La democrazia è morta! Viva la democrazia

Source: April 8, 2022; Posted By: Iain

La parola “democrazia” (demokratia) deriva da “demos” (popolo) e “kratos” (potere). Tradotto letteralmente significa “potere del popolo”. È il miglior modello di governo mai concepito. Quindi è un peccato che nessuno vivo sulla Terra abiti in uno stato del genere.

Purtroppo, la maggior parte delle persone non sa cosa sia la democrazia. Di conseguenza, possono essere indotti a credere che la cosiddetta “democrazia rappresentativa” sia democrazia. All’elettorato viene detto che la democrazia rappresentativa consente loro di esercitare il “controllo democratico” e che questo ha qualcosa a che fare con la democrazia. Questo è un inganno deliberato.

Non solo la democrazia rappresentativa è antidemocratica, ma i suoi precetti sono comunque ignorati dai governi. Non ci sono democrazie nazionali da nessuna parte.

In questo articolo discuteremo i problemi con la democrazia rappresentativa ed esploreremo quale potrebbe essere il miglior rimedio possibile: ovvero la democrazia.


La morte della democrazia rappresentativa

La democrazia non ha nulla a che fare con il voto per eleggere i rappresentanti. La democrazia non richiede che i cittadini siano rappresentati da nessuno perché il popolo prende tutte le decisioni politiche da solo.

Molti governi nazionali pretendono di apprezzare i principi democratici. Spesso rivendicano il diritto di difendere la democrazia o promuovere la democrazia in altri paesi. Nessuno dei governi che fanno tali affermazioni è democratico. Le loro pretese spesso sfociano in una guerra.

La democrazia non è attualmente praticata in nessuno stato nazionale. Al contrario, soffriamo di una cosa chiamata “democrazia rappresentativa”.

In una democrazia il popolo è il governo e si protegge, dai propri potenziali errori ed eccessi, attraverso i controlli e gli equilibri inerenti allo Stato di diritto, che, ancora una volta, è giudicato esclusivamente dal popolo.

In una democrazia rappresentativa il governo rivendica l’autorità di “governare” il popolo, formando stati autocratici. Il cosiddetto governo rappresentativo “permette” al popolo di selezionare i propri leader politici una volta ogni 4 o 5 anni.

Negli anni successivi questo minuscolo gruppo di “rappresentanti” esercita il potere esecutivo e governa su tutti gli altri. Questa si chiama oligarchia ed è l’antitesi di una democrazia.


L’oligarchia britannica

Tuttavia, le persone sono state “educate” a credere che l’oligarchia sia una democrazia e si sono attaccate all’idea. L’oligarchia, o “governo rappresentativo”, presumibilmente onora alcuni principi fondamentali che sono, di per sé, degni. Questi sono spesso indicati come ideali democratici.

Gli ideali democratici sono stati plasmati, nel corso di migliaia di anni, da leader politici, riformisti e filosofi. Nella loro forma moderna furono descritti dal sociologo britannico TH Marshall nel suo saggio Citizenship and Social Class del 1949.

Marshall ha descritto questi ideali come un sistema di diritti funzionante. Mentre gli ideali democratici sono ben lungi dall’essere un sostituto adeguato della democrazia, in una democrazia rappresentativa suggeriscono almeno una certa protezione per il cittadino dai capricci dell’oligarchia che possono eleggere.

Gli ideali democratici includono il diritto alla libertà, alla libertà di parola, alla libertà di pensiero e di espressione, al diritto alla protesta pacifica, alla giustizia e alle pari opportunità. Apparentemente, questi diritti sono essenziali perché, senza di essi, la democrazia rappresentativa non può funzionare.

Gli oligarchi governano per proteggere e promuovere gli interessi dell’establishment. Ciò garantisce che le persone e le famiglie più ricche, le multinazionali che possiedono, le organizzazioni non governative che finanziano e le banche che controllano possano governare.

L’establishment raggiunge questo obiettivo usando la sua ricchezza per fare pressioni e corrompere i politici, i partiti politici e il processo politico. I governi rappresentativi formano partenariati con l’establishment e le sue attività, offrendo ai membri dell’establishment un accesso diretto al potere esecutivo negandolo a tutti gli altri.

Non c’è stato di diritto in una democrazia rappresentativa. Invece altre “persone speciali” chiamate giudici, che spesso vengono accolte nell’establishment esse stesse (per ovvi motivi) “distribuiscono giustizia”. Anche in questo caso lo scopo principale di questo “sistema giudiziario” è quello di proteggere l’autorità costituita. Non ha niente a che fare con la giustizia.

La giustizia è possibile per alcuni, poiché non tutti i giudici sono corrotti, ma per avvalersene generalmente servono molti soldi. Le persone raramente hanno accesso alla giustizia.

Spesso le persone sono le vittime delle sentenze dei tribunali, piuttosto che i loro arbitri. I processi con giuria sono consentiti, in misura limitata, ma i giudici controllano e interferiscono nel processo “istruendo” la giuria.

L’establishment può “nominare” il giudice giusto per il caso giusto e utilizzare i suoi tribunali per perseguitare i cittadini. Questo serve come avvertimento per gli altri a non minacciare l’autorità o gli interessi dell’establishment.

Mentre alcune proteste sono consentite, persino incoraggiate, le proteste che i governi rappresentativi non approvano vengono attaccate dai media dell’establishment e represse dai loro partner di governo. I tribunali venali sono usati per incarcerare illegalmente i manifestanti e i governi rappresentativi spesso creano poteri in modo che possano sequestrare illegalmente i beni dei manifestanti o punirli in qualche altro modo.

Ai governi rappresentativi non potrebbe importare di meno della libertà di parola. Se un media non riporta le notizie autorizzate, semplicemente le banna, rimuove le sue licenze di trasmissione o le censura in qualche altro modo. I governi rappresentativi lavorano con i loro partner istituzionali per sopprimere attivamente la libertà di parola.

Il Parlamento del Regno Unito osserva che, affinché esista il suo sistema di democrazia rappresentativa, devono essere mantenute alcune libertà:

La libertà di associazione e la libertà di espressione sono diritti ferocemente tutelati. Ci aspettiamo giustamente che le persone siano in grado di dire cose che sfidano o addirittura scioccano, e che siano in grado di organizzare, fare campagne e fare pressioni. La democrazia [democrazia rappresentativa] non funzionerebbe senza questi diritti.

Ciò pone i sostenitori delle democrazie rappresentative di fronte a un dilemma. Le oligarchie elette che difendono non rispettano nessuna di queste libertà o presunti diritti. In assenza di qualsiasi tentativo di mantenere gli ideali democratici, per sua stessa definizione, la democrazia rappresentativa è morta.

Abbiamo bisogno di una soluzione. La democrazia ce ne offre una.


Democrazia rappresentativa

Diritti Inalienabili vs Diritti Umani

La democrazia (non la democrazia rappresentativa) si basa su diritti inalienabili, non sul costrutto politico dei “diritti umani”. I diritti inalienabili sono “qualificati” dal Diritto Naturale. Non sono conferiti dal governo.

I diritti inalienabili sono autolimitanti poiché richiedono a ogni essere umano di osservare, onorare e proteggere, senza mai violare, i diritti inalienabili di tutti gli altri esseri umani. In una vera democrazia, il governo si fonda sui diritti inalienabili di ogni cittadino. Precedono il governo, che esiste solo in virtù del popolo che esercita i suoi diritti inalienabili.

La stessa oligarchia britannica spiega perché l’aberrazione della democrazia rappresentativa non assomiglia neanche lontanamente alla democrazia:

Al contrario, la democrazia [democrazia rappresentativa], insieme allo stato di diritto, è essa stessa una precondizione per il funzionamento dei diritti umani. Pochi diritti sono assoluti; molti sono limitati o qualificati. A volte un dato contesto richiede diritti diversi per essere bilanciati l’uno rispetto all’altro.

Questa è un’inversione della vera natura dei diritti. I diritti sono condivisi equamente da tutti senza eccezioni. Nessuno può avere diritti aggiuntivi o minori.

Nessun essere umano ha il diritto di definire o “qualificare”, indipendentemente dal fatto che lo affermi attraverso la cosiddetta legge o meno, i diritti degli altri. Questa non è una funzione del governo democratico. È un’ulteriore, autoritaria rivendicazione di diritto fatta dal governo rappresentativo. Non esistono diritti aggiuntivi. È un mostruoso inganno.

Rivendicando il diritto inesistente di creare o limitare i “diritti umani funzionanti”, le oligarchie rappresentative assumono l’autorità di consentire o negare detti “diritti”. I diritti umani non sono diritti, sono permessi del governo.

Le democrazie rappresentative, come il parlamento del Regno Unito, affermano di essere “sovrane”. Vogliono farci credere di possedere un altro, impossibile diritto aggiuntivo. Questa volta affermano che solo loro hanno il diritto di agire come l’autorità legale suprema. Questa è una presa di potere antidemocratica basata su un’altra bugia. Il popolo è sovrano in una democrazia, non le istituzioni di governo.

Non dobbiamo sopportare la tirannia della democrazia rappresentativa. C’è un modo migliore e si chiama democrazia.


Cos’è la democrazia?

La democrazia è un sistema politico che fu formalmente stabilito per la prima volta nell’antica Grecia da Clistene (570-500 A.C. circa). Dopo il rovesciamento dell’ultimo tiranno di Atene (Ippia), nel 508 A.C. circa Clistene guidò le riforme politiche e legali che crearono la costituzione ellenica ateniese.

Clistene introdusse lo “smistamento”, che era la selezione casuale dei cittadini estratti a sorte. In base alle sue riforme, la proposta di legge Boule (legge statutaria) e l’Ecclesia (assemblea) le avrebbero poi discusse e avrebbero votato sulla loro attuazione. I membri cittadini della Boule e dell’Ecclesia sono stati selezionati per sorteggio.


Clistene

Terminato il loro lavoro, la Boule e l’Ecclesia furono sciolte. Le persone sarebbero tornate alla loro vita quotidiana. La successiva volta che si fosse reso necessario il Boule e l’Ecclesia, sarebbero stati nuovamente utilizzati con lo smistamento. Verrebbe selezionato un diverso gruppo di persone.

Lo smistamento è stato utilizzato anche per formare le giurie che sedevano nella Dikasteria (tribunali). La giuria della Dikasteria rappresentava la legge più alta del paese. Potrebbe ribaltare i decreti dell’Ecclesia. Questo sistema politico ha consentito al popolo di creare una legislazione (legge statutaria) e una legge derivata da precedenti (giurisprudenza).

L’antica Grecia non era una società egualitaria, nel senso moderno, e la piena cittadinanza era ristretta ai proprietari terrieri ateniesi maschi che non erano schiavi. Tuttavia, i cittadini selezionati attraverso lo smistamento (il popolo) assistevano regolarmente all’Ecclesia (assemblea) sul monte di Phynx. Questo mercato delle idee, così come altre attività civili, era chiamato l’Agorà.

La proposta di legge statutaria (Bills) sarebbe stata presentata all’Ecclesia dal Boule. L’assemblea riunita (Ecclesia) voterebbe quindi per approvare, respingere o suggerire emendamenti. In caso di modifica, il disegno di legge sarebbe rinviato al Boule per ulteriore deliberazione.

Fondamentalmente, tuttavia, Clistene conferì alla Dikasteria (i tribunali) il potere di annullare (cancellare) qualsiasi legge ritenuta ingiusta in un processo con giuria. Non c’erano giudici. I magistrati erano solo amministratori del tribunale. Sia il giudizio (sentenza) che la natura della punizione (sentenza), se l’imputato fosse stato ritenuto colpevole, era interamente a decisione della giuria.

Se la piena applicazione della legge (compresa la legislazione) non serviva alla giustizia, la giuria poteva annullarla. L’imputato potrebbe aver violato tecnicamente la legge, ma potrebbe comunque essere ritenuto non colpevole se la giuria ritenesse di aver agito in modo onorevole, senza alcuna intenzione di causare danni o perdite (mens rea).

Se così fosse, la legge, non l’imputato, sarebbe ritenuta colpevole. La legislazione sarebbe stata cancellata dai rotoli di statuto e il Boule avrebbe dovuto modificare o abolire la legge alla luce della sentenza della Dikasteria.

Aristotele avrebbe poi descritto la costituzione ateniese. Tuttavia, la registrazione parziale dei suoi scritti, scoperta nel 1870, ometteva la spiegazione di molte delle riforme più cruciali di Clistene.

Il giudice James Wilson, uno dei padri fondatori della costituzione degli Stati Uniti, ha notato il vero scopo della costituzione ateniese:

Ad Atene i cittadini erano tutti ugualmente ammessi a votare nell’assemblea pubblica e nei tribunali di giustizia, civili o penali. […] Essa [la giuria] era favorevole alla libertà perché non poteva essere influenzata da intrighi. In ogni causa particolare furono scelti i giurati e giurarono nuovamente […] Nessuno potrebbe mescolarsi con loro, o corromperli, o influenzare le loro decisioni. […] Erano un corpo importante di uomini, dotati di grandi poteri, patroni della libertà, nemici della tirannia.

Wilson ha aggiunto un resoconto di come questo sistema ha conferito potere alla cittadinanza. Ciascuno aveva una quota uguale di potere politico poiché ogni cittadino era investito di:

Autorità giudiziaria come giurati in un processo con giuria in cui le leggi e le misure approvate dalle maggioranze legislative in assemblea potevano essere giudicate, annullate e rimosse ogniqualvolta ciò fosse ritenuto dai giurati necessario per servire la giustizia, la libertà e gli interessi del popolo. […] La Giuria deve fare il suo dovere e tutto il suo dovere: deve decidere la legge oltre che il fatto.

Clistene creò un sistema di governo in cui lo stato di diritto era creato da una sorte di popolo. Una cernita separata di cittadini applicherebbe quindi la legge attraverso il meccanismo del processo con giuria.

La giuria popolare scelta a caso era la legge suprema del paese. Il popolo era sovrano. Questo sistema politico, governo per processo con giuria, era chiamato demokratia (democrazia).


Chi rappresentano veramente?

Le implicazioni di una democrazia moderna

La democrazia garantisce che il governo serva la volontà del popolo perché il governo è formato da una selezione casuale (ordinamento) del popolo. Questi cittadini ricevono brevemente un’autorità legislativa, prima di dare il via al prossimo round di smistamento. La legislazione viene quindi testata in processi con giuria. Se trovato a volere della giuria, la legge viene annullata da una cernita del popolo.

Di conseguenza, il governo democratico non ha autorità sul popolo. Non ha la capacità di governare ingiustamente. Il governo è semplicemente l’apparato attraverso il quale le persone amministrano i loro affari e affrontano qualsiasi problema che possa sorgere. La democrazia è lo stato di diritto senza governanti.

Le persone che vivono in una democrazia non possono delegare la propria responsabilità per il processo decisionale a qualcun altro. Sono ugualmente responsabili di ogni decisione presa e della condotta della società nel suo insieme. La democrazia è veramente il governo del popolo, del popolo e per il popolo.

Gli ufficiali dello stato, come la polizia, i magistrati e altri funzionari pubblici, attuano e servono la volontà del popolo. La volontà delle persone è costantemente messa alla prova e, dove le circostanze lo impongono, si adatta.

Una società democratica richiede la partecipazione attiva e costante di ogni cittadino che, in qualsiasi momento, potrebbe essere chiamato a prendere il suo posto nella Boule, nell’Ecclesia o in una giuria nella Dikasteria. I cittadini sono perennemente impegnati nel processo di governo, sia a livello nazionale che locale. Tutti, in una democrazia, hanno il dovere di essere informati e di perseguire attivamente la giustizia.

Di conseguenza, l’obiettivo primario dell’istruzione, in una democrazia, sarebbe quello di sviluppare capacità di pensiero critico. La democrazia esige che ogni cittadino adulto sia pronto a prestare giuramento solenne di proteggere e servire la giustizia. Tutte le persone democratiche devono prepararsi a praticare lo stato di diritto.

Poiché la democrazia impone a tutti il ​​dovere di assicurarsi che siano in grado di comprendere questioni potenzialmente complesse, di esaminare le prove e di essere giudiziosi, i media di bassa qualità basati sulla propaganda scomparirebbero in gran parte. Semplicemente non ci sarebbe un mercato per questo.

Probabilmente esisterebbe ancora la propaganda, perché potenti gruppi di interesse continuerebbero i loro tentativi di influenzare l’opinione pubblica. Ma le persone non sarebbero facilmente ingannate e lo smistamento ridurrebbe notevolmente la probabilità che la propaganda influenzi le decisioni politiche.

Fornire giustizia sarebbe la funzione primaria di una società democratica. Ciò richiederebbe un ampio sistema giudiziario (Dikasterias). La rete Dikasteria dovrebbe essere finanziata in modo tale che l’accesso alla giustizia sia gratuito per tutti nel momento del bisogno. Altrimenti la ricchezza detterebbe comunque l’accesso alla giustizia e ciò non può accadere in una democrazia.

La democrazia decentralizza il potere all’individuo, richiede anche il decentramento delle istituzioni di governo. Nessun tribunale (Dikasteria) ha il primato. Una sentenza emessa in una contea o in una città, di annullamento della legislazione nazionale, avrebbe la stessa autorità di una decisione presa nella capitale.

Per operare la democrazia su larga scala, magari servendo una popolazione di molti milioni di persone, le “nazionali” Boule, Ecclesia e Dikasteria potrebbero stabilire la legislazione primaria, plasmando lo stato di diritto. L’autorità decentrata delle locali Boule, Ecclesia e Dikasteria dovrebbe quindi operare all’interno di questo quadro legislativo.

La Boule e l’Ecclesia locali sarebbero libere di stabilire una legislazione locale per soddisfare le esigenze locali, a condizione che non violi lo stato di diritto. Allo stesso modo, le loro decisioni sarebbero costantemente controllate e verificate dalla Dikasteria locale. Una decisione locale di annullamento può influenzare solo la legislazione locale, costringendo la Boule locale a riconsiderare.

Pertanto, lo stato di diritto generale deve essere giusto. In caso contrario, il funzionamento della Boule nazionale sarebbe praticamente impossibile.

La legislazione primaria deve essere accettabile per tutti i cittadini, non importa chi siano o dove vivano. Pertanto il quadro legislativo, a livello nazionale, definirebbe prevalentemente principi di diritto piuttosto che specifici atti normativi. La democrazia vedrebbe la portata della legislazione e della regolamentazione drasticamente ridotte.

Attraverso la Dikasteria, la questione della colpa è l’unico determinante della giustizia. Tale colpa è giudicata unicamente contro i principi del diritto naturale. L’imputato ha agito con l’intenzione di causare danno o perdita o è stato intenzionalmente negligente, causando così danno o perdita? Ciò significa che lo stato di diritto stesso non deve contravvenire alla legge naturale. Ovunque lo faccia sarà annullato.

In una democrazia ogni cittadino possiede diritti immutabili e inalienabili dalla nascita. I cittadini in una democrazia sono liberi di agire con onore, esercitando i loro diritti inalienabili in armonia con la legge naturale. Qualora dovessero causare danni o perdite, violando così i diritti inalienabili di un altro cittadino, sarebbero soggetti a giudizio nella Dikasteria.

L’uso dello smistamento, combinato con l’investimento temporaneo di breve durata del potere decisionale, assicurerebbe che non si possano formare fazioni politiche. Nessuna alleanza, cercando di promuovere interessi personali, potrebbe sperare di piegare il governo alla sua volontà.

In ogni caso, non avrebbe senso farlo. La legislazione ingiusta e il precedente legale, successivamente giudicati non riusciti a fornire giustizia, sarebbero annullati attraverso lo stato di diritto supremo, esercitato dalle giurie nelle Dikasterias in tutto il paese.

Politici e partiti politici non servirebbero a nulla in una democrazia. Nessuno guida un governo democratico. Le decisioni democratiche non potrebbero essere ordinate o controllate da nessun gruppo o partito potente.

Ciò non significa che i cittadini non possano fare campagna per il cambiamento. Le persone sarebbero libere di presentare una petizione alla loro Boule locale o nazionale. Una società democratica sarebbe ancora plasmata da nuove idee e potrebbe rispondere alle crisi secondo necessità.

Anche se non ci sarebbero politici, le persone potrebbero comunque scegliere di seguire i principali attivisti, abili oratori o leader esperti. Ciò che non potrebbero fare è sfruttare qualsiasi potere collettivo che la loro associazione potrebbe concedere loro o riuscire in qualsiasi tentativo di costringere o corrompere il processo legislativo. Lo smistamento precluderebbe la possibilità.

La democrazia sradica il potere politico. Sarebbe praticamente incorruttibile.


Regolamento democratico

La legislazione secondaria, ovvero la delega dell’autorità politica a individui abilitati dalla legislazione primaria, è un’impossibilità in una democrazia. Non esiste un potere esecutivo democratico.

Tutti sono uguali sotto lo stato di diritto e nessun individuo, gruppo o organizzazione può essere imbevuto di diritti che non esistono. Come il diritto rivendicato di fare regolamenti autocratici.

Ciò non significa che i regolamenti non possano funzionare in una democrazia. L’Ecclesia può, ad esempio, approvare regolamenti sugli standard di sicurezza alimentare o farmacologica. Ciò tutela la salute dei cittadini ed è conforme alla legge naturale. Lo stato di diritto democratico impone che queste norme non debbano violare i diritti inalienabili di nessuno, né causare danni o perdite.

Se tale regolamento svantaggiasse ingiustamente alcuni produttori e fabbricanti, mentre cedendo un vantaggio di mercato ad altri, potrebbe causare danni o perdite potenziali. Le persone colpite sarebbero libere di adire la Dikasteria che poi si pronuncerebbe sulla giustizia del regolamento.


Democrazia

Spetterebbe al popolo decidere come raggiungere questo equilibrio. Gli interessi commerciali di agricoltori, dettaglianti e società farmaceutiche sarebbero giudicati rispetto alla necessità di difendere il diritto inalienabile delle persone a vivere una vita sana. In definitiva, ciò può sfavorire gli interessi commerciali di alcuni, ma nessuno ha il diritto inalienabile di realizzare un profitto avvelenando gli altri.

In una democrazia, la regolamentazione del mercato non può mai ingiustamente causare danni o perdite ad alcuni, semplicemente per proteggere gli interessi di altri. Qualsiasi regolamento in tal senso sarebbe stato rapidamente inviato in una Dikasteria.

La democrazia si presta bene al funzionamento di un mercato veramente libero. Qualcosa che al momento non esiste. I mercati liberi producono ordine senza design.

Non esiste un diritto inalienabile a prosperare in un mercato libero. Alcuni avranno più successo di altri. La democrazia non impedirebbe agli individui di accumulare ricchezza, né proteggerebbe gli altri dal cadere nella povertà. Tuttavia, la democrazia esclude la possibilità che la ricchezza possa influenzare la giustizia o le decisioni del governo.

L’attuale imposizione dell’oligarchia rappresentativa consente ai ricchi e ai potenti di influenzare la legislazione e i regolamenti per proteggere i propri interessi e limitare l’accesso al mercato degli altri. In una democrazia non sarebbero in grado di farlo. La regolamentazione del mercato si ridurrebbe probabilmente considerevolmente.

Ad esempio, le società farmaceutiche non sarebbero in grado di instaurare rapporti intimi con le autorità di regolamentazione del mercato. Non ci sarebbe nessun gruppo che agisse da regolatore. La regolamentazione verrebbe attraverso un solo processo: le persone che amministrano lo stato di diritto in una democrazia.

L’autentico libero mercato che ciò creerebbe consentirebbe all’innovazione di prosperare. Non ci sarebbe alcun controllo centralizzato di medicina, assistenza sanitaria, ingegneria, tecnologia, agricoltura, scienza o mondo accademico, ecc. L’ortodossia diventerebbe un ricordo del passato.

La democrazia non fermerebbe necessariamente la formazione di società come unica persona giuridica. Tuttavia, è proprio così che verrebbero trattati.

L’incorporazione non concederebbe a una società alcun diritto inalienabile aggiuntivo. Non potevano usare la loro ricchezza o connessioni per distorcere la giustizia o influenzare il governo. Non ci sarebbe nessuno con cui connettersi e non avrebbero modo di sapere chi corrompere.

Legislazioni o regolamenti corrotti non possono sopravvivere in una democrazia. Ad esempio, se l’Ecclesia approvasse una legge che vietasse di fatto a medici o scienziati di ricercare cure contro il cancro, semplicemente per proteggere i profitti delle società farmaceutiche, questa sarebbe sicuramente annullata in una Dikasteria.

Fornire parità di accesso alla giustizia sarebbe l’obiettivo principale di un governo democratico. Di conseguenza non ci sarebbe alcun impedimento finanziario per ogni singolo cittadino a intentare una causa contro una “persona” aziendale. Una persona, in piedi davanti alla giuria nella Dikasteria, avrebbe esattamente lo stesso accesso alla giustizia di qualsiasi azienda ricca.


Conclusione?

Siamo di fronte a una scelta. È chiaro che la democrazia rappresentativa non è al servizio del popolo. Al contrario, è un sistema oligarchico che opprime il popolo. Anche secondo i principi della loro stessa dottrina autoritaria, i cosiddetti governi rappresentativi non praticano più ciò che predicano, se mai lo hanno fatto. La democrazia rappresentativa, come la intende la maggioranza, è sicuramente morta.

Allora con cosa la sostituiremo?

È ovvio in cosa vogliono farci passare gli oligarchi globalisti. Prevedono un sistema di governance globale che opera come una tecnocrazia, alimentata dalla Quarta Rivoluzione Industriale, dall’identità digitale e dalla moneta digitale della banca centrale, ecc..

Ovviamente dobbiamo opporci a questo attraverso la non conformità di massa. Inoltre, dobbiamo agire attivamente ogni giorno per muoverci verso il decentramento e la libertà e lontano dalla tirannia centralizzata. Ma non ha molto senso opporsi a un sistema politico oa un altro se non abbiamo niente di meglio da offrire al suo posto.

Se vogliamo resistere alla schiavitù, allora dobbiamo difendere qualcosa che sconfigga la schiavitù. Perché non il diritto naturale e lo stato di diritto attraverso il processo con giuria?

Perché non la democrazia?

In-This-Together

I canali dei social media stanno limitando la di Megachiroptera: Twitter, Facebook ed altri social di area Zuckerberg hanno creato una sorta di vuoto cosmico intorno alla pagina ed al profilo che mostra gli aggiornamenti con ritardi di ore.

Megachiroptera non riceve soldi da nessuno e non fa pubblicità per cui non ci sono entrate monetarie di nessun tipo. Il lavoro di Megachiroptera è sorretto solo dalla passione e dall’intento di dare un indirizzo in mezzo a questo mare di disinformazione.

Questo profilo è stato realizzato per passione e non ho nessun particolare motivo per difendere l’una o l’altra teoria, se non un irrinunciabile ingenuo imbarazzante amore per la verità.

NON CI SONO COMPLOTTI

CI SONO PERSONE E FATTI

DOCUMENTATI


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: