Piogge record e gelo minacciano i raccolti del Nord America

Source: April 20, 2022; articolo di Cap Allon

  • Nor’Easter d’Aprile, cade più di un piede di neve mentre le piogge record ed il gelo minacciano i raccolti del Nord America
  • Il bagliore solare maggiore X2.2 erutta appena oltre il lembo sud-ovest del Sole
  • Continua il forte tremore vulcanico a Ruapehu, in Nuova Zelanda

Nor’Easter d’Aprile, cade più di un piede di neve mentre le piogge record ed il gelo minacciano i raccolti del Nord America

Un aprile nord-orientale ha lasciato cadere un piede e mezzo di neve su parti di New York e della Pennsylvania, portando a più di 300.000 clienti che sono rimasti senza energia elettrica martedì mattina (con 160.000 ancora senza a partire da mercoledì mattina presto, secondo poweroutage.us).

La maggior parte della neve – 18 pollici – è caduta nella città di Virgil, nella contea di Cortland, nel sud di New York; al secondo posto, con 16,3 pollici, c’era un altro spot del centro di New York: il villaggio di Erieville, nella contea di Madison; Piseco, nello stato di New York, aveva ricevuto 14 pollici entro martedì mattina, con la neve che cadeva ancora; mentre la contea di Broome a sud ha visto un piede e ha implementato un divieto di viaggio, tutti totali record per il periodo dell’anno.

A Syracuse, la rapida nevicata, che cade a una velocità di 1-2 pollici all’ora, ha provocato la chiusura di numerose scuole e aziende.

In totale, circa 40 milioni di americani erano in allerta di neve e gelo martedì mattina che si estendevano dalle pianure centrali al medio Atlantico poiché l’attività solare storicamente bassa continua a indebolire la corrente a getto, riportando il suo consueto flusso ZONALE stretto a uno ondulato MERIDIONALE:

Le temperature di 20°C al di sotto della media fanno sembrare più l’inverno che la fine di aprile; e guardando al futuro, il congelamento dovrebbe persistere: una “massa d’aria anormalmente fredda” a est rimarrà per tutta la settimana, ha affermato il NWS, il che significa che ulteriori record di bassa temperatura sono minacciati attraverso le zone del Midwest, Great Lakes, e Nordest.

GFS 2m Temperature Anomalies (C)April 20 – April 26 [tropicaltidbits.com].

Allo stesso modo, a nord del confine, anche in Canada prevalgono gelate e nevicate storiche di fine stagione. Le raffiche di questa settimana sono state da record a London, in Ontario.

Lunedì ha visto uno stupefacente 9cm (3,5in) di neve depositarsi nella regione di Londra, battendo il precedente benchmark di 7,9cm (3,1in) stabilito nel 1947, secondo Environment Canada (ECCC).

“Dato che è il record, direi che è insolito ottenere (così tanto)”, ha detto -Captain Obvious- Gerald Chang, un meteorologo dell’agenzia meteorologica federale. La neve ha anche spinto l’ECCC a emettere un avviso meteorologico poiché le strade sono diventate rapidamente pericolose.

L’area è prevista più neve nelle prossime settimane: “Non è un buon momento per mettere via completamente le pale”, ha detto Chang.

In effetti, guardando l’ultima corsa GFS (mostrata sotto), questo fine settimana è attualmente in procinto di fornire una tempesta di neve di fine aprile davvero eccezionale in parti del Wyoming, Montana e North Dakota, e anche nel Saskatchewan meridionale, Manitoba e Ontario .

Questa settimana un paio di tempeste raggiungeranno anche la California del Nord, portando abbondanti nevicate di aprile sulle montagne della Sierra Nevada da mercoledì a venerdì. Un avviso meteorologico invernale è già in atto per la grande area del Lago Tahoe, avvertendo che 7 pollici di potrebbero cadere attraverso le quote più elevate dell’area. Mentre martedì erano in atto controlli a catena sull’Interstate 80 a livello di vertice.

Anche la Sierra ha visto forti nevicate la scorsa settimana, aumentando le condizioni di siccità della California dopo quello che è stato un periodo secco da gennaio a marzo. L’UC Berkeley Central Sierra Snow Lab ha affermato di aver misurato 39 pollici solo la scorsa settimana, una quantità storica per metà aprile. Tutta questa neve di aprile chiude nettamente anche la stagione dopo che lo stato ha subito il suo dicembre più nevoso nella storia registrata all’aperto: 202 pollici accumulati nel dicembre 2021, battendo il precedente record di tutti i tempi di 179 pollici stabilito nel dicembre 1970.

Osservando l’andamento del GFS al di sotto, è prevista neve significativa anche per il Quebec settentrionale, il Labrador e il Terranova, anche se il calendario si sposta a maggio, mentre la Groenlandia può anche aspettarsi un sano dumping primaverile.

GFS Total Snowfall (inches) April 20 – May 6 [tropicaltidbits.com].

La neve di questo aprile ha già abbattuto centinaia di record in tutto il Nord America.

Abbastanza accumulato a Bogus Basin Mountain, nell’Idaho, per esempio, che il resort ha riaperto le sue piste sabato. Dopo dicembre e gennaio con neve da record, ma febbraio e marzo relativamente privi di neve, la stagione sottosopra di Bogus Basin, simile a quella della California, ha riservato un’altra sorpresa la scorsa settimana dopo che una bufera di neve di metà aprile ha lasciato cadere oltre 4 piedi di neve sul nord delle pianure.

“…con più nevicate nelle ultime 72 ore di quante ne abbiamo viste a febbraio e marzo (20″+) e altre in arrivo, questo è un momento che non possiamo perdere!” i manager del resort Idaho hanno scritto su Facebook. La montagna ha ricevuto più di 38 pollici di neve entro sabato ed è stata in grado di aprire tre impianti di risalita.

Secondo quanto riferito, nella vicina WA, il freddo record di aprile ha messo in crisi molti agricoltori di Washington poiché le temperature sotto lo zero la scorsa settimana hanno colpito frutteti, vigneti e campi: “Siamo decisamente preoccupati e nervosi”, ha affermato Sean Gilbert, un coltivatore di frutta nella Yakima Valley .

Ciò arriva dopo la notizia che i coltivatori di grano statunitensi stanno subendo ritardi nella semina che stanno portando il prezzo del mais a livelli quasi record (spronati anche da una produzione inferiore al previsto in Brasile e Ucraina). Il freddo è responsabile dei ritardi, riporta nasdaq.com. A partire da domenica, la semina del mais negli Stati Uniti era completa di appena il 4%, al di sotto della media quinquennale del 6%, e con ulteriori ritardi previsti data la persistenza del gelo primaverile, la situazione dovrebbe solo peggiorare. Anche il grano è in cattive condizioni, secondo l’USDA, con l’agenzia che ha recentemente valutato il 30% del grano invernale statunitense in condizioni da buone a eccellenti, un minimo da 26 anni.

E tornando oltre il confine, anche i coltivatori di ciliegie della Columbia Britannica stanno lottando, con alcuni che usano elicotteri per forzare l’aria calda sui loro alberi poiché temperature insolitamente fresche minacciano il raccolto di quest’anno, riferisce comoxvalleyrecord.com.

“Ci sono stati un certo numero di record di temperatura infranti in tutta la provincia”, ha affermato il meteorologo dell’ECCC Dave Wray, una realtà che si sta rivelando problematica per Sukhpaul Bal, presidente del B.C. Cherry Growers Association: “I germogli stanno iniziando ad aprirsi e i fiori non sono troppo lontani”, ha affermato Bal. “In questo periodo dell’anno, non ci piace vedere troppo freddo”.

Bal ha detto di essere grato che B.C. i frutteti di ciliegie non hanno subito forti nevicate come in alcune parti degli Stati Uniti. Tuttavia, i coltivatori di ciliegie e altri frutticoltori canadesi hanno resistito molto di recente, poiché il Grand Solar Minimum continua a intensificare l’oscillazione tra gli estremi nei modelli meteorologici del nostro pianeta.


Il bagliore solare maggiore X2.2 erutta appena oltre il lembo sud-ovest del Sole


Credito immagine: NASA SDO/AIA 131

Source: Wednesday, April 20, 2022; articolo di The Watchers

Un grande brillamento solare di misura X2.2 al suo apice è scoppiato alle 03:57 UTC del 20 aprile 2022, da una regione situata appena oltre il lembo sud-ovest del Sole, probabilmente l’ex regione 2992. L’evento è iniziato alle 03:41 UTC e terminato alle 04:04.

Il bagliore è stato associato a esplosioni multiple su frequenze radio specifiche, inclusa una raffica di 509 unità di flusso solare su 2.695 MHz.

Inoltre, l’USAF Radio Solar Telescope Network (RSTN) ha rilevato un’emissione radio di tipo II, con una velocità stimata di 1.630 km/s. Questa firma radio è spesso indicativa di una potenziale espulsione di massa coronale (CME).

Le immagini del coronagrafo dello strumento NASA/SOHO LASCO non sono ancora disponibili per confermare se si è verificato un ECM.

Tuttavia, poiché la regione di origine del bagliore era oltre il lembo sud-ovest, l’analisi iniziale suggerisce che è improbabile che qualsiasi CME abbia una componente diretta verso la Terra.

Altri eventi degni di nota della giornata includono M1.2 da AR 2994 alle 01:14 UTC e M7.2 da AR 2992 alle 01:36 UTC.







Continua il forte tremore vulcanico a Ruapehu, in Nuova Zelanda


Credito immagine: GeoNet

Source: Wednesday, April 20, 2022; articolo di The Watchers

L’elevata agitazione vulcanica continua sul vulcano Ruapehu in Nuova Zelanda, con un forte tremore vulcanico e la temperatura del lago Crater (Te Wai ā-moe) ora stabilizzata a 37°C (98,6°F) nell’ultima settimana. Il livello di allerta vulcanica rimane al livello 2 e il codice colore dell’aviazione al giallo.

Elevati disordini vulcanici sono stati sostenuti sul monte Ruapehu per quattro settimane, ha osservato la vulcanologa di servizio GNS Agnes Mazot il 20 aprile 2022.1

Questa accresciuta agitazione si manifesta principalmente come tremore vulcanico e flusso di calore nel lago del cratere sommitale.

I livelli di tremore rimangono elevati, rappresentando il periodo di tremore più lungo registrato negli ultimi 20 anni.

La scorsa settimana sono stati effettuati un volo di osservazione e un campionamento del lago del cratere per valutare ulteriormente l’attività. “I nostri scienziati hanno osservato alcune risalite nel lago, indicando che gas e liquidi caldi si stanno ancora facendo strada nel lago”, ha detto Mazot.

“Il lago del cratere rimane un colore grigio da corazzata con risalite solo nell’area delle prese d’aria settentrionali e nessun trabocco. Sulla superficie del lago sono presenti anche chiazze di zolfo. Tutte queste caratteristiche sono comuni per il lago del cratere Ruapehu durante una fase di riscaldamento”.

La temperatura del lago Crater (Te Wai ā-moe) è ora di 37°C (98,6°F).

“La nostra modellazione suggerisce che sono necessari circa 230 MW di calore per sostenere questa temperatura elevata del lago”, ha affermato Mazot, aggiungendo che la temperatura e l’apporto di calore rimangono all’interno dell’intervallo tipico per un ciclo di riscaldamento.

Negli ultimi 30 giorni la temperatura del lago è aumentata di 7°C (19,8°F), come nelle precedenti fasi di riscaldamento, ma il riscaldamento è rallentato nell’ultima settimana.

“Questo rallentamento del riscaldamento, nonostante il forte livello in corso di tremore vulcanico, continua a indicare un aumento dei disordini vulcanici poiché la pressione potrebbe aumentare in profondità”, ha detto Mazot.

La natura sostenuta dei disordini vulcanici, insieme ai segnali di tremore vulcanico, all’elevata produzione di gas e al lago caldo rimangono indicativi di processi guidati dalla roccia fusa (magma) che interagisce con il sistema geotermico all’interno del vulcano.

L’ordine dei potenziali risultati non è cambiato dalla scorsa settimana.

L’esito più probabile di questo episodio di agitazione entro le prossime quattro settimane è ancora che non si verifichi alcuna attività eruttiva, poiché nessuna eruzione ha seguito disordini negli ultimi 15 anni. Tuttavia, esiste anche la possibilità di una o più eruzioni che potrebbero avere un impatto sull’area sommitale e generare lahar in alcuni bacini che drenano dal vulcano, in particolare la valle di Whangaehu.

La dimensione di queste eruzioni, se si verificassero, sarebbe probabilmente come quella del settembre 2007, o gli eventi leggermente più grandi dell’aprile 1975 o del giugno 1969.

Le possibilità di un’eruzione prolungata e più ampia, come quella avvenuta nel 1995-96 con impatti di cenere più ampi, sono maggiori rispetto a due mesi fa, ma rimangono molto improbabili. Una tale eruzione molto probabilmente seguirebbe solo una sequenza di eruzioni più piccole.

L’interpretazione di questa attività è coerente con un’elevata agitazione vulcanica al livello elevato e quindi il livello di allerta vulcanica rimane al livello 2 e il codice colore dell’aviazione al giallo.

Ruapehu è un vulcano attivo e ha il potenziale per eruttare con poco o nessun preavviso quando si trova in uno stato di elevata agitazione vulcanica.

Riferimenti:
  • 1 Il forte tremore vulcanico del monte Ruapehu continua. Il livello di allerta vulcanica rimane al livello 2 – 20 aprile 2022

I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno stanno stanno RAFFREDDANDO in linea con la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i raggi cosmici che nucleano le nuvole e una corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare, se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un grande minimo solare ‘in piena regola’ alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare (25) come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con i precedenti spegnimenti solari periodi prolungati di raffreddamento globale qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che il Beaufort Gyre potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


I canali dei social media stanno limitando la di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo che mostra gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI


Una opinione su "Piogge record e gelo minacciano i raccolti del Nord America"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: