Più di 300 persone uccise dopo le catastrofiche inondazioni in Sud Africa

Source: April 14, 2022; articolo di Cap Allon

  • Registrate hit fredde a Denver, Lake Tahoe, Seattle e altrove;
  • Le “epiche” cascate del Minnesota dopo la storica neve invernale;
  • Ucraina sotto media a Marzo
  • Più di 300 persone uccise dopo che catastrofiche inondazioni e frane hanno colpito Durban, KwaZulu-Natal, in Sud Africa
  • Sciame di terremoti rilevato nelle vicinanze del vulcano Edgecumbe, negli Stati Uniti
  • Massiccio sciame sismico in Antartide guidato dall’intrusione magmatica del vulcano Orca, precedentemente considerato inattivo

Registrati record di freddo a Denver

Denver ha ufficialmente registrato 10°F (-12.2°C) mercoledì mattina, battendo il precedente minimo record del 13 aprile di 5°F (3.2°C).

È insolito, riporta denver.cbslocal.com. La maggior parte delle temperature record sono battute di 1 o 2 gradi. Il fatto che il record sia stato battuto di 5 gradi è un’ulteriore prova di quanto sia insolito fare così freddo a metà aprile, continua l’articolo.

Vale anche la pena notare che il precedente record minimo per il 13 aprile è stato fissato solo due anni fa, nel 2020: il nostro clima sembra raffreddarsi.

La forte nevicata ha accompagnato il freddo sia martedì che mercoledì.

Le quote più elevate del Colorado misuravano i totali in centimetri.

Snowmass, ad esempio, ha registrato 43cm (17in) durante un solo periodo di 24 ore, proprio mentre si avvicinava il fine settimana di chiusura.


[CBS]
Lago Tahoe

South Lake Tahoe è un altro che stabilirà un nuovo standard per il freddo questa settimana.

Il termometro martedì è precipitato a 7°F (-13,9°C), una lettura di 20°F al di sotto della norma e che ha stabilito un nuovo record per la data. Quel 7°F si avvicinò anche al minimo record di aprile per Tahoe City: il 5°F (-15°C) stabilito più di 100 anni fa, nel 1911 (durante il minimo del centenario).

Più freddo record e neve di fine stagione sono in programma per la regione nel fine settimana.


La scena all’UC Berkeley Central Sierra Snow Lab il 1 aprile 2022.
Seattle

Seattle ha visto le temperature raggiungere i 32°F (0°C) mercoledì mattina presto, rendendolo il minimo di aprile più freddo degli ultimi 14 anni.

La Washington occidentale rimane nella morsa del freddo invernale e, con il livello di congelamento così basso, non ci vuole molto perché i fiocchi di neve cadano e si stabiliscano nelle basse terre.

Giovedì e venerdì porteranno isolati rovesci ghiacciati, con le condizioni invernali che riprenderanno a intensificarsi sabato.

E Altrove

Un avviso di bufera di neve, un avviso di tempesta invernale e un avviso meteorologico invernale sono ancora in vigore nel Montana orientale poiché il raro gelo primaverile continua a colpire lo stato con derive, forti venti e temperature fredde record.

“L’intero stato è freddo”, scrive il capo meteorologo di ktvh.com Curtis Grevenitz. Sia martedì che mercoledì hanno registrato una serie di temperature record di temperature massime e basse temperature record, e “il freddo insolito continuerà nel fine settimana”, conclude Grevenitz.

Il freddo insolito ha attanagliato gran parte degli Stati Uniti occidentali questa settimana.

E guardando al futuro, l’invasione artica di aprile è destinata a diffondersi verso est, alimentando ulteriormente i timori di un inizio lento delle piantagioni negli Stati Uniti.

L’inverno non è ancora finito con te, America, tutt’altro:

GFS 2m Temperature Anomalies (C) April 14 – April 30 [tropicaltidbits.com].
GFS Total Snowfall (inches) April 14 – April 30 [tropicaltidbits.com].

Le “epiche” cascate del Minnesota dopo la storica neve invernale

I tanti 381cm (150in) che sono caduti su gran parte della regione di Arrowhead quest’inverno stanno gonfiando le cascate di North Shore.

Lo scioglimento delle nevi primaverili dovrebbe essere “epico” nelle prossime settimane, “con nevicate record nella foresta”, secondo Linda Jurek, direttore esecutivo di Visit Cook County. Con così tanto scioglimento della neve che crea fiumi impetuosi, questa stagione dovrebbe essere migliore della maggior parte, ha detto Jurek.


Credito: [Brian Peterson]

Più di 150 pollici di neve sono caduti nell’area del Grand Marais da ottobre, secondo i dati NWS, che superano i record di nevicate di tutti i tempi tenuti dagli osservatori attraverso l’Arrowhead, ha affermato Joseph Moore, meteorologo del Weather Service.

La neve di questo inverno ha anche battuto il record di Duluth di 135 pollici stabilito nel 1996 (minimo solare del ciclo 22) – nei libri meteorologici risalenti al 1892; e anche il record di International Falls di 125 pollici stabilito nel 2009 (minimo solare del ciclo 23), con libri che risalgono a 115 anni fa, ha aggiunto Moore.

Tutta quella neve sta migliorando le condizioni di siccità. Inoltre, con uno scioglimento della neve più tardi della media, l’inizio della stagione degli incendi è stato posticipato, ha affermato Travis Verdegan, coordinatore dei servizi predittivi per il DNR: “Siamo seduti bene in questo momento”, ha affermato.


Ucraina sotto media a marzo


Il Centro idrometeorologico ucraino è riuscito a riprendere il suo lavoro, nonostante le bombe che piovevano.

L’agenzia ha pubblicato il bollettino mensile di marzo 2022, rivelando che è stato un mese molto freddo. Le anomalie di temperatura generalmente si sono mantenute tra -0,8°C e -1,5°C al di sotto della norma, con alcune aree del Donbass che registrano partenze di -4°C.

Nelle notizie correlate, i prezzi del mais hanno esteso i loro guadagni verso gli 8 dollari lo staio questa settimana poiché la guerra – e il freddo – minacciano di tutto tranne che fermare la capacità dell’Ucraina di spedire e seminare raccolti.

La carenza di cibo è all’orizzonte, a livello globale – su questo non ci sono dubbi; ma tutti possiamo mitigare l’impatto degli scaffali vuoti e del razionamento semplicemente coltivando i nostri. Riprendere la sicurezza alimentare della nostra famiglia dal TPTB è un passo cruciale: altrimenti ci possiedono.


Più di 300 persone uccise dopo che catastrofiche inondazioni e frane hanno colpito Durban, KwaZulu-Natal, in Sud Africa


Credito immagine: SABC

Source: Thursday, April 14, 2022; articolo di The Watchers

Dal 10 aprile 2022 almeno 306 persone sono state uccise in gravi inondazioni e smottamenti che hanno colpito la provincia sudafricana di KwaZulu-Natal, in particolare la città di Durban. Ci sono ancora molte persone disperse e si prevede che il bilancio delle vittime continuerà ad aumentare.

  • La città di Durban ha subito le piogge più intense degli ultimi 60 anni, provocando inondazioni e smottamenti catastrofici.
  • Il presidente del Sudafrica Cyril Ramaphosa ha descritto l’evento come “una catastrofe di enormi proporzioni”.
  • L’intera provincia del KwaZulu-Natal è stata dichiarata zona disastrata.
  • Alcuni funzionari stanno etichettando le inondazioni come le peggiori nella storia del paese.

Le piogge sono state portate dalla depressione subtropicale “Issa”, ufficialmente denominata da RSMC La Reunion alle 12:00 UTC del 12 aprile.

“Dopo un fine settimana di precipitazioni diffuse su gran parte del paese lo scorso fine settimana, il sistema di bassa interruzione responsabile del tempo inclemente ha iniziato a spostarsi verso est sul KwaZulu-Natal e sull’Eastern Cape durante la notte”, ha dichiarato il 12 aprile il servizio meteorologico sudafricano. aggiungendo che, sebbene gli allarmi basati sull’impatto siano stati effettivamente emessi in modo tempestivo, sembra che le piogge eccezionalmente abbondanti durante la notte e questa mattina abbiano superato anche le aspettative della comunità meteorologica dell’Africa meridionale in generale.1

Alle 16:00 LT dell’11 aprile, è stato emesso un avviso di livello 5 per la costa e l’interno adiacente del KwaZulu-Natal. Questo è stato successivamente elevato a un avviso di livello 8 alle 20:00 LT. Tuttavia, a seguito di segnalazioni di ulteriori impatti e piogge persistenti e abbondanti, SAWS ha aggiornato l’avviso di pioggia battente a un livello arancione 9 per il resto del 12 aprile.

“I rapporti sulle precipitazioni notturne dal KwaZulu-Natal hanno sottolineato la natura particolarmente intensa ed estrema delle precipitazioni, con circa 24 ore di caduta che superano i 200 mm (7,8 pollici)”, ha affermato SAWC.

Più degno di nota, è che alcune stazioni riportavano addirittura 300 mm (11,8 pollici) o più.

Una selezione delle precipitazioni notturne più alte misurate nel KwaZulu-Natal include l’aeroporto internazionale King Shaka (225 mm / 8,85 pollici), Margate (311 mm / 12,2 pollici), Mount Edgecombe (307 mm / 12 pollici), Port Edward (188 mm / 7,4 pollici) così come l’aeroporto della Virginia (Durban nord) con 304 mm / 11,9 pollici.

“Tali precipitazioni sono dell’ordine dei valori normalmente associati ai cicloni tropicali; tuttavia, SAWS deve sottolineare con forza che questo sistema non è di natura tropicale, né è un ciclone tropicale”.

Altri 100 mm (4 pollici) sono caduti lungo la costa sud-orientale del Sud Africa in 6 ore fino alle 12:00 UTC del 13 aprile, come riportato da RSMC La Reunion. Tuttavia, le piogge hanno continuato a cadere sulla regione per il resto della giornata mentre Issa si è lentamente allontanata dalla costa.

“Man mano che Issa si indebolisce e si allontana dalla costa, il carattere delle precipitazioni diminuirà e sarà più confinato al mare al largo della costa”, ha affermato RSMC La Reunion nell’ultimo bollettino per il sistema, emesso alle 12:00 UTC del 13 aprile.2

“Il miglioramento delle condizioni meteorologiche dovrebbe logicamente essere più marcato a fine giornata”.

Qual è stato il motivo della pioggia battente?

“In breve, come accennato in precedenza, un limite minimo nella parte superiore della troposfera si sta attualmente spostando verso il mare, al largo della costa orientale del Sud Africa. I minimi limite sono associati a una diffusa instabilità nell’atmosfera, che può favorire periodi di piogge prolungate, come è stato osservato in molte delle province interne del Sud Africa durante il fine settimana. Per il KwaZulu-Natal, tuttavia, l’effetto del sistema cut-off low è stato notevolmente rafforzato dalla presenza di aria marittima di basso livello sostenuta che è stata immessa dall’Oceano Indiano meridionale, spingendo così il sistema a produrre più precipitazioni “. Sawc ha detto nel comunicato.

“Inoltre, la fonte originale dell’aria marittima proveniva dalle parti più calde e subtropicali dell’oceano, con una maggiore capacità di trasportare l’umidità, un ingrediente essenziale di qualsiasi sistema di produzione della pioggia”.


Precipitazioni cumulate (mm) per il periodo dall’8 all’11 aprile 2022 (comprese le prime 8 ore del 12 aprile). Di particolare interesse e rilevanza sono i valori indicati in rosa chiaro, che indicano 200-400 mm (7,8 – 15,7 pollici). Credito: SAWS.

Traccia delle previsioni della tempesta subtropicale “Issa” di RSMC La Reunion il 13 aprile 2022

“È un incubo assoluto, molte colate di fango, vittime, edifici crollati”, ha detto all’AFP Garrith Jamieson, un soccorritore, il 12 aprile.

Alcuni nella città di Durban sono stati visti in piedi sui tetti in attesa di soccorso il 12 aprile, ma i media locali riferiscono che era disponibile un solo elicottero per sollevare le persone.

Le strade chiave in tutta la città sono state chiuse e le colate di fango hanno distrutto molte case.

Dopo aver visitato i sopravvissuti in una delle township della città di Durban, il presidente del Sudafrica Cyril Ramaphosa ha descritto l’evento come “una catastrofe di enormi proporzioni”.

“I ponti sono crollati, le strade sono crollate, le persone sono morte e le persone sono rimaste ferite”.

“Questo disastro fa parte del cambiamento climatico. Ci sta dicendo che il cambiamento climatico è grave, è qui”, ha detto Ramaphosa. “Non sei solo… Faremo tutto ciò che è in nostro potere per vedere come possiamo aiutare. Anche se i tuoi cuori stanno soffrendo, siamo qui per te”, ha aggiunto.3

Mentre i militari sono stati chiamati per aiutare a salvare i residenti colpiti, i loro sforzi sono stati ritardati fino a mercoledì 13 aprile poiché “anche l’ala aerea dei militari è stata colpita dalle inondazioni”, ha detto il generale Rudzani Maphwanya.

La maggior parte della provincia ha subito carenze idriche e interruzioni di corrente dopo le forti inondazioni in varie centrali elettriche.

Il tempo è migliorato notevolmente il 14 aprile.

Gli ultimi rapporti provenienti dalla regione menzionano il saccheggio nelle storie di Boxer e Usave a Umlazi, vicino a Durban.

Il Dipartimento per la governance cooperativa del KwaZulu-Natal ha fatto appello alle persone, le cui case sono state danneggiate e spazzate via dalle inondazioni, di astenersi dal tornare immediatamente nelle aree colpite dal disastro.


Veduta aerea della devastazione di Durban, Sud Africa, aprile 2022


Il bilancio delle vittime delle inondazioni KZN sale a 306 – 14 aprile 2022


Inondazioni KZN | Boxer, negozi Usave saccheggiati a Umlazi – 14 aprile 2022


Il presidente Cyril Ramaphosa e i membri dell’esecutivo visitano le parti della KZN colpite dall’alluvione – 13 aprile 2022


Riferimenti
  • 1 Precipitazioni estreme e inondazioni diffuse durante la notte: KwaZulu-Natal e parti dell’Eastern Cape – Comunicato per i media di SAWC il 12 aprile 2022
  • 2 RSMC / TROPICAL CYCLONE CENTER / LA REUNION TROPICAL CYCLONE PREVISIONE NUMERO DI AVVISO: 5/11/20212022 – SUBTROPICAL DEPRESSION 11 (ISSA)
  • 3 Almeno 306 morti in una catastrofica inondazione a Durban, il presidente del Sud Africa lo definisce un disastro del cambiamento climatico – ABC – 14 aprile 2022

Sciame di terremoti rilevato nelle vicinanze del vulcano Edgecumbe, negli Stati Uniti


Credito immagine: vulcano Mount Edgecumbe il 13 aprile 2022. Credito: Copernicus EU/Sentinel-2, TW

Source: Thursday, April 14, 2022; articolo di The Watchers

Uno sciame di terremoti è stato rilevato nelle vicinanze del vulcano Edgecumbe, a partire dalle 10:00 UTC circa dell’11 aprile 2022. La causa dello sciame è attualmente sconosciuta. Nel 2020 è stato registrato anche un piccolo numero di terremoti, ma questo sciame è insolito per numero di eventi. L’ultima eruzione di questo vulcano risale al 2220 a.C. (± 100 anni).

L’Alaska Volcano Observatory (AVO) ha registrato centinaia di piccoli terremoti nello sciame nel corso di 48 ore, sebbene la grande maggioranza sia troppo piccola per essere localizzata.1

Il National Earthquake Information Center (NEIC) ha riferito che uno dei più grandi terremoti nello sciame si è verificato alle 19:04 UTC dell’11 aprile, con una magnitudo di 2,8 a una profondità di 10 km (6,2 miglia).

L’Alaska Earthquake Center ha riferito che un altro terremoto si è verificato alle 23:44 UTC dell’11 aprile, con una magnitudo di 2,1 e una profondità di 4 km (2,5 miglia).

Lo sciame era ancora in corso il 13 aprile, sebbene il tasso di terremoti fosse diminuito durante la notte.

La causa di questo sciame sismico è attualmente sconosciuta, ha detto AVO.

“Questo sciame potrebbe essere associato a processi vulcanici, attività tettonica regionale o una combinazione di sorgenti”, hanno affermato i vulcanologi AVO, aggiungendo che l’osservatorio non dispone di strumenti sismici locali nell’area. La stazione più vicina è a Sitka, 24 km (15 miglia) a est del vulcano.

L’analisi retrospettiva dei dati sui terremoti nell’area mostra che un piccolo numero di terremoti ha iniziato a verificarsi sotto Edgecumbe nel 2020, ma l’attività di questa settimana è insolita per il numero di eventi.

Poiché non esiste una rete di monitoraggio locale, al vulcano non vengono generalmente assegnati codici colore aeronautici e livello di allerta vulcano; Lo stato di Edgecumbe, quindi, rimane Non assegnato.

In caso di aumento dell’attività, AVO emetterà ulteriori avvisi ed eventualmente aumenterà il codice colore dell’aviazione e il livello di allerta vulcano.


Vulcano Mount Edgecumbe il 13 aprile 2022. Credito: Copernicus EU/Sentinel-2, TW
Riassunto geologico

Il campo vulcanico di Edgecumbe dal Pleistocene all’Olocene copre circa 260 km2 (100 miglia2) dell’isola di Kruzov a ovest di Sitka nel panhandle sud-orientale dell’Alaska.

Il campo da basaltico a dacitico è dominato dai grandi coni compositi di Mount Edgecumbe, Crater Ridge e Shell Mountain, e ha un’insolita impostazione tettonica a soli 16 km (10 miglia) a est della faglia di trasformazione Queen Charlotte-Fairweather che separa il nord Piatti americani e del Pacifico.

Il monte Edgecumbe è uno stratovulcano con un cratere ben definito ed è il vulcano più grande del campo.

Crater Ridge è troncato da una caldera larga 1,6 km (1 miglio) e profonda 240 m (787 piedi). Questi e altri sfiati sono orientati lungo una linea SW-NE.

L’attività vulcanica ebbe origine circa 600.000 anni fa lungo le fessure che tagliavano l’isola di Kruzof.

Una serie di importanti eruzioni esplosive siliciche ebbero luogo circa 9 000 – 13 000 anni fa al radiocarbonio.

Le ultime eruzioni datate sono state esplosioni freato-magmatiche durante la metà dell’Olocene e tutta l’attività postglaciale è stata piroclastica. I resoconti delle eruzioni storiche del Monte Edgecumbe non sono comprovati.2

Riferimenti:
  • 1 EDGECUMBE VULCANO – ALASKA VULCANO INFORMATIVA OSSERVATORIO Servizio geologico degli Stati Uniti – mercoledì 13 aprile 2022, 20:09 UTC
  • 2 Mount Edgecumbe – Riepilogo geologico – GVP

Massiccio sciame sismico in Antartide guidato dall’intrusione magmatica del vulcano Orca, precedentemente considerato inattivo


Credito immagine: Natura, Cesca et al.

Source: Thursday, April 14, 2022; articolo di The Watchers

Una nuova ricerca pubblicata su Nature ha stabilito che un intenso sciame sismico nello stretto di Bransfield, in Antartide, nel 2020/21 è stato causato dal rapido trasferimento di magma dal mantello terrestre vicino al confine crosta-mantello fino quasi alla superficie.

  • Lo sciame è iniziato nell’agosto 2020 con 128 terremoti M4+ e ne ha contati circa 85.000 prima di terminare nel 2021.
  • Lo sciame si trovava vicino al vulcano sottomarino Orca, precedentemente considerato inattivo.
  • Non c’erano prove di sciami vulcanici simili negli esperimenti passati: anche se il vulcanismo off-shore e la tettonica estensiva potevano talvolta aumentare la velocità sismica nel bacino di back-arc, uno sciame relativamente energetico non è mai stato registrato nella regione.

Durante la sua fase iniziale, sono stati segnalati 3 186 terremoti, sulla base dell’analisi dei dati sismici presso una stazione locale. Lo sciame ha raggiunto il picco con due grandi terremoti: M5.9 il 2 ottobre e M6.0 il 6 novembre.

Il momento sismico stimato rilasciato da agosto 2020 a febbraio 2021 è stato di ~3,88 × 1018 Nm che equivale a Mw 6,4.

La sismicità è stata localizzata vicino al monte sottomarino Orca, un vulcano a scudo della caldera del fondale marino di 900 m (2.950 piedi) di altezza batimetrica al largo della costa dell’isola di King George, dove si sono avvertiti terremoti nelle basi antartiche.

Mentre i confini delle placche vicine e la spaccatura sono sismicamente attivi e hanno ospitato episodi di sciame di presunta origine magmatica, i terremoti sono tipicamente moderati.


Mappa delle isole Shetland meridionali. un globo che mostra la posizione della regione di studio (cerchio rosso). b Mappa regionale che mostra l’impostazione tettonica (il cerchio rosso indica la posizione dello sciame). c Mappa del bacino di Brainsfield, tra le isole Shetland e la penisola antartica. La sismicità regionale era moderata prima dei disordini (i cerchi bianchi sono terremoti di magnitudo M5+ dal catalogo USGS nel periodo 1971–2020, i meccanismi focali sono la soluzione del tensore del momento baricentro dal catalogo Global CMT nel periodo 1976–2020). Le frecce rosse indicano la velocità del suolo orizzontale di fondo rispetto all’Antartide nei siti GNSS che mostrano l’estensione NW-SE nello stretto di Bransfield (le ellissi mostrano le regioni di confidenza del 95%). Un rettangolo indica l’estensione della mappa locale (riquadro c) e un cerchio rosso la posizione media della sismicità dei disordini (basata sul catalogo sismico USGS). Le principali caratteristiche tettoniche regionali sono la subduzione del blocco Phoenix (la spessa linea continua segna il confine della placca Phoenix-Shetland) e la spaccatura attiva lungo il bacino di Bransfield (sottile doppia linea nera e linea singola segnano rispettivamente la cresta attiva e trasformano i segmenti di faglia, dopo l’Istituto di Geofisica dell’Università del Texas, UTIG, database). d Mappa locale che mostra i dettagli batimetrici e l’edificio sottomarino dell’Orca vicino alla regione dei disordini (cerchio rosso). I pannelli ce d sono stati tracciati con GeoMapApp (www.geomapapp.org), utilizzando la Topografia Globale Multi-Resolution (GMRT). Credito: Natura, Cesca et al.

La regione delle Isole Shetland Meridionali – Penisola Antartica ospita il segmento residuo di una zona di subduzione precedentemente più ampia, che oggi è limitata al segmento del blocco Phoenix.

Il bacino di Bransfield, che separa le isole Shetland meridionali e la penisola antartica, si trova in un ambiente tettonico unico.

Sebbene la subduzione attiva si sia verificata durante la maggior parte degli ultimi 200 milioni di anni, ha rallentato drasticamente circa 4 milioni di anni fa, quando il centro di diffusione Phoenix-Antartico è stato abbandonato al largo, lasciando un piccolo resto dell’ex placca Phoenix incorporata nella placca antartica.

Anche se i dati geochimici indicano che il basalto inalterato dragato dal bacino di Bransfield è simile al basalto della dorsale medioeca, non ci sono prove evidenti di una normale diffusione del fondale marino.


I risultati sismologici includono centroidi, componenti a doppia coppia dei tensori di momento e distribuzione degli assi principali, sulla base di dati regionali, e posizioni dall’approccio a stazione singola. I risultati della modellazione geodetica includono le posizioni della sorgente in esaurimento e della diga sub-verticale e il corrispondente adattamento dello spostamento cumulativo GNSS dal 1 agosto 2020 al 1 febbraio 2021 (le ellissi di incertezza orizzontale sono tracciate per 1 deviazione standard, mentre le corrispondenti incertezze verticali sono 0,2 e 0,3 cm rispettivamente a DAL5 e UYBA), insieme al sottocampionamento della distribuzione spaziale degli spostamenti lungo la linea di vista (LOS) dall’elaborazione InSAR (per il periodo dal 17 luglio 2020 al 6 febbraio 2021); a causa del diverso orientamento della traiettoria del satellite e dei vettori di spostamento, le proiezioni di spostamento LOS sono inferiori agli spostamenti assoluti registrati dai dati GNSS. Le stazioni locali JUBA (sismica) e DAL5 (GNSS) si trovano presso la base antartica di Carlini (Argentina) e R4DE2 (sismica) e UYBA (GNSS) presso la base antartica di Artigas (Uruguay). Credito: Natura, Cesca et al.

“Risolviamo ulteriori dettagli sulla distribuzione della sismicità: gli eventi trasversali sono raggruppati spazialmente a NE del vulcano Orca, mentre i normali eventi di faglia si estendono ulteriormente lungo una banda stretta orientata NE-SW”, hanno osservato i ricercatori.

Le profondità del baricentro, che vengono risolte con un’incertezza media di 2 – 3  km (1,2 – 1,9 miglia), indicano che la sismicità era poco profonda, raramente superiore a 15  km (9,3 miglia).

I dati GNSS e InSAR lungo la costa dell’isola di King George mostrano una deformazione superficiale transitoria da agosto 2020 e persistente per mesi sovrapposta alla velocità di diffusione di fondo, che i ricercatori hanno stimato in 2,1 cm (0,8 pollici) all’anno.

I ricercatori hanno concluso che l’intrusione magmatica deve essere stata alimentata da un serbatoio più profondo, che presumibilmente dovrebbe trovarsi almeno a circa 20 km (12 miglia) al di sotto di una regione situata a NE al largo della montagna sottomarina dell’Orca, dove è apparso il primo segno sismico di disordini.

“L’esaurimento di tale giacimento dovrebbe produrre un segnale di deformazione con segno opposto rispetto all’apertura della diga, come osservato di recente al largo di Mayotte, nelle Isole Comore”.


Riassunto fumetto dei disordini vulcano-tettonici. a Sezione verticale lungo il profilo AB, con eventi strike-slip (rosso) che segnano il percorso del magma (frecce) in diverse fasi (numeri), ed eventi di faglia normale (blu) che si innescano al di sopra delle intrusioni laterali della diga. b Evoluzione temporale della sismicità lungo il profilo AB, basata su soluzioni di momento tensore (cerchi), corrispondenza del modello (vengono mostrati solo gli eventi con soglia a 12 volte la MAD e valori di correlazione incrociata superiori a 0,55) e analisi della singola stazione (grafico della densità del kernel in scala di grigi). Le linee tratteggiate orizzontali color indaco segnano l’ora di inizio di quattro fasi dei disordini che vengono riconosciute: debole agitazione sismica che segna la posizione del bacino in esaurimento al largo della montagna sottomarina dell’Orca, al di sotto di 15 km di profondità (fase I), migrazione verso l’alto e SO (fase II) , ulteriore flusso di magma e formazione di una diga orizzontale verso NE (fase III) e caduta di sismicità, a seguito del più grande terremoto Mw 6.0 e caduta di pressione della diga (fase IV). Credito: Natura, Cesca et al.

È probabile un’eruzione del fondale marino, ma non confermata da anomalie della temperatura della superficie del mare, hanno affermato i ricercatori.

I disordini documentano un’intrusione magmatica episodica nello stretto di Bransfield, fornendo spunti unici sul rifting continentale attivo.

Riferimento:

Enorme sciame sismico guidato dall’intrusione magmatica nello stretto di Bransfield, in Antartide – Simone Cesca et al. – Natura / Comunicazioni Terra & Ambiente – Pubblicato l’11 aprile 2022 – DOI https://doi.org/10.1038/s43247-022-00418-5 – OPEN ACCESS


I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno stanno stanno RAFFREDDANDO in linea con la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i raggi cosmici che nucleano le nuvole e una corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare, se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un grande minimo solare ‘in piena regola’ alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare (25) come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con i precedenti spegnimenti solari periodi prolungati di raffreddamento globale qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che il Beaufort Gyre potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


I canali dei social media stanno limitando la di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo che mostra gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: