L’Europa si prepara ad un estremo focolaio artico a maggio

Source: April 21, 2022; articolo di Cap Allon

  • La serie più lunga del Quebec sotto i 20°C, mentre le nevicate record spazzano Montreal;
  • La neve colpisce le montagne della Serbia;
  • L’Europa si prepara ad un estremo focolaio Artico a maggio
  • Bagliore solare M9.6 erutta dalla regione 2993, producendo una CME
  • Un forte e poco profondo terremoto M6.7 colpisce vicino alla costa del Nicaragua

La serie più lunga del Quebec sotto i 20°C

L’intera provincia canadese del Quebec non vede la temperatura raggiungere i 20°C (68°F) dal 21 ottobre 2021 poiché i brividi storici, dovuti all’attività solare storicamente bassa e a un flusso di corrente a getto debole e ondulato, continuano a persistere in tutta la “Provincia di La Belle”.

Dal 21 ottobre ad oggi (20 aprile) sono passati 183 giorni: ecco da quanto tempo i Quebec hanno aspettato che i loro termometri leggessero 20°C (68°F), con le previsioni che suggeriscono che la primavera continuerà a fermarsi in tutta la provincia, anche fino a maggio:

Il Quebec sembra destinato a superare facilmente il traguardo dei 190 giorni che batterebbe il record stabilito nel 2018-2019 (189 giorni). Se ciò si verifica, sarebbe la serie più lunga della provincia sotto i 20°C in 27 anni, dal 14 ottobre 1994 al 2 maggio 1995 (201 giorni). Sarebbe anche la prima volta dal 1995 (minimo solare del ciclo 22) che il mese di aprile non riesce a fornire 20°C, riporta The Weather Network.

Nevicate record spazzano Montreal

Una forte tempesta costiera si è spostata nell’entroterra del New England mercoledì producendo un record di 10 cm (4 pollici) di neve di fine stagione a Montreal, abbastanza comodamente da battere il precedente record giornaliero della città di 7,6 cm rispetto al 1949.

Anche la neve era mal programmata, in coincidenza con il pendolarismo mattutino. Durante una finestra di 3 ore, i fiocchi si sono accumulati rapidamente riducendo la visibilità a meno di mezzo chilometro a volte e ricoprendo le autostrade dell’area, causando un rallentamento del traffico.

Decine di incidenti sono stati segnalati nella metropolitana di Montreal e al largo dell’isola a sud e ad ovest.

I forti venti, combinati con il peso della neve, hanno interrotto l’elettricità a quasi 50.000 clienti Hydro-Québec nella parte meridionale della provincia, la seconda grave interruzione dell’utilità in meno di una settimana.

La Columbia Britannica si blocca

Guardando a est, il 16 aprile quasi due dozzine di comunità della Columbia Britannica hanno stabilito nuovi record di basse temperature, causando indicibili grattacapi ai coltivatori di ciliegie della provincia.

Per alcune località è stato il terzo giorno consecutivo di nuovi minimi record: Clinton è stata una delle quattro comunità che ha visto la sua temperatura minima più bassa in assoluto il 16 aprile, dopo aver anche stabilito nuovi minimi record il 14 e 15 aprile — il minimo di -9,5°C (14,9°F) il 16 aprile ha infranto il precedente minimo del villaggio di -7,2°C (19°F) stabilito nel 1976 (durante il minimo solare del ciclo 20).

Due dei record caduti il ​​16 aprile risalgono al 19° secolo: Vancouver, con -1,2°C (29,8°F), ha battuto il minimo precedente di -0,6°C (30,9°F) del 1896 (The Centennial Minimum), mentre quello di Princeton -8,4°C (16.9°F) ha battuto un record che era rimasto in piedi dai -6.7°C (19.9°F) del 1895. Molti dei restanti benchmark rotti risalgono all’inizio del XX secolo: Bella Coola (1901), Quesnel (1909), Nelson (1918) e Prince George (1927); con gli altri: Ashcroft/Cache Creek’s (1995), Kamloop (1971), Lillooet (1973), Lytton (1971) e Merritt (anche 1971).

E un ultimo punto sul Canada, è stato notato che gli studenti delle scuole del Manitoba hanno perso fino a tre settimane di istruzione nel 2021-22 a causa delle condizioni invernali e delle temperature costantemente basse e da record.

Come riportato da therecord.com, il numero medio annuo di “giorni di neve” tra il 2004-05 e l’anno scorso variava da 1,2 a 5,4 giorni, secondo il dipartimento dell’istruzione. Quest’anno la media provinciale – un dato che tiene conto del numero totale di scuole che hanno subito almeno una chiusura a causa del freddo – ha raggiunto gli otto giorni.

“Non posso credere che stiamo avendo un’altra tempesta. Ho finito con le tempeste”, ha detto Jerret Long, sovrintendente della Lord Selkirk School Division, prima che una bassa del Colorado iniziasse a trasferirsi nella provincia la scorsa settimana. Long ha definito “incredibile” le chiusure nella sua divisione situata a nord-est di Winnipeg, che si attestava a 11,5, ma da allora quella cifra senza precedenti è salita a 13,5.

Inoltre, i sovrintendenti della metropolitana di Winnipeg hanno registrato le prime chiusure invernali delle scuole cittadine in 25 anni.


La neve colpisce le montagne della Serbia

La neve fresca sta colpendo le montagne della Serbia questa settimana mentre il freddo polare continua a colpire l’Europa orientale.

La neve aveva ricevuto profondità da record alle 8:00 ora locale di mercoledì: il monte Kopaonik aveva ricevuto 35cm (13,8in); Karajukića Bunari ha visto 22cm (8,7in); mentre Kukavica ha osservato 20 cm (7,9 in).

Alle 16:00 di mercoledì il limite delle nevicate era sceso sotto i 500 m nella metà meridionale della Serbia, un’impresa incredibilmente rara per il periodo dell’anno; mentre anche alle 16:00, l’altezza della neve sul monte Kopaonik era aumentata a 45 cm (17,7 in), con i fiocchi ancora in caduta.

Anche le temperature sono state estreme.

Le stazioni basse di Vranje e Dimitrovgrad, ad esempio, hanno lottato con massime diurne di circa 3°C (37,4°F).


L’Europa si prepara ad un estremo focolaio Artico a maggio

Guardando l’ultima corsa GFS (mostrata sotto), gran parte dell’Europa, in particolare le regioni occidentali e centrali, può aspettarsi un ritorno alle condizioni invernali nei prossimi giorni e settimane, anche se il calendario cambia a maggio.

GFS 2m Temperature Anomalies (C) April 23 – May 7 [tropicaltidbits.com].

Dalla Bielorussia e dalla Russia a est al Regno Unito e al Portogallo nell’estremo ovest, gli attuali modelli meteorologici suggeriscono che un’apertura storicamente gelida a maggio potrebbe essere sulle carte poiché la primavera del continente si rifiuta ancora di mostrarsi.

Concentrandosi sul Regno Unito, un meteorologo del MET Office prevede che le temperature potrebbero precipitare fino a -3°C (26,6°F) in pochi giorni, con minimi ancora più freddi previsti per l’inizio di maggio, un mese che minaccia anche la diffusione della neve in vaste porzioni non solo della Gran Bretagna , ma anche gran parte dell’Europa continentale, in particolare la Scandinavia, le Alpi e la Spagna settentrionale:


GFS Total Snowfall(cm) April 21 – May 7 [tropicaltidbits.com].

Tuttavia, queste previsioni sono soggette a modifiche, quindi resta sintonizzato per gli aggiornamenti.

Merenda

C’è una merenda dietro l’angolo. Il loro Great Reset è in gioco. E tutti dovrebbero prepararsi all’iperinflazione, alla carenza di cibo e ai disordini civili nel prossimo futuro, forse anche entro il raccolto del 2022 (quindi settembre/ottobre).

Ma per quanto tutto ciò possa sembrare cupo, questi problemi possono essere mitigati 1) uscendo dal sistema e 2) coltivando il nostro cibo. Molti di noi sentono che è tempo di un reset, ma siamo noi rustici a guidarlo. Non lasciamoci ricondurre sulla via dell’autoritarismo, delle tasse e della schiavitù; creiamo invece il nostro nuovo mondo off-grid e libero da qualsiasi mano di governo.


Bagliore solare M9.6 erutta dalla regione 2993, producendo una CME


Credito immagine: NASA SDO/AIA 304, TW

Source: Thursday, April 21, 2022; by The Watchers

Un forte brillamento solare di misura M9.6 al suo apice è esploso dalla regione attiva 2993 alle 01:59 UTC del 21 aprile 2022. L’evento è iniziato alle 01:47 UTC e si è concluso alle 02:05. È stata prodotta un’espulsione di massa coronale (CME) ed è possibile che ci sia una componente diretta verso la Terra.

La regione 2993 è uno dei due gruppi di macchie solari moderatamente complessi attualmente presenti sul quadrante nord-est del Sole – l’altro è la regione 2994, hanno affermato i meteorologi SWPC.1

Un’emissione radio di tipo II con una velocità stimata di 1.132 km/s è stata registrata alle 01:57 UTC, suggerendo che un CME fosse associato a un evento di brillamento.



All’evento sono state associate anche un’emissione radio di tipo IV e una raffica radio di 10 cm (durata 3 minuti; flusso di picco 370 sfu).

Le emissioni di tipo IV si verificano in associazione con le principali eruzioni del Sole e sono tipicamente associate a forti CME e tempeste di radiazione solare.

Un’esplosione radio di 10 cm indica che l’esplosione elettromagnetica associata a un brillamento solare alla lunghezza d’onda di 10 cm era doppia o maggiore dello sfondo radio iniziale di 10 cm. Questo può essere indicativo di un significativo rumore radio in associazione con un brillamento solare.

Questo rumore è generalmente di breve durata, ma può causare interferenze per ricevitori sensibili, inclusi radar, GPS e comunicazioni satellitari.

Le immagini più recenti dello strumento NASA/SOHO LASCO confermano che si è verificato un CME, ha affermato SWPC, aggiungendo che stanno attualmente analizzando il CME per determinare la probabilità di qualsiasi componente diretto dalla Terra.






In 24 ore fino alle 00:30 UTC del 21 aprile, l’attività solare ha raggiunto livelli elevati a causa di un bagliore X2 (R3-Forte blackout radio) alle 03:57 UTC del 20 aprile e un bagliore M7 (R2-Moderato) alle 01:36 UTC.2

Entrambi i razzi provenivano da oltre il lembo sud-ovest, probabilmente l’ex regione 2992 (S28, Lo=245).

Si è verificato un ulteriore bagliore M1 alle 12:53 UTC dalla regione 2993 (N20E24, Ehi/beta-gamma).

Il bagliore X2 è stato associato a un’esplosione radio impulsiva su 2.695 Mhz (tenflare) di 509 sfu alle 03:55 UTC e uno sweep radio di tipo II con una velocità stimata di 1.630 km/s.

Un CME associato è stato osservato anche nelle immagini del coronografo, tuttavia, in base alla posizione della sorgente oltre il lembo sud-ovest, non è probabile una componente diretta verso la Terra.

L’attività solare dovrebbe essere moderata fino al 23 aprile poiché sono previsti brillamenti M con possibilità di brillamenti X.

Riferimenti:
  • 1 aggiornamento dell’attività SWPC pubblicato giovedì 21 aprile 2022 alle 04:17 UTC
  • 2 Discussione sulle previsioni emessa: 21 aprile 2022 0030 UTC – Preparato dal Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, NOAA, Space Weather Prediction Center

Un forte e poco profondo terremoto M6.7 colpisce vicino alla costa del Nicaragua


Credito immagine: TW/SAM, Google

Source: Thursday, April 21, 2022; by The Watchers

Un terremoto forte e poco profondo registrato dall’USGS come M6.7 ha colpito vicino alla costa di Panama alle 07:24 UTC del 21 aprile 2022. L’agenzia segnala una profondità di 25,3 km (15,7 mi). L’EMSC segnala M6.7 a una profondità di 40 km (24,8 mi).

L’epicentro si trovava a circa 58,2 km (36,2 mi) a ovest di Masachapa (5.000 abitanti), 68,7 km (42,7 mi) a ovest di San Rafael del Sur (29.836 abitanti) e 88,8 km (55,2 mi) a ovest di El Crucero (popolazione 16.469), Managua, Nicaragua.

Ci sono 910.000 persone che vivono entro 100 km (62 mi). Si stima che 1.000 persone abbiano sentito forti tremori e 807.000 moderati.

Sulla base di tutti i dati disponibili, non vi è alcuna minaccia di tsunami da questo terremoto, ha affermato PTWC.


Image credit: TW/SAM, Google

L’USGS ha emesso un avviso verde per vittime e perdite economiche legate allo scuotimento. C’è una bassa probabilità di vittime e danni.

Nel complesso, la popolazione di questa regione risiede in strutture altamente vulnerabili alle scosse sismiche, sebbene esistano alcune strutture resistenti. I tipi di edifici vulnerabili predominanti sono i muri di fango e le costruzioni in blocchi di adobe.

I recenti terremoti in quest’area hanno causato rischi secondari come frane che potrebbero aver contribuito alle perdite.


Città selezionate esposte
Sismicità regionale

I TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno stanno stanno RAFFREDDANDO in linea con la grande congiunzione, l’attività solare storicamente bassa, i raggi cosmici che nucleano le nuvole e una corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare, se si legge tra le righe, con NOAA che afferma che stiamo entrando in un grande minimo solare ‘in piena regola’ alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare (25) come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con i precedenti spegnimenti solari periodi prolungati di raffreddamento globale qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la moltitudine di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che il Beaufort Gyre potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


I canali dei social media stanno limitando la di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo che mostra gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: