  • 2 NZ Met Service – Tropical Cyclone Activity – 11 aprile 2022

Il Sudafrica sta vivendo la più grande infestazione di locuste degli ultimi decenni


Credito immagine: Niv Singer

Source: Monday, April 11, 2022; articolo di The Watchers

La stagione delle piogge eccezionalmente umida in Sud Africa ha consentito un rapido allevamento di locuste marroni e ha portato alla più grande infestazione che il paese abbia visto da decenni. Nel dicembre 2021, molte parti del paese hanno subito le piogge più intense da quando sono iniziate le registrazioni nel 1921.

L’infestazione è iniziata a settembre e ora sta interessando le province di Eastern Cape, Northern Cape e Western Cape.

“Questo focolaio di locuste è il più alto degli ultimi decenni poiché la pioggia continua a cadere nel Karoo e nelle aree vicine”, ha affermato il dipartimento dell’agricoltura, della riforma agraria e dello sviluppo rurale del paese.1

Il vento ha anche un ruolo nella migrazione degli sciami verso aree dove non è mai stato come il garden route nel Western Cape e negli agrumeti di Kirkwood e Patensie nell’Eastern Cape.

Aveva colpito il veld, i pascoli, i raccolti, le strade, le linee ferroviarie ed è stato ulteriormente segnalato nelle città e Zone residenziali.

Ci sono squadre di terra incaricate di controllare le locuste nelle tre province. 1 200 controllori sono nominato, e due elicotteri stanno attualmente effettuando l’irrorazione aerea, per lo più su aree inaccessibili e dove ci sono enormi focolai di locuste.

Le aree colpite dall’epidemia di locuste sono le seguenti:

Northern Cape – 33 distretti colpiti (Britstown, Carnarvon, De Aar, Griekwastad, Groblershoop, Hopetown, Kenhardt, Netherlea, Loxton, Marydale, Kakamas, Petrusville, Prieska, Upington, Victoria West, Vosburg, Phillipstown, Hannover, Niekerkshoop, Douglas, Richmond, Springbok, Aggeneys, Pofadder, Pella, Witbank, Askham, Bladgrond, Calvinia Wes, Dwaalhoek, Kakamas, Koupan, Langklip, Nounieput, Olifantshoek e Sutherland).

Eastern Cape -13 distretti colpiti (Aberdeen, Graaf Reinet, Somerset East, Pearston, Willowmore, Jansenville, Rietbron, Stytlerville, Cradock e Middleburg) e aree recentemente colpite come Kirkwood, Uitenhage e Patensie).

Western Cape – 6 distretti colpiti (Murraysburg, Beaufort West, Prince Albert, Merweville, Laingsburg) e nuove aree colpite come Calitzdorp, Ladismith e Oudtshoorn).

Riferimenti:
  • 1 MINISTRO DIDIZA AGGIORNA LA NAZIONE SULLO FOCOLAMENTO DI BROWN LOCUST (LOCUSTANA PARDALIN) IN SUDAFRICA – 7 aprile 2022

“Haboob: un decennio di polvere” di Mike Olbinski

Source: Monday, April 11, 2022; articolo di The Watchers

Haboob: A Decade of Dust è un nuovo timelapse prodotto dal fotografo inseguitore di tempeste Mike Olbinski, che mostra i suoi clip preferiti di tempeste di sabbia catturati dal 2011 al 2021.

“L’estate scorsa ha segnato il decimo anniversario dello storico haboob che ha colpito il centro di Phoenix nel 2011, che è stato il mio terzo tentativo di time-lapse in assoluto”, ha detto Olbinski.

“L’ho postato online, è andata bene e quindi ho deciso di mantenere la polvere e le tempeste che scadono nel tempo. Eccoci qui, più di un decennio dopo, e la quantità di bontà haboob che ho visto e catturato sulla fotocamera è stata un’esplosione.

“Incredibilmente divertente, esilarante e gratificante. È iniziata come una passione, si è trasformata in un business e ora mi consulto ogni anno con le società di produzione su come catturarle su pellicola”.

Immagine in primo piano e video per gentile concessione: Mike Olbinski


I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno stanno stanno RAFFREDDANDO in linea con la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i raggi cosmici che nucleano le nuvole e una corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare, se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un grande minimo solare ‘in piena regola’ alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare (25) come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con i precedenti spegnimenti solari periodi prolungati di raffreddamento globale qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che il Beaufort Gyre potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


I canali dei social media stanno limitando la di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo che mostra gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI


Una opinione su "Il gelo primaverile americano"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: